Novell forgia un rivale open di CardSpace

L'azienda aggiunge alla propria piattaforma open source per le identità digitali una tecnologia che si pone in diretta concorrenza con Windows CardSpace per la gestione di password e card digitali

Roma – In seno al progetto Bandit , un’iniziativa sponsorizzata da Novell per fornire alle imprese una piattaforma aperta per la gestione delle identità digitali aziendali, è nato DigitalMe , un sistema progettato per aiutare gli utenti a gestire le password e le card virtuali utilizzate per le tansazioni via Internet.

DigitalMe si pone come diretto avversario della tecnologia Windows CardSpace di Microsoft , ma a differenza di questo gira sulle piattaforme Linux e Mac OS X ed è interoperabile con i componenti di Higgins (v. articolo ), un framework open source promosso da Novell e IBM per omogeneizzare l’accesso ai sistemi di identity managament preesistenti.

“L’implementazione di DigitalMe nell’ambito del Progetto Bandit testimonia il successo delle applicazioni identity enabled che rendono più facile agli utenti gestire le proprie identità digitali”, ha affermato Novell. “I trend evidenziano una crescente domanda da parte del mercato di tecnologia costruita attorno all’utente per la gestione delle identità, come per esempio Windows CardSpace . Rendendo disponibile questa tecnologia agli utenti Linux e Macintosh, DigitalMe contribuisce all’adozione di tale approccio user-centric su qualsiasi piattaforma”.

Come si è detto, DigitalMe è uno dei componenti che fanno parte di Bandit, una piattaforma aperta con la quale Novell spera di unificare le tecnologie di identity managament oggi in circolazione e fornire alle aziende i mattoni con cui costruire sistemi per le identità tra loro interoperabili.

Bandit si appoggia su diverse specifiche aperte preeesistenti, tra cui quelle nate in seno al Web Services Interoperability Consortium ( WS-I ), al Liberty Alliance Project e alla comunità Eclipse.org , e si è già guadagnato il supporto di alcuni colossi del settore informatico come IBM, Sun , Symantec e persino Microsoft, sempre più interessata a rendere la propria piattaforma per l’autenticazione interoperabile con quelle utilizzate sui sistemi Unix e Linux.

Novell ha contribuito al progetto Bandit con il codice di alcune sue tecnologie, in particolare un motore di database e un gestore di credenziali. L’azienda incorpora già alcuni dei servizi di Bandit all’interno del proprio sistema operativo SUSE Linux.

Una versione di test di DigitalMe installabile sotto OpenSUSE 10.2 può essere scaricata da qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Categorico scrive:
    Quanti produttori sono rimasti?
    Da quando pure Maxtor non è più indipendente ho notato un certo ristagno, sia come ritmo di rilascio delle novità, sia riguardo ai ribassi dei modelli più maturi, per esempio i prezzi dei modelli da 250, 300-320 e 400GB, ormai non più certo novità o modelli di lusso, ma neanche obsoleti o di nicchia, fluttuano più o meno attorno agli stessi valori da mesi, tanto che per certi modelli recensiti da Chip a Marzo, quindi con prezzi al più tardi rilevati a Febbraio, il prezzo negli shop online principali è ancora più o meno uguale a quello indicato dalla rivista.So che qualcuno ha avuto delusioni da Maxtor, io no, per mia fortuna, ma quel che è certo è che le sue politiche quando era indipendente avevano ottimi riflessi sulle tasche di noi consumatori.
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: Quanti produttori sono rimasti?
      Se consideri una buona politica vendere HD con meccaniche scadenti...
      • Categorico scrive:
        Re: Quanti produttori sono rimasti?
        - Scritto da: nattu_panno_dam
        Se consideri una buona politica vendere HD con
        meccaniche
        scadenti...Probabilmente i miei Maxtor li ho presi quando ancora le ciufeche erano un'eccezione... a quei tempi sfornava novità a ritmo sostenuto e quando un modello non era più l'ultima novità il prezzo calava rapidamente, con riflessi benefici anche sulle innovazioni e i prezzi dei concorrenti.Ma la situazione attuale... potrei capire un ristagno di novità e prezzi fra inizio Luglio e metà Settembre, per le pause estive, ma un ristagno che si protrae da Febbraio a metà Luglio e quindi, verosimilmente, fino a metà Settembre, mi sembra un segno di scarsa concorrenza.
        • nattu_panno_dam scrive:
          Re: Quanti produttori sono rimasti?
          In effetti è vero, anche seagate con la nuova serie 7200.10 ha calato di molto poco il prezzo dei vecchi tagli (320 160) e reintroducendo pure l' obsoleto 80GB, che non conviene assolutamente.
  • ciabuscolo scrive:
    scrivania vs server
    io ho sempre usato maxtor, negli ultimi tempi ho evitato le schede madri con nvidia incorporato per via di certe incompatibilità, almeno così ho visto sui forum. sempre negli ultimi tempi ho sempre sentito dir male di questi hard disk ma a me hanno sempre fatto un ottimo servizio. i dischi barracuda erano troppo costosi, ora sembrano abbordabili, la prossima volta li provo.leggendo gli altri commenti viene da chiedersi, ma c'è ancora bisogno di distinguere i comp da scrivania dai server? ok dal punto di vista del sistema operativo, ma da quello hardware che differenza c'è? componenti affidabili li vogliono tutti, potenti pure, il mio comp è sempre acceso, scarico di tutto, faccio montaggi video e audio, ci gioco, navigazione e copie di sicurezza programmate. non uso il raid, non so cosa farmene, i miei blog li ho affidati a qualche servizio esterno, ma per il resto l'affidabilità deve essere la stessa.
  • nattu_panno_dam scrive:
    Vecchio direi, meglio un seagate
    barracuda 7200.11 da 1T. ;)
    • Concept_one scrive:
      Re: Vecchio direi, meglio un seagate
      Non sempre le dimensioni contano, serve anche la durata e l'affidabilità...OK ora lo "stupido" di turno faccia la battuta ..
      • stupido di turno scrive:
        Re: Vecchio direi, meglio un seagate
        - Scritto da: Concept_one
        Non sempre le dimensioni contano, serve anche la
        durata e
        l'affidabilità...
        OK
        ora lo "stupido" di turno faccia la battuta ..che battuta? :$
      • nattu_panno_dam scrive:
        Re: Vecchio direi, meglio un seagate
        Per quello esistono i raid e soprattutto i backup su nastro.
        • adorno scrive:
          Re: Vecchio direi, meglio un seagate
          - Scritto da: nattu_panno_dam
          Per quello esistono i raid e soprattutto i backup
          su
          nastro.Mi sembra giusto.E magari, visto che ci siamo, possiamo fare anche senza ridondare alimentatori e schede di rete sui server ... tanto c'è il raid e il backup.Va bene il raid, ma è sempre meglio farlo con quello che di piu affidabile c'è sul mercato.E ora come ora, su tecnologie economiche (leggi SATA) chi offre maggiore affidabilità è Western Digital.
          • nattu_panno_dam scrive:
            Re: Vecchio direi, meglio un seagate
            - Scritto da: adorno
            Mi sembra giusto.
            E magari, visto che ci siamo, possiamo fare anche
            senza ridondare alimentatori e schede di rete sui
            server ... tanto c'è il raid e il
            backup.Col backup, puoi fare a meno di quello che vuoi. Il raid ti garantisce un rischio in meno, come un buon alimentatore ridondante sovradimensionato, due controller, etc...
            Va bene il raid, ma è sempre meglio farlo con
            quello che di piu affidabile c'è sul
            mercato.Ovvero niente, la possibilità di rottura cè _sempre_ e mai molto bassa.
            E ora come ora, su tecnologie economiche (leggi
            SATA) chi offre maggiore affidabilità è Western
            Digital.Come no, su che basi?
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Vecchio direi, meglio un seagate
          contenuto non disponibile
          • adorno scrive:
            Re: Vecchio direi, meglio un seagate
            Si a parte quello... che ci sono i nas che costano poco rispetto alle unità di backup "tradizionali"... ma vuoi mettere (prima di arrivare a un restore da un backup) la comodità e l'affidabiltà di un raid (1 o 5) fatto con dei dischi affidabili e un controller con le contropalle?Non bisogna dimenticare che alla "sicurezza dei dati" vanno sempre affiancate affidabilità dei dispositivi hw e tempi di downtime limitatissimi.
        • ilgorgo scrive:
          Re: Vecchio direi, meglio un seagate
          - Scritto da: nattu_panno_dam
          Per quello esistono i raid e soprattutto i backup
          su
          nastro.Già, ma il restore di uno storage, diciamo da una decina di tera, quanto tempo richiede?Senza contare, e quantificare, il disservizio dato.Saluti
          • nattu_panno_dam scrive:
            Re: Vecchio direi, meglio un seagate
            Finchè penserai seriamente che esistono HD affidabili, che non siano quei 3/4 su 100 che arrivano ai quattro anni, allora non fare mai un backup. Incrocia le dita e spera, non ti resta altro.
          • Edo78 scrive:
            Re: Vecchio direi, meglio un seagate
            - Scritto da: ilgorgo
            - Scritto da: nattu_panno_dam

            Per quello esistono i raid e soprattutto i
            backup

            su

            nastro.

            Già, ma il restore di uno storage, diciamo da
            una decina di tera, quanto tempo
            richiede?
            Senza contare, e quantificare, il disservizio
            dato.

            SalutiSe uno ha backup da una decina di tera e non ha almeno un cluster di server ridondanti non mi ispirerebbe molta professionalità, se ha un cluster il tempo di downtime del servizio è 0
          • Viper_One scrive:
            Re: Vecchio direi, meglio un seagate
            Il backup non serve solo per preservare da danni hardware ma anche per prevenire l'errore umano; metti che ti cancelli la directroy dove stai lavorando... ahhh ma tanto c'è il raid ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 luglio 2007 17.05-----------------------------------------------------------
    • Barbapuzzol o Stallman scrive:
      Re: Vecchio direi, meglio un seagate
      Un WD Caviar a 5200rpm dovrebbe essere sufficiente per chiunque (ghost)
Chiudi i commenti