Nudità al sicuro con l'intimo a prova di body scanner

Mutande speciali e reggiseni particolari per difendere le parti intime dalle radiazioni e dagli occhi indiscreti

Continuamente si sente discutere di body scanner, di attentati all’intimità dei passeggeri e delle radiazioni emesse e di quanto queste possano essere dannose alla salute. Anche se la TSA (Transportation Security Administration) statunitense ha più volte ribadito che non esistano reali controindicazioni per la salute e per la privacy dei passeggeri nell’uso dei body scanner aeroportuali, c’è chi diffida ed ha pensato di mettere al riparo quantomeno i gioielli di famiglia da questi dispositivi.

Così l’ingegnere Jeff Buske, cittadino del Colorado, ha prodotto una particolare linea di indumenti intimi al tungsteno, utilizzando fibre di materiale che non possono essere penetrate dai raggi X. La linea Rocky Flats Gear si compone di mutande per uomo e coordinati intimi per le donne, per le quali, in particolare, Buske ha pensato di inserire nelle coppe dei reggiseni imbottiture per proteggere anche il seno.

Mutande a raggi x

Questi indumenti sono leggeri, privi di piombo ed igienici, ideali quindi per essere indossati in totale sicurezza.

Tutta la linea è in grado di bloccare o comunque diminuire l’incidenza delle particelle alfa e beta , delle radiazione Terahertz e dei raggi X e gamma (compresi quelli di backscattering, provenienti dai tubi radiogeni delle macchine), sia che questi provengano da fonti naturali, sia che siano emessi da strumentazione diagnostica o di protezione.

Buske, l’inventore, non è infatti convinto di quanto affermano le autorità ed ha confermato che l’intimo è stato progettato con lo scopo di garantire la massima sicurezza. Inoltre, in questo modo, sarà possibile anche nascondere le proprie nudità ad occhi indiscreti, evitando che nei differenti aeroporti americani vengano a costituirsi man a mano archivi digitali di immagini .
La biancheria è in vendita da marzo e la parti opache hanno la forma di foglie di fico ed altri disegni, posizionati ovviamente nei punti strategici dell’intimo maschile e femminile.

Mutande a raggi x

Dopo un annuncio sul sito infowars.com , che tratta, fra i differenti argomenti, di intelligence militare, gli ordini sono levitati a tal punto da mandare in crash i server. Ed ancora, dopo una réclame pubblicitaria sulle televisioni locali, le vendite sono divenute migliaia e migliaia.
Se qualcuno fosse interessato all’acquisto, le mutande da uomo possono essere comperate direttamente sul sito di riferimento Rocky Flats Gear al costo di 19,84 dollari, meno di 15 euro.

( via AFTERDAWN )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Abominable Snow Tux scrive:
    porn
    io vorrei registrare la parola "porn"... potrei far causa contro tutto i siti XXXXX...
  • palaia salvatore scrive:
    previsto da anni
    Poverino ha appena venduto per 7 miliardie adesso pretende anche i diritti.Respekt per un giovane di 26 anni.
  • attonito scrive:
    the face like the ass
    come da titolo.
  • desyrio scrive:
    Dizionario
    Basterebbe introdurre come criterio necessario per la registrabilità l'assenza del termine dal dizionario, per non avere follie del genere...
  • Gabbiano di Rio scrive:
    quindi
    anche noteBOOK, handbook etc siccome contengono la parola "book" sono a rischio denuncia... giusto?
  • Giuseppe Rossi scrive:
    Brevettiamo la ruota ?
    Siamo al limite dell'idiozia congenita, non si può riconoscere una cosa del genere spero che nei prossimo anni Facebook perda sempre più utenti, già è un sito da sfigati che definiscono "amici" dei semplici link.Parliamoci chiaro Facebook è proprio il sito delle "pecore" della nostra società.Io ho 300 amici ! Che ridere, se ne hai un paio sinceri sei già fortunato.
  • marco scrive:
    La verita
    e' che bisognerebbe superare il concetto di DNS in modo da evitare a monte simili problemi.
  • Kortek scrive:
    Brevetto non valido
    Facebook è nato nel 2004All'epoca quanto miliardi di siti col nome face o book esistevano già ?Questa brevettibilità non sta in piedi, i concorrenti avrebbero vita facile in tribunaleSono pazzi questi ameriggani, il loro dio dollaro li sta facendo sbiellare di brutto
    • gnugnolo scrive:
      Re: Brevetto non valido
      Sono sempre stati sbiellati... ora semplicemente sono sbiellati 2.0. Non che noi siamo messi tanto bene eh...
    • Rover scrive:
      Re: Brevetto non valido
      Mi spiace per PI, ma l'articolo pubblicato da Repubblica è molto più chiaro, e non la fa neppure così facile. Oltre che chiarire i settori merceologici consentiti.
  • LuciferSam NON REGISTRATO scrive:
    lo chiamerò...
    chiamerò un sito... koobecaf.com . Voglio proprio vedere :)
  • Vitt scrive:
    a saperlo prima
    Ma con che criterio vengono permessi questi "brevetti"?A saperlo prima la registravo io la parola "Face" come prefisso, così poi avrei potuto chiedere a Mark di cambiare nome a quel suo sito molto conosciuto.
  • Franky scrive:
    "Face" e' il nome di un famosissimo....
    Face per chi non lo sapesse e' il nome di un famosissimo programma dellaiqbiometrix, utilizzato dalla FBI NCIS ed altre forze di polizia ed agenzie governative per fare gli identikit dei ricercati...o per simulare l'invecchiamento delle persone scomparse... Cosa accadra' a questo programma? Dovra' cambiare nome per compiacere un insulso social network ?Oppure questo brevetto vale solo per i siti internet? Ma poi come si fa a brevettare tutte le parole che iniziano con una parola generica come "faccia"...ma secondo me hanno sbagliato...questo brevetto non puo' essere conXXXXX...
    • gnugnolo scrive:
      Re: "Face" e' il nome di un famosissimo....
      Dimentichi questa parte qui:Per ufficializzare la registrazione del marchio ora Facebook non dovrà far altro che pagare entro tre mesi le tasse dovute...Basta versare i $$$ e tutto si può
  • eheheh scrive:
    Registrare la parola Fuck
    Fuckbook
    • gnugnolo scrive:
      Re: Registrare la parola Fuck
      Esiste già! www.fuckbook.com
    • pippuz scrive:
      Re: Registrare la parola Fuck
      - Scritto da: eheheh
      Fuckbookwww.fuckbook.com, sei arrivato tardi
      • Kolossus scrive:
        Re: Registrare la parola Fuck
        Un mio collega di Londra vuole registare Facecock.com
        • bellali scrive:
          Re: Registrare la parola Fuck
          Registrato nel 2006:Domain Name: FACECOCK.COMRegistrar: DIRECTNIC, LTDWhois Server: whois.directnic.comReferral URL: http://www.directnic.comName Server: NS0.DIRECTNIC.COMName Server: NS1.DIRECTNIC.COMStatus: clientDeleteProhibitedStatus: clientTransferProhibitedStatus: clientUpdateProhibitedUpdated Date: 19-jul-2010Creation Date: 14-jan-2006Expiration Date: 14-jan-2012
        • ste scrive:
          Re: Registrare la parola Fuck
          c'è già Gaybook :-)
  • antonio scrive:
    Registrerò la parola "ciao"
    E diventerò ricco
  • Star scrive:
    Mi chiedo...
    ...come sia possibile che abbiano conXXXXX una simile XXXXXXXta ma mi rendo conto che il solo Dio che esiste a questo mondo è quello che inizia con $ quindi tutto è possibile...Fra non molto nessuno sito, nome di prodotto o marchio commerciale potrà più essere utilizzato perché i più (pre)potenti registreranno le iniziali di qualsiasi parola ed allora potremo usare solo nomi tipo HRSWTRDS o DXSEFHLWDES...Siamo alla follia...
  • Sandro Scarano scrive:
    Incredibile
    Per quale motivo non registrano direttamente tutto quello che inizia con la F?
    • sentinel scrive:
      Re: Incredibile
      - Scritto da: Sandro Scarano
      Per quale motivo non registrano direttamente
      tutto quello che inizia con la
      F?come Fuc* per esempio?;-)
  • mela marcia doc scrive:
    Allibito
    Meno male che siamo italiani e che quindi potremo continuare ad utilizzate nomi per i siti che inizino per faccia o che utilizzino la parola libro.Proporrei www.facciaacuxo.it con dentro una foto di Zuck.
Chiudi i commenti