Nuove censure contro i Blackberry

Potenti uffici mobili da taschino, non piacciono alle autorità francesi: possono portare alla sottrazione di informazioni riservate. Sono messi al bando negli uffici governativi

Parigi – I Blackberry non potranno più essere utilizzati negli uffici governativi dai dipendenti dello stato francese. Il motivo, raccontato dal quotidiano Le Monde è da ricercare nello speciale alert diramato dai servizi segreti, secondo cui l’interfacciamento di Blackberry con server che si trovano nel Regno Unito e negli Stati Uniti può rappresentare un rischio per la sicurezza nazionale.

In altre parole, come sottolinea BBC , l’intelligence transalpina teme che informazioni delicate possano finire “in mani straniere” senza alcuna possibilità di controllo da parte di Parigi. Non che il divieto sia gradito ai funzionari, molti dei quali pare utilizzino comunque i propri Blackberry in ufficio.

Ma la cosa non è gradita per niente soprattutto a RIM, la casa madre dei Blackberry, canadese, che ha fatto rispettosamente notare l’alto livello della cifratura che protegge i dati dei clienti e che come proprio le qualità di sicurezza di questo sistema ne abbiano garantito la diffusione in molti paesi.

Difficile dire cosa accadrà. Il Financial Times sottolinea come la messa al bando dei Blackberry non sia gradita a tutti nelle stanze del potere parigino e vi sarebbero funzionari governativi che si sarebbero lamentati del fatto che l’intelligence non abbia consigliato alternative.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • LO SCIENZIATO scrive:
    la versione italiana
    La versione italiana di YouTube si chiamerà: Il Tuo Tubo :-)
  • vitor scrive:
    complimenti alla rai
    Finalmente si sta muovendo nella direzione giusta
    • Uhm scrive:
      Re: complimenti alla rai
      Da quando c'è il centro sinistra molte cose positive stanno accadendo in RAI.
      • LucaS79 scrive:
        Re: Re: complimenti alla rai
        - Scritto da: Uhm
        Da quando c'è il centro sinistra molte cose
        positive stanno accadendo in
        RAI.Almeno quello...Ma c'è ancora molto da fare.
      • chojin scrive:
        Re: complimenti alla rai
        - Scritto da: Uhm
        Da quando c'è il centro sinistra molte cose
        positive stanno accadendo in
        RAI.Sì, un gran bel magna magna...
        • xabiov scrive:
          Re: complimenti alla rai


          Sì, un gran bel magna magna...Quello c'è sempre stato. Anche con i governi precedenti.
          • chojin scrive:
            Re: complimenti alla rai
            - Scritto da: xabiov



            Sì, un gran bel magna magna...

            Quello c'è sempre stato. Anche con i governi
            precedenti.Con sinistra e cattosinistra c'è ne è sempre di più, la sinistra ed i DC come Casini/Rutelli/Veltroni si vantano di quanto son furbi.
          • MisterEmme scrive:
            Re: complimenti alla rai
            Casini nel centrosinistra??Mi sono perso qualcosa??
    • Pejone scrive:
      Re: complimenti alla rai
      E vero...Speriamo però che i contenuti restino liberamente fruibili...
  • demi scrive:
    finalmente
    apprezzo molto gli "sforzi" che sta facendo la RAI sulle nuove tecnologie, ora spero che passi presto la riforma che, tra l'altro, prevede la separazione tra programmi finanziati dal canone e quelli finanziati dalla pubblicità.
    • giovi85 scrive:
      Re: finalmente
      Finalmente la Rai si sta adeguando al nuovo modo di fruizione dei contenuti come YouTube. Purtroppo però non mi piace broprio che impediscano l'embedding: in fondo è la cosa più utile per chi ha un blog. Spero inoltre che non censurino altri utenti che abbiano messo in YouTube parte dei loro filmati. Ad esempio se uno vuole mettere sul proprio sito una parte di un discorso della Littizzetto a "Che Tempo Che Fa", non vedo perché debba essere costretto e far vedere l'intero video.Comunque è evidente che già è un grande passo in avanti
Chiudi i commenti