Nuove denunce RIAA? Interessa?

di Gilberto Mondi - C'è chi con i giornali incarta i pesci, chi i pesci li cattura con reti a maglie strette ma c'è anche chi non si fa più spaventare da qualche peschereccio che beccheggia al largo

Roma – Nel silenzio quasi generale della stampa, le major della discografia americana hanno denunciato nei giorni scorsi altri 717 utenti del peer-to-peer che, a loro dire, hanno violato il diritto d’autore.

Il dato più interessante però non è la denuncia, quanto il fatto che ormai un’azione così scivoli come acqua calda sulle pagine dei giornali, lasciando qua e là vaghe tracce di umidità. Ormai è più di un anno che con una cadenza periodica i fonografici della RIAA annunciano il numero dei pesci presi in rete, ed è ormai un anno che per conoscerne i nomi devono denunciarli uno per uno. Sono mesi che pescano al largo e certo non fa più notizia se qualche tonno anziché qualche sardina finisce nelle reti a strascico.

Gli unici ad essere veramente interessati alle grandi azioni di denuncia sono appunto le sardine, spesso teneri bimbi di famiglie incoscienti , che hanno avuto l’ardire di accendere un computer e metterlo in rete. Non solo, si sono spinti oltre ogni limite usando quel PC e quell’Internet come meglio veniva loro: per giocare, per condividere, per far fluire informazioni, pensieri e, certo, musica, giochi e film. O sardine che, invece, il computer neppure ce l’hanno e che mai neppure hanno pensato di utilizzarlo ma che ora son lì, impanate, a rosolare nell’olio bollente.

Ma quando gli irati freddi contatori del mercato del pesce assegnano 717 nuove sardine al peschereccio RIAA, sul molo ci si scambia occhiate annoiate: sono cifre ripetitive, i numeri sempre gli stessi. Soltanto un mese fa erano 754 gli utenti introdotti alla grande avventura dei processi per pirateria da download congenito. Quei processi che non si svolgono in tribunale e si chiudono là fuori, con una stretta di mano tra le parti, un assegnucolo di qualche migliaio di dollari e via, di nuovo liberi nell’Oceano dei contenuti.

Gatti e pesci Fin qui sono più di 8.500 gli utenti americani che han dovuto fare i conti con le maglie strette delle reti RIAA, un piccolo esercito secondo alcuni, un piccolo branco secondo qualcun altro. La verità è che le denunce non fanno più paura e le sardine continuano a nuotare e a riprodursi allegre e fin troppo spensierate.

Ma è ovvio che né RIAA né alcuna delle major han mai sperato davvero di fermare la riproduzione di pesci tanto vivaci, quanto invece di frenarla e rallentarla, per fare spazio ai nuovi vivai legali , dove è lecito far crescere pesci rossi e nutrirli di pulci d’acqua a pagamento.

Se le denunce non spaventano più, se le reti a strascico non fanno più notizia allora sì c’è da temere il peggio: è il momento in cui l’industria dovrà inventarsi qualcosa di nuovo. Essì, perché se il companatico risente di un pescato scarsino allora i pescatori rischiano il posto. Visto che il maremoto della Legge Urbani viaggia veloce sarebbe utile se chi tiene ad un Oceano Pacifico tenesse gli occhi aperti. Qualcosa sta per accadere.

Gilberto Mondi

di G.M. vedi anche:
I newsgroup un relitto del passato?
L’ISP cancella tutto, basta chiedere
Gli U2 e il ricattino via Internet

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    forum del senatore Fiorello Cortiana
    Nell'articolo si parla del forum del senatore Fiorello Cortiana (Verdi).qual è l'indirizzo?
  • Anonimo scrive:
    Re: Gli auditi alla commissione per inte
    è chiaro che la rete è rappresentata dal menastro Urboni
  • Anonimo scrive:
    Gli auditi alla commissione per internet
    Dove siamo o chi ci rappresenta in questa lista?Elenco degli auditiAIE (Associazione Italiani Editori)AerantiCoralloAGISANEC (Associazione Generale Italiana Spettacolo Associazione Nazionale Esercente Cinema)AIIP (Associazione Italiana Internet Providers)ANEE (Commissione Servizi e Contenuti Multimediali)AppleAPT (Associazione Produttori Televisivi)ASMI (Associazione di categoria dei produttori di supporti magnetici)Associazione Software LiberoAssoproviderBooz Allen HamiltonBSA (Business Software Alliance)BuongiornoVitaminicEinstein Multimedia GroupFAPAV (Federazione AntiPirateria Audiovisiva)FastwebFedercominFIEG (Federazione Italiana Editori Giornali)FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana)Guardia di FinanzaH3G (Mobile Video Company)IBMIMAIE (Istituto per i diritti degli artisti interpreti esecutori)IWA (International Webmaster Association)MicrosoftMoving Picture Experts GroupPhilipsPolizia Postale e delle ComunicazioniRAISIAE (Società Italiana degli Autori e degli Editori)SKY ItaliaSONY/AESVI (Associazione Editori Software Videoludico)SUGARTelecom ItaliaTime Warner ? AOLTiscaliVodafone ItaliaWind
    • YangChenping scrive:
      Re: Gli auditi alla commissione per inte
      - Scritto da: Anonimo
      Dove siamo o chi ci rappresenta in questa
      lista?Ma come, in democrazia lo Stato sei TU, non è ovvio?
    • chemicalbit scrive:
      Re: Gli auditi alla commissione per internet
      - Scritto da: Anonimo
      Dove siamo o chi ci rappresenta in questa
      lista?

      Elenco degli auditicome si fa ad iscriversi alla lista?ormai per questa penso sia tardi, ma per le prossime -visto ceh dicono sempre "sentite TUTTE le parti sociali in causa"- anchegli utenti avrebbero diritto di essere sentiti
  • Anonimo scrive:
    Re: Il thread e' degenerato
    Ma che cacchio e' sto winny?mi viene fuori solo roba in giapponese, puoi dare qualche riferimento per approfondire?
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta facile
    Invece si, non è una questione di pareri o di impressioni:1) un file crittato è indistinguibile da una sequenza di dati casuali2) non è possibile individuare la natura dei dati contenuti nel file crittato senza decrittarlo, scordati di riuscire anche solo a ricavare una PROBABILITA' che i dati contenuti siano, che so, un file compresso mpg4 o un mp3.E' una questione di teoremi e di definizione di ciò che è una crittografia sicura.Io non sono un esperto, ma sul newsgroup it.comp.software.sicurezza.crittografiatempo fa esposi questi dubbi, e quanto sopra mi fu spiegato in modo chiaro e indubitabile, con tanto di link e dettagli tecnici
  • Anonimo scrive:
    Re: Il thread e' degenerato

    Siccome l'unico modo reale di anonimizzarsi
    e di rimbalzare le connessioni tra di noi,
    p2p anonimo = lentezza.non e' detto, prova a esaminare il funzionamento di Winny, l'efficenza che puo' raggiungere sui files piu' distribuiti e' molto vicina a quella di un p2p non criptato;potremmo usare resource-hacker e italianizzarlo, sarebbe un bel colpo per chi vuole perseguire gli uploader, cosa faranno dopo? una legge per perquisire coloro che fanno piu' traffico?Per l,esattezza sarebbe lenta solo la distribuzione iniziale poiche' trasporta i dati al metodo di freenet, poi quando il file aumenta di distribuzione le prestazioni salgono e si avvicinano a quelle del p2p tradizionale sempre impedendo di risalire alla provenienza dei files, i dati cachati non sono riconoscibili nemmeno da chi ospita la cache.con questo voglio evidenziare come esistano metodi efficenti per proteggersi senza necessariamente degradare le prestazioni il network.
  • Anonimo scrive:
    Re: meglio far cascare il governo!

    Meglio far cascare il governo!!!molto meglio se casca da solo
  • Anonimo scrive:
    Re: E' arrivata la Bianca neve.....
    - Scritto da: Anonimo
    e sono arrivati i 7 nani che ve l'hanno
    messo nel ****!!!SETTE!?!?!?! non ne bastava uno? :((
  • Anonimo scrive:
    Re: Comodato d'uso
    - Scritto da: Anonimo
    Facciano le leggi che gli pare, ne hanno il
    diritto (daltronde qualcuno li ha pure
    votati !?)... però, che sparisca la
    dicitura di "vendita" da CD e DVD in quanto
    ingannevole. Quando uno acquista qualcosa ne
    diventa il proprietario e quindi dovrebbe
    essere nelle sue facolta regalarlo,
    copiarlo, condividerlo ecc...
    Sostenere che con 20 euro ti "vendo" il cd
    musicale equivale a una truffa, in quanto in
    realtà con quella cifra io acquisto
    un comodato d'uso a tempo indeterminato.
    Quindi se è illegale condividere il
    contenuto di tale cd in un circuito p2p,
    dovrebbe essere illegale anche sostenere che
    tale cd è in vendita.Suggerisco un breve approfondimento su corpus mechanicum e corpus mysticum...Gianluca
  • Anonimo scrive:
    Re: meglio far cascare il governo!
    - Scritto da: Anonimo
    ....oppure perchè non fare qualcosa
    di nuovo?
    Inondiamo di cartoline con scritto un testo
    standard di modifica della legge (sintetico,
    altrimenti non ci starebbe) e spediamole a
    vagonate agli indirizzi privati dei nostri
    parlamentari, tanto sono pubblici e ognuno
    sa dove rintracciarli, no?
    Con le cartoline nessuno deve mettere nome e
    cognome del mittente, così la nostra
    privacy è salva, ma qualora ne
    arrivassero centinaia ad ogni deputato forse
    questi potrebbe rendersi conto che molti
    suoi elettori non "gradiscono" tale
    provvedimento e pensarci meglio prima di
    votarlo così com'è.
    In particolare occorrerebbe scrivere a
    quelli del governo visto che, almeno a
    parole, l'opposizione non è
    d'accordo.
    Certo, inviare cartoline costa un po' di
    più rispetto alle petizioni
    elettroniche (ma molto meno rispetto alle
    sanzioni previste dalla nuova legge...) , ma
    fa sicuramente girare le scatole quando la
    buca delle lettere ne è piena e poi
    indica che l'elettorato è deciso
    visto che spende tempo e soldi per inviarle.
    Che ne pensate?Meglio far cascare il governo!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: A chi diceva di andare in cina...
    - Scritto da: chemtrail
    In Cina al momento se dici in pubblico o in
    rete qualcosa contro il regime come minimo
    ti arrestano (per non parlare della pena di
    morte ancora vigente).
    In America denunciano i bambini che
    scaricano mp3
    Qua puoi anche tirare un treppiede il testa
    al presidente e non ti dice niente
    nessuno...
    Non so quale sia il posto miglioredillo a Pietro Ricca (quello del "fatti processare buffone").O a Santoro.O a Biagi.O a LuttazziO alla Guzzanti.
  • Anonimo scrive:
    Ricominceremo coi girotondi...
    ....oppure perchè non fare qualcosa di nuovo?Inondiamo di cartoline con scritto un testo standard di modifica della legge (sintetico, altrimenti non ci starebbe) e spediamole a vagonate agli indirizzi privati dei nostri parlamentari, tanto sono pubblici e ognuno sa dove rintracciarli, no?Con le cartoline nessuno deve mettere nome e cognome del mittente, così la nostra privacy è salva, ma qualora ne arrivassero centinaia ad ogni deputato forse questi potrebbe rendersi conto che molti suoi elettori non "gradiscono" tale provvedimento e pensarci meglio prima di votarlo così com'è.In particolare occorrerebbe scrivere a quelli del governo visto che, almeno a parole, l'opposizione non è d'accordo.Certo, inviare cartoline costa un po' di più rispetto alle petizioni elettroniche (ma molto meno rispetto alle sanzioni previste dalla nuova legge...) , ma fa sicuramente girare le scatole quando la buca delle lettere ne è piena e poi indica che l'elettorato è deciso visto che spende tempo e soldi per inviarle.Che ne pensate?
  • Anonimo scrive:
    Re: I magistrati per politica faranno...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Abbiamo un sistema giudiziario pessimo
    ma

    credo che abbiao degli ottimi
    magistrati,

    non credo che possa accadere.

    Questo fintanto che la politica non è
    in grado di condizionare la carriera (o non
    carriera) di un magistrato, ma qualcuno ci
    ha già messo lo zampino mi sembra....La politica condiziona la magistratura da almeno 30 anni in Italia.
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta facile
    - Scritto da: Alex¸tg
    - Scritto da: Anonimo

    Indagato: "L'avevo cancellata un paio di

    anni fa per installarci il nuovo
    windows, ma

    poi ho cambiato idea perchè non
    avevo

    una licenza... sa, non volevo rischiare
    di

    violare la legge sul diritto
    d'autore!!!"

    E se i dati crittati presentassero un
    livello di entropia diverso da quello di
    dati genuinamente casuali? Non so dirlo con
    esattezza, perche` non conosco abbastanza
    profondamente i procedimenti che criptano i
    dati agendo su ogni singolo settore, ma
    credo in teoria le informazioni presenti in
    un settore da 512 bytes che contiene,
    diciamo, un frammento di file MP3, possano
    essere una quantita` determinata, con un
    tipico livello di entropia (con questa
    parola intendo con quanta "varieta`" i bytes
    appaiono e/o si ripetono in un settore,
    quanto casuale risulta la loro
    configurazione)... forse, e dico in teoria
    perche` in pratica non lo so se esistono
    programmi che lo facciano, e` possibile
    rilevare il tipo di dati contenuto da un
    settore della partizione anche se questa e`
    criptata?Ragazzi, non per dire, ma se credete che le nostre forze di polizia siano a questi livelli siete proprio fuori strada. Non hanno proprio le professionalità per avviare delle indagini simili su larga scala.
  • Anonimo scrive:
    E' arrivata la Bianca neve.....
    e sono arrivati i 7 nani che ve l'hanno messo nel ****!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk
    - Scritto da: Anonimo


    Quelli che non conoscono abbastanza bene

    l'argomento potrebbero anche evitare di

    disinformare...

    Vero, ed essendo colui che sosteneva la tesi
    che la criptografia gonfia il volume dei
    dati chiedo scusa se sono responsabile di
    disinformazione.

    Però ti chiedo di chiarirmi un dubbio
    (non lo dico in senso provocatorio). Le mie
    convinzioni nascono dalle esperienze avute
    in ambito di rete, ossia: se io decido di
    far passare dei dati su un canale protetto,
    diciamo su ssh, il bitrate effettivo a mia
    disposizione cala drasticamente e più
    grande è la chiave, maggiore è
    il traffico generato. La stessa cosa avviene
    su una wireless tanto che, visto che
    è una tecnologia di per sè
    poco performante, spesso si evita di
    criptarla e si tende a proteggere i singoli
    servizi su cui si ritiene che la
    riservatezza sia più importante. Sono
    casi in cui effettivamente, criptando le
    informazioni, aumenta drasticamente il
    volume dei dati. Come si spiega?Guarda, non sono quello di prima, comunque devo invitarti a distinguere tra protocolli e software di criptazione: sono due cose diverse. Per esperienza posso assicurarti che criptare con una chiave da 512bit (quindi tutt'altro che piccola) non produce nessun aumento del file originale. In effetti la quantità di dati resta la stessa, ma è criptata, quindi leggibile solamente mediante password. Di solito i "container" di dati criptati sono dischi virtuali montati nel file system, la criptazione è del tutto trasparente all'utente. Uno dei programmi piu' famosi in questo senso è BestCrypt (www.jetico.com) ma mi dicono che ora esiste un software tedesco enormemente piu' potente ed efficace che si chiama Drivecrypt. Cripta anche partizioni intere con chiavi da 1300bit (da far schiantare con gli attachi brute-force anche un centro di calcolo distribuito) ha delle protezioni anti-bruteforce e anti-trojan/keylogger. E' pure europeo così dai qualche soldino alla nostra economia (viene 60$).
  • Anonimo scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    - Scritto da: Anonimo

    volevo aggiungere che il povero urbani
    è vittima quanto noi di tutto questo,
    perche gli è stato ordinato e lui
    è solo un esecutore dell'ordine.
    Se lui si rifiutasse sarebbe sostituito
    subito con uno piu obbediente, voi al suo
    posto che fareste? Siamo tenuti in cetene da
    poche persone e non sappiamo nemmeno da chi.Io al suo posto cosa farei? Rimarrei coerente con i miei principi, darei le dimissioni e cercherei uno schieramento più in linea con i miei principi. Oppure, alternativamente, lascerei la politica godendomi la pensione maturata dopo soli 36 mesi (mesi, non anni) di "lavoro" nel Parlamento o nel Governo.Lieutenant
  • Anonimo scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    - Scritto da: Anonimo
    Sono d'accordo con te. Del resto, non sono
    "loro" che vanno nelle scuole ad insegnare
    che copiare è un crimine? Questa non
    ricordo bene se era per le major o per la
    BSA ma la sostanza non cambia.Certo, sono andati a dire nelle scuole che copiare è un crimine e si sono ben guardati dal dire che esiste software che si puo' legalmente copiare quante volte si vuole, già perchè non è un problema di diritti, ma di guadagni! Bisogna educare la gente a sottomersi al LORO modello di business.Personalmente scarico solo software freeware e GPL, sappiate che ce n'e' una caterva e molto di quello che c'e' in giro sostituisce egregiamente le alternative commerciali (OpenOffice, Gimp, FilZip, Evolution, Audacity etc..) e i loro software iperprezzati non li prendo nemmeno in considerazione: devono estinguersi.
  • Anonimo scrive:
    Creative Commons
    Molti autori hanno cominciato a distribuire le proprie opere attraverso questa licenza che in pratica rivede il concetto di diritto di autore che le case discografiche/SIAE dicono di voler proteggere ma con cui in realtà alimentano la propria lobby.Sicuramente un modo efficace per "esserci" è quello di cominciare a rivolgere la propria attenzione verso questo fenomeno. Tutti gli autori sono al momento ovviamente sconosciuti, e molti di loro probabilmente non sono nemmeno bravi, ma chi ha stabilito che per farsi conoscere ed essere bravi bisogna obbligatoriamente affidarsi al circuito delle case discografiche? Chi ascolta musica ed è alla ricerca di gruppi nuovi potrebbe cominciare da qui:http://www.google.com/search?q=creative+commons
  • Anonimo scrive:
    Re: Comodato d'uso
    - Scritto da: Anonimo
    Facciano le leggi che gli pare, ne hanno il
    diritto (daltronde qualcuno li ha pure
    votati !?)... però, che sparisca la
    dicitura di "vendita" da CD e DVD in quanto
    ingannevole. Quando uno acquista qualcosa ne
    diventa il proprietario e quindi dovrebbe
    essere nelle sue facolta regalarlo,
    copiarlo, condividerlo ecc...
    Sostenere che con 20 euro ti "vendo" il cd
    musicale equivale a una truffa, in quanto in
    realtà con quella cifra io acquisto
    un comodato d'uso a tempo indeterminato.
    Quindi se è illegale condividere il
    contenuto di tale cd in un circuito p2p,
    dovrebbe essere illegale anche sostenere che
    tale cd è in vendita.Non ci avevo pensato. Un tozzo di pane lo posso condividere con chi mi pare, ma in effetti coi ciddì questo non è possibile "ufficialmente".Mi è venuta un'idea un po' bastarda... visto che la maggioranza delle persone è "pecora", perchè non denunciarle quando vogliono prestare/condividere i loro cd? In questo modo si fa loro presente che esistono certe "restrizioni" sul prodotto che loro credono di possedere e forse cominciano ad aprire gli occhi. Una tecnica da doccia fredda. In questo modo, aumenta il numero di persone che si lamenta e/o diminuiscono gli acquisti perchè non c'è vero possesso.Sigh, volevo comprarmi dei "vecchi classici" tipo best of di gruppi passati ma dopo questo penso che desisterò. :'(Non sarei coerente. :$Vabbè, mi riascolto quelli che ho
  • Anonimo scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    ...a proposito di BSAper onestà è doveroso citare l'eroico Mario Monti a dimostrazione che qualche integerrimo difensore dei principi liberali ancora esiste. In effetti è stato fatto fuori dal suo stesso partito che di liberale ha dimostrato di avere ben poco, anzi, a quanto pare, prova per i principi del libero mercato una specie di allergia che sfoga in devastanti e convenienti monopoli.
  • Anonimo scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    - Scritto da: robbino
    Ti ringrazio per la tua osservazione
    garbata, ma credo di non togliere nulla ai
    miei figli. Li ho portati una volta a vedere
    un cartone (..... si va in scena ....
    dovresti aver capito il cartone), ex cinema
    mono sala ... grande spazioso con tanti
    posti a sedere .... adesso ridotto a una
    scatola di sardine multisala, con il
    pubblico in prima fila, a soli 5 metri (+ o
    - ) dallo schermo con l'obbligo di pagare la
    prenotazione oltre al biglietto morale 3 X
    8 = 24 Euro... (io piu' i due pargoli) tanto
    valeva comprare il dvd ..... tanto vale
    aspettare un pochino di + noleggiare il dvd
    e vederlo a casa magari NON con il
    megaschermo a 5 metri di distanza ma con un
    discreto impiamto dolbydigital ed una TV da
    28 pollici, al costo di 4 - 5 euro senza
    aver bisogno di prenderlo su internet con la
    pessima qualita' che tutti conosciamo. Poi
    quando saranno grandi decideranno loro cosa
    vedere mica sono per la distruzione delle
    sale cinematografiche, ma non sono neppure
    disposto a sborsare 48 mila lire prima e
    altre tante magari dopo per acquistare il
    dvd.
    Basterebbe far pagare solo il biglietto e
    con quello magari prendere una copia
    fortemente scontata del solo film su dvd o
    meglio pargarlo 5 euro .... alla faccia dei
    pirati Proffessional e del P2P chissa quante
    copie originali in piu' vendute e quanti
    pirati in meno. Ma sappiamo perfettamente
    quale politica attuano le major poche copie
    di dvd ma ben pagate, non importa che il
    film a botteghino abbia fatto il pieno,
    siamo da spremere fino in fondo ... ed
    allora perche' farsi martellare sulle palle
    e pagare pure?? No adesso inizio nel mio
    piccolo a distruggerli la base ...... i miei
    figli che adulti domani non si
    interesseranno del cinema e magari faranno
    lo stesso con i loro figli che aloro volta
    ...... capisci l'importanza di iniziare.....
    questo diventa un effetto valanga. Comunque
    grazie ancora per il tuo rispettabile punto
    di vista!BRAVISSIMO!!!!!!!!Inoltre devi sapere che in alcuni cinema multisala (i molto famosi W*r*er Bros) non puoi portare cibo nè bevande acquistati all'esterno (e te lo dicono solo all'ingresso!!!!) perchè DEVI acquistarli A PREZZI NATURALMENTE MAGGIORATI, al loro bar, così ti spremono MEGLIO, e come fai a negare ai bambini la coca, i pop-corn ecc???? Sei già fortunato se paghi solo il biglietto!!!!!:|
  • Anonimo scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    Sono d'accordo con te. Del resto, non sono "loro" che vanno nelle scuole ad insegnare che copiare è un crimine? Questa non ricordo bene se era per le major o per la BSA ma la sostanza non cambia.
  • Anonimo scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    - Scritto da: Anonimo

    ... è il risultato dei nostri
    politici in catene ...

    Dal momento che questi due mondi negli
    ultimi anni si stanno letteralmente
    sovrapponendo, non sarà mica che sono
    proprio i politici a tenere in catene se
    stessi?Può darsi, ma credo più in una tesi cospirazionalista. Bisogna proiettare i nostri politici a livello mondiale, e vedrai che la nostra povera Italia ormai conta ben poco (lascia perdere che ERAVAMO l'8° paese più potente al mondo).E' un problema mondiale, non italiano (anche se ovviamente ne siamo coinvolti anche noi).E' naturale che i politici di turno ci marciano e fanno poi anche i loro loschi interessi (ma sempre nel limite del possibile.. e con il nulla-osta delle "forze oscure" che nominava l'amico nel post precedente).
  • robbino scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    Piu' che vittima, secondo me (tralasciamo sul povero gia con solo lo stipendio che prende ..) e attore/regista (cosi restiamo in tema).==================================Modificato dall'autore il 01/02/2005 16.03.20
  • 3p scrive:
    Re: Ma cosa avremmo dovuto aspettarci?
    quella dei "farisei in doppiopetto" me la segno... metafora davvero ben riuscita. :|
  • Anonimo scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano

    volevo aggiungere che il povero urbani
    è vittima quanto noi di tutto questo,
    perche gli è stato ordinato e lui
    è solo un esecutore dell'ordine.
    Se lui si rifiutasse sarebbe sostituito
    subito con uno piu obbediente, voi al suo
    posto che fareste? Siamo tenuti in cetene da
    poche persone e non sappiamo nemmeno da chi.Mi ricordi tanto Cornacchione, quello di Zelig che diceva:Ilvio è sceso in campo, e LO HA FATTO PER NOI!!!!!!:'(:'(:'(Beato te che credi ancora alla BEFANA, TORNA NELLA REALTA'!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano

    ... è il risultato dei nostri politici in catene ...Dal momento che questi due mondi negli ultimi anni si stanno letteralmente sovrapponendo, non sarà mica che sono proprio i politici a tenere in catene se stessi?
  • robbino scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    Ti ringrazio per la tua osservazione garbata, ma credo di non togliere nulla ai miei figli. Li ho portati una volta a vedere un cartone (..... si va in scena .... dovresti aver capito il cartone), ex cinema mono sala ... grande spazioso con tanti posti a sedere .... adesso ridotto a una scatola di sardine multisala, con il pubblico in prima fila, a soli 5 metri (+ o - ) dallo schermo con l'obbligo di pagare la prenotazione oltre al biglietto morale 3 X 8 = 24 Euro... (io piu' i due pargoli) tanto valeva comprare il dvd ..... tanto vale aspettare un pochino di + noleggiare il dvd e vederlo a casa magari NON con il megaschermo a 5 metri di distanza ma con un discreto impiamto dolbydigital ed una TV da 28 pollici, al costo di 4 - 5 euro senza aver bisogno di prenderlo su internet con la pessima qualita' che tutti conosciamo. Poi quando saranno grandi decideranno loro cosa vedere mica sono per la distruzione delle sale cinematografiche, ma non sono neppure disposto a sborsare 48 mila lire prima e altre tante magari dopo per acquistare il dvd.Basterebbe far pagare solo il biglietto e con quello magari prendere una copia fortemente scontata del solo film su dvd o meglio pargarlo 5 euro .... alla faccia dei pirati Proffessional e del P2P chissa quante copie originali in piu' vendute e quanti pirati in meno. Ma sappiamo perfettamente quale politica attuano le major poche copie di dvd ma ben pagate, non importa che il film a botteghino abbia fatto il pieno, siamo da spremere fino in fondo ... ed allora perche' farsi martellare sulle palle e pagare pure?? No adesso inizio nel mio piccolo a distruggerli la base ...... i miei figli che adulti domani non si interesseranno del cinema e magari faranno lo stesso con i loro figli che aloro volta ...... capisci l'importanza di iniziare..... questo diventa un effetto valanga. Comunque grazie ancora per il tuo rispettabile punto di vista!
  • Anonimo scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: robbino

    Onestamente credo che ad essere i piu

    contenti, per questa legge repressiva,

    siano per lo piu' i VERI pirati, quelli
    che

    fanno copie in massa di film (opere
    ..!!??

    ma quali opere!! ste schifezze che ci

    propinano)per poi venderle a costo quasi

    ragionevole. Grazie a questa legge
    (major

    oriented), si vuole evitare di fare
    share,

    ergo se proprio non si vuol pagare il

    filmetto o la canzonetta, con i soliti
    25-30

    euro , i piu si rivolgeranno verso il

    mercato nero .... invece se si potesse

    scaricare tranquillamente la qualsiasi,
    ci

    sarebbero ben poche possibilita' di
    vendere

    (per i pirati ) quello che comunque non
    si

    sarebbe acquistato nella versione
    autentica

    .... figuriamoci per quella Tarocca ....

    insomma quello che varrebbe per le
    major,

    vale pure per i taroccatori chiaro il

    concetto ...... per cui la pirateria
    QUELLA

    VERA sentitamente RINGRAZIANO (io non

    scarico ma altrettanto sicuramente non

    acquisto e educo i miei filgi a non
    andare

    al cinema, visto che semplicemente non
    ce li

    porto (e qui ci sarebbe da aprire la

    parentesi nella parentesi per
    disquisire su

    sale, film e prezzi.... ma lasciamo
    stare)).


    volevo aggiungere che il povero urbani
    è vittima quanto noi di tutto questo,
    perche gli è stato ordinato e lui
    è solo un esecutore dell'ordine.
    Se lui si rifiutasse sarebbe sostituito
    subito con uno piu obbediente, voi al suo
    posto che fareste? Siamo tenuti in cetene da
    poche persone e non sappiamo nemmeno da chi.Interessante.....Certo è che al "POPOLO" poco frega di quello che non riescono a fare i politicanti a causa delle "forze oscure"... chi si fa tenere nelle catene sono i nostri politici, non il popolo!! Il nostro popolo vive solo l'apparente democrazia che è il risultato dei nostri politici in catene !! (PURTROPPO).Ma se proprio vogliono fare i politici, devono prima credere in quello che fanno, e poi lo fanno.. E' inconcepibile pensare che "il povero Urbani", POLITICO DI PROFESSIONE, si sia ridotto a chinare la testa solo perchè gli è stato comandato di fare così... d'accordo che lo sostituirebbero con uno più obbediente, ma a questo punto a che serve la politica? Non credi che in un mondo più civile il "chinare la testa in politica" perchè comandato si chiamerebbero CORRUZIONE?Se devi fare politica, devi agire sicuramente in modo diplomatico, e devi sicuramente scontrare le tue opinioni con quelle degli altri cercando di trovare il compromesso giusto in modo da stare tutti contenti... ma non puoi chinare la testa, MAI.... specialmente se te lo ORDINANO!!Dovrebbe entrare in un corpo gerarchico come l'esercito se vuole chinare la testa, non la politica !!Dovremmo spolverare un pò il passato per capire la professione del VERO politico, colui che lotta per i diritti del suo popolo, colui che con grande leadership riesce a tirare avanti grandi movimenti solo ed esclusivamente per il bene collettivo... quì invece sembra che i Politici siano diventati gli "impiegati" privati dell'ufficio "politico" di una grande azienda... ma dai siamo veramente allo squallido...Sicuramente questo è un parere soggettivo.... c'è chi preferisce continuare a calare la testa e subire i diktat dei "potenti", c'è invece chi è pronto a morire pur di non sacrificare il proprio orgoglio. A te la scelta e in bocca al lupo!Saluti.
  • Anonimo scrive:
    Re: I magistrati per politica faranno...
    - Scritto da: Anonimo
    Abbiamo un sistema giudiziario pessimo ma
    credo che abbiao degli ottimi magistrati,
    non credo che possa accadere.Questo fintanto che la politica non è in grado di condizionare la carriera (o non carriera) di un magistrato, ma qualcuno ci ha già messo lo zampino mi sembra....
  • Anonimo scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    Semplicemente un elettore, credo
  • Anonimo scrive:
    Re: ogni volta che l'adsl va su...
    per quanto coincidano le due cose non credo che vi sia questa dipendenza, semmai il contrario, l'adsl deicde di cambiare e i soci&co corrono ai ripari chiedendo di criminalizzare l'utenza; le mosse tecniche dei provider richiedono temo, dell'upgrade a 1280 se ne ebbero notizie non meno di 3 mesi fa da parte di operatori tecnici interni a TI perche' upgradare a livello nazionale richiede che la parte tecnica si muova per tempo.
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk

    Quelli che non conoscono abbastanza bene
    l'argomento potrebbero anche evitare di
    disinformare...Vero, ed essendo colui che sosteneva la tesi che la criptografia gonfia il volume dei dati chiedo scusa se sono responsabile di disinformazione.Però ti chiedo di chiarirmi un dubbio (non lo dico in senso provocatorio). Le mie convinzioni nascono dalle esperienze avute in ambito di rete, ossia: se io decido di far passare dei dati su un canale protetto, diciamo su ssh, il bitrate effettivo a mia disposizione cala drasticamente e più grande è la chiave, maggiore è il traffico generato. La stessa cosa avviene su una wireless tanto che, visto che è una tecnologia di per sè poco performante, spesso si evita di criptarla e si tende a proteggere i singoli servizi su cui si ritiene che la riservatezza sia più importante. Sono casi in cui effettivamente, criptando le informazioni, aumenta drasticamente il volume dei dati. Come si spiega?
  • Anonimo scrive:
    Re: I magistrati per politica faranno...
    Abbiamo un sistema giudiziario pessimo ma credo che abbiao degli ottimi magistrati, non credo che possa accadere.
  • puffetta scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    - Scritto da: Anonimo



    volevo aggiungere che il povero urbani
    è vittima quanto noi di tutto questo,
    perche gli è stato ordinato e lui
    è solo un esecutore dell'ordine.
    Se lui si rifiutasse sarebbe sostituito
    subito con uno piu obbediente, voi al suo
    posto che fareste? Siamo tenuti in cetene da
    poche persone e non sappiamo nemmeno da chi.Sei Urbani o un suo parente?
  • Anonimo scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    - Scritto da: robbino
    Onestamente credo che ad essere i piu
    contenti, per questa legge repressiva,
    siano per lo piu' i VERI pirati, quelli che
    fanno copie in massa di film (opere ..!!??
    ma quali opere!! ste schifezze che ci
    propinano)per poi venderle a costo quasi
    ragionevole. Grazie a questa legge (major
    oriented), si vuole evitare di fare share,
    ergo se proprio non si vuol pagare il
    filmetto o la canzonetta, con i soliti 25-30
    euro , i piu si rivolgeranno verso il
    mercato nero .... invece se si potesse
    scaricare tranquillamente la qualsiasi, ci
    sarebbero ben poche possibilita' di vendere
    (per i pirati ) quello che comunque non si
    sarebbe acquistato nella versione autentica
    .... figuriamoci per quella Tarocca ....
    insomma quello che varrebbe per le major,
    vale pure per i taroccatori chiaro il
    concetto ...... per cui la pirateria QUELLA
    VERA sentitamente RINGRAZIANO (io non
    scarico ma altrettanto sicuramente non
    acquisto e educo i miei filgi a non andare
    al cinema, visto che semplicemente non ce li
    porto (e qui ci sarebbe da aprire la
    parentesi nella parentesi per disquisire su
    sale, film e prezzi.... ma lasciamo stare)).volevo aggiungere che il povero urbani è vittima quanto noi di tutto questo, perche gli è stato ordinato e lui è solo un esecutore dell'ordine.Se lui si rifiutasse sarebbe sostituito subito con uno piu obbediente, voi al suo posto che fareste? Siamo tenuti in cetene da poche persone e non sappiamo nemmeno da chi.
  • Anonimo scrive:
    Re: A chi diceva di andare in cina...

    Guarda, io ti do' ragione però... chi
    voto? Io sono di sinistra e a votare il
    mortadellone ex-democristiano mi viene il
    magone.

    Lo voterò, perchè è il
    male minore, ma pur sempre un male.Sarà che sono ambidestro (o ambimancino), ma io non ragiono in termini di destra o di sinistra. I due schieramenti ideologici mi sembrano uno specchietto per le allodole usato da politici che alla resa dei fatti credono solo nel valore del potere: divide et impera. Il bipolarismo è questo. Per capire cosa succederà in Italia suggerisco di leggere "La deriva americana" di Krugman, economista americano.Noi come gli americani, siamo un popolo sprovvisto degli anticorpi del virus della bramosia di potere. Dalla nostra storia non abbiamo imparato un bel niente ed ora eccoci qua, ingenui all'inverosimile, sempre convinti che "qua nessuno è fesso", che qua è meglio che altrove, che esistono i buoni e i cattivi. Forse dovremmo cominciare a guardare la paglizza nell'occhio altrui (gli americani) per capire che è solo il riflesso della trave che sta nel nostro occhio di osservatori. Ah dimenticavo, forse alle prossime elezioni voterò per i pensionati. Però in una logica bipolare... ci vorrebbe un partito dei Senza pensione, l'elettorato è in forte crescita. E quasi quasi, visto che io diversamente da tutti gli esseri umani non ambisco al potere, per carità io sono un santo, io non mi lascierei corrompere dal potere, e poi lo farei solo per breve tempo, magari fino a quando non c'è un degno successore..., beh insomma, quasi quasi lo fondo io il partito dei non pensionati. Cosa volete in cambio per votarmi? ;-D
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta facile
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Alex¸tg

    E se i dati crittati presentassero un

    livello di entropia diverso da quello di

    dati genuinamente casuali?


    Teoricamente non dev'essere cosi`, il
    principio base ispiratore d tutte le
    tecniche moderne e` che il protocollo non
    deve disseminare NESSUNA informazione sui
    dati originali, e questo vuol dire
    assolutamente proprio nessuna.Ma non credo sia possibile del tutto: qualche bit, foss'anche in una sequenza pseudo-casuale, dovresti alterarlo, e questo varrebbe per la steganografia. Per una crittografia che deve in qualche modo far rientrare i dati crittati nello stesso spazio occupato da quelli in chiaro, credo che non sarebbe possibile mascherare l'entropia. Si potrebbero comprimere i dati originari, ma alla fine non si otterrebbe una grande riduzione, e specie sui tipici files che secondo le major sono "illeciti", non credo si potrebbe togliere piu` di qualche punto percentuale, visto che di norma sono gia` compressi (credo quasi al limite teorico) e quindi la loro entropia e` gia` massimizzata. Ma non sarebbe mai quella di un pattern uniformemente casuale.
    Suppongo che questo e` cio` che cercano di
    fare i matematici che studiano sta roba.
    Tutto il mondo si fida che se tali
    cervelloni non trovano vulnerabilita`
    significative, la cosa e` sicura.Ma e` sicura in che senso?Nel senso che non si puo` estrarre l'informazione originaria a meno di conoscere la chiave o fare ridicoli tentativi di brute-forcing (e a questo posso crederci) oppure nel senso che non si riuscira` a capire se si tratta di dati crittati o di dati casuali? E all'ultimo problema non so se esista una soluzione, ma e` qui che credo proprio di no. E non e` una questione di cervelloni o meno: ogni file ha una sua quantita` d'informazione, e ho paura che nessun cervellone potrebbe mai dissimularla tanto bene da farla apparire come una distribuzione uniforme di valori casuali. E` un po' lo stesso problema dei programmi di compressione: un sistema di compressione, per quanto sofisticato, puo` massimizzare l'entropia del file originale tagliando tutte le sequenze ripetute e usando codici piu` brevi per ripetizioni piu` frequenti, come fanno il Lempel-Ziv-Welch e la DHC. Ma non puo` togliere piu` di un tot, altrimenti perderebbe anche le informazioni originali, come quando tenti di comprimere un'immagine PNG con un compressore come lo ZIP: non togliera` mai una percentuale significativa dalla PNG perche` in genere e` gia` compressa in deflate, che e` poi lo stesso metodo che usa ZIP. Altri metodi potrebbero togliere qualcos'altro ma asintoticamente rispetto a un limite teorico che rappresenta la pura quantita` di dati contenuti nel file, scremati di tutte le ripetizioni superflue.
  • Anonimo scrive:
    Re: è visibile il disco "montato"???
    - Scritto da: Anonimo
    ...e comunque che i firewall bloccano le
    intrusioni e` una leggenda metropolitana, il
    firewall e` un misero filtro che opera a
    livello network... Vabbè dai, cerchiamo di inquadrare il contesto, a meno che tu non sia l'obiettivo prescelto da qualcuno che conosce molto bene la materia e ha delle motivazioni serie per perdere del tempo, la maggior parte degli attacchi partono digitando a caso degli ip e testando gli eventuali servizi aperti. Un firewall anche poco serio può quindi metterti al riparo dal 99% dei casi di intrusione, in quanto gli gnugni che si attaccano alla rete senza nessuna precauzione sono di più di quelli che posseggono un po' di consapevolezza informatica.In ogni caso, se vado a vedere i pacchetti che vengono droppati dal mio firewall si tratta per lo più di virus che vanno alla ricerca di servizi bacati di windows.
  • Anonimo scrive:
    Re: tecnico incaricato
    Credo tu mi abbia frainteso: io sollevavo qualche dubbio e mi stavo solo chiedendo cosa potrebbe succedere una volta adottata una soluzione del genere, secondo un'idea tipo "trovare falle aiuta a risolverle". Inoltre non credo che i tribunali si basino esclusivamente su perizie tecniche per giudicare: alla fine la decisione spetta alla corte. Pero` se da una perizia venisse fuori che ci sono dei dati potenzialmente illeciti, mi sa che passerebbero a cercare la chiave, ovunque essa sia. Almeno qualche tentativo in materia lo farebbero.
  • Anonimo scrive:
    Re: è visibile il disco "montato"???
    ...e comunque che i firewall bloccano le intrusioni e` una leggenda metropolitana, il firewall e` un misero filtro che opera a livello network... sai quanti modi si inventano per incularti agli altri livelli? se vogliamo andare in basso c'e` l'arp poisoning che apre la strada ad una serie di inculate sensazionali, e per fortuna che si puo` fare solo in ethernet, e se andiamo in alto entriamo nel magico livello application dove si statisticheggia che ci sia una media di un bug ogni poche linee di codice... e del resto la maggior parte degli hack di questi anni viene direttamente da qui ed e` ad esempio il motivo per cui dovresti per prima cosa buttare tutti i programmi microsoft...
  • puffetta scrive:
    Re: Comodato d'uso
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Facciano le leggi che gli pare, ne
    hanno il

    diritto (daltronde qualcuno li ha pure

    votati !?)... però, che sparisca
    la

    dicitura di "vendita" da CD e DVD in
    quanto

    ingannevole. Quando uno acquista
    qualcosa ne

    diventa il proprietario e quindi
    dovrebbe

    essere nelle sue facolta regalarlo,

    copiarlo, condividerlo ecc...

    Sostenere che con 20 euro ti "vendo" il
    cd

    musicale equivale a una truffa, in
    quanto in

    realtà con quella cifra io
    acquisto

    un comodato d'uso a tempo indeterminato.

    Quindi se è illegale condividere
    il

    contenuto di tale cd in un circuito p2p,

    dovrebbe essere illegale anche
    sostenere che

    tale cd è in vendita.


    Il discorso non fa una grinza...ora
    occorrebbe che un avvocato (meglio uno
    studio di avvocati, fa più
    impressione! ;) ) con le PALLE denunci i
    discografici per truffa.....:pSgrunth :|i migliori se li è presi Berlusconi!
  • Anonimo scrive:
    Re: è visibile il disco "montato"???
    - Scritto da: Anonimo
    intendo dire: se sn su internet e ho la
    partizione montata, un hacker che vuole
    entrare nel mio pc la vede come la vedo
    io??? è questo il mio dubbiodipende, non sempre.diciamo che oltre che entrare uno deve anche acquisire i permessi d'accesso al mountpoint(che naturalmente siccome sei niubbo e usi un sistema di bassa lega come winxp avrai impostato a everyone full control..)cio` non e` immediato, uno potrebbe entrare con una vulnerabilita` critica che da` accesso SYSTEM o administrator o similare, o potrebbe entrare nello stesso contesto di sicurezza del tuo utente (che probabilmente siccome sei niubbo eccetera e` un administrator rinominato), e in tal caso la roba la vede x forza... ma potrebbe anke arrivare da un canale meno privilegiato bucando un servizio minore.. insommma: dipende, ma la cosa piu` sicura e` assumere SI e non tenere roba importante mai connessa FISICAMENTE ad una rete insicura - leggasi sposta la roba su un vecchio pc non collegato a nientementre se proprio non resisti dal tenere roba segreta su computer connessi, almeno utilizza un sistema operativo sicuro, in cui sicuro non intendo dire il solito linux che (anche se in scala minore di windows) e` pur sempre un colabrodo... intendo dire un sistema che implementi correttamente un modello di mandatory access control, come i vari Trusted-Qualcosa (bsd/solaris/irix) e che abbia magari ottenuto una certificazione di tipo B secondo l'orange book.
    e cmq con un buon firewall che blocca le
    intrusioni dovrei avere problemi???A seconda di chi e` il tuo nemico, a non finire. La sicurezza e` un insieme di mille cose sia tecniche che "umane", uno che non ha studiato molto e soprattutto ha molta esperienza, e` prone a milioni di inganni tecnici e meno tecnici.
  • Bombardiere scrive:
    Re: I contraffatori ringraziano
    - Scritto da: robbino
    Onestamente credo che ad essere i piu
    contenti, per questa legge repressiva,
    siano per lo piu' i VERI pirati, quelli che
    fanno copie in massa di film (opere ..!!??
    ma quali opere!! ste schifezze che ci
    propinano)per poi venderle a costo quasi
    ragionevole. Grazie a questa legge (major
    oriented), si vuole evitare di fare share,
    ergo se proprio non si vuol pagare il
    filmetto o la canzonetta, con i soliti 25-30
    euro , i piu si rivolgeranno verso il
    mercato nero .... invece se si potesse
    scaricare tranquillamente la qualsiasi, ci
    sarebbero ben poche possibilita' di vendere
    (per i pirati ) quello che comunque non si
    sarebbe acquistato nella versione autentica
    .... figuriamoci per quella Tarocca ....
    insomma quello che varrebbe per le major,
    vale pure per i taroccatori chiaro il
    concetto ...... per cui la pirateria QUELLA
    VERA sentitamente RINGRAZIANO (io non
    scarico ma altrettanto sicuramente non
    acquisto e educo i miei filgi a non andare
    al cinema, visto che semplicemente non ce li
    porto (e qui ci sarebbe da aprire la
    parentesi nella parentesi per disquisire su
    sale, film e prezzi.... ma lasciamo stare)).Sinceramente non mi sembra giusto far pagare ai tuoi figli un idea che è esclusivamente tua. Se loro ti chiedono di andare al cinema e tu non li porti, nn ti offendere, ma a mio parere sei estremamente sadico. Tutte le cose devono essere moderate e non esagerate, e i tuoi figli devono poter decidere da loro cosa fare e cosa non fare, a livello di richieste tipo cinema, cd, ecc.Quello che voglio dire è che trovo estremamente squallido negare una cosa che potrebbe piacere ai tuoi figli, solamente per portare avanti una crociata del tutto personale.==================================Modificato dall'autore il 01/02/2005 14.08.58==================================Modificato dall'autore il 01/02/2005 14.09.33
  • Anonimo scrive:
    Re: tecnico incaricato
    - Scritto da: Alex¸tg
    Non mi chiamerebbero mai, pero` se
    dipendesse da me, prima di arrendermi
    vaglierei quali software piu` o meno
    popolari possono essere usati per fare una
    cosa del genere, e con essi proverei a
    criptare su una macchina di prova una
    partizione con files MP3, un AVI, ecc... poi
    calcolerei la variabilita` dei bytes nei
    dati crittati di prova, e la confronterei
    con quella calcolata su frammenti della
    stessa lunghezza del computer "sospetto".
    Ovviamente facendo anche una controprova che
    so, con un lungo file di testo per vedere
    che livello di variabilita` ottengo da li`.
    Non si potrebbe ottenere il file crittato,
    ma forse riuscirei a capire che ci sono
    files dei tipi considerati sospetti. Se
    qualcuno sa per certo che una cosa del
    genere non si potrebbe fare, allora mi
    arrendo...Non prenderla male, ma credo che la tua descrizione spieghi perchè non dovresti essere un perito del tribunale.Testimoniare che hai trovato una partizione che sospetti essere criptata è ben diverso dall'affermare che è una partizione criptata contenente dati illeciti. La tua metodologia non permette di distinguere tra dati leciti e illeciti (ammesso che abbia un qualche fondamento scientifico, ma anche la prova dello stub (una delle più usate e conosciute, "guanto di paraffina"), senza la presenza di tutti gli elementi, pur non avendolo il fondamento scientifico è stata talvolta usata per sbattere in galera qualche colpevole e, non raramente, qualche innocente). In due parole, i file MP3 e AVI, anche se probabilisticamente per lo più sono illeciti, non sono prova di illecito se non li puoi vedere.Non basta(va) il sospetto per ottenere una condanna penale negli stati di diritto; in quelli di polizia è un altra storia, ma perchè perdere tempo con i processi e le perizie? Due mazzate nel punto giusto e confessano tutti, colpevoli e innocenti....Certo è triste vedere un forum che dibatte su come sfruttare i vincoli che la legge ha giustamente posto all'autorita' giudiziaria per proteggere gli innocenti dall'arbitrio dei potenti. E sfruttati al solo scopo di nascondere un reato penale effettivamente posto in essere, sia pure per una legge chiaramente ingiusta.O tempora. O mores!
  • Anonimo scrive:
    Re: è visibile il disco "montato"???
    - Scritto da: Anonimo
    intendo dire: se sn su internet e ho la
    partizione montata, un hacker che vuole
    entrare nel mio pc la vede come la vedo
    io??? è questo il mio dubbiodipende, non sempre.diciamo che oltre che entrare uno deve anche acquisire i permessi d'accesso al mountpoint(che naturalmente siccome sei niubbo e usi un sistema di bassa lega come winxp avrai impostato a everyone full control..)cio` non e` immediato, uno potrebbe entrare con una vulnerabilita` critica che da` accesso SYSTEM o administrator o similare, o potrebbe entrare nello stesso contesto di sicurezza del tuo utente (che probabilmente siccome sei niubbo eccetera e` un administrator rinominato), e in tal caso la roba la vede x forza... ma potrebbe anke arrivare da un canale meno privilegiato bucando un servizio minore.. insommma: dipende, ma la cosa piu` sicura e` assumere SI e non tenere roba importante mai connessa FISICAMENTE ad una rete insicura - leggasi sposta la roba su un vecchio pc non collegato a nientementre se proprio non resisti dal tenere roba segreta su computer connessi, almeno utilizza un sistema operativo sicuro, in cui sicuro non intendo dire il solito linux che (anche se in scala minore di windows) e` pur sempre un colabrodo... intendo dire un sistema che implementi correttamente un modello di mandatory access control, come i vari Trusted-Qualcosa (bsd/solaris/irix) e che abbia magari ottenuto una certificazione di tipo B secondo l'orange book.
    e cmq con un buon firewall che blocca le
    intrusioni dovrei avere problemi???A seconda di chi e` il tuo nemico, a non finire. La sicurezza e` un insieme di mille cose sia tecniche che "umane", un utonto clueless come te che pensa di essere "sicuro" installando un programma stupido come i "firewall" per windows, e` prone a milioni di inganni tecnici e meno tecnici.L'ultimo pirla che s'e` fatto inculare dalla polizia di non so che paese era uno che credeva di essere protettissimo e pure anonimo... gli hanno mandato un trojan via mail che ha spedito alla polizia il suo IP reale e altri dati utili a rintracciarlo. L'idiota probabilmente usava outlook express, figurati la sicurezza, praticamente una porta aperta.
  • Anonimo scrive:
    Re: I magistrati per politica faranno...
    - Scritto da: Anonimo
    ...in modo che questa ennesima legge venga
    applicata al massimo......
    ....perchè
    così potranno colpire il governo di
    centro destraTi giuro non pensavo si potesse arrivare a tanto... complimenti sei un genio!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Comodato d'uso
    - Scritto da: Anonimo
    Facciano le leggi che gli pare, ne hanno il
    diritto (daltronde qualcuno li ha pure
    votati !?)... però, che sparisca la
    dicitura di "vendita" da CD e DVD in quanto
    ingannevole. Quando uno acquista qualcosa ne
    diventa il proprietario e quindi dovrebbe
    essere nelle sue facolta regalarlo,
    copiarlo, condividerlo ecc...
    Sostenere che con 20 euro ti "vendo" il cd
    musicale equivale a una truffa, in quanto in
    realtà con quella cifra io acquisto
    un comodato d'uso a tempo indeterminato.
    Quindi se è illegale condividere il
    contenuto di tale cd in un circuito p2p,
    dovrebbe essere illegale anche sostenere che
    tale cd è in vendita.Il discorso non fa una grinza...ora occorrebbe che un avvocato (meglio uno studio di avvocati, fa più impressione! ;) ) con le PALLE denunci i discografici per truffa.....:p
  • Anonimo scrive:
    Re: Il thread e' degenerato
    - Scritto da: Anonimo
    Stiamo affrontando una serie di soluzioni
    techiche che sono veramente esagerate
    rispetto alla nostre necessita', siamo in
    italia ed esistono delle garanzie per
    l'imputato a differenza di altri paesi,ah si ?forse garanzie per gli assassini di mafia o per i truffatori da miliardi che devono preoccuparsi di non passare 20 anni in galerama per noi sfigati e per la dimensione del "reato" che faremmo, se non te ne sei reso, e` gia` un sopruso assurdo il sequestro di tutto il materiale e i computer da casaquali garanzie ho? la certezza che le procedure legali dureranno 5 anni e ridurranno me e la mia famiglia sul lastrico?bah..
    quindi le soluzioni di criptazione estremo o
    di stenografia sono ben molto oltre le
    nostre necessita'.alla fine sono daccordo in quanto ho sempre pensato e detto che criptare tutta sta roba alla fin fine aggiunge una gatta da pelare in piu` in caso di guai legali, non ne vale la pena
    i problema
    semmai andrebbe rivolto su come scambiarsi i
    dati senza che ci sia la possibilita' di
    essere tracciati;Il problema e` gia` risolto, i prog di p2p anonimo sono li` e in qualche modo funzionano.Siccome l'unico modo reale di anonimizzarsi e di rimbalzare le connessioni tra di noi, p2p anonimo = lentezza.Ma son sicuro che se la repressione dovesse iniziare allora finiremo li` e ci accontenteremo.
  • robbino scrive:
    I contraffatori ringraziano
    Onestamente credo che ad essere i piu contenti, per questa legge repressiva, siano per lo piu' i VERI pirati, quelli che fanno copie in massa di film (opere ..!!?? ma quali opere!! ste schifezze che ci propinano)per poi venderle a costo quasi ragionevole. Grazie a questa legge (major oriented), si vuole evitare di fare share, ergo se proprio non si vuol pagare il filmetto o la canzonetta, con i soliti 25-30 euro , i piu si rivolgeranno verso il mercato nero .... invece se si potesse scaricare tranquillamente la qualsiasi, ci sarebbero ben poche possibilita' di vendere (per i pirati ) quello che comunque non si sarebbe acquistato nella versione autentica .... figuriamoci per quella Tarocca .... insomma quello che varrebbe per le major, vale pure per i taroccatori chiaro il concetto ...... per cui la pirateria QUELLA VERA sentitamente RINGRAZIANO (io non scarico ma altrettanto sicuramente non acquisto e educo i miei filgi a non andare al cinema, visto che semplicemente non ce li porto (e qui ci sarebbe da aprire la parentesi nella parentesi per disquisire su sale, film e prezzi.... ma lasciamo stare)).
  • Anonimo scrive:
    ogni volta che l'adsl va su...
    ma ci avete fatto caso, ogni volta che i provider alzano la banda appare qualche modifica allalegge sul diritto di autore...e' una simpatica coincidenza niente di piu', ma mi pare di rivivere i momenti in cui la mia adsl e' passata da 256 a 640... era il periodo del dl urbani ..
  • Anonimo scrive:
    Re: Il thread e' degenerato
    - Scritto da: Anonimo

    Stiamo affrontando una serie di soluzioni
    techiche che sono veramente esagerate
    rispetto alla nostre necessita', siamo in
    italia ed esistono delle garanzie per
    l'imputato a differenza di altri paesi,
    quindi le soluzioni di criptazione estremo o
    di stenografia sono ben molto oltre le
    nostre necessita'.
    E comunque ricordatevi che gli emendamenti
    non sono passati e vista la situazione
    potrebbero anche non passare, i problema
    semmai andrebbe rivolto su come scambiarsi i
    dati senza che ci sia la possibilita' di
    essere tracciati; ricordatevi che per
    entrare in casa di qualcuno occorre un
    mandato, e per avere un mandato occorrono
    prove solide.
    Il thread piu' che sulla criptazione degli
    hd dovrebbe prendere in considerazione
    l'anonimizzazione del traffico, ovvero
    cercare il programma di trasferimento
    anonimo piu' efficente;
    Non e' possibile avere un mandato solo
    perche' una persona genera molto traffico in
    rete nel caso quel traffico non sia
    riconoscibile.
    Non e' il caso di approfondire questo
    argomento?
    E comunque finche' non passano gli
    emendamenti c'e' tempo per fare qualcosa,
    siamo in prossimita' di elezioni e possiamo
    sfruttare questa situazione alzando la
    protesta.Questa cultura poliziesca che avete imparato dai telefilm è veramente agghiacciante...il MANDATO non ESISTE!! Si chiama DECRETO DI PERQUISIZIONE E SEQUESTRO.
  • ilmusico scrive:
    Ma cosa avremmo dovuto aspettarci?
    Ma cosa avremmo dovuto aspettarci , da questa legge Urbani? Equità? Scordiamocelo! Da quella gente ,non può venire niente di buono. Quella legge, nata male, è finita peggio (per tutti noi) -Quand' anche non fossi ( e non lo sono) uno abituato a scaricare musica e quant'altro, rimarrebbe il fatto che , in base ai principi democratici (ma esistono, poi?)che questa legge, come altre, dimostra la vera natura di questo governo. Non credo sia necessario, approfondire questo dato di fatto. Una minoranza, è stata in grado di mortificare ed umiliare milioni di navigatori di internet.Complimenti a questi individui , molto democratici purché si faccia quello che dicono loro! Basterebbe non acquistare i cd "legali", i dvd "legali" per far capire ( e non è detto che ci si riuscirebbe)ai produttori che forse, anche i consumatori, hanno le loro ..."armi" . Ma in Italia, non esiste compattezza sociale per cui, la controparte è molto probabile che riuscirà ad imporre la sua prepotenza su tutti coloro che son soliti acquistare i cd e quant' altro. Coloro che scaricano, avranno ,anzi, hanno, l' onore di essere dei perseguitati di nuovo tipo... Non è poco, direi!Che non ci vengano mai più , a parlare di Democrazia, questi Farisei in doppio petto e non soltanto per questo problema.Ci farebbero una bella figura: sarebbero onesti, almeno una volta nella loro vita! saluti da il musico
  • Anonimo scrive:
    Re: ancora penale?
    - Scritto da: Anonimo


    - Scritto da: Anonimo

    ma lo sanno cosa comporta essere stato

    giudicato e ritenuto colpevole per un
    reato

    penale (anche se si è scaricato
    solo

    l'ultima canzone dei luna pop)? ma
    questi

    leggiferano senza un minimo di
    coscienza e

    senso delle proporzioni?

    Per queste persone non è reato
    corrompere i giudici, o il falso in bilancio
    (e poi ci sono i crack Parmalat, Cirio...),
    ma scaricare qualche canzone...
    Ricordiamocene!Se consideri che per i magistrati non è reato appartenere ad Al Qaeda , "essere simpatizzanti" .. :|Tanto è che ne hanno appena scarcerati 3 in Italia.. :(Per non parlare poi dei vari criminali che hanno sconti di pena e finiscono in "comunità di recupero" dopo pochi mesi "di prigione".. cioè di pensione pagata con le nostre tasse.. visto che in Italia le prigioni sembrano asili nido .. :|:(:(
  • Anonimo scrive:
    I magistrati per politica faranno...
    ...in modo che questa ennesima legge venga applicata al massimo, non perchè gliene freghi eccessivamente dei loschi interessi dietro il copyright atti a tenere i prezzi gonfiati, ma perchè così potranno colpire il governo di centro destra, per meri fini politici. Il fatto è che quando la gente verrà colpita da questa legge non è che i magistrati si metteranno a far distinzioni chi vota a sinistra e chi vota a destra... In ultima analisi migliaia di persone avranno la vita rovinata per queste ipocrite ed insulse leggi "tutela copyright" "anti pirateria" che servono solo a mantenere lo status quo dei prezzi alti e multe aggiunte per fregare meglio i cittadini. Questi genietti del marketing ed avvocatucoli di RIAA/MPAA/BSA/SIAE/FIMI e compagnia bella dovrebbero essere licenziati tutti, così sì che i prezzi scenderebbero. Sono loro le uniche sanguisughe nelle multinazionali, che fanno finta di rappresentare.
  • Anonimo scrive:
    Re: è visibile il disco "montato"???
    - Scritto da: Anonimo
    grazie è molto utile la tua
    spiegazione!!! ti ringrazio!
    giorni fa ho letto che peer guardian, che in
    teoria è un firewall per gli ip dell
    società anti-p2p, fa l'esatto
    contrario, è vero??Peerguardian e protowall rifiutano qualsiasi iterazione di qualsiasi tipo con tutti gli ip che compaino nella lista nera che metti a disposizione dei quei programmi.Peerguardian esamina le connessione che arrivana e le chiude al volo, protowall invece inserisce un suo driver attraverso cui passa il traffico e nega il passaggio dei dati da o verso un ip compreso nella lista nera.Un programma di firewall non fa uso di liste nere ma semplicemente imopone delle regole alle connessioni in ingresso e uscita , regole che spesso sono personalizzate programma per programma, lo scopo del firewall quindi e' solo di proteggere i tui programmi e servizi dagli attacchi provenienti dall'esterno o dall'nterno che tentano di sfruttarne i difetti.Se tutto il software e il sistema operativo e' esente da buchi o flaw il software di firewall non e' necessario.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ovvove!
    - Scritto da: Anonimo
    Solo per imparare,
    in che cosa e sbagliato dire cosi?al posto di "più equilibrate" sarebbe meglio usare equee in quanto usare l'accrescitivo più con il termine equlilibrate non è sintatticamente corretto: un cosa è equilibrata oppure no...non si può essere contemporaneamente in equlibrio e non esserlo (lasciamo stare la definizione di equlilibrio instabile che ha attinenza con gli oggetti fisici e non con con il contesto di questo articolo ;) )"e più giuste" inutile ripezione: col termine equee si condensava la definizione di pena proporzionata al delitto commesso.:|
  • Anonimo scrive:
    Il thread e' degenerato
    Stiamo affrontando una serie di soluzioni techiche che sono veramente esagerate rispetto alla nostre necessita', siamo in italia ed esistono delle garanzie per l'imputato a differenza di altri paesi, quindi le soluzioni di criptazione estremo o di stenografia sono ben molto oltre le nostre necessita'.E comunque ricordatevi che gli emendamenti non sono passati e vista la situazione potrebbero anche non passare, i problema semmai andrebbe rivolto su come scambiarsi i dati senza che ci sia la possibilita' di essere tracciati; ricordatevi che per entrare in casa di qualcuno occorre un mandato, e per avere un mandato occorrono prove solide.Il thread piu' che sulla criptazione degli hd dovrebbe prendere in considerazione l'anonimizzazione del traffico, ovvero cercare il programma di trasferimento anonimo piu' efficente;Non e' possibile avere un mandato solo perche' una persona genera molto traffico in rete nel caso quel traffico non sia riconoscibile.Non e' il caso di approfondire questo argomento?E comunque finche' non passano gli emendamenti c'e' tempo per fare qualcosa, siamo in prossimita' di elezioni e possiamo sfruttare questa situazione alzando la protesta.
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta facile
    - Scritto da: Anonimo
    Quello che sfugge è che la polizia
    è molto ben attrezzata quando si
    parla di crittografia e dati nascosti. I
    tecnici che svolgono questo mestiere sono
    molto preparati e non hanno nulla a che fare
    con il carabiniere coi baffi che ti chiede
    patente e libretto.Se la matematica non e` un opinione allora non possono fare proprio niente contro la crittografia.Quello che possono fare e` indagare con metodi classici che sono molto piu` efficaci, per trovare la chiave o fartela sputare per sfinimento a forza di pesanti interrogatori e velate minacce.In effetti possono anche mandarti a casa e piantare un keylogger hardware o software e aspettare che immetti la chiave segreta.O anche semplicemente darti la punizione che meriti in base all'occultamento delle prove invece che al p2p - e` il risultato che conta...
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta facile
    - Scritto da: Alex¸tg
    E se i dati crittati presentassero un
    livello di entropia diverso da quello di
    dati genuinamente casuali?
    Teoricamente non dev'essere cosi`, il principio base ispiratore d tutte le tecniche moderne e` che il protocollo non deve disseminare NESSUNA informazione sui dati originali, e questo vuol dire assolutamente proprio nessuna.
    credo in teoria le informazioni presenti in
    un settore da 512 bytes che contiene,
    diciamo, un frammento di file MP3, possano
    essere una quantita` determinata, con un
    tipico livello di entropia (con questa
    parola intendo con quanta "varieta`" i bytes
    appaiono e/o si ripetono in un settore,
    quanto casuale risulta la loro
    configurazione)Suppongo che questo e` cio` che cercano di fare i matematici che studiano sta roba. Tutto il mondo si fida che se tali cervelloni non trovano vulnerabilita` significative, la cosa e` sicura.Io di base non mi fido di protocolli sponsorizzati dal governo americano, perche` nella versione finale potrebbero avere backdoor, quindi Rijndael/AES e (3)DES sono fuori gioco, ma ce ne sono molti altri tra cui il Twofish che e` stato diretto concorrente all'elezione di AES.Ma e` MOLTO piu` importante diffidare di programmi chiusi, a sorgente segreto, perche` e` probabile in questi casi incappare in backdoor stupide a livello d'implementazione. I precedenti non mancano. Ricordo il caso di un programma in cui nientemeno che la NSA aveva fatto accordi con la software house, per cui ad ogni file criptato ne veniva attaccata la chiave segreta, criptata anche quest'ultima perche` fosse indistinguibile dal resto.. con una chiave concordata con l'NSA !!! Morale usare solo programmi open source e NON fidarsi delle distribuzioni binarie trovate in giro.
  • Anonimo scrive:
    Re: ancora penale?
    - Scritto da: Anonimo
    ma lo sanno cosa comporta essere stato
    giudicato e ritenuto colpevole per un reato
    penale (anche se si è scaricato solo
    l'ultima canzone dei luna pop)? ma questi
    leggiferano senza un minimo di coscienza e
    senso delle proporzioni?Per queste persone non è reato corrompere i giudici, o il falso in bilancio (e poi ci sono i crack Parmalat, Cirio...), ma scaricare qualche canzone...Ricordiamocene!
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta facile
    Credo che intendesse usare il tool che scrive a caso solo per preparare le parti inutilizzate del disco a risultare indistinguibili da quelle crittate, ma appunto anche cosi` non funzionerebbe: quelle crittate non sarebbero uniformemente casuali, a un esame della distribuzione dei valori di ogni byte che contengono.
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk
    La steganografia, secondo me, sarebbe la soluzione piu` sicura. Vero pero`, che e` adatta solo per quantita` di dati fortemente limitate.
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta facile
    - Scritto da: Anonimo
    Prendi DBAN, utility freeware che serve a
    cancellare completamente una partizione o un
    intero hard diskah certo, sovrascrivere un disco di magari centinaia di giga con il protocollo di cancellazione sicura del dipartimento difesa americano e` sicuramente un'ottima idea...peccato che tale protocollo preveda di sovrascrivere tutto il fottuto disco con byte RANDOMICI, per VARIE voltei problemi sono tre:A) la generazione di numeri random a meno di hw dedicato che a seconda del computer puo` esserci o non esserci ( di solito non ) usa la cpu, e se hai un bagagliozzo un po vecchio potrebbe rallentare pure luiB) comunque scrivere in varie passate un disco come quelli odierni quindi a velocita` che sono nell'ordine di poche decine di MB/s, richiede MOLTO tempoC) invece tipicamente se ti stanno venendo a prendere non hai molto tempo per attuare le contromisure
  • Anonimo scrive:
    Re: prova e vedrai
    Avevo capito bene in cosa consisteva il trucco, ma anche avendo un disco interamente criptato, i dati criptati ci sono, e si puo` appunto capire che si tratta di dati criptati (per certo) e forse anche di che tipo di dati. Poi immagino che stabilito questo, vengano a casa mia con un mandato di perquisizione e cerchino il floppy di avviamento, no?
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk
    - Scritto da: Anonimo
    devi usare una
    crittografia piuttosto forte e la dimensione
    aumenta e come. Se il tool che dici tu non
    aumenta lo spazio richiesto allora non si
    tratta di crittografare ma di "offuscare" e
    non ti aspettare grandi risultati.Quelli che non conoscono abbastanza bene l'argomento potrebbero anche evitare di disinformare...Gli algoritmi crittografici piu` forti come Rijndael o Twofish non aumentano affatto la dimensione dei dati.Invece e` cio` che potrebbe fare proprio una tecnica di offuscamento, come si usa (OLTRE alla crittografia) in certi protocolli di networking tra cui forse anche quello dei remailer anonimi mixmaster.In pratica si aggiunge roba a cazzo per uniformare le trasmissioni, incasinando cosi` chi cerca di capire almeno l'origine e la destinazione dei messaggi analizzando le quantita` di traffico che vanno e vengono. Si mettono anche lunghe latenze per lo stesso motivo.Quello che aumenta la dimensione dei dati e` la steganografia. E` piuttosto intuitivo dato che il principio e` nascondere i segreti (crittografati sempre) in mezzo ad altre cose, ad esempio inserendo parti non significative in file grafici di tipo bitmap come jpg png gif bmp e company.Purtroppo il file-contenitore dev'essere molto ma molto grande per farci stare dentro dei giga di roba... e per questo motivo desta sempre sospetti, anche se lo scopo della steganografia e` pur sempre che sia impossibile provare che c'e` qualcosa.
  • Anonimo scrive:
    Re: è visibile il disco "montato"???
    ahh mi dispiace! cmq ho sentito che aumenteranno la copertura!!! te lo auguro!
  • Anonimo scrive:
    Re: A chi diceva di andare in cina...

    In Italia la sinistra non esiste, c'è
    il centro-ultradestraignobile e ilmacche', neanche quello, e' il centro-che-si-destreggia, Fini ha detto che il fascismo e' stato il male assoluto e intanto e' alleato con Bossi: ieri eravamo in pochi a chiamare Patria l'Italia, oggi siamo pappa e ciccia con quello che col tricolore ci si puliva qualcosa. Chissa' come la chiama l'Italia, l'alleato di Fini...E comunque a protestare contro l'istituto del co.co.co-co.co.pro ci sono rimasti solo i ragazzi della destra sociale, la sinistra fa finta di non ricordarsi che e' nato tutto con una legge voluta da D'Alema. Certe volte, se mi voglio leggere qualcosa di "sinistra", mi tocca leggere i siti della destra sociale. Che il lavoro umano non e' una merce ma un qualcosa che attiene alla dignita' dell'individuo e' qualcosa che a sinistra non si legge piu'...
  • Anonimo scrive:
    Re: è visibile il disco "montato"???
    Boh? Spiacente, di quello non so nulla, anche perche` non uso software P2P dai tempi delle prime versioni di Napster, e comunque ci potrei fare ben poco perche` ho una dialup, e la zona non e` coperta da ADSL...
  • Anonimo scrive:
    Re: tecnico incaricato

    PROVARE LE COSE PRIMA
    DI CRITICARLE.....Ma che è successo? Ti ha lasciato la ragazza? Ti è morto il cane? Problemi sul lavoro?E rilassati che ti fa bene e vivi meglio!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    siamo alla frutta
    come dire: sei accusato di omicidio... non troviamo la pistola in casa tua... bene, QUINDI ne deduco che l'hai nascosta... QUINDI deduco che sei colpevole!bah!
  • Anonimo scrive:
    prova e vedrai
    fai una prova, su una macchina sacrificabile: installa dcpp 2.6, funziona bene ed è... personalizzabile... usa una partizione win2000 o winxp, crea anche il dischetto di emergenza, poi sovrascrivi il boot record di dcpp con un qualsiasi gestore di boot multipli in modo da cancellare l'unica porzione di dcpp che rimane visibile. Poi metti via il dischetto, e prova a vedere cosa trovi di sospetto nel tuo computer. Non troverai niente. Non riuscirai più a fare il boot nè a trovare tracce di software di crittografia.Poi fai la stessa cosa su un disco con 2 s.o. separati in 2 partizioni diverse. Criptane uno e lascia in chiaro l'altro. Crea il dischetto di emergenza di dcpp. Installa il gestore di boot multipli. A questo punto, senza il dischetto, potrai fare il boot solo del sistema in chiaro. E non ci saranno tracce di software di crittografia. Se perdi il dischett, anche conoscendo la password, non riuscirai più ad aprire la part. criptata perchè dcpp oltre alla tua password si crea anche una chiave random che risiede nel dischetto. Il punto fondamentale consiste nel sovrascrivere il boot loader di dcpp con un altro boot loader "pulito", che si prenda per sè la traccia 0 del disco, in modo che non resti traccia del bootloader di dcpp.ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: tecnico incaricato

    Pero` a quel punto forse non partirebbero
    indagini piu` mirate, volte a cercare la
    chiave di cifratura (a casa del sospettato),
    e non una banale password di un banale
    account? Il dischetto dove lo faccio
    sparire, lo mangio?Effettivamente questo non è il periodo più adatto per tenere dati criptati sul proprio hd e mangiarsi la chiave, specie se da nascondere ci sono solo dei banali mp3 e non un database con i numeri di conto dei depositi di al quaeda nelle banche svizzere. Probabilmente potresti trovarti nella situzione di sperare che su qualche player sia rimasto l'indirizzo del file mp3 che ti sei ascoltato e che si trovava sull'hd al fine di poter dimostrare che stavi solo cercando di nascondere materiale protetto da diritto d'autore.
  • Anonimo scrive:
    Re: MAGARI!
    - Scritto da: Anonimo
    Spero che se mi dovesse capitare, sia tu
    l'incaricato... sai le
    risate!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Purtroppo per te, per l'appunto non chiamerebbero mai ME, ma qualcuno con diverse palle in piu`, ma io dalla parte del "ladro" e non della "guardia", come farei a sapere cosa fare di preciso per essere in una botte di ferro? Io non mi affiderei a una cosa del genere, anche se ammetto che probabilmente potrebbe complicare le cose agli esperti "veri".
  • Anonimo scrive:
    MAGARI!
    Spero che se mi dovesse capitare, sia tu l'incaricato... sai le risate!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Re: crittografare l'hard disk
    - Scritto da: Anonimo
    ma xkè crittografare tutta una
    partizione??
    non basta fare un disco virtuale col
    programma stesso???Un disco "virtuale"? Cos'e`?
    così si mette il file in un posto
    poco accessibile, si disistalla il programma
    ed è tutto più difficile!!!Se e` sull'HD, mi sa che non e` per niente "poco accessibile"... l'HD si puo` leggere tutto cosi` com'e`, settore per settore e senza curarsi di quale file system contengano le varie ed eventuali partizioni, alla ricerca di stringhe di bytes specifiche. Ed e` una cosa davvero facilissima, sia in termini di uso di un programma che lo fa, sia che uno debba scriversi un softwarino per farlo: una chiamata al dispatcher 13h del BIOS, funzione 42h (lettura settori con Disk Access Packet), e` davvero composta da pochissime righe di codice.
  • Anonimo scrive:
    Re: tecnico incaricato

    aver lasciato traccie o riferimenti nella
    varie applicazioni che hanno avuto accesso
    alla partizione potrebbe destare sospetti,Leggi bene: ANCHE LE APPLICAZIONI, ANCHE IL SISTEMA OPERATIVO è completamente criptato. Puoi fare normalmente il boot con windows 98, e poi con il dischetto con la chiave puoi avviare un windows xp completamente criptato COMPRESO SE STESSO E LE APPLICAZIONI E I FILE TEMPORANEI E IL REGISTRY E LA CACHE DI EXPLORER eccetera eccetera eccetera... PROVARE LE COSE PRIMA DI CRITICARLE.....
  • Anonimo scrive:
    Re: A chi diceva di andare in cina...

    Che poi il
    grancapo si sia guardato bene dal
    denunciarlo, preferendo un perdono molto
    piu' telegenico...A te risulta cosi? A me risulta che sto poveraccio invece se la stia vedendo con la schiera di avvocati del grancapo che a quanto pare è molto vendicativo, esattamente come era successo al tipo che gli aveva urlato qualcosa tipo "fatti giudicare" il giorno della sua dichiarazione spontanea in tribunale. Per rendere le cose "teleigeniche" ha a disposizione ben altri mezzi che a quanto pare non esita ad utilizzare.
  • Anonimo scrive:
    Re: tecnico incaricato
    - Scritto da: Anonimo
    Anche se per assurdo fosse possibile
    stabilire che:
    1) Esiste una partizione criptata
    2) Contiene dei file video

    Questa ancora non è una prova
    sufficiente (potresti avere legittimamente
    criptato i video delle tue performance
    amorose con la tua fidanzata! )
    ;)Giusto :)Pero` a quel punto forse non partirebbero indagini piu` mirate, volte a cercare la chiave di cifratura (a casa del sospettato), e non una banale password di un banale account? Il dischetto dove lo faccio sparire, lo mangio?
  • Anonimo scrive:
    Re: è visibile il disco "montato"???
    Ripeto, nel momento in cui è montata la partizione è visibile. Se qualcuno riesce a intromettersi sulla tua macchina e a vedere il contenuto del tuo hd, vedrà anche il contenuto di questa partizione.
  • Anonimo scrive:
    Re: A chi diceva di andare in cina...
    Beh che non dica niente nessuno non e' proprio vero... oppure non hai seguito le dichiarazioni dell'intero entourage del grancapo (chi e' che gli ha dato del terrorista al treppiedista?). Che poi il grancapo si sia guardato bene dal denunciarlo, preferendo un perdono molto piu' telegenico, e' un altro discorso. Ma di cose ne han dette, e a bizzeffe, di portata ben piu' grave di un treppiede lanciato in un momento di frustrazione (ed in ogni caso era meglio se evitava, questo e' certo).
  • Anonimo scrive:
    Re: è visibile il disco "montato"???
    ma nn intendevo prendere il tecnico e fargliela vedere montata...!!!intendo dire: se sn su internet e ho la partizione montata, un hacker che vuole entrare nel mio pc la vede come la vedo io??? è questo il mio dubbioe cmq con un buon firewall che blocca le intrusioni dovrei avere problemi???
  • Anonimo scrive:
    Re: è visibile il disco "montato"???
    - Scritto da: Anonimo
    Ma quando faccio una partizione, la cripto,
    nessun hacker e esperto riuscirebbe a
    vederne il contenuto,
    ma quando il disco "invisibile" è
    montato.....cosa succede?
    viene visualizzato nel pc di un hacker?? o
    è ricriptato tutto come prima?Ma una partizione non e` mai fisicamente invisibile: al limite la si vede come uno spazio non dichiarato del disco rigido, che puo` essere vuoto, ma che se contiene dati di qualsiasi sorta emerge come qualcosa che e` usato o che e` stato usato.
    spero in una vostra risposta è da
    giorni che la cerco!!!
    chiaritemi il funzionamento! grazie!Il funzionamento della tabella delle partizioni e` semplicissimo: essa risiede sul primo settore fisico del disco, all'indirizzo LBA contrassegnato come 0 (blocco zero, il primo). La dimensione di un settore e` standardizzata in 512 bytes, quindi anche il primo settore e` 512 bytes. Il primo settore si chiama MBR (Master Boot Record) e contiene un piccolo frammento di codice macchina che funge da caricatore per la partizione attiva. Il frammento di codice e` di 446 bytes esatti: il resto e` occupato da 4 gruppi di dati per altrettante partizioni dette "partizioni primarie", e un resto di 2 bytes che corrispondono sempre al valore esadecimale 0x55AA, che e` una semplice firma per il BIOS: quando quella firma e` presente, si suppone che il master boot record contenga una tabella di partizioni primarie valida.Ogni partizione primaria e` composta di 16 bytes di dati, che identificano le coordinate del primo settore della partizione in questione, e la sua lunghezza in settori di 512 bytes ciascuno. Ognuno di questi campi e` di 32 bit e quindi va da se` che avremo qualche difficolta` per dischi piu` grandi di 512 x 2^32 bytes, cioe` piu` grandi di 2 TeraBytes, ma a parte questa preoccupazioncina per il futuro... per rendere una partizione invisibile al limite si puo` cambiare il byte che ne identifica il tipo di file system (quel byte fa parte di quei 16 byte suddetti), o anche svuotare del tutto quei 16 bytes, ma tutto li`: non succede nulla ad altre parti del disco, e non e` che una parte dello stesso divenga invisibile o illeggibile, solo che un sistema operativo non ci vedrebbe una partizione perche` non risulta dalla tabella come spazio riservato a una delle partizioni. Poi c'e` il discorso delle partizioni estese, il cui primo settore costituisce un'altra tabella con 4 registrazioni, che a sua volta puo` rimandare ad altre tabelle (altre partizioni estese) ma il concetto e` il solito.==================================Modificato dall'autore il 01/02/2005 11.59.12
  • Anonimo scrive:
    Re: tecnico incaricato
    - Scritto da: Alex¸tg
    - Scritto da: Anonimo


    Secondo me piuttosto dice che è
    tutto

    a posto, che nel pc non c'è
    niente

    (il che è vero, a tutti gli
    effetti),

    viene pagato, e finisce tutto.

    Non mi chiamerebbero mai, pero` se
    dipendesse da me, prima di arrendermi
    vaglierei quali software piu` o meno
    popolari possono essere usati per fare una
    cosa del genere, e con essi proverei a
    criptare su una macchina di prova una
    partizione con files MP3, un AVI, ecc... poi
    calcolerei la variabilita` dei bytes nei
    dati crittati di prova, e la confronterei
    con quella calcolata su frammenti della
    stessa lunghezza del computer "sospetto".
    Ovviamente facendo anche una controprova che
    so, con un lungo file di testo per vedere
    che livello di variabilita` ottengo da li`.
    Non si potrebbe ottenere il file crittato,
    ma forse riuscirei a capire che ci sono
    files dei tipi considerati sospetti. Se
    qualcuno sa per certo che una cosa del
    genere non si potrebbe fare, allora mi
    arrendo...Anche se per assurdo fosse possibile stabilire che:1) Esiste una partizione criptata 2) Contiene dei file videoQuesta ancora non è una prova sufficiente (potresti avere legittimamente criptato i video delle tue performance amorose con la tua fidanzata! );)
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Re: crittografare l'hard disk
    ma xkè crittografare tutta una partizione??non basta fare un disco virtuale col programma stesso???così si mette il file in un posto poco accessibile, si disistalla il programma ed è tutto più difficile!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: è visibile il disco "montato"???
    quando la partizione è montata diventa ovviamente visibile come qualunque altra partizione.
  • Anonimo scrive:
    Re: tecnico incaricato
    - Scritto da: Anonimo
    Secondo me piuttosto dice che è tutto
    a posto, che nel pc non c'è niente
    (il che è vero, a tutti gli effetti),
    viene pagato, e finisce tutto.Non mi chiamerebbero mai, pero` se dipendesse da me, prima di arrendermi vaglierei quali software piu` o meno popolari possono essere usati per fare una cosa del genere, e con essi proverei a criptare su una macchina di prova una partizione con files MP3, un AVI, ecc... poi calcolerei la variabilita` dei bytes nei dati crittati di prova, e la confronterei con quella calcolata su frammenti della stessa lunghezza del computer "sospetto". Ovviamente facendo anche una controprova che so, con un lungo file di testo per vedere che livello di variabilita` ottengo da li`. Non si potrebbe ottenere il file crittato, ma forse riuscirei a capire che ci sono files dei tipi considerati sospetti. Se qualcuno sa per certo che una cosa del genere non si potrebbe fare, allora mi arrendo...
  • Anonimo scrive:
    Re: sciocchezze
    da quello che intende credo volesse usare un metodo per nascondere i dati oltre che crittografarli, piu' o meno l'opzione del DC di nascondere dati dentro dei files wave gia' preesistenti;in tal caso effettivamente sono richiesti pu' dati poiche' bisogna cercare di conservare anche la funzionalita' del wave originale;mi piacerebbe sapere quanto si riesce a far stare dentro uno di questi files contenitori, ovvero il livello di efficenza.E' chiaro comunque che un metodo del genere e' stato creato per nascondere dati sensibili laddove vengano a mancare i piu' classici diritti umanitari (es la Cina dove la liberta' di parola non esiste e una partizione criptata puo' essere veramente un problema solo per esserci.).
  • Anonimo scrive:
    Re: tecnico incaricato
    Se le cose vanno così allora va bene, ma potrebbero realmente andare diversamente. Innanzitutto una partizione criptata con tutti le precauzioni del caso, quindi senza aver lasciato traccie o riferimenti nella varie applicazioni che hanno avuto accesso alla partizione potrebbe destare sospetti, proprio perchè il reato è di per se banale e uno non si aspetterebbe tutte queste precauzioni. Se viene richiesta una perizia più approfondita e l'hd viene mandato a chi di competenza allora c'è davvero da temere. Saremo pure il paese delle banane, ma nella polizia informatica ci sono competenze e mezzi al di sopra dell'aspettativa comune.
  • Anonimo scrive:
    Re: anche se fosse
    - Scritto da: Anonimo
    anche se fosse, chi sarebbe capace di farlo,
    qui in italia? Ti rendi conto di cosa
    comporterebbe, per un reato così
    banale, avviare indagini così lunghe
    e costose???Sissi`, ma non voglio dire che l'idea non sia valida.Magari lo e`, pero` ho i miei dubbi.
    E comunque aes256 è considerata una
    crittografia assolutamente sicura.Gia`, ma sicura in che senso? Nel senso che non si possono recuperare i dati a meno di non avere la chiave, oppure che non si puo` neanche capire che ci sono dei dati nascosti? E cosa comporta, legalmente, la scoperta che ci sono dei dati nascosti che forse potrebbero essere rilevati come filmati, audio e altra roba compressa coi vari standard MPEG?
  • Anonimo scrive:
    è visibile il disco "montato"???
    Ma quando faccio una partizione, la cripto, nessun hacker e esperto riuscirebbe a vederne il contenuto,ma quando il disco "invisibile" è montato.....cosa succede?viene visualizzato nel pc di un hacker?? o è ricriptato tutto come prima?spero in una vostra risposta è da giorni che la cerco!!!chiaritemi il funzionamento! grazie!
  • Anonimo scrive:
    Re: sciocchezze

    affittano un supercomputer della CIA per
    darti una multa di 1000 euro?
    Non ne hanno bisogno, ce li hanno anche loro.
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta facile
    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=879531
  • Anonimo scrive:
    anche se fosse
    anche se fosse, chi sarebbe capace di farlo, qui in italia? Ti rendi conto di cosa comporterebbe, per un reato così banale, avviare indagini così lunghe e costose???E comunque aes256 è considerata una crittografia assolutamente sicura.
  • Anonimo scrive:
    tecnico incaricato
    Da quello che si sente raccontare, il tecnico incaricato in genere (almeno, per questo tipo di reati così banali) è un perito terzo, nominato dal tribunale, che non sa niente delle precedenti indagini. Accende il pc, parte windows, non trova niente di illegale, poi trova una partizione non formattata, sospetta che sia criptata, ma non trova nessuna traccia di software di crittografia... che fa? la figura dell'ignorante? Se dice al magistrato che c'è una partizione criptata, il magistrato mi chiede la password, io gliela rivelo (quella di login amministratore, ovvio...), e poi il magistrato dice al tecnico: ecco la password, inseriscila che vediamo... e lui dove caxxo la inserisce, che il sw di crittografia NON C'E'?Secondo me piuttosto dice che è tutto a posto, che nel pc non c'è niente (il che è vero, a tutti gli effetti), viene pagato, e finisce tutto.
  • Anonimo scrive:
    [OT] Re: crittografare l'hard disk
    - Scritto da: Anonimo
    Ancora con sta' stupidita' della
    crittografazione....giusto, torniamo ai termini non inventati, crittografia e crittazione! ;)KaysiX
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta facile
    Quello che sfugge è che la polizia è molto ben attrezzata quando si parla di crittografia e dati nascosti. I tecnici che svolgono questo mestiere sono molto preparati e non hanno nulla a che fare con il carabiniere coi baffi che ti chiede patente e libretto.
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta facile
    - Scritto da: Anonimo
    Indagato: "L'avevo cancellata un paio di
    anni fa per installarci il nuovo windows, ma
    poi ho cambiato idea perchè non avevo
    una licenza... sa, non volevo rischiare di
    violare la legge sul diritto d'autore!!!"E se i dati crittati presentassero un livello di entropia diverso da quello di dati genuinamente casuali? Non so dirlo con esattezza, perche` non conosco abbastanza profondamente i procedimenti che criptano i dati agendo su ogni singolo settore, ma credo in teoria le informazioni presenti in un settore da 512 bytes che contiene, diciamo, un frammento di file MP3, possano essere una quantita` determinata, con un tipico livello di entropia (con questa parola intendo con quanta "varieta`" i bytes appaiono e/o si ripetono in un settore, quanto casuale risulta la loro configurazione)... forse, e dico in teoria perche` in pratica non lo so se esistono programmi che lo facciano, e` possibile rilevare il tipo di dati contenuto da un settore della partizione anche se questa e` criptata?
  • Anonimo scrive:
    corso universitario???
    sono cose che vengono studiate da esperti, certo non bastano due righe a spiegarlo. Comunque è normale, tutti gli algoritmi di crittografia lasciano la dimensione dei dati uguale a quella di origine. Non c'è niente di strano. Anche la macchina enigma dei tedeschi durante la guerra faceva così. L'algoritmo del blowfish ad esempio prevede una sequenza di operazioni logiche, nelle quali viene usata la chiave, tale che alla fine risulta impossibile capire quali erano i dati di partenza.
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk
    Ancora con sta' stupidita' della crittografazione....
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk
    - Scritto da: Anonimo
    In caso di indagine, quando viene
    identificato un indirizzo IP da cui,
    attraverso un protocollo x, vengono
    condivisi dei file, siamo ancora a livello
    di sospetto. Non basta per una condanna,
    sarebbe troppo poco come provaCome no, lo sai o tiri a indovinare?
    devono verificare che i file
    siano davvero opere protette (mi piacerebbe
    sapere come questo avviene, tra l'altro:
    ascoltano la musica? guardano i film e
    confrontano i fotogrammmi, o basta la
    trama?).Basta la testimonianza del tipo che ti ha analizzato il pc che dira` che e` pieno di opere d'autore + o - famose. Sarebbe la verita` e sarebbe ovvio a tutti.
    La partizione appare come
    "non formattata" a qualunque software di
    indagine.Che ci siano o meno partizioni formattate o no, per i sw utilizzati dalle polizie non conta granche`. Fanno un analisi byte per byte cercando header di formati conosciuti (tipo immagini, x il pedo) e stringhe con parole chiave rilevanti al caso.In mezzo a roba criptata ovviamente non emerge nulla e vabbe ma...
    In caso di problemi, basta far sparire il
    floppy disk,(romperlo, tagliarlo a pezzi) e
    la partizione criptata, con tutti i dati e i
    software p2p, cesserà di esistere per
    sempre, insieme alla prova che sia mai
    esistita.Definizione pretenziosa per un bloccone di facciamo 100 giga di byte perfettamente random.Il tecnico incaricato queste cose le sa meglio di te, e osservando il disco e l'output dei suddetti programmi specializzati, si accorge che il grosso del disco e` criptato. Non ci vuole mica un dottorato in informatica.Il resto non so dire come si svolga ma probabilmente hanno gia` opportune e testate procedure per incastrarti, una potrebbe essere il semplice interrogatorio, a cui non e` tanto facile resistere a lungo senza una seria preparazione.E comunque anche la posizione legale di chi nasconda roba con la crittografia e` tutta da scoprire. Si tratta pur sempre di occultamento di prove che e` sicuramente un reato previsto in qualche altro pezzo di legge.
  • Anonimo scrive:
    risposta facile
    Prendi DBAN, utility freeware che serve a cancellare completamente una partizione o un intero hard disk prima di reinstallare un altro sistema operativo per essere sicuri di avere un disco pulito: ebbene una delle opzioni di DBAN è proprio di riempire la partizione di dati random. Cosa che tutti i bravi sistemisti fanno, prima di ogni installazione.Magistrato: "E questa partizione non usata, da 80 Giga, a cosa servirebbe"?Indagato: "L'avevo cancellata un paio di anni fa per installarci il nuovo windows, ma poi ho cambiato idea perchè non avevo una licenza... sa, non volevo rischiare di violare la legge sul diritto d'autore!!!"burp... cya
  • Anonimo scrive:
    Re: sciocchezze
    Uhm... mi domando come funzioni: forse mischia i 512 bytes di un settore secondo una tabella pseudo-casuale generata dal codice d'accesso, dopo magari averli anche mascherati sempre secondo la stessa, o un'altra, tabella derivante dal codice?
  • Anonimo scrive:
    sciocchezze
    hai detto delle cose non vere.Prendi ad esempio le routine di crittografia blowfish (trovi i sorgenti in rete), oppure aes: la dimensione dei dati criptati è identica a quella dei dati in chiaro, nonostante la dimensione delle chiavi (256bit o più).Il file system rimane sempre dov'era prima, e occupa lo stesso spazio (tanto che la criptazione avviene su partizioni e dati preesistenti, e con la chiave giusta ritrovi tutto esattamente com'era.Il sw a cui mi riferisco è dcpp e funziona solo con windows 2000 o xp (non con 98), probabilmente perchè sfrutta il layer di virtualizzazione dei dispositivi hardware: ogni singolo settore (512byte) letto dal disco fisso viene decriptato prima di essere caricato in memoria ram, e viene criptato prima di essere riscritto sull'hard disk. Spegni o riavvii il computer, e tutta la partizione risulta assolutamente incomprensibile. E' marcata come partizione fat32 o ntfs, ma risulta non formattata, priva anche delle tabelle fat eccetera. E con una crittografia aes256, ci vorrebbero anni per decriptarla con la forza bruta. Inoltre, se fai il lavoro come si deve, il pc fa normalmente il boot da una partizione pulita, quindi apparentemente non stai nascondendo nulla. E poi cosa fanno, affittano un supercomputer della CIA per darti una multa di 1000 euro?burp... cya
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk
    - Scritto da: Anonimo
    2) in italia la facolta' di non rispondere
    e' un diritto e non piu' aggravare la
    situazione, quindi puoi permetterti di non
    formire informazioni su eventuali partizioni
    di natura sconosciuta, o comunque fornire
    intrpretazioni non verificabili (non
    formattata, sputtatana per errore, etc).Ho gia` sentito una cosa del genere giorni fa, e torno a dubitare che tali interpretazioni non siano verificabili. Una partizione non formattata, o danneggiata, e` molto diversa da una partizione con dati criptati.Le partizioni non formattate (neanche a basso livello) non sono leggibili del tutto.Le partizioni formattate a basso livello (cioe` che possiedono marcatori di settore che rendono possibili leggerle) sono riempite con un pattern uniforme, tipicamente il byte 0xF6.Le aree danneggiate riportano o tutti i bit a zero o tutti i bit a uno, ma sempre uniformemente: non esiste un danno che produca segnali piu` o meno casuali in cui l'entropia e` simile a quella di dati criptati.In conclusione, secondo me saprebbero benissimo che li` ci sono dei dati nascosti: poi bisogna capire che cosa comporta legalmente questo, ma la scusa del danno o della mancanza di formattazione non credo proprio che reggerebbe.
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk

    1) non e' cosi' fortunatamenteSe vuoi realmente criptarla in modo tale che un tecnico della polizia (specializzato su questo genere di cose) non la decripti nel giro di poche ore devi usare una crittografia piuttosto forte e la dimensione aumenta e come. Se il tool che dici tu non aumenta lo spazio richiesto allora non si tratta di crittografare ma di "offuscare" e non ti aspettare grandi risultati.
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk

    Tieni presente che un fs
    criptato occupa moooolto più spazio
    di quello normalmente richiesto.1) non e' cosi' fortunatamente2) in italia la facolta' di non rispondere e' un diritto e non piu' aggravare la situazione, quindi puoi permetterti di non formire informazioni su eventuali partizioni di natura sconosciuta, o comunque fornire intrpretazioni non verificabili (non formattata, sputtatana per errore, etc).
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk

    conviene lottare finche'
    c'e' speranza.Come? hai qualche idea?
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk
    Aspettiamo a fasciarci la testa, gli emendamenti devono ancora passare;potrebbero non passare e la questione essere rimandata avanti, conviene lottare finche' c'e' speranza.Se poi le cose vanno male allora si comincera' a parlare di criptazione di hard disk e delle comnicazione ma questo vuol dire avere perso proprio tutto.Diventare carbonari per valere le proprie ragioni e' veramente un brutto futuro.
  • Anonimo scrive:
    Comodato d'uso
    Facciano le leggi che gli pare, ne hanno il diritto (daltronde qualcuno li ha pure votati !?)... però, che sparisca la dicitura di "vendita" da CD e DVD in quanto ingannevole. Quando uno acquista qualcosa ne diventa il proprietario e quindi dovrebbe essere nelle sue facolta regalarlo, copiarlo, condividerlo ecc...Sostenere che con 20 euro ti "vendo" il cd musicale equivale a una truffa, in quanto in realtà con quella cifra io acquisto un comodato d'uso a tempo indeterminato. Quindi se è illegale condividere il contenuto di tale cd in un circuito p2p, dovrebbe essere illegale anche sostenere che tale cd è in vendita.
  • Anonimo scrive:
    Re: ancora penale?
    Purtroppo si!Ma gli emendamenti non sono ancora passati e verranno proposti nel ddl2980 (decreto di legge);si puo' far saltare il tavolo delle trattative e rimandare tutto alla prossima legislazione o aspettare che la legge attuale venga abbattua per altra strada.Qualsiasi soluzione alternativa non puo' essere peggiore di questa.Attenzione, la nuova formulazione e' molto piu' pericolosa di quella attuale, ricordate infatti che per una perquisizione occorre un mandato; avere un mandato per verificare il profitto e' molto piu' difficile di avere una mandato per lo share (la legge punisce chi mette a disposizione anche se alla fine non si riesce ad uploadare un byte).verificare durante un processo che esista il profitto e' difficile, e ancora piu' difficile e' che il giudice applichi una punizione grave come la galera per aver scambiato files (dopo aver dimostrato il profitto).Le stesse difficolta' non esistono se passano gli emendamenti; e' piu' facile avere il mandato, e' piu' facile verificare l'esistenza di materiale in share, e' piu' facile acquisire le prove e la pena non e' cosi' assurda da non essere applicabile.La formulazione attuale ribadisco e' destinata ad essere cambiata in un modo o nell'altro presto o tardi, la formulazione con gli emendamenti se passa non verra' tolta mai piu' perche' si integra perfettamente con le leggi di repressione che esistono da tempo.Il discorso e' semplice, O SI DEPENALIZZA O E' MEGLIO LASCIARE LE COSE COME STANNO.
  • Anonimo scrive:
    Re: crittografare l'hard disk
    """La partizione appare come "non formattata" a qualunque software di indagine"""La partizione appare come non formattata a windows, esattamente come qualunque altra partizione che lui non riesce a leggere (ossia tutte, ad eccezione di quelle formattate con fat/ntfs). Qualunque tecnico che prendesse sotto esame il tuo pc sarebbe comunque in grado di capire di che si tratta ma avrebbe comunque bisogno della chiave per decriptarla. Tieni presente che un fs criptato occupa moooolto più spazio di quello normalmente richiesto.
  • Anonimo scrive:
    Re: A chi diceva di andare in cina...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Lo voterò, perchè
    è il

    male minore, ma pur sempre un male.

    In Italia la sinistra non esiste, c'è
    il centro-ultradestraignobile e il
    centro-nonsappiamochisiamo_e_doveandiamoPeggio, ci sono i politici che fanno i propri interessi e quelli che fanno i propri interessi che fanno anche i politici.La differenza non c'è.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ovvove!
    direi proprio niente.
  • Anonimo scrive:
    crittografare l'hard disk
    Questi signori insistono a voler sbattere la gente in galera per dei bit che viaggiano su un cavo di rame. Bah, allora per un divieto di sosta ci vorrebbe la tortura. Dobbiamo imparare a difenderli, a ridicolizzarli, usando come armi le stesse cose che secondo loro sono strumenti criminali: i bit. Questi oggetti così semplici ma anche, se usati in un certo modo, così complicati e incomprensibili.In caso di indagine, quando viene identificato un indirizzo IP da cui, attraverso un protocollo x, vengono condivisi dei file, siamo ancora a livello di sospetto. Non basta per una condanna, sarebbe troppo poco come prova, per un reato penale. Occorre la prova tangibile, la perquisizione, devono trovare un pc con i file in una cartella condivisa da un programma p2p, devono verificare che i file siano davvero opere protette (mi piacerebbe sapere come questo avviene, tra l'altro: ascoltano la musica? guardano i film e confrontano i fotogrammmi, o basta la trama?).Se però trovano solo un computer completamente pulito, niente file "piratati" sul disco, niente software p2p, allora viene a mancare la prova. Niente corpo del reato, niente reato.Esistono dei software che permettono di criptare un'intera partizione completa di sistema operativo. La partizione appare come "non formattata" a qualunque software di indagine. E' possibile lasciare un'altra partizione in chiaro che fa il boot con un'altro sistema operativo pulito e senza tracce di software di crittografia (nè di p2p). L'unico pezzo di software che potrebbe rivelare che la partizione è criptata, può risiedere su un floppy disk. Senza questo floppy disk non c'è neppure un punto in cui il pc chiede di inserire la password. In caso di problemi, basta far sparire il floppy disk,(romperlo, tagliarlo a pezzi) e la partizione criptata, con tutti i dati e i software p2p, cesserà di esistere per sempre, insieme alla prova che sia mai esistita.Per quanto riguarda ciò che conservate su cd e dvd nella libreria del salotto, niente paura: la legge consente la copia privata di audiogrammi e videogrammi, e non è vero che serve possedere l'originale. Altrimenti sarebbe reato anche registrare un film dalla TV.Invece la legge italiana non permette di possedere copie di software illecitamente, neppure per uso personale. La crittografia risolve elegantemente anche questo problema.CYA
  • Anonimo scrive:
    Re: A chi diceva di andare in cina...
    - Scritto da: Anonimo
    Lo voterò, perchè è il
    male minore, ma pur sempre un male.In Italia la sinistra non esiste, c'è il centro-ultradestraignobile e il centro-nonsappiamochisiamo_e_doveandiamo
  • Anonimo scrive:
    Re: Ovvove!
    Solo per imparare,in che cosa e sbagliato dire cosi?
  • Anonimo scrive:
    ancora penale?
    ma lo sanno cosa comporta essere stato giudicato e ritenuto colpevole per un reato penale (anche se si è scaricato solo l'ultima canzone dei luna pop)? ma questi leggiferano senza un minimo di coscienza e senso delle proporzioni?
  • Anonimo scrive:
    A chi diceva di andare in cina...
    ...perchè secondo il signorino qui si sta bene:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=878192Certo, si sta veramente bene se accetti di essere un prodotto da supermercato, uno zombie da portafogli. Mi raccomando alle prossime elezioni votateli di nuovo, chissà che qualche panciuto politicante o qualche grasso miliardario delle major non possa approfittare della vostra consorte la prima notte di nozze, in fondo a questa nazione-barzelletta manca solo lo jus primae noctis, mi consenta!
    • Anonimo scrive:
      Re: A chi diceva di andare in cina...
      - Scritto da: Anonimo
      ...perchè secondo il signorino qui si
      sta bene:
      punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=878192

      Certo, si sta veramente bene se accetti di
      essere un prodotto da supermercato, uno
      zombie da portafogli. Mi raccomando alle
      prossime elezioni votateli di nuovo,
      chissà che qualche panciuto
      politicante http://img167.exs.cx/img167/6305/mortadella5ag.jpg
    • Anonimo scrive:
      Re: A chi diceva di andare in cina...
      - Scritto da: Anonimo
      Certo, si sta veramente bene se accetti di
      essere un prodotto da supermercato, uno
      zombie da portafogli. Mi raccomando alle
      prossime elezioni votateli di nuovo,
      chissà che qualche panciuto
      politicante o qualche grasso miliardario
      delle major non possa approfittare della
      vostra consorte la prima notte di nozze, in
      fondo a questa nazione-barzelletta manca
      solo lo jus primae noctis, mi consenta!Guarda, io ti do' ragione però... chi voto? Io sono di sinistra e a votare il mortadellone ex-democristiano mi viene il magone.Lo voterò, perchè è il male minore, ma pur sempre un male.
    • chemtrail scrive:
      Re: A chi diceva di andare in cina...
      In Cina al momento se dici in pubblico o in rete qualcosa contro il regime come minimo ti arrestano (per non parlare della pena di morte ancora vigente).In America denunciano i bambini che scaricano mp3Qua puoi anche tirare un treppiede il testa al presidente e non ti dice niente nessuno...Non so quale sia il posto migliore
  • Anonimo scrive:
    Ovvove!
    "rendere più equilibrate e più giuste"azzzz, piu' giuste, piu' sbagliate, piu' meglio, non si finisce mai di imparare.Ma una bella sQuola serale no ?Burp
Chiudi i commenti