Nuovo anno, nuovo OpenOffice

Con l'arrivo del prossimo anno, OpenOffice rinnoverà la propria sfida alla suite di Microsoft con due nuove versioni, la 1.1.4 e, più avanti, la 2.0. Nel frattempo è possibile scaricare anteprime e dizionari aggiornati


Roma – Per il più noto rivale open source di MS Office si avvicinano due importanti traguardi: il rilascio della versione 1.1.4, che consolida le fondamenta della suite e ne porta il codice a piena maturazione, e l’inizio della fase di beta testing della release 2.0.

OpenOffice 1.1.4, di cui è attualmente possibile scaricare la Release Candidate (RC) qui , si focalizzerà sostanzialmente nella risoluzione dei bug e nella limatura delle funzionalità già esistenti. Per avere un’idea dei problemi che andrà a risolvere, è possibile dare un’occhiata alle note di rilascio della RC.

Nelle scorse ore il PLIO , il Progetto Linguistico Italiano di OpenOffice.org, ha annunciato che la 1.1.4 sarà “la prima versione nella storia di OpenOffice.org rilasciata sotto l’egida dello stesso PLIO con licenza GPL”.

Per il codice della sua suite, OpenOffice.org utilizza sia le licenze GNU GPL/LGPL della Free Software Foundation, sia la licenza Sun Industry Standards Source License (SISSL): quest’ultima, secondo quanto scritto sul sito dedicato, “consente di utilizzare e modificare il codice di OpenOffice anche a quelle aziende che non possono o non intendono adottare la GPL”. Il sistema della doppia licenza viene utilizzato anche da diversi altri noti progetti open source, tra cui Perl e Mozilla.

Nelle scorse ore il PLIO ha anche annunciato il rilascio, sempre sotto licenza GPL, delle nuove versioni del dizionario e del thesaurus (dizionario dei sinonimi) sviluppate dalla comunità.

“Si tratta di due componenti molto importanti della suite, poiché la contraddistinguono dai prodotti proprietari per il loro costante aggiornamento, che riflette l’evoluzione della lingua italiana”, si legge in un comunicato diffuso dal PLIO. “Sia il dizionario che il thesaurus possono essere usati con tutte le versioni di OpenOffice.org comprese tra la 1.0.2 e la 1.9.x”.

La prossima major release di OpenOffice, la 2.0, è invece attesa per l’inizio della prossima primavera. Una pre-beta (1.9.m65) è stata rilasciata negli scorsi giorni qui , mentre la beta vera e propria dovrebbe arrivare a gennaio.

Fra le più vistose novità della versione 2.0 c’è l’integrazione, nella suite, del motore di database open source HSQL. Quest’aggiunta va a colmare, almeno in parte, una lacuna che OpenOffice attualmente ha nei confronti dei concorrenti commerciali StarOffice e MS Office: il primo, basto sul codice di OpenOffice, include infatti il database Adabas di Software AG; il secondo, come noto, è invece accompagnato da Access.

Affinché HSQL possa essere utilizzato anche dagli utenti senza esperienza di programmazione, OpenOffice 2.0 includerà un front-end grafico chiamato Base: quest’ultimo potrà essere utilizzato per creare database, report e query, e sarà in grado di importare i file da dBase, MS Access, MySQL ed altri database.

Gli sviluppatori di OpenOffice hanno poi lavorato per migliorare la compatibilità con i formati di MS Office, e in special modo quella con i documenti di Word: questi ultimi, quando importati in Write, conserveranno con più accuratezza la disposizione degli oggetti grafici e delle tabelle.

La prossima major release di OpenOffice rinnoverà poi l’aspetto dell’interfaccia utente: le barre degli strumenti sono state modificate, e saranno maggiormente configurabili e personalizzabili, anche per quanto riguarda l’aspetto estetico.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    tin adsl senza telefono
    vorrei segnalare la mia esperienza.Possiedo da circa 8 mesi una linea adsl tin.it senza allaccio telefonico.Per ragioni personali devo trasferirmi dalla mia attuale abitazione, ho telefonato a tin.it per chiedere informazioni sulla procedura.....mi hanno risposto che la mia linea non si puo' spostare e che quindi devo perdere il servizio,Vi pare plausibile?Voi che mi consigliate?Vi sembra normale dover perdere un servizio di cui ho bisogno solo perche' devo cambiare casa?
  • Anonimo scrive:
    emendamenti legge urbani
    ho visto un lancio di agenzia secondo il quale si sta discutendo alla camera il decreto urbani,fateci sapere le novità grazie
  • Anonimo scrive:
    SI PUO' O NON SI PUO'?
    io ho l' ADSL tin.it e la linea voce che non utilizzo, ho compilato il modulo di richiesta chiarimenti on-line sul sito di tin, spiegando che non uso la linea voce e avevo letto che si può avere anche solo l'adsl, incollo la loro risp.Gentile Cliente, con riferimento alla Sua richiesta del 22/01/05, Le comunichiamo che Tin it garantisce l'erogazione del servizio Adsl solo nel caso in cui si disponga di una linea telefonica Telecom Italia. Rimanendo a Sua completa disposizione per ogni ulteriore comunicazioneo chiarimento, La salutiamo cordialmente. Tin.it - Customer Care http://help.virgilio.it:@ cosa devo fare? vorrei dei consigli su come muovermi;)
  • Anonimo scrive:
    Attenti agli specchi per allodole Wooow
    Porto la mia semplice esperienza con ADSL su linea dati. Nel caso specifico parliamo di Wooow partner ActiveNetwork che a sua volta si appoggia su Eutelia (..ricordate edisontel .. fallita?!?) .. e infine TELECOM.Canone Adsl 640kb 256kb mcr 10 kb pressochè identico ad Alice.Attivazione nuova linea dati 60 eur. Tutto bellissimo .. Il collegamento funziona perfettamente .. un pò meno la posta elettronica .. non danno un'accesso webmail.Ma arriviamo al nocciolo .. il contratto è annuale tacitamente rinnovabile. Metti il caso che un giorno X della vostra vita Y dobbiate traslocare ... cosa vi risponde WOOOW ... c...i tuoi!!!Domanda .. se faccio un contratto nuovo mi venite incontro con un bonus dei mesi non usuffruibili nel vecchio appartamento? ... NOAlla stessa domanda di trasloco... fatta in dicembre .. la risposta è stata si .. con un contributo di circa 100 Eur si fa tutto! ...Io ho perso 9 mensilità su 12 ... per il trasloco .. non aggiungo altro!!
  • Anonimo scrive:
    Mettetevi daccordo.....
    Ho seguito con interesse l'articolo in questione ma, una volta tentato il fatidico sgancio ombelicale dall'odiata telecom mi sono perso in un labirinto kafkiano.Quelli della telecom non ne sanno niente (....) ed ho telefonato ad almeno 27 diversi operatori 187.Nei punti commerciali 187 men ke meno.dai lettori dell'articolo e dai vari commenti si deduce che sia possibile ma con spese che variano dai 99 ai 187 euro per ottenere un salto nel buio in cui non si sa se poi ci si riuscirà a riconnettere ad internet.Chi suggerisce di rivolgersi all' Autorithy ma senza dare esplicazioni in merito ( a quali indirizzi, con quali motivazioni ecc.)Io d'altro canto ne ho capito meno di tutti.C'è qualcuno che effettivamente è riuscito a fuggire od è solo una vaga speranza come nel telefilm anni 70 "Il Fuggitivo" dove alla fine torni sempre lì?C'è qualcuno ke si gongola in ADSL fuori dallo strozzinaggio di un canone ingiustificato?Aiutatemi ,vi prego, ad uscire da questa orrida dipendenza da canone telecom....Se possibile con la procedura passo passo da seguire...In ogni caso saluti a tutti i ribelliUria Cesena
  • Anonimo scrive:
    Re: ADSL senza telefono!
    Ho telefonato ad almeno tre diversi operatori telecom e ho chiesto pure al negozio 187.hanno detto tutti che questa cosa non esiste...come fare per spuntarla?
  • gaglioppo scrive:
    Re: farsa di tin.it
    Anche io ho appurato che la serietà di tin.it vacilla.Del resto la tin.it è di berlusconi, come anche la fame nel mondo, le pestilenze e i buchi nei calzini.Proviamo a discernere i fatti e cerchiamo di essere obiettivi.Piuttosto cerchiamo di essere utenti che facciano valere i propri diritti, scriviamo lettere di protesta e disdiciamo i contratti verso gli operatori sleali.
  • Anonimo scrive:
    incredible
    Ho gia chiamato 5 volte il 187,cascano sempre tutti dalle nuvole,non sanno di cosa sto parlando,e quando mi riferisco alle notizie lette su questo e altri siti e alla riunione del 21 tra Telecom e la AIIP stranamente cade la linea.Come posso fare? qualcuno ci è riuscito?Marco.
  • shoggy scrive:
    farsa di tin.it
    ho chiamato ora la tin.it con cui ho l'adsl per poter fare una cosa del genere bisogna:disdire la linea telefonicasubito dopo chiamare loro dicendo che si vuole trasferire l'adsl su una "non-linea"pagare 154 ? di attivazioneaspettare dai 60-90 in cui si paga cmq il canone tin.itaccendere un cero e sperare che tutto cio funzioni e che nel frattempo TI non decida di mettere una ventina di euri di canone anche per questo tipo di linee..che roba vergognosa in italia..siamo messi peggio di messico e bulgaria..assurdo..ringraziamo tronchetti provera e berlusconi che gli para il culo..
  • saiuz scrive:
    ADSL senza telefono!
    Ho letto l'articolo con molto interesse...una sola piccola considerazione devo fare (ho letto che tutti gioiscono!):IL CLIENTE FINALEattenzione a non dimenticarvi di questo bene prezioso.Telecom non da nulla per nulla quindi se vuole qualche soldo (ma guadate il canone!!!) in più per questo tipo di serviziobisognerà fare in modo che alla fine non ci toccherà pagare un balzello che somigli al canone. Sennò che guadagno avrà fatto il cliente?saluti
  • sattenet2000 scrive:
    segnalazione denuncia autority
    a tutti quelli che ottengono risposte negative o viene creato un probllema dalla Telecom , fare segnalazione dettagliata all'autority , vedete che dopo poco vi richiama la telecom e si aggiusta tutto!! piu' di una volta mi e capitato e ho risolto cosi!vale anche per altre compagnie , mi sono trovato contratto wind/infostrada , con loro non risolvevo mai niente , minacciavano con l'ufficio legale , ho fatto denuncia all'autority ed e stato ritirato tutto !! + siamo meglio e'
  • Anonimo scrive:
    Disdire TELECOM
    Come faccio, visto che è possibile, come ho letto, a disdire l'abbonamento telecom mantenendo il collegamento ADSL che ho attivo con tiscali.
  • Mirr0r scrive:
    Re: sovraprezzo? aumentate la banda!
    - Scritto da: Lucrezia
    Perchè secondo te su striscia
    lanotizia fanno inchieste su queste
    cose.....
    Ma torna da Vanna Marchi e credi solo alla
    gara dell'audiencePensavo che si capisse il mio tono ironico.... I problemi in Italia vengono risolti solo se portati alla ribalta da qualke media. Naturalmente tutto viene così "filtrato" da redattori o peggio ancora da imprenditori mediatici... e le istituzioni non si muovono autonomamente. Non pensavo di aver scritto un messaggio così oscuro..... cmq la prossima volta starò più attento! Ciao MiRr0r
  • Anonimo scrive:
    Re: Bella notizia.. ma.
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    [...]

    Gli

    investimenti infrastrutturali delle
    utility

    tipicamente arrivano a break even in
    10/15

    anni, non in 15 giorni.

    Francia: France Telecom rende pubblica
    l'offerta di shared access nell'anno 2000.
    Quattro anni dopo... vai a controllare la
    situazione. ;)Sei tu che devi controllare la situazione. Io ho scritto che si devono creare le condizioni, in Francia è stata varata una serie di misure per favorire lo sviluppo di infrastrutture alternative e le aziende hanno risposto. In Italia dopo anni di tirare a campare, sono state introdotte solo ora delle misure come ad esempio i contratti IRU di 15 anni per la fibra ottica Telecom, senza le quali è impensabile solo iniziare a creare un'infrastruttura di proprietà (se intendi guadagnarci qualcosa). Mi sembra fuori luogo parlare di lazzaroneria dei carrier alternativi solo perchè questi non hanno la propensione a giocare i propri soldi alla roulette.Tieni presente che ormai però si corre il rischio di chiudere la stalla quando ormai i buoi sono scappati. Buona parte delle zone "interessanti" hanno già ADSL. Chi investe oraCi sono inoltre un sacco di possibilità ancora per telecom per ostacolare i propri concorrenti in mille maniere in sostanziale impunità.
    Cio' che dici e' vero: le infrastrutture non
    si creano in due giorni... ma se non
    cominceranno in modo serio, non finiranno
    mai.Non iniziano in modo serio fino a quando non ci sono segnali che il Governo intende favorire questo tipo di investimenti. Non con gli aiuti, ma con regole severe e la determinazione di farle rispettare.
    Finche' tutti non capiranno che l'unico modo
    per fare concorrenza e' staccarsi dal
    cordone ombelicale di mamma Telecom Italia,
    non ci sara' alcuna concorrenza.L'hanno capito anche i cani, ma non conviene per ora. Vedremo nel 2005 con le nuove misure "atte ad aumentare la competizione" se ci sarà uno sviluppo in maniera diversa da quanto è stato fatto fino ad ora.
  • Anonimo scrive:
    Re: Bella notizia.. ma.
    - Scritto da: Anonimo
    [...]
    Gli
    investimenti infrastrutturali delle utility
    tipicamente arrivano a break even in 10/15
    anni, non in 15 giorni.Francia: France Telecom rende pubblica l'offerta di shared access nell'anno 2000. Quattro anni dopo... vai a controllare la situazione. ;)Cio' che dici e' vero: le infrastrutture non si creano in due giorni... ma se non cominceranno in modo serio, non finiranno mai.Finche' tutti non capiranno che l'unico modo per fare concorrenza e' staccarsi dal cordone ombelicale di mamma Telecom Italia, non ci sara' alcuna concorrenza.
  • Anonimo scrive:
    Re: Peccato che ad esempio...
    Questo perche' Tiscali e' un operatore telefonico e non campa solo di ADSL, non per niente la polvere maggiore per la (adesso ritirata) decisione di Telecom Italia e' stata alzata dagli ISP e non dai "grandi soggetti".A questi grandi operatori gliene frega di portare solo l'ADSL, loro compano di pacchetti "completi"... NGI invece vende "solo" connettivita', se gli togli questa possibilita' (e prima o poi gliela toglieranno, perche' ci sara' concorrenza molto piu' estesa) potra' solo chiudere i battenti.E' bene che NGI, cosi' come tutti gli altri provider, capiscano che c'e' urgenza di "muoversi", di trovare una soluzione alternativa, di mettersi insieme se non vogliono soccombere sotto il peso di Telecom Italia, Tiscali, Wind.. e quant'altro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Bella notizia.. ma.
    Peccato che tutte le sperimentazioni della "powerline" siano miseramente fallite in tutto il mondo (gia' da 10 anni a questa parte). Le uniche "sopravvissute" sono realta' molto piccole, dove sono stati fatti lavori di adeguamento. Gli investimenti (e in particolar modo in Italia, dove la rete elettrica e' di qualita' scadente, se paragonata agli altri paesi Europei) i lavori di ammodernamento e i relativi costi sarebbero superiori a quelli di stendere della fibra alla centrale telefonica piu' vicina (piu' vicina alla propria rete) e pagare l'ULL.In pratica il gioco non vale la candela... ecco perche' dopo una decina d'anni dall' "invenzione" di questa tecnologia nessun paese del mondo ne ha realmente beneficiato in modo esteso... non per "voglia" ma perche' non e' assolutamente conveniente farlo.
  • Anonimo scrive:
    vero o falso?
    Ho chiamato il 187 di Telecom e gli operatori mi dicono che non è vero!
  • DKDIB scrive:
    Re: X favore mi spiegate delle cose su S
    Anonimo wrote:
    e invece sei tu a sbagliare [...]Veramente avete ragione entrambi (piu' o meno), solo ke state dicendo 2 cose diverse. ;)Lui ha scritto ke con ICQ puoi inviare file: basta settare un port forwarding oppure definire il PC in uso come DMZ.Tu invece hai scritto ke con Skype non serve nemmeno questo (il ke e' falso, ma questo e' un altro discorso).
  • DKDIB scrive:
    Re: X favore mi spiegate delle cose su S
    Anonimo wrote:
    se ti interessa insegnare fallo con garbo [...]E ki se ne frega: se uno ha problemi di ego ke vada dallo psikiatra.Intanto ha ragione lui ed e' questo cio' ke conta.Se anke fosse maleducato e' un problema suo, non certo nostro.Personalmente m'importa solo ke abbia dato un'informazione precisa e corretta: tutto il resto e' fuffa.
  • DKDIB scrive:
    Re: Operatori Telecom saputelli e maleducati
    Anonimo wrote:
    Appena letto l'articolo ho chiamato il 187 per disdire la linea
    voce [...]Se divorzi, e' piu' comodo dei dettagli con la ex-moglie oppure lasciar fare tutto all'avvocato?Considerando ke in questo caso non c'e' ne' il problema della convenienza (i costi non cambiano di certo per una cosa del genere) ne' quello dei dettagli (le proposte di contratto personalizzate non esistono per i privati), tanto vale non rivolgersi mai al vecchio operatore ma lasciare ke il nuovo se la sbrighi da solo.
  • golbez scrive:
    Si.. ma..
    Tanto non sono coperto lo stesso.. Auguri
  • Anonimo scrive:
    Voglio la linea dati senza voce
    A me la linea dati senza linea voce interessa tantissimo, perchè così posso attivare una seconda linea adsl di backup con un altro operatore, magari Inet o Colt Telecom e vivere più tranquillo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Operatori Telecom saputelli e maleducati
    Ciao,Come ho scritto in un precedente articolo, per mantere l'Adsl mentre disdici la voce, devi richiedere number portability a un operatore VoIP (wooow, ngi, unidata)Altrimenti perdi l'adsl, salvo poi poterla riattivare.Alex
  • Anonimo scrive:
    Re: X favore mi spiegate delle cose su S

    L'Italia fa parte del gruppo di 25 paesi a
    cui Skype applica
    la tariffa cosiddetta Global Rate. Chiamare
    dal nostro paese
    su un un telefono fisso in Italia o in uno
    degli altri
    24 paesi costa 1,4 centesimi di Euro al
    minuto
    (IVA compresa e senza scatto alla
    risposta).
    Tariffe diverse si applicano verso altre
    nazioni, ma sempre
    di gran lunga più convenienti
    rispetto a quelle dei gestori
    italiani: I prezzi salgono per le chiamate
    verso i cellulari:
    La tariffa è in questo caso di 17
    centesimi al minuto.
    Errore: per le chiamate in Italia (ovunque in Italia) si spende 1,7 centesimi al minuto e per un "mobile" se ne spende 25 (a qualsiasi ora).http://www.skype.com/products/skypeout/rates/all_rates.html#listing-ISono buone, ma sono comunque più alte di quelle (per esempio) di Tele 2: 0.58 centesimi per un urbana Lunedì/Venerdì 18.30-8; Sabato; Domenica e festivi.Anche per chiamate verso i cellulari sono comunque sempre più basse quelle di Tele2: 21,8 o 14,1 centesimi, dipende dalla fascia oraria.http://www.tele2.it/chap02/c020101.html C'e' da dire però che con Skype non ci sono scatti alla risposta e che non c'e' nemmeno il canone da versare a Telecom.......cmq per chi telefona molto il cambio con Skype potrebbe essere negativo......
  • Anonimo scrive:
    Re: E ora?...Quale scegliere?
    Datti una letta qui:http://www.altroconsumo.it/map/src/60501.htmCiao
  • Anonimo scrive:
    Re: Bella notizia.. ma.
    - Scritto da: Anonimo
    La rete cablata in alternativa a Telecom
    Italia c'è già.

    L'Enel arriva già in tute le case...Ecco: questo sarebbe un argomento interessante da approfondire.
  • Anonimo scrive:
    Re: PI SOLIDO
    - Scritto da: Anonimo
    Vado un attimino OT, scusatemi. Ma che fine
    ha fatto PI solido? Complimenti per la gran
    sola eh!Guarda qui invece di commentare a vuoto...http://punto-informatico.it/p.asp?i=50268Complimenti per la pigrizia di non cercare,,,
  • Anonimo scrive:
    Re: Bella notizia.. ma.
    La rete cablata in alternativa a Telecom Italia c'è già. L'Enel arriva già in tute le case...
  • Anonimo scrive:
    Operatori Telecom saputelli e maleducati
    Appena letto l'articolo ho chiamato il 187 per disdire la linea voce di cui pago un salato abbonamento pur non utilizzando servizi voce da casa mia.Dopo qualche minuto di attesa un operatore Telecom con un tono maleducato e di "presa in giro" mi ha ripetuto diverse volte che non è possibile disattivare la voce mantenendo i dati.Gli ho fatto presente di questa notizia e ha continuato a ribadire che Telecom non attiva ADSL senza voce.Ho chiesto di parlare con un altro operatore del servizio clienti. Dopo 7/8 minuti di attesa mi ha risposto un tizio chiedendomi gentilmente di attendere mentre sentivo che parlava con un altro collega, tutto questo sino a quando (ma me l'laspettavo) è caduta la linea.Una cosa è certa: questa sera con calma richiamo ma per disdire dati e voce.MassimoRimini
  • Anonimo scrive:
    Re: X favore mi spiegate delle cose su S
    Anche io degli straffottenti !!!se ti interessa insegnare fallo con garbonessuno ti obbliga ne di scrivere ne di risponderema sicuramente qualcuno ti ringraziera'se lo soprai fare !di proffessori ignoranti ne sono piene le software house italiane!
  • Anonimo scrive:
    Segnalazione ....
    http://arsenico.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=352435
  • Lucrezia scrive:
    Re: sovraprezzo? aumentate la banda!
    Perchè secondo te su striscia lanotizia fanno inchieste su queste cose.....Ma torna da Vanna Marchi e credi solo alla gara dell'audience
  • Anonimo scrive:
    PI SOLIDO
    Vado un attimino OT, scusatemi. Ma che fine ha fatto PI solido? Complimenti per la gran sola eh!
  • Anonimo scrive:
    Bella notizia!
    Una volta tanto ! ;)
  • jotaro scrive:
    E ora?...Quale scegliere?
    Ciao a tutti...volevo chieder un consiglio a chi se ne intende di più e a chi ha già avuto esperienze di ADSL...Agli inizi di dicembre mi sono trasferito in una casa in affitto dove sono presenti le prese del telefono (ma non credo che sia attiva la linea voce) e alla luce delle possibilità offerte dal mercato volevo sottoscrivere un abbonamento di sola ADSL.Ora, mi chiedevo a parte le "mosse" che dovrò fare per attivare il servizio, QUALE GESTORE SCEGLIERE??Mi interessavano, per ora, le offerte di NGI e SiADSL . Voi cosa mi consigliate (anche altri operatori) considerando che NON mi interessa il VoIP ma voglio solo l'ADSL per Internet?Grazie a tuttiP.s. abito a Savona....
  • Mirr0r scrive:
    Re: sovraprezzo? aumentate la banda!
    - Scritto da: Anonimo
    Resta soltanto un soggetto a cui puoi
    chiederlo: tutti gli altri ISP che operano
    in Italia. Il punto e' che sono aziende
    private, puoi andare da Wind o Tiscali e
    dirgli: DOVETE espandere la vostra rete e
    dovete portare lo shared access dappertutto
    come in Francia? Certo puoi chiederlo... ma
    dubito che ti ascolteranno. I conti (i soldi
    che devono guadagnare) quelli li fanno (e li
    faranno) da soli.Potrebbero multarli per aver fatto politiche di cartello... ma qui dovrebbe funzionare, o meglio imporsi, un autorità antitrust che sembra muoversi solo quando i casi sono così clamorosi da andare su striscia la notizia... Peccato, l'idea di un autorità che corregge gli "errori del mercato" non sarebbe male....salutiMiRr0r
  • Nonninz scrive:
    Re: X favore mi spiegate delle cose su S
    Giusto.Io lo uso tranquillamente dietro al nat fastweb + nat interno con server (debian (linux)) gestito da me senza alcuna regola specifica per skype.
  • Anonimo scrive:
    Re: X favore mi spiegate delle cose su S
    - Scritto da: Anonimo
    esatto anch'io faccio la tua stessa cosa:
    lan aziendale, con firewall e proxy e nessun
    redirect per far funzionare skype.LOL!E' leggendo queste cose che inizio a capire il fastidio provato da alcuni nei riguardi dei novelli linari & co.Visto che tanto pomposamente vi siete autoassegnati il titolo di amministratori, dovrebbe esservi chiaro come mai funziona senza nessun intervento, giusto?Per i meno svegli, ecco un estratto dalla FAQ (mai leggerla prima di rispondere, eh, mi raccomando):---The minimum requirement is that Skype needs unrestricted outgoing TCP access to all destination ports above 1024 or to port 80---
  • Anonimo scrive:
    Chiarimenti
    Attualmente ho un'adsl atlanet su una linea telefonica Telecom.Ho chiesto oggi al provider informazioni su questa notizia ed ecco cosa ho capito:- se chiudo il contratto telefonico telecom mi stacca l'adsl- se non disdico l'adsl continuo a pagarla anche se non funzionaper avere l'adsl senza contratto telefonico devo:- chiudere il contratto telecom- chiudere il contratto atlanet- fare un nuovo contratto per la fornitura di un'adsl su una linea senza numero, al costo di 99 euro (che atlanet versa a telecom)praticamente per togliermi il canone telecom devo sborsare 99 euro che + o - meno corrispondono a 8 mesi di canone....bella storia, bella ingiustizia!qualcuno ha notizie/chiarimenti/correzioni in merito ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Bella notizia.. ma.
    La concorrenza riuscirebbe davvero a cablare la penisola senza incorrere in problemi legati alle varie amministrazioni (comunali e non) che bloccherebbero i lavori?Credo non sia possibile..
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella notizia.. ma.
      Non e' possibile pensare che la concorrenza possa cablare tutto il paese dall'oggi al domani, e nemmeno pensare che in un futuro (per quanto lontano possa essere) si possa creare una vera rete parallela ed estesa quanto quella di Telecom Italia. Quello che e' possibile fare oggi pero' e' cablare le centrali li dov'e' possibile farlo.I grandi carrier nazionali lo stanno gia' facendo, ma vanno TROPPO a rilento (es: la rete di Wind puo' servire a malapena il 20% del territorio). Questa situazione non e' determinata da impedimenti delle amministrazioni locali che non consentono nuove "pose", quanto piuttosto dalla convinzione (tutta Italiana) che investire "troppo" e' rischioso. Be', lo e' sicuramente... ma e' ancora piu' rischioso arricchire il tuo concorrente a dismisura, e soprattutto "prepararlo" alla controffensiva, dandogli modo di avvantaggiarsi irragionevolmente per non poter piu' essere raggiunto.Un discorso particolare invece (che c'entra meno con questo thread) andrebbe rivolto ai "piccoli" provider, cioe' quelli che operano nel campo della connettivita' e non della telefonia in generale (es: NGI): questo tipo di business purtroppo scomparira', quando lo shared access diverra' una realta' estesa anche da noi, i margini di profitto (per gli operatori) si alzeranno notevolmente e l'ADSL (ri)venduta in SL non offrira' piu' spazio per potersi muovere.Oggi una ADSL ULL offre un margine di guadagno (ovviamente a fronte di investimenti da recuperare) del +300% (significa che una ADSL venduta oggi a 25 euro, puo' essere venduta in ULL a meno di 15 generando lo stesso guadagno netto) e in SA le cifre sono "mostrosuamente" ancora piu' convenienti. Si capisce ben presto che un domani, quando i "grandi" potranno contare su uno SA esteso, saranno in grado di offrire ADSL a prezzi ben piu' bassi di una ADSL rivenduta "in affitto".Oggi NGI (continuo a citarla, perche' e' l'esempio piu' calzante) vende a un "tantino di piu'" perche' offre un ottimo servizio, ma con l'SA in regime quel "tantino" diventera' un bel po' di euro, es:- Provider in SA paga all'ingrosso 3 euro;- Provider in SA vende all'utente 10 euro;- Provider in SL vende a 21 euro;Per generare lo stess guadagno netto di una ADSL venduta in SA, il provider che compra in SL dovrebbe rivendere la propria ADSL a 28 euro.. e' quasi il TRIPLO del prezzo e nessun utente sara' disposto a spendere una cifra simile (anche se significa ottenere prestazioni leggermente superiori). Ovviamente in queste cifre non vengono calcolati gli investimenti in infrastruttura... ma i guadagni non si discostano molto dalla realta'.Qual e' la soluzione quindi per le "piccole realta'"? A mio parere (sempre che non vogliano cambiare attivita') e' quella di "mettersi insieme" e crearsi un proprio network... altrimenti non avranno via di scampo.
  • Bruco scrive:
    Re: E' lui l'uomo che cancellera' i monopoli
    - Scritto da: Anonimo

    E' l'eroe, e' il mito, e' Niklas Zennström!Ah, ecco, dal titolo pensavo parlassi di Berlusconi!
  • Anonimo scrive:
    Re: equivoco?!?!?
    - Scritto da: Anonimo
    o Assoprovider avrei preso per il collo il
    rappresentante Telecom e gli avrei chiesto
    se ci prendono tutti per sc*mi. Anche perche' se poi dicono"Insomma, era quanto Telecom voleva tentare di fare, qualora il Garante e gli accordi tra le parti glielo avessero permesso".non e' tanto un equivoco ma piuttosto un "noi ci proviamo, vediamo se riusciamo a fregarli"
  • Anonimo scrive:
    Re: X favore mi spiegate delle cose su S

    Questo non è esatto.No. E' piu' che corretto.
    Non puoi se non hai acecsso alla macchine
    che fa da NAT, ma se si tratta di un router
    sotto i tuo controllo poui creare delle NAT
    inboud rules che redirigono i flussi in
    ingresso su porte specifiche a piacimento.Questo e' necessario se utilizzi servizi che si servono del meccanismo standard di comunicazione outbound-inbound.Skype funziona utilizzando lo stesso meccanismo del p2p.Funziona egregiamente con router (Cisco, Dlink, HP) nonche' con firewall sw (ISA, Linux based) ed hw (Cisco PIX, 3com, Adaptec, Watchguard) non appositamente configurati. [Ho messo un elenco di nomi perche' l'ho provato personalmente con questi prodotti].Funziona anche con piu' livelli di NAT: che ha FastWeb ha casa (con indirizzo su rete privata) ti potra' confermare che lo usa senza problemi.Con una qualita' ottima. 8)(linux) (apple)Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Re: Peccato che ad esempio...
    NGI e' sicuramente ottimo, ma non mi da 2mega a 35 euro o 6 mega a 60.
  • Anonimo scrive:
    Re: Peccato che ad esempio...
    - Scritto da: Anonimo
    ...A Tiscali non gliene freghi nulla.

    Ho provato piu' volte di farmi attivare una
    adsl su linea dati (anche offrendomi di
    pagarla di tasca mia), ma nulla.
    Irremovibili.e tu chiama NGI.A me l'hanno allacciata senza battere ciglio :)Gentili, precisi, efficienti.Un utente (finalmente) soddisfatto.
  • Akiro scrive:
    quando si dice....
    "abbassar la cresta"ecco un tipico esempio, speriamo solo non ci siano secondi fini... a danno del consumatore ovvio.
  • Anonimo scrive:
    Re: X favore mi spiegate delle cose su S

    e invece sei tu a sbagliare, non hai bisogno
    di redirigere nulla, funziona e basta, io lo
    uso su una lan dietro un server linux (che
    fa NAT) che amministro io e funziona senza
    aver fatto alcuna redirezione.esatto anch'io faccio la tua stessa cosa: lan aziendale, con firewall e proxy e nessun redirect per far funzionare skype.
  • Anonimo scrive:
    Re: E' lui l'uomo che cancellera' i monopoli
    - Scritto da: Anonimo

    che con le tecnologie attuali la
    comunicazioni

    tra gli uomini potrebbe essere
    totalmente

    GRATUTA.

    questa è una (troll)ata palese:
    capisco che si possa dire che i costi sono
    alti, ma le comunicazioni non possono
    costare zero perché comunque per fare
    funzionare le reti telematiche ci vuole del
    personale che faccia menutenzione.
    Altrimenti lasciamo i cavi li dove stanno e
    smettiamo di mandare i pandini rossi giro a
    riparare e installare le nuove linee e
    veediamo in quanto tempo smette di
    funzioanre il tutto.

    Anzi facciamo melgio, visto che la boleltta
    enel, Telecom non la deve più pagare
    (è non fa più pagare nulla ai
    propri clienti, come può lei pagare i
    suoi fornitori).
    Ecco vedi non dura un secondo la tua idea...Pensa che se vuoi ti arriverà Punto Informatico solido gratis... impossibile, vero?
  • Anonimo scrive:
    Pagliacciata
    Prima si', poi no-no, fanno ridere, anzi fanno schifo! Vi odio! Vi disprezzo! Disprezzateli anche voi, non meritano altro!
  • Anonimo scrive:
    Re: X favore mi spiegate delle cose su S
    - Scritto da: Anonimo
    Questo non è esatto.

    Non puoi se non hai acecsso alla macchine
    che fa da NAT, ma se si tratta di un router
    sotto i tuo controllo poui creare delle NAT
    inboud rules che redirigono i flussi in
    ingresso su porte specifiche a piacimento.e invece sei tu a sbagliare, non hai bisogno di redirigere nulla, funziona e basta, io lo uso su una lan dietro un server linux (che fa NAT) che amministro io e funziona senza aver fatto alcuna redirezione.
  • Anonimo scrive:
    Re: E' lui l'uomo che cancellera' i monopoli

    che con le tecnologie attuali la comunicazioni
    tra gli uomini potrebbe essere totalmente
    GRATUTA.questa è una (troll)ata palese: capisco che si possa dire che i costi sono alti, ma le comunicazioni non possono costare zero perché comunque per fare funzionare le reti telematiche ci vuole del personale che faccia menutenzione. Altrimenti lasciamo i cavi li dove stanno e smettiamo di mandare i pandini rossi giro a riparare e installare le nuove linee e veediamo in quanto tempo smette di funzioanre il tutto.Anzi facciamo melgio, visto che la boleltta enel, Telecom non la deve più pagare (è non fa più pagare nulla ai propri clienti, come può lei pagare i suoi fornitori).Ecco vedi non dura un secondo la tua idea...
  • Anonimo scrive:
    Re: X favore mi spiegate delle cose su Skype

    Si, ma e' molto di piu'. La sua architettura
    e' rivoluzionaria (supera senza problemi
    firewall
    e NAT, ad esempio prova a trasferire un
    file con
    ICQ dietro un NAT...non puoi!)Questo non è esatto.Non puoi se non hai acecsso alla macchine che fa da NAT, ma se si tratta di un router sotto i tuo controllo poui creare delle NAT inboud rules che redirigono i flussi in ingresso su porte specifiche a piacimento.
  • Anonimo scrive:
    Peccato che ad esempio...
    ...A Tiscali non gliene freghi nulla.Ho provato piu' volte di farmi attivare una adsl su linea dati (anche offrendomi di pagarla di tasca mia), ma nulla.Irremovibili.
  • Anonimo scrive:
    Re: sovraprezzo? aumentate la banda!

    Resta soltanto un soggetto a cui puoi
    chiederlo: tutti gli altri ISP che operano
    in Italia.e perchè dovrebbero litigarsi i clienti? Meglio spartirseli facendo tutti gli setssi prezzi.Ne hai visto uno solo fare dumping e offrire la linea al prezzo di costo per tirare su clienti?
  • Anonimo scrive:
    Re: sovraprezzo? aumentate la banda!
    Purtroppo i prezzi all'ingrosso in Francia e in Italia sono identici! Anzi in qualche caso lo shared-access e l'ULL costano meno in Italia.La domanda di "darci" l'ADSL a prezzi "francesi" quindi a chi la stai rivolgendo?Se la rivolgi al governo, non ti potra' aiutare.Se la rivolgi a Telecom Italia, non ti potra' aiutare (applica gia' le tariffe francesi per lo shared access, e i prezzi delle "sue" ADSL all'utente non possono essere inferiori per limitazioni imposte dall'autority).Resta soltanto un soggetto a cui puoi chiederlo: tutti gli altri ISP che operano in Italia. Il punto e' che sono aziende private, puoi andare da Wind o Tiscali e dirgli: DOVETE espandere la vostra rete e dovete portare lo shared access dappertutto come in Francia? Certo puoi chiederlo... ma dubito che ti ascolteranno. I conti (i soldi che devono guadagnare) quelli li fanno (e li faranno) da soli.
  • Anonimo scrive:
    sovraprezzo? aumentate la banda!
    sovra prezzo come si fa in tutta europa? ok allora dateci la banda larga che hanno in europa. fate un rapporto tra quello che abbiamo con 36 euro mensili in italia e quello che avremo allo stesso prezzo in francia..quando si tratta di allinearsi all'europa per guadagnarci siete i primi..
  • Anonimo scrive:
    X favore mi spiegate delle cose su Skype
    Ho visitato il sito ma ci ho capito il giusto...Si può utilizzare il programma con un adsl alice?cioè con un ip dinamico?In pratica funziona come un istant messagging audio, no? ma viene chiamato un nick o un nmero "simil-telefonico"? Un ultima domanda, ma per chiamare numeri di rete fissa bisogna comprare il traffico telefonico (giusto?) funziona bene per l italia ed è conveniente? Un normale utente di rete fissa puo chiamare un utente skype? a quali costi?Scusate le troppe domande ma sono interessato a levarmi dalle scatole un quasi inutile canone ISDN + canone Telecom+ altre amenità varie.Grazie mille
    • Anonimo scrive:
      Re: X favore mi spiegate delle cose su Skype
      - Scritto da: Anonimo
      Ho visitato il sito ma ci ho capito il
      giusto...

      Si può utilizzare il programma con un
      adsl alice?cioè con un ip dinamico? Si, tranquillamente.
      In pratica funziona come un istant
      messagging audio, no? ma viene chiamato un
      nick o un nmero "simil-telefonico"? Si, ma e' molto di piu'. La sua architettura e' rivoluzionaria (supera senza problemi firewall e NAT, ad esempio prova a trasferire un file con ICQ dietro un NAT...non puoi!) Ma le rivoluzioni principali saranno due: A) Il VOICE-MAIL (l'e-mail sara' totalmente sostituita da messaggi vocali e files allegati) http://www.henshall.com/blog/archives/001055.html B) Lo SkypeCasting (la nascita su internet di blog totalmente audio, meglio di come si faceva con il PodCasting) http://www.henshall.com/blog/archives/001056.html
      Un ultima domanda, ma per chiamare numeri di
      rete fissa bisogna comprare il traffico
      telefonico (giusto?) funziona bene per l
      italia ed è conveniente? L'Italia fa parte del gruppo di 25 paesi a cui Skype applica la tariffa cosiddetta Global Rate. Chiamare dal nostro paese su un un telefono fisso in Italia o in uno degli altri 24 paesi costa 1,4 centesimi di Euro al minuto (IVA compresa e senza scatto alla risposta). Tariffe diverse si applicano verso altre nazioni, ma sempre di gran lunga più convenienti rispetto a quelle dei gestori italiani: I prezzi salgono per le chiamate verso i cellulari: La tariffa è in questo caso di 17 centesimi al minuto.
      Un normale utente di rete fissa puo chiamare
      un utente skype? a quali costi? Si. Con Skype-In (non ancora attivo, ma arrivera' presto) il tuo numero sara' chiamabile anche da qualsiasi cellulare o cabina telefonica del mondo.
      Scusate le troppe domande ma sono
      interessato a levarmi dalle scatole un quasi
      inutile canone ISDN + canone Telecom+ altre
      amenità varie. Senza SkypeIn Skype non e' ancora in grado di soppiantare il telefono, ma nell'istante in cui uscira' non temere: sara' su tutti i giornali. La data in cui Skype conquistera' il mondo e' fissata per: - LUGLIO 2005 - http://blog.tmcnet.com/blog/tom-keating/voip/voip-blog/skype-keynote.asp Il conto alla rovescia e' cominciato....
  • Anonimo scrive:
    Re: Finalmente! Da gennaio allora Skype e...
    Per chi vuole sapere come funzionaveramente Skype, qui c'e' un interessantissimopaper intitolato "An Analysis of the Skype Peer-to-Peer Internet Telephony Protocol" di Salman A. Baset:http://arxiv.org/ftp/cs/papers/0412/0412017.pdfE una presentazione con informazioni e chiarimenti(tra cui il fatto che solo chi ha un ip pubblicopuo' diventare supernodo... il che avvantaggiachi ha reti come Fastweb):http://mnet.cs.nthu.edu.tw/paper/Chance/041125.pdf
  • Anonimo scrive:
    E' lui l'uomo che cancellera' i monopoli
    E' l'eroe, e' il mito, e' Niklas Zennström!http://www.engadget.com/entry/2635319328796286/In tutti i paesi del mondo i costi delle comunicazionitra gli individui sono tenuti artificiosamente altia causa dei monopoli di spietati gruppi economiciche non ne vogliono sapere di ammettere checon le tecnologie attuali la comunicazioni tragli uomini potrebbe essere totalmente GRATUTA.Skype spezzera' le catene che tengono legatala voce umana ai monopoli economici!E permettetemi di fare una previsione:il prossimo monopolio, quello dei broadcasterdelle televisioni, sara' spezzato da questatecnologia:http://onionnetworks.com/products/swarmstream/
  • Anonimo scrive:
    Finalmente! Da gennaio allora Skype e...
    ..e ADSL pura al 100%! Mi sono gia' ordinato il cordless Siemens fatto apposta per Skype che si attacca alla USB!http://www.macitynet.it/macity/aA19602/index.shtml
  • Anonimo scrive:
    Re: Era ora
    - Scritto da: Anonimo
    Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo
    zampino!poteva lasciarci anche uno zampone visto il periodo ;)
  • Anonimo scrive:
    Una bella notizia ?
    Cos'e', lo spirito natalizio ? :|Non credo ai miei occhi!
  • Anonimo scrive:
    Re: Era ora
    volevi dire il doppino :D
  • Anonimo scrive:
    Era ora
    Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino!
Chiudi i commenti