ODF è standard in Brasile

L'organismo nazionale degli standard ha completato il processo di formalizzazione

Roma – Nelle scorse ore la versione tradotta e definitiva dello standard ISO/IEC 26300 è stata approvata dall’organismo nazionale degli sandard brasiliano ABNT .

La Asociacao Brasileira de normas tecnicas non aveva fino a questo momento potuto provvedere a formalizzare il celebre standard documentale Open Document Format (ODF) perché le sue specifiche non erano state tradotte ancora in portoghese. Come spiegano i blog locali perché ABNT approvi uno standard è necessario che sia tradotto nella lingua nazionale.

Quanto avvenuto in ABNT segna l’ultimo passo formale per l’adozione definitiva dello standard in Brasile: entro pochi giorni saranno pubblicate le specifiche definitive in brasiliano.

Il Brasile è uno di quei paesi che nelle scorse settimane hanno votato contro la formalizzazione in ISO del formato documentale “rivale” di ODF, Microsoft OOXML, che come sanno i lettori di Punto Informatico ha comunque guadagnato lo status di standard ISO.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    OT -- [X] United States [Z] Europe + UK
    Ma l'UK non fa' già parte dell'Europa, sia geografica sia UE? :
    • Nino_Plasti ca scrive:
      Re: OT -- [X] United States [Z] Europe + UK
      in parte, hanno accettato alcuni accordi della UE (ad esmepio shenghen) ma non hanno l'euro e non sono tenuti a rispettare le linee guida della UE riguardo alle leggi nazionali.fincheè non gl iconverrà rimarranno i capocchia di un welfare itnernazionale con le loro colonie, perchè credi che in UK sia pieni di immigrati?
      • Homer S. scrive:
        Re: OT -- [X] United States [Z] Europe + UK

        fincheè non gl iconverrà rimarranno i capocchia
        di un welfare itnernazionale con le loro colonie,
        perchè credi che in UK sia pieni di
        immigrati?Per il clima?(troll3)
  • Nilok scrive:
    DIFFERENZIAZIONE
    Ave.Sarebbe per lo meno interessante sapere, dei titoli multipiattaforma più venduti, le differenziazioni tra Consoles e Pcs.Queste cifre non hanno, ovviamente, NULLA a che vedere con la quantità coloro che giocano REALMENTE.Conosciamo il fenomeno della disponibilità di Games non originali e credo non sia quantificabile.Quindi queste statistiche sono più che altro "virtuali" e non mi sembra possano avere un qualche riscontro nella realtà che dovrebbe valutare QUANTI giocano al "tal" Gioco.A prestoNilok
    • Nino_Plasti ca scrive:
      Re: DIFFERENZIAZIONE
      seonco me invece cambia solo l'ordine di grandezza ma i rapporti di vendita tra i vari VG sono gli stessi.non è che c'è il gioco che cracchi di più e quello che cracchi di meno (eccetto guitar hero che nonis piò craccare per via del controller unico)
  • netgamer scrive:
    Deduzione
    Da questi dati se ne deduce che il mercato più in espansione è foragiato dai bimbiminchia che compra console e giochi solo per la pubblicità diretta e indiretta che questi hanno.Questa l'ho sentita davanti ad una vetrina di un computer shop da 2 bimbiminchia: "io cio il plaissecion tre con il giochi dei militari che si sparano e faccio esplodere tutto booom booooooom AhahAhAha"risponde l'amico "beeellaaaa me la compro pure io insieme alla ics bocse tre sei zero che cio meglio il gioco di moto con valentino rossi che corre"la contemplazione di un gioco multiplayer fine a se stesso come Counter-Strike non ha alcun senso, se pur questo titolo sia ancora oggi il più giocato al mondo con oltre 15 milioni di gamers online ogni giorno.C'è gente che si diverte anche con il gioco del verme sul cellulare, e ci spende pure soldi per comprare il solo giochino che equivale ad uno scacciapensieri degli anni 80, quale farebbe brutta figura anche se confrontato ad un gig tiger :D
    • Homer S. scrive:
      Re: Deduzione
      Il Gig Tigeeeeeer!!!!!!!!! :D :D :D :D
    • Nino_Plasti ca scrive:
      Re: Deduzione
      - Scritto da: netgamer
      Da questi dati se ne deduce che il mercato più in
      espansione è foragiato dai bimbiminchia che
      compra console e giochi solo per la pubblicità
      diretta e indiretta che questi
      hanno.wow, mai visto tante cavolate tutte assieme, sembra un mix di un discorso di macroeconomia tenuto da di pietro ed un memebro del MOIGE che parla di you tube.
      Questa l'ho sentita davanti ad una vetrina di un
      computer shop da 2 bimbiminchia: "io cio il
      plaissecion tre con il giochi dei militari che si
      sparano e faccio esplodere tutto booom booooooom
      AhahAhAha"
      risponde l'amico "beeellaaaa me la compro pure io
      insieme alla ics bocse tre sei zero che cio
      meglio il gioco di moto con valentino rossi che
      corre"che c'è loro han 12 anni e sono in piena crisi ormonale, ma tu che problema hai?
      la contemplazione di un gioco multiplayer fine a
      se stesso come Counter-Strike non ha alcun senso,
      se pur questo titolo sia ancora oggi il più
      giocato al mondo con oltre 15 milioni di gamers
      online ogni
      giorno.15mln di perosne che giocano senza alcun senso, guarda che quando tutti fanno una cosa e tu non ne capisci il senso non vuol dire che tutti sono stupidi.semmail il contrario.
      C'è gente che si diverte anche con il gioco del
      verme sul cellulare, e ci spende pure soldi per
      comprare il solo giochino che equivale ad uno
      scacciapensieri degli anni 80, quale farebbe
      brutta figura anche se confrontato ad un gig
      tiger
      :Dappunto, tu sei usicto dalla fase adolescenziale da poco anche se l'anagrafe non concorda.
  • Franco scrive:
    Nintendo docet
    Sono felice per come si siano risollevati alla grande!Wii è stato un successo straordinario!Ds vende da paura!Alla faccia dei fan-boy che hannno il coraggio di negare che nintendo non stia vincendo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Nintendo docet
      hanno analizzato il problema da un altro punto di vista.non fregare i clienti agli altri a colpi di poligoni ma conquistare quelli che si erano allontanati.E' stato incredibile vedere mia madre e mio padre giocare a wii sport ed ora a Mario Kart dopo che avevano smesso di giocare ai videogiochi dopo che ho venduto il snes.
    • Enrico Giancipoli scrive:
      Re: Nintendo docet
      Io mi chiederei: il trionfo di Nintendo è il trionfo dell'arcade? Io penso proprio di sì.
      • Enzo scrive:
        Re: Nintendo docet
        giustissimo, ma non solo: l'immagine di Nintendo imho è affidabilità, giocabilità e semplicità.Non me la vedrei mai mia suocera a giocare a qualche titolone della PS3 o xbox360,spesso da nausea , mentre vederla ORE davanti al wii o attaccata al DS ormai è prassi.
        • Joliet Jake scrive:
          Re: Nintendo docet
          E' che quelli di Nintendo (come già nel passato) hanno detto: perchè non rivoluzioniamo tutto e mescoliamo le carte? Ecco perchè hanno avuto coraggio e proposto giochi tipo Cooking Mama che "sulla carta" sarebbero stati sbeffeggiati da tutti e invece hanno avuto un successo planetario con mamme che giocano con i figli. Ovvero il senso originario del "gioco".Ma anche quelli di Half Life con trovate geniali tipo l'Orange Box con incluso Portal, ovvero il gioco più innovativo dell'anno, che ha fatto molto parlare di sè ("come? un fps dove non fragghi nessuno? nah... non funzionerà mai")Meno male che ogni tanto qualcuno esce dagli schemi!Grazie a tutti loro! ;)
          • Antony scrive:
            Re: Nintendo docet
            in effetti non ho acquistato Orange Boox proprio per QUEL motivo. Un FPS è un FPS...se ci togli la gente da fraggare tantovale giocare a The Sims :D
      • Nino_Plasti ca scrive:
        Re: Nintendo docet
        - Scritto da: Enrico Giancipoli
        Io mi chiederei: il trionfo di Nintendo è il
        trionfo dell'arcade? Io penso proprio di
        sì.in effetti, bella pensata, +1!
    • lol scrive:
      Re: Nintendo docet
      Queste cifre non hanno, ovviamente, NULLA a che vedere con la quantità coloro che giocano REALMENTE.Conosciamo il fenomeno della disponibilità di Games non originali e credo non sia quantificabile
      • Nino_Plasti ca scrive:
        Re: Nintendo docet
        Nilok quando cambi nick per evitare gli insultia a sfondo scientology abbi almeno la decenza di cambaire frase:post di nilok delle 09.13:Queste cifre non hanno, ovviamente, NULLA a che vedere con la quantità coloro che giocano REALMENTE.Conosciamo il fenomeno della disponibilità di Games non originali e credo non sia quantificabile.post di lol delle 10.42:Queste cifre non hanno, ovviamente, NULLA a che vedere con la quantità coloro che giocano REALMENTE.Conosciamo il fenomeno della disponibilità di Games non originali e credo non sia quantificabile
        • lol scrive:
          Re: Nintendo docet
          a dire il vero sono un altro utente solo che avevo fatto il copia ed incolla a causa della mia pigrizia cosmica
          • Nino_Plasti ca scrive:
            Re: Nintendo docet
            lo sai vero che non ti crede nessuno.ed anche se fosse vero non sarebbe mica una bella cosa, per fare copia incolla di un altro commento potevi anche evitare di scriverlo....cmq buona mattinata
        • asd scrive:
          Re: Nintendo docet
          LOLLISSIMO
Chiudi i commenti