Ofcom: parlateci di traffico e neutralità

Pubblicato un documento che dovrà aprire al pubblico dibattito in terra britannica. Operatori e ISP potrebbero venire obbligati a rivelare ai vari abbonati le tecniche utilizzate per la gestione delle autostrade della Rete

Roma – Un corposo documento di circa 70 pagine , recentemente pubblicato online dall’ Office of Communications (Ofcom), ovvero l’autorità indipendente che nel Regno Unito regola il settore delle comunicazioni. Un discussion paper dal titolo Traffic management and net neutrality , che dovrebbe appunto stimolare il dibattito pubblico in terra d’Albione.

Tema principale, il delicato rapporto attualmente esistente tra le soluzioni di gestione del traffico di Internet e la cosiddetta neutralità della Rete. Dal momento – come spiegato dai vertici di Ofcom – che operatori e provider hanno mostrato un interesse sempre maggiore verso tecnologie atte a gestire il flusso dei dati in Rete .

Il documento di Ofcom l’ha precisato sin dall’inizio: si tratta di tecnologie che possono permettere una gestione più efficiente del traffico , garantendo ad esempio la priorità a certi contenuti del web. O ancora attraverso il rallentamento o il blocco di siti come YouTube e The Pirate Bay, probabilmente sgraditi ai fornitori di servizi premium a pagamento.

L’autorità britannica vuole quindi vederci chiaro , annunciando un periodo di consultazione pubblica che dovrebbe durare fino agli inizi del prossimo settembre . Una mossa in stile Federal Communications Commission (FCC), che ha proprio di recente dato avvio al pubblico dibattito in terra statunitense .

Un dibattito, quello a stelle e strisce, dai colori decisamente più accesi. Dal momento che nelle intenzioni della commissione guidata da Julius Genachowski c’è la riclassificazione della componente di trasmissione dei servizi d’accesso al broadband come un più tradizionale servizio di telecomunicazione.

Ma i vertici di Ofcom non hanno espresso particolari preoccupazioni riguardo il generale stato di salute della neutrality d’Albione. Una regolamentazione eccessivamente invasiva potrebbe portare provider e operatori a rifarsi direttamente sui propri clienti . Ma nel Regno Unito c’è una concorrenza più ampia tra grandi e piccoli ISP.

Provider che però dovranno fare della trasparenza una delle loro caratteristiche peculiari. Nel documento di Ofcom c’è infatti una particolare predisposizione che dovrebbe in futuro obbligare operatori e affini a rivelare ai propri abbonati tutte le tecniche utilizzate nella gestione globale del traffico . Perché è qui che Ofcom vorrebbe condurre la sua battaglia per la neutralità, sulle grandi autostrade della Rete.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ubunto scrive:
    I mafiosi non vanno intercettati
    i comuni cittadini sì invece.Il fatto poi che a commettere il crimine sia chi realizza l'abuso e chi ne trae vantaggio economico è di secondo piano.In realtà a sta gente non importa nulla dei minori, la millantata difesa è un cavallo di XXXXX per violare la privacy e schedare la rete.Una possibile soluzione:http://yacy.net/-------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 giugno 2010 00.18-----------------------------------------------------------
  • mcguolo scrive:
    Per la redazione
    Nel primo capoverso il link è un tantinello incasinato...
    • Sgabbio scrive:
      Re: Per la redazione
      Per non parlare che manca il link all'articolo precendete che parla di come hanno infinochiato i parlamentari
  • W.O.P.R. scrive:
    Assurdo
    Cioè vuol dire che se io scrivo "child sex" in un motore di ricerca o anche nel presente post, potrei essere catalogato fra i possibili sex offenders anche se la mia ricerca era finalizzata diversamente?Complimenti !!mi sembra che la strada che si sta prendendo a livello legislativo a qualsiasi sfera e latitudine si stia facendo sembre più uniforme.Si può solo sperare che questa generazione di legislatori schiatti in fretta.Ecco adesso sono anch'io un sex offender!!
    • fiertel91 scrive:
      Re: Assurdo
      - Scritto da: W.O.P.R.
      Si può solo sperare che questa generazione di
      legislatori schiatti in
      fretta.Guarda, concordo.
    • user scrive:
      Re: Assurdo
      se uno ti vuole mettere nei XXXXXX basta che al tuo pc con la tua connessione si mettte a scrivere qualche parola illegale su google ,tipo child sex preteen ecc...
    • aPenguin scrive:
      Re: Assurdo
      Concordo pienamente.Qui la cosa viene spiegata in modo più ampio.. e ci sono altre chicche, da leggere fino in fondo:http://blog.tntvillage.scambioetico.org/?p=6246#more-6246
Chiudi i commenti