Open source a scuola grazie a PC ri-utilizzati

Ne parlano a Punto Informatico i responsabili del progetto TRIciclo, che coinvolge alcune scuole superiori del barese e che potrebbe sbarcare nelle università. Raccontare il software libero e insegnare ad usarlo, e a produrlo

Bari – L’Istituto Tecnico Commerciale Giulio Cesare di Bari è tra i primi primi licei italiani a mettere in atto una sperimentazione che coniuga filosofia ed etica del software libero ed open source con il riciclo di computer ormai obsoleti.

TechnoSec, società di sviluppo di software libero, ha infatti dato vita a partire dal 2004 a Progetto TRIciclo , applicabile a qualsiasi organizzazione o ente, che si propone di rendere di nuovo operativi, grazie ai software basati su Linux, quei computer che ormai non possono più reggere i programmi Microsoft. Il progetto ha trovato molti riscontri presso le scuole superiori: solo nel liceo Giulio Cesare sono stati recuperati circa 30 pc che giacevano accatastati come rottami in uno stanzino rendendoli di nuovo operativi in forma di terminali grafici collegati ad un server centrale che ne gestisce il sistema operativo. Punto Informatico ne ha parlato con Marco Pennelli di TechnoSec.

Punto Informatico: Come si ri-utilizzano computer considerati obsoleti?
Marco Pennelli: Principalmente grazie al Linux Terminal Server Project che permette di collegare insieme una serie di computer che fanno anche il boot direttamente via rete, caricando così il sistema operativo dal server. E poi, dato che tutto quello che viene fatto dai client viene seguito dal server, questi PC possono anche non avere un disco fisso.

PI: Ma quanto sono “obsoleti” questi PC di cui parliamo?
MP: Diciamo che un client che viene recuperato può anche essere un pentium 100 con 32 MB di RAM e il server (che non può essere un PC riutilizzato ma necessariamente una macchina acquistata) di media potenza (dotato di almeno 2Gb di Ram) può elaborare i calcoli per 30 di queste macchine.

PI: C’è di mezzo anche il calcolo distribuito?
MP: In questo momento no. Inizialmente si pensava anche ad un discorso di clustering per fare calcolo distribuito sulle macchine, ma siccome non ci sono software liberi adeguatamente sviluppati abbiamo accantonato l’idea. Nel futuro sarà sicuramente possibile avere piccoli cluster nei supercomputer che con l’aggiunta di piccole macchine aumentino la potenza del cluster stesso.

PI: Perché spingere il software libero nelle scuole?
MP: Alle scuole questa cosa conviene perché risparmiano il 75% rispetto a modernizzare il proprio laboratorio e poi hanno qualcosa in più da offrire a docenti e studenti in termini di formazione.

PI: Già, perché non tutti sanno usare le piattaforme alternative
MP: Al momento stiamo facendo unicamente la formazione per i professori e sempre con loro stiamo valutando la possibilità di fare un percorso formativo per gli studenti. Anche perché quando i professori imparano a conoscere il software libero sono più sicuri e propensi a formare i ragazzi.

PI: Quali sono i software che insegnate ad usare?
MP: Innanzitutto utilizziamo EdUbuntu (una distribuzione educational, configurato proprio per il boot via rete) e diamo le basi per insegnarlo e poi ci occupiamo anche dei linguaggi di programmazione, insegnando magari Python al posto di Visual Basic e chiaramente OpenOffice da usare al posto di Office.

PI: Insegnate solo l’utilizzo tecnico o anche l’etica del free software ?
MP: La prima cosa che facciamo è proprio spiegare l’ideologia del software libero e dell’open source, le differenze tra i due movimenti e le loro caratteristiche, perché sono nati e come si stanno evolvendo, perché non sono nati ieri ma molti anni fa.
Si fa quindi tutto un discorso di storia, dall’avvio di Unix fino a Linux parlando anche dei vari personaggi del panorama open source. Facendo così abbiamo ottenuto che i docenti si sentano parte di una comunità e trasmettano poi più facilmente quest’ideologia ai ragazzi. In più, stiamo anche discutendo sulla possibilità di far sì che studenti e docenti contribuiscano allo sviluppo di software liberi.

PI: Ma una cosa del genere non richiede molto più tempo di quello che possono offrire degli studenti di liceo?
MP: In un istituto tecnico c’è un’area di progetto che gli studenti devono fare ogni anno e consiste in qualcosa che loro realizzano e che accomuna varie materie e discipline. E solitamente quando c’è l’informatica di mezzo viene realizzato un software che accomuni più materie. Adesso quindi il progetto potrebbe essere di realizzare un software libero, utilizzabile anche da altre scuole (che magari possono anche contribuire). Ogni classe ne realizza un modulo.

PI: Ma per la sua specificità questa non è un’iniziativa più adatta alle università?
MP: Sì. Così com’era nato, TRIciclo addirittura era dedicato alle organizzazioni nel senso più generale, categoria nella quale potevano rientrare anche le Pubbliche Amministrazioni. Ma nelle università, almeno in Puglia, c’è più resistenza nel far entrare il software libero. Per questo noi cerchiamo di creare un clima che lo favorisca.

PI: Questo vostro primo esperimento è avvenuto in un istituto dove i ragazzi sono mediamente più preparati tecnicamente rispetto ad altri tipi di licei. Come pensa andrebbe un progetto simile in un liceo classico?
MP: Io penso che ci sarebbero sicuramente lati positivi nell’utilizzo. Per esempio in un liceo classico ci sarebbe decisamente più feedback sulla parte ideologica. E poi non bisogna dimenticare l’aspetto del risparmio di denaro per l’evoluzione del laboratorio informatico.

a cura di Gabriele Niola

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Athlon64 al tappeto!
    Ha inciampato su Bill Gates, che aveva inciampato su Samba, che aveva inciampato su SVista, che aveva inciampato su Sony, che aveva inciampato su MS, che aveva inciampato su Ballmer... che non aveva inciampato! Si era chinato per raccogliere un doppio cheeseburger con cipolla extra caduto sul tappeto. Sì, perché Ballmer è convinto seguace della "Five-second rule"http://en.wikipedia.org/wiki/Five_Second_Rule
  • Anonimo scrive:
    SAMBA AL TAPPETO
    anni di lavoro di reverse eng. completamente buttati, bastava aspettare un po' e si riceveva tutta la documentazione bella che pronta... in piu' senza samba preninstallato su tutti i linux magari si sarebbe diffuso un sistema di reti domestiche aziendali piu' efficienti come appletalk o Novell Network... anche in questo modo i linari hanno contribuito a fare crescere redmond.linari masochisti anche quando non ricompilano i kernel :@ : :o :o
    • Anonimo scrive:
      Re: SAMBA AL TAPPETO
      Nessuno gli ha imposto di usare una licenza come la GPL.Hanno pagato il loro estremismo
      • Anonimo scrive:
        Re: SAMBA AL TAPPETO
        Ma che diamine c'entra la GPL??
        • Anonimo scrive:
          Re: SAMBA AL TAPPETO
          - Scritto da:
          Ma che diamine c'entra la GPL??Non so, forse intendeva che potevano ammazzarsi con il gas (rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: SAMBA AL TAPPETO
          - Scritto da:
          Ma che diamine c'entra la GPL??se leggi il post originale dovresti collegare il tutto.
          • Anonimo scrive:
            Re: SAMBA AL TAPPETO
            - Scritto da:
            se leggi il post originale dovresti collegare il
            tutto.Continuo a non capire cosa c'entri la licenza di SAMBA.
          • Anonimo scrive:
            Re: SAMBA AL TAPPETO
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            se leggi il post originale dovresti collegare il

            tutto.

            Continuo a non capire cosa c'entri la licenza di
            SAMBA."anni di lavoro di reverse eng. completamente buttati, bastava aspettare un po' e si riceveva tutta la documentazione bella che pronta..."o aggiungo io utilizzare un copyright leggermente diverso.Piu' chiaro ora?
          • Anonimo scrive:
            Re: SAMBA AL TAPPETO
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            se leggi il post originale dovresti collegare
            il


            tutto.



            Continuo a non capire cosa c'entri la licenza di

            SAMBA.

            "anni di lavoro di reverse eng. completamente
            buttati, bastava aspettare un po' e si riceveva
            tutta la documentazione bella che
            pronta..."

            o aggiungo io utilizzare un copyright leggermente
            diverso.

            Piu' chiaro ora?http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1920859&id=1920376&r=PI
          • Anonimo scrive:
            Re: SAMBA AL TAPPETO
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            se leggi il post originale dovresti collegare
            il


            tutto.



            Continuo a non capire cosa c'entri la licenza di

            SAMBA.

            "anni di lavoro di reverse eng. completamente
            buttati, bastava aspettare un po' e si riceveva
            tutta la documentazione bella che
            pronta..."

            o aggiungo io utilizzare un copyright leggermente
            diverso.

            Piu' chiaro ora?Perchè, pensi che SAMBA pagherebbe MS se la licenza permettesse di includere i protocolli MS?
          • Anonimo scrive:
            Re: SAMBA AL TAPPETO
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            se leggi il post originale dovresti collegare
            il


            tutto.



            Continuo a non capire cosa c'entri la licenza di

            SAMBA.

            "anni di lavoro di reverse eng. completamente
            buttati, bastava aspettare un po' e si riceveva
            tutta la documentazione bella che
            pronta..."

            o aggiungo io utilizzare un copyright leggermente
            diverso.

            Piu' chiaro ora?Perchè, pensi che SAMBA pagherebbe MS se la licenza permettesse di includere i protocolli MS?
    • Athlon64 scrive:
      Re: SAMBA AL TAPPETO
      Una richiesta a Punto Informatico... non potete mettere un filtro anti-troll? Sono tante le parole adatte, ad esempio "tappeto"... filtriamo tappeto e ci eviteremo le solite trollate idiote del tipo "Fireshit al tappeto", "Winsucks al tappeto", "SAMBA al tappeto"... non se ne può proprio più di questi troll che inquinano il forum...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 marzo 2007 12.16-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: SAMBA AL TAPPETO
        - Scritto da: Athlon64
        Una richiesta a Punto Informatico... non potete
        mettere un filtro anti-troll? Sono tante le
        parole adette, ad esempio "tappeto"... filtriamo
        tappeto e ci eviteremo le solite trollate idiote
        del tipo "Fireshit al tappeto", "Winsucks al
        tappeto", "SAMBA al tappeto"... non se ne può
        proprio più di questi troll che inquinano il
        forum...http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1920507&id=1920394
      • Anonimo scrive:
        Athlon64 al tappeto!
        http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1920376&m_id=1920581&r=PI&d=0Il T-1000 ha cercato di proteggerlo, ma ormai l'estinzione è inevitabile! (rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: Athlon64 al tappeto!
          - Scritto da:
          http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1920376&m_id=1920581&r=PI&d=0

          Il T-1000 ha cercato di proteggerlo, ma ormai
          l'estinzione è inevitabile!
          (rotfl)(rotfl)(rotfl)Per forza, continua a inciampare sui tappeti e su chi ci è inciampato prima di lui!Si sta autoestinguendo ! Be', per lo meno possiamo dedurre che è a norma per la prevenzione degli incendi :D (che battutaccia :$)
    • Anonimo scrive:
      Re: SAMBA AL TAPPETO
      - Scritto da:
      anni di lavoro di reverse eng. completamente
      buttati, bastava aspettare un po' e si riceveva
      tutta la documentazione bella che
      pronta...E in questi ultimi 10 anni cosa si usava ?Ti ricordo inoltre che samba risulta più veloce dell'originale stesso !!http://www.vnunet.com/itweek/news/2085206/samba-beats-windowsInoltre: Quanto dovrebbe pagare il team di samba a Microsoft ? Una implementazione "open" è permessa dalla licenza Microsoft
      • Anonimo scrive:
        Re: SAMBA AL TAPPETO
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        anni di lavoro di reverse eng. completamente

        buttati, bastava aspettare un po' e si riceveva

        tutta la documentazione bella che

        pronta...

        E in questi ultimi 10 anni cosa si usava ?Reverse engineering
        Ti ricordo inoltre che samba risulta più veloce
        dell'originale stesso
        !!
        http://www.vnunet.com/itweek/news/2085206/samba-be
        Inutile ai fini del discorso.
        Inoltre: Quanto dovrebbe pagare il team di samba
        a Microsoft ? Una implementazione "open" è
        permessa dalla licenza
        Microsoft
        Open di che tipo? Ci sono parecchie licenze open....scommetto che la GPL e' fuori.
        • Anonimo scrive:
          Re: SAMBA AL TAPPETO
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          anni di lavoro di reverse eng. completamente


          buttati, bastava aspettare un po' e si
          riceveva


          tutta la documentazione bella che


          pronta...



          E in questi ultimi 10 anni cosa si usava ?

          Reverse engineeringInfatti è stato fatto

          Inoltre: Quanto dovrebbe pagare il team di samba

          a Microsoft ? Una implementazione "open" è

          permessa dalla licenza

          Microsoft



          Open di che tipo? BSD per esempioO anche MPLQuanto avrebbero dovuto pagare ?La Microsoft l'avrebbe permesso ?
          Ci sono parecchie licenze
          open....scommetto che la GPL e'
          fuori.Ci scommetto pure ioLa Microsoft ha una fifa blu
          • Anonimo scrive:
            Re: SAMBA AL TAPPETO
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:



            anni di lavoro di reverse eng. completamente



            buttati, bastava aspettare un po' e si

            riceveva



            tutta la documentazione bella che



            pronta...





            E in questi ultimi 10 anni cosa si usava ?



            Reverse engineering

            Infatti è stato fatto



            Inoltre: Quanto dovrebbe pagare il team di
            samba


            a Microsoft ? Una implementazione "open" è


            permessa dalla licenza


            Microsoft






            Open di che tipo?

            BSD per esempio
            O anche MPL
            Quanto avrebbero dovuto pagare ?
            La Microsoft l'avrebbe permesso ?Di sicuro con la GPL no,per ovvi motivi


            Ci sono parecchie licenze

            open....scommetto che la GPL e'

            fuori.

            Ci scommetto pure io
            La Microsoft ha una fifa blu
          • Anonimo scrive:
            Re: SAMBA AL TAPPETO
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:



            anni di lavoro di reverse eng. completamente



            buttati, bastava aspettare un po' e si

            riceveva



            tutta la documentazione bella che



            pronta...





            E in questi ultimi 10 anni cosa si usava ?



            Reverse engineering

            Infatti è stato fatto



            Inoltre: Quanto dovrebbe pagare il team di
            samba


            a Microsoft ? Una implementazione "open" è


            permessa dalla licenza


            Microsoft






            Open di che tipo?

            BSD per esempio
            O anche MPL
            Quanto avrebbero dovuto pagare ?
            La Microsoft l'avrebbe permesso ?Di sicuro con la GPL no,per ovvi motivi


            Ci sono parecchie licenze

            open....scommetto che la GPL e'

            fuori.

            Ci scommetto pure io
            La Microsoft ha una fifa blu
        • Anonimo scrive:
          Re: SAMBA AL TAPPETO
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          anni di lavoro di reverse eng. completamente


          buttati, bastava aspettare un po' e si
          riceveva


          tutta la documentazione bella che


          pronta...



          E in questi ultimi 10 anni cosa si usava ?

          Reverse engineeringInfatti è stato fatto

          Inoltre: Quanto dovrebbe pagare il team di samba

          a Microsoft ? Una implementazione "open" è

          permessa dalla licenza

          Microsoft



          Open di che tipo? BSD per esempioO anche MPLQuanto avrebbero dovuto pagare ?La Microsoft l'avrebbe permesso ?
          Ci sono parecchie licenze
          open....scommetto che la GPL e'
          fuori.Ci scommetto pure ioLa Microsoft ha una fifa blu
      • Anonimo scrive:
        Re: SAMBA AL TAPPETO
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        anni di lavoro di reverse eng. completamente

        buttati, bastava aspettare un po' e si riceveva

        tutta la documentazione bella che

        pronta...

        E in questi ultimi 10 anni cosa si usava ?Reverse engineering
        Ti ricordo inoltre che samba risulta più veloce
        dell'originale stesso
        !!
        http://www.vnunet.com/itweek/news/2085206/samba-be
        Inutile ai fini del discorso.
        Inoltre: Quanto dovrebbe pagare il team di samba
        a Microsoft ? Una implementazione "open" è
        permessa dalla licenza
        Microsoft
        Open di che tipo? Ci sono parecchie licenze open....scommetto che la GPL e' fuori.
    • Anonimo scrive:
      Re: SAMBA AL TAPPETO
      - Scritto da:
      anni di lavoro di reverse eng. completamente
      buttati, bastava aspettare un po' e si riceveva
      tutta la documentazione bella che
      pronta...

      in piu' senza samba preninstallato su tutti i
      linux magari si sarebbe diffuso un sistema di
      reti domestiche aziendali piu' efficienti come
      appletalk o Novell Network... anche in questo
      modo i linari hanno contribuito a fare crescere
      redmond.


      linari masochisti anche quando non ricompilano i
      kernel :@ : :o
      :oI post come i tuoi sono quelli che contribuiscono ad aumentare lo squallore di questo forum.
      • Anonimo scrive:
        Re: SAMBA AL TAPPETO
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        anni di lavoro di reverse eng. completamente

        buttati, bastava aspettare un po' e si riceveva

        tutta la documentazione bella che

        pronta...



        in piu' senza samba preninstallato su tutti i

        linux magari si sarebbe diffuso un sistema di

        reti domestiche aziendali piu' efficienti come

        appletalk o Novell Network... anche in questo

        modo i linari hanno contribuito a fare crescere

        redmond.





        linari masochisti anche quando non ricompilano i

        kernel :@ : :o

        :o

        I post come i tuoi sono quelli che contribuiscono
        ad aumentare lo squallore di questo
        forum.Ecco allora visto che sei aperto e democratico dimostra di non essere cosi' "basso" come lui.
      • Anonimo scrive:
        Re: SAMBA AL TAPPETO
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        anni di lavoro di reverse eng. completamente

        buttati, bastava aspettare un po' e si riceveva

        tutta la documentazione bella che

        pronta...



        in piu' senza samba preninstallato su tutti i

        linux magari si sarebbe diffuso un sistema di

        reti domestiche aziendali piu' efficienti come

        appletalk o Novell Network... anche in questo

        modo i linari hanno contribuito a fare crescere

        redmond.





        linari masochisti anche quando non ricompilano i

        kernel :@ : :o

        :o

        I post come i tuoi sono quelli che contribuiscono
        ad aumentare lo squallore di questo
        forum.Ecco allora visto che sei aperto e democratico dimostra di non essere cosi' "basso" come lui.
Chiudi i commenti