Opteron conquista HP

L'azienda ha annunciato nuovi modelli di server basati su Opteron e ha aggiunto alla propria offerta i primi server blade e workstation basate sulla piattaforma AMD64


San Jose (USA) – Esattamente un anno fa HP è stato fra i primi colossi del settore ad abbracciare Opteron. Oggi è nuovamente fra i primi a portare questo processore in tre differenti categorie di sistemi: workstation, server blade e server tradizionali.

Il debutto di Opteron sulle workstation di HP, che segue da vicino la decisione dell’azienda di abbandonare la propria linea di workstation basate su Itanium, avviene con il sistema XW9300: questo si basa su processori della serie 200 e, pertanto, supporta configurazioni a doppio processore.

I nuovi server blade sono invece rappresentati dal modello full-height BL25p, basato sugli Opteron 250 o 252, e il modello half-height
BL35p, equipaggiato con uno o due chip 250. Il prezzo del primo sistema parte da 3.400 dollari, mentre quello del secondo da 2.900 dollari.

HP ha poi introdotto una versione Opteron-based di un server, il ProLiant DL380, in precedenza disponibile esclusivamente con processori Xeon. A questo sistema, il cui prezzo parte da 2.900 dollari, il produttore ha affiancato un modello low-end, sempre basato su Opteron, chiamato ProLiant DL 145.

Tutti i nuovi server di HP faranno girare Linux (distribuzioni di SuSE e Red Hat) o Windows e saranno disponibili a partire da marzo. L’azienda afferma che i server con CPU x86 a 64 bit offrono “un rapporto prezzo/prestazioni ottimale”, soprattutto in ambiti applicativi quali il calcolo tecnico ad alte prestazioni, la pubblica amministrazione e i servizi finanziari.

HP sostiene che l’espansione della propria linea di sistemi con processore Opteron risponde ad una precisa richiesta dei propri clienti: senza dubbio un’ottima notizia per un chipmaker, AMD, che ha fatto il proprio ingresso sul mercato dei server solo in tempi recenti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    cercasi programmatore symbian serie 60
    per sviluppo software su nokia e61, pagamento a royalty.http://www.ematrade.itmail info@ematrade.it
  • Anonimo scrive:
    Re: Symbian s60
    - Scritto da: Anonimo
    sui cellulari Symbian s60 esistono gia
    questi programmiE quali sono??Ad esempio sul nokia 6600?
  • Anonimo scrive:
    Symbian s60
    sui cellulari Symbian s60 esistono gia questi programmi
  • Anonimo scrive:
    Re: Sai che tecnologia!
    gia' e in j2me penso che la storia non cambi molto ... Se hai voglia lo facciamo tanto j2me lo conosco :DFa ridere in effetti pensare che debba essere una "rivoluzione".ciauz
  • Anonimo scrive:
    Sai che tecnologia!
    Non è che sia poi chissà che software! Riconosce i bordi del foglio esattamente come fanno tutti i software di scansione (dieci righe di codice), la novità sta solo nel fatto che questo programma probabilmente raddrizzerà anche il foglio (altre dieci righe di codice) adattandolo alle proporzioni di un a4, e che permetterà di modificare luminosità e contrasto.Parlare di tecnologia per un programmino che un programmatore symbian può fare in un paio d'ore mi sembra eccessivo...
  • MaurizioB scrive:
    Sicuri?
    Non è che ci si stia confondendo con il formato di digitalizzazione dei contenuti stile "francobollo"? Ora non ricordo bene il nome della tecnologia, ma è stata introdotta da poco anche in europa (a volte la si vede sui pacchi postali), sono quei quadratini con simboli in b/n apparentemente incomprensibili che sono in pratica un'evoluzione del codice a barre... Ricordo che quand'ero in Giappone avevo un cellulare che era in grado di leggere tutte le informazioni di quel genere di etichette, scansendole direttamente con la fotocamera...Saluti
Chiudi i commenti