Ore contate per i cellulari nei cinema

Ci prova la più importante catena di sale negli USA: dei pager consentiranno al pubblico di avvisare le maschere qualora qualcuno decida di telefonare durante la proiezione. Per evitare risse, dicono i manager

Roma – È da anni uno dei modi migliori per far andare su tutte le furie i cinefili: accendere il cellulare durante la proiezione di un film in una sala cinematografica. Ora una importante catena di cinema americana ha deciso di consentire agli spettatori di “vendicarsi” su chi non rispetta il silenzio e la quiete richiesti nelle sale.

Il Regal Entertainment Group , considerato il maggiore gruppo del settore negli USA, ha fatto sapere di voler dotare gli spettatori di specifici pager che consentono di allertare immediatamente gli assistenti in sala .

I primi pager, distribuiti come test ai clienti affezionati di 25 cinema, sono dotati di quattro pulsanti . Uno avvisa in caso in cui sia in corso una rissa tra clienti, scatenata, come pare accada, dall’uso improprio del cellulare, un secondo pulsante serve nel caso in cui vi siano problemi tecnici con la proiezione, un terzo se vi sono problemi di temperatura in sala e un quarto, da usare per qualsiasi altro problema.

“I cellulari – ha dichiarato durante un convegno newyorkese il CEO di Regal, Micheal Campbell – ci fanno andare fuori di testa. Siamo al punto che si creano risse nei cinema. Uno spettatore dice ad un altro: spegni il cellulare… Abbiamo avuto gente assaltata con mazze, coltelli, pistole”.

L’idea del gruppo è di far seguire alla sperimentazione, se avrà successo, una distribuzione dei dispositivi in tutte le 6.400 sale che gestisce in terra americana.

Va detto che la scelta di Regal non sorprende: pochi mesi fa l’associazione degli esercenti del cinema statunitense ha chiesto l’intervento della Commissione federale sul commercio per vietare tout-court i cellulari al cinema. I cinefili aspettano fiduciosi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    La situazione è MOLTO migliorata
    Negli ultimi anni.Molto resta da fare, ma prmai la strada è tracciata.L' Open SOurce e Linux è il futuro, microsoft e il WC-Closed è ormai il passato.Io mondo l' ha capito, solo gli ITALIOTI, come al solito, faticano a capirlo e arriveranno da buoni ultimi a raccattare le ossa che gli lascranno forse con ancora un pò di polpa.L' ineluttabile non può più esser cambiato, frenato dalle forze dell' Impero del Male sì, ma cambiato ormai non più.
    • Anonimo scrive:
      Re: La situazione è MOLTO migliorata
      Ecco bravo,peccato che le aspettative su Linux sono circa dieci volte tanto.Insomma se il mercato si sposta di dieci,linux insegue con due....la vogliamo finire con questa storia? Facciamo fare a linux balzi da dieci?E' dal 1997 che sento che la situazione migliora...bastaaaaaa si risolvano questi problemiiiii una volta tanto!!
  • Anonimo scrive:
    Per forza stanno con MS!
    Scusate ve ne siete accorti solo ora?Preferiscono fare i leccaculo di Microsoft col tc, Microsoft non vuole appoggiare l'opensource ma acquisire e distruggerlo poi per far prevalere le sue controverse intenzioni insieme ai suoi compari.Vi dice niente l'accordo(poi smentito da Steve Ballmer)con Novell?Accordo e poi hanno attaccato la politica opensource per alcuni brevetti, quindi è ovvio che Linux non è appoggiato perchè Windows è più diffuso e quindi fonte di più guadagno.Aprite gli occhi, non ci sarà mai appoggio perchè NOI NON ABBIAMO IMPORTANZA PER LORO, GLI PIACE DI PIU' COSTRINGERCI NELLE LORO MOTIVAZIONI CONTROVERSE E SPORCHE!
    • Anonimo scrive:
      Re: Per forza stanno con MS!
      Vedrai che se gli presenti l'opportunita' nei fatti di quintuplicargli gli introiti faranno la fila per supportarti.Aprite gli occhi e finitela di distrorcere una realta' che rischia adesso,di non portarvi da nessuna parte.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per forza stanno con MS!
        - Scritto da:
        Vedrai che se gli presenti l'opportunita' nei
        fatti di quintuplicargli gli introiti faranno la
        fila per supportarti.Difficle, avendo a che fare con un monopolista...
        • Anonimo scrive:
          Re: Per forza stanno con MS!
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Vedrai che se gli presenti l'opportunita' nei

          fatti di quintuplicargli gli introiti faranno la

          fila per supportarti.

          Difficle, avendo a che fare con un monopolista...Andrete avanti molto con questa giustificazione? Provate voi a cambiare le regole del gioco e poi ne riparliamo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per forza stanno con MS!
            Perché non comincia anche tu ad usare e fare usare Linux?Perché chiedi a noi, ci dice "fate", "diffondete". Tu cosa sei non sei italiano, non ti da fastidio che in tutto quello che paghi c'è una percentuale di tassa che va a Micro$oft?Non ti da fastidio che il tuo ospedale non possa comprare una macchina per la risonanza magnetica perché anche quest'anno ha buttato via 150.000 euro di licenze Micro$oft?
        • Anonimo scrive:
          Re: Per forza stanno con MS!
          Sai, è facile diventare monopolisti quando i tuoi avversari sono così imbecilli da chiudersi nel loro personalissimo mercatino e gli altri si fanno le seghe mentali se la prossima modifica al sistema potrà attirare gli strali (e le molotov) di qualche finto santone.
  • Anonimo scrive:
    HAL
    Ma la tanto decantata Hardware Abstraction Layer?C'era una tecnologia che aveva il nobile obbiettivo di permettere di poter eliminare qualsiasi necessità di driver poiché il protocollo di comunicazione trasportava tutte le informazioni di interfacciamento attraverso il bus, un po' come per gli human interface device e i mass storage per l'USB.A quanto pare questo progetto era particolamente odiato e osteggiato da Micro$oft che non ha voluto entrare nel consorzio e non ha mai voluto sentire parlare di integrare in Window$ qualsiasi componente. E lo credo bene, un hardware che non necesita più di driver sarebbe la manna per qualsiasi sistema operativo.
    • Anonimo scrive:
      Re: HAL
      HAL c'è ed è vivo, vegeto e funzionante, ma fa tutt'altro.Lo scopo di HAL è quello di riconoscere l'HW e fare tutte le operazioni di routine per montarlo, renderlo usabile, settare i permessi.Il driver ci deve essere sempre e comunque, HAL è un configuratore.Saluti..............Enico (c64)(linux)
  • Anonimo scrive:
    C'è anche il problema delle API Linux
    Giusto una piccola nota da un fan assoluto di Linux: uno dei problemi è anche la non stabilità delle API del kernel Linux... Anche quello darebbe una forte mano se non ai sviluppatori OpenSource almeno a quelli della case di HW...
    • Anonimo scrive:
      Re: C'è anche il problema delle API Linu
      - Scritto da:
      Giusto una piccola nota da un fan assoluto di
      Linux: uno dei problemi è anche la non stabilità
      delle API del kernel Linux... Anche quello
      darebbe una forte mano se non ai sviluppatori
      OpenSource almeno a quelli della case di
      HW..La non stabilità delle API del kernel Linux?A) Non esistono le API del kernel LinuxB) Linux non è affatto instabileC) Se vuoi le API e un sacco di merda proprietaria nel kernel usa Windows.
      • Anonimo scrive:
        Re: C'è anche il problema delle API Linu
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Giusto una piccola nota da un fan assoluto di

        Linux: uno dei problemi è anche la non stabilità

        delle API del kernel Linux... Anche quello

        darebbe una forte mano se non ai sviluppatori

        OpenSource almeno a quelli della case di

        HW..

        La non stabilità delle API del kernel Linux?

        A) Non esistono le API del kernel Linux
        B) Linux non è affatto instabile
        C) Se vuoi le API e un sacco di merda
        proprietaria nel kernel usa
        Windows.Enno' ha posto una questione piu' che legittima! Non e' partito facendo confronti con Windows.Come ti viene in mente di liquidare cosi'?
        • Anonimo scrive:
          Re: C'è anche il problema delle API Linu
          In realtà in mente non gli è venuto niente... è partito in 4° e s'è lanciato dalla superstrada in costruzione: direzione "Locelebro" (ridente località di villeggiatura di futura costruzione)
      • MeDevil scrive:
        Re: C'è anche il problema delle API Linu
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Giusto una piccola nota da un fan assoluto di

        Linux: uno dei problemi è anche la non stabilità

        delle API del kernel Linux... Anche quello

        darebbe una forte mano se non ai sviluppatori

        OpenSource almeno a quelli della case di

        HW..

        La non stabilità delle API del kernel Linux?

        A) Non esistono le API del kernel Linux
        B) Linux non è affatto instabile
        C) Se vuoi le API e un sacco di merda
        proprietaria nel kernel usa
        Windows.Non trolliamo pls. a) Il termine "api" è generico, ed è applicato anche al kernel linux (ti basta vedere il kernelbook su sourceforge).b) la stabilità di un sistema non deriva solo dal tipo di so utilizzato, ma anche dal tipo di hardware e software (nonché dalla stessa configurazione del so).c) no comment.Vorrei puntualizzare però che le modifiche alle api, non vengono effettuate cambiando i nomi dei metodi o dei valori di ritorno o dei parametri dei metodi stessi. Le modifiche alle api, sono l'aggiunta di nuovi metodi o la riscrittura del codice (parziale o totale) del metodo stesso (senza ovviamente cambiare nome, parametri di ritorno etc etc).Saluti, MeDevil.
        • Wakko Warner scrive:
          Re: C'è anche il problema delle API Linu
          - Scritto da: MeDevil
          Non trolliamo pls.
          a) Il termine "api" è generico, ed è applicato
          anche al kernel linux (ti basta vedere il
          kernelbook su
          sourceforge).No, non si riferisce a UNIX dunque nemmeno a Linux.Su Linux si chiamano "chiamate di sistema" e c'è una relazione quasi 1 a 1 fra le chiamate di sistema e le procedure di libreria usate per invocarle. (Per esempio, la chiamata di sistema "read" ha una procedura di libreria "read" che serve per invocarla).Le chiamate di procedura previste in POSIX sono circa un centinaio.Su Windows hai le così dette Win32 API che servono per ottenere servizi dal sistema operativo. Sono completamente distinte dalle chiamate di sistema. Una chiamata API potrebbe eseguire molte chiamate di sistema in un colpo solo (al fine di compiere il suo lavoro) oppure anche non fare alcuna chiamata di sistema (se il lavoro non lo richiede).Ci sono circa un migliaio di API in Windows, poche delle quali vanno effettivamente a fare chiamate di sistema e molte invece lavorano in user-space.Questo permette a Microsoft di cambiare le chiamate di sistema pur mantenendo le API (viste dal programmatore esterno) sempre uguali. È persino possibile spostare alcune chiamate di sistema in userspace e viceversa senza toccare le API anche da una release all'altra di Windows senza per questo azzoppare i programmi che ne fanno uso.Ecco quindi che anche un minimo cambiamento in linux (rimozione di una chiamata di sistema o cambio di nome) causa una rottura nei programmi che la eseguivano... cosa che non accade in Windows.Se vuoi leggiti le pagine 48 e 49 di Tanenbaum - Moderni Sistemi Operativi.
          • Anonimo scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            - Scritto da: Wakko Warner

            - Scritto da: MeDevil

            Non trolliamo pls.

            a) Il termine "api" è generico, ed è applicato

            anche al kernel linux (ti basta vedere il

            kernelbook su

            sourceforge).

            No, non si riferisce a UNIX dunque nemmeno a
            Linux.

            Su Linux si chiamano "chiamate di sistema" e c'è
            una relazione quasi 1 a 1 fra le chiamate di
            sistema e le procedure di libreria usate per
            invocarle. (Per esempio, la chiamata di sistema
            "read" ha una procedura di libreria "read" che
            serve per
            invocarla).
            Le chiamate di procedura previste in POSIX sono
            circa un
            centinaio.

            Su Windows hai le così dette Win32 API che
            servono per ottenere servizi dal sistema
            operativo. Sono completamente distinte dalle
            chiamate di sistema. Una chiamata API potrebbe
            eseguire molte chiamate di sistema in un colpo
            solo (al fine di compiere il suo lavoro) oppure
            anche non fare alcuna chiamata di sistema (se il
            lavoro non lo
            richiede).
            Ci sono circa un migliaio di API in Windows,
            poche delle quali vanno effettivamente a fare
            chiamate di sistema e molte invece lavorano in
            user-space.
            Questo permette a Microsoft di cambiare le
            chiamate di sistema pur mantenendo le API (viste
            dal programmatore esterno) sempre uguali. È
            persino possibile spostare alcune chiamate di
            sistema in userspace e viceversa senza toccare le
            API anche da una release all'altra di Windows
            senza per questo azzoppare i programmi che ne
            fanno
            uso.

            Ecco quindi che anche un minimo cambiamento in
            linux (rimozione di una chiamata di sistema o
            cambio di nome) causa una rottura nei programmi
            che la eseguivano... cosa che non accade in
            Windows.Allora perche' i programmatori windows hanno sempre chiamato la cosa "dll hell" ???
            Se vuoi leggiti le pagine 48 e 49 di Tanenbaum -
            Moderni Sistemi
            Operativi.
          • Wakko Warner scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            - Scritto da:
            Allora perche' i programmatori windows hanno
            sempre chiamato la cosa "dll hell"
            ???Quello è un altro problema... e si riferisce al vizio dei programmatori di schiaffare le proprie DLL dentro Windows/System.Alla fine Windows è lento come un bradipo, i programmi si "dimenticano" di cancellare le loro schifezze su deinstallazione e la cartella Windows diventa enorme con migliaia di file che a loro volta causano il rallentamento del sistema (una cosa è cercare una DLL fra 100 altro, un altra cosa fra qualche migliaio... se poi consideri che questo viene fatto anche molte volte al secondo... ma naturalmente non è solo questo che causa la lentezza... anche il pachidermico registro ci mette del suo).Inoltre spesso le DLL differiscono solo di una versione, quindi alla fine hai tre o quattro DLL che fanno praticamente la stessa cosa ma con versioni diverse.Senza poi contare quello che succede quando magari la mia DLL va a sovrascrivere una DLL con lo stesso nome ma che svolgeva azioni diverse per un programma diverso.Ma le API bene o male non c'entrano con questo... le API sono più o meno standard, non cambiano da una versione all'altra (tranne il passaggio Win9X-
            Win2k che ne ha introdotte diverse oltre che a cambiarne alcune di preesistenti [ecco perché alcuni programmi che funzionavano su Win9X su Win2k non andavano e viceversa]).
    • Alessandrox scrive:
      Re: C'è anche il problema delle API Linu
      - Scritto da:
      Giusto una piccola nota da un fan assoluto di
      Linux: uno dei problemi è anche la non stabilità
      delle API del kernel Linux... Anche quello
      darebbe una forte mano se non ai sviluppatori
      OpenSource almeno a quelli della case di
      HW...----------------------------------INSTABILI???Che vuol dire instabili? Che cambiano ad ogni colpo di vento? Che non "interfacciano" nella maniera giusta? Se sono instabili queste allora e' INSTABILE TUTTO IL SISTEMA, cosa che non mi risulta...Spiegare "instabilita' delle API del kernel Linux" per favore... Grazie-------------------------------ScusateMi autorispondo (capita):/usr/src/linux/Documentation/stable_api_nonsense.txt.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 dicembre 2006 19.43-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: C'è anche il problema delle API Linu
        Alessandro,credo che per "API instabili" intenda definirle in termini di durata temporale.Ad esempio dal 2.4.x al 2.6.x sono stati dichiarati come "broken" un numero considerevole di driver a causa dei cambiamenti nelle interfacce di programmazione del kernel.Driver che com'e' facile immaginare sono frutto di sacrifici e attese lunghe.Ad ogni modo e' bene che ti risponda anche lui visto che e' stato chiamato in causa direttamente.
        • Alessandrox scrive:
          OK chiarito...
          - Scritto da:
          Alessandro,credo che per "API instabili" intenda
          definirle in termini di durata temporale.Ad
          esempio dal 2.4.x al 2.6.x sono stati dichiarati
          come "broken" un numero considerevole di driver a
          causa dei cambiamenti nelle interfacce di
          programmazione del kernel.Driver che com'e'
          facile immaginare sono frutto di sacrifici e
          attese
          lunghe.
          Ad ogni modo e' bene che ti risponda anche lui
          visto che e' stato chiamato in causa
          direttamente./usr/src/linux/Documentation/stable_api_nonsense.txt.Si da questo punto di vista credo sia uno dei suoi limiti... diciamo di praticita' e non di funzionalita'... e il documento di cui sopra non credo riesca a giustificare pienamente questa caratteristica. Ma e' solo una mia opinione.OT-PS:sarebbe bene che nella lista dei messaggi si vedesero anche i titoli e non solo l' utente...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 dicembre 2006 19.34-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: OK chiarito...
            - Scritto da: Alessandrox
            /usr/src/linux/Documentation/stable_api_nonsense.t

            e il documento di cui sopra non
            credo riesca a giustificare pienamente questa
            caratteristica. Ma e' solo una mia
            opinione.Se dopo averlo letto non sei d'accordo significa che non hai capito il problema o che non lo vuoi capire.
          • Alessandrox scrive:
            Re: OK chiarito...
            - Scritto da:

            - Scritto da: Alessandrox

            /usr/src/linux/Documentation/stable_api_nonsense.



            e il documento di cui sopra non

            credo riesca a giustificare pienamente questa

            caratteristica. Ma e' solo una mia

            opinione.

            Se dopo averlo letto non sei d'accordo significa
            che non hai capito il problema o che non lo vuoi
            capire.Non ho detto che non sono daccordo, ho solo detto che non mi convincono pienamente tutte le motivazioni e le giustificazioni date...Se vuoi esempi di S.O. i cui kernel cambiano spesso e anche molto (e senza senza il mantenimento delle vecchie interfacce) ma non c'e' bisogno di ricompilare i drivers del sistema, almeno nel 99% dei casi non hai che da chiedere.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 dicembre 2006 12.25----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 dicembre 2006 12.26-----------------------------------------------------------
        • Anonimo scrive:
          Re: C'è anche il problema delle API Linu
          Ciao, con questo post intendo esprimere una mia opinione sulla base delle tue affermazione e le stesse possono costituire una risposta "out of path" per Alessandrox.
          Alessandro,credo che per "API instabili" intenda
          definirle in termini di durata temporale.Ad
          esempio dal 2.4.x al 2.6.x sono stati dichiarati
          come "broken" un numero considerevole di driver a
          causa dei cambiamenti nelle interfacce di
          programmazione del kernel.La cosa fondamentale da capire è che il kernel 2.6.x non è una nuova versione del kernel 2.4.x. Le prime due cifre della "versione" di un kernel GNU/Linux ne identificano la famiglia d'appartenenza. La famiglia 2.6 non deriva dalla famiglia 2.4 (anche se alcuni blocchi di codice sono stati riutilizzati) ma è una famiglia di kernel che possiamo considerare come completamente riscritta e parallela (sono ancora in sviluppo versioni della famiglia 2.4) e l'unica distribuzione che la propone per default è Fedora. E' un po come voler avviare un'applicazione DOS su Windows XP, la compatibilità c'è ma non è del 100% perchè sono basati su kernel strutturalmente diversi. Io non parlerei di limitazioni di GNU/Linux perchè, in questo caso, si parla di cose completamente differenti. Se i sorgenti dei driver fossero resi pubblici, sarebbe molto più immediato il "porting" degli stessi tanto per la famiglia 2.4 che per la 2.6. E' un vantaggio non indifferente.
          • Anonimo scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            Guarda, fino a qualche tempo fa ero dell'idea che un kernel ben compilato cambiava la vita ma dopo averci perso le diottrie su menuconfig e non averci guadagnato molto ho scoperto un'amara realtà. Ciò che pesa viene dopo il kernel...
          • Anonimo scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            - Scritto da:
            Guarda, fino a qualche tempo fa ero dell'idea che
            un kernel ben compilato cambiava la vita ma dopo
            averci perso le diottrie su menuconfig e non
            averci guadagnato molto ho scoperto un'amara
            realtà. Ciò che pesa viene dopo il
            kernel...Gia' solo una Gentoo compilata per il proprio processore ha una velocita' spaventevole constatabile ad occhio.
          • Anonimo scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            Si so che si tratta di un "major" release.Questo pero' non giustifica di dover rompere la compatibilita' con un numero cosi' grande di driver.I cambiamenti fatti nel 2.6 sono stati tanti e profondi nei vari sottosistemi: scheduling,gestione driver,ecc.Ma la questione e' piu' profonda e differente.Dobbiamo ad ogni major release rompere la compatibilita' per presunti vantaggi tecnologici? Si deve gettare alle ortiche del lavoro gia' svolto? Chi sviluppa driver closed deve ogni volta ripartire da capo? Diamo garanzie o facciamo gli struzzi? Al di la' delle questioni squisitamente filosofiche,mantenere le API stabili credo sia un segno di serieta' e competenza nei confronti del mercato e perche' no,anche di buon design.Ti ricordo che Unix SVR4 adotta le specifiche DDI/DDK create piu' di dieci anni fa' e non ci sono mai stati problemi.Ma se vogliamo essere ancora piu' precisi credo che pure fra i sistemi open,Linux sia l'unico a fare queste cretinate.Infatti il kernel 2.6 e' talmente buono che ci sono volute 10 minor release per renderlo usabile ma nonostante tutto gente come Patrick Volkerding sostiene che non sia ancora pronto (non ne conosco le motivazioni ma non e' proprio l'ultimo arrivato) per l'uso in produzione.Ti risparmio anche i commenti di Alan Cox sulla bonta' di questa release....Ma comunque spero che i guru del kernel conoscano almeno le diavolerie di progettazione come il "design by contract" che bene o male garantiscono organizzazione e pulizia del codice.Insomma che gli sviluppatori kernel facciano quel razzo che vogliono si era capito ed e' deprecabile,ma che ci sia gente che li giustifichi sinceramente e' triste.
          • Anonimo scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            - Scritto da:
            Si deve gettare alle
            ortiche del lavoro gia' svolto? Senti tu non devi buttare alle ortiche nessun lavoro perché se ne occupa Linus e compagnia bella di fare tutto e i risultati non sono affatto deludente.
            Chi sviluppa
            driver closed deve ogni volta ripartire da capo?Forse perché chi sviluppa driver closed potrebbe benissimo farli open. Una volta che un driver è nel kernel di Linus farà automaticamente partedi tutte le distribuzioni, e questo risolve alla radice il problema di distribuzione, compilazione e installazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Si deve gettare alle

            ortiche del lavoro gia' svolto?

            Senti tu non devi buttare alle ortiche nessun
            lavoro perché se ne occupa Linus e compagnia
            bella di fare tutto e i risultati non sono
            affatto
            deludente.


            Chi sviluppa

            driver closed deve ogni volta ripartire da
            capo?

            Forse perché chi sviluppa driver closed potrebbe
            benissimo farli open. Una volta che un driver è
            nel kernel di Linus farà automaticamente
            parte
            di tutte le distribuzioni, e questo risolve alla
            radice il problema di distribuzione, compilazione
            e installazione.Bene, cosi' state mettendo la parola fine a tutte le possibilita' di vedere Linux competere con le migliori piattaforme commerciali.
          • Anonimo scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            - Scritto da:


            Si deve gettare alle


            ortiche del lavoro gia' svolto?

            Senti tu non devi buttare alle ortiche

            nessun lavoro perché se ne occupa Linus

            e compagnia bella di fare tutto e i

            risultati non sono affatto deludente.


            Chi sviluppa driver closed deve ogni


            volta ripartire da capo?

            Forse perché chi sviluppa driver closed

            potrebbe benissimo farli open. Una volta

            che un driver è nel kernel di Linus farà

            automaticamente parte di tutte le

            distribuzioni, e questo risolve alla

            radice il problema di distribuzione,

            compilazione e installazione.
            Bene, cosi' state mettendo la parola fine
            a tutte le possibilita' di vedere Linux
            competere con le migliori piattaforme
            commerciali.Se non fosse per il monopolio microsoft non ci sarebbe bisogno di competere con nulla, ne' l'interesse.
          • Anonimo scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            - Scritto da:
            - Scritto da:




            Si deve gettare alle



            ortiche del lavoro gia' svolto?



            Senti tu non devi buttare alle ortiche


            nessun lavoro perché se ne occupa Linus


            e compagnia bella di fare tutto e i


            risultati non sono affatto deludente.




            Chi sviluppa driver closed deve ogni



            volta ripartire da capo?



            Forse perché chi sviluppa driver closed


            potrebbe benissimo farli open. Una volta


            che un driver è nel kernel di Linus farà


            automaticamente parte di tutte le


            distribuzioni, e questo risolve alla


            radice il problema di distribuzione,


            compilazione e installazione.


            Bene, cosi' state mettendo la parola fine

            a tutte le possibilita' di vedere Linux

            competere con le migliori piattaforme

            commerciali.

            Se non fosse per il monopolio microsoft non ci
            sarebbe bisogno di competere con nulla, ne'
            l'interesse.Ecco continuate a ragionare cosi' che i problemi di linux non li risolverete mai.
          • Anonimo scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            - Scritto da:




            Si deve gettare alle




            ortiche del lavoro gia' svolto?



            Senti tu non devi buttare alle ortiche



            nessun lavoro perché se ne occupa Linus



            e compagnia bella di fare tutto e i



            risultati non sono affatto deludente.




            Chi sviluppa driver closed deve ogni




            volta ripartire da capo?



            Forse perché chi sviluppa driver closed



            potrebbe benissimo farli open. Una volta



            che un driver è nel kernel di Linus farà



            automaticamente parte di tutte le



            distribuzioni, e questo risolve alla



            radice il problema di distribuzione,



            compilazione e installazione.


            Bene, cosi' state mettendo la parola fine


            a tutte le possibilita' di vedere Linux


            competere con le migliori piattaforme


            commerciali.

            Se non fosse per il monopolio microsoft non

            ci sarebbe bisogno di competere con nulla,

            ne' l'interesse.
            Ecco continuate a ragionare cosi' che i
            problemi di linux non li risolverete
            mai.Ovvio : perche' non sono problemi "di linux", ma collaterali, e non possono essere risolti da chi programma linux.
          • Anonimo scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            - Scritto da:
            - Scritto da:






            Si deve gettare alle





            ortiche del lavoro gia' svolto?





            Senti tu non devi buttare alle ortiche




            nessun lavoro perché se ne occupa Linus




            e compagnia bella di fare tutto e i




            risultati non sono affatto deludente.






            Chi sviluppa driver closed deve ogni





            volta ripartire da capo?





            Forse perché chi sviluppa driver closed




            potrebbe benissimo farli open. Una volta




            che un driver è nel kernel di Linus farà




            automaticamente parte di tutte le




            distribuzioni, e questo risolve alla




            radice il problema di distribuzione,




            compilazione e installazione.




            Bene, cosi' state mettendo la parola fine



            a tutte le possibilita' di vedere Linux



            competere con le migliori piattaforme



            commerciali.



            Se non fosse per il monopolio microsoft non


            ci sarebbe bisogno di competere con nulla,


            ne' l'interesse.


            Ecco continuate a ragionare cosi' che i

            problemi di linux non li risolverete

            mai.

            Ovvio : perche' non sono problemi "di linux", ma
            collaterali, e non possono essere risolti da chi
            programma
            linux.Ah ecco bel modo di scaricare la colpa.
          • Anonimo scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            - Scritto da:








            Si deve gettare alle






            ortiche del lavoro gia' svolto?







            Senti tu non devi buttare alle ortiche





            nessun lavoro perché se ne occupa Linus





            e compagnia bella di fare tutto e i





            risultati non sono affatto deludente.








            Chi sviluppa driver closed deve ogni






            volta ripartire da capo?







            Forse perché chi sviluppa driver closed





            potrebbe benissimo farli open. Una
            volta






            che un driver è nel kernel di Linus
            farà






            automaticamente parte di tutte le





            distribuzioni, e questo risolve alla





            radice il problema di distribuzione,





            compilazione e installazione.






            Bene, cosi' state mettendo la parola fine




            a tutte le possibilita' di vedere Linux




            competere con le migliori piattaforme




            commerciali.





            Se non fosse per il monopolio microsoft non



            ci sarebbe bisogno di competere con nulla,



            ne' l'interesse.




            Ecco continuate a ragionare cosi' che i


            problemi di linux non li risolverete


            mai.



            Ovvio : perche' non sono problemi "di linux", ma

            collaterali, e non possono essere risolti da chi

            programma

            linux.

            Ah ecco bel modo di scaricare la colpa.Semplice constatazione...
          • Alessandrox scrive:
            Re: C'è anche il problema delle API Linu
            - Scritto da:
            Ciao, con questo post intendo esprimere una mia
            opinione sulla base delle tue affermazione e le
            stesse possono costituire una risposta "out of
            path" per
            Alessandrox.

            Alessandro,credo che per "API instabili" intenda

            definirle in termini di durata temporale.Ad

            esempio dal 2.4.x al 2.6.x sono stati dichiarati

            come "broken" un numero considerevole di driver
            a

            causa dei cambiamenti nelle interfacce di

            programmazione del kernel.Il problema e' che per far funzionare il modulo kqemu con diversi kernel della serie 2.6.x o me lo ricompilo a mano ogni volta o uso DKMS...Il probmìlema e' quindi insito all' interno di una stessa serie di kernel... a quanto pare.
  • mythsmith scrive:
    mediaworld
    Personalmente quando ho bisogno di hardware "a rischio", come schede wireless, mi rivolgo a mediaworld. Vado, leggo attentamente sulla scatola se c'è il chipset: di solito non c'è. Le liste di compatibilità che si trovano su internet non sono mai aggiornate ai modelli, e per giunta molti produttori cambiano chipset senza cambiare né nome né nulla (quindi ti trovi con due prodotti identici dei quali uno funzia e l'altro no!).Quindi chiedo all'omino di turno: "scusi qual'è il chipset?". Quello armeggia, e poi dice "non lo so". Al ché io compro la periferica, vado a casa, la provo. Non funziona?Benissimo. Torno da mediaworld, restituisco la merce e mi fanno un buono acquisto. Motivo? Il produttore non ha documentato a dovere il prodotto sulla confezione, impedendomi di sapere a priori se la periferica poteva funzionare o no con la mia configurazione hw/sw. Non sono legato a mediaworld, ma gli faccio pubblicità qui perché sono gli unici con un minimo di sensibilità riguardo l'hardware. Se non va, per qualsiasi motivo, hai 8 giorni per restituirlo. Nessun altro commerciante mi ha mai fatto condizioni simili.
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Anche ESSEDI

      Non sono legato a mediaworld, ma gli faccio
      pubblicità qui perché sono gli unici con un
      minimo di sensibilità riguardo l'hardware. Se non
      va, per qualsiasi motivo, hai 8 giorni per
      restituirlo. Nessun altro commerciante mi ha mai
      fatto condizioni
      simili.Un altro buon rivenditore è essedi, che da un po' di tempo, nel sito, ha avuto la brillante idea di segnalare la compatibilità con linux di molti componenti con dei valori da A a D.Infatti, da oggi, comprerò sempre da loro. Come volevasi dimostrare.TAD
    • Anonimo scrive:
      Re: mediaworld
      quoto! poi tra l'altro mediaworld ha un sacco di prodotti dlink, sapevate che i modem adsl dlink sono delle linux box?
      • Anonimo scrive:
        Re: mediaworld
        - Scritto da:
        quoto! poi tra l'altro mediaworld ha un sacco di
        prodotti dlink, sapevate che i modem adsl dlink
        sono delle linux
        box?scopertona...
      • Anonimo scrive:
        Re: mediaworld
        - Scritto da:
        quoto! poi tra l'altro mediaworld ha un sacco di
        prodotti dlink, sapevate che i modem adsl dlink
        sono delle linux
        box?Gia' e siccome ha osato troppo e con la GPL non si scherza (ti leghi come minimo mani e piedi a Stallman) ha un bel da fare dal punto di vista legale.
        • Anonimo scrive:
          Re: mediaworld
          - Scritto da:
          - Scritto da:

          quoto! poi tra l'altro mediaworld ha un sacco

          di prodotti dlink, sapevate che i modem adsl

          dlink sono delle linux box?
          Gia' e siccome ha osato troppo e con la GPL non
          si scherza (ti leghi come minimo mani e piedi a
          Stallman) ha un bel da fare dal punto di vista
          legale.Prego ???Puoi essere meno sibillino ?Magare postare qualche link se non sei in grado di esprimerti in modo chiaro.
          • Anonimo scrive:
            Re: mediaworld
            D-Link è stata portata in tribunale da FSF per un router nel quale usavano Linux ma non rilasciavano nel proprio sito il sorgente del kernel modificato.Sono stati portati in tribunale ed hanno perso, hanno dovuto rilasciare i sorgenti, ma purtroppo la multa e il rimborso per FSF è stato misero (alcune centinaia di euro).Ma comunque poco importa, la vicenda è accaduta in Europa ed ha creato un precedente che ha messo alla prova la GPL in tribunale e la GPL ha vinto.
          • Anonimo scrive:
            Re: mediaworld
            - Scritto da:
            D-Link è stata portata in tribunale da FSF per un
            router nel quale usavano Linux ma non
            rilasciavano nel proprio sito il sorgente del
            kernel
            modificato.

            Sono stati portati in tribunale ed hanno perso,
            hanno dovuto rilasciare i sorgenti, ma purtroppo
            la multa e il rimborso per FSF è stato misero
            (alcune centinaia di
            euro).

            Ma comunque poco importa, la vicenda è accaduta
            in Europa ed ha creato un precedente che ha messo
            alla prova la GPL in tribunale e la GPL ha
            vinto.
            ...e pensa: non c'è niente di sbagliato. Per una volta hanno vinto gli utenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: mediaworld
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            D-Link è stata portata in tribunale da FSF per
            un

            router nel quale usavano Linux ma non

            rilasciavano nel proprio sito il sorgente del

            kernel

            modificato.



            Sono stati portati in tribunale ed hanno perso,

            hanno dovuto rilasciare i sorgenti, ma purtroppo

            la multa e il rimborso per FSF è stato misero

            (alcune centinaia di

            euro).



            Ma comunque poco importa, la vicenda è accaduta

            in Europa ed ha creato un precedente che ha
            messo

            alla prova la GPL in tribunale e la GPL ha

            vinto.



            ...e pensa: non c'è niente di sbagliato. Per una
            volta hanno vinto gli
            utenti.Si infatti, non capisco dov'è il problema!!
    • outkid scrive:
      Re: mediaworld
      MediaWorld DEVE morire.come tutte le catene nelle quali i commessi sono degli ebeti che non saprebbero capaci di far la differenza tra un prosciutto crudo ed uno cotto.sono li e vendono stop. ma non dirmi che e' una catena seria.ti sfanculano se ne sai troppo.. ma in una catena al settore Computer mi aspetto che almeno un omino che sappia cos'e' un chipset indipendentemente da marca eo modello un giorno lo vorrei conoscere..
      • Anonimo scrive:
        Re: mediaworld
        (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Pensare che uno quasi si ammazzava nel tentativo di incartarmi decentemente il monitor!
      • mythsmith scrive:
        Re: mediaworld
        A me non interessa se il commesso sa cos'è un chipset. Vista la politica dei produttori di hw, se anche lo sapesse non avrebbe modo di risalire a quello montato in un prodotto a meno di aprirlo.L'importante è che se entro 8 giorni non ti funziona ti rimborsano comunque: non importa che il motivo sia il commesso ebete o il complotto globale di m$.
        • outkid scrive:
          Re: mediaworld
          si ma dato che il mw piu' vicino a casa mia dista 30km mi rode anche un tot il culo farmeli avanti e dietro perche' un commesso ebete nn mi ha saputo dire il chipset.. nn e' che cambiano i chipset per sport..
          • Anonimo scrive:
            Re: mediaworld
            - Scritto da: outkid
            si ma dato che il mw piu' vicino a casa mia dista
            30km mi rode anche un tot il culo farmeli avanti
            e dietro perche' un commesso ebete nn mi ha
            saputo dire il chipset.. nn e' che cambiano i
            chipset per
            sport..Se il produttore non ce lo scrive sopra non è colpa sua e se ti devi fare 30 km puoi documentarti prima d'andare ed evitare di insultare chi lavora....
          • outkid scrive:
            Re: mediaworld
            se il produttore nn lo dice mi aspetto che chi venda un prodotto, anche se dipendente, sappia cosa sia.e cmq.. io sn un utonto di fascia alta diciamo..ma vedo come si comportano con chi nn ne capisce.. questo la dice lunga sull'affidabilita' di questi LAVORATORI.ti sfanculano se hai problemi di assistenza plagiandoti dicendo: lo mandi lei.. declinano l'indeclinabile sugli acquirenti.. puo' anche essere una politica imposta dall'azienda.. ma se permetti.. FA SCHIFO!
  • Anonimo scrive:
    Scusate, 3 obiezioni (no troll plz!)
    1) Chi è che sta tutto il giorno ad installare il proprio sistema operativo? Cavolo ma xchè vi ostinate a dire che Linux è + o - facile da installare? Uno un sistema operativo dovrebbe installarlo una volta e poi usarlo (vabbè, evitiamo commenti su windows, non voglio trollare, cerco di fare un discorso serio)2) Se esistono produttori che danno i driver per Linux comprate il loro hardware e basta...non credo che ormai ci sia sta gran differenza di prezzo (considerate le prestazioni intendo) tra un hardware di marca e uno bulk...in fondo se un mouse Logitech costa 10 euro e uno schifoso 5, alla fine il logitech ti dura 3 anni e il secondo 2 mesi e così via per schede audio, controller etc...Dico, la smettiamo di fare i passivi e lamentarci? Una cosa non ti funziona? Non la compri! Un servizio non ti garba? Cambi chi te lo fornisce, punto.3) nVidia illegale? E chi se ne frega???? Mica io voglio vendere la mia distribuzione, voglio solo usare la mia scheda video, mi scarico i binari e fan...lo se il Kernel diventa "tainted" xchè carico quel modulo...non capisco il problema...Grazie per l'attenzione :) Buona settimana a tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate, 3 obiezioni (no troll plz!)
      - Scritto da:
      1) Chi è che sta tutto il giorno ad installare il
      proprio sistema operativo? Cavolo ma xchè vi
      ostinate a dire che Linux è + o - facile da
      installare? Uno un sistema operativo dovrebbe
      installarlo una volta e poi usarlo Non capisco quale sia l'obiezione. Non so chi sta tutto il giorno ad installare il sistema operativo, è un problema che qualcuno ha posto?E Linux al giorno d'oggi non è che sia così difficile da installare, certo non lo farei installare a una persona che non sa niente di niente, ma non è questo grande incubo. E la maggiorparte della gente lo installa una volta, non lo installa tutti i giorni.
      2) Se esistono produttori che danno i driver per
      Linux comprate il loro hardware e basta.I driver spesso non sono ufficiali, quindi o non hanno tutte le funzionalità (tipo scanner e stampanti) oppure in caso di problema non forniscono nessun supporto.
      3) nVidia illegale? E chi se ne frega???? Mica io
      voglio vendere la mia distribuzioneTu non vorrai vendere la tua distribuzione, ma altri sì, anzi altri tipo kororaa la vorrebbero regalare, ma non possono.Un'azienda in teoria non può nemmeno vendere un computer già configurato per la scheda nvidia.E inoltre se tu hai più di un modulo proprietario le aziende che te li hanno forniti si rifiutano di darti supporto.A parte questo poi se tutti i driver fossero rilasciati closed source lo sviluppo del kernel si bloccherebbe perché ci sarebbe il rischio di creare problemi nel funzionamento dei driver ogni volta che si modifica qualcosa nel kernel.
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate, 3 obiezioni (no troll plz!)
        - Scritto da:

        Non capisco quale sia l'obiezione. Non so chi sta
        tutto il giorno ad installare il sistema
        operativo, è un problema che qualcuno ha
        posto?
        E Linux al giorno d'oggi non è che sia così
        difficile da installare, certo non lo farei
        installare a una persona che non sa niente di
        niente, ma non è questo grande incubo. E la
        maggiorparte della gente lo installa una volta,
        non lo installa tutti i giorni.L'obiezione sta nel fatto che tutti dicono che Linux sia difficile da installare, solo xchè invece di fare Avanti-
        Avanti-
        FIne-
        Riavvia devono scrivere ogni tanto qualcosa (nome della machcina, indirizzo IP) o cliccare sui servizi da avviare. Come se fosse una cosa da fare ogni giorno. La si fa una volta (come dici correttamente) o la si fa fare a chi ne capisce (come d'altronde anche la maggior parte di utonti windows) e basta.
        I driver spesso non sono ufficiali, quindi o non
        hanno tutte le funzionalità (tipo scanner e
        stampanti) oppure in caso di problema non
        forniscono nessun
        supporto.La HP li rilascia open source e ti da supporto, la nVidia anche se closed source cmq ha sul sito un forum abbastanza buono di troubleshooting, la ATI...vabbè quelli proprio non li sanno fare a prescindere né x windows né per Linux :)
        Tu non vorrai vendere la tua distribuzione, ma
        altri sì, anzi altri tipo kororaa la vorrebbero
        regalare, ma non possono.e xchè? La vendono (o la regalano) e mettono nell'help della distribuzione una bella serie di link da cui scaricare i driver prorietari, non mi sembra così complicato...
        Un'azienda in teoria non
        può nemmeno vendere un computer già configurato
        per la scheda
        nvidia.Accordi di partnership? Consulenza post-installazione?
        E inoltre se tu hai più di un modulo proprietario
        le aziende che te li hanno forniti si rifiutano
        di darti
        supporto.Al solito, un'azienda fa schifo? Non compro i suoi prodotti, punto.
        A parte questo poi se tutti i driver fossero
        rilasciati closed source lo sviluppo del kernel
        si bloccherebbe perché ci sarebbe il rischio di
        creare problemi nel funzionamento dei driver ogni
        volta che si modifica qualcosa nel
        kernel.Che c'entra lo sviluppo del kernel? Mica lo sviluppo va dietro i driver proprietari...
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusate, 3 obiezioni (no troll plz!)

          Ma chi se ne frega? Io mi compro il cd della
          distribuzione e mi scarico i driver, punto. Il pc
          mi funziona e non me ne frega una mazza di
          avvocati, GPL, EULA e
          quant'altro....Perche' tu col pc ci giochi ma chi sviluppa se un giorno scopre di non poter piu' includere un componente perche' protetto da qualche licenza strana perde un sacco soldi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate, 3 obiezioni (no troll plz!)

        Tu non vorrai vendere la tua distribuzione, ma
        altri sì, anzi altri tipo kororaa la vorrebbero
        regalare, ma non possono.Un'azienda in teoria non
        può nemmeno vendere un computer già configurato
        per la scheda
        nvidia.Mi sa tanto di palla ... nella licenza di nvidia c'e' scritto esattamente questo:2.1.2 Eccezione Linux. Fermo restanti i termini della sezione 2.1.1., il SOFTWARE destinato esclusivamente alluso su sistema operativo Linux, potrà essere copiato e ridistribuito, accertando che i file binari di questo, non vengano modificati in alcun modo (ad eccezione della decompressione di file compressi).
        E inoltre se tu hai più di un modulo proprietario
        le aziende che te li hanno forniti si rifiutano
        di darti
        supporto.Ci mancherebbe altro, il punto fermo di ogni supporto e' la possibilta' di riprodurre un problema... con migliaia di diverse distro è praticamente impossibile. Tanto e' vero che nvidia ha un forum perl e persone di buon cuore, e se ha voglia risponde alle mail ma di supporto ufficiale a linux non se ne parla...
        A parte questo poi se tutti i driver fossero
        rilasciati closed source lo sviluppo del kernel
        si bloccherebbe perché ci sarebbe il rischio di
        creare problemi nel funzionamento dei driver ogni
        volta che si modifica qualcosa nel
        kernel.Scherzi? Secondo te alla microsoft hanno il sorgente di tutti i driver di terze parti? Ci stanno provando a certificare i driver ma è praticamente impossibile.
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Scusate, 3 obiezioni (no troll plz!)
      - Scritto da:
      1) Chi è che sta tutto il giorno ad installare il
      proprio sistema operativo? Cavolo ma xchè vi
      ostinate a dire che Linux è + o - facile da
      installare?Oggi proprio l'installazione di linux è una cosa a dir poco banale. Prova a installare un Suse: avanti, avanti, avanti, fine. I problemi possono sorgere se c'è qualche hardware non riconosciuto al volo.
      Uno un sistema operativo dovrebbe
      installarlo una volta e poi usarlo (vabbè,
      evitiamo commenti su windows, non voglio
      trollare, cerco di fare un discorso
      serio)Ok, quindi eviterò di dirti che io ho installato linux 2,5 anni fa una volta per tutte sul mio portatile e che Windows invece sul fisso l'ho già reinstallato 3 volte in 1,5 anni, con tutto che lo tratto con i guanti di gomma.
      2) Se esistono produttori che danno i driver per
      Linux comprate il loro hardware e basta...Infatti! Scrivevo proprio questo nel mio post "Conviene", piano piano i produttori capiranno che l'utente linux accorto preferirà i loro prodotti se sono supportati. Qualcuno lo ha già capito, giusto qualche esempio:http://support.intel.com/support/graphics/sb/CS-010512.htmhttp://support.intel.com/support/notebook/sb/CS-006408.htmhttp://www.canon.it/For_Work/Solutions/Solutions/Print_Connectivity/Linux_UNIX_Driver.asp?ComponentID=337278&SourcePageID=302858http://www.matrox.com/graphics/en/corpo/support/drivers/driverInfo.php?id=95Oltre alle classiche ati e nvidia.
      la smettiamo di fare i passivi e
      lamentarci? Una cosa non ti funziona? Non la
      compri! Un servizio non ti garba? Cambi chi te lo
      fornisce,
      punto.Concordo pienamente.
      3) nVidia illegale? E chi se ne frega???? Mica io
      voglio vendere la mia distribuzione, voglio solo
      usare la mia scheda video, mi scarico i binari e
      fan...lo se il Kernel diventa "tainted" xchè
      carico quel modulo...non capisco il
      problema...Sì anche io la penso così, anche se l'avere i sorgenti potrebbe aiutare la comunità a scrivere driver anche per piattaforme un po' più esotiche tipo linux PowerPC...TAD
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate, 3 obiezioni (no troll plz!)

        Oggi proprio l'installazione di linux è una cosa
        a dir poco banale. Prova a installare un Suse:
        avanti, avanti, avanti, fine. I problemi possono
        sorgere se c'è qualche hardware non riconosciuto
        al
        volo.Ovvero sempre.
        Ok, quindi eviterò di dirti che io ho installato
        linux 2,5 anni fa una volta per tutte sul mio
        portatile e che Windows invece sul fisso l'ho già
        reinstallato 3 volte in 1,5 anni, con tutto che
        lo tratto con i guanti di
        gomma.Evitero' di dirti che ho dovuto installare 5 distro diverse sul mio portatile e per ognuna c'era almeno un componente (diverso) che non veniva riconosciuto.
    • lord_casco scrive:
      Re: Scusate, 3 obiezioni (no troll plz!)
      - Scritto da:
      1) Chi è che sta tutto il giorno ad installare il
      proprio sistema operativo? Cavolo ma xchè vi
      ostinate a dire che Linux è + o - facile da
      installare? Uno un sistema operativo dovrebbe
      installarlo una volta e poi usarlo (vabbè,
      evitiamo commenti su windows, non voglio
      trollare, cerco di fare un discorso
      serio)Perche', contrariamente a windows che e' preistallato, un sistema gnu/linux devi installarlo.
      2) Se esistono produttori che danno i driver per
      Linux comprate il loro hardware e basta...non
      credo che ormai ci sia sta gran differenza di
      prezzo (considerate le prestazioni intendo) tra
      un hardware di marca e uno bulk...in fondo se un
      mouse Logitech costa 10 euro e uno schifoso 5,
      alla fine il logitech ti dura 3 anni e il secondo
      2 mesi e così via per schede audio, controller
      etc...Dico, la smettiamo di fare i passivi e
      lamentarci? Una cosa non ti funziona? Non la
      compri! Un servizio non ti garba? Cambi chi te lo
      fornisce,
      punto.Comprare in modo consapevole dovrebbe valere sempre.
      3) nVidia illegale? E chi se ne frega???? Mica io
      voglio vendere la mia distribuzione, voglio solo
      usare la mia scheda video, mi scarico i binari e
      fan...lo se il Kernel diventa "tainted" xchè
      carico quel modulo...non capisco il
      problema...Se una cosa e' illegale e' bene non farla.

      Grazie per l'attenzione :) Buona settimana a
      tutti.Anche a te.Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate, 3 obiezioni (no troll plz!)
        - Scritto da: lord_casco
        Perche', contrariamente a windows che e'
        preistallato, un sistema gnu/linux devi
        installarlo.Esistono i consulenti per queste cose o (a volte) il negoziante stesso. Se all'utonto si disintegra l'HD non credo che sia in grado di reinstallarsi da solo windows...
        Se una cosa e' illegale e' bene non farla.Non è illegale regalare (o anche vendere) una distribuzione SENZA i driver nVidia e mettere in un documento un link al sito x scaricarli
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate, 3 obiezioni (no troll plz!)
      - Scritto da:
      1) Chi è che sta tutto il giorno ad installare il
      proprio sistema operativo? Cavolo ma xchè vi
      ostinate a dire che Linux è + o - facile da
      installare? Uno un sistema operativo dovrebbe
      installarlo una volta e poi usarlo (vabbè,
      evitiamo commenti su windows, non voglio
      trollare, cerco di fare un discorso
      serio)Posso dirti che:1) Conosco Linux da non molto (meno di un anno).2) Sono giovane (3^ superiore).2) Che io installi Suse, Ubuntu o Slackware ci metto al massimo un'ora quando è difficile (+ i tempi di copiatura dei files da cd/dvd ad HD).
      2) Se esistono produttori che danno i driver per
      Linux comprate il loro hardware e basta...non
      credo che ormai ci sia sta gran differenza di
      prezzo (considerate le prestazioni intendo) tra
      un hardware di marca e uno bulk...in fondo se un
      mouse Logitech costa 10 euro e uno schifoso 5,
      alla fine il logitech ti dura 3 anni e il secondo
      2 mesi e così via per schede audio, controller
      etc...Dico, la smettiamo di fare i passivi e
      lamentarci? Una cosa non ti funziona? Non la
      compri! Un servizio non ti garba? Cambi chi te lo
      fornisce,
      punto.Quindi dovrei comprare hardware scadente perchè le case produttrici non rilasciano i drivers? Dovrei cambiare un mouse ogni 2 mesi? Ma stai scherzando?Nessun produttore di hardware dice esplicitamente: i nostri prodotti sono per questo o quell'altro OS.
      3) nVidia illegale? E chi se ne frega???? Mica io
      voglio vendere la mia distribuzione, voglio solo
      usare la mia scheda video, mi scarico i binari e
      fan...lo se il Kernel diventa "tainted" perchè
      carico quel modulo...non capisco il
      problema...

      Grazie per l'attenzione :) Buona settimana a
      tutti.Il problema, poi, è che le società piu' potenti (in)giustamente pensano solo ai soldi... Pensi che le patch di sicurezza del software (proprietario) siano rilasciate per rendere il tuo pc piu' sicuro? :) Pensi veramente che i "Big" ci tengano veramente a te? E perchè allora nelle licenze trovi sempre scritto che il produttore non è responsabile di qualsivoglia danno recato dal suo software?
  • Anonimo scrive:
    Io di solito faccio così
    Prima di acquistare harware vedo qual'è quello compatibile e/o con driver (anche proprietari, sono uno che si accontenta) per linux, poi scrivo una e-mail al produttore comunicandogli che ho acquistato il suo hardware per quel motivo e la mando per conoscenza agli altri produttori.
  • Anonimo scrive:
    una comunità in forte crescita...
    ...questa frase sarà 10 anni che la sentotra gli entusiasti linux che è dalla notte dei tempi che sono in forte crescitatra gli entusiasti mac user che "tutti quelli che incontrano fanno lo switch e non tornano mai più indietro"a darli retta sarebbe da rivedere le percentuali di diffusione, con win al 3% e il resto equamente diviso tra linux e mac os x... però il non aver mai sentito un evangelista mac parlare di uno switch linux -
    mac os x mi fa pensare che in realtà le percentuali giuste siano quelle ufficiali :Duna nota per la f2f2: c'è una realtà molto cruda, che però dovreste tenere molto presente... la mission di un'azienda è il business, se c'è business si muovono se no no. servono quei numeri che voi non avete. lo so: è un serpente che si morde la coda... senza un supporto da parte dei produttori hardware è molto difficile conquistare fette di pubblico più ampie, quelle fette di pubblico che per l'appunto servirebbero per smuovere i produttori hardware.da questa strada non ne uscite. bisogna pensare a strade alternative. ad esempio, come c'è wine per le applicazioni, non c'è un progetto per poter impiegare i driver per windows (lo so, difficile, poco performante, tutto quello che volete, ma meglio di niente)? questa sarebbe una soluzione tampone che si potrebbe cavalcare fintanto non si riesce ad avere altri numeri...lo so, è un po' fantainformatica, ma come era far girare applicazioni windows sotto linux qualche anno fa... il problema è che per quanto sia fantasiosa come soluzione non è che ce ne siano molte altre... gli appelli di 400, 1000, 10000 persone alle aziende interessano pochino...
    • Anonimo scrive:
      Re: una comunità in forte crescita...
      ho fatto una ricerca veloce: qualcosa c'è già...http://www.theinquirer.net/default.aspx?article=12207questa è la via
    • lord_casco scrive:
      Re: una comunità in forte crescita...
      Gia' oggi e' possibile usare alcuni driver di windows con sistemi gnu/linux usando ndiswrapper.Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: una comunità in forte crescita...
      Le statistiche dei visitatori di PI ti mostreranno XP al 50% Linux al 40%, Win2000 insieme ad altri sistemi esotici al 2% e MacOSX all'8%.Linux è parecchio diffuso e ne parlano anche i TG.I freni alla creazione di driver sono davvero tantissimi, ma comunque molto hardware supportato dal produttore o da team di sviluppo sponsorizzati c'è!Da non sottovalutare il fatto che Micro$oft ricatta i produttori di molto hardware di non certificargli i driver per XP e Vista se danno anche troppo supporto a Linux.E quando non li ricatta li paga.Come è avvenuto con Adobe che aveva annunciato porting di prodotti importanti su Linux ed è arrivata Micro$oft a comprarne un cospicuo pacchetto azionario per fargli cambiare idea.Hai idea di cosa sarebbe successo con un Photoshop ufficiale per Linux?
      • Anonimo scrive:
        Re: una comunità in forte crescita...

        Da non sottovalutare il fatto che Micro$oft
        ricatta i produttori di molto hardware di non
        certificargli i driver per XP e Vista se danno
        anche troppo supporto a
        Linux.
        E quando non li ricatta li paga.
        Come è avvenuto con Adobe che aveva annunciato
        porting di prodotti importanti su Linux ed è
        arrivata Micro$oft a comprarne un cospicuo
        pacchetto azionario per fargli cambiare
        idea.

        Hai idea di cosa sarebbe successo con un
        Photoshop ufficiale per
        Linux?Sinceramente non mi farebbero schifo delle prove perchè queste affermazioni sono molto pesanti, tanto quanto basta da muovere seriamente gli antitrust di mezzo globo. Certo però che se di prove non ce ne sono non mi stupisco che queste perle di "verità" siano finite in fondo lista di un forum qualunque.
        • Anonimo scrive:
          Re: una comunità in forte crescita...
          - Scritto da:

          Da non sottovalutare il fatto che Micro$oft

          ricatta i produttori di molto hardware di

          non certificargli i driver per XP e Vista

          se danno anche troppo supporto a Linux.

          E quando non li ricatta li paga.

          Come è avvenuto con Adobe che aveva

          annunciato porting di prodotti importanti

          su Linux ed è arrivata Micro$oft a comprarne

          un cospicuo pacchetto azionario per fargli

          cambiare idea.

          Hai idea di cosa sarebbe successo con un

          Photoshop ufficiale per

          Linux?
          Sinceramente non mi farebbero schifo delle
          prove perchè queste affermazioni sono molto
          pesanti, tanto quanto basta da muovere
          seriamente gli antitrust di mezzo globo.
          Certo però che se di prove non ce ne sono
          non mi stupisco che queste perle di "verità"
          siano finite in fondo lista di un forum
          qualunque.In effetti ti faccio notare come l'antitrust di mezzo mondo e' perennemente in causa con microsoft... Non ti sei mai chiesto il perche' o pensavi che all'antitrust desse fastidio l'azzurro microsoft ???
          • Anonimo scrive:
            Re: una comunità in forte crescita...
            Peccato che finora non abbiano mai ottenuto risultati apprezzabili quindi finora si sono aggrappati a cause largamente inconsistenti. Se veramente ci sono le prove e veramente si vuole colpire duro microsoft forse sarebbe il caso di tirarle fuori ma reali non elucubrazioni e deduzioni stile tenente colombo
          • Anonimo scrive:
            [OT]Re: una comunità in forte crescita.

            Se
            veramente ci sono le prove e veramente si vuole
            colpire duro microsoft forse sarebbe il caso di
            tirarle fuori ma reali non elucubrazioni e
            deduzioni stile tenente
            colomboColombo? Colombo?? Colomboooo?!! Pazienza dev'essere volato via. :D
          • mythsmith scrive:
            Re: una comunità in forte crescita...
            - Scritto da:
            Peccato che finora non abbiano mai ottenuto
            risultati apprezzabili quindi finora si sono
            aggrappati a cause largamente inconsistenti. Se
            veramente ci sono le prove e veramente si vuole
            colpire duro microsoft forse sarebbe il caso di
            tirarle fuori ma reali non elucubrazioni e
            deduzioni stile tenente
            colomboMa comprare qualcuno perché sviluppi per te è legittimissimo... perché l'antitrust dovrebbe muoversi? Non è mica colpa di microsoft se poi alla adobe non trovano il tempo per fare il porting, se non di applicazioni inutili come AcrobatReader. Anzi, comprando delle azioni li ha pure finanziati...
          • Anonimo scrive:
            Re: una comunità in forte crescita...
            Allora diciamo come stanno veramente le cose: microsoft in passato, ogni tanto, ha attuato pratiche scorrette (come fanno tutte le grandi società che puntano a rimanere sempre in testa) e per diverse di queste è stata denunciata e condannata ma non è che ogni volta che in linux o nella comunità open non funziona qualcosa è perchè microsoft ha sguinzagliato uomini in nero che firmando assegni o utilizzando metodi degni di Provenzano ne hanno bloccato lo sviluppo.Se si vuole veramente cambiare qualcosa ognuno cominci ad accettare le proprie responsabilità senza doverle puntualmente scaricare sul baubau di turno.Cominciate a crescere
      • Anonimo scrive:
        Re: una comunità in forte crescita...

        Le statistiche dei visitatori di PI ti
        mostreranno XP al 50% Linux al 40%, Win2000
        insieme ad altri sistemi esotici al 2% e MacOSX
        all'8%.è curioso come tu riesca a squalificarti da solo in così poche righeun consiglio: non esordire mai con queste sparate perchè se trovi qualcuno che ha appena idea ti esclude automaticamente dal discorso. ora, non metto in dubbio che tra l'utenza di PI ci sia una nutrita schiera di utenti linux, ma dato che tu usi il dato per dire che "allora linux è molto diffuso" stai proponendo un'informazione che dir fuorviante è poco. per chi ha una vaga idea delle percentuali italiane e globali, ripeto, l'unica cosa che rimane da dire è "si si", accompagnata da una pacca sulle spalle e un pensiero "ma lasciar parlare gli adulti no eh?"...dai, davvero. lasciamo stare.
  • Anonimo scrive:
    Per montare hw su linux è NA TRAGEDIA
    Ammettetelo nerds.
    • Anonimo scrive:
      Re: Per montare hw su linux è NA TRAGEDI
      - Scritto da:
      Ammettetelo nerds.Intanto quale hardware? Senza offesa, forse è una tragedia per te che sei abituato all'avanti avanti fine di Windows... A me sono sempre bastati 5 minuti di lettura.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per montare hw su linux è NA TRAGEDI
        Con i nerd non si parla: li si massacra di botte e li si annega nella tazza del cesso, si filma il tutto col cellulare e si carica il video su Google, così Fioroni censura internet.
        • Anonimo scrive:
          Re: Per montare hw su linux è NA TRAGEDI
          - Scritto da:
          Con i nerd non si parla: li si massacra di botte
          e li si annega nella tazza del cesso, si filma il
          tutto col cellulare e si carica il video su
          Google, così Fioroni censura
          internet.Ma hai delle frstrazioni mentali? Ti senti solo, isolato, dimenticato dal mondo?Sei nervoso, non fa bene...
    • Anonimo scrive:
      Re: Per montare hw su linux è NA TRAGEDI
      Ma secondo te "nerd" e' un'insulto ?Ma parlaci dei problemi che hai avuto con HW sotto Linux, sono curioso ...
  • Anonimo scrive:
    perchè i driver sono proprietari
    Molti si chiedono perchè i driver sono proprietarive lo spiego subitoSOLDI tanti soldidi soltito chi fabbrica hardware in grandi quantità ha bisogno di societa create ad hoc a mo di satelliti per degli sgravi fiscali triangolazioni ecc ecc.i driver servono proprio a questo
    • Anonimo scrive:
      Re: perchè i driver sono proprietari
      - Scritto da:
      Molti si chiedono perchè i driver sono proprietari
      ve lo spiego subito
      SOLDI tanti soldi
      di soltito chi fabbrica hardware in grandi
      quantità ha bisogno di societa create ad hoc

      a mo di satelliti per degli sgravi fiscali
      triangolazioni ecc
      ecc.
      i driver servono proprio a questoVeramente sono chiusi per evitare il reverse engineering e di svelare i trucchi di programmazione implementati nei driver per accellerare le prestazioni. Non c'entrano nulla le speculazioni commerciali.
  • Anonimo scrive:
    Ma la comunita' Linux garantisce?
    Lo dico chiaro e tondo,io ho supportato e supporto prima di tutto con la mentalita',l'alternativa perche' solo con essa esiste competizione e software migliore.Ho creduto per piu' di dieci anni all'idea che Linux fosse una vera alternativa,e che in fondo gli interessi degli avversari fossero troppo grandi per accogliere questo sistema operativo fra i grandi.Di acqua ne e' passata sotto i ponti,Linux e la comunita' non sono piu' una semplice promessa,ma una grande realta' e molto "pesante" a quanto pare.Qualcosa e' tuttavia sfuggito e continua a sfuggire alla moltitudine di fans del pinguino: La Responsabilita'.Come quando si e' felici della maggiore eta',questi traguardi portano inevitabilmente ad affrontare le cose in maniera decisamente differente perche' naturalmente obblighi e doveri diventano cose normali.Cosi' una comunita',un sistema operativo,arrivati a questo livello deve necessariamente fornire delle soluzioni a dei problemi mai risolti.Uno di questi e' il problema dei driver.Sinceramente l'idea che ha pervaso la comunita' Linux fin dall'inizio cioe' dei produttori hw malvagi perche' non rilasciano le specifiche magari ricattati da microsoft, a mio modo di vedere ha fatto il suo tempo.Ripeto,oggi,la comunita' e' piu' che legittimata ad esistere,c'e' ed e' una realta' riconosciuta da tutti.Adesso bisogna fare il passo successivo.Mettetevi nei panni,per un momento,del produttore di hardware.Che vantaggi ne trae a rilasciare le specifiche dei suoi prodotti? In termini puramente economici praticamente nulla,anzi.Questo alla fine e' quello che conta.Ci sono brevetti terzi,grossi investimenti fatti,controllo della propria tecnologia ad ogni livello e ricerca finalizzata alla realizzazione di prodotti migliori.Sono arrivato alla conclusione che alla comunita' linux queste cose non interessano nulla,a tal punto da non considerare nemmeno ipotesi alternative e trovare un compromesso a costo di rinunciare a qualche cosa.No,i produttori di driver devono supportare linux rispettando la diversita' che porta,ma devono farlo perche' Linux e' linux.Punto.Peccato che le cose siano leggermente diverse.Un produttore di un bene,qualunque esso sia,entra in mercato nuovo quando valuta opportunita' di crescita e ritorno economico maggiori,insomma investe 1 sperando di ritrovarsi 10 o piu'.Evidentemente linux non e' attualmente un'opportunita' per molti produttori,nonstante cresca in diffusione.Bisogna mettersi il cuore in pace e collaborare con chi l'hw lo produce:bisogna garantigli la stabilita' delle API un differente approccio alla release stabile del kernel,un modo di vedere le cose che tenga conto di retrocompatibilita' e piena protezione alle aziende che ci hanno investito soldi per scrivere driver.Questo tutto sommato e' un metodo che ha sempre funzionato e ha garantito anche l'evoluzione della tecnologia.No,non mi sembra il caso di insistere con "l'esproprio proletario" delle specifiche,non basterebbero tutti gli sviluppatori di questo mondo ai ritmi di ricambio attuali.No va' bene la GPL perche' poco adattabile? Ok discutiamone e risolviamo il problema.Le API sono poco stabili? C'e' poca retrocompatibilita'? Bene,sediamoci ad un tavolo e discutiamone.Ovviamente con l'idea di poter e dover RINUNCIARE a qualcosa anche se lede i nostri principi.Non e' difficile basta cominciare a prendersi delle RESPONSABILITA' verso coloro che chiedono un prodotto facile,maturo e pienamente supportato.L'alternativa insomma.Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
      Ottimo discorso ma pensi che ti ascolteranno ?Ricorda a chi lo stai facendo. A gente che dai talebani si differenzia solo nel fatto che è grassa, che opera a bassa quota (molto bassa) e che invece dei dogmi di un profeta di 1000 anni fa ha sostituito quelle di un pazzo contemporaneo.Qui non si tratta di prendere un piccolo gruppo di dissidenti ed isolarlo ma di far capire come gira il mondo ai loro leader
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
      Ottimo intervento, lucido e perfettamente condivisibile. Linux è ormai da tempo tecnologicamente maturo per fare il grande salto, ma a queste condizioni non averrà mai. Se si rimane arroccati su una posizione, magari ideologicamente ineccepibile, ma chiusa ad ogni compromesso non si va da nessuna parte... Predichiamo il pinguino come reale alternativa desktop e poi una distro come Ubuntu non suona un mp3 se non costringendo l'utente ad installare pacchetti aggiuntivi... proprio non ci siamo!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
      no grazie, a queste condizioni i driver ve li potete tenere . il modello di sviluppo è quello che e' , la licenza pure, e c'e gente che preferisce usare i driver VESA piuttosto che mettere in discussione certi principi . liberissimi di mantenere il vostro business con windows ; ma su linux le cose funzionano diversamente . vorrà dire che compreremo hardware di altre marche anche se di qualità inferiore , l'importante e' che ci diano le specifiche .
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
        - Scritto da:
        no grazie, a queste condizioni i driver ve li
        potete tenere . il modello di sviluppo è quello
        che e' , la licenza pure, e c'e gente che
        preferisce usare i driver VESA piuttosto che
        mettere in discussione certi principi .
        liberissimi di mantenere il vostro business con
        windows ; ma su linux le cose funzionano
        diversamente . vorrà dire che compreremo hardware
        di altre marche anche se di qualità inferiore ,
        l'importante e' che ci diano le specifiche
        .Quoto : non capisco perche' la gente si ostina a voler usare software sotto GPL quando non fa al caso suo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
        - Scritto da:
        no grazie, a queste condizioni i driver ve li
        potete tenere . il modello di sviluppo è quello
        che e' , la licenza pure, e c'e gente che
        preferisce usare i driver VESA piuttosto che
        mettere in discussione certi principi .
        liberissimi di mantenere il vostro business con
        windows ; ma su linux le cose funzionano
        diversamente . vorrà dire che compreremo hardware
        di altre marche anche se di qualità inferiore ,
        l'importante e' che ci diano le specifiche
        .Benissimo.E' ovvio che dicendo questo vi dovrete prendere la responsabilita' di spiegarlo alla gente che vorrebbe cambiare sistema senza per questo sposare la vostra personale visione del mondo,facendosi carico delle difficolta' pratiche attualmente non risolvibili.Siate onesti almeno su un punto: evitate di usare la comunita' linux come "massa" da contrapporre a chi non cede ai vostri ricatti.Si e' vero,ciascuno nella comunita' e' libero di entrarci ed uscirci senza obblighi ma almeno spiegategli a chiare lettere com'e' la situazione e non come sara',quali sono gli svantaggi non gia' dell'opensource ma della GPL e via discorrendo.Questa prende il nome di corretta informazione a differenza del marketing vero e proprio che perseguite che sinceramente non e' molto diverso da quello praticato dalla vostra tanto odiata microsoft.Alla gente interessa molto poco di quello che e' microsoft e di quello che e' linux.A loro interessa principalmente avere di piu' o almeno....un minor numero di problemi.E' da questa considerazione che si deve partire.Saluti.
        • mythsmith scrive:
          Re: Ma la comunita' Linux garantisce?

          Benissimo.E' ovvio che dicendo questo vi dovrete
          prendere la responsabilita' di spiegarlo alla
          gente che vorrebbe cambiare sistema senza per
          questo sposare la vostra personale visione del
          mondo,facendosi carico delle difficolta' pratiche
          attualmente non
          risolvibili.
          Siate onesti almeno su un punto: evitate di usare
          la comunita' linux come "massa" da contrapporre a
          chi non cede ai vostri
          ricatti.
          Si e' vero,ciascuno nella comunita' e' libero di
          entrarci ed uscirci senza obblighi ma almeno
          spiegategli a chiare lettere com'e' la situazione
          e non come sara',quali sono gli svantaggi non
          gia' dell'opensource ma della GPL e via
          discorrendo.
          Questa prende il nome di corretta informazione a
          differenza del marketing vero e proprio che
          perseguite che sinceramente non e' molto diverso
          da quello praticato dalla vostra tanto odiata
          microsoft.Alla gente interessa molto poco di
          quello che e' microsoft e di quello che e'
          linux.A loro interessa principalmente avere di
          piu' o almeno....un minor numero di problemi.E'
          da questa considerazione che si deve
          partire.Saluti.Che su linux ci sono problemi con certo hw è stranoto. Infatti di solito si consiglia di provare una distribuzione live per testare se è tutto supportato. Ubuntu addirittura ti fa passare per forza dal sistema live, cosicché prima di installare controlli che tutto vada.Mi sembra che il consiglio "prova prima di usare" è abbastanza diffuso tra i supporters di linux, proprio perché sappiamo tutti molto bene quali sono i limiti imposti dal mercato.Devo anche però precisare che le persone che conosco io e che si sono convinte a passare a linux, lo hanno fatto proprio in prospettiva di ciò che sarà, e sono contenti di questo. Sono coscienti che la loro azione individuale, sommata a quella di tanti altri, finisce per esercitare pressione sui produttori di hw, sw e di conoscenza in generale, ed adottano linux alla luce dei progressi già fatti per il semplice fatto che "è usato". Imparando, firmando petizioni, o anche solo lasciando certi header durante la navigazione internet, anziché i soliti. Infine, sarebbe scorretto generalizzare dicendo che su linux l'hw è mal supportato. Esempio: ho testato personalmente i driver GPL per alcune webcam philips. Tali wc erano state testate ampiamente in azienda su windows. Driver fikissimi etc... ma quando attaccavi 2 webcam, il computer si piantava regolarmente. Parlo dei computer HP migliori in circolazione un paio di mesi fa. Provo per sfizio su linux... oplà, improvvisamente riesco a collegare 4 (QUATTRO) webcam contemporaneamente. Man mano che aggiungo periferiche il framerate diminuisce dinamicamente... mentre su windows non c'era modo di controllarlo efficacemente perché il driver non lo permette.La mia ipotesi maligna è che il produttore abbia imposto limiti ARTIFICIOSI al proprio hw. Perché una tal follia? Semplice!!! Perché se vuoi attaccare più webcam allora molto probabilmente vuoi fare videosorveglianza... e per quello ci sono le telecamere di rete che costano 10 volte tanto e sono identiche...Forse alcuni produttori non vogliono che la gente sia libera di fare quel che vuole delle loro periferiche...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
          10 e lode, finalmente qualcuno che parla chiaro
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
          quali ricatti ? si chiama mercato . nel momento in cui c'e una domanda non soddisfatta , c'e qualcuno che la deve soddisfare . anche se si tratta di clienti ideologizzati , un cliente è sempre un cliente.e stallman sono anni che spiega alla gente la differenza tra open source e software libero, sul fatto che bisognerebbe insistere di più su questo punto concordo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
        Fantastico !Vuoi fare cad su linux ?Schiaffaci 16 cpu dual core, perchè ? Perchè, per principio, è meglio usare driver vesa open che livellano alla stessa maniera una quadro ed una S3 Trio piuttosto che qualcosa di umano.Costerà un patrimonio ma è per principio...
        • mythsmith scrive:
          Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
          - Scritto da:
          Fantastico !
          Vuoi fare cad su linux ?
          Schiaffaci 16 cpu dual core, perchè ? Perchè, per
          principio, è meglio usare driver vesa open che
          livellano alla stessa maniera una quadro ed una
          S3 Trio piuttosto che qualcosa di
          umano.
          Costerà un patrimonio ma è per principio...Cambiare scheda video costa molto meno, anche se è per principio.Ancora più economico è controllare prima di comprare, e richiedere una scheda supportata.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
            forse in futuro l'open graphics project potrebbe cambiare le cose .. bisogna vedere quanto si diffonderà- ovviamente quella scheda probabilmente costerà di piu' di una nvidia e forse non sarà altrettanto performante .
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
            ovviamente quella scheda
            probabilmente costerà di piu' di una nvidia e
            forse non sarà altrettanto performante
            .Ecco fai un discorso così alla fiat, invitali a cambiare tutto il loro parco macchine in nome di un principio e loro risponderanno sì per principio: di buona educazione ma giunti a quello pratico vedi che principio seguono.Il mercato è una giungla, vince il più forte non quello potenzialmente migliore
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
            - Scritto da:
            ovviamente quella scheda

            probabilmente costerà di piu' di una nvidia e

            forse non sarà altrettanto performante.
            Ecco fai un discorso così alla fiat, invitali a
            cambiare tutto il loro parco macchine in nome di
            un principio e loro risponderanno sì per
            principio: di buona educazione ma giunti a
            quello pratico vedi che principio seguono.
            Il mercato è una giungla, vince il più forte non
            quello potenzialmente miglioreSbaglio o il parco macchine per principio lo stanno facendo cambiare a noi con la scusa dell'inquinamento ???Riflettici...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
            Rifletti un po' quanti parchi macchine ci faranno cambiare se dovessero mai pensare di seguire certi principi
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
            - Scritto da:
            Rifletti un po' quanti parchi macchine ci
            faranno cambiare se dovessero mai pensare di
            seguire certi principiLO stanno gia facento !! Non i sei accorto che tutte le auto e le moto di prima del 1993 andranno buttate via da gennaio ???
    • mythsmith scrive:
      Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
      Tutti questi discorsi andrebbero istantaneamente all'aria nel momento in cui linux fosse installato su una buona base ed un certo numero di utenti cominciasse a rompere le palle con petizioni et similia.Esattamente come sta lentamente accadendo. La petizione è parte di questo processo: un modo per contarsi e prendere fiducia, e per contare agli occhi dei produttori di hw.Che fare quindi? Personalmente, spingo per l'uso di linux ovunque . Questa gente capisce solo i numeri: e quelli dobbiamo dargli. E' un circolo virtuoso: basta "usare" e "far sapere di usare" il sw libero per migliorarlo e migliorare le condizioni in cui viene sviluppato; così come il non usarlo è indirettamente un disincentivo alla sua evoluzione.E poi, naturalmente, c'è la selezione di hw e di rivenditori hw: mi rivolgo solo a quelli linux-friendly, e faccio SEMPRE notare e pesare il fatto che uso linux. Spesso ho rifiutato di acquistare hw dicendo esplicitamente che non mi dava sufficienti garanzie di funzionare con linux (ad esempio a rivenditori che non sapevano dirmi il chipset di qlcs).
    • Solvalou scrive:
      Re: Ma la comunita' Linux garantisce?
      Post lungo ma stretto. Chi ha chiesto alle case di scrivere drivers per linux? Lasciate pure che la comunita' se ne occupi, e si occupi di fare assistenza a chi vuole servirsi di linux. Cosi' i cambiamenti di API (che al contrario del mondo proprietario sono determinate da motivi tecnici e non di marketing) sono cazzilli della comunita'.Basta rilasciare le specifiche.Ancora meglio basta rilasciare una prima versione open source.Il problema e' un altro: piu' una ditta si sbatte per essere compatibile con linux piu' sospetto scendera' nel ranking degli amici della microsoft, e questo vuol dire essere meno considerati quando si tratta di avere anteprime di API e tools di sviluppo.Oppure ditemi in che altro modo si puo' spiegare ad esempio la RME che dopo aver permesso od aiutato la realizzazione di drivers non da' le specifiche per il nuovo prodotto firewire. Non ditemi che mandare canali audio a una scheda tradisce le tecnologie che RME vuole proteggere, che sarebbe la scusa usata da alcuni produttori di schede 3d qualche tempo fa.(il rosso del link qui sotto vuol dire: il venditore si rifiuta di rilasciare specifiche)http://www.alsa-project.org/alsa-doc/index.php?vendor=vendor-RME#matrix
  • localhost scrive:
    E' solo una questione di numeri
    Le attuali percentuali di diffusione nel mercato client (quello per cui il problema driver è molto più sentito) danno, brutto o bello che sia, windows al 92-94%, mac al 6% e tutto il resto sotto al 2%.Dovendo vendere un prodotto HW che necessita di driver, mi spiace dirlo, ma se non faccio contento il 2% del mercato mentre faccio felice il 94% direi che mi posso ritenere più che soddisfatto.Questo è il solo sporco motivo per cui i driver per Linux non li vuol fare nessuno, a parte le mega-ditte sostenitrici dell'open source (con evidenti scopi di lotta alla concorrenza spietata di M$) oppure i vendor di chipset grafici che puntano più che altro al mercato embedded.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' solo una questione di numeri
      Per questo dovrebbe essere fatta una legge che tuteli il consumatore, altrimenti è ovvio che le aziende avendo come scopo il profitto fanno questo tipo di scelte.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' solo una questione di numeri

      Dovendo vendere un prodotto HW che necessita di
      driver, mi spiace dirlo, ma se non faccio
      contento il 2% del mercato mentre faccio felice
      il 94% direi che mi posso ritenere più che
      soddisfatto.Sì ma basterebbe rilasciare il codice, è una cosa che non costa nulla. Così fai felice l'altro 2%, diffondi maggiormente la tua periferica, accresci il tuo buon nome e ti fai pure scrivere gratis i driver per Linux dalla comunità linara.Sono proprio scelte protezionistiche delle multinazionali, sono storture di un anarcocapitalismo che potrebbe mantenersi liberista e concorrenziale se solo ci fosse qualche obbligo legislativo in più.
  • Anonimo scrive:
    Qlcn mi spiega la situaz dei driv nVidia
    Son utente linux ma non ho approfondito molto il discorso driver nVidia della mia scheda video...Io son andato sul sito ho preso il driver e l'ho messo... funzionicchia e ciao... ma come stanno le cose? qual è la diatriba?
    • avvelenato scrive:
      Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
      - Scritto da:
      Son utente linux ma non ho approfondito molto il
      discorso driver nVidia della mia scheda
      video...

      Io son andato sul sito ho preso il driver e l'ho
      messo... funzionicchia e ciao... ma come stanno
      le cose? qual è la
      diatriba?Con nVidia nessuna diatriba, semmai con le altre ci si lamenta.Certo che se aprissero i driver ci sarebbe il vantaggio che ognuno, capacità permettendo, potrebbe realizzarsi il suo porting per qualsiasi so. Se non li vogliono aprire, rispetto, diffondano i binari, e bòna lì.Più che altro il fatto è che linux sta diventando piuttosto diffuso, e considerato che macosx, che non ha poi così tanti punti percentuale in più di diffusione, è supportato in maniera sproporzionalmente migliore dalle case sw e dai produttori hw, credo che i linari vogliano semplicemente che questa situazione venga corretta adeguandosi ai numeri di oggi, che non sono quelli di ieri.Poi non lo so, c'è sempre quello che tenta di installare linux con una scheda audio del 96 che già allora era malsupportata dal dos, e pretende che parta su linux... i pirla ci sono per qualsiasi SO, e anche i driver pessimi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV

        produttori hw, credo che i linari vogliano
        semplicemente che questa situazione venga
        corretta adeguandosi ai numeri di oggi, che non
        sono quelli di
        ieri.I numeri sono: 98% windows, 1% mac e 1% linux..La differenza è che mac punta sull'immagine e su pochissimo hardware certificato e quindi totalmente supportato.Se installo mac sono sicuro che tutto andrà bene.Per mac ci sono programmi porofessionali utilizzati seriamente e proficuamente nel mondo del lavoro.Come ben sai invece, tutto quanto detto per mac è esattamente il contrario per linux.. Non ha un'immagine a causa della miriade di distribuzioni che si fanno concorrenza tra loro, ho ha software professionale e ha la presunzione di funzionare su qualsiasi hardware con risultati scadenti la maggior parte delle volte.Concludo dicendo che immagino tu sappia cosa comporti installare linux.. (e non dirmi che si installa con un click perchè è a cagata più grande che tu possa dire)
        • avvelenato scrive:
          Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
          - Scritto da:

          produttori hw, credo che i linari vogliano

          semplicemente che questa situazione venga

          corretta adeguandosi ai numeri di oggi, che non

          sono quelli di

          ieri.

          I numeri sono: 98% windows, 1% mac e 1% linux..
          La differenza è che mac punta sull'immagine e su
          pochissimo hardware certificato e quindi
          totalmente
          supportato.
          Se installo mac sono sicuro che tutto andrà bene.
          Per mac ci sono programmi porofessionali
          utilizzati seriamente e proficuamente nel mondo
          del
          lavoro.
          Secondo me invece il problema è che la base di installato macaco è costante da parecchi anni, quella di linux è in crescita. E' giusto farlo notare ai produttori di software.
          Come ben sai invece, tutto quanto detto per mac è
          esattamente il contrario per linux.. Non ha
          un'immagine a causa della miriade di
          distribuzioni che si fanno concorrenza tra loro,
          ho ha software professionale e ha la presunzione
          di funzionare su qualsiasi hardware con risultati
          scadenti la maggior parte delle
          volte.
          Anche i linari sono un popolo piuttosto eterogeneo. C'è quello che prende linux come scusa per dimenticare le proprie frustrazioni e dare addosso al simbolo del male di turno (bill gates), c'è quello intortato dai discorsi sulla libertà, quello che vuole risparmiare senza piratare, quello che vuole un sistema tipo unix a portata di desktop, quello che ci sviluppa su, quello che vuol fare l'acher, quello che è semplicemente curioso, ecc. Quindi ciò che dici te può essere sensato ma non è responsabilità tanto di linux quanto della singola utenza che pretende da un SO l'impossibile, e spesso lo propaganda pure come già assodato: parole come "Linux è già per tutti", "linux è alla portata di utonto", "linux è semplicissimo", "linux si installa su hardware antediluviano", ecc. Tutto questo crea false aspettative, che, come accade nel cinema o nella letteratura, generano opinioni eccessivamente negative quando vengono smentite.Senza voler togliere i meriti a torvalds di aver creato e reso libero e gratuito un SO compatibile POSIX.
          Concludo dicendo che immagino tu sappia cosa
          comporti installare linux.. (e non dirmi che si
          installa con un click perchè è a cagata più
          grande che tu possa
          dire)Le mie esperienze non sono tanto dissimili, ma in mia opinione credo che il problema dell'installazione sia stato ampiamente sopravvalutato. Secondo me il problema maggiore è quando si deve far funzionare l'accrocchio con programmi non inclusi nei repository ufficiali e impostazioni non convenzionali: nel mio caso la presenza di una scheda video dual view mi ha causato non pochi impicci, e comunque non sono riuscito a usarli entrambi facilmente come su windows. Questo nonostante il mio hw fosse pienamente compatibile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV

            presenza di una scheda video dual view mi ha
            causato non pochi impicci, e comunque non sono
            riuscito a usarli entrambi facilmente come su
            windows. Questo nonostante il mio hw fosse
            pienamente
            compatibile.Per non parlare dei laptop... installare linux su un laptop e' un terno al lotto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            - Scritto da:

            presenza di una scheda video dual view mi ha

            causato non pochi impicci, e comunque non sono

            riuscito a usarli entrambi facilmente come su

            windows. Questo nonostante il mio hw fosse

            pienamente

            compatibile.

            Per non parlare dei laptop... installare linux su
            un laptop e' un terno al lotto.

            boh a me è andata (e và) alla grandissima... mi ha visto tutto subito (anche le hotkeys e bluetooth per intenderci)... il portatile è del dicembre 2005...
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            presenza di una scheda video dual view mi ha


            causato non pochi impicci, e comunque non sono


            riuscito a usarli entrambi facilmente come su


            windows. Questo nonostante il mio hw fosse


            pienamente


            compatibile.



            Per non parlare dei laptop... installare linux
            su

            un laptop e' un terno al lotto.





            boh a me è andata (e và) alla grandissima... mi
            ha visto tutto subito (anche le hotkeys e
            bluetooth per intenderci)... il portatile è del
            dicembre
            2005...Anche a me sembrava la prima volta che ho installato ubuntu, poi ho comprato una scheda wifi pcmcia ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:



            presenza di una scheda video dual view mi ha



            causato non pochi impicci, e comunque non
            sono



            riuscito a usarli entrambi facilmente come
            su



            windows. Questo nonostante il mio hw fosse



            pienamente



            compatibile.





            Per non parlare dei laptop... installare linux

            su


            un laptop e' un terno al lotto.









            boh a me è andata (e và) alla grandissima... mi

            ha visto tutto subito (anche le hotkeys e

            bluetooth per intenderci)... il portatile è del

            dicembre

            2005...

            Anche a me sembrava la prima volta che ho
            installato ubuntu, poi ho comprato una scheda
            wifi pcmcia ...e non sei andato a farti un giro su madwifi o ndiswrapper!


          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV


            wifi pcmcia ...e non sei andato a farti un giro
            su madwifi o
            ndiswrapper!E' interessante questo concetto del linaro medio per cui per installare un aggeggio che serve per navigare in rete serva essere gia connesso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            - Scritto da:


            wifi pcmcia ...e non sei andato a farti un
            giro

            su madwifi o

            ndiswrapper!

            E' interessante questo concetto del linaro medio
            per cui per installare un aggeggio che serve per
            navigare in rete serva essere gia
            connesso.Bhe e' lo stesso di windows : hai mai reinstallato un portatile senza usare il suo disco di ripristino ? Non riconosce quasi mai la scheda di rete (rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV

            Bhe e' lo stesso di windows : hai mai
            reinstallato un portatile senza usare il suo
            disco di ripristino ? Non riconosce quasi mai la
            scheda di rete
            (rotfl)In quale film? E comunque qual'e' il nesso tra disco di ripristino e scaricare driver dalla rete?
          • o22y scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            Ha me ha riconosciuto tutto e subito (wireless inclusa), sai ci sono diversi modi per effettuare una connessione ad internet :) (linux)
          • Alessandrox scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            - Scritto da: avvelenato
            Anche i linari sono un popolo piuttosto
            eterogeneo. C'è quello che prende linux come
            scusa per dimenticare le proprie frustrazioni e
            dare addosso al simbolo del male di turno (bill
            gates), c'è quello intortato dai discorsi sulla
            libertà, quello che vuole risparmiare senza
            piratare, quello che vuole un sistema tipo unix a
            portata di desktop, quello che ci sviluppa su,
            quello che vuol fare l'acher, quello che è
            semplicemente curioso, ecc.Beh.. ti faccio notare che la diffusione di questi "discorsi sulla liberta'" (che poi sarebbe la "liberta' di scelta") ha portato ad una diminuzione media dei costi di investimento sul sw. Questa e' una manna per le PMI, soprattutto per le piccole e i piccoli uffici/liberi professionisti e non dimentichiamoci che il nostro paese basa la sua economia soprattutto su questa fascia di imprenditori.Per non parlare del fatto culturale, senza questa liberta' Internet sarebbe una rete "inventata" da MS... gia' dei tecnici di una nota BAnca vennero in ufficio a illustrarci il nuovo portale delle loro applicazioni basato sulla nota tecnologia MS chiamata JAVA di cui SUN era licenziataria...Favoloso... non sapevo se ridergli in faccia o fare il "puntiglioso" ma alla fine optai per tenermi tutto dentro... e fare finta di nulla.Almeno con questa "liberta'" ti puoi appigliare a qualcosa che non sia solo MS per spiegare certi concetti informatici...
            Quindi ciò che dici te può essere sensato ma non
            è responsabilità tanto di linux quanto della
            singola utenza che pretende da un SO
            l'impossibile, e spesso lo propaganda pure come
            già assodato: parole come "Linux è già per
            tutti", "linux è alla portata di utonto", "linux
            è semplicissimo", "linux si installa su hardware
            antediluviano", ecc. Tutto questo crea false
            aspettative, che, come accade nel cinema o nella
            letteratura, generano opinioni eccessivamente
            negative quando vengono
            smentite.MAh non sarei cosi' categorico:Linux e' per tutti nell' uso da utente normale, con il Sistema gia' configurato e le applicazioni gia' installate... un po' meno per chi volesse installarsi le app. da solo, molto meno per chi volesse installarselo e confighurarselo senza una discreta base di conoscenze informatiche.Negli uffici in cui l' ho innstallato e configurato la gente (anche senza particolari doti) lo usa tranquillamente, senza difficolta' particolari rispetto a windows.Del resto vorrei vedere quale utente medio si reinstalla XP da solo senza qualche problema...Insomma dipende dai casi...Linux si installa su HW antidiluviano... questo si, senz' altro anche perche' gira perfettamente su vecchi portatili con SystemBoardIntel HX o TX e CPU K6 o PII... ci saranno dei casi particolari di vecchie periferiche non supportate ma tuttosommato non sono molto frequenti.Installo Linux dal lontano 1995 e posso testimoniare direttamente quanto sopra scritto.
            mia opinione credo che il problema
            dell'installazione sia stato ampiamente
            sopravvalutato. Secondo me il problema maggiore è
            quando si deve far funzionare l'accrocchio con
            programmi non inclusi nei repository ufficiali e
            impostazioni non convenzionali: nel mio caso la
            presenza di una scheda video dual view mi ha
            causato non pochi impicci, e comunque non sono
            riuscito a usarli entrambi facilmente come su
            windows. Questo nonostante il mio hw fosse
            pienamente
            compatibile.Si questo fa parte delle cose vere sul conto di linux, in ogni caso si tratta appunto di configurazioni un po' particolari per cui il "peccato" e' veniale, tra l' altro "pienamente compatibile" non e' sinonimo di "piena funzionalita'"... per esempio quasi tutte le schede video "pienamente compatibili" non supportano la prof. di colore 32bit ma arrivano a 24...
        • PinguinoMannaro scrive:
          Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV

          I numeri sono: 98% windows, 1% mac e 1% linux..Non so ma ho l'impressione che ultimamente non sia piu' cosi'.In particolare il mac e' molto cresciuto sui desktop.
        • Anonimo scrive:
          Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV

          I numeri sono: 98% windows, 1% mac e 1% linux..molti hanno un doppio os sul proprio computer.
          Concludo dicendo che immagino tu sappia cosa
          comporti installare linux.. (e non dirmi che si
          installa con un click perchè è a cagata più
          grande che tu possa
          dire)ma perche' winz s'installa con doppio click? immagina se i driver per winz te li dessero per Linux gia' pronti e tutti insieme, quale sarebbe il problema? Gia' adesso qualcuno vende portatili e desktop con Linux preinstallato, immagino che ci siano anche i driver in cd.
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            che io sappia le cifre sono +o-90% win3% lin3% mac4% altriPare che nvidia e ati abbiano delle porzioni di codice nei driver che non gli appartengono sotto licenza proprietaria, quindi è difficile che riescano ad aprire anche volendo
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            Te le sei inventate? http://www.onestat.com/html/aboutus_pressbox46-operating-systems-market-share.htmlThe 10 most popular operating systems in the world on the web are: 1. Windows XP 86.80% 2. Windows 2000 6.09% 3. Windows 98 2.68% 4. Macintosh 2.32% 5. Windows ME 1.09% 6. Linux 0.36% 7. Windows NT 0.24% 8. Macintosh Power PC 0.15% - Scritto da:
            che io sappia le cifre sono +o-
            90% win
            3% lin
            3% mac
            4% altri

            Pare che nvidia e ati abbiano delle porzioni di
            codice nei driver che non gli appartengono sotto
            licenza proprietaria, quindi è difficile che
            riescano ad aprire anche
            volendo
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            - Scritto da:
            Pare che nvidia e ati abbiano delle porzioni di
            codice nei driver che non gli appartengono sotto
            licenza proprietaria, quindi è difficile che
            riescano ad aprire anche
            volendoNon è così, loro potrebbero anche domani, la dichiarazione di nvidia è stata che non lo fanno solo perché: i driver per le schede 3d sono così complessi che nessuno ci capirebbe niente e la nvidia non ha nessun vantaggio nell'aprirli.Cioè una posizione assolutamente dogmatica e piena di preconcetti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV

            ma perche' winz s'installa con doppio click?
            immagina se i driver per winz te li dessero per
            Linux gia' pronti e tutti insieme, quale sarebbe
            il problema? Gia' adesso qualcuno vende portatili
            e desktop con Linux preinstallato, immagino che
            ci siano anche i driver in
            cd.Guarda, ubuntu ha ha un kernel standard precompilato e una buona quantità di driver ... eppure non funziona bene lo stesso. L'ho installata, ha riconosciuto la mia scheda wifi PCMCIA basata su chipset ralink ma la scheda non ne vuole sapere di funzionare (anzi se la estraggo pianta la macchina). Ho dovuto scaricare il driver (nativo linux quindi non ci sono scuse) dal sito del produttore, COMPILARLO (il che implica che dovrei ricompilarlo ogni volta che aggiorno il kernel) blacklistare il vecchio driver, e caricare quello nuovo... la scheda ora va ma non c'e' verso di farla connettere al router. Non da nessun errore, semplicemente non si connette. Installo gentoo che non installa il driver ralink di default, quindi lo scarico, compilo, configuro il wireless inchiodando SSID e chiave WEP nel file e miracolosamente si connette però gentoo non mi ha installato di default tutte quelle cazzatine che gentoo invece aveva tipo il supporto ai bottoni del mio laptop. C'e' sempre qualcosa che non va... Windows XP? Scaricato il driver dal sito, doppio click, installato, doppio click sull'icona della scheda, elenco delle reti disponibili, inserisco la chiave e sono connesso. Questo e' un esempio tra i tanti ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            - Scritto da:

            ma perche' winz s'installa con doppio click?

            immagina se i driver per winz te li dessero per

            Linux gia' pronti e tutti insieme, quale sarebbe

            il problema? Gia' adesso qualcuno vende
            portatili

            e desktop con Linux preinstallato, immagino che

            ci siano anche i driver in

            cd.

            Guarda, ubuntu ha ha un kernel standard
            precompilato e una buona quantità di driver ...
            eppure non funziona bene lo stesso.


            L'ho installata, ha riconosciuto la mia scheda
            wifi PCMCIA basata su chipset ralink ma la scheda
            non ne vuole sapere di funzionare (anzi se la
            estraggo pianta la macchina).
            Strano... a me stessa scheda (sulla Edgy) và normalmente, riconosciuto il mio hotspot, inserita la chiave wep e tutto è filato liscio... veramente strano
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV

            Strano... a me stessa scheda (sulla Edgy) và
            normalmente, riconosciuto il mio hotspot,
            inserita la chiave wep e tutto è filato liscio...
            veramente
            stranoI casi sono due, o non e' la stessa scheda (come fai a dirlo visto che non c'e' il modello?) oppure linux e' veramente un terno al lotto
        • Anonimo scrive:
          Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
          - Scritto da:

          produttori hw, credo che i linari vogliano

          semplicemente che questa situazione venga

          corretta adeguandosi ai numeri di oggi, che non

          sono quelli di

          ieri.

          I numeri sono: 98% windows, 1% mac e 1% linux..
          La differenza è che mac punta sull'immagine e su
          pochissimo hardware certificato e quindi
          totalmente
          supportato.
          Se installo mac sono sicuro che tutto andrà bene.
          Per mac ci sono programmi porofessionali
          utilizzati seriamente e proficuamente nel mondo
          del
          lavoro.
          Si certo.Non vedo un MAC da anni sulle scrivanie delle ditte in cui bazzico.E' robetta per sfigati di un qualche ufficietto che sopravvive ancora come status simbol.Status simbol di che caXXo poi lo sanno solo quei 4 gatti che hanno ancora il MAC.
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            - Scritto da:
            E' robetta per sfigati di un qualche ufficietto
            che sopravvive ancora come status
            simbol.
            Status simbol di che caXXo poi lo sanno solo quei
            4 gatti che hanno ancora il
            MAC.Rappresenti a pieno il tipico italiano medio che, come al solito, parla senza conoscere un'emerita mi*chia di quell'argomento.Hai mai usato un sistema operativo diverso da Windows? Ne dubito.Provali almeno, prima di sparare caz*ate.
      • mister_xyz scrive:
        Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
        - Scritto da: avvelenato
        Con nVidia nessuna diatriba, semmai con le altre
        ci si
        lamenta.Una diatriba c'è riguardo alla legalità del modo usato da nvidia per bypassare la licenza che governa il kernel Linux.A parte nvidia e Linux... ne approfitto per segnalare questo interessante keynote di un po' di mesi fa: Myths, Lies, and Truths about the Linux kernelhttp://www.kroah.com/log/linux/ols_2006_keynote.html(leggetelo anche se vedete scritto SuSe/Novell).
    • giallu scrive:
      Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
      A grandi linee: a differenza del mondo Windows, dove ti accontenti di una cosa che funzionicchia e se non funziona dici "vabbè può capitare", il punto dell'Open Source è che quello che non funziona si può sistemare perchè il codice sorgente è disponibile (aperto, appunto).Se non lo fa il produttore, chiunque con le capacità tecniche necessarie può intervenire; al contrario, se il codice non è disponibile e il produttore non te lo sistema perchè magari fallisce, decide che la tua scheda video non vale più la pena di essere supportata dal driver (nessuno ha una ATI 9100IGP? io sì...) o semplicemente perchè non ha i mezzi sufficienti per farlo, sei fregato.Per disponibile, si intende rilasciato sotto un determinato insieme di licenze utili allo scopo: la GPL è una di queste.Il kernel è rilasciato con licenza GPL e, per quello che c'è scritto nella licenza, tutto quello che "usa" il kernel (un driver dovrebbe essere in questa categoria) deve essere rilasciato con la stessa licenza.Tornando alla tua domanda: la diatriba nasce dal fatto che nvidia (ma anche ATI) ritengono di avere il diritto di non rilasciano il codice sorgente quindi non possono essere inclusi nelle distribuzioni. Molti sostengono che siano proprio illegali.Spero sia stato abbanstanza chiaro...
      • outkid scrive:
        Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV

        Tornando alla tua domanda: la diatriba nasce dal
        fatto che nvidia (ma anche ATI) ritengono di
        avere il diritto di non rilasciano il codice
        sorgente quindi non possono essere inclusi nelle
        distribuzioni. Molti sostengono che siano proprio
        illegali.

        Spero sia stato abbanstanza chiaro...beh dai.. illegali una cippa. nvidia li ha sviluppati in proprio, li rilascia. al max e' nell'illegalita' chi li USA su un sistema GNULinux che lo nega esplicitamente.. ma meglio di niente voglio dire.. io scelgo di usarli anche se so closed.. del resto: alternative valide?
        • Anonimo scrive:
          Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
          - Scritto da: outkid
          beh dai.. illegali una cippa. nvidia li ha
          sviluppati in proprio, li rilascia. al max e'
          nell'illegalita' chi li USA su un sistema
          GNULinux che lo nega esplicitamente.. ma meglio
          di niente voglio dire.. io scelgo di usarli anche
          se so closed.. del resto: alternative
          valide?Vedo che l'ignoranza dilaga. Scrivi in maiuscolo "USA" quando la GPL è una licenza che non regola l'uso e quindi è IMPOSSIBILE che sia illegale per un utente USARE quei driver.
          • outkid scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            l'ignoranza di tua nonna.ho scritto al massimo.ma mi sembra impossibile che un sw che non sia un volontario maleware possa essere illegale.loro lo producono.tu se vuoi lo usi.sicuramente nn puoi rivendere il sistema linux in bundle kernel + driver proprietari.qualcuno ha detto che sono illegali per definizione.. e mi sembra una immensa cagata.scusami mr avvocato di sta cippa se ho sbagliato..
            Vedo che l'ignoranza dilaga. Scrivi in maiuscolo
            "USA" quando la GPL è una licenza che non regola
            l'uso e quindi è IMPOSSIBILE che sia illegale
            per un utente USARE quei
            driver.
        • giallu scrive:
          Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
          - Scritto da: outkid

          beh dai.. illegali una cippa. nvidia li ha
          sviluppati in proprio, li rilascia.Facciamo un esempio. Poniamo che tu sia uno sviluppatore di sw: produci un programma che visualizza immagini .png e lo metti online con licenza GPL.Io lo prendo, aggiungo la possibilità di caricare anche i GIF, e lo rimetto online, ma senza rilasciare il codice completo.Come definiresti questa situazione, a parte "illegale"?http://www.kroah.com/log/linux/ols_2006_keynote.html
          al max e'
          nell'illegalita' chi li USA su un sistema
          GNULinux che lo nega esplicitamente.. scusa, ma questa frase non vuol dire nulla
          ma meglio
          di niente voglio dire.. io scelgo di usarli anche
          se so closed.. del resto: alternative
          valide?dipende: valide per quale utilizzo?cmq, c'è un corso il tentativo di creare driver open su nouveau.freedesktop.org. Se puoi testarli e riportare bug, sono sicuro che si farà prima a liberarci dal laccio dei driver binari
          • outkid scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            bella la roba dei driver nouveau, grazie per la dritta.se possono in minima misura competer con quelli closed li adottero'. per ora nn credo di poter aiutare ma appena rilasciano qualcosa ho intenzione di provarli.MORTE AL CLOSED! VIVA IL COMUNISMO DIGITALE!ahahah :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
            - Scritto da: outkid
            bella la roba dei driver nouveau, grazie per la
            dritta.
            se possono in minima misura competer con quelli
            closed li adottero'. per ora nn credo di poter
            aiutare ma appena rilasciano qualcosa ho
            intenzione di
            provarli.
            MORTE AL CLOSED! VIVA IL COMUNISMO DIGITALE!
            ahahah :)Ma non avete ancora capito che per vincere vi serve produrvi il silicio per conto vostro e non gia' i driver? :)
    • PinguinoMannaro scrive:
      Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
      - Scritto da:
      Son utente linux ma non ho approfondito molto il
      discorso driver nVidia della mia scheda
      video...

      Io son andato sul sito ho preso il driver e l'ho
      messo... funzionicchia e ciao... ma come stanno
      le cose? qual è la
      diatriba?Con Nvidia tutto bene.I driver sono ottimi ma sono closed.Con Ati i driver hanno ancora troppi bugs e sono closed.Per il resto dipende dal produttore .....
    • Anonimo scrive:
      Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
      Vedi che anche su Linux sono supportate le tastiere a 105 tasti, non c'è bisogno di scrivere Qlcn.
      • Anonimo scrive:
        Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
        - Scritto da:
        Vedi che anche su Linux sono supportate le
        tastiere a 105 tasti, non c'è bisogno di scrivere
        Qlcn.Non mi stava nel titolo, fenomeno... c'hai l'allergia?
    • Anonimo scrive:
      Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
      Grazie a tutti quelli che hanno risposto, talvolta OT, però ne so un po' di più! :)GRAZIE
    • Anonimo scrive:
      Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
      - Scritto da:
      Son utente linux ma non ho approfondito molto il
      discorso driver nVidia della mia scheda
      video...

      Io son andato sul sito ho preso il driver e l'ho
      messo... funzionicchia e ciao... ma come stanno
      le cose? qual è la
      diatriba?A molti sembra non stare bene il driver Nvidia ufficiale perche' chiuso (binary only).La giustificazione e' di carattere etico,come del resto,va oramai per la maggiore fra i supporters del pinguino.Non posso non aggiungere un mio personale commento di disappunto sottolineando il fatto che non interessi la concretezza quanto piuttosto i soli aspetti etici.A lungo andare tale linea d'azione portera' ad una progressiva disaffezione nei confronti di linux relegandolo,una volta passata la moda,ad un sistema adatto solo ai "puri di spirito"
      • o22y scrive:
        Re: Qlcn mi spiega la situaz dei driv nV
        Non e' vero, nessuno abbandonera , ne ha mai abbandonato linux perche' crede nell'open source!!!
  • Anonimo scrive:
    OT nuovo forum
    queste barre rendono la lettura parecchio pesanteSicuri che servisse?
    • Anonimo scrive:
      Re: OT nuovo forum
      - Scritto da:
      queste barre rendono la lettura parecchio pesante
      Sicuri che servisse?Fa kaka'
    • MeDevil scrive:
      Re: OT nuovo forum
      - Scritto da:
      queste barre rendono la lettura parecchio pesante
      Sicuri che servisse?ma pd... già è stato un trauma abituarmi al nuovo stile dopo il cambiamento dal vecchio... adesso lo peggiorate con ste icone 500px x 700px che le vedrebbe pure mia nonna senza occhiali a 500km dal monitor... lasciarlo così com'era no eh?
      • Anonimo scrive:
        Re: OT nuovo forum
        bruttissimo, poco elegante e difficile da comprendere.. ma non era meglio quello vecchio che era perfetto, leggibile, sintetico?
        • MeX scrive:
          Re: OT nuovo forum
          - Scritto da:
          bruttissimo, poco elegante e difficile da
          comprendere.. ma non era meglio quello vecchio
          che era perfetto, leggibile,
          sintetico?QUOTO! Pesante e confusionario!
  • Anonimo scrive:
    Speriamo perdano anche quell'altr'occhio
    "si chiede ai produttori hardware di aprire l'occhio che tengono chiuso sulle necessità degli utenti di software libero"Speriamo che lo lascino chiuso e che perdano anche l'altro... così poi si vede chi ride... (linux)
  • TADsince1995 scrive:
    Conviene
    La situazione, secondo me, non è così tragica come scritto nell'articolo. Io finora non ho avuto alcun problema hardware con linux, è stato sufficiente un semplice controllo di compatibilità prima dell'acquisto di qualsivoglia hardware.Piuttosto, noto con piacere che non sono solo ati ed nVidia a iniziare i primi timidi rilasci di driver, anche Canon ogni tanto ha rilasciato dei driver per stampanti, come anche nel portatile di una mia amica c'era un modem integrato per il quale era possibile scaricare i driver direttamente dal sito del produttore, cosa che ho fatto e l'ho fatta collegare a internet con linux.La strada è ancora lunga prima di poter acquistare hardware a occhi chiusi, ma penso che ormai le cose stanno iniziando a cambiare. Perchè se l'utente linux prima di comprare verifica la compatibilità, è chiaro che darà la precedenza a chi gli offre il supporto driver e comprerà da lui.L'utenza è ancora una frazione di quella Windows, ma è ormai una quantità considerevole di utenti che scelgono il prodotto da acquistare in base al supporto driver. Quindi per le aziende, rilasciare driver per linux è una cosa sempre più interessante e conveniente.Speriamo bene.TAD
    • Anonimo scrive:
      Re: Conviene
      i driver che ci sono adesso sono frutto nel 99 per cento dei casi di reverse eng. Sono pochissime le aziende che hanno rilasciato driver chiusi, per non dire open. Semplicemnet nn interessa. La graduatoria infatti e' questaWindowsMacLinuxIl fatto ke ormai i wrapper siano così diffusi nel mondo linux sn un ultriore simbolo della sempre piu' scars presenza di driver e dalla relativa maggiore complessita' di costruirli da se.(anonimo)
      • Anonimo scrive:
        Re: Conviene
        Hp ???? ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Conviene
          - Scritto da:
          Hp ???? ;)Ho un HP deskjet 2300 da 2 anni e mezzo.. Non sono riuscita a farla funzionare decentemente sotto linux neanche con le cannonate..Vi lamentate di Vista perchè costringerà a spendere 50 euro per la RAM, e io per stampare un documento volendo linux sul pc devo comprarmi la stampante nuova??E non voglio parlarti dello scanner sempre HP.. o della webcam della kodak..Compro tutto nuovo?Siete l' 1% del mercato desktop (e anche meno).. lo volete capire o no che non vi "caga" nessuno??Linux sta bene sui server.. e per quello va benissimo una distribuzione di 3 anni fa..
          • Anonimo scrive:
            Re: Conviene
            - Scritto da:
            Caro/a ragazzo/a io sono un utente di computer
            che da almeno 8 anni a questa parte riesce a fare
            funzionare tutto con Linux. Come faccio? Semplice
            prima di comprare qualsiasi cosa faccio una
            ricerchina sul web e guardo se qualcuno prima di
            me lo ha fatto e che problemi ha
            avuto.

            Lo faccio prima di prendere un laptop,
            ........................d'accordo al cento per cento, soprattutto con il paragone del "carrello da supermercato", che mi pare parecchio rappresentativo del modo di intendere l'informatica oggi come oggi: acquistare tonnellate di paccottiglia a euro 29,90 in un centro commerciale senza informarsi per niente prima dell'acquisto, riempirsi la casa di schede di resgistrazione, pin, puk, tagliandi con numeri verdi di assistenza che comunque non riponderanno mai o risponderanno cazzate, CD con i driver per Windows 3.1, applicazioni rivoluzionarie per "archiviare e ritoccare le foto".In mezza tonnellata di paccottiglia che uno si porta a casa con una qualunque stampante o fotocamera digitale, i produttori non sono capaci di includere un floppino con un driver per Linux.Il quale peraltro è in grado di far funzionare un sacco e mezzo di roba, senza nessun dischetto del produttore, se solo uno prima di acquistare un accrocchio si preoccupasse di vedere se quell'accrocchio è supportato o meno, e se sì, come.Pure a me non capitano più (dieci anni fa capitavano) problemi di hardware non supportato: mi basta comperare quello supportato, che comunque non è poca roba.
          • Anonimo scrive:
            Re: Conviene

            Non ho capito perché oggi nel mondo
            dell'informatica è diventato tutto come col cibo,
            prendi il filetto di sgombro e te lo infili nel
            carrello.Perche' c'e' Windows che risolve i problemi. Invece di perdere mezz'ora su google ogni volta che voglio comprare una webcam spendo 200 euro e passa tutto.
            Non sono i tempi che cambiano, è la gente che
            rincoglionisce e compra l'elettronica infilando
            una scatola chiusa in un carrello, perché il
            mondo del commercio e la grande distribuzione
            vogliono che la gente diventi consumatrice di
            comuni prodotti commerciali, non di fini
            strumenti di svago e/o lavoro da prendere con
            cura.Ed e' giusto che sia cosi', si chiama progresso.
            Tu dimmi se un auto/aero modellista prende la
            scatola di un auto/aereo e se la infila in un
            carrello così alla cazzo, o non si seleziona uno
            per uno ogni singolo componente, dalla radio ai
            servomotori ai motori a scoppio del modello,
            ecc.Tu dimmi se un automobilista si prende la macchina o se sceglie motore, freni, cambio...
            Vuoi fare un favore a te stesso/a, smettila di
            infilare la roba nei carrelli specie se la vedi
            impilata in offerta
            speciale.O smetti di farti del male con linux ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Conviene
            - Scritto da:
            Perche' c'e' Windows che risolve i problemi.
            Invece di perdere mezz'ora su google ogni volta
            che voglio comprare una webcam spendo 200 euro e
            passa tutto.Windows per me è sempre stato fonte di problemi.Li ho risolti con Linux e con hardware selezionato e ben supportato.
            Ed e' giusto che sia cosi', si chiama progresso. Progresso questo schifo?Prodotti di consumi tutti simili, tutti scadenti, tutti insulsi, tutti supportati per un tempo molto breve, tutti creati per il consumo di massa con la minima spesa.
            Tu dimmi se un automobilista si prende la
            macchina o se sceglie motore, freni,
            cambio...Oggi certi motociclisti possono farlo.Sai cos'è un bike kit? È una moto in scatola di montaggio dove ti scegli motore, cambio, telaio e accessori vari.
            O smetti di farti del male con linux ... Io sono strafelice con Linux. ci guadagno, lo insegno, faccio parte di una comunità fantastica di amici linuxiani del mio LUG.Con Linux il sistema operativo è nostro. Con Windows siamo solo dei micragnosi consumatori di un insulso prodotto commerciale.Mi fa solo pena chi lo difende e lo pubblicizza, non mi fa un effetto diverso da una Wanna Marchi o un materassaio come Giorgio Mastrota.
          • Anonimo scrive:
            Re: Conviene
            - Scritto da:

            Non ho capito perché oggi nel mondo

            dell'informatica è diventato tutto come col
            cibo,

            prendi il filetto di sgombro e te lo infili nel

            carrello.

            Perche' c'e' Windows che risolve i problemi.
            Invece di perdere mezz'ora su google ogni volta
            che voglio comprare una webcam spendo 200 euro e
            passa tutto.E magari dopo 6 mesi la butti perchè scopri che non ha le caratteristiche che volevi, ma ti sei fatto fregare dalla bionda con le tettone sulla confezione... Il tutto per non aver perso mezz'ora ANCHE SU WINDOWS per capire cosa saresti andato a comprare...Ad ogni modo sappi che un prodotto che segue uno standard con tutta probabilità è supportato in Linux. Un prodotto che non segue uno standard ma richiede un driver proprietario poco diffuso in LInux difficilmente funzionerà, ma molto probabilmente in Windows funzionerà solo ed esclusivamente fino a che il produttore deciderà di far uscire driver aggiornati: ormai è risaputo che ogni cambio di versione di Windows comporta un certo numero di periferiche che verranno obbligatoriamente buttate nell'immondizia.

            Non sono i tempi che cambiano, è la gente che

            rincoglionisce e compra l'elettronica infilando

            una scatola chiusa in un carrello, perché il

            mondo del commercio e la grande distribuzione

            vogliono che la gente diventi consumatrice di

            comuni prodotti commerciali, non di fini

            strumenti di svago e/o lavoro da prendere con

            cura.

            Ed e' giusto che sia cosi', si chiama progresso. La gente che si rincoglionisce si chiama progresso ?!?!?!?Preferisco essere antiquato...

            Tu dimmi se un auto/aero modellista prende la

            scatola di un auto/aereo e se la infila in un

            carrello così alla cazzo, o non si seleziona uno

            per uno ogni singolo componente, dalla radio ai

            servomotori ai motori a scoppio del modello,

            ecc.

            Tu dimmi se un automobilista si prende la
            macchina o se sceglie motore, freni,
            cambio...Hai ragione... infatti uno va in un ipermercato e dice "Vorrei una macchina, va bene quella della pubblicità con la tettona"...Mi ricordo invece che una volta si andava da concessionario e si diceva: "Voglio una Punto, motore diesel, cilindrata 1300 cc, cambio a 6 marcie, aria condizionata, 5 porte, allestimento lusso, cerchi in lega, e autoradio con lettore CD".Quanto eravamo arretrati...
      • MeDevil scrive:
        Re: Conviene
        [cut]
        Il fatto ke ormai i wrapper siano così diffusi
        nel mondo linux sn un ultriore simbolo della
        sempre piu' scars presenza di driver e dalla
        relativa maggiore complessita' di costruirli da
        se.(anonimo)Scusami, wrapper di cosa? dei driver windows forse? Non diciamo trollate, pls...Saluti, MeDevil
        • TADsince1995 scrive:
          Re: Conviene

          Scusami, wrapper di cosa? dei driver windows
          forse?Esattamente: http://ndiswrapper.sourceforge.net/TAD
          • MeDevil scrive:
            Re: Conviene
            - Scritto da: TADsince1995

            Scusami, wrapper di cosa? dei driver windows

            forse?

            Esattamente: http://ndiswrapper.sourceforge.net/

            TADomg... adesso ci toccherà passare a reactos per avere open source e drivers... :'([grazie del link cmq, potrebbe tornarmi utile nell'immediato futuro]Saluti, MeDevil
          • Enzo4510 scrive:
            Re: Conviene
            - Scritto da: TADsince1995

            Scusami, wrapper di cosa? dei driver windows

            forse?

            Esattamente: http://ndiswrapper.sourceforge.net/

            TADSe riesci a farmelo funzionare ti do un bacio in bocca :-))))
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Conviene

            Se riesci a farmelo funzionare ti do un bacio in
            bocca
            :-))))Credo di salvarmi da questo bacio :D, in quanto per il wireless nel portatile uso questohttp://ipw2200.sourceforge.net/che funziona perfettamente...TAD
      • Anonimo scrive:
        Re: Conviene
        - Scritto da:
        i driver che ci sono adesso sono frutto nel 99
        per cento dei casi di reverse eng. Sono
        pochissime le aziende che hanno rilasciato driver
        chiusi, per non dire open. Semplicemnet nn
        interessa.

        La graduatoria infatti e' questa

        Windows
        Mac
        Linux
        ...e aggiungerei che gia' alla seconda i produttori si cominciano a far rodere il c...o
    • Anonimo scrive:
      Re: Conviene
      Quelli che dici tu sono driver chiusi, invece servono driver Liberi GPL e/o le specifiche hardware perché i programmatori possano farne di Liberi.Un driver proprietario inficia la Libertà del sistema GNU/Linux oltre a rendere praticamente impossibile l'identificazione e co rrezione di anomalie o malfunzionamenti.
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Conviene
        - Scritto da:
        Quelli che dici tu sono driver chiusi, invece
        servono driver Liberi GPL e/o le specifiche
        hardware perché i programmatori possano farne di
        Liberi.
        Un driver proprietario inficia la Libertà del
        sistema GNU/Linux oltre a rendere praticamente
        impossibile l'identificazione e co rrezione di
        anomalie o
        malfunzionamenti.Giustissimo. Però sotto questo aspetto preferisco essere un po' più pratico e realista, il driver open sarebbe l'ideale e ci batteremo sempre perchè diventi la scelta principale.Al tempo stesso, però, data anche la situazione attuale, la mia filosofia è che "meglio closed che non averlo proprio". Sul discorso delle specifiche, invece, non si discute: devono essere rilasciate, sempre. Così se proprio non li vogliono fare loro i driver, che li lascino fare alla community.Ricordo che nei manuali dell' Amiga 500 nell'appendice c'erano decine di pagine con gli schemi elettrici completi... Perchè oggi non dovrebbe essere più così?TAD
        • Anonimo scrive:
          Re: Conviene

          Ricordo che nei manuali dell' Amiga 500
          nell'appendice c'erano decine di pagine con gli
          schemi elettrici completi... Perchè oggi non
          dovrebbe essere più
          così?

          TADSemplicemente perchè se io produttore investo in ricerca e sviluppo non sono così coglione da dare a chiunque schemi elettrici in modo che possano scopiazzare e riuscire a piazzare sul mercato la stessa cosa ad un prezzo nettamente inferiore perchè privato dei costi di R&D.Però certo voi linuxari portavoce della società perfetta dove tutto è di tutti le regole dell'economia fate fatica a digerirle.. Più che a digerirle direi a capirle visto che non ci arrivate..
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Conviene

            Semplicemente perchè se io produttore investo in
            ricerca e sviluppo non sono così coglione da dare
            a chiunque schemi elettrici in modo che possano
            scopiazzare e riuscire a piazzare sul mercato la
            stessa cosa ad un prezzo nettamente inferiore
            perchè privato dei costi di
            R&D.

            Però certo voi linuxari portavoce della società
            perfetta dove tutto è di tutti le regole
            dell'economia fate fatica a digerirle.. Più che a
            digerirle direi a capirle visto che non ci
            arrivate..Guarda che ho portato l'esempio dell' Amiga, che tutto era tranne che open! ;)TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: Conviene
            - Scritto da:
            Semplicemente perchè se io produttore investo in
            ricerca e sviluppo non sono così coglione da dare
            a chiunque schemi elettrici in modo che possano
            scopiazzare e riuscire a piazzare sul mercato la
            stessa cosa ad un prezzo nettamente inferiore
            perchè privato dei costi di
            R&D.

            Però certo voi linuxari portavoce della società
            perfetta dove tutto è di tutti le regole
            dell'economia fate fatica a digerirle.. Più che a
            digerirle direi a capirle visto che non ci
            arrivate..Scusa ma è dalla macchina a vapore che i produttori rilasciano schemi e informazioni poiché comunque l'insieme è brevettato.Come mai dalla fine degli anni '90 questo non è più possibile?Non mi pare che siano fallite tante aziende di hardware.I motivi non sono la paura della copia. I motivi sono biechi, uno per impedire alla gente di ripararsi da sola se ne ha l'abilitàUno è per risparmiare su un po' di micragnosissima carta.Uno è per risparmiare il tempo e il denaro di chi questi schemi li deve preparare ed allegare ai prodotti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Conviene
          - Scritto da: TADsince1995

          Ricordo che nei manuali dell' Amiga 500
          nell'appendice c'erano decine di pagine con gli
          schemi elettrici completi... Perchè oggi non
          dovrebbe essere più
          così?

          TADtad, TAAAAADDDDDD! non devi ricordarmi queste cose! :'(:'(:'(che poi mi sento triste :'(:'(:'((amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)al solito: solo che ha avto un VERO computer per le mani capisce l'importanza di non chiamarlo "elettrodomestico"...che ci vuoi fare, al giorno d'oggi nessuno vuole usare la testa...peggio per loro, hai windows?le consulenze costano il doppio. :D ;)ciao!(love)(linux)(apple)
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Conviene

            tad, TAAAAADDDDDD! non devi ricordarmi queste
            cose!
            :'(:'(:'(
            che poi mi sento triste :'(:'(:'(
            (amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)Anche io... E anche molto arrabbiato! :@ :@
            al solito: solo che ha avto un VERO computer per
            le mani capisce l'importanza di non chiamarlo
            "elettrodomestico"...Incredibile! :) Finalmente qualcuno che capisce quello che intendo senza apostrofarmi come "spocchioso"... :'(
            che ci vuoi fare, al giorno d'oggi nessuno vuole
            usare la
            testa...Sono male abituati...
            peggio per loro,
            hai windows?
            le consulenze costano il doppio.

            :D ;)

            ciao!
            (love)(linux)(apple)Amiga Rulez Forever!!! (amiga)(amiga)(amiga)(amiga)TAD
        • Anonimo scrive:
          Re: Conviene

          Ricordo che nei manuali dell' Amiga 500
          nell'appendice c'erano decine di pagine con gli
          schemi elettrici completi... Perchè oggi non
          dovrebbe essere più
          così?

          TADSara' perche' uno schema elettrico si puo' dedurre semplicemente aprendo la macchina? Non ricordo la litografia dei chip nel manuale di Amiga...
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Conviene

            Sara' perche' uno schema elettrico si puo'
            dedurre semplicemente aprendo la macchina? Non
            ricordo la litografia dei chip nel manuale di
            Amiga...Infatti non era in tutti. In quelli dell' Amiga 500 prima versione (1987) c'erano, in quelli dell'Amiga 500 plus se non erro non c'erano. Non ricordo in quelli del 1200, devo controllare.In ogni caso c'erano sempre gli Amiga Rom Kernel Reference Manual...TAD
  • Anonimo scrive:
    Core chiuso, driver multipiattaforma
    Non sono un programmatore, ma mi domando una cosa , non sarebbe possibile creare un driver core chiuso e una parte aperta per tutti i sistemi operativi ?
    • Enzo4510 scrive:
      Re: Core chiuso, driver multipiattaforma
      - Scritto da:
      Non sono un programmatore, ma mi domando una cosa
      , non sarebbe possibile creare un driver core
      chiuso e una parte aperta per tutti i sistemi
      operativi
      ?Il driver è una semplice interfaccia, da una parte dialoga con l' hardware dall' altra con il SO. Non c'è nessuno nucleo da isolare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Core chiuso, driver multipiattaforma
        Le schede Wifi però anche su Linux hanno una componente opensource e poi caricano sulla scheda una parte di firmware in binario e proprietaria.Comunque è vero, non capisco perché tutto questo segreto e questa difficoltà a rilasciare specifiche su hardware a volte anche molto banale, da parte dei produttori.E' una cosa assurda e non venissero a dirmi che bisogna proteggere investimenti in R&D. Anche perché per determinati tipi di clienti (es. banche) sarebbe di vitale importanza conoscere come lavora tutto il software che gira sui loro sistemi driver compresi. Non dimentichiamo che oggi i file di driver sono diverse megabyte di porcherie di vario genere e codice di dubbia utilità.
  • Anonimo scrive:
    LINUX FALLIMENTO 360°
    i driver scarseggiano, ma quando eisetono sono pure mal progettati.compratevi osx e vivete in pace, tanto la bash esiste pure li (anonimo)
    • Anonimo scrive:
      Re: LINUX FALLIMENTO 360°
      Il tuo cervello è da rottamare.
    • Anonimo scrive:
      Don't feed the troll
      - Scritto da:
      i driver scarseggiano, ma quando eisetono sono
      pure mal
      progettati.

      compratevi osx e vivete in pace, tanto la bash
      esiste pure li
      (anonimo) (troll2)Don't feed the troll
    • Anonimo scrive:
      Re: LINUX FALLIMENTO 360°
      Tientelo te OSX!'gnurant!
    • MeDevil scrive:
      Re: LINUX FALLIMENTO 360°
      - Scritto da:
      i driver scarseggiano, ma quando eisetono sono
      pure mal
      progettati.

      compratevi osx e vivete in pace, tanto la bash
      esiste pure li
      (anonimo)LOL... certo che se ne sparano di grosse...considerando che il kernel di os x è darwin, che è un open source...considerando che apple di innovativo ha veramente poco... la ui tanto declamata di apple l'hanno fregata alla xerox, i magnifici gadgets vengono addirittura da beos.. (un interessante articolo qui: http://www.iltuosistema.it/articolo18.html )DFTD (don't feed the troll) (troll2)
      • Anonimo scrive:
        Re: LINUX FALLIMENTO 360°
        - Scritto da: MeDevil
        LOL... certo che se ne sparano di grosse...
        considerando che il kernel di os x è darwin, che
        è un open
        source...E non va forse bene? Non è la stessa filosofia del software pinguinoso piumato?
        considerando che apple di innovativo ha veramente
        poco...Ovviamente... solo il pinguino, glorioso animale sempre a caccia di innovatività dominerà il mondo.La mela, invece, demonizzata fin dai tempi di Adamo ed Eva è destinata a marcire ed essere dimenticata...
        la g ui tanto declamata di apple l'hanno fregata
        alla xerox, LADRI! :-o :-o
        i magnifici gadgets vengono
        addirittura da beos.. COMUNISTI!! (anonimo)(anonimo)
        (un interessante articolo
        qui: http://www.iltuosistema.it/articolo18.html
        )(ghost)(ghost)(ghost)

        DFTD (don't feed the troll) (troll2)Già... è proprio vero: Non ascoltate i Trolloni!
    • Anonimo scrive:
      Re: LINUX FALLIMENTO 360°
      - Scritto da:
      i driver scarseggiano, ma quando eisetono sono
      pure mal
      progettati.

      compratevi osx e vivete in pace, tanto la bash
      esiste pure li
      (anonimo)Se non fosse il prezzo elevato per qualsiasi versione con scheda grafica meno scrausa del chipset grafico intel, l'avrei già preso.
  • Anonimo scrive:
    il driver è un prodotto importante
    basti vedere come migliorano le prestazioni di una scheda video con driver aggiornati. Dare il codice significa mettere gli avversari nella condizione di poter scrivere driver buoni quanto i propri.Quindi non daranno mai le specifiche.Per il fatto che non rilascino driver dipende semplicemente da due fattori.1)l'impossibilità di garantire che tale driver funzioni con tutte le distro. Sono troppe e benchè si dica che non importa la distro si può facilmente vedere come da distribuzione a distribuzione cambi il riconoscimento.2)la scarsità di supporto agli sviluppatori.
    • TADsince1995 scrive:
      Re: il driver è un prodotto importante

      Dare il codice significa mettere gli avversari
      nella condizione di poter scrivere driver buoni
      quanto i
      propri.Mmm... Non capisco... Il driver serve per pilotare il TUO hardware, non quello degli avversari.
      Quindi non daranno mai le specifiche.Basterebbero quelle, tanto a uscire un driver ci vogliono poche settimane a quel punto.
      Per il fatto che non rilascino driver dipende
      semplicemente da due
      fattori.
      1)l'impossibilità di garantire che tale driver
      funzioni con tutte le distro. Sono troppe e
      benchè si dica che non importa la distro si può
      facilmente vedere come da distribuzione a
      distribuzione cambi il
      riconoscimento.I driver nVidia ormai si installano con avanti avanti avanti fine come su Windows, e non sono dipendenti dalla distribuzione.
      2)la scarsità di supporto agli sviluppatori.???TAD
      • Anonimo scrive:
        Re: il driver è un prodotto importante

        Mmm... Non capisco... Il driver serve per
        pilotare il TUO hardware, non quello degli
        avversari.allora perchè i driver aggiornati migliorano la situazione? Non è che forse i driver hanno codice per ottimizzare le prestazioni? Codice che è meglio non far vedere ad ATI per quanto possibile?
        Basterebbero quelle, tanto a uscire un driver ci
        vogliono poche settimane a quel
        punto.per farlo uscire, non per per farlo bene. Un driver schifoso sotto linux farebbe passare una scheda video per schifosa con danno di immagine.
        I driver nVidia ormai si installano con avanti
        avanti avanti fine come su Windows, e non sono
        dipendenti dalla
        distribuzione.ma nvidia fattura miliardi di dollari. Chiedilo alla pizza e fichi modem.
        ???

        TADSDK
        • TADsince1995 scrive:
          Re: il driver è un prodotto importante

          Non è che forse i driver hanno codice per
          ottimizzare le prestazioni? Codice che è meglio
          non far vedere ad ATI per quanto
          possibile?Perdonami, ma continuo a non seguirti. Ati e Nvidia fanno schede video con architetture e interfacce diverse, quindi il driver software che deve offrire al SO l'interfacciamento è legato indissolubilmente all'hardware che deve pilotare. Non vedo quali vantaggi potrebbe ottenere ATI nel guardare il codice per pilotare una scheda nVidia, completamente diversa... Se parli di ottimizzazione in senso generale quello è un altro discorso, ma lì sta alla qualità dei loro programmatori.....
          per farlo uscire, non per per farlo bene. Un
          driver schifoso sotto linux farebbe passare una
          scheda video per schifosa con danno di
          immagine.Appunto, che li facciano loro direttamente per non rischiare, tanto qualcuno che fa reverse engineering e accrocchia un minimo di hardware c'è sempre.
          ma nvidia fattura miliardi di dollari. Chiedilo
          alla pizza e fichi
          modem.La pizze e fichi modem non li deve scrivere i driver per Windows? E poi spesso veri modelli di modem, webcam e aggeggi simili condividono gli stessi chipset, quindi il lavoro da fare è sicuramente inferiore...TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: il driver è un prodotto importante
            hai una visione un pò limitata di quello che fanno i driver per certi prodotti.Prendi le schede video.Nei driver si trova il codice per eseguire delle procedure DirectX. Queste procedure usano la scheda ma non è che la scheda fa tutto da sola. Ipotizza che nvidia trova un miglioramento per la gestione della visibilità dei triangoli. Il calcolo migliora le performance e quindi viene inserito nei driver, non sulla scheda. Prendi questa ipotesi e trasformala in realtà, perchè questo già avviene. Nei driver c'è tanto codice di appoggio alle directX e alle openGL. DirectX chiede, il driver usa la scheda per dare ma comunque passa per il driver che esegue codice. Quello che dici te è la modalità limitata, quella che usa windows quando non trova i driver.Altrimenti, ripeto, non sarebbe possibile migliorare le performance dei giochi cambiando i driver
    • Anonimo scrive:
      Re: il driver è un prodotto importante
      - Scritto da:
      basti vedere come migliorano le prestazioni di
      una scheda video con driver aggiornati.

      Dare il codice significa mettere gli avversari
      nella condizione di poter scrivere driver buoni
      quanto i
      propri.Penso che un driver sia troppo legato all'hardware perchè questo sia un rischio... comunque potrebbe essere.
      Quindi non daranno mai le specifiche.
      Per il fatto che non rilascino driver dipende
      semplicemente da due
      fattori.
      1)l'impossibilità di garantire che tale driver
      funzioni con tutte le distro. Sono troppe e
      benchè si dica che non importa la distro si può
      facilmente vedere come da distribuzione a
      distribuzione cambi il
      riconoscimento.Questo invece è del tutto sbagliato: il driver non dipende dalla distribuzione, visto che si interfaccia al kernel, che rimane lo stesso.
      2)la scarsità di supporto agli sviluppatori.Questa non l'ho capita...
      • Anonimo scrive:
        Re: il driver è un prodotto importante

        Penso che un driver sia troppo legato
        all'hardware perchè questo sia un rischio...
        comunque potrebbe
        essere.pensi male. Se pensi che di recente nvidia ha aggiunto una funzionalità grafica completamente inedita (non ricordo il nome e non mi va di tornare sul sito nvidia, quindi cercatevela voi).
        Questo invece è del tutto sbagliato: il driver
        non dipende dalla distribuzione, visto che si
        interfaccia al kernel, che rimane lo
        stesso.peccato che ho provato varie distro in un periodo di tempo ed ho trovato situazioni diverse.
        Questa non l'ho capita...tool, SDK, documentazione
        • Anonimo scrive:
          Re: il driver è un prodotto importante

          peccato che ho provato varie distro in un periodo
          di tempo ed ho trovato situazioni
          diverse.questo perche' alcune distro scarse hanno i loro kernel compilati male.


          Questa non l'ho capita...
          tool, SDK, documentazioneHAHAHAHAHAHAHA...
      • Anonimo scrive:
        Re: il driver è un prodotto importante

        Questo invece è del tutto sbagliato: il driver
        non dipende dalla distribuzione, visto che si
        interfaccia al kernel, che rimane lo
        stesso.Stai scherzando? I kernel sono compilati con opzioni diverse per ciascuna distro, per non parlare delle ricompilazioni casalinghe o di gentoo. Se decido di installarmi gentoo, compilo il kernel con tutti i driver statici e non includo il supporto per i moduli non c'e' verso di installare niente. Che fai? Chiami il supporto di nvidia?
    • Anonimo scrive:
      Re: il driver è un prodotto importante
      Non dare il codice (cosa se ne farebbe linux dei sorgenti dei driver per windows basati e ottimizzati per le direct x ?) bensì le specifiche; c'è solo un piccolo problema: dalle specifiche è possibile risalire a fondo alle tecnologie utilizzate e in questo clima di brevetti del piffero nessuna vuole rischiare.
      • Enzo4510 scrive:
        Re: il driver è un prodotto importante
        - Scritto da:
        Non dare il codice (cosa se ne farebbe linux dei
        sorgenti dei driver per windows basati e
        ottimizzati per le direct x ?) bensì le
        specifiche; c'è solo un piccolo problema: dalle
        specifiche è possibile risalire a fondo alle
        tecnologie utilizzate e in questo clima di
        brevetti del piffero nessuna vuole
        rischiare.Ma basta dare le specifiche di interfaccia, mica devono dare tutto il progetto della scheda.Per fare un driver basta sapere cose come: per attivare la funzione X scrivere il tal byte all' indirizzo y. Non si rivela niente di come è fatta la scheda
    • Anonimo scrive:
      Re: il driver è un prodotto importante

      1)l'impossibilità di garantire che tale driver
      funzioni con tutte le distro. Sono troppe e
      benchè si dica che non importa la distro si può
      facilmente vedere come da distribuzione a
      distribuzione cambi il
      riconoscimento.non sono d'accordo. Da distro a distro puo' cambiare la facilita' con cui l'hardware viene riconosciuto, non la riconoscibilita'... a meno che una specifica distro ha il kernel compilato di m****a (vedi ubuntu che non riconosceva i SATA).
      2)la scarsità di supporto agli sviluppatori.non l'ho capita...
    • Anonimo scrive:
      Re: il driver è un prodotto importante
      E' ovvio! Se io ACQUISTO una scheda grafica ho diritto di usarla dove cavolo mi pare e quindi devo essere messo nelle condizioni adeguate per praticare questo mio diritto! E' UN DIRITTO. Dovrebbero fare una legge europea che OBBLIGHI i produttori a rilasciare le specifiche dei propri driver. Perchè non devo usare appieno il prodotto che ho acquistato con qualsiasi sistema operativo desideri? Perchè devo essere castrato e obbligato? La maggior parte delle scelte teniche risiede nell'hardware e non nel software corredato alla scheda grafica. Scrivere un buon driver significa ottimizzare l'uso di un prodotto, ed è un diritto dell'acquirente averlo a disposizione.La nVidia già lo fà e ogni pinguino che si rispetti quando deve scegliere tra ATI e nVidia punta a occhi chiusi sulla seconda. Non mi pare porti grandi svantaggi, anzi.
      • MeX scrive:
        Re: il driver è un prodotto importante
        - Scritto da:
        E' ovvio! Se io ACQUISTO una scheda grafica ho
        diritto di usarla dove cavolo mi pare e quindi
        devo essere messo nelle condizioni adeguate per
        praticare questo mio diritto! E' UN DIRITTO.
        Dovrebbero fare una legge europea che OBBLIGHI i
        produttori a rilasciare le specifiche dei propri
        driver. Perchè non devo usare appieno il prodotto
        che ho acquistato con qualsiasi sistema operativo
        desideri? Perchè devo essere castrato e
        obbligato? La maggior parte delle scelte teniche
        risiede nell'hardware e non nel software
        corredato alla scheda grafica. Scrivere un buon
        driver significa ottimizzare l'uso di un
        prodotto, ed è un diritto dell'acquirente averlo
        a
        disposizione.
        La nVidia già lo fà e ogni pinguino che si
        rispetti quando deve scegliere tra ATI e nVidia
        punta a occhi chiusi sulla seconda. Non mi pare
        porti grandi svantaggi,
        anzi.se compri una TV da mediaworld è tuo diritto usarla a casa tua, se però è troppo grossa e non passa dalla porta di casa... che fai? denunci mediaworld? o la sony che non ha tenuto conto di quanto grossa è la tua porta di ingresso?
        • Anonimo scrive:
          Re: il driver è un prodotto importante
          Ti pare un paragone sensato? a me no.
          • MeX scrive:
            Re: il driver è un prodotto importante
            - Scritto da:
            Ti pare un paragone sensato? a me no.ti ringrazio, ma viste le argomantazioni che porti a sostegno della tua idea... non mi hai convinto affatto :)
  • Anonimo scrive:
    Firmato.
    E aggiungo: Nvidia e Ati dei miei co****ni, ma lo capite che conviene anche a voi liberare i driver?
    • Anonimo scrive:
      Re: Firmato.
      - Scritto da:
      E aggiungo: Nvidia e Ati dei miei co****ni, ma lo
      capite che conviene anche a voi liberare i
      driver?si, così l'altra si trova il codice bello e pronto da cui prendere spunto.considerare il fatto che ATI ed NVidia paghino centinaia di ingegneri per fare ricerca no eh?
      • riddler scrive:
        Re: Firmato.
        Meglio pagare centinaia di ingegneri per scrivere codice chiuso o avere centinaia di migliaia di potenziali sviluppatori interessati ai tuoi driver aperti in quanto utenti del tuo hardware?
      • Anonimo scrive:
        Re: Firmato.
        Forse non avete capito una cosa .... il driver e' intrinsecamente legato all'hardware, quindi anche dare i sorgenti quando sono elettroniche completamente differenti, non darebbe grandi vantaggi ai concorrenti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Firmato.
          - Scritto da:
          Forse non avete capito una cosa .... il driver e'
          intrinsecamente legato all'hardware, quindi anche
          dare i sorgenti quando sono elettroniche
          completamente differenti, non darebbe grandi
          vantaggi ai
          concorrenti.beate creaturelasciamo perdere va
          • Anonimo scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Forse non avete capito una cosa .... il driver
            e'

            intrinsecamente legato all'hardware, quindi
            anche

            dare i sorgenti quando sono elettroniche

            completamente differenti, non darebbe grandi

            vantaggi ai

            concorrenti.

            beate creature
            lasciamo perdere vaDai dai... condividi con noi la tua vasta conoscenza..
          • Anonimo scrive:
            Re: Firmato.
            Mai sentito parlare di algoritmi ? Cioè quelle funzioni matematiche che accelerano un programma? Spesso "gli" algoritmi" valgono più dell'hardware ... e adesso che qualcuno "ha condiviso con te" ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da:
            Mai sentito parlare di algoritmi ? Cioè quelle
            funzioni matematiche che accelerano un programma?
            Spesso "gli" algoritmi" valgono più dell'hardware
            ... e adesso che qualcuno "ha condiviso con te"
            ?Se gli algoritmi fossero brevettabili il sorgente potrebbe essere aperto e difendibile in sede legale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Firmato.

            Se gli algoritmi fossero brevettabili il sorgente
            potrebbe essere aperto e difendibile in sede
            legale.Non servono i brevetti per difendere il sorgente in sede legale: basta il diritto d'autore, che già c'è. Quando pubblichi codice sotto una licenza libera, ad esempio la GPL, non rinunci al diritto d'autore, ma lo eserciti in una forma diversa (riutilizzo, copia, ridistribuzione a terzi ecc.). Se qualcuno non dovesse rispettare le condizioni della licenza con cui hai pubblicato il codice, ad esempio usa il tuo codice in un programma non libero, allora puoi rivalerti legalmente e la cosa è molto più facile per te perché il tuo codice è sempre stato pubblico.
          • MeDevil scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da:
            Mai sentito parlare di algoritmi ? Cioè quelle
            funzioni matematiche che accelerano un programma?
            Spesso "gli" algoritmi" valgono più dell'hardware
            ... e adesso che qualcuno "ha condiviso con te"
            ?1. Gli algoritmi non sono funzioni matematiche...2. Perché allora windows ha un kernel che funziona così da cani quando potrebbe prendere spunto dagli ottimi sorgenti del *bsd? o perché non basa il suo file system su uno di quelli col journaled come reiserfs, xfs & co?Il punto è che non si vogliono dare le specifiche x un semplice fatto di "non ho tempo" o "non ho le risorse"... Xkè le vere idee innovative, si copiano (vedi i "dual core" che adesso stanno sia su intel che su amd...)Saluti, MeDevil
          • Anonimo scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da: MeDevil

            1. Gli algoritmi non sono funzioni matematiche...
            2. Perché allora windows ha un kernel che
            funziona così da cani quando potrebbe prendere
            spunto dagli ottimi sorgenti del *bsd? o perché
            non basa il suo file system su uno di quelli col
            journaled come reiserfs, xfs &
            co?

            Il punto è che non si vogliono dare le specifiche
            x un semplice fatto di "non ho tempo" o "non ho
            le risorse"... Xkè le vere idee innovative, si
            copiano (vedi i "dual core" che adesso stanno sia
            su intel che su
            amd...)

            Saluti, MeDevilbeh in effetti "l'amico degli algoritmi" ha dimenticato che nel campo industriale "prendere spunto" è cosa di tutti i giorni.....per quanto riguarda linux non è un problema di nascondere gli algoritmi, ma è la non volontà di produrre dei driver.....adesso lasciando da parte il fatto che i driver ATI e NVidia sono closed-source, però queste due aziende hanno preso sul serio il nuovo OS, cosa che invece molte altre aziende non hanno fatto....inoltre bisogna tener conto che moltissime aziende del settore sono piccole realtà che non hanno il know-how necessario per sviluppare per linux......chissà perchè molte azienducole non portano i loro software sotto linux, mentre Adobe la fa senza problemi con flash player, reader e altri.....le grandi realtà possono permettersi di guardare avanti e scrutare il futuro, le piccole, invece, pensano a come sfornare prodotti in tempi brevi, a costi ridotti e soprattuto prodotti che si venderanno in milioni di copie e porteranno fatturati importanti....tutto ciò nel mondo linux non è ancora accaduto ( tranne che per colossi come IBM )
          • Enzo4510 scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da:
            Mai sentito parlare di algoritmi ? Cioè quelle
            funzioni matematiche che accelerano un programma?
            Spesso "gli" algoritmi" valgono più dell'hardware
            ... e adesso che qualcuno "ha condiviso con te"
            ?Scusa ma che quali algoritmi sofisticati ci devono stare in un driver? Il driver è una semplice interfaccia....Spiegatemi bene, perchè anche per me è sempre stato un mistero il perchè le aziende non aprano il sorgente dei driver. Me lo sono spiegato sempre come adesione ideologica al principio della proprietà intellettuale....
          • Anonimo scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da:
            Mai sentito parlare di algoritmi ? Cioè quelle
            funzioni matematiche che accelerano un programma?
            Spesso "gli" algoritmi" valgono più dell'hardware
            ... e adesso che qualcuno "ha condiviso con te"
            ?meno male che in EU gli algoritmi non sono (ancora, per poco?) brevettabili.Una volta gli "algoritmi" erano i teoremi su cui molti di noi abbiamo studiato a scuola sui libri... Ora siamo costretti a dovere pagare per saperne qualcosa di piu?HACK THE WORLD
          • pentolino scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da:
            Mai sentito parlare di algoritmi ? Cioè quelle
            funzioni matematiche che accelerano un programma?Eh? E questa dove l' hai trovata? Sulle patatine reclamizzate da Rocco?http://it.wikipedia.org/wiki/AlgoritmoInsomma ognuno può dire le ca...te che vuole però questa era grossa...
          • Anonimo scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da:
            Mai sentito parlare di algoritmi ? Cioè quelle
            funzioni matematiche che accelerano un programma?
            Spesso "gli" algoritmi" valgono più dell'hardware
            ... e adesso che qualcuno "ha condiviso con te"
            ?non è il caso di alcuni tipi di hardware accelerati come le schede grafiche, però in generale è così.....
        • avvelenato scrive:
          Re: Firmato.
          - Scritto da:
          Forse non avete capito una cosa .... il driver e'
          intrinsecamente legato all'hardware, quindi anche
          dare i sorgenti quando sono elettroniche
          completamente differenti, non darebbe grandi
          vantaggi ai
          concorrenti.Guarda, hai detto tu stesso tutto ciò che c'era da dire quando hai affermato che "il driver e' intrinsecamente legato all'hardware" , se non lo capisci rileggi la frase 10 volte, se non capisci ancora sei senza speranza.
          • Enzo4510 scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da: avvelenato

            Guarda, hai detto tu stesso tutto ciò che c'era
            da dire quando hai affermato che "il driver e'
            intrinsecamente legato all'hardware" , se non
            lo capisci rileggi la frase 10 volte, se non
            capisci ancora sei senza
            speranza.veramente non avrei capito nemmeno io... e non mi ritengo proprio scemo :-)Cioè vuoi dire che dal sorgente del driver un' azienda concorrente potrebbe capire qualcosa di come è fatto l' hardware e copiarlo?Mi pare una boiata pazzesca....
          • Anonimo scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da: Enzo4510

            - Scritto da: avvelenato



            Guarda, hai detto tu stesso tutto ciò che c'era

            da dire quando hai affermato che "il driver
            e'

            intrinsecamente legato all'hardware" , se non

            lo capisci rileggi la frase 10 volte, se non

            capisci ancora sei senza

            speranza.

            veramente non avrei capito nemmeno io... e non mi
            ritengo proprio scemo
            :-)
            Cioè vuoi dire che dal sorgente del driver un'
            azienda concorrente potrebbe capire qualcosa di
            come è fatto l' hardware e
            copiarlo?
            Mi pare una boiata pazzesca....confermoTra l'altro un conto e' fare il "chipmaker" un altro e' prendere dei chip e farci una scheda video.
          • Anonimo scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da:

            - Scritto da: Enzo4510



            - Scritto da: avvelenato





            Guarda, hai detto tu stesso tutto ciò che
            c'era


            da dire quando hai affermato che "il driver

            e'


            intrinsecamente legato all'hardware" , se
            non


            lo capisci rileggi la frase 10 volte, se non


            capisci ancora sei senza


            speranza.



            veramente non avrei capito nemmeno io... e non
            mi

            ritengo proprio scemo

            :-)

            Cioè vuoi dire che dal sorgente del driver un'

            azienda concorrente potrebbe capire qualcosa di

            come è fatto l' hardware e

            copiarlo?

            Mi pare una boiata pazzesca....

            confermo
            Tra l'altro un conto e' fare il "chipmaker" un
            altro e' prendere dei chip e farci una scheda
            video.Nei driver ci possono essere decine di ottimizzazioni legate ad algoritmi differenti. Basta solo vedere la differenza tra l'antialiasing ati e quello nvidia per accorgersene.Dire "liberate i driver" così, non ha senso, certo, farebbe piacere, liberate invece le vostre case! Chissà perché sono tutti comunisti con la proprietà degli altri!
          • Enzo4510 scrive:
            Re: Firmato.
            - Scritto da:

            Nei driver ci possono essere decine di
            ottimizzazioni legate ad algoritmi differenti.
            Basta solo vedere la differenza tra
            l'antialiasing ati e quello nvidia per
            accorgersene.Scusa ma l' antialising non lo fa la scheda? Ma allora che vendono hardware o software questi qua?E comunque nessuno vuole l' algoritmo del loro sofisticatissimo antialiasing software... ci basterebbe che ci spiegassero come si fa a parlare con la scheda... poi altro che antialiasing gli facciamo fare....
        • Anonimo scrive:
          Re: Firmato.
          Forse non hai capito tu che è proprio per questo motivo che si guardano bene dal farlo dato che rivelerebbero, anche se indirettamente, le soluzioni elettroniche utilizzate frutto magari di anni di R&D...
      • Anonimo scrive:
        Re: Firmato.
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        E aggiungo: Nvidia e Ati dei miei co****ni, ma
        lo

        capite che conviene anche a voi liberare i

        driver?
        si, così l'altra si trova il codice bello e
        pronto da cui prendere
        spunto.
        considerare il fatto che ATI ed NVidia paghino
        centinaia di ingegneri per fare ricerca no
        eh?la differenza tra me e un'azienda non sta solo nella capacita di produrre sw piu rapidamente in termini di anni-uomo (il sw lo posso scrivere pure io... con un po di tempo in piu), ma sopratutto nella capacita di produrre hw su larga scala (io mica faccio l'artigiano e fabbrico schede).Secondo me l'idea di sw chiusi a corredo di hw vale solo (e in parte) nel caso tale hw sia un sistema di protezione...
Chiudi i commenti