P2P, MPAA avvia la crociata asiatica

Il P2P non passerà, neppure in Asia, neppure nei paesi a più alto tasso di pirateria

Roma – Gli studios di Hollywood hanno intenzione di fare terra bruciata attorno ai pirati asiatici o, almeno, di provarci: dopo le iniziative contro i siti della diffusione illegale di film, il braccio internazionale dell’associazione degli studios, MPA, si lancia ora contro Xunlei , uno dei più popolari servizi di file sharing utilizzato in Cina. I grandi del cinema hanno infatti deciso di denunciare la “Shenzhen Xunlei Networking Technology Co Ltd”, società che sviluppa il client usato da milioni di utenti.

Ne dà notizia Zeropaid , che ha anche raccolto le dichiarazioni del dirigente per l’Asia-Pacifico di MPA, Frank Rittman, secondo cui “queste azioni dimostrano che i detentori dei diritti possono difendere, e lo faranno con vigore, la proprietà intellettuale, utilizzando ogni mezzo legale, compreso trascinare in tribunale i responsabili. La pirateria via P2P è un problema enorme in Cina che, se non viene affrontato, minaccerà lo sviluppo dei servizi online legali supportati dai detentori dei diritti”.

MPAA, che in Asia con il suo braccio internazionale MPA ha messo in atto le più diverse iniziative antipirata, aveva già messo in guardia Pechino sulla necessità di abbattare la pirateria prima dei Giochi Olimpici, previsti per la prossima estate proprio in Cina.

Per ora la società cinese colpita dalla denuncia non ha rilasciato commenti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fsdfs scrive:
    fsfs
    [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-datejust-c-2]Rolex DateJust watches[/url], Rolex DateJust watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-day-date-c-3]Rolex Day Date watches[/url], Rolex Day Date watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-daytona-c-4]olex Daytona watches[/url], Rolex Daytona watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-explorer-c-5]Rolex Explorer watches[/url], Rolex Explorer watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-gmt-c-6]Rolex GMT watches[/url], Rolex GMT watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-masterpiece-c-7]Rolex Masterpiece watches[/url], Rolex Masterpiece watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-milgauss-c-8]Rolex Milgauss watches[/url], Rolex Milgauss watches
  • The_GEZ scrive:
    Ma ha valore ?
    Ciao a Tutti !!!Mi sorge una domanda ... ma questa "promessa" che valore ha ?Mi spiego a me viene in mente di scrivere un poderoso programma che carica e salva in formato .DOCTra qualche anno anno MS mi arriva in casa con i suoi avvocati che mi vogliono trascinare in tribunale per farsi risarcire di 5.000.000.000.000.000.000 di dollari per danni che il mio software SuperNotepad ha arrecato alla Microsoft.A quel punto come posso posso "impugnare" la "promessa" si MS per evitare la causa ?Detto in soldoni questa promessa ha qualche valore legale oppure vuole solo dire che semplicemente MS si asterrà dall' intraprendere azioni legali contro chicchessia e se poi non lo dovesse fare ?
    • dorylinux scrive:
      Re: Ma ha valore ?
      ...infatti! ....e nel dubbio si lascia perdere.... punto!
    • Uffa scrive:
      Re: Ma ha valore ?
      Questa promessa ha valore legale!
    • Mr.Mechano scrive:
      Re: Ma ha valore ?
      Ha solo valore come ritorno di marketing per M$.Queste operazioni sono molto simili al ritorno in TV insieme ai bambini di quel signore del pollo 10 e lode dopo essere stato beccato a fare ciclo chiuso e dare ai suoi polli farine animali dei propri scarti di macellazione.Cioè un pollo nel mangine si trovava farine coi resti dei suoi nonni e prozii...Ecco Micro$oft cerca di lavarsi un po' la coscienza e far credere che le licenze open le ha inventate lei.La ciliegina sarebbe chiamare il successore di Vista, Open Windows.Ormai la parola Open è parecchio di moda, ed è abusata come il "gratis per sempre" degli operatori TLC.
      • dorylinux scrive:
        Re: Ma ha valore ?
        ...ben detto @^...ti quoto in pieno ed aggiungo che non c' è un reale motivo o vantaggio a dar bada, ancora una volta, al nostro amico....che continui a fare i suo programmini come vuole......se vuole implementarli con i formati open già esistenti
        BENE! NON PUO' CHE FARCI PIACERE.... non vuole
        affari suoi e di chi gli da bada / fama / e $oldi.(linux)
  • Banana Joe scrive:
    il sacrificio della torre
    Per salvare il re, ovvero le specifiche ooxml che rimandando a formati precedenti erano improponibili anche di fronte ad un ISO pesantemente infiltrato.
    • AMEN scrive:
      Re: il sacrificio della torre
      - Scritto da: Banana Joe
      di fronte ad un ISO pesantemente infiltrato.Le prove, come al solitoLe prove
  • freeeak scrive:
    promesse da marinaio
    un azienda quotata in borsa deve fare contento i suoi azionisti non gli sviluppatori, io sinceramente non mi fido.
    • dorylinux scrive:
      Re: promesse da marinaio
      - Scritto da: freeeak
      un azienda quotata in borsa deve fare contento i
      suoi azionisti non gli sviluppatori, io
      sinceramente non mi
      fido....infatti nessuno di noi si fida ;-)...stiamo solo ridendo in compagnia dell' ennesima patetica buffonata... del nostro amico quello che alla mattina quando si sveglia ad occhio dice "il-mondo-è-mmmiooo!-il-mondo-è-mmmiooo!"..... non ha capito (ma lo stà scoprendo) che invece il mondo è di tutti e se vuole giocare sul "cortile" è uno come tutti gli altri...Bill! benvenuto tra i maschietti!ps: papà e mamma non possono più fare molto per te.... te la devi cavare da SOLO...
      • AMEN scrive:
        Re: promesse da marinaio
        - Scritto da: dorylinux
        ps: papà e mamma non possono più fare molto per
        te.... te la devi cavare da SOLO...Per uno che, volenti o nolenti, ha creato un impero ed è uno degli uomini più ricchi del mondo, credo che da solo se la sia svangata abbastanza...
        • dorylinux scrive:
          Re: promesse da marinaio
          ...infatti (!) se l' è svangata proprio perchè era solo (rotfl)...ma da un pezzo NON è più così........ O)
  • Prisco Mazzi scrive:
    In parole povere...
    ...la magnanima microsoft dice che si è liberi di fare reverse engineering dei formati binari.Grazie.
    • fabioamd87 scrive:
      Re: In parole povere...
      quoto.E quello che ho dedotto anche io.non hanno rilasciato un bel niente...
      • Pippo Pluto scrive:
        Re: In parole povere...
        Sono qui, dal 15 Febbraio: http://www.microsoft.com/interop/docs/OfficeBinaryFormats.mspxè più facile sparare cazzate che parlare con cognizione di causa. Nessuna necessità di fare reverse engineering.
  • Silvione scrive:
    C'e' il trucco
    Tralasciando i commenti sugli ovvii motivi che hanno portato alla creazione di una specifica lunga migliaia di pagine, c'e' gia' chi ha capito che qualcosa non va: il linguaggio usato nella OSP e' ambiguo e puo' nascondere delle trappole legali difficili da individuare.http://www.zdnetasia.com/news/software/0,39044164,62037862,00.htmMicrosoft ha conquistato la sua posizione dominante grazie soprattutto al lock-in con cui ha costretto il pubblico a continuare a comprare i suoi prodotti per essere compatibile con altra gente precedentemente costretta a comprare prodotti Microsoft. Per questo non mettera' *mai* sviluppatori di terze parti nelle condizioni di poter concorrere facilmente all'implementazione di software alternativi.
  • pentolino scrive:
    Vedremo...
    Se davvero ci sarà la possibilità in futuro di implementare il supporto a tali formati senza reverse engineering l' utente non potrà che beneficiarne; un po' come quando si erano lasciati scappare che i font MS potessero essere distribuiti ed usati al di fuori di win: poi hanno cambiato idea ma ormai i buoi sono scappati dal recinto ed a portata di apt-get! :-D
  • lrmoa80 scrive:
    La promessa per quanto dura?
    A mio avviso è facile che la ms, se riuscirà a far diventare standard la sua sottomarca di ODF, nessuno gli potrà impedire di rompere la promessa.
  • fabioamd87 scrive:
    binari? sorgenti!!!!
    i formati DEVONO essere liberi!devono farci una legge!!tu ti fai il tuo bel programma proprietario, al prezzo che vuoi tu, anche 1000 chissene fotte, però devi permettere alternative! il formato deve essere interoperabile con le alternative!
    • Blackstorm scrive:
      Re: binari? sorgenti!!!!
      - Scritto da: fabioamd87
      i formati DEVONO essere liberi!
      devono farci una legge!!

      tu ti fai il tuo bel programma proprietario, al
      prezzo che vuoi tu, anche 1000 chissene fotte,
      però devi permettere alternative! il formato deve
      essere interoperabile con le
      alternative!Forse ti è sfuggito, ma le specifiche dei formati sono aperte. Mancavano le specifiche dei binari.
      • markit scrive:
        Re: binari? sorgenti!!!!
        forse non sai che stai dicendo....Le specifiche dei formati NON sono mai state rilasciate, nessuno le sa, forse nemmeno M$, visto l'accozzaglia di dati che vengono scritti in quei file. Chi li legge lo fa solo tramite "reverse engeniering", ma essendo formati estremamente oscuri, è un lavoro assai arduo.La novità, apparente e probabilmente finalizzata solo a favorire l'approvazione del nuovo formato binario-chiuso, paradossalmente noto come OpenXML (alla M$ non manca l'ironia), all'ISO, o quel che rimane dell'ISO dopo l'assalto di M$ e dei suoi scagnozzi.
        • Pippo Pluto scrive:
          Re: binari? sorgenti!!!!
          Bill perdona loro che non sanno quello che dicono:http://blogs.ugidotnet.org/raffaele/archive/2008/01/31/90948.aspxNotare che le specifiche fossero disponibili in formato cartaceo a chi lo volesse sin dal 1989. Ma parlare di quello che non si sa è più facile che spendere cinque minuti per sparare la cazzata del secolo.La novità è che dal 15 Febbraio 2008 non è più necessario chiedere il permesso a Microsoft per iscritto per implementarle.Vabbé perdo tempo nell'illusione che qualcuno possa imparare a leggere e informarsi prima di sbraitare.
          • Exo scrive:
            Re: binari? sorgenti!!!!
            - Scritto da: Pippo Pluto
            Bill perdona loro che non sanno quello che dicono:
            http://blogs.ugidotnet.org/raffaele/archive/2008/0

            Notare che le specifiche fossero disponibili in
            formato cartaceo a chi lo volesse sin dal 1989.
            Ma parlare di quello che non si sa è più facile
            che spendere cinque minuti per sparare la cazzata
            del
            secolo.
            La novità è che dal 15 Febbraio 2008 non è più
            necessario chiedere il permesso a Microsoft per
            iscritto per
            implementarle.
            Vabbé perdo tempo nell'illusione che qualcuno
            possa imparare a leggere e informarsi prima di
            sbraitare.il punto e' che non potevano essere divulgate; cioe' era impossibile implementarle in un software libero/open source
          • Exo scrive:
            Re: binari? sorgenti!!!!
            - Scritto da: Exo
            [...]

            il punto e' che non potevano essere divulgate;
            cioe' era impossibile implementarle in un
            software libero/open
            sourceun po' quello che succede per il formato flash; le specifiche sono aperte ma poi la prima cosa che si legge e' che non e' possibile realizzare dei player seguendo quelle specifiche
          • Pippo Pluto scrive:
            Re: binari? sorgenti!!!!
            Devo dedurre che i filtri di importazione di openoffice sono illegali?
          • ciliani scrive:
            Re: binari? sorgenti!!!!

            Notare che le specifiche fossero disponibili in
            formato cartaceo a chi lo volesse sin dal 1989.Non e' vero. Nelle specifiche RTF mancano parecchi dettagli di come si definiscono le immagini vettoriali, che sarebbero descritti in un documento aggiuntivo da richiedere a Microsoft a parte (non e' disponibile su internet).Io ho provato a chiederlo, e loro mi hanno cominciato a fare domande sempre piu' specifiche su chi fossi e perche' avessi bisogno di quel documento. Alla terza email di richiesta di nuove informazioni in aggiunta a quelle gia' date nella email precedente, vedendo che la cosa stava diventando una pagliacciata (ed aspettandomi una quarta email con domande sulle mie abitudini sessuali e/o fedi religiose e/o malattie subite e/o problemi giudiziari) gli ho risposto che se erano informazioni cosi' top secret facevo prima a ricavarmele con un reverse engineering, cosa che poi ho fatto.
    • Banana Joe scrive:
      Re: binari? sorgenti!!!!
      Non condivido, non vedo a che titolo obbligare la gente a rilasciare sorgenti. A me basta che finisca, o meglio che non inizi il fascismo dei brevetti software pure qui, e che sia legittimo tentare il reverse engineering al fine di garantire interoperabilità. Sia per i formati dei documenti che per i protocolli di comunicazione tra periferiche.Il discorso del free software per me è di libertà, il tuo discorso è di costrizione.
    • aquen scrive:
      Re: binari? sorgenti!!!!
      - Scritto da: fabioamd87
      i formati DEVONO essere liberi!
      devono farci una legge!!il comunismo è finitomi dispiace, ma non è più lo stato a decidere per tutti, oggi siamo liberi, liberi di dare agli altri i segreti personali e industrialise i segreti non ti piacciono, allora lascia perdere microsoft, ci sono diverse alternative

      tu ti fai il tuo bel programma proprietario, al
      prezzo che vuoi tu, anche 1000 chissene fotte,
      però devi permettere alternative! il formato deve
      essere interoperabile con le
      alternative!non è mica un formato scritto nella bibbia...nessuno obbliga nessuno a usare i formati microsoft
      • fabioamd87 scrive:
        Re: binari? sorgenti!!!!
        io ho lasciato perdere microsoft. da circa 2 anniperò non posso negare che l'interoperabilità con i loro documenti office non è ottima, e non posso obbligare gli enti ad usare altri formati.
        • Alessandro Sanna scrive:
          Re: binari? sorgenti!!!!
          - Scritto da: fabioamd87
          io ho lasciato perdere microsoft. da circa 2 anni
          però non posso negare che l'interoperabilità con
          i loro documenti office non è ottima, e non posso
          obbligare gli enti ad usare altri
          formati.Gli enti dovrebbero essere obbligati ad utilizzare formati non proprietari. Non sta scritto da nessuna parte che per poter leggere o stampare un modulo o una circolare che mi servono io debba possedere una licenza di Office oppure craccarlo che è un reato. Gli enti e le pubbliche amministrazioni dovrebbero essere obbligate per legge ad utilizzare formati che garantiscono interoperabilità e trasportabilità a costo 0 per l'utente.
  • Dan Arcy Menon scrive:
    sniff sniff
    ...non sentite anche voi?è l'odore della paura ;)
Chiudi i commenti