P2P, non c'è pace neppure tra i geyser

Sharer inquisiti anche in Islanda. Nove condivisori dovranno pagare 26mila euro di danni. Condividevano film via DC++

Roma – No, in Islanda non si può (più) impunemente condividere film sul circuito DC++ , altrimenti la Corte Distrettuale di Reykjavík prende seri provvedimenti, come è accaduto alle nove persone che l’hanno appena sperimentato sulla propria pelle.

Al gruppetto di sharer è toccata una quantificazione di danni piuttosto salata: circa 26 mila euro . Otto di loro beneficeranno di due anni di libertà vigilata e l’arresto sarà loro risparmiato ma in cambio dovranno dimostrare di “essersi pentiti”. Il nono se l’è cavata con 30 giorni di sospensiva grazie – pare – ad un formidabile avvocato.

Ma Snaebjörn Steingrímsson, presidente dell’associazione locale dei titolari dei diritti sul cinema, ha espresso disappunto per la scarsa incisività dei provvedimenti, ricordando che a settembre del 2004 un’operazione ha condotto alla confisca di computer e CD e che, nella circostanza, una delle persone sospettate disponeva di 2,5 Terabyte di materiale illegale.

C’è chi attribuisce alla latitanza di alternative legali la ragione generale di tanta pirateria: “i siti legali non hanno la stessa scelta di quelli illegali”, si giustifica TorrentFreak , le cui considerazioni prendono spunto da questo articolato studio di Entertainment Media Research .

Ma le contraddizioni non mancano: mentre i principali organi mondiali di tutela – primo fra tutti la MPAA statunitense – gridano al “disastro pirateria”, in realtà nel 2007 almeno negli States i produttori di cinema hanno goduto di un boom commerciale .

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Joliet Jake scrive:
    Odorama
    E' stato un fallimento fin dagli anni 60...
  • X333 scrive:
    Sintetizzatore olfattivo
    "Ma non basta: a differenza di altri tentativi di modernizzare il fitness, l'allenamento è condito con stimoli visivi, olfattivi e con un dosaggio automatico di ossigeno ed essenze che, sapientemente miscelati, permettono di vivere - secondo l'Istituto tedesco - sensazioni estremamente realistiche."Cosa dosa automaticamente l'ossigeno e le essenze?un sintetizzatore olfattivo?Un dispositivo simile (non questo dell'articolo,in cui credo si debba riprodurre un solo contesto olfattivo preselezionato) dovrebbe evere a sua disposizione svariati elementi chimici conosciuti da miscelare in modo da ottenere (tramite reazioni e processi conosciuti) il contesto olfattivo richiesto,che e' variabile.Ipotizziamo un hack al dispositivo,che faccia in modo che esso sintetizzi non il prodotto richiesto,ma uno dannoso (sempre a partire dagli elementi disponibili) a seconda delle capacita' del dispositivo stesso,tipo ad esempio HCN volatile,che avveleni l'utente..
    • JattaMan scrive:
      Re: Sintetizzatore olfattivo
      Cosa ti fa pensare che sintetizzi il profumo creandolo veramente ?Io penso che sia piu verosimile una neurostimolazione...Alla fine il futurò sarà quello,Non ci sarà piu bisogno di trasduttori quando i dispositivi elettronici potranno comunicare direttamente col nostro cervello, e in teoria nemmeno di memorie di massa,Il dispositivo provvederà a stimolare la corretta parte del cervello al fine di memorizzare una sensazione e di richiamarla opportunamente quando desiderato.E lo spazio disponibile nel cervello è piu grande di qualsiasi sd-card, dvd, hd-dvd, o hardisk in circolazione
      • nemesi scrive:
        Re: Sintetizzatore olfattivo
        - Scritto da: JattaMan
        Cosa ti fa pensare che sintetizzi il profumo
        creandolo veramente
        ?perchè è il sistema più semplice?
        Io penso che sia piu verosimile una
        neurostimolazione...scrivere neursostimolazione e verosimile nella stessa frase è un errore sintattico.
        Alla fine il futurò sarà quello,futuro e sarà, non presente è
        Non ci sarà piu bisogno di trasduttori quando i
        dispositivi elettronici potranno comunicare
        direttamente col nostro cervello, e in teoria
        nemmeno di memorie di
        massa,al momento l'unico sistema noto per "comunicare" qualcosa direttamente al cervello è stimolare il sistema nervoso periferico, praticamente per farti "sentire" una sensazione tattile alla mano devono infilarti un elettrstimoaltore nel polso, siamo mooolto lontani ad interfacciare qualcosa con il sistema nervoso centrale
        Il dispositivo provvederà a stimolare la corretta
        parte del cervello al fine di memorizzare una
        sensazione e di richiamarla opportunamente quando
        desiderato.un ipotetico dispositivo che si interfacci con il sistema nercoso centrale dovrebbe solo stimolare, non "richiamare"
        E lo spazio disponibile nel cervello è piu grande
        di qualsiasi sd-card, dvd, hd-dvd, o hardisk in
        circolazioneNO, non c'è concetto di "spazio" in una rete neurale.se ti interessano queste cose e pure l'informatica ti consiglio di cercarti qualcosa sulle reti neurali.ti manca moltissimo a giudicare da cosa hai scritto
    • marco scrive:
      Re: Sintetizzatore olfattivo
      Non si usano una quantità infinita di elementi chimici, ma solo un ristrettissimo numero di odori base che possono poi dare alla persona la sensazione di un dato odore...esempio uova marce per putrefatto/guasto o simili oppure aceto per il pungente o lavanda per il floreale, comunque non sono molti di piùcomunque da quello che so nulla di letale ;)
  • mumble scrive:
    primo passo.....
    ....per la realizzazione del ponte ologrammi ???!!!
  • AntiTroll scrive:
    amenità
    che c a z z a t a !
  • Fiat 500 scrive:
    ..sportivi agorafobici..
    oddio....andate da uno psicologo, .. andate da uno psichiatra.. MA USCITE CAXXO!!!Questo piu' che progresso mi sembra un dispendioso metodo per farsi seghe mentali.
    • Funz scrive:
      Re: ..sportivi agorafobici..
      - Scritto da: Fiat 500
      oddio..

      ..andate da uno psicologo, .. andate da uno
      psichiatra..

      MA USCITE CAXXO!!!
      Pensa a chi vive in città, se esce di casa rischia i polmoni e i polpacci (e tutto il resto) se prova a farsi una corsetta.Ma da qui a spendere qualche decina di migliaia di ...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 marzo 2008 11.13-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti