Pace, Amore, Linux e... soda

Sì', migliaia di litri di acqua e soda serviti per ripulire San Francisco dai graffiti con cui IBM imbrattò mezza città e che ora le sono costati 100mila dollari di multa


San Francisco (USA) – Come molti ricorderanno, la scorsa primavera IBM tappezzò i marciapiedi e i muri di San Francisco con graffiti che riproducevano un simbolo della pace, un cuore ed un Pinguino, emblemi di quella campagna pubblicitaria pro Linux che recitava, con chiari riferimenti agli anni ’60 hippie, “Peace, Love & Linux”.

Una campagna senza dubbio originale, che vide IBM sguinzagliare per l’intera metropoli squadre di ragazzini muniti di spray e gessetti; ma che non tutti apprezzarono: fra questi, oltre a molti cittadini, anche il dipartimento dei lavori pubblici di San Francisco.

Il risultato è che oggi Big Blue si è vista recapitare dall’amministrazione locale una multa di 100.000 dollari più 20.000 dollari di acconto per le spese sostenute per la ripulitura di muri e pavimentazione da quei simboli che, nonostante le assicurazioni di IBM, resistettero tenacemente anche alle prime piogge.

“La pubblicità ha richiesto l’utilizzo di intensi getti di acqua e soda per essere lavata via”, ha testimoniato un sovrintendente ai lavori pubblici di San Francisco. “Molti di quei simboli, penetrati in profondità nel cemento, non potranno essere mai più rimossi”.

Fra multe e spese legali, in totale questo scherzetto è costato a IBM più di 150.000 dollari, circa 300 milioni di lire, a cui vanno aggiunte le parcella dell’azienda che ha ideato la campagna, la Ogilvy & Mather, e quelle dei “graffitari”. Big Blue sostiene che ne sia ampiamente valsa la pena, soprattutto perché, per la prima volta, il Pinguino è letteralmente “uscito per strada”. Chissà se ha gradito la soda in faccia.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti