Pakistan, messaggi con il bip

Monitorati gli SMS contenenti parole proibite: mille termini inglesi e 550 termini indiani fra i più vari. Da "lingua" a "fingerfood"

Roma – Il Pakistan monitorerebbe gli SMS privati inviati dai suoi cittadini attraverso l’autorità locale che vigila sulle telecomunicazioni (PTA) e proibirebbe apertamente l’utilizzo di alcune parole.

In attesa di conferma, nei tweet indiani l’argomento è presto diventato trending topic.

Il controllo del Pakistan sugli SMS scambiati tra i propri cittadini è stato inaugurato da ormai più di due anni : una legge contro il cybercrime ha introdotto tra i reati l’invio di brevi messaggi di testo o email considerati (naturalmente dalle autorità) indecenti, provocatori e diffamatori nei confronti della leadership del paese o delle forze di sicurezza nazionale.

La nuova censura, tuttavia, non trova base normativa su questa legge, ma su un regolamento adottato sempre nel 2009 e pensato per contrastare spam e comunicazioni indesiderate .

Sono circa 550 parole indiane bandite dagli SMS e altre 1000 quelle inglesi , almeno secondo la lista che sembra essere stata divulgata: sono le più varie e vano da termini medici come “seno”, “preservativo” e “lingua” a parole come “ostaggio” e “fingerfood”, passando per riferimenti religiosi come “diavolo” e termini come “omosessuale”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    X Anthony De Rosa
    "l'agenzia non dovrebbe darsi una mossa?!" e come, quando il problema è che chi dovrebbe pubblicare l'agenzia invece che pubblicarla la twittata (perdonatermi l'orribile neologismo) allora non credo ci sia molto da fare. Anche se pubblicare un agenzia fose facile quanto un tweet comunque la persona in questione manderebbe prima il tweet comunque. Senza contare che un agenzia deve essere attendibile, un tweet no. Ma il signor De Rosa non pare avere molto a cuore questo aspetto liquidandolo come un presupposto.. come se chi twitta scrivesse sempre solo notizie ampiamente verificate e attendibili..Mi pare che la gente dovrebbe darsi una mossa e non credere alle prime stupidagini che vede scritte da qualche parte e invece pretendere un'informazione di qualità piuttosto che un informazione in tempo reale di nessun valore.
Chiudi i commenti