Palladium, tempo di provini

Mostrando per la prima volta al pubblico una versione preliminare di Palladium, Gates ha svelato qualche dettaglio in più su una delle più controverse tecnologie che il big di Redmond abbia mai partorito. Ecco i dettagli


New Orleans (USA) – Come si era annunciato lo scorso mese, Microsoft ha scelto la Windows Hardware Engineering Conference (WinHEC) per presentare al pubblico i primi spicchi della piattaforma Next Generation Secure Computing Base (NGSCB), meglio nota con il nome in codice Palladium . Come noto, questa è costituita da un insieme di tecnologie hardware e software che, secondo Bill Gates, apriranno la strada ad una nuova generazione di PC più sicuri e affidabili.

Gates, che con l’occasione ha annunciato il sito dedicato a NGSCB, ha mostrato una versione preliminare della propria tecnologia che girava su un certo numero di componenti hardware: dal momento che la maggior parte dei chip necessari per il funzionamento di Palladium non sono ancora stati prodotti, alcuni di questi sono stati emulati via software.

Da quando è stata annunciata per la prima volta, Palladium ha sollevato ondate di dubbi e di critiche: questo sia da parte del mondo dei consumatori, che l’accusano di sottrarre all’utente il controllo dei propri PC, sia da parte di una certa fetta del mondo industriale, che guarda a questa tecnologia come al tentativo del big di Redmond di vincolare in modo ancor più stretto i produttori di hardware e di software alla piattaforma Windows.

Bill Gates, che lo scorso mese aveva già definito questi timori come “del tutto infondati”, ha affermato che è sempre possibile, per l’utente, decidere di non attivare le funzionalità di sicurezza integrate in NGSCB. Alcuni sostengono tuttavia che le funzioni per la protezione delle proprietà intellettuali, quali il digital rights management (DRM), non potranno essere disattivate perché profondamente integrate con il resto del sistema, fra cui la piattaforma Windows Media.

Gates ha confermato che NGSCB farà parte integrante di Longhorn , il successore di Windows XP, e costituirà di fatto un sottoinsieme delle funzionalità di Windows. Il boss di Microsoft ha descritto Palladium come una “cripta virtuale” che, all’interno di un PC Windows, metterà applicazioni e dati al riparo da virus, cracker e codici malevoli. Perché questo sia possibile Palladium farà in modo che in questa sorta di area protetta giri solo codice “fidato”, ossia quei programmi che, in modo simile a quanto succede per Xbox, siano stati certificati da Microsoft e possiedano il giusto “lasciapassare” (rappresentato da una firma digitale).

Il co-fondatore di Microsoft ha poi spiegato che NGSCB si prenderà cura della privacy degli utenti dando loro un maggior controllo sui dati trasmessi attraverso Internet e proteggendo, attraverso la criptazione, i dati sensibili archiviati sul proprio hard disk, consentendone l’accesso solo ai programmi autorizzati.


Accanto alla sicurezza e alla privacy Palladium si occuperà, secondo Microsoft, dell’integrità del sistema, ossia della verifica che i computer, i programmi e i dispositivi di elaborazione siano correttamente identificati prima che possano accedere a informazioni e risorse.

È questo l’aspetto di NGSCB che, più d’ogni altro, richiede che i produttori di hardware supportino tale tecnologia nei propri prodotti e facciano in modo che il software possa identificare ogni computer e dispositivo in modo univoco. Questa caratteristica, secondo il colosso di Redmond, può ad esempio aggirare buona parte dei problemi di sicurezza attualmente legati all’autenticazione di utenti e sistemi attraverso le reti. Questo è tuttavia anche uno degli aspetti più discussi di Palladium: la possibilità di identificare un utente attraverso un chip è un’idea che, da sempre, desta non poche preoccupazioni per la privacy, specie fra i consumatori. È tuttavia lecito attendersi che questa sarà una delle funzionalità attivabili solo su espressa decisione dell’utente.

Microsoft ha poi spiegato che NSGCB effettua costantemente delle “istantanee” di quelle caratteristiche chiave che permettono di definire un PC sicuro: se queste caratteristiche dovessero cambiare – ha spiegato Microsoft – il computer non potrà più essere considerato affidabile e, nel caso in cui faccia parte di una rete aziendale, verrà automaticamente posto in uno stato di quarantena e isolato dagli altri sistemi.

Sul sito di NGSCB non c’è nessun riferimento alle tecnologie di protezione delle proprietà intellettuali che verranno incluse in Palladium: è questo uno degli argomenti più dibattuti fra i consumatori, soprattutto perché, come si è detto in precedenza, non è chiaro se queste funzionalità potranno in essere disattivate o meno. Al cuore di questo sistema ci sarà, come ovvio, la tecnologia di DRM, la stessa già parzialmente implementata in Windows Server 2003 per proteggere i documenti aziendali. L’altra tecnologia chiave sarà la Secure Path, già annunciata , per quel che riguarda l’audio, nel 2001: questa fa sì che il flusso di dati che passano attraverso la porta USB e le uscite audio e video vengano criptati in modo da renderne impossibile la decodifica se non si dispone della corrispondente chiave.

Durante la presentazione, Microsoft ha mostrato la capacità di Palladium di proteggere dati e applicazioni da alcuni tentativi di cracking e verificare l’autenticità di un file.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Non si risparmia nulla, invece!!
    Lavoro nella pubblica amministrazione e utilizzo internet dal 1995 quando ancora la maggior parte delle persone non sapeva nemmeno cosa fosse il webLa possibilità di fare gli acquisti in rete avvantaggia solo i grandi distributori che hanno fatto un'offerta globale (su TUTTI i prodotti) che è inferiore a quelle fatte dagli altri. Significa che il risparmio non è sul singolo pc MA SU TUTTO il materiale pubblicato sul sito.Faccio un esempio. Supponiamo che sul sito sia possibile comprare solo pc e stampante. Chi me la vende sul sito è colui che per vende separatamente i pc e le stampanti a prezzi + bassi, ma colui che vende la coppia a prezzi + bassi. Supponi che questo ti vende la coppia a 50+50=100, e' possibile che tu trovi un'azienda X che ti vende il pc a 40 e un'altra azienda Y vende la stampante a 40. Sul sito X non compare poichè vende le stampanti a 70 (stessa cosa per Y che vende i pc a 70).I pc presenti sul sito consip sono di basso livello (scarti di magazzino) venduti a prezzi medi x sbolognare questi alla pubblica amm.one e guadagnarci. I piccoli non possono competere poiche' non riescono a fare un'offerta su tutti i prodotti e quindi anche se su alcuni di questi sono concorrenziali, non possono partecipare.Esempio, ho trovato alcuni prodotti a prezzi +alti di alcuni miei vecchi fornitori ma non li posso comprare poichè sul sito questi prodotti esistono (a prezzi + alti) e io sono obblgato a comprare da li (perche' si diche che lo stato nella globalità degli acquisti risparmia)....questo è il libero mercato? o libero mercato significa che chi offre miglior prezzo e qualità vince?RISULTATO: da gennaio a aprile si è speso di + dell'anno scorso a parità di acquisti.... a conti fatti!!! dite quello che volete ma il risparmio x me è un'altra cosa!alex
    • Anonimo scrive:
      Re: Non si risparmia nulla, invece!!
      - Scritto da: Anonimo
      Lavoro nella pubblica amministrazione e
      utilizzo internet dal 1995 quando ancora la
      maggior parte delle persone non sapeva
      nemmeno cosa fosse il web

      La possibilità di fare gli acquisti in rete
      avvantaggia solo i grandi distributori che
      hanno fatto un'offerta globale (su TUTTI i
      prodotti) che è inferiore a quelle fatte
      dagli altri. Significa che il risparmio non
      è sul singolo pc MA SU TUTTO il materiale
      pubblicato sul sito.

      Faccio un esempio. Supponiamo che sul sito
      sia possibile comprare solo pc e stampante.
      Chi me la vende sul sito è colui che per
      vende separatamente i pc e le stampanti a
      prezzi + bassi, ma colui che vende la coppia
      a prezzi + bassi. Supponi che questo ti
      vende la coppia a 50+50=100, e' possibile
      che tu trovi un'azienda X che ti vende il pc
      a 40 e un'altra azienda Y vende la stampante
      a 40. Sul sito X non compare poichè vende
      le stampanti a 70 (stessa cosa per Y che
      vende i pc a 70).

      I pc presenti sul sito consip sono di basso
      livello (scarti di magazzino) venduti a
      prezzi medi x sbolognare questi alla
      pubblica amm.one e guadagnarci. I piccoli
      non possono competere poiche' non riescono
      a fare un'offerta su tutti i prodotti e
      quindi anche se su alcuni di questi sono
      concorrenziali, non possono partecipare.

      Esempio, ho trovato alcuni prodotti a prezzi
      +alti di alcuni miei vecchi fornitori ma non
      li posso comprare poichè sul sito questi
      prodotti esistono (a prezzi + alti) e io
      sono obblgato a comprare da li (perche' si
      diche che lo stato nella globalità degli
      acquisti risparmia)....questo è il libero
      mercato? o libero mercato significa che chi
      offre miglior prezzo e qualità vince?

      RISULTATO: da gennaio a aprile si è speso di
      + dell'anno scorso a parità di acquisti....
      a conti fatti!!! dite quello che volete ma
      il risparmio x me è un'altra cosa!


      alexIn effetti per i PC con la ConvenzioniCONSIP l'unica cosa passabile e' l'IBMA31 che viene venduto con un buono scontosul prezzo di listino. Il fatto e' che e' comunquepossibile trovare di meglio (per esempioa livello di prestazioni) e a meno (ovviamentenon marchiato IBM). Purtroppo pero' i PCcambiano molto piu' velocemente di quantola convenzione e' in grado di fare, e alla fineprendi modelli vecchi pagati al prezzo diquando si e' stipulata la convenzione...Inoltre le consegne sono lente come una quaresima...I PC desktop invece mi sembrano delle ciofeche...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non si risparmia nulla, invece!!
        il problema è che chi lavora nelle pubbliche amministrazioni e non sono li, se non è uno che ma l'infomratica e quindi si da da fare, di norma non capisce un h di computer e quindi qualsiasi cosa va bene. Sarebb più utile che ogni pubblica amministrazione avesse gente in grado di valutare le offerte dei vai fornitori locali (che poi danno assistenza diretta) e valutasse l'acquisto non solo sulla base del prezzo più basso ma prezzo e qualità e assistenza la gara d'appalto alscia ilt empo che trova alla fien chi vince con prezzi stracciati offre prestazionie prodotti spesso da vergognarsi, ho visto edifici ristrutturati che dopo 12 mesi erano da rifare mezzi e nesusno nei suddetti uffici che si lamentasse o imponesse il rifacimento di opere mal riuscite. Lo stato impone delle norme perchè a livello locale era ed è tutt'ora uno sfacelo, ma alla fine le norme sono poi poco efficaci, e la mentalità di chi lavoro nella pubblica amministrazione da cambiare, i controlli anti frodi e corruzione da intensificare, il personare da elevare in qualità ed efficenza, altrimenti il parco macchine da schifo sarà comunque sempre troppo in molti casi o uno schifo comunque in altri
    • Anonimo scrive:
      Re: Non si risparmia nulla, invece!!
      In Parte hai ragione... ci sono prodotti informatici alla consip che costano più che comperarli all'esterno...(perchè il prezzo di un pc o portatile rimane invariato per 6 mesi e siappiamo tutti che un pc in 6 mesi quasi dimezza - la soluzione sarebbe fare un bando ogni mese...non so se lo ricordi ma per una gara europea come quelle della consip devono rimanere pubblicate per 57 giorni!!!).Per il Resto non è vero ci sono delle offerte terrificanti..(adesso mi vuoi dire che i portatili IBM che c'erano in quel periodo e a quel prezzo li trovavi da altre parti ???!!!) (che tra l'altro è l'unica cosa che ho comprato)Come idea la Consip e buona, ma portroppo non basta, devono aggiornarsi e modificare i bandi ( Es se si chiede un pc con P4 e 256 Mb di ram ...e Basta... ti arriva la cacca più cacca che gli assemblatori riescono a creare) se ci mettessere che servono anche delle certificazioni (Es Rumorosità , se deve essere usato con Windows per quello che conta la cert. microsoft ,ecc) ci sono Certifiche abominevoli che hanno generalmente solo i Pc di marca e possono avere gli assemblatori se creano un prodotto buono (non come i pc della consip che hanno vinto l'anno scorso con SK Madre PC Chips... Bleaaaaa)Come tutto in Italia ...Idea Buona ma applicata da Schifo
      • Anonimo scrive:
        Re: Non si risparmia nulla, invece!!
        - Scritto da: Anonimo
        Per il Resto non è vero ci sono delle
        offerte terrificanti..(adesso mi vuoi dire
        che i portatili IBM che c'erano in quel
        periodo e a quel prezzo li trovavi da altre
        parti ???!!!) (che tra l'altro è l'unica
        cosa che ho comprato)Non e' questione di periodi ma di prodotti.E' chiaro che su un modello appena uscito,lo sconto sul notebook IBM (sullacui qualità non si discute) sfiorava il 40%. Maprima che di recente rinnovassero la gammaeri costretto a prendere un portatile vecchioa un prezzo superato (1300 euro perun Pentium III 933Mhz, quando allostesso prezzo prendevi gia' l'HP con il 1300Mhz).Inoltre i portatili IBM avevano il trackpointinvece del touchpad e a molti puo' anche non piacere.E mi pare non abbiano il floppy.
        Come idea la Consip e buona, ma portroppo
        non basta, devono aggiornarsi e modificare i
        bandi ( Es se si chiede un pc con P4 e 256
        Mb di ram ...e Basta... ti arriva la cacca
        più cacca che gli assemblatori riescono a
        creare) se ci mettessere che servono anche
        delle certificazioni (Es Rumorosità , se
        deve essere usato con Windows per quello che
        conta la cert. microsoft ,ecc) ci sono
        Certifiche abominevoli che hannoperché non la certificazione Linux?
        generalmente solo i Pc di marca e possono
        avere gli assemblatori se creano un prodotto
        buono (non come i pc della consip che hanno
        vinto l'anno scorso con SK Madre PC Chips...
        Bleaaaaa)
        Come tutto in Italia ...Idea Buona ma
        applicata da Schifo
        • Anonimo scrive:
          Re: Non si risparmia nulla, invece!!

          Non e' questione di periodi ma di prodotti.Hai ragione ma l'idea è sicuramente buona...deve però essere evoluta e non rimanere un carrozzone fatto di burocrati
          Inoltre i portatili IBM avevano il trackpoint
          invece del touchpad e a molti puo' anche non
          piacere.
          E mi pare non abbiano il floppy.Io ne Ho 16 hanno si trackpoint, ma anche Il Floppy (non è un Acer) , Il DVD e Il Mouse IBM
          perché non la certificazione Linux?Se uno ci vuole mettere su Linux ci vuole La certificazione Linux (come saprai pero quella Linux è un po particolare spesso anche a detta delle distribuzioni non è detto che un certo tipo di pc certificato (ES Suse) funzioni realmente bene con quella distribuzione (sopratutto nei server, basta che la casa (IBM) sostituisca un Raid (da Adaptec a SysLogic) e la distribuzione non si istalla propio... (Esperienza personale Sigh) , ancora meglio Tutte e due Windows e linux... magari uno cambia idea strada facendo... o le idee le ha già chiare :-))
  • Anonimo scrive:
    Risparmio a breve termine (forse) ma...
    ...non a lungo termine.Il risparmio si ha non perché i prodotti offerti dalla Consip siano effettivamente più convenienti, ma perché il meccanismo è tale da rallentare o scoraggiare gli acquisti nelle PA. Se sto finendo la carta, la ordino alla Consip e mi arriva fra un mese, io rimango magari per 2 o 3 settimane senza carta: se non ho la carta non la posso consumare ed ecco che realizzo un risparmio (che poi questo degradi ancor più il funzionamento delle PA non importa). Stessa cosa per tutti gli altri materiali di consumo.I prodotti offerti non sono convenienti come appaiono perché se ordino un AMD 1800 oggi alla Consip e questo mi arriva fra 6 mesi, io, fra 6 mesi, un PC con le medesime caratteristiche lo troverò allo stesso prezzo o meno da uno qualsiasi dei miei fornitori abituali.A lungo termine, a mio avviso, tutto questo potrà essere controproducente perché, una volta imparata la lezione, sapendo che non posso avere un PC quando mi serve, se io ho bisogno di una macchina, ne ordino due, in modo da non trovarmi bloccato per un tot di mesi se un PC del mio parco macchine, ad esempio, si rompe.Un tecnico di una PA
  • Anonimo scrive:
    ...è sempre lo stesso "Stato"
    ... o lo stesso governo. Mah, non so, però è sicuramente lo stesso organismo che manda a spasso sulle reti tv nazionale il giuggiolone che fa la spesa alla mamma, e così viene ringraziato dai Cittadini. Si, xchè così l'ecomomia va avanti: che bello! Peccato che le due cose siano in netta contraddizione. Lo stato xchè non va a fare la spesa tranquillo tranquillo x i Cittadini senza rompere tanto le palle con i ribassi? Xchè non esistono delle commissioni tecniche preposte a valutare il contenuto "valore=bene+servizio" di una gara o una procedura di acquisto?
    • Anonimo scrive:
      Re: ...è sempre lo stesso "Stato"
      - Scritto da: Anonimo
      ... o lo stesso governo. Mah, non so, però è
      sicuramente lo stesso organismo che manda aGià, non sai...Pubblicità -
      UPA (aziende che investono in pubblicità)Consip -
      Ministero dell'innovazione.Inutile dire che le due cose non centrano niente, ma per chi vuol far polemica gratuita...
      spasso sulle reti tv nazionale il
      giuggiolone che fa la spesa alla mamma, e
      così viene ringraziato dai Cittadini. Si,
      xchè così l'ecomomia va avanti: che bello!Meno canne e più cervello, amigo
  • Anonimo scrive:
    risparmi
    Se lo Stato vuole veramente risparmiare perchè non smette di acquistare licenze Microsoft per le PA e converte tutti i sistemi su software libero ?Il Ministro ha provato a fare i conti su quanto risparmierebbe se tutti i computer girassero su linux ?
    • Anonimo scrive:
      [OT] Precisazione
      ciao a tutti,Volevo solo precisare un paio di cose:1) Uso e apprezzo piu' software Open Source, la superiorita' dell'Open Source rispetto al proprietario e' oggettiva ed insindacabile.2) I risparmi invece NO. Sono assolutamente sindacabili e soggettivi. Tento di spiegarmi meglio, un sistema operativo od un applicativo che sia Open Source o proprietario deve essere mantenuto, e tale operazione non ha costi di molto differenti dalla tipologia di software. L'unico vero risparmio si ha sui costi delle licenze (e poi ancora). Il prodotto proprietario ci perdi molto piu' tempo ad intervenire, devi attendere le lente risposte degli autori, non funziona quasi mai perfettamente ed infine consumi molta piu' risorsa tempo, ma anche un cane o poco piu' e' in grado di seguire le istruzioni dei produttori e per cui risparmi sulla risorsa competenza. Il prodotto Open Source richiede maggior competenza, istruzione ed aggiornamento perche' per metterci le mani dentro devi avere almeno un'idea di che cosa stai facendo, devi avere un minimo di competenza, insomma consumi molto piu' la risorsa competenza e risparmi la risorsa tempo.Ora da cio' se ne deduce che:1) Il software proprietario e' altresi' dannoso poiche' porta ad una involuzione dell'essere e della cultura umana, tendendo a diminuire la competenza media degli operatori.2) NON SEMPRE E' BENE RISPARMIARE. Mi sembra che gli altri post siano chiari su questa affermazione http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=3550603) Una discussione su quale software sia migliore E' FUORI TEMA rispetto all'articolo, onde per entrambi questi interventi sono OT.
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Precisazione
        - Scritto da: Anonimo
        ciao a tutti,
        Volevo solo precisare un paio di cose:
        1) Uso e apprezzo piu' software Open Source,
        la superiorita' dell'Open Source rispetto al
        proprietario e' oggettiva ed insindacabile.
        2) I risparmi invece NO. Sono assolutamente
        sindacabili e soggettivi. Tento di spiegarmi
        meglio, un sistema operativo od un
        applicativo che sia Open Source o
        proprietario deve essere mantenuto, e tale
        operazione non ha costi di molto differenti
        dalla tipologia di software. L'unico vero
        risparmio si ha sui costi delle licenze (e
        poi ancora). Il prodotto proprietario ci
        perdi molto piu' tempo ad intervenire, devi
        attendere le lente risposte degli autori,
        non funziona quasi mai perfettamente ed
        infine consumi molta piu' risorsa tempo, ma
        anche un cane o poco piu' e' in grado di
        seguire le istruzioni dei produttori e per
        cui risparmi sulla risorsa competenza. Il
        prodotto Open Source richiede maggior
        competenza, istruzione ed aggiornamento
        perche' per metterci le mani dentro devi
        avere almeno un'idea di che cosa stai
        facendo, devi avere un minimo di competenza,
        insomma consumi molto piu' la risorsa
        competenza e risparmi la risorsa tempo.Non sono d'accordo. In una aziendac'e' sempre un referente informatico. L'utentemedio non e' in grado di fare nulla, se nonutilizzare una macchina preconfigurata.Non saprebbe comunque ne installare ne configurareWindows, ne una stampante, ne la rete. Al massimopuò installarsi qualche applicativo.Quanto agli aggiornamenti, il più dellevolte che ci prova da solo fa danni, passandoda una configurazione "funzionante" a unanon più funzionante.

        Ora da cio' se ne deduce che:

        1) Il software proprietario e' altresi'
        dannoso poiche' porta ad una involuzione
        dell'essere e della cultura umana, tendendo
        a diminuire la competenza media degli
        operatori.

        2) NON SEMPRE E' BENE RISPARMIARE. Mi sembra
        che gli altri post siano chiari su questa
        affermazione
        http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid

        3) Una discussione su quale software sia
        migliore E' FUORI TEMA rispetto
        all'articolo, onde per entrambi questi
        interventi sono OT.Secondo me se uno vuole usare software proprietarionella PA lo puo' tranquillamente fare, quelloche invece andrebbe regolato sono i formatidi interscambio utilizzati nellaPA che devono essere OPEN.E' inaccettabile che nella PA si utilizzinocome formati di interscambio delle informazionidi pubblica utilità il formato .DOC (e non me ne frega nullase OpenOffice e quasi in grado di leggerli)o i formati XLS, costringendo l'utenza a costose einutili licenze. I formati OPEN esistono, a prescinderedalla piattaforma utizzata e sono formatoTESTO (spesso si utilizza il formato DOCper documenti solo testo privi di formattazione),RTF, PDF, HTML, etc.
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Precisazione
        - Scritto da: Anonimo
        Il prodotto proprietario ci
        perdi molto piu' tempo ad intervenire, devi
        attendere le lente risposte degli autori,
        non funziona quasi mai perfettamente ed
        infine consumi molta piu' risorsa tempo, maGuarda che ti sbagli. Un software proprietario lo paghi, ma se hai problemi chiami loro e te lo risolvono. Non è vero che perdi più tempo...Ti è mai capitato di avere problemi con un software opensource? O te lo risolvi o ti attacchi: non c'è scritto sulla licenza che gli autori sono obbligati a darti l'assisnenza...Quindi: - sorftware proprietario significa avvalersi della competenza dell'azienda che ti sta fornendo il software: in questo caso risparmi in termini di tempo e probabilmente di formazione al personale- software opensource significa che non paghi le licenze ma non hai nessun supporto da parte del team di sviluppo. Devi implementarti il tutto e i problemi te li risolvi. Ovviamente nel software opensource potresti avvalerti di consulenti che ti fanno le assistenze...Comunque per cose molto serie, difficilmente soluzioni opensource sono convenienti (NON sto parlando di Windows e simili).
        1) Il software proprietario e' altresi'
        dannoso poiche' porta ad una involuzione
        dell'essere e della cultura umana, tendendo
        a diminuire la competenza media degli
        operatori.Non approvo. Dai per scontato che il software proprietario è più facile da usare. Sicuramente stai pensando a Windows e Linux... su dai... è così ;-)Non pensate che opensource sia la soluzione a tutti i problemi.....Poldo
  • Anonimo scrive:
    Alla buonora
    Finalmente anche nella PA entrano i concetti di gruppi d'acquisto e di niù-tecnologi.Ma oggi voglio essere ottimista: megliotardi che mai. Lo strumento (da quel che ho visto sul sito del consip), sembra buono: speriamo venga usato bene.
  • Anonimo scrive:
    consib
    andate a vedere il sito della consib: le macchine non sono certo vendute a prezzi concorrenziali (e non sono mai aggiornate); la scelta e' scarsissima: ad esempio, l'unico portatile disponibile e' l'ibm. per quello che non riguarda i computer: abbiamo ordinato la carte, a gennaio. non e' ancora arrivata. abbiamo risparmiato quasi 20 euro rispetto al fornite precedente, ma sono 3 mesi che ci dobbiamo portare la carta da casa.
    • Anonimo scrive:
      Re: consib
      Ti consiglio di fornirti da un rivenditore locale. I prezzi non sono mai aggiornati e il materiale di consumo non sempre è originale.- Scritto da: Anonimo
      andate a vedere il sito della consib: le
      macchine non sono certo vendute a prezzi
      concorrenziali (e non sono mai aggiornate);
      la scelta e' scarsissima: ad esempio,
      l'unico portatile disponibile e' l'ibm.
      per quello che non riguarda i computer:
      abbiamo ordinato la carte, a gennaio. non e'
      ancora arrivata. abbiamo risparmiato quasi
      20 euro rispetto al fornite precedente, ma
      sono 3 mesi che ci dobbiamo portare la carta
      da casa.
      • Anonimo scrive:
        Re: consib
        - Scritto da: Anonimo
        Ti consiglio di fornirti da un rivenditore
        locale. I prezzi non sono mai aggiornati e
        il materiale di consumo non sempre è
        originale.Non si potra' fare ... o meglio fanno di tutto per metterti i bastoni tra le ruote. Se vuoi acquistare da un rivenditore locale un prodotto presente in Consip devi fare 4 (quattro) preventivi e giustificare la spesa. Per fare cio' perdi una giornata lavorativa. Quando la cosa sara' a regime sara' da piangere per tutti. Altro che risparmio, snellezza ...
    • Anonimo scrive:
      Re: consib
      Sono un referente informatico nella Pa e devo rendere operativa un laboratorio informatico per disabili.Forse non e' chiaro come funziona il nuovo modello IMPOSTO dalla finanziaria a tutta una serie di enti statali:DEVI acquistare in consip (e non consib) se quello che cerchi si trova a catalogo (convenzione stipulata).ASPETTI se quello che cerchi non e' a catalogo ma ci sta per entrare (convenzione in fase di stipulazione).ASPETTI MOLTO se quello che cerchi appartiene alla categoria delle convenzioni esaurite.Se quello che cerchi non e' in consip lo puoi acquistare, con tutta una serie di vincoli che non sto a raccontarvi, per importi superiori a 50.000 ? si deve fare una gara europea per la fornitura.Si parla sia di beni che di servizi.Nel mio caso:devo mettere su un server WEB, non psso usare il PC presente in consip perche' non adatto al ruolo, per acquistarlo devo farmi fare 5 offerte, poi scrivere una relazione tecnica per la corte dei conti per giustificare il fatto che il PC acquistato non e' stato acquistato in consip. Se la corte dei conti decide che la mia giustificazione non e' valida sono responsabile in solido dell'acquisto: lo pago io, in quanti credete che si prenderanno il mal di pancia di fare sta trafila?Piccolo problema ulteriore: la corte dei conti non mi sa indicare assolutamente nulla riguardo al tipo di documentazione da produrre.Per tornare al laboratorio di cui prima:A febbraio fatti gli acquisti:Acquistati i sussidi (hw e sw) per disabili, giaciono in una sala del nostro centro.Acquistati i Pc presso consip, forse a luglio li consegnano MA non e' sicuro, ci avviseranno se quando li consegnano (ho utilizzato tutte le opzioni possibili per velocizzare la consegna).Per gli arredi sto spettando che la convenzione venga approvata, se parla per il terzo trimestre 2003.Per il cablaggio strutturato della sala sto spettando che la gara europea indetta dal nostro ente abbia luogo.Per farla breve credo che nella migliore delle ipotesi ci mettero' un anno a far funzionare il tutto, ed allora ecco qui il risparmio: gli enti pubblici risparmiano perche' NON sono piu' in condizione di spendere, a qualcuno parra' bello a me pare una vaccata.Proposte alternative noi in questi mesi ne abbiamo discusse molte, se a qualcuno interessa chieda.
      • Anonimo scrive:
        Re: consib
        - Scritto da: Anonimo
        Sono un referente informatico nella Pa e
        devo rendere operativa un laboratorio
        informatico per disabili....Ho letto con interesse il tuo post, ma se la trafila non fosse quella imposta, eccotti la reazione:"Certo! Uno compra dei PC nel negozio del parente e poi li fa pagare alla PA a peso d'oro!".Il problema è che se per fare una qualunque cosa la responsabilità sta a 500 km di distanza ci sono tempi biblici.Se il potere di controllo fosse vicino alla parte operativa...
  • Anonimo scrive:
    SEEEEE!
    Poi vado in Camera di Commercio per registrare la firma elettronica e il funzionario mi dice: "Ma va', cosa la registra a fare? Tanto non funzionerà mai...", e indica un ammasso di ferraglia, il "cervellone" delle firme elettroniche, sotto una finestra, lordo e impolverato.Informatizzare le pubbliche amministrazioni significa informatizzare i funzionari. Un progetto a lungo termine.
  • Anonimo scrive:
    Bastardi !!!!
    con questo stanna facendo morire tutti noi "piccoli" avete letto sul sito ???come faccio a dare alle PA dei Norton antivirus a 28 ? ????o dei computer a 450 ????solo i grandi, possono, loro risparmiano ma fanno fallire noi !!!impossibile competere con certi prezzi .
    • Anonimo scrive:
      Re: Bastardi !!!!
      per me il bastardo sei tu che non produci un cavolo ma vivi sulla compravendita degli altri invece le aziende dovrebbero vendere solo quello che producono loro...Sono contento se fallisci perchè vuol dire che ci adeguiamo al mercato
      • Anonimo scrive:
        Re: Bastardi !!!!
        il problema e' che prima prendevo 20/30 ? su un computer da 1000? che si vendeva appa pubblica amministrazione, adesso nemmeno quelli.forse hai ragione tu, e' meglio mettersi a fare i disonesti o fare come dice Berlusconi, arrotondare con lavoretti extra ...si, chi sa quali poi ...:(.
      • Anonimo scrive:
        Vai a dormire che è tardi...
        - Scritto da: Anonimo
        per me il bastardo sei tu che non produci un
        cavolo ma vivi sulla compravendita degli
        altri invece le aziende dovrebbero vendere
        solo quello che producono loro...Sono
        contento se fallisci perchè vuol dire che ci
        adeguiamo al mercatoLa BMW allora vattela a comprare in Baviera e ricordati di dire al macellaio di scannare i vitelli nel retrobottega...trollone.
        • Elendil scrive:
          Re: Vai a dormire che è tardi...
          - Scritto da: Anonimo
          La BMW allora vattela a comprare in Baviera
          e ricordati di dire al macellaio di scannare
          i vitelli nel retrobottega...trollone.Che ca**ata! La BMW te la devi guardare e magari provare. Il Norton Antivirus lo puoi provare direttamente a casa e poi acquistare dove meglio credi.Le BMW lo stato le acquista da anni direttamente a Monaco, per dirla come la dici tu: le Subaru che ha in dotazione la Polizia credi che lo stato le abbia comprate dal concessionario sotto casa tua?Finora il metodo dell'asta era praticato solo per gli oggetti di grosso valore, ora grazie ad internet si può estendere il vantaggio a qualunque oggetto...Avete paura di morire? Cambiate lavoro...
    • Anonimo scrive:
      Re: Bastardi !!!!
      Internet è bella perchè anche i piccoli possono sembrare grandi, nel senso che è colpa tua se non sei competitivo nell e-commerce.Io dal canto mio, sono contento di questa notizia, perchè sto sviluppando delle soluzioni e-commerce molto potenti, facili e modulari, che l'anno prossimo se tutto va bene comincerò a distribuire in tutto il mondo, in forma di pacchetti semplici da acquistare, installare ed usare.:-P :-P :-PConto di far volare l'e-commerce in Italia da solo, il mio obiettivo non è quello di guadagnare a breve termine, ma quello di imporre la mia soluzione anche gratuitamente se necessario, per poi guadagnarci a lungo termine, permettendo anche al Cliente di guadagnare con la mia soluzione.IL mio obiettivo sarà quindi quello di fare in modo che il Cliente guadagni, se il cliente guadagna avrà i soldi per comprare le mie soluzioni pacchettizzate.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bastardi !!!!
        - Scritto da: Anonimo
        Internet è bella perchè anche i piccoli
        possono sembrare grandi, nel senso che è
        colpa tua se non sei competitivo nell
        e-commerce.
        Vero, anzi verissimo mi pare che lui dicesse proprio quello, amico che hai scritto per primo ti ricordo il rischio d'impresa (se nessuno te lo ha mai spiegato, telo dico io quando apri un'attivita' e' possibile che si possa sempre e comunque fallire...).Su questo sono completamente d'accordo con te.
        Io dal canto mio, sono contento di questa
        notizia, perchè sto sviluppando delle
        soluzioni e-commerce molto potenti, facili e
        modulari, che l'anno prossimo se tutto va
        bene comincerò a distribuire in tutto il
        mondo, in forma di pacchetti semplici da
        acquistare, installare ed usare.

        :-P :-P :-P
        Mo pero' sei passato alle barzellette, sei un grandeROTFL:-

        Conto di far volare l'e-commerce in Italia
        da solo, il mio obiettivo non è quello di
        guadagnare a breve termine, ma quello di
        imporre la mia soluzione anche gratuitamente
        se necessario, per poi guadagnarci a lungo
        termine, permettendo anche al Cliente di
        guadagnare con la mia soluzione.
        ROTFL ROTFL:-
        :-

        IL mio obiettivo sarà quindi quello di fare
        in modo che il Cliente guadagni, se il
        cliente guadagna avrà i soldi per comprare
        le mie soluzioni pacchettizzate.'Spe che mi alzo da per terra, come?!??!HAHAHAHAHAHAHAROTFL ROTFL ROTFL ROTFL ROTFL ROTFL ROTFL ROTFL :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        :-
        • Elendil scrive:
          Re: Bastardi !!!!
          - Scritto da: Anonimo
          'Spe che mi alzo da per terra, come?!??!
          HAHAHAHAHAHAHA

          ROTFL ROTFL ROTFL ROTFL ROTFL ROTFL
          ROTFL ROTFL
          :-
          :-
          :-
          :-
          :-
          :-
          :-
          :-
          :-
          :-
          :-

          :-
          :-
          :-
          :-
          :-
          :-
          :-
          Tutta invidia ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Bastardi !!!!

        Io dal canto mio, sono contento di questa
        notizia, perchè sto sviluppando delle
        soluzioni e-commerce molto potenti, facili e
        modulari, mi pare una buona idea. Credo che esista già, però...
        che l'anno prossimo se tutto va
        bene comincerò a distribuire in tutto il
        mondo,Sai che fine fai se è una buona idea? Ti clonano il prodotto, lo brevettano e lo vendono. Al volo.Hai un brevetto internazionale, vero?Hai pensato come integrare il pacchetto coi database dei rivenditori?Hai una struttura di marketing? Senza non vai da nessuna parte... Mica sono tutti come DeAndreis... :-)
        in forma di pacchetti semplici da
        acquistare, installare ed usare.Auguri...

        :-P :-P :-P

        Conto di far volare l'e-commerce in Italia
        da solo, il mio obiettivo non è quello di
        guadagnare a breve termine, ma quello di
        imporre la mia soluzione anche gratuitamente
        se necessario, per poi guadagnarci a lungo
        termine,
        permettendo anche al Cliente di
        guadagnare con la mia soluzione.Voglio ben sperarlo!

        IL mio obiettivo sarà quindi quello di fare
        in modo che il Cliente guadagni, se il
        cliente guadagna avrà i soldi per comprare
        le mie soluzioni pacchettizzate.Se non guadagna sei fatto, amico...Comunque in bocca al lupo...
      • Anonimo scrive:
        Consiglio gratis
        - Scritto da: Anonimo
        Io dal canto mio, sono contento di questa
        notizia, perchè sto sviluppando delle
        soluzioni e-commerce molto potenti, facili e
        modulari, che l'anno prossimo se tutto va
        bene comincerò a distribuire in tutto il
        mondo, in forma di pacchetti semplici da
        acquistare, installare ed usare.Se vuoi veramente imporre la tua magica soluzione, ai tuoi clienti parla dei tuoi costi, dei loro costi (e risparmi) e infine contrattate il tuo margine.I furbi che inizialmente vendono sottocosto e poi ricaricano il prezzo hanno vita breve e in genere beccano uno più furbo di loro che glielo mette...
      • Anonimo scrive:
        Re: Bastardi !!!!
        - Scritto da: Anonimo
        Internet è bella perchè anche i piccoli
        possono sembrare grandi, nel senso che è
        colpa tua se non sei competitivo nell
        e-commerce.mmhhh....
        Io dal canto mio, sono contento di questa
        notizia, perchè sto sviluppando delle
        soluzioni e-commerce molto potenti, facili e
        modulari, che l'anno prossimo se tutto va
        bene comincerò a distribuire in tutto il
        mondo, in forma di pacchetti semplici da
        acquistare, installare ed usare.
        ah..

        Conto di far volare l'e-commerce in Italia
        da solo, il mio obiettivo non è quello di
        guadagnare a breve termine, ma quello di
        imporre la mia soluzione anche gratuitamente
        se necessario, per poi guadagnarci a lungo
        termine, permettendo anche al Cliente di
        guadagnare con la mia soluzione.mmmhhh...
        IL mio obiettivo sarà quindi quello di fare
        in modo che il Cliente guadagni, se il
        cliente guadagna avrà i soldi per comprare
        le mie soluzioni pacchettizzate.comunque volevo dirti che domani inizierà la commercializzazione dei miei pacchettini enterprise e diventerò + ricco di te.Ciao,AnytraWC
    • Anonimo scrive:
      Re: Bastardi !!!!
      - Scritto da: Anonimo
      con questo stanna facendo morire tutti noi
      "piccoli" avete letto sul sito ???e allora ? avete voluto il libero mercato? tenetevelo!
      come faccio a dare alle PA dei Norton
      antivirus a 28 ? ????
      o dei computer a 450 ????mi viene in mente un aneddoto un tempo c'era il calmiere a certi prodotti i commercianti fecero battaglia per liberalizzare i prezzi(anche se esiste purtroppo un calmiere verso il basso)ora arrivano i Centri commerciali, i Supermercati sono diffusi a macchia d'olio...e i negozianti si lamentano che non possono competere e chiedono i calmieri verso il basso piu alti..o di ridurre i centri commercialiora non capisco perche il libero mercato debba servire ad alzare i prezzi e non ad abbassarli? morirebbero i piccoli? peccato si chiama mercato e NON l'ho voluto ioma se vogliono liberalizzare il mercato del lavoro io pretendo1 abolizione delle licenze (liberalizzazione totale)2 abolizione dei calmieri verso il basso (se qualcuno vuol vendere sottocosto fatti suoi)se i commercianti non son d'accordoallora reintroducano calmieri verso l'alto, scala mobile,equo canone e maggiori diritti ai lavoratori...

      solo i grandi, possono, loro risparmiano ma
      fanno fallire noi !!!vieni anche tu a batterti contro il MERCATO

      impossibile competere con certi prezzi .ripeto si chiama MERCATOOpenCurcio*** Alerta alerta que camina la espada de bolivar por america latina ***
      • Anonimo scrive:
        Re: Bastardi !!!!
        I problemi sono altri (e gravi).1) Lo stato dice di aver risparmiato TOT euro nei primi mesi del 2003, e' normale in quanto nessuno e' riuscito a fare un solo acquisto in consip ... (problemi burocratici, fax intasati dalle richieste di registrazione ...)2) Chi ha detto che i prezzi sono concorrenziali? Non avete sicuramente visitato il sito ... I prezzi dei prodotti (specialmente informatici) sono ben piu' alti che altrove. Basta pensare che la vita commerciale di un PC e' di 4 mesi, quindi si capisce subito che un listino semestrale/annuale non ha senso. E i prodotti sono obsoleti (i CDR ad esempio sono 4x :-) e costano un disastro!3) I tempi di attesa sono eccessivi ... gli utenti medi acquistano un antivirus solo perche' hanno scoperto di essere GIA' stati infettati ... devono rimanere per tre mesi col virus? Preferirebbero sicuramente acquistarlo a 49 ? nel negozio sotto l'ufficio. (Lo so, l'esempio fa acqua da da tutte le parti, ma e' il concetto che conta).Ciao !Un Consip-scontento
        • Anonimo scrive:
          Re: Bastardi !!!!
          - Scritto da: Anonimo
          I problemi sono altri (e gravi).

          1) Lo stato dice di aver risparmiato TOT
          euro nei primi mesi del 2003, e' normale in
          quanto nessuno e' riuscito a fare un solo
          acquisto in consip ... (problemi
          burocratici, fax intasati dalle richieste di
          registrazione ...)il comune dove lavoro 100 PC consegnatiche poi lo stato "falsi" le statistiche non mi stupisce

          2) Chi ha detto che i prezzi sono
          concorrenziali? Non avete sicuramente
          visitato il sito ... I prezzi dei prodotti
          (specialmente informatici) sono ben piu'
          alti che altrove. Basta pensare che la vita
          commerciale di un PC e' di 4 mesi, quindi si
          capisce subito che un listino
          semestrale/annuale non ha senso. E i
          prodotti sono obsoleti (i CDR ad esempio
          sono 4x :-) e costano un disastro!se trovi un miglior rapporto qualità prezzo (o se hai problemi di "compatibilità) PUOI rivolgerti ad altri GIUSTIFICANDO il motivo (problemi di compatibilita, minor costo, migliori servizi)
          3) I tempi di attesa sono eccessivi ... gli
          utenti medi acquistano un antivirus solo
          perche' hanno scoperto di essere GIA' stati
          infettati ... devono rimanere per tre mesi
          col virus? Preferirebbero sicuramente
          acquistarlo a 49 ? nel negozio sotto
          l'ufficio. (Lo so, l'esempio fa acqua da da
          tutte le parti, ma e' il concetto che
          conta).dove lavoro l'AV si acquista col PCnon abbiamo PC senza AV

          Ciao !
          Un Consip-scontentoOpenCurcio-PA***Non Un Passo Indietro!****
          • Anonimo scrive:
            Re: Bastardi !!!!


            1) Lo stato dice di aver risparmiato TOT

            euro nei primi mesi del 2003, e' normale in

            quanto nessuno e' riuscito a fare un solo

            acquisto in consip ... (problemi

            burocratici, fax intasati dalle richieste

            di registrazione ...)
            il comune dove lavoro 100 PC consegnati
            che poi lo stato "falsi" le statistiche non
            mi stupisceDa gennaio ad aprile le mie richiesta d'acquisto sono state bloccate in amministrazione, probabilmente sei stato piu' fortunato. Su dieci persone interpellate sei il primo che ci sia riuscito, il rapporto da 0/10 sale a 1/10 ... wow !
            se trovi un miglior rapporto qualità prezzo
            (o se hai problemi di "compatibilità) PUOI
            rivolgerti ad altri GIUSTIFICANDO il motivo
            (problemi di compatibilita, minor costo,
            migliori servizi)Certo che lo posso fare, e infatti lo faccio sistemanticamente. E' solo una enorme seccatura in piu'. Una volta bastavano tre preventivi e si sceglieva il piu' conveniente. Ora bisogna pure verificare la presenza del prodotto in Consip. Nota che la "lentezza della fornitura" non viene considerata una valida giustificazione (per me fondamentale) per cui mi devo arrampicare sugli specchi ogni volta.

            (Lo so, l'esempio fa acqua da da tutte le parti, ma e' il concetto che conta).
            dove lavoro l'AV si acquista col PC
            non abbiamo PC senza AVE io ho un server AV con licenza multipla. "Se il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito." Proverbio Cinese ...Comunque come ho letto in un altro messaggio di questo thread, l'idea non e' per niente male, va solo aggiustata, tenendo conto delle esigenze dell'utenza e non solo guardare al mero risparmio economico.
    • Anonimo scrive:
      ma dai su
      rileggicerca di capirecerca di competereconsorziatie sarai grande
    • Anonimo scrive:
      Re: Bastardi !!!!

      solo i grandi, possono, loro risparmiano ma
      fanno fallire noi !!!

      impossibile competere con certi prezzi .Mi spiace ma questo è il mercato.... e se io voglio solo risparmiare non me ne frega una cicca che tu possa competere o no... se non riesci cambia lavoro...Se tu devo comperare una macchina vai dal concessionario dove costa di più.
Chiudi i commenti