Partita Iva d'obbligo in home page?

di Andrea Buti - Molti si pongono il problema a causa di una normativa che lascia spazio alle ambiguità. Ecco perché la mancata indicazione della Partita Iva non deve preoccupare troppo i webmaster italiani


Roma – Corsi e ricorsi: torna in rete con prepotenza la richiesta di maggiore chiarezza su una questione già affrontata su Punto Informatico e decisiva per molti, in particolare per i titolari di Partita Iva.

Per inquadrare obblighi e doveri su questo fronte si può partire dalle modifiche del 2001 al vecchio dpr 633/1972, articolo 35, secondo cui il numero di Partita IVA “…deve essere indicato nelle dichiarazioni, nella home-page dell’eventuale sito web e in ogni altro documento ove richiesto.” Questa disposizione si applica a chi intraprenda “l’esercizio di un’impresa, arte o professione nel territorio dello Stato, o vi istituiscono una stabile organizzazione”.

Trattandosi di disciplina generale sull’Iva, riguarda tutte le categorie di soggetti cui risulta applicabile l’imposta in questione , prescindendo dalle concrete modalità di esercizio; dunque, astrattamente, l’obbligo vale per qualsiasi impresa, indipendentemente dal settore merceologico, dai servizi resi, dalla forma societaria, e dall’esercizio con mezzi tradizionali o elettronici, anche, ma non solo, dunque, piattaforme e-commerce. Oltre agli artigiani ed ai professionisti che utilizzino un sito che contiene informazioni relative all’attività esercitata. La stessa norma, però, non dice nulla in merito alle sanzioni derivanti dalla mancata indicazione, tanto è vero che la norma citata al riguardo non è lo stesso d.p.r. 633/1972, ma il d.lgs. 472/1997. Il fatto che si tratti di due leggi diverse fa più di una differenza.

1) Quest’ultima legge (472/1997) non opera un richiamo esplicito alla mancata indicazione del numero di Partita Iva nel sito; in virtù del principio di legalità (art. 25 Cost., ribadito nella sua operatività al caso di specie anche dall’art. 3 della legge in questione) è, invece, necessaria una norma che effettui un “collegamento” univoco tra violazione e sanzione. Potrebbe sorprendere, ma può benissimo accadere, infatti, che la legge preveda la violazione ma non la sanzione : è l’ipotesi della cd. norma “imperfetta”. Che si tratti di una dimenticanza, di una scelta o una mancanza di coordinamento tra norme, è differenza che non rileva: l’importante è solo verificare che vi sia una previsione non equivoca, anche perché:

2) in ambito di sanzioni amministrative possono e devono (quando c’è un riferimento esplicito come nel caso di specie) mutuarsi una serie di principi propri del diritto penale, tra i quali il divieto di analogia e di interpretazione estensiva, se non in bonam partem (art. 14 delle preleggi: “Le leggi penali e quelle che fanno eccezione a regole generali o ad altre leggi non si applicano oltre i casi e i tempi in esse considerati” ): in dubio pro reo , dunque.

3) La ratio della legge 472/1997 non coincide con quella sottesa all’obbligo di indicazione del numero di Partita Iva: tale provvedimento normativo, infatti, come si desume dall’epigrafe ( “Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie” ) e dall’articolato, disciplina direttamente le sanzioni conseguenti alla violazione di norme tributarie. Altra cosa è, dunque, l’ipotesi di mancata indicazione di un numero di Partita Iva poiché quest’ultima circostanza non incide sulle tasse ed infatti:

4) L’art. 6, comma 5 bis prevede poi: “Non sono inoltre punibili le violazioni che non arrecano pregiudizio all’esercizio delle azioni di controllo e non incidono sulla determinazione della base imponibile, dell’imposta e sul versamento del tributo” . Allora, l’unico modo per applicare la sanzione amministrativa è sostenere che la mancata indicazione del numero di partita IVA sia di “pregiudizio” alle azioni di controllo il che va accertato caso per caso, giacché se nella mia home page c’è già tutto (telefono, indirizzo, CAP, contatti, ragione sociale etc..) e manca solo la partita IVA, al massimo potrà essere necessario un po’ più di tempo…,ma di certo il controllo non sarà stato pregiudicato , cioè reso impossibile o compromesso.

5) Secondo il principio di offensività, poi, “una sanzione, cioè una conseguenza negativa del proprio agire, risulta illegittima se l’azione che si intende punire non sia stata foriera di un comportamento dannoso o, quanto meno, pericoloso; per conseguenza, pretendere di punire una condotta di fatto inoffensiva ingenera diffidenza nei consociati e avversione nel contribuente” (Comm. trib. prov.le Pisa, sez. VI, 10 ottobre 2001, n. 97).

In sostanza non si va (o non si dovrebbe andare) in galera per aver rubato una mela….

Avv. Andrea Buti
StudioButi.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dino ferrara scrive:
    il mio video ''l'orco'' contro la pedo
    Visionate il mio video contro la pedofilia ''l'orco'',vi emozionerà,riflettere,capire con attenzione,un tema così delicato.Io sono l'autore del testo e della musica,sono orgoglioso di aver realizzato una iniziativa di comunicazione sociale così importante:Il video lo potete visionare e farlo visionare,cliccando ''youtube l'orco'',il mio tel 3881749660,Dino Ferrara
  • Anonimo scrive:
    17enne violentata
    Immaginate l'immagine riprodotta in un cartone animato...Il reato non c'è perchè in realtà quella ragazina ha 80 anni, ma dato che esiste un siero che ringiovanisce il suo aspetto, ella è perfettamente cosciente di ciò che fa.---Se scrivo in un file di testo: "occhio che quella non ha 17 anni, ne ha 80, ma ha bevuto il siero"mi arrestano lo stesso per pedofilia ?(rotfl), che buffoni.
  • Anonimo scrive:
    E gli hentai ?
    quanti anni ha il personaggio di un hentai ?
    • Anonimo scrive:
      Re: E gli hentai ?
      Uhm... forse con qualche linea scura un pò marcata sul volto appare maggiorenne :)Ma fatemi il piacere, a che serve una legge se non può essere applicata !?
      • Sgabbio scrive:
        Re: E gli hentai ?
        - Scritto da: Anonimo
        Uhm... forse con qualche linea scura un pò
        marcata sul volto appare maggiorenne :)

        Ma fatemi il piacere, a che serve una legge se
        non può essere applicata !?a far vedere che siamo un paese "all'avanguardia" :/Hooo bhe.... voglio vedere se sbattono in galera tutti quelli che gestiscono siti hentai qui in italia
        • Anonimo scrive:
          Re: E gli hentai ?
          - Scritto da: Sgabbio
          Hooo bhe.... voglio vedere se sbattono in galera
          tutti quelli che gestiscono siti hentai qui in
          italiaCe n'è molti? Io trovo solo quelli stranieri.
  • Anonimo scrive:
    Anche per l'omicidio?
    Se il principio è così buono perché non estenderlo anche alle scene di violenza, uccisioni, sangue nei film?Perché non mettere fuori legge la simulazione di omicidio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche per l'omicidio?
      Appunto , quello che si dimentica e' che i film ( di qualunque genere ) sono FICTION !!!!!A questo punto bisognerebbe censurare tutto . Quando Batman salta da un palazzo all'altro , per esempio , anche quello va' censurato perche qualcuno potrebbe emularlo !! E chi se ne frega !! che lo emuli , si sfracella al suolo e abbiamo un coglione di meno ... semplice selezione naturale ....Ma porc ......
  • afiorillo scrive:
    Bah.
    1. Gli ISP: "Art. 14-ter. - [...] I fornitori [...] sono obbligati [...] a segnalare al Centro, qualora ne vengano a conoscenza, le imprese o i soggetti che [...]"Quindi niente Rambo o Dredd: "se ne vengono a conoscenza", come qualsiasi cittadino ha l'obbligo (anche fosse solo morale) di denunciare un reato cui è testimone.2. La dicitura "INTERNET" in maiuscolo: sorvolo, che è meglio. Anche "CAMERA DEI DEPUTATI" è scritto in maiuscolo, ma dormo lo stesso.3. I "filtri": "Art. 14-quater. - [...] I fornitori di connettività INTERNET, al fine di impedire l'accesso ai siti segnalati dal Centro, sono obbligati ad utilizzare gli strumenti di filtraggio [...] sentite le associazioni maggiormente rappresentative dei fornitori di connettività [...]"Anche qua, niente Grande Fratello (mi spiace, Calamari): "ai siti segnalati" significa una cosa diversa da "ai siti in generale". Ci si può arrivare.4. Le "immagini virtuali": ma dov'è il problema, Calamari? Mai letto un fumetto? Mai considerato che "pedopornografia" non è solo la foto scattata al bambino, ma anche quella costruita con Photoshop? Cos'è, non coglie la similitudine? Per Lei è accettabile un manga pedopornografico, ma un filmato no?----------------------------------------------------------------------------Considerazioni personali: invece di applaudire ad un giro di vite contro una delle pratiche più odiose ed infami che mente umana possa aver concepito, ci si crogiuola con la solita zuppa di diritti fasulli e libertà costruite a tavolino solo per arrivare, alla fine, dove più conta: al manifesto politico. Grazie, Calamari: so già cosa votare, io.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bah.
      Contento tu che lo consideri un giro di vite. Mai sentita l'espressione "grida manzoniane"?
    • Anonimo scrive:
      Re: Bah.


      4. Le "immagini virtuali": ma dov'è il problema,
      Calamari? Mai letto un fumetto? Mai considerato
      che "pedopornografia" non è solo la foto scattata
      al bambino, ma anche quella costruita con
      Photoshop? Cos'è, non coglie la similitudine? Per
      Lei è accettabile un manga pedopornografico, ma
      un filmato no?
      La risposta te l'ha già data Luca:LUCA S scrive:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1284399&tid=1284356&p=1&r=PI#1284399Sessuofobia, e moralismo.io solo cosi la leggo.Praticamente io, creativo o artista d avanguardia, o semplice persona che smanetta con photoshop, posso rappresentare la morte (che penso sia il reato piu grave contro la persona, o no?) ma non il sessoin Tv un bambino puo' vedere omicidi, e bambini sgozzati, ma sesso no. Sesso con bambini no. Omicidi si, sesso no.Posso fare fotomontaggi di teste di bambini sgozzati ad asciugare al sole, ma guai se ci metto a fianco un bell uccello ritto.Posso scrivere un romanzo che parla di omicidi, serial killer (tutti reati eh e contro la persona, minorenne o meno) e magari finire in cima alle vendite, ma se scrivo un romanzo nel quale parlo di minorenni e sesso potrei finire in galera. O non venir pubblicato. Alla gogna!(bada bene che non parlo di violenza finora, ma di sole rappresentazioni)Ho letto finora sui forum pochi commenti che concordo, in generale la penso come quello che aveva scritto che in fondo esistono gia' i reati contro la violenza. La pedofilia, e ancor di piu' queste derive sessuofobe e tristemente catto-moraliste, sono solo il frutto di leggi a difesa degli adulti, giustificazioni morali per quel che non riescono a concepire in maniera realmente laica e globale.Fermo restando il ripudio verso QUALSIASI tipo di violenza, trovo che sia una inaccettabile violenza contro la creativita' umana il fatto di proibire un qualsiasi tipo di rappresentazione virtualeSi chiama Censura. Domani vieteranno i libri che parlano di furto, incendio e omicidio. Dopodomani censureranno certe parole dalle chat.ok. Vietiamo la rappresentazione di TUTTI i reati.Perche' solo della pedofilia, intesa nel suo senso piu negativo ? Lasciateli fare, in nome della difesa dei bimbi. Che possono essere scotennati da photoshop, ma niente nudita' o sesso per carita'. Siamo al buio, accendete la luce please. LucaS
    • neus scrive:
      Re: Bah.
      Vedi forse ti sfugge che la paura non è che vengano puniti troppo duramente dei colpevoli (quello lo trovo non giusto, ma un dovere dello stato), ma che vengano perseguite (non condannate, ma indagate) persone che non hanno commesso alcun reato...io sono stato indagato, e non ho dovuto fare salti mortali per defendermi,è bastato aspettare il trascorrere delle indagini per sentirmi dire : ops non hai niente, allora scusa e ciao...ma nessuno mi ha ripagato dell' annodi vita passato a rodermi l'anima, degli sguardi che valgono più di una condanna e dei danni economici derivanti dal sequestro del materiale...ciao e spero non ti serva provare per capire...
    • Anonimo scrive:
      Re: Bah.
      - Scritto da: afiorillo
      Considerazioni personali: invece di applaudire ad
      un giro di vite contro una delle pratiche più
      odiose ed infami che mente umana possa aver
      concepito, ci si crogiuola con la solita zuppa di
      diritti fasulli e libertà costruite a tavolinoNo. Un disegno non causa nessun danno. E` un pensiero, un'invenzione, non un atto. Correre dietro a queste cose e` uno spreco di tempo ed una criminalizzazione in massa della gente.Ed inoltre, del fatto che la legge considera minori quelli sotto i 18 anni, ai nostri istinti sessuali non gliene frega un .... cazzo. Tutte le produzioni porno sono appositamente elaborate per far sembrare giovani le attrici. Giovani quanto? Ma chi se ne frega!! Le pulsioni primordiali non sanno contare fino a 18. Voler imporre una morale prefabbricata che va contro madre natura non ti portera` a nient'altro che a sprecare tempo in inutili persecuzioni.Persecuzioni si, mi riferisco alle centinaia di sfigati che in questi anni si son visti portare via mezza abitazione e hanno perduto la faccia davanti a tutti.... per cosa? Qualche stupido filmino hard, magari nemmeno autentico ma elaborato al computer, scaricato da internet spesso per errore.A me personalmente della fine che fara` il porno in se` non frega nulla, quello che mi frega sono i side effect, tutte le censure prendono in mezzo a vagonate cose che non centrano niente con le buone intenzioni originarie. La censura sulle liberta` d'espressione di qualunque tipo e` un mostro che e` bene lasciare a dormire e le punizioni della legge devono basarsi su fatti reali e inconfutabili.Tra l'altro una legge simile in un processo serio sara` la prima cosa a decadere, che tutta la storia del "virtuale" e`una scemenza giuridica che basta la terza elementare per intuirlo.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Bah.
      afiorillo.... se ti piace vivere in un mondo dove ti bastonano se pensi qualcosa di diverso dei dogmini politici, religiosi e bigotti... fai pure.....infondo sei libero di farlo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bah.

      Per Lei è accettabile un manga pedopornografico, ma un filmato no?O.o, forse sei tu che non cogli la differenza tra virtuale e reale.Benvenuto dunque nel mondo... (fai tu).Cosa c'è di difficile da capire nella frase:"se è reale è successo davvero, se è virtuale non è successo davvero" ?Falla finita, ma leggi ciò che scrivi ?
  • Anonimo scrive:
    E' la polizia a fare le regole reali
    Non cambia molto perché sembra che il problema del rispetto delle garanzie dipenda non dalle norme, ma dai comportamenti della polizia. Le grandi retate che fanno sono ottenute creando siti civetta in cui vengono attirati sprovveduti curiosi. Dopo un po' prendono il file di log e vanno a cercarli tutti nelle loro case e annunciano alle tv di aver ottenuto successi nella lotta contro i pedofili.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' la polizia a fare le regole reali
      Non è illegale procedere in tal modo ?No, perchè altrimenti lascio la porta di casa mia aperta e al primo che entra pianto una pallottola nel cranio.
  • Anonimo scrive:
    il paese dei diritti civili
    L'Italia non e' mai stato il paese dei diritti civili per eccellenza, anzi. Vi stupite di leggi ignobili?Ma sono sempre state la noma, abbiamo una manciata di buone leggi e vagoni di muri, muretti, paletti, reti di controllo, limitazioni. Siamo, siamo stati e saremo sudditi, seppur con moti di orgoglio che hanno spinto a strattoni il paese in avanti.In un paese dove non puoi appoggiare un cavalletto di una macchina fotografica a terra perche' e' occupazione di suolo pubblico, cosa vi aspettate, leggi che tutelino davvero i diritti?Purtroppo, signori miei dalle elevate aspirazioni liberali, questa e' sempre stata una piccola Cina.
    • afiorillo scrive:
      Re: il paese dei diritti civili
      Tranquillo, puoi sempre votare Prodi LOL
      • Anonimo scrive:
        Re: il paese dei diritti civili
        - Scritto da: afiorillo
        Tranquillo, puoi sempre votare Prodi LOLGuarda che non mi riferivo alle fanfare della sinistra che gridano "siamo in un regime".Pensavo ad un periodo ben po' piu' lungo della storia della penisola.,
        • Anonimo scrive:
          Re: il paese dei diritti civili
          Non ti preoccupare, è normale, chi CREDE nella politica la storia non la conosce, solo quelle quattro righe che fanno comodo.
  • Anonimo scrive:
    Finalmente Filtriamo!!!!!!
    Finalmen te anche noi mettiamo i filtri ai collegamenti ai siti web sgraditi. Purtroppo solo dopo:a) paesi islamici b) Cinac) altri paesi asiaticiMA SPERO CHE TUTTI NOI FAREMO IL POSSIBILE PER FILTRARE MEGLIO E DI PIU'!!!!mah...
    • Anonimo scrive:
      Re: Finalmente Filtriamo!!!!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Finalmen te anche noi mettiamo i filtri ai
      collegamenti ai siti web sgraditi.
      Purtroppo solo dopo:...
      c) altri paesi asiaticitipo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Finalmente Filtriamo!!!!!!
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        Finalmen te anche noi mettiamo i filtri ai

        collegamenti ai siti web sgraditi.


        Purtroppo solo dopo:
        ...

        c) altri paesi asiatici

        tipo?Vietnam (mi pare ci siano su PI altri articoli a proposito)
    • afiorillo scrive:
      Re: Finalmente Filtriamo!!!!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Finalmen te anche noi mettiamo i filtri ai
      collegamenti ai siti web sgraditi. [...]Forse faresti meglio a leggerti la legge invece di fare il discepolo acefalo. E' un consiglio, eh...
      • Sgabbio scrive:
        Re: Finalmente Filtriamo!!!!!!
        E solo un precedente pericoloso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Finalmente Filtriamo!!!!!!
        - Scritto da: afiorillo

        - Scritto da: Anonimo

        Finalmen te anche noi mettiamo i filtri ai

        collegamenti ai siti web sgraditi. [...]

        Forse faresti meglio a leggerti la legge invece
        di fare il discepolo acefalo. E' un consiglio,
        eh...Perchè la parolina "ironia" non l'hai considerata tra le ipotesi plausibili?
  • Anonimo scrive:
    i promotori
    Io che lavoro nel campo informatico non capisco o faccio fatica a capire molte cose dell'informatica con cui non sono mai entrato in contatto.Secondo me quando si parla di "computer", anche la parola e' estranea, si pensa che tutto sia contaminato da quella parola, anche i disegni o le persone che li usano addiritture senza la scusa di doverci lavorare!Ma porca miseria, se dico a qualcuno di ammazzare qualcuno commetto un atto abominevole, la stessa cosa se lo disturbo la torre di controllo di un areoporto o dico di farlo ad un altro. Se guardo delle foto, senza pagare, o dei disegni non uccido o stupro, ci vuole tanto a capirlo anche senza usare i computer?avete mai visto Twinky?http://it.movies.yahoo.com/4/8/20948.htmle i manga giapponesi?e i film porno o semplicemente osceni in cui le donnine si vestono come liceali ritardate?Bisogna essere dementi per pensare che cio' conduca a rovinare la vita di un innocente e legiferare contro i pensieri che la gente innocente non ha!Questa classe politica ha fatto il suo tempo e non rappresenta piu' nessuno. Naturalmente lo scoraggiare le persone capaci di pensare con la propria testa fa il gioco degli inariditori spirituali attuali, compresa la chiesa che vorrebbe e si adopera perche' tutti diventino poveri di spirito.L'unico partito che mi fa ben sperare e' quello svedese degli hacker, potrebbe trovare sostenitori anche da noi e sarebbe meno ignorante clericale di quelli attuali."Iniziativa GovernativaMinistro senza portafoglio per le Pari opportunità Stefania Prestigiacomo (Governo Berlusconi-II), Ministro della giustizia Roberto Castelli (Governo Berlusconi-II), Ministro dell' interno Beppe Pisanu (Governo Berlusconi-II), Ministro del lavoro e politiche sociali Roberto Maroni (Governo Berlusconi-II), Ministro delle comunicazioni Maurizio Gasparri (Governo Berlusconi-II), Ministro senza portafoglio per l' innovazione e le tecnologie Lucio Stanca (Governo Berlusconi-II)"
    • Anonimo scrive:
      Re: i promotori
      quoto tutto ma ...
      "Iniziativa Governativa
      Ministro senza portafoglio per le Pari
      opportunità Stefania Prestigiacomo (Governo
      Berlusconi-II), Ministro della giustizia Roberto
      Castelli (Governo Berlusconi-II), Ministro dell'
      interno Beppe Pisanu (Governo Berlusconi-II),
      Ministro del lavoro e politiche sociali Roberto
      Maroni (Governo Berlusconi-II), Ministro delle
      comunicazioni Maurizio Gasparri (Governo
      Berlusconi-II), Ministro senza portafoglio per l'
      innovazione e le tecnologie Lucio Stanca (Governo
      Berlusconi-II)".. per coerenza, aggiungiamo ancheOn. Gaetano Pecorella (FI) (come presidente)On. Marcella Lucidi (DS-U) (interv. come relatore)On. Pierantonio Zanettin (FI) (come presidente)On. Sesa Amici (DS-U)On. Roberto Villetti (Misto, Rnp)che l'hanno trattato in commisione, dando, evidentemente ,parere favorevole..cioe della serie a nessun schieramento frega nulla... o + probabilmente non l'hanno neanche letta..
      • mr_setter scrive:
        Re: i promotori
        - Scritto da: Anonimo
        .. per coerenza, aggiungiamo anche
        On. Gaetano Pecorella (FI) (come presidente)
        On. Marcella Lucidi (DS-U) (interv. come relatore)
        On. Pierantonio Zanettin (FI) (come presidente)
        On. Sesa Amici (DS-U)
        On. Roberto Villetti (Misto, Rnp)
        che l'hanno trattato in commisione, dando,
        evidentemente ,parere favorevole..

        cioe della serie a nessun schieramento frega
        nulla... o + probabilmente non l'hanno neanche
        letta..L'hanno letta l'hanno letta purtroppo!Anche la relatrice tale on. Marcella Lucidi dei DS.....Questo la dice lunga su come il comportamento in aula parlamentare sia spesso affetto da discrasia cronica quando ci si presenta, ad es. in una trasmissione televisiva, per condannare l'ennesima "fregatura" approvata dalla maggioranza...Ma tant'e'.....LV&P :-|
    • Sgabbio scrive:
      Re: i promotori
      - Scritto da: Anonimo

      e i manga giapponesi?Concordo con quello che dici anche se la mia risposta può essere considerata OT.Ti quoto questa frase, per dirti di stare attento a come usi certe parole. Ci sono certe persone che pensano che i manga siano materiale che facciano diventare omosessuali o Pedofili.......Da come hai messo la domanda, sembra che i Manga siano solo pieni di Violenza gratuita estrema e di Sesso selvaggio :)
    • Anonimo scrive:
      Re: i promotori
      - Scritto da: Anonimo
      e i manga giapponesi?Quoto Sgabbio.Sono un appassionato di manga, e sentir ancora dire che manga = porno mi fa capire che questa convinzione continua a girare, e la cosa mi rattrista, denota solo quanta ignoranza gira tra la gente (non prenderla come critica a te in particolare, eh, dico in generale!)...Allora io dico film = porno! (come sopra, dico in generale!)
      • Anonimo scrive:
        Re: i promotori
        Ma dico io , uno non si puo vedere quello che caxx gli pare !!!! ????I minori ? ci devono pensare i genitori , non lo stato !!!!!!!Ma che e' , stiamo tornando indietro , allo stato padre padrone ??
  • avvelenato scrive:
    cobalto
    per coerenza dovresti denunciare l'articolista per apologia di reato, visto che consideri apologa chiunque critichi una legge che reputa ingiusta.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 07.16-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    a me fa paura da una vita...
    .. cerco di spiegare, diffondere...ma la gente non capisce o prende in giro:d'altra parte, prendete in esame la telefonia mobile,quello e' _blandamente_ DRM di test e vedo che molti sono disposti a pagare cose vergognose;"funziona cosi'".. replicano..mah
Chiudi i commenti