Penali di recesso, Vodafone citata in giudizio

Movimento Consumatori porta in giudizio Vodafone. Sarebbe illegittima la richiesta di somme di denaro agli utenti intenzionati a cambiare gestore

Milano – Il pacchetto per le liberalizzazioni noto come Bersani bis è stato posto in essere con l’obiettivo di dare al consumatore la libertà di scelta dell’operatore telefonico, attraverso la possibilità di recedere da qualsiasi piano tariffario senza l’obbligo di pagare penali. Movimento Consumatori rileva però che non tutti gli operatori si sono comportati correttamente con gli utenti. E punta il dito, citandola in giudizio, contro Vodafone .

“Nei piani tariffari No Problem 1000, No Problem 250 e Casa Internet – spiega l’associazione – all’utente che decide di passare ad un altro operatore si richiedono ingenti somme di denaro: da 249 a 300 euro a seconda del periodo in cui è stato stipulato il contratto”. Il Movimento Consumatori si è mosso dunque per chiedere al tribunale di Ivrea – in via d’urgenza – che il comportamento adottato da Vodafone, ritenuto illegittimo, venga inibito e che l’azienda restituisca le somme già incassate a titolo di penale.

“Era necessario andare in causa contro Vodafone – afferma Alessandro Mostaccio, responsabile nazionale del settore telefonia di Movimento Consumatori – a tutt’oggi nonostante la nostra diffida di giugno scorso i contratti di questa azienda pongono ancora evidenti ed onerosissimi ostacoli ai consumatori che decidono di cambiare operatore telefonico”. Inoltre, “i piani tariffari citati ancora contengono clausole in contrasto con la legge Bersani, come quella che prevede il pagamento di penali in caso di recesso”.

Nel frattempo l’associazione invita tutti i consumatori che si sentono danneggiati dalle condizioni applicate da Vodafone ad appoggiare e sostenere un’azione collettiva inibitoria, tesserandosi simbolicamente a 5 euro al Movimento Consumatori e segnalando i propri casi personali a questo indirizzo .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fabio nolan scrive:
    tecnologia wimax
    spero vivamente che questa connessione sia una manna dal cielo...sono stufo di connettermi e aspettare 10 minuti per caricare video chedurano 3,4 minuti e poi sarebbe bello sapere in tempo reale,in unita' di misura quanti dati stiamo scaricando...vorrei una connessione molto piu' veloce....come quando cambiamo canale con il telecomando della televisione.....si guadagnerebbe tempo...ho sentito che in giappone c'è una tecnologia che permetterebbe di farlo....è vero?e se si' vorrei tanto che l'italia sia al passo con i tempi!grazie.
  • M. D. scrive:
    Non l'unico
    Beh, non è l'unico operatore alternativo a Telecom. C'è anche BBBell con la sua copertura hyperlan.Guardate www.adslwireless.biz.
  • giulia miravalle scrive:
    come fa un comune ad avere il wimax?
    qualcuno saprebbe spiegarmi come un comune piemontese può avere il wimax? si può semplicemente comprare?
    • M. D. scrive:
      Re: come fa un comune ad avere il wimax?
      Beh non proprio, Aria (o chi per essi) deve avere interessi a coprire quel comune. O perché il comune ha molti cittadini quindi Aria può prevedere che nel giro di poco tempo si ripagherà l'installazione dell'antenna, e quindi la finanzia lei, oppure perché riceve un contributo per installare le necessarie antenne, magari dal comune stesso piuttosto che da aziende o un gruppo di privati.
Chiudi i commenti