Peppermint, seconda ondata di raccomandate

Molti utenti italiani segnalano di aver ricevuto una nuova lettera di richiesta risarcimento da parte dello studio legale che segue gli interessi di alcuni produttori internazionali. Chiesti 330 euro per un mp3

Roma – Numerose segnalazioni giunte a Punto Informatico in queste ore e quelle pubblicate su p2pforum.it non lasciano adito a dubbi: è in corso l’invio di una seconda ondata di raccomandate ad utenti italiani dei sistemi peer-to-peer, o comunque ad utenti internet ritenuti colpevoli di sharing illegale da parte degli agenti della casa discografica Peppermint.

Questo secondo invio, che segue le raccomandate delle scorse settimane, era temuto da tempo, e non sorprenderebbe se a breve oltre a quelle inviate per conto di Peppermint ne arrivassero anche altre trasmesse per conto di altri produttori che si sono affidati alla medesima società, la svizzera Logistep , per le attività di monitoraggio delle reti di peering.

Come nella prima ondata, anche queste raccomandate propongono formalmente un accordo che, attraverso il pagamento di 330 euro , porti il produttore interessato ad evitare denunce formali e l’utente a cancellare qualsiasi file irregolare si trovi sul computer e a promettere di non scaricare più nulla di illegale in futuro. Un accordo che per avere valore, secondo lo studio legale che segue il caso, deve essere accettato dall’utente entro l’ultimo giorno di luglio (qui sotto le tre pagine delle raccomandate in arrivo):

Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire

Si tratta, come già ampiamente spiegato da associazioni dei consumatori come Altroconsumo o Adiconsum , e ripreso da siti dedicati , di una richiesta a cui l’utente italiano può difficilmente andare incontro. Pagare, infatti, può essere interpretato come una ammissione di colpevolezza rispetto ad un atto, la condivisione di file sulle reti di sharing, che sulla carta in Italia come noto è considerato un reato passibile di sanzioni penali e perseguibile come tale d’ufficio, quindi indipendentemente da una denuncia di parte.

Le nuove raccomandate arrivano mentre il quadro complessivo della vicenda Peppermint continua a tenere banco tra gli addetti ai lavori, con i confini dell’intera operazione di identificazione e trattamento dei dati personali degli utenti che rimangono tutti da chiarire. Tanto che, come noto, anche il Garante per la privacy intende valutare se le operazioni Peppermint-Logistep siano o meno legali secondo le normative italiane.

Comprensibile dunque se alcuni utenti sottolineano come “La cosa strana di questa seconda ondata di lettere è che lo studio legale non ha aspettato il 18 luglio per inviarle, ossia la data prevista per l’udienza sulla presunta illegittimità costituzionale dei metodi di indagine svolti dalla Logistep… Che siano arrivate adesso lettere basate su “prove” per le quali non è ancora stata ribadita la legittimità mi suona davvero come una provocazione”.

Sui siti delle due associazioni sono reperibili articoli e suggerimenti per far fronte a questo genere di comunicazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alessandro Marzini scrive:
    passare a free-hotspot.com ?
    Che ne dite di passare a free-hotspot.com?E' in regola con la legge Pisanuwww.free-hotspot.comSaluti,Alessandro MarziniDIGILAB
  • bepp scrive:
    Legge Pisanu
    Nei paesi civilizzati è possibile collegarsi liberamente a Internet. In Italia no.Legge Pisanu Delenda Est.
    • Poldo scrive:
      Re: Legge Pisanu
      - Scritto da: bepp
      Nei paesi civilizzati è possibile collegarsi
      liberamente a Internet. In Italia
      no.

      Legge Pisanu Delenda Est.L'abolirei davvero quella legge. Strozza un mercato, utile soprattutto alle strutture ricettive e al turismo.sob...
      • nOra scrive:
        Re: Legge Pisanu
        - Scritto da: Poldo
        - Scritto da: bepp

        Nei paesi civilizzati è possibile collegarsi

        liberamente a Internet. In Italia

        no.



        Legge Pisanu Delenda Est.

        L'abolirei davvero quella legge. Strozza un
        mercato, utile soprattutto alle strutture
        ricettive e al
        turismo.
        sob...Già, da abolire... ma mi sa che dietro ci sta la lobby delle telco... anzi di Telecom... che ne dite? Sono un dietrologo paranoico?
  • Nilok scrive:
    GRATUITO?
    Ave.Guai, in Italia, a parlare di ualcosa di "gratuito"!!!Quì si paga anche per esistere....e non esiste NULLA di gratuito.Smettiamola di fare DISINFORMAZIONE.A presto.Nilokhttp://informati.blog.tiscali.it/"Essere liberi dallo sfruttamento e NON essere liberi di essere sfruttati!"
  • kabirone scrive:
    FON: e' gratis e FUNZIONA!
    Non capisco quale sia il problema! FON e' una realta' in tutto il mondo e sopratutto e' GRATIS!Anche i router vengono forniti praticamente gratis soprattutto alle amministrazioni locali che aderiscono al progetto.www.fon.com!k
    • Poldo scrive:
      Re: FON: e' gratis e FUNZIONA!
      - Scritto da: kabirone
      Non capisco quale sia il problema! FON e' una
      realta' in tutto il mondo e sopratutto e'
      GRATIS!Il problema è uno (purtroppo): in Italia FON è illegale(vedi legge Pisanu)
      • Marco Luciano scrive:
        Re: FON: e' gratis e FUNZIONA!
        Non è vero...perchè gli utenti che entrano su FON, si autenticano presso i server centrali di FON, e non sono sconosciuti. Si può tranquillamente risalire a loro.Ovviamente l'unico inconveniente legale è nelle condizioni di servizio delle ADSL italiane, nel senso che vietano di condividere/rivendere banda :(
        • FON_BOOOO scrive:
          Re: FON: e' gratis e FUNZIONA!
          E' anche e soprattutto un problema di privacy, perche condivide banda vuol dire anche (per i più maliziosi) condividere dati sensibili......
          • Diego scrive:
            Re: FON: e' gratis e FUNZIONA!
            C'è ancora qualcuno che crede di poter ciucciare l'hard disc di chi attiva un wireless?
      • Pietro Suffritti scrive:
        Re: FON: e' gratis e FUNZIONA!
        FON NON e' in linea col pacchetto pisanu perche' non chiede la fotocopia del documento di identita' depositata in un registro presso qualcuno.l'unico gratuito in italia che lo fa e' Free-HotSpot.com
  • Albex scrive:
    Re: Grazie governanti!
    appunto... se invece che usare una tecnologia cosi OBSOLETA come il DVB-T avessero attuato un sistema di IP-TV con al posto che i box digitali dei box Wi-Fi da attaccare alla tv... tutto sarebbe stato migliore.Ma qui si va a ritroso.Vi ricordo che il DVB-T utilizza compressioni MPEG-1 di anni e anni fa... niente di diverso dal satellite che esiste ormai da anni... roba ANTICA.
  • Albex scrive:
    3000 euro per una connessione ???
    Ma scusate.. un adsl costa 25 - 30 euro al mese...mettiamo di voler mettere 2 linee a 8Mbit per un totale di 16Mbit che mi sembra una banda ragionevole per un hotspot gratuito. (anche se si connettessero 100 persone simultaneamente avrebbero cmq una velocita di 160Kbps superiore anche alla doppia isdn)un costo quindi di 60 euro al mese di connettività.il router non richiede chissà quale manutenzione una volta installato semplicemente "funziona". e all'installazione si potrebbe occupare il reparto IT del comune gia esistente. (nn serve pagare 1100 euro un impiegato x guardare i led di un router accendersi e spegnersi)quindi con 180 di connettività, arriviamo a 500 euro tra corrente elettrica, e manutenzione straordinaria, e deterioramento machine... direi che 500 euro per 3 mesi sarebbe una spesa ragionevole per un servizio del genere...
    • stefdragon scrive:
      Re: 3000 euro per una connessione ???
      - Scritto da: Albex
      Ma scusate.. un adsl costa 25 - 30 euro al mese...Non credo proprio che un comune che crea hot spot pubblici, si faccia mettere un'Alice 4 Mb con 256 Kb in Upload :PPiuttosto credo puntino su un Hdsl bidirezionale, altrimenti il traffico in uscita verrebbe saturato già con pochi utenti attivi, ma in questo caso i costi crescono.Di certo con 3.000 euro (tolti i costi iniziali) doveva essere una linea MOLTO performante...
      • Stanza237 scrive:
        Re: 3000 euro per una connessione ???
        Ma se volessi fare una proposta del genere al mio comune (in quanto associazione culturale) come posso muovermi per avere un preventivo? Vado dalla telecom e gli chiedo una hdsl che parte dal municipio?
    • Poldo scrive:
      Re: 3000 euro per una connessione ???
      I costi sembrano altini anche a me... però ipotizzo i costi "accessori" che vanno al di là del costo della connessione.- costi degli apparati (ok, è solo per lo startup)- costi del personale (quello che abilita le utenze)- costi di manutenzione e in generale dei tecnici che permettono di monitorare, controllare, risolvere- costi del software (anche se fosse open source, si potrebbero avere costi per gli installatori...)- costi legati alla pubblicitàpoi è tutto un altro discorso se il sindaco "adopera" risorse proprie (impiegati, uffici, tecnici) per abbattere i costi sopra citati.ps. IMHO per un hotspot una lina ADSL basta e avanza per fornire accesso a molte persone, tenendo conto che l'utilizzo tipico è quello di navigare e scaricare le email con i PDA
      • SteLag scrive:
        Re: 3000 euro per una connessione ???
        Il problema non è solo il costo degli apparati e della linea adsl... avete considerato i costi delle concessioni di suolo pubblico? Sappiate che per inondare un segnale radio su un suolo pubblico vanno pagate delle concessioni!Cmq concordo sul fatto che l'Italia è l'unico Stato "civile" che ha una legge restrittiva quanto il Decreto Pisanu... evviva la libertà!
  • MisterEmme scrive:
    Solo 90 in sei mesi ??
    In pochi mesi sono 90 i cittadini termolesi che si sono iscritti e che nell'area coperta del segnale hanno potuto navigare gratuitamente ogni giorno 24 ore su 24.Ma non sono un po' pochini?Solo 90 persone in 6 mesi??Ok non si e' fatta pubblicita'....ma allora come si poteva venire a conoscenza della cosa?
    • Albex scrive:
      Re: Solo 90 in sei mesi ??
      passi di li, il tuo n80 dice "rilevta nuova commessione" hei ma io nemmeno ce l'ho un n80... e allora boh... forse saranno solo quei pochi fortunati
    • WLANNO scrive:
      Re: Solo 90 in sei mesi ??
      Probabilmente si intendeva che non vi era gran pubblicita...... dopotutto se ci sono stati 90 inscritti, vuol dire che da qualche parte era specificata la possibilità del servizio.
  • Blackawk scrive:
    Grazie governanti!
    Basta che si sono BUTTATI soldi per l'INUTILISSIMO DIGITALE TERRESTRE!!!
  • Barattistut a scrive:
    Mi sembra strano che un comune non ...
    ... abbia 3000 da destinare ad un servizio di pubblica utilità che potrebbe incentivare il turismo .. molto più probabile che qualche gestore di servizi internet si sia lamentato ..
    • ba1782 scrive:
      Re: Mi sembra strano che un comune non ...
      - Scritto da: Barattistut a
      ... abbia 3000 da destinare ad un servizio di
      pubblica utilità che potrebbe incentivare il
      turismo .. molto più probabile che qualche
      gestore di servizi internet si sia lamentato
      ..Beh, la tua ipotesi è possibile, ma non bisogna dimenticare l'ignoranza di chi dovrebbe "sganciare" per questi servizi :) Il comune può benissimo aver preferito di spendere questi 3000 semestrali in un altro modo... è comunque un gran peccato...
  • Giovanni scrive:
    ma dai
    chi è lo sfi___o che si porta il pc anche in spiaggia???ca__o, stiamo sempre davanti a questo maledetto monitor a perdere la nostra salute mantale, e pure in spiaggia mi serve?ma dai.ma poi chi è che si lamenta? quelli che abitano vicino agli hotspot per accedere a internet a scrocco!e questo sarebbe un servizio essenziale???
    • ba1782 scrive:
      Re: ma dai
      - Scritto da: Giovanni
      chi è lo sfi___o che si porta il pc anche in
      spiaggia???

      ca__o, stiamo sempre davanti a questo maledetto
      monitor a perdere la nostra salute mantale, e
      pure in spiaggia mi
      serve?

      ma dai.

      ma poi chi è che si lamenta? quelli che abitano
      vicino agli hotspot per accedere a internet a
      scrocco!

      e questo sarebbe un servizio essenziale???Ma hai pensato mezzo secondo prima di scrivere 'sta roba?Che sia in spiaggia o in montagna, il fatto essenziale è che, per 6 mesi, questa cittadina italiana ha reso disponibile gratis il wi-fi :) Chi se ne frega che in spiaggia c'è altro da fare?!?!? Ma dai.
    • pippo scrive:
      Re: ma dai
      - Scritto da: Giovanni
      chi è lo sfi___o che si porta il pc anche in
      spiaggia???

      ca__o, stiamo sempre davanti a questo maledetto
      monitor a perdere la nostra salute mantale, e
      pure in spiaggia mi
      serve?

      ma dai.

      ma poi chi è che si lamenta? quelli che abitano
      vicino agli hotspot per accedere a internet a
      scrocco!

      e questo sarebbe un servizio essenziale???hai perfettamente ragione.peraltro questo sito e` pieno di sfigati epr cui non hai che da scegliere
  • floriano scrive:
    3000E?????
    è il costo che un comune di pochi abitanti butta in una consulenza di basso livello...che scusa banale!!!
Chiudi i commenti