Per sbloccare l'iPhone basta una SIM?

Una scheda da sovrapporre alla SIM di un operatore mobile ingannerebbe l'iPhone inducendolo a funzionare anche su una rete mobile diversa da quella dell'operatore esclusivista

Roma – Oggetto di attenzioni indiscrete da parte di utenti, curiosi e smanettoni, l’ iPhone è talmente desiderato che la Rete pullula di soluzioni per l’ unlocking o jailbreaking . Ultimi in ordine di tempo, sono comparsi alcuni kit in formato SIM-card che – senza alterazioni particolari sull’apparecchio – consentono di utilizzare il melafonino con qualunque operatore. O almeno così promette chi li vende.

Quello venduto da Mobile.brando costa 30 dollari (intorno ai 20 euro): ha la forma di una SIM card, che va accostata a quella rilasciata all’utente dall’operatore e inserita insieme ad essa nell’alloggiamento dell’apparecchio. L’iPhone viene così indotto ad identificare la SIM come appartenente ad AT&T Wireless (l’operatore mobile esclusivista del melafonino per gli USA) e a funzionare regolarmente. Unico requisito, il firmware v1.1.2 a bordo dell’apparecchio.

Il principio sembra essere simile a quello dei kit pubblicizzati dal sito Alibaba.com che promettono compatibilità con ogni gestore e area geografica. Alcune inserzioni pubblicate dal sito cinese (come questa ) riportano alcune semplici istruzioni sull’utilizzo del kit, arrivando addirittura ad assicurare che tali modalità d’uso non compromettono le condizioni di garanzia rilasciate dal produttore ( “This will not void your warranty with the manufacturer” ).

Non è chiaro da dove venga tratta questa certezza: Apple considera ogni manipolazione del lock tra telefono e operatore un intervento indebito su iPhone. Il problema può nascere in sede di reclamo: quanto facilmente sarebbe possibile dimostrare, in caso di malfunzionamento, che l’utente ha utilizzato uno di questi kit?

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ant Mar scrive:
    Fallimento?
    Non credo che il fallimento sia così vicino, dato che il capitale di Fastweb è per più dell'80% in mano a Swisscom, mentre la parte in borsa è meno del 10%....
  • guerrierodipace scrive:
    datato
    l'analisi però è datata aprile 2007!!!!un po vechiotta
    • Ilio scrive:
      Re: datato
      - Scritto da: guerrierodipace
      l'analisi però è datata aprile 2007!!!!
      un po vechiottavecchiotto mi pare tutto l'ambaradan veramente
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Fastweb sta fallendo !
    Con uno Z-Score di 1.28 (Parmalat aveva 1.45 al momento del Crack), economicamente sotto a 1.80 il fallimento è assicurato !Non dimentichiami inoltre che con le nuove offerte Telecom (gratis da 2 Mbit a 7 Megabit) e col fatto che Fastweb non cabla più in fibra perchè troppo costoso è facile prevedere l'ormai irreparabile declino.Considerando che non danno nemmeno IP pubblico, e che si è perennemente dietro NAT, ci sono spessissimo problemi di rete ... non vedo ancora come faccia a stare a galla !Prevendo entro Marzo 2009 il fallimento societario.Date anche un'occhiata qui : http://www.teletrading.tv/analisi_fondamentale/0092_zscore_fastweb.html
    • Popolo alla riscossa scrive:
      Re: Fastweb sta fallendo !
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      Considerando che non danno nemmeno IP pubblico, e
      che si è perennemente dietro NAT, ci sono
      spessissimo problemi di rete ... In 8 anni l'unico problema che ho avuto è stato con il server dei newsgroup. Dell'ip pubblico il 99.9% degli abbonati non se ne fa niente e manco sa cos'è.
Chiudi i commenti