Perdono la ragione a causa del telefonino

Allarme in Corea del Sud: il 40% degli adolescenti soffre di dipendenza psicologica da cellulari. Una ricerca del governo registra patologie psichiatriche legate all'abuso del telefonino. Si parla di fenomeno di massa


Seoul – In bagno, sul cuscino, tra i banchi di scuola: il cellulare, in Corea del Sud, è diventato un compagno inseparabile per milioni di persone . La telefonia mobile si è talmente insinuata nelle dinamiche sociali della repubblica coreana che il governo ha dovuto commissionare un’ indagine scientifica per capire gli effetti psicologici di questa insolita e dilagante invasione tecnologica .

I risultati sono impressionanti: un terzo degli adolescenti compresi tra i 14 ed i 19 anni, equivalente al 20% del mercato telefonico, si sente a disagio quando non ha un terminale tra le mani. Quattro ragazzi su dieci spediscono fino a mille SMS al mese , mentre la media nazionale si aggira sui 45 messaggi al giorno procapite. Il 40% dei giovani usa quotidianamente il telefono per giocare, arrivando a passare interi pomeriggi di fronte al piccolo schermo di un cellulare.

Choi Byeong-mok, scienziato della Far East University di Chungcheong e direttore di questa ricerca, non ha dubbi riguardo i risultati dello studio: è convinto che la Corea del Sud abbia raggiunto un livello di saturazione tecnologica particolarmente rischioso, capace di sconquassare l’equilibrio psicosociale della popolazione.

“Gli adolescenti usano il proprio cellulare secondo regimi serratissimi e spesso non riescono a staccare gli occhi dalle tastiere”, dichiara Choi in un’intervista al Joong Ang Daily . “Alcuni di loro spediscono fino a 400 messaggi al giorno, la maggior parte dei quali, specie agli occhi degli adulti, possono sembrare senza senso”. L’ubiquo strumento di comunicazione dell’era digitale è diventato uno specchio dell’anima? “Usare il cellulare per mandare messaggi è diventato un modo per dimostrare la propria presenza, il proprio affetto, anche se mittente e destinatario sono distanti”, conclude il ricercatore.

Un’arma a doppio taglio: i dati raccolti da Choi hanno permesso di registrare l’esistenza di vari strati della popolazione afflitti da patologie psichiatriche imputabili alla diffusione incontrollabile dei cellulari, assurti da semplici status symbol a fondamento dell’identità psicologica individuale.

Tra i disturbi causati dall’abuso dei telefonini vi sono: disagio mentale, ansia e persino allucinazioni. La casistica sudcoreana contiene episodi allarmanti, come quello di una giovane ragazza di 15 anni che, pur avendo spento il telefono, continua a sentirne costantemente la suoneria. Altri, come suggerisce lo psichiatra Chung Chan-ho, direttore di una clinica specializzata nella cura degli adolescenti, “soffrono di vere e proprie dipendenze da tecnologia”.

Lo studio condotto dal governo parla chiaro: il 30% dei giovani è colpito da stati confusionali e depressione transitoria ogni volta che non può utilizzare un cellulare. “La dipendenza riesce ad influenzare negativamente il rendimento scolastico”, visto che il ricorso al telefonino sembra essere un diversivo assai popolare per combattere il tedio dei banchi di scuola.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Dopo la fase beta si pagherà
    E' scritto sul sito, bastava andarlo a vedere...https://www.textpayme.com/us/help/feeschedule.tpmAngelo, Torino.
  • Anonimo scrive:
    Redmond?????
    Ma è della Microsoft questo servizio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Redmond?????
      - Scritto da: Anonimo
      Ma è della Microsoft questo servizio?Sembra di no. Però la società è proprio di Redmond: https://www.textpayme.com/us/about/about.tpm
  • Anonimo scrive:
    Ma è sicura?
    Voglio dire: se "rubo" il cellulare al mio amico e mando un sms con me come beneficiario, faccio in fretta a fregargli un po' di quattrini...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma è sicura?

      Voglio dire: se "rubo" il cellulare al mio amico
      e mando un sms con me come beneficiario, faccio
      in fretta a fregargli un po' di quattrini...Se poi gli rubi anche la carta di credito forse ti conviene di più.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma è sicura?
      - Scritto da: Anonimo
      Voglio dire: se "rubo" il cellulare al mio amico
      e mando un sms con me come beneficiario, faccio
      in fretta a fregargli un po' di quattrini...solo per quello che dispone in effettivo sulla ricarica,in effetti sara' difficile fregargli piu' di cinquanta euretti e comunque verresti preso subito,il cellulare ha una brutta caratteristica e' immediatamente localizzabile,anche da spento.................
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma è sicura?
      "Dopo ogni transazione, TextPayMe chiama il debitore titolare dell'account per verificare l'effettiva disposizione, richiedendogli un PIN. A conferma ricevuta, il pagamento viene eseguito, decurtando la ricarica prepagata dell'importo corrispondente al debito estinto."Mi sembra che la transazione venga eseguita dopo una richiesta di conferma con richiesta di PIN.Se uno poi lascia anche il PIN sul telefonino peggio per lui.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma è sicura?

        Se uno poi lascia anche il PIN sul telefonino
        peggio per lui.
        ma come faccio il post it non resiste sul telefonino :)
Chiudi i commenti