Pfizer alla guerra del Viagraweb

Il colosso farmaceutico dichiara aperta la caccia ai siti e agli spammer che vendono Viagra illegalmente o che spacciano come Viagra dei prodotti non clinicamente sicuri

Roma – Pfizer ha deciso di lanciarsi in una campagna globale per fermare la vendita illegale di Viagra, tra i molti prodotti dell’azienda sicuramente il più celebre.

Da anni il Viagra, farmaco capace di donare una più vitale virilità agli uomini, è uno dei medicamenti di punta per le numerosissime farmacie online che a tutte le latitudini propongono prodotti non sempre legali nei paesi in cui si trovano i compratori.

Non solo, il Viagra è anche divenuta da tempo una parola chiave per i filtri antispam , in quanto la commercializzazione in rete delle famose pillole blu della Pfizer è spesso e volentieri passata proprio attraverso massicce imponenti dosi di spam da parte dei soggetti più diversi.

Dopo anni in cui questo fenomeno non ha fatto che aumentare, ora Pfizer ha deciso di darsi da fare nel timore di perdere il controllo sulla vendita del prodotto e soprattutto di non incamerare tutto il dovuto e il possibile: vi è persino chi vende online pillolotte spacciate per Viagra ma che Viagra non sono. Con tutti i rischi, evidentemente, che possono derivare da farmaci non testati e non riconosciuti come sicuri dalle autorità di controllo.

pillole di Viagra La mossa di Pfizer segue di qualche mese la decisione di Google di bloccare la pubblicità di siti che vendono farmaci, compreso il Viagra, senza supervisione medica. Negli anni scorsi, peraltro, qualche medico era stato persino multato per aver venduto Viagra senza neppure visitare i pazienti che lo richiedevano.

Pfizer intende articolare la sua campagna sia sul piano legale, denunciando decine e decine di siti e farmacie web che lavorano a suo dire illecitamente, sia sul piano della sensibilizzazione, per informare il pubblico su come acquistare in sicurezza via web le dosi di Viagra. Secondo quanto dichiarato dall’azienda, l’azione sarà coordinata con le autorità e le forze dell’ordine statunitensi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ilmusico scrive:
    Sembra proprio che ...
    Sembra proprio che in avvenire, la parola "Privacy" la potremo trovare sui dizionari,di certo non sperimentarla di persona. Già attualmente,questa parola mi da ai nervi,quando viene pronunciata ;proprio per il fatto che mi suona come una presa in giro. Se nel caso di questo penitenziario statunitense l' uso dei radiochips può essere condiviso , la prospettiva che questi diabolici dispositivi vengano inseriti sottopelle senza che il soggetto se ne renda conto, oppure venga obbligato a farselo inserire, è tutt'altro che remota e mi trova acèrrimo nemico di questi radiochips che tolgono ogni intimità personale ,distruggono la libertà personale (ma a questo punto mi chiedo: quale libertà d'egitto? C'è ,forse,la Libertà?Ne dubito e se mai è solo apparente. ).Alla televisione,durante un tg,hanno reso noto che una persona,specialmente nelle metropoli,viene ripresa circa 200 volte (!) al giorno dalle telecamere,più o meno nascoste,quando si entra al casello autostradale,stessa cosa (ma quì può essere veramente utile) e mi fermo quì.   Questo ,è solo un esempio di quanto si sia controllati .Qualcuno dice che non gliene importa niente poiché non ha nulla da nascondere e non sembra afferrare tutti i sottintesi che questo serrato controllo in ogni dove ,cioè, possa essere usato per scopi tutt'altro che chiari...in mano a persone prive di scrupoli,per esempio,politici,servizi segreti,malintenzionati....Spero che il prossimo futuro mi dia torto e che i miei timori siano infondati. Il Musico==================================Modificato dall'autore il 04/08/2004 20.07.22
  • Anonimo scrive:
    In questo caso è giusto ma sottopelle!
    Perchè non innestare versioni miniaturizzate sotto la cute dei carcerati e rendere la rimozione impossibile senza un disattivatore ? Per i criminali riconosciuti colpevoli di omicidio si potrebbe prevedere una micro carica di esplosivo sufficiente a far saltare tutto il braccio del detenuto così che muoia dissanguato in caso di fuga.Vuoi vedere come anche i criminali più feroci si darebbero una regolata per la paura di finirci secchi prima del previsto?Ed i tentativi di evasione diverrebbero praticamente nulli. Non ci trovo nulla di scandaloso, anzi, credo sia sempre più necessario per poter controllare una società che va a rotoli per mancanza di sicurezza, morale, valori di base.E non venitemi a raccontare che sono metodi fascisti o criminali, è ora di farla finita con questa propaganda idiota che permette ai criminali di agire indisturbati ed alla gente comune di subire tutte le conseguenze di una situazione mondiale sempre più pericolosa. Se chi sceglie di vivere come un criminale sapesse di rischiare davvero misure coercitive serie senza alcuno sconto possibile allora sì che tanta gente rinsavirebbe ! I bambini fanno quello che gli pare se i genitori non fissano dei paletti e molti crescono come dei selvaggi in mancanza di punizioni che devono sì essere commisurate alla gravità dei fatti ma che devono esserci ed essere impossibili da evitare ! E' necessario che ognuno paghi per i propri errori e per questo la magistratura che sbagliasse a condannare a misure coercitive serie una persona innocente dovrebbe pagare seriamente, all'inizio con un declassamento con danni finanziari seri per rovinargli la vita come l'hanno rovinata alle loro vittime, in caso di recidiva l'espulsione e la condanna almeno fino all'ergastolo per danni alla società ed alla libertà individuale di persone innocenti e per aver distrutto famiglie che non meritavano alcun dolore.E così vedrete che anche la magistratura righerebbe dritto e ci penserebbe 100 volte prima di pavoneggiarsi davanti a tv, telegiornali e via dicendo per le grandi operazioni e la presunta bravura in questo o quel caso !
    • cico scrive:
      Re: In questo caso è giusto ma sottopell
      ... sono senza parole ...
    • Anonimo scrive:
      Re: In questo caso è giusto ma sottopell
      - Scritto da: Anonimo
      Perchè non innestare versioni
      miniaturizzate sotto la cute dei carcerati e
      rendere la rimozione impossibile senza un
      disattivatore ? In uno stato di diritto che si professa tale, non potrai mai obbligare nessuno a farlo. La persona fisica è inviolabile.
      • Anonimo scrive:
        Re: In questo caso è giusto ma sottopell
        - Scritto da: Akaal
        - Scritto da: Anonimo

        Perchè non innestare versioni

        miniaturizzate sotto la cute dei
        carcerati e

        rendere la rimozione impossibile senza
        un

        disattivatore ?

        In uno stato di diritto che si professa
        tale, non potrai mai obbligare
        nessuno a farlo. La persona fisica
        è inviolabile.Ma che idiozie dici ? Lo stato di diritto ? Ma che vuoi dire ? Non dice nulla !Quando uno è stato riconosciuto colpevole di un delitto è un criminale, per i suoi reati non ha più alcun diritto , ha perso ogni diritto quando ha tolto alle persone a cui ha arrecato problemi o la morte il loro diritto di vivere in pace. La libertà non è eterna, in una società non barbara la convivenza deve venire rispettata e chi viola i principi base della società va punito e non ha alcun diritto a cui appellarsi.E' grave che vi siano forze politiche che fanno il male di tutti i cittadini professando quello che professi tu ed inculcando nelle persone una mezza anarchia che rende i criminali dei baroni intoccabili e gli onesti delle persone condannate a subire qualsiasi cosa e magari finire in galera per aver copiato un CD audio mentre gli assassini vengono incensati grazie a questa mentalità fuori da ogni logica, distruttiva della società e assurda ! Solo chi vuole il male della propria società, chi vuole distruggerla, annientarla dall'interno, può ragionare come te!
  • Anonimo scrive:
    Come al solito gli hacker usano linux
    http://www.rf-dump.org/http://www.rf-dump.org/downloads.shtmlRFDump V1.2 Gtk Application * RFDump V1.2 - Linux X86 Binary * RFDump V1.2 - Linux Source
    • Anonimo scrive:
      Re: Come al solito gli hacker usano linux
      - Scritto da: Anonimo
      www.rf-dump.org /
      www.rf-dump.org/downloads.shtml
      RFDump V1.2 Gtk Application
          * RFDump V1.2 -
      Linux X86 Binary
          * RFDump V1.2 -
      Linux SourceVuoi mica che si becchino un virus via explorer mentre sono in mezzo all'azione !!!!
  • Anonimo scrive:
    Ma se li hanno già krakkati!!!
    http://www.rf-dump.org/Visto che li mettono anche alle cinture dei poliziotti, si potrebbe far diventare un detenuto un carceriere e viceversa...Se và veramente in porto succederà un pandemonio...hihihi:|
  • Anonimo scrive:
    and the orwell docet
    come sopra
  • Anonimo scrive:
    Ma non si rendono conto...
    Ma questi americani non si rendono conto che il loro problema non è quello di usare i chip per controllare i carcerati.Il loro problema è che hanno una popolazione reclusa di 2.100.000 persone, vale a dire che quasi un americano ogni cento si trova in prigione e questo se non mi sbaglio è il tasso di carcerati piú alto del mondo, superiore perfino a quello di tante dittature.Se una società deve mantenere dietro le sbarre l'1% dei suoi membri è una società malata. :
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non si rendono conto...
      - Scritto da: Anonimo
      Ma questi americani non si rendono conto che
      il loro problema non è quello di
      usare i chip per controllare i carcerati.

      Il loro problema è che hanno una
      popolazione reclusa di 2.100.000 persone,
      vale a dire che quasi un americano ogni
      cento si trova in prigione e questo se non
      mi sbaglio è il tasso di carcerati
      piú alto del mondo, superiore perfino a
      quello di tante dittature.

      Se una società deve mantenere dietro
      le sbarre l'1% dei suoi membri è una
      società malata. :Infatti, dovrebbero eliminarli.Fisicamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non si rendono conto...
      - Scritto da: Anonimo
      Ma questi americani non si rendono conto che
      il loro problema non è quello di
      usare i chip per controllare i carcerati.

      Il loro problema è che hanno una
      popolazione reclusa di 2.100.000 persone,
      vale a dire che quasi un americano ogni
      cento si trova in prigione e questo se non
      mi sbaglio è il tasso di carcerati
      piú alto del mondo, superiore perfino a
      quello di tante dittature.

      Se una società deve mantenere dietro
      le sbarre l'1% dei suoi membri è una
      società malata. :Ma non dire idiozie !Perchè quanti sono i criminali che in Italia andrebbero rinchiusi per i reati che compiono indisturbati ogni giorno , eh?Sicuramente più dell' 1% , specialmente considerando tutti gli immigrati clandestini e quelli che non sono affatto brave persone e che sono entrate grazie ad interessi delle bande criminali..La nostra società è molto più malata di quella americana visto che qui i criminali al 99% non vengono puniti ed escono sempre in pochi anni benchè sia stato accertato che hanno commesso anche omicidi... Almeno negli USA alcuni ci provano a mantenere un ordine e misure coercitive per chi è stato riconosciuto colpevole...!Certo, errori ve ne sono sicuramente, non è un sistema perfetto ma non significa che sia peggiore del nostro, ed i fatti dimostrano sicuramente che non lo è.
  • Anonimo scrive:
    Come nei film.
    Finirà che glielo infileranno sotto la pelle.
  • Anonimo scrive:
    RFID obbligatori per i detenuti
    "Il progetto americano rappresenta, secondo gli osservatori, un'altra testimonianza della possibile varietà di applicazione delle tecnologie RFID, che si stanno rapidamente affermando in tutto il mondo. .." l'"obbligatorietà " mi lascia molto perplessabohhhhhhhhAmerica, emancipazione e libertà :|
    • cico scrive:
      Re: RFID obbligatori per i detenuti

      "Il progetto americano rappresenta, secondo
      gli osservatori, un'altra testimonianza
      della possibile varietà di
      applicazione delle tecnologie RFID, che si
      stanno rapidamente affermando in tutto il
      mondo. .."

      l'"obbligatorietà " mi lascia molto
      perplessaFinché sta in un braccialetto e viene applicato solo ai detenuti va bene.Se lo impiantassero o se lo rendessero obbligatorio anche post-reclusione allora sarebbe una cosa da contestare.
      • Anonimo scrive:
        Re: RFID obbligatori per i detenuti
        - Scritto da: cico

        "Il progetto americano rappresenta,
        secondo

        gli osservatori, un'altra testimonianza

        della possibile varietà di

        applicazione delle tecnologie RFID, che
        si

        stanno rapidamente affermando in tutto
        il

        mondo. .."



        l'"obbligatorietà " mi lascia
        molto

        perplessa

        Finché sta in un braccialetto e viene
        applicato solo ai detenuti va bene.

        Se lo impiantassero o se lo rendessero
        obbligatorio anche post-reclusione allora
        sarebbe una cosa da contestare.Nessun braccialetto!!!Suppostone di 30cm da impiantare per mezzo di Anal Intruder by Microsoft......
  • argaar scrive:
    problema
    ma non è appena stato inventato un programma per cancellare il contenuto dell rfid?
    • avvelenato scrive:
      Re: problema
      - Scritto da: argaar
      ma non è appena stato inventato un
      programma per cancellare il contenuto dell
      rfid?beh, il seriale è fisso, non si cancella, in secundis non credo che i carcerati stiano a smanettare con pda e lettori-scrittori rdif...
      • Anonimo scrive:
        Re: problema
        - Scritto da: avvelenato
        - Scritto da: argaar

        ma non è appena stato inventato
        un

        programma per cancellare il contenuto
        dell

        rfid?

        beh, il seriale è fisso, non si
        cancella, in secundis non credo che i
        carcerati stiano a smanettare con pda e
        lettori-scrittori rdif...dove si acquistano i lettori scrittori RDIF?
        • Anonimo scrive:
          Re: problema

          dove si acquistano i lettori scrittori RDIF?i lettori RDIF non li acquisti da nessuna parte perche' non esistono.Quelli che stai cercando sono i lettori _RFID_.Secondo me con queste premesse stai per buttare via dei gran soldi.
        • Anonimo scrive:
          Re: problema
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: avvelenato

          - Scritto da: argaar


          ma non è appena stato
          inventato

          un


          programma per cancellare il
          contenuto

          dell


          rfid?



          beh, il seriale è fisso, non si

          cancella, in secundis non credo che i

          carcerati stiano a smanettare con pda e

          lettori-scrittori rdif...

          dove si acquistano i lettori scrittori RDIF?ma che sei un detenuto del carcere di Columubus Ohio?
Chiudi i commenti