PI Hardware/ Radeon tutti-i-gusti

Tre Radeon HD 6950 firmate Sapphire: quando 1GB di memoria è sufficiente, quando 1 decibel è di troppo, quando uno schermo non basta

In un mercato dove le differenze fra prodotti di un marchio e dell’altro sono da ricercare solo nel packaging, in qualche adesivo e negli accessori offerti, abbiamo deciso di pescare tre prodotti che quanto meno non devono sforzarsi di essere diversi a tutti i costi.

Stessa piattaforma di base, stesso marchio, stesse frequenze di funzionamento e specifiche particolari solo riguardo determinati aspetti: ecco la carta di identità delle tre schede Sapphire Radeon HD 6950 che ci accingiamo ad esaminare in questo articolo:

  1. Sapphire Radeon HD 6950 2GB
  2. Sapphire Radeon HD 6950 Flex
  3. Sapphire Radeon HD 6950 1GB

Le tre schede Sapphire Radeon HD 6950

Le Radeon HD 6950 rappresentano la nuova generazione di schede video di fascia enthusiast a singolo chip di AMD. Il prezzo ufficiale di base, valido per il mercato retail, è stato stabilito in 289,00 Euro all’epoca dell’annuncio, ma oggi la situazione è ben più favorevole per gli utenti finali. In Italia i prezzi medi delle tre schede Sapphire, nel momento in cui scriviamo, sono pari a 230, 250 e 210 Euro rispettivamente per Radeon HD 6950 2GB, Radeon HD 6950 Flex e Radeon HD 6950 1GB.

Con tutte queste VGA Sapphire offre una serie di accessori che comprende connettori per la gestione dell’alimentazione, adattatori e cavi di uscita video (da Mini Display Port a HDMI e DVI, da DVI a VGA, HDMI), ponticello CrossFire, CD con driver e tessera Sapphire Select CLUB .


Gli accessori forniti in dotazione

Cayman , questo il nome in codice dell’architettura che sottende le GPU utilizzate nelle schede Radeon HD 6950 (e HD 6970), parte da concetti differenti rispetto a quelli che avevano sinora contraddistinto i chip di casa AMD, ovvero come quelli delle famiglie Radeon HD 4xxx e 5xxx. L’architettura è stata modificata dalle fondamenta per cercare di recuperare lo svantaggio rispetto all’architettura rivale NVIDIA Fermi, maggiormente evidente con i giochi che fanno uso intensivo della tessellation e della geometria, e per gettare le basi per le future soluzioni.

Prima di Cayman, AMD ha utilizzato un design VLIW (Very Large Instruction World) 5, che prevedeva un numero di “slot” disponibili per l’elaborazione delle micro-istruzioni pari a 5 per thread: il vantaggio principale di questa scelta, rispetto a quella superscalare di NVIDIA, è di poter inserire, a parità di dimensioni, un numero maggiore di unità di calcolo all’interno di un chip e disporre di un modello facilmente aggiornabile. Lo svantaggio sta nella minore efficienza delle singole unità di calcolo, che può essere migliorata solo con codice appositamente ottimizzato.

Cayman segna invece l’arrivo di un progetto con un parallelismo meno elevato basato su una tecnica VLIW 4 con 4 ALU di pari livello (nell’architettura VLIW 5 di AMD sono disponibili quattro unità di tipo semplice, e una più complessa “t-unit” usata per i calcoli trascendentali). Ciò significa che tutte le operazioni sono ora suddivise fra queste 4 unità, con quelle più complesse che possono impegnare 3 dei 4 slot disponibili.


Architettura chip AMD Radeon HD 6900 “Cayman”

Se AMD fosse riuscita a sfruttare il processo produttivo a 32nm, nodo che sappiamo essere stato ormai cancellato, Cayman avrebbe avuto molte più ALU e TMU di quelle oggi presenti nel chip realizzato invece a 40nm. Al suo interno trovano posto 1536 Stream Processor (1408 nella versione Pro, Radeon HD 6950), 24 SIMD e shader core con wavefront 16×4. Questo ci porta ad un’organizzazione di tipo 384×4 per Cayman contro una di tipo 320×5 per Cypress.

Per migliorare le performance anche dal punto di vista della geometria, Cayman fa affidamento su un Dual Graphics Engine che offre un numero doppio di unità di Vertex Assembler, Rasterizer e Tesselator, queste ultime aiutate anche da un buffer off-chip nelle operazioni della LDS. La sezione del render back-end prevede lo stesso numero di ROP dell’architettura Barts, ma esse sono state riviste e potenziate sia per le operazioni a 16-bit integer che a 32-bit floating point.


Specifiche tecniche

Il numero di transistor integrati nelle GPU Cayman è pari a ben 2,64 miliardi, una cifra superiore del 55 per cento rispetto a Barts nonostante la dieta dimagrante subita dai singoli Stream Processor che, come detto, ora utilizzano un’architettura VLIW 4. La superficie del die resta relativamente limitata con un’area di 389mm 2 contro i 520mm 2 della GPU GF110 di NVIDIA.

Il chip Cayman Pro, quello utilizzato nelle schede Radeon HD 6950 che stiamo analizzando, dispone di 88 texture unit e 32 ROPs contro le 48 e 32 della Radeon HD 6850 e le 56 e 32 della 6870. Le soluzioni della concorrente NVIDIA prevedono più ROPs ma un minor numero di texture unit ed i risultati si vedono confrontando i valori di texture e pixel fillrate teorici. Il numero di Stream Processor del chip Radeon HD 6950 è pari a 352 mentre quelli delle Radeon HD 6870 e Radeon HD 6850 sono pari a 224 e 192. Le ALU a disposizione sono complessivamente pari ai suddetti valori moltiplicati per 4 o per 5, in base all’architettura VLIW utilizzata.

I modelli di GPU della concorrente NVIDIA prevedono in generale un numero di Stream Processor superiore, pari a 512/480 per GF110 e 480/448 per GF100; questi sono più complessi e monolitici rispetto alle singole ALU di AMD, seppure un raffronto diretto sia davvero complicato da effettuare.

Sul fronte delle memorie tanto AMD quanto NVIDIA utilizzano chip GDDR5: le Radeon HD 6950 prevedono un bus ampio 256-bit mentre le rivali NVIDIA GTX 570 arrivano a 320-bit. Quelle del camaleonte verde scendo a 256-bit solo con la soluzione midrange GTX 560 Ti.

Passando alle feature, le schede Cayman non mostrano differenze rispetto alle soluzioni di precedente generazione e supportano DirectX 11, DirectCompute 5.0, OpenGL 4.1 ed OpenCL. Nessuna compatibilità, ovviamente, con le feature proprietarie NVIDIA come PhysX e CUDA, mentre è possibile realizzare configurazioni multi VGA attraverso CrossFireX (fino a 4 GPU), configurazioni multimonitor collegando fino a 6 pannelli indipendenti e gestire applicazioni 3D stereoscopiche in base alle implementazioni specifiche dei partner AMD.

Come tutte le schede di ultima generazione, anche le Radeon HD 6950 dispongono del motore di accelerazione video UVD3 in grado di aiutare la CPU nella decodifica di contenuti in alta definizione nei formati MPEG, H.264, VC-1, DivX ed XviD, e includono un controller audio 7.1 con path protetto sull’uscita HDMI (necessario per rispettare le specifiche dello standard di protezione dei contenuti HDCP).


Specifiche schede Sapphire Radeon HD 6950

Il modello HD 6850 FleX è in grado di supportare tre pannelli DVI in modalità Eyefinity senza la necessità di avere monitor Display Port oppure adattatori attivi: basta collegare i primi due monitor alle due uscite DVI ed il terzo all’uscita HDMI tramite l’adattatore passivo HDMI/DVI fornito in dotazione. Si possono aggiungere ulteriori due monitor ma occorrono modelli Display Port e/o adattatori attivi.

Gli altri due modelli “standard” necessitano invece di adattatori attivi per poter pilotare più di due display.

HD 6950 2GB HD 6950 Flex HD 6950 1GB

Le tre schede grafiche, nonostante siano basate esattamente sullo stesso progetto, si presentano in maniera abbastanza differente, merito anche del diverso sistema di raffreddamento.


Dalla sinistra: HD 6950 1GB, HD 6950 FleX e HD 6950 2GB

Anche le dimensioni sono diverse: pur avendo lo stesso spessore che rende necessari due slot liberi per l’installazione, la lunghezza del modello HD 6950 1GB è ben inferiore a quella delle HD 6950 FleX e HD 6950 2GB. Quest’ultima è comunque la più lunga di tutte.

Il sistema di dissipazione è decisamente diverso, pur essendo ad aria in tutti e tre i casi. Il modello Radeon HD 6950 2GB utilizza un dissipatore tradizionale che segue in pieno le indicazioni di “mamma AMD”, con ventola a turbina posizionata nella parte posteriore. Sui due modelli FleX e 1GB Sapphire ha invece utilizzato un dissipatore con tecnologia heatpipe e vapour chamber , con ventola centrale di grosse dimensioni in modo da ridurre la rumorosità e aumentare il flusso d’aria.


Le dimensioni (dall’alto: HD 6950 1GB, HD 6950 FleX e HD 6950 2GB)

I pannelli delle connessioni delle tre schede grafiche sono identici con quattro dei cinque connettori posizionati nella parte bassa della staffa ed uno nella parte alta, assieme ad una sezione con asole dalle quale fuoriesce l’aria spinta dalla ventola. Solo il modello FleX (al centro), se guardiamo bene, dispone di due connettori DVI che si differenziano da quelli delle altre: uno è di tipo DVI-I e l’altro di tipo DVI-D.


I connettori (da sinistra: HD 6950 1GB, HD 6950 FleX e HD 6950 2GB)

I consumi di queste schede sono decisamente elevati e per questo è stato necessario integrare due connettori a 6-pin capaci di veicolare 150W che vanno ad aggiungersi ai 75W gestibili dal solo slot PCI Express x16. In tutti i casi tali connettori sono posizionati sulla parte posteriore della scheda rivolti verso l’alto, in modo da evitare di allungare ulteriormente lo spazio necessario per l’installazione.


Connettori di alimentazione (da sinistra: HD 6950 1GB, HD 6950 FleX e HD 6950 2GB)

Alcune differenze queste tre schede le mostrano anche sul design del PCB, in particolare per quel che riguarda la sezione di alimentazione. Questa è posizionata sulla destra nei modelli Radeon HD 6950 2GB e FleX, mentre è stata spostata a sinistra nel modello da 1GB. Le minori richieste in termini di corrente di quest’ultima fanno si che tale sezione possa essere anche meno complessa.


Il PCB a nudo (dall’alto: HD 6950 1GB, HD 6950 FleX e HD 6950 2GB)

I componenti sui quali ci aspettiamo ulteriori differenze sono i chip di memoria. Il modello Sapphire HD 6950 1GB utilizza chip Elpida W1032BABG-50-F con massima frequenza di funzionamento teorica di 1250MHz, 5GHz effettivi, mentre sui modelli FleX e 2GB sono presenti chip Hynix H5GQ2H24MFR T2C , anch’essi indicati come capaci di supportare la massima frequenza di funzionamento teorica di 1250MHz.

HD 6950 1GB HD 6950 Flex HD 6950 2GB

Per ottenere risultati comparabili e stabili utilizziamo sempre le stesse condizioni di prova e ripetiamo i test più di una volta prendendo il loro valor medio e scartando eventuali numeri con varianza troppo elevata. Per cercare di ridurre al minimo le "interferenze" installiamo nel sistema solo ed esclusivamente i componenti necessari (CPU, memorie, disco fisso e scheda grafica).

Installiamo il sistema operativo, le patch ed i driver di tutti i componenti che lo prevedono. Tocca poi ai vari software di benchmark ed ai giochi. Verifichiamo dunque che tutti i parametri di funzionamento del sistema rientrino nelle nostre condizioni standard di prova onde evitare qualunque possibile errore.

La configurazione di prova che utilizziamo è riassunta in tabella:


Sistema di prova

Di seguito i programmi usati nei test.

  • Alien vs. Predator : la versione originale progettata per console Atari subisce una profonda rivisitazione per essere adattata a sistemi DirectX 11, API delle quali sfrutta in particolare effetti SSAO (Screen Space Ambient Occlusion), di ombre dinamiche e di smooting delle curve dell´alieno.
  • Crysis Warhead : uno dei più indicativi titoli 3D DirectX 10 per effetti grafici e per l´utilizzo della fisica.
  • Far Cry2: è dotato di un motore 3D evoluto, che fa uso intensivo di effetti DX10 e fisica.
  • Lost Planet 2 : nuova avventura d’azione sci-fi di CAPCOM disponibile in versione DirectX 9 e DirectX 11 nella quale vengono pesantemente sfruttati effetti di tessellation.
  • Metro 2033 : si tratta di un gioco che supporta appieno tutte le feature DirectX 11, come tessellation e DirectCompute, e per questo richiede molte risorse hardware.
  • Staker: Call of Prypiat (FPS) : altro capito del noto First Person Shooter questa volta in modalità DX11 che come al solito offre un’ottima gestione di luci ed ombre.
  • Mafia II : elementi di avventura ed FPS sapientemente mischiati per offrire un degno successore al primo capitolo. Supporto ad Nvidia PhysX e DX11.
  • Lost Planet II : netto passo in avanti rispetto al predecessore per questo sparatutto in prima o terza persona, grazie all’aggiornamento del motore grafico con supporto a Tesselation e DX11.
  • HAWX II : simulatore di combattimento aereo DX11 che fa intenso uso di Tesselation per la grafica di background e fondali.

Abbiamo eseguito test in due modalità ed alle risoluzioni di 1280×1024, 1680×1024, 1920×1080 e 2048×1536, al fine di avere un quadro prestazionale delle schede sotto diversi carichi di lavoro. Una prima modalità non prevede l’utilizzo di filtri di AntiAliasing ed Anisotropico mentre la seconda impone un livello di 4x per il primo e 16x per il secondo (a meno che non sia diversamente specificato). Crytek propone il secondo episodio del suo titolo più discusso, Crysis WarHead (DirectX 10), il quale non differisce affatto per motore e tecnologia ma prevede solo nuove mappe e nuove situazioni di gioco rispetto al Crysis originale.


Crysis Warhead

Lo spettacolare titolo di Crytek dimostra d’essere una macina per GPU, capace di mettere alla prova anche i più moderni chip: la classifica vede la testa tenuta da GeForce GTX 570, con un vantaggio di pochi FPS nei confronti della terna in prova Radeon HD 6950; questa riesce a far meglio di GTX 560 Ti e dimostra di avere una marcia in più rispetto alle Radeon HD 6850 e 6870.


Crysis Warhead AA 4x, AF 16x

L’attivazione dei filtri AA ed AF non modifica la classifica ma, mentre le prime posizioni restano invariate, il vantaggio rispetto a GeForce GTX 560Ti e Radeon HD 6870 si fa ancor più evidente. Far Cry 2 prevede aree molto vaste, esplorabili liberamente nelle quali sparare a tutto e a tutti. L’ambientazione è quella dell’Africa dove non mancano animali ed una ricca vegetazione e, a farci compagnia, sono presenti altri otto membri di una squadra di mercenari. Il motore sul quale gira il gioco è stato appositamente sviluppato da Ubisoft Montreal sotto il nome di Dunia. Esso è in grado di fornire ambienti realistici che possono essere distrutti, effetti speciali come la propagazione dinamica del fuoco oppure come le tempeste o ancora la ciclicità notte-e-giorno in realtime, nonché l’intelligenza artificiale (A.I.) dei nemici non realizzata mediante semplici script.


Far Cry 2


Far Cry 2 AA 4x, AF 16x

Indipendentemente dall’impiego o meno dei filtri AA ed AF rileviamo che i prodotti NVIDIA dimostrano maggior aggressività nel muovere le scene di questo titolo: il vantaggio di GeForce GTX 570 e 560 Ti è evidente, in tutti i casi per la prima, e a partire da risoluzioni di 1680×1050 pixel per la seconda; la terna in analisi riesce a far meglio dei prodotti di generazione precedente, Radeon HD 5850 e GeForce GTX 460, ed ottiene un discreto vantaggio nei confronti di quelli di fascia più economica, Radeon HD 6850 e 6870. Ancora nulla da segnalare nel "confronto interno". Nasce da un remake della versione originale progettata per console Atari il nuovo titolo di Rebellion. Alien vs. Predator sfrutta le API DirectX 11 per rendere le curve dell’alieno più morbide, migliorare l’aspetto delle ombre e gestire gli effetti di SSAO (Screen Space Ambient Occlusion).


Alien vs. Predator

Situazione piuttosto simile ai casi precedentemente analizzati: in prima piazza troviamo il modello GeForce GTX 570 di NVIDIA a reggere lo scettro, seguito a distanza ravvicinata dalla terna HD 6950 e dunque da GeForce GTX 560 Ti, che fatica maggiormente per tenere il passo con i prodotti più veloci; evidente il guadagno nei confronti dei prodotti di generazione precedente (Radeon HD 6870 e 6850).


Alien vs. Predator AA 4x, AF 16x

L’attivazione dei filtri AA ed AF frena la corsa del modello GTX 570: la differenza nei confronti di Radeon HD 6950 è minima (2 FPS), ma tale da farla scendere in seconda piazza dietro le "tre sorelle di Sapphire". Metro 2033 supporta appieno tutte le feature delle DirectX 11 e per questo necessita di molte risorse hardware. Il gioco usa la tessellation in maniera estensiva e le tecniche di DirectCompute per la gestione degli effetti depth-of-field .


Metro 2033

Metro 2033 è un titolo di ultima generazione che ripaga con una qualità grafica e perfezione nella rappresentazione delle scene a dir poco invidiabile: di contraltare le richieste hardware per godere del massimo dettaglio grafico sono capaci di far inginocchiare tutte le più moderne GPU, incluse le Radeon HD 6950 poste in questa comparativa. Il framerate si aggira sui 30 FPS (il minimo a garanzia di una giocabilità decente) a 1680×1050, mentre la risoluzione Full HD è da evitare.


Metro 2033 AA 4x, AF 16x

L’attivazione dei filtri AA ed AF comporta un calo prestazionale evidente: il titolo resta fruibile a risoluzioni di 1280×1024 pixels, mentre a 1680×1050 si fa fatica a raggiungere i 25 FPS.


Metro 2033 AA 4x, AF 16x – Solo Radeon HD 6950

Metro 2033 permette di mettere a nudo i vantaggi della maggiore dotazione di memoria video del modello da 2 gigabyte e di quello Flex rispetto alla soluzione con un solo gigabyte: data l’estrema complessità delle scene e dimensione delle texture a risoluzioni di 2048×1536 pixels, Sapphire HD 6950 1GB va ad attingere alla memoria di sistema con relativo crollo a livello di prestazioni (1,5 fps), mentre le altre due tutto sommato continuano su livelli ben più elevati. Questo ha rappresentato l’unico caso in cui la soluzione più costosa si sia dimostrata maggiormente efficiente: in tutti gli altri test con titoli differenti, anche a risoluzioni elevate, la terna di schede si è comportata sempre in modo coerente. Sequel del noto titolo rilasciato qualche anno fa, il motore di Mafia II utilizza ora le API DirectX 11 per far immergere il videogiocatore nella New York degli anni ’40. Mafia II è compatibile con le API Microsoft DirectX 9, 10 e 11 (i nostri test sono effettuati in modalità DX11) ed utilizza l’engine grafico proprietario Illusion Game Engine , successore del LS3D usato dall’originario Mafia: The City of Lost Heaven .


Mafia II

Mafia II AA 4x, AF 16x

Con questo titolo la terna d’analisi dimostra d’essere superiore a tutti gli altri modelli presi a riferimento, indipendentemente dall’impiego o meno di filtri AA ed AF; il guadagno nei confronti delle Radeon HD 6850 ed HD 6870 resta sempre evidente. L’evoluzione ha compiuto i suoi passi a 10 anni di distanza dalle ambientazioni del primo Lost Planet. Lost Planet 2 ha visto nel frattempo anche un corposo aggiornamento del motore grafico che ora supporta le DirectX 11 e fa uso in special modo della tessellation. I nostri test sono effettuati con il benchmark "Test B", utile a spingere la scheda grafica al massimo delle sue possibilità.


Lost Planet 2

Registriamo un crollo prestazionale dei modelli Radeon HD 6950 rispetto alle GPU concorrenti: in questo gioco dominano i numeri ottenuti da GeForce GTX 570, seguiti ad evidente distanza da quelli di GeForce GTX 560 Ti e poi dalle tre soluzioni Sapphire che continuano a non mostrare alcuna differenza fra loro.


Lost Planet 2 AA 4x, AF 16x

L’attivazione dei filtri AA ed AF non cambia le carte in tavola: GeForce GTX 570 dimostra di essere ancora la più veloce, seguita dalla sorella minore GTX 560 Ti e dunque dalle tre Radeon HD 6950 in prova. Queste ultime continuano a far registrare sempre gli stessi numeri, ma se proprio volessimo cercare "il pelo nell’uovo" saremmo costretti a dar ragione al modello da 1GB. STALKER: Call of Pripyat è il terzo capitolo della saga Stalker. A differenza del predecessore Stalker: Clear Sky , che rappresenta un capitolo a sè, questo riprende la storia nel momento in cui è terminata nel primo capitolo, Shadows of Chernobyl , ed aggiunge elementi di gioco ad hoc atti a ricreare un´atmosfera piuttosto tesa e cupa. Il motore grafico è lo stesso già visto in Shadows of Chernobyl , con accortezze relative ai comparti Textures ed Illuminazione (che fa pesante impiego di HDR, per evidenziare le differenze di luce tra ambienti scuri ed esterno). Il motore grafico è ottimizzato rispetto a SoC e CS: il guadagno in termini di prestazioni è netto, garantendo buona giocabilità anche con macchine meno recenti.


Stalker: Call of Pripyat

Le performance di Radeon HD 6950 sono sostenute, ma non tali da fornire un margine evidente rispetto alla più economica Radeon HD 6850 che, con valori leggermente inferiori, risulta decisamente più economica da acquistare; GeForce GTX 560 Ti, prodotto di fascia media, passa avanti e guadagna dai 3 ai 10 FPS a seconda della risoluzione di test.


Stalker: Call of Pripyat AA 4x, AF 16x

L’attivazione dei filtri AA ed AF lascia immutata la classifica, e permette di evidenziare il guadagno prestazionale dei modelli in prova rispetto a quelli di fascia inferiore, Radeon HD 6870 e 6850, con un distacco che oscilla tra i 16 ed i 23 FPS a seconda della risoluzione; in cima alla classifica troviamo GeForce GTX 560 Ti con un vantaggio che, nella migliore delle ipotesi, ammonta a 5 FPS. HAWX 2 attiva un nuovo livello di visualizzazione con le DirectX 11 grazie ad un profondo uso della tessellation applicata al background delle scene 3D. Il secondo capitolo del gioco aereo di Ubisoft ripropone una formula nota ma con un gameplay migliorato e con diverse novità interessanti.


HAWX 2

Le tre schede Radeon HD 6950 di casa Sapphire devono cedere il passo alle rivali NVIDIA GeForce GTX 570 e GTX 560 Ti con HAWX II: i risultati offerti sono abbastanza inferiori, seppure sempre ottimi per garantire una giocabilità perfetta.


HAWX 2 AA 4x, AF 16x

L’attivazione del filtri di Antialiasing non comporta modifiche al quadro già visto: in HAWX II sono le soluzioni NVIDIA a spuntarla su quelle di casa AMD. Nessuna differenza rilevata, invece, fra le tre Sapphire Radeon HD 6950. Consumi
Nel grafico seguente riportiamo il consumo complessivo del sistema ottenuto in IDLE e sotto sforzo, eseguendo i test Pixel Shader e Vertex Shader Complex del 3DMark06. I valori indicati tengono conto anche di un fattore di correzione relativo all’alimentatore utilizzato:

  • Il valore registrato va considerato solo in termini comparativi in quanto include anche l’inefficienza dell’alimentatore;
  • L’inefficienza dell’alimentatore non è lineare ma segue una curva che tenderebbe a penalizzare i consumi ridotti (l’efficienza è generalmente maggiore quando il carico sull’alimentatore aumenta). Per questo abbiamo applicato una correzione percentuale ai risultati utile a rendere idealmente lineare la curva di inefficienza.

Consumi (Più basso è migliore)

La situazione a livello di assorbimenti energetici mostra livelli paragonabili a quelli delle GeForce GTX 560 Ti e delle Radeon HD 6850. Ci sono delle piccole differenze fra le tre schede grafiche in analisi che premiano il modello Radeon HD 6950 2GB e penalizzano il modello da 1GB. Probabilmente il PCB e la componentistica differenti fanno sì che l’una o l’altra scheda possa essere più o meno efficiente.

Rumorosità
Il test sulla rumorosità è stato effettuato all’interno di un ambiente con un rumore di fondo compreso fra 30 e 30,2 dBA ed isolando la sorgente di rumore da possibili rifrazioni tramite apposite pareti fonoassorbenti. Le nostre prove prendono in considerazione tre valori di rotazione della ventola, pari al minimo (solitamente tra il 20 ed il 40 per cento del duty cycle ), al 50 per cento del duty cycle ed al massimo (solitamente tra l’85 ed il 100 per cento del duty cycle ) con fonometro (modello Lafayette MSL.80 con tolleranza pari al 2 per cento nell’ambito delle nostre misure) posizionato frontalmente alla scheda ad una distanza di 20cm (±2mm)


Rumorosità (Più basso è migliore)

Nei test sulla rumorosità emergono le prime interessanti differenze fra le tre schede grafiche in analisi: sebbene i valori con ventola al minimo siano generalmente contenuti (attorno ai 37 decibel), quando la ventola comincia a salire di giri il modello da 2GB standard diventa molto rumoroso. Al contrario, il sistema di raffreddamento custom impiegato sulla FleX permette di mantenere un buon comfort acustico. Tale sistema è impiegato anche sul modello da 1GB che risulta essere ancor più silenzioso.


Temperature vs. rotazione ventola (Più basso è migliore)

Per meglio valutare il comfort acustico osserviamo questo grafico che mette assieme le temperature raggiunte dal chip grafico e la velocità di rotazione della ventola. La Radeon HD 6950 2GB mostra livelli di rotazione compresi fra il 25 ed il 30 percento mantenendo, in 3DMark11, temperature più basse delle altre due schede nella prima parte del benchmark e più alte nella seconda parte.

Le altre due schede, FleX e 1GB, offrono livelli di temperatura del tutto simili mentre la velocità di rotazione della ventola è superiore per il modello da 1GB (questo dovevamo aspettarcelo viste le dimensioni ridotte del corpo dissipante). Riportiamo dunque valori fra il 30 ed il 35 percento per la velocità di rotazione della ventola del modello FleX e fra il 35 ed il 40 percento per quella da 1GB.

Mettendo assieme tutto questo con quanto visto in precedenza, possiamo affermare che, considerando lo stesso applicativo, la Sapphire Radeon HD 6950 2GB mostra livelli di rumorosità compresi fra 40 e 44dBA e la Radeon HD 6950 1GB si ferma a valori compresi fra 40 e 41dBA, molto simili a quelli della Sapphire Radeon HD 6950 FleX compresi fra 40 e 42dBA.

Overclock
Il design di base delle tre schede grafiche Sapphire è esattamente lo stesso, e così anche le specifiche tecniche. Questo non è, però, garanzia di poter raggiungere lo stesso livello di overclock che dipende anche da quanto ogni singolo componente utilizzato sia tollerante al funzionamento fuori specifica.

Le prove di overclock che abbiamo effettuato prevedono la modifica delle frequenze di funzionamento attraverso l’apposito pannello Overdrive dei driver Catalyst. Senza troppa fatica, le tre schede hanno raggiunto in maniera stabile i massimi valori permessi, pari a 840MHz per il chip grafico e 1325MHz (5,3GHz effettivi) per i chip delle memorie.

HD 6950 2GB HD 6950 Flex HD 6950 1GB

Frequenze esattamente identiche non possono che portare a risultati altrettanto simili.


Overclock

> Radeon HD 6950 per tutti i gusti, come verrebbe da dire in gergo comune: differenziazione per fascia di mercato e target d’utenza da traduzione in puro aziendalese. La stessa scheda video è presentata in tre vesti differenti che ne variano costo ed appeal, e permettono di soddisfare differenti esigenze.

Partiamo dalle prestazioni: Sapphire Radeon HD 6950 1GB è la scheda AMD di classe Cayman “Entry Level”, nel senso che è la HD 6950 che costa meno. Le performance sono molto buone, e permettono di competere con la nuova proposta di fascia media NVIDIA GeForce GTX 560 Ti offrendo numeri a volte migliori e a volte peggiori. C’è da dire che le Radeon HD 6950 puntavano inizialmente più in alto: dato il livello di prestazioni simile a quello delle nuove soluzioni NVIDIA si è deciso di effettuare un taglio di prezzo rendendola maggiormente appetibile.

Sapphire Radeon HD 6950 2GB è esattamente identica ad una HD 6950 1GB alla quale è stata effettuata una cura ricostituente in termini di memoria video: stessa GPU, stesse frequenze di funzionamento e 2GB di memoria GDDR5 anziché 1GB. Le performance restano dunque esattamente le stesse a meno che non vogliate giocare a titoli molto complessi con risoluzioni e qualità al massimo delle possibilità. Questo significa che i 2GB di memoria saranno realmente sfruttati solo in ambienti multimonitor e con giochi di ultima generazione utilizzati a qualità molto elevata.

Sapphire Radeon HD 6950 Flex: la ricetta considera l’impiego di un modello HD 6950 con 2GB di memoria al quale vengono effettuate alcune modifiche per garantire il supporto Eyefinity a tre schermi senza utilizzare costosi adattatori o un monitor con connessione Display Port. Il collegamento di altri display (fino a sei) segue invece le stesse regole delle schede tradizionali, ovvero utilizzo di modelli con connessione DP e/o di adattatori attivi (decisamente costosi).

Il commento è sulle prestazioni è dunque unico: è come se si stesse guidando la stessa automobile con tre differenti livelli di allestimento! Non esiste un top performer , e la terna in esame offre prestazioni che si posizionano a metà strada tra GeForce GTX 560Ti e GeForce GTX 570, guadagnando diversi punti percentuali nei confronti delle meno costose Radeon HD 6850 o 6870 o rispetto alle meno recenti GTX 460 ed HD 5850.

Passiamo ora al comfort acustico: il modello Radeon HD 6950 2GB pecca in termini di rumorosità specie quando la ventola aumenta di giri. Da questo punto di vista la migliore soluzione è individuabile nel modello Radeon HD 6950 1GB, seguito del modello FleX. Sia quando la ventola aumenta di giri, sia con una determinata applicazione, queste due ultime schede restano sempre più silenziose del modello con dissipatore a turbina.

I consumi, invece, premiano il modello Radeon HD 6950 2GB evidentemente basato su un progetto complessivo più rodato ed efficiente. Ma fatte salve lievi differenze fra i tre modelli analizzati, mediamente gli assorbimenti sono simili a quelli di una GeForce GTX 560 Ti.

Mettendo assieme al prezzo di vendita tutte queste considerazioni, non è difficile capire che la Radeon HD 6950 1GB sia la scelta migliore per la maggior parte degli utenti. Nel caso in cui dobbiate pilotare tre display tradizionali che non dispongono di connessioni Display Port, oppure se intendete giocare a risoluzioni molto elevate, raggiungibili solo con configurazioni multi-monitor, il modello FleX è quello da scegliere sia per versatilità che per performance.

Produttore: Sapphire
www.sapphiretech.com

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Al contrario
    Ma come? Il sociologo finlandese Pekka Imanen autore del libro Etica Hacker (ed. Felitronelli) ha aspramente criticato la religione e soprattutto la regola benedettina "ora et labora".Un concetto assolutamente incompatibile con l'etica hacker che è soprattutto "just for fun", come il motto di Linus Torvalds, riportato spesso nel libro sua biografia.Anzi la regola benedettina è un atto di annichilimento e controllo sociale.La religione non ha proprio nulla in comune con l'etica hacker, e questi vogliono infilarci questa forzatura senza senso.
    • pjt scrive:
      Re: Al contrario
      La regola benedettina è di circa mille anni fa: forse qualche passo avanti è stato fatto...
      • krane scrive:
        Re: Al contrario
        - Scritto da: pjt
        La regola benedettina è di circa mille anni fa:
        forse qualche passo avanti è stato fatto...E allora perche' considerare ancora libri di oltre 2000 anni fa se non per motivi storici ? La filosofia dovrebbe essersi evoluta da allora, abbiamo perfino i frigoriferi che ci consentono di conservare la carne di maiale.
  • erMedusa scrive:
    Attenzione HATER
    Già postato altre volte, prenderei i religiosi di ogni religione mono e politeista, e li brucerei.
  • mah mah scrive:
    Mostro Spaghetti
    Quanta gente continua nel 2011 a credere nel barbabianca
  • sxs scrive:
    Un po' balzana...
    ...l'idea di accostare la figura di un hacker a quella di un religioso.Tanto per dirne qualcuna:*) Un hacker non ha dogmi come un religioso, ma auspica libera ricerca: mi sembra ben diverso.*) I religiosi conservano sempre le loro posizioni e si sono sempre opposti al progresso, gli hacker lo cavalcano.*) Il protezionismo del sapere e l'ignoranza del popolo sono sempre stati utilizzati dalle chiese per controllare le pecore. Gli hacker auspicano la diffusione del sapere, sempre, a prescindere dagli interessi politici.*) Un hacker non promuove se stesso parlando dai pulpiti con camauri di ermellino estone e anelli d'oro accumulando ricchezze su ricchezze: realizza se stesso solo la forza delle sue idee, conoscenze e capacita' pratiche.Potrei andare avanti ma il tempo manca...
    • ciccio pasticcio scrive:
      Re: Un po' balzana...
      Quotone!!
    • pjt scrive:
      Re: Un po' balzana...
      ...mancano anche gli esempi validi ;)Leggendo il Vangelo e guardandola figura di Gesù lo si può definiore come il primo hacker sociale della storia! :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 aprile 2011 11.45-----------------------------------------------------------
      • sxs scrive:
        Re: Un po' balzana...
        - Scritto da: pjt
        ...mancano anche gli esempi validi ;)
        Leggendo il Vangelo e guardandola figura di Gesù
        lo si può definiore come il primo hacker soiale
        della storia!
        :)Rotfl!Leggendo la favola di cappuccetto rosso il lupo potrebbeessere il primo haccher animale-sociale della storia!!
        • pjt scrive:
          Re: Un po' balzana...
          Uno che dice: ama il tuo nemico, fai del bene a tutti, condividi ciò che hai con gli altri, ecc. ecc... non ti sembra un Hacker della società?Invece nella favola il lupo fà solo il suo ruolo di predatore.
          • sxs scrive:
            Re: Un po' balzana...
            - Scritto da: pjt
            Uno che dice: ama il tuo nemico, fai del bene a
            tutti, condividi ciò che hai con gli altri, ecc.
            ecc... non ti sembra un Hacker della
            società?Mi sembra un demagogo ipocrita.Ci ricordiamo anche che predicava l'inferno attizzando l'odioe la paura nei secoli?Un demagogo ipocrita e anche crudele o, se vogliamo immaginarlosenza dolo, non certo un personaggio di cosi' spiccatosenso civico e sensibilita' sociale, tutt'altro di un esempio daseguire.
            Invece nella favola il lupo fà solo il suo ruolo
            di predatore.Adesca "pecorelle smarrite", come tutti i lupi.
          • pjt scrive:
            Re: Un po' balzana...
            - Scritto da: sxs
            Mi sembra un demagogo ipocrita.
            Ci ricordiamo anche che predicava l'inferno
            attizzando l'odio
            e la paura nei secoli?E quando mai? Mi sembra che non conosci molto quello che è scritto nei Vangeli. Forse è meglio che te li leggi, potresti avere una sorpresa.

            Invece nella favola il lupo fà solo il suo ruolo

            di predatore.

            Adesca "pecorelle smarrite", come tutti i lupi.LOL. Ma c'è chi li adesca per mangiarle e chi per riportale all'ovile...
          • panda rossa scrive:
            Re: Un po' balzana...
            - Scritto da: pjt
            Uno che dice: ama il tuo nemico, fai del bene a
            tutti, condividi ciò che hai con gli altri, ecc.
            ecc... non ti sembra un Hacker della
            società?Quando avro' visto M$ e sony fallire, la siae chiudere definitivamente, i governi del mondo decretare la fine dell'odiosa pratica dei brevetti, e il copyright decadere 70 anni prima della nascita dell'autore, allora potro' anche pensare di mettermi ad amare i nemici rimanenti.
          • iRoby scrive:
            Re: Un po' balzana...
            Amarli è una cosa, comprare la loro XXXXX è un'altra...
          • bertuccia scrive:
            Re: Un po' balzana...
            - Scritto da: pjt
            Uno che dice: ama il tuo nemico, fai del bene a
            tutti, condividi ciò che hai con gli altri, ecc.
            ecc... non ti sembra un Hacker della
            società?per me è un troll!! [img]http://i.imgur.com/P8HqB.jpg[/img]
          • rotfl scrive:
            Re: Un po' balzana...
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: pjt

            Uno che dice: ama il tuo nemico, fai del bene a

            tutti, condividi ciò che hai con gli altri, ecc.

            ecc... non ti sembra un Hacker della

            società?

            per me è un troll!!

            [img]http://i.imgur.com/P8HqB.jpg[/img](rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • erMedusa scrive:
            Re: Un po' balzana...
            Uhauhahuauhauhauhauhahua
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: Un po' balzana...
        - Scritto da: pjt
        ...mancano anche gli esempi validi ;)
        Leggendo il Vangelo e guardandola figura di Gesù
        lo si può definiore come il primo hacker sociale
        della storia!
        :)Si ma che c'entra Gesù Cristo, con la religione e coi preti?
        • pjt scrive:
          Re: Un po' balzana...
          - Scritto da: dont feed the troll/dovella
          Si ma che c'entra Gesù Cristo, con la religione e
          coi preti???????????????
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Un po' balzana...
            - Scritto da: pjt
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella


            Si ma che c'entra Gesù Cristo, con la religione
            e

            coi preti?

            ??????????????Lo domanda mi pare chiare e legittima.
          • iRoby scrive:
            Re: Un po' balzana...
            Sì capita l'ironia...Lui non l'ha capita...Dato che la religione cattolica non porta il messaggio del Cristo filosofo ma del cristo raffigurazione del sole, di derivazione indù ed egiziana.Non a caso i vangeli apocrifi sono stati celati, e sono state fatte parecchie modifiche nei secoli atte a trasformarla in strumento di controllo sociale, collusa con i poteri terreni politici di tutti i tempi.
  • poiuy scrive:
    GeoHot
    Ok, alla luce di questo articolo, GeoHot è un Hacker o un furfante da mettere in carcere?Ruppolo, sappiamo già cosa ne pensi e il tuo pensiero non ci interessa più.
  • vuoto scrive:
    proprietà privata?
    Siamo d'accordo che le persone e le idee contino piu' delle cose, ma comunque non vedo perché si debba sacrificare il concetto di proprietà privata all'hacking. Proprio perché il PC è mio ho diritto ad hackarlo finché mi pare, basta che le conseguenze siano limitate alla mia sfera di influenza e non danneggino nessuno, compreso chi mi ha venduto il programma.Se si lasciasse semplicemente gli hacker in pace senza metter loro paletti con brevetti troppo semplici e senza rubargli il codice per incorporarlo in progetti o dispositivi di fatto chiusi, per me sarebbe abbastanza. Se il software proprietario riesce a competere comunque, onestamente intendo, meglio per loro.
  • stragatto scrive:
    cristianesimo o illuminismo?
    Io veramente accomunerei l'etica hacker al laicismo illuminista della rivoluzione francese: piuttosto che allo spirito cristiano mi sembra corrispondere con perfetta precisione al motto "libertà, uguaglianza, fratellanza".
    • Bibbo scrive:
      Re: cristianesimo o illuminismo?
      E' stato osservato acutamente che dove c'è stata uguaglianza non ci fu libertà e quanta più libertà viene concessa tanto meno uguaglianza rimane. A riguardo della fraternità l'applicazione più recente sono le bombe sulla popolazione libica. Ah, l'illuminismo!... (Non è che va a petrolio anche quello?)
      • panda rossa scrive:
        Re: cristianesimo o illuminismo?
        - Scritto da: Bibbo
        E' stato osservato acutamente che dove c'è stata
        uguaglianza non ci fu libertà e quanta più
        libertà viene concessa tanto meno uguaglianza
        rimane.Dove sarebbe avvenuto tutto cio'?
      • collione scrive:
        Re: cristianesimo o illuminismo?
        dipende dal tipo di libertà che concedise è fasulla, manipolata, incastrata nelle logiche di potere di soggetti e gruppi di potentati e ricconi, allora è come dici tuun esempio lampante? l'Italia moderna
      • francorubat to scrive:
        Re: cristianesimo o illuminismo?
        dalle mie parti (torino e dintorni), ad inizi '800, era nato il motto liberté,egalité, fraternité, ij fransseis 'n carossa e noui andouma a pé(traduzione per i "diversamente allobrogi", anche se si perde la rima:Liberté, egalité, fraternité, i francesi in carrozza e noi invece a piedi dobbiamo andare ...Evidentemente la Storia non ci ha insegnato niente (o forse noi NON vogliamo imparare....)
    • Enzo scrive:
      Re: cristianesimo o illuminismo?
      in parte è vero e in parte no. dipende sempre se quei valori vengono usati e strumentalizzati politicamente o inquadrati in un ottica più ampia e per il bene comune. l'hacker possiamo anche dire che si diletta nel risolvere il problema per una soddisfazione personale (possiamo dire egoistica?) però alla fine nn so come mai ma molti dei risultati ottenuti, son serviti per spingere in avanti quel progesso che molte volte ristagnava ;)
    • Funz scrive:
      Re: cristianesimo o illuminismo?
      - Scritto da: stragatto
      Io veramente accomunerei l'etica hacker al
      laicismo illuminista della rivoluzione francese:
      piuttosto che allo spirito cristiano mi sembra
      corrispondere con perfetta precisione al motto
      "libertà, uguaglianza,
      fratellanza".Quoto, direi proprio che la mentalità hacker sia quanto di più lontano ci possa essere dal dogmatismo e fideismo religioso.Poi si possono fare tanti bei discorsi sul bene, sull'altruismo, sul rispetto, ma sono principi universali che valgono indipendentemente dalla religione
      • sxs scrive:
        Re: cristianesimo o illuminismo?

        sull'altruismo, sul rispetto, ma sono principi
        universali che valgono indipendentemente dalla
        religionePiu' che principi universali io li vedo come precettieducativi che ci permettono di avere una vita miglioreunendoci in societa' organizzate. Poi sappiamo chenella pratica la teoria e' sempre approssimata...
      • pjt scrive:
        Re: cristianesimo o illuminismo?
        - Scritto da: Funz
        Poi si possono fare tanti bei discorsi sul bene,
        sull'altruismo, sul rispetto, ma sono principi
        universali che valgono indipendentemente dalla
        religioneIn realtà quelli che a noi sembrano principi universali sono tali solo perchè sono entrati profondaemnte nella nostra cultura, guarda caso proprio per essere alla base del pensiero cristiano.
  • Enzo scrive:
    software libero
    mi trovo pienamente daccordo e in effetti è stato centrato proprio un punto importante, perchè come si può evincere, è lampante il nesso che c'è anche con quella che è la "filosofia" del free software che trova applicazione pratica con nell'open source.Ciò che vuole lasciar intendere l'articolo è proprio quello che io da qualche anno mi sto prodigando di fare, e cioè far capire a chi mi sta intorno cosa sia un hacker e cosa di più profondo c'è dietro questa figura (...una filosofia di vita..). Un hacker aldilà dei tecnicismi, è una persona che spinto dalla curiosità si cimenta con tutte le sue risorse nel capire cosa ha davanti e del perchè è cosi; questo ovviamente porta ad uno stato anche di consapevolezza maggiore con le cose con cui abbiamo a che fare (infatti il termine hacker è estendibile ad ogni campo del sapere e nn solo all'informatica) e fa si che una volta capito l'essenza del problema ed aver implementato una soluzione, ci porta a condividere la nostra scoperta anche con tutti gli altri. Un hacker inoltre, prima della conoscenza deve averne lo spirito (cit. Socrate: "so di nn sapere") altrimenti resterebbe conoscenza sterile che non porta risultati se nn quelli di usare la conoscenza acquisita per lucrarci. Tutto questo rapportato con la religione (a mio parere) non stona affatti, anzi!! forse serve a capire meglio ed ad applicare quelli che sono i concetti delle religione, e cioè il bene comune, l'aiuto reciproco, il rispetto di se degli altri e delle cose che ci circondando che forse molti nn sanno come mettere in pratica nella realtà; bene questo è un modo ad esempio.Io penso che in virtù di tutto ciò, se dessimo uno sguardo a ciò che professa la fsf (free software foundation) e sopratutto ai principi sui quali essa è nata, ci rendiamo conto benissimo che quel gruppo di persone (con Stallman alla testa) non vuol far altro che ribadire e far capire alla gente che oltre al sistema operativo, c'è qualcosa di più... il sistema operativo gnu/linux è solo la punta dell'icerberg, una realizzazione pratica di come "se si vuole si può" realizzare qualcosa che per molto tempo è stato utopico... e ancora oggi molti si ostinano a dire che Stallman sia utopico; al dilà della persona fisica, ma a me sembra che di utopico ci sia poco... perchè se veramente tutti vogliamo il bene comune, tutti vogliamo essere aiutati, tutti vogliamo stare in pace, allora sarebbe anche ora che ognuno iniziasse a fare la propria parte in modo concreto senza stare sempre e solo a lamentarci. Se cosi nn fosse stato, Stallman e il suo gruppo e la fsf e gnu/linux oggi non sarebbero esistiti. Credo che ci sia molto da imparare, perchè questi sono esempi di come tutto sia fattibile se solo lo si vuole realizzare veramente :)(linux)
    • panda rossa scrive:
      Re: software libero
      Tutto estremamente condivisibile.E forse non e' del tutto casuale, all'indomani della scelta del Vaticano di allinearsi col partito del Copyright invece di sostenere i valori di condivisione e di liberta' della cultura.
      • Enzo scrive:
        Re: software libero
        - Scritto da: panda rossa
        Tutto estremamente condivisibile.
        E forse non e' del tutto casuale, all'indomani
        della scelta del Vaticano di allinearsi col
        partito del Copyright invece di sostenere i
        valori di condivisione e di liberta' della
        cultura.beh il vaticano storicamente ha sempre fatto il contrario di ciò che professava la religione, quindi nn mi meraviglio se ha fatto questo passo che dice lei
        • Riccardo Mereti scrive:
          Re: software libero
          A leggere la norma Vaticana sul copiright ho notato che lo scopo citato nell'articolo di P.I. è "Scopo della legge - si legge ancora sul quotidiano pontificio - non è sottrarre alla libera fruibilità personale i testi del Magistero, che continueranno a essere disponibili per attività non lucrative, ma di proteggerne l'integrità e in definitiva l'autenticità dei contenuti".In sostanza la libera diffusione è sempre possibile, se non a scopo di lucro (ovvio).C'era da aspettarselo: quando mai impedire la circolazione di contenuti che si interessa a diffondere.Semmai ribadiscono lo scopo di tutelarne l'integrità, la storia è piena di fraintendimenti, delle parole del Papa ad esempio.Non mi stupisce che una analisi così "avanti", compresa la distinzione tra hacker e cracker, sia venuta da un Gesuita ... sono sempre pensatori sottili.Gira anche una barzelletta significativa, secondo la quale fra le tre cose che Dio ignora c'è anche "cosa pensano *veramente* i Gesuiti".
    • pjt scrive:
      Re: software libero
      D'accordo in pieno con te.Del resto, se si realizzasse veramente la visone cristiana della società si avrebbe una condivisione completa con gli altri, cosa che, nel campo della conoscenza, è uno dei fondamenti della filosofia hacker
      • sxs scrive:
        Re: software libero
        - Scritto da: pjt
        D'accordo in pieno con te.
        Del resto, se si realizzasse veramente la visone
        cristiana della società si avrebbe una
        condivisione completa con gli altri, cosa che,
        nel campo della conoscenza, è uno dei fondamenti
        della filosofia
        hackerMa che balle spari! Il peggiore oscurantismo viene ancora,ed e' sempre venuto dalle religioni, cosi' come la peggiore avidita'.E tanto per andare sul pratico:http://www.youtube.com/watch?v=o44loprfxKA
        • pjt scrive:
          Re: software libero
          Non devi essere andato molto al catechismo da piccolo... ;)Chi dice porgi l'altra guancia, perdona 70 volte 7 e chi ha due tuniche ne dia una a chi non ne ha mi sembra quanto di più lontano ci sia dall'oscurantismo e dall'avidità.Nopn confondere (errore che purtroppo fanno tanti) la religione in se stessa da coloro che in suo nome hanno fatto cose che non c'entravano niente.
          • sxs scrive:
            Re: software libero
            - Scritto da: pjt
            Non devi essere andato molto al catechismo da
            piccolo...
            ;)
            Chi dice porgi l'altra guancia, perdona 70 volte
            7 e chi ha due tuniche ne dia una a chi non ne ha
            mi sembra quanto di più lontano ci sia
            dall'oscurantismo e
            dall'avidità.
            Nopn confondere (errore che purtroppo fanno
            tanti) la religione in se stessa da coloro che in
            suo nome hanno fatto cose che non c'entravano
            niente.Non le confondo, le chiese che sono sorte in seguito sonoinfinitamente peggiori del personaggio di Gesu' Cristo.Tuttavia non condivido neppure la dottrina di quest'ultimotrovandola a tratti dannosa e malevola.
          • pjt scrive:
            Re: software libero
            Interessante... non avevo mai sentito definire malevolo l'insegnamento cristiano. Ma mi rendo sempre più conto che, nonostante siamo in un paese a larghissima maggiornza cattolica, cosa dice il Vangelo è scarsamente conosciuto.
          • sxs scrive:
            Re: software libero
            - Scritto da: pjt
            Interessante... non avevo mai sentito definire
            malevolo l'insegnamento cristiano. Ma mi rendoLo credo, i paraocchi sono belli spessi.
          • pjt scrive:
            Re: software libero
            - Scritto da: sxs
            - Scritto da: pjt

            Interessante... non avevo mai sentito definire

            malevolo l'insegnamento cristiano. Ma mi rendo


            Lo credo, i paraocchi sono belli spessi.O più probabilmente lo sono i pregiudizi...
          • Funz scrive:
            Re: software libero
            - Scritto da: pjt
            Non devi essere andato molto al catechismo da
            piccolo...
            ;)
            Chi dice porgi l'altra guancia, perdona 70 volte
            7 e chi ha due tuniche ne dia una a chi non ne ha
            mi sembra quanto di più lontano ci sia
            dall'oscurantismo e
            dall'avidità.
            Nopn confondere (errore che purtroppo fanno
            tanti) la religione in se stessa da coloro che in
            suo nome hanno fatto cose che non c'entravano
            niente.Ecco, vallo a dire agli attacca crocifissi che adesso devono gestire l'accoglienza degli immigranti... mi astengo dal dire cosa penso di loro.
          • pjt scrive:
            Re: software libero
            Dale mie parti sono stati ospitati in edifici messi a disposizione dalla curia...
          • krane scrive:
            Re: software libero
            - Scritto da: pjt
            Non devi essere andato molto al catechismo da
            piccolo...
            ;)
            Chi dice porgi l'altra guancia, perdona 70 volte
            7 e chi ha due tuniche ne dia una a chi non ne ha
            mi sembra quanto di più lontano ci sia
            dall'oscurantismo e dall'avidità.Certo non dalla sete di sangue:GenesiGenesis, VI-V sec a.e.c. Il Signore si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo. Il Signore disse "Sterminerò dalla terra l'uomo che ho creato con l'uomo anche il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo, perché sono pentito d'averli fatti". (6, 6)Io manderò il diluvio, cioè le acque, sulla terra, per distruggere sotto il cielo ogni carne, in cui è alito di vita; quanto è sulla terra perirà. (6, 17)EsodoColui che offre un sacrificio agli dèi, oltre al solo Signore, sarà votato allo sterminio. (22, 19)Per sei giorni si lavorerà, ma il settimo sarà per voi un giorno santo, un giorno di riposo assoluto, sacro al Signore. Chiunque in quel giorno farà qualche lavoro sarà messo a morte. (36, 2)Qualunque uomo della vostra discendenza che nelle generazioni future si accosterà, in stato dimmondezza, alle cose sante consacrate dagli Israeliti al Signore, sarà eliminato davanti a me. Io sono il Signore. (22, 3)Chi bestemmia il nome del Signore dovrà essere messo a morte: tutta la comunità lo dovrà lapidare. (24, 16)Deuteronomium, VI-V sec a.e.c.Io il Signore tuo Dio sono un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione per quanti mi odiano, ma usa misericordia fino a mille generazioni verso coloro che mi amano e osservano i miei comandamenti. (5, 9)Se un uomo avrà un figlio testardo e ribelle che non obbedisce alla voce né di suo padre né di sua madre e, benché labbiano castigato, non dà loro retta, suo padre e sua madre lo prenderanno e lo condurranno dagli anziani della città, alla porta del luogo dove abita, e diranno agli anziani della città: Questo nostro figlio è testardo e ribelle; non vuole obbedire alla nostra voce, è uno sfrenato e un bevitore. Allora tutti gli uomini della sua città lo lapideranno ed egli morirà; così estirperai da te il male. (21, 18)Non entrerà nella comunità del Signore chi ha il membro contuso o mutilato. Il XXXXXXXX non entrerà nella comunità del Signore; nessuno dei suoi, neppure alla decima generazione, entrerà nella comunità del Signore. (23, 2)Se non obbedirai alla voce del Signore tuo Dio, se non cercherai di eseguire tutti i suoi comandi e tutte le sue leggi che oggi io ti prescrivo, verranno su di te e ti raggiungeranno tutte queste maledizioni: sarai maledetto nella città e maledetto nella campagna. Maledette saranno la tua cesta e la tua madia. Maledetto sarà il frutto del tuo seno e il frutto del tuo suolo; maledetti i parti delle tue vacche e i nati delle tue pecore. Maledetto sarai quando entri e maledetto quando esci. Il Signore lancerà contro di te la maledizione, la costernazione e la minaccia in ogni lavoro a cui metterai mano, finché tu sia distrutto e perisca rapidamente a causa delle tue azioni malvagie per avermi abbandonato. Il Signore ti farà attaccare la peste, finché essa non ti abbia eliminato dal paese, di cui stai per entrare a prender possesso. Il Signore ti colpirà con la consunzione, con la febbre, con linfiammazione, con larsura, con la siccità, il carbonchio e la ruggine, che ti perseguiteranno finché tu non sia perito. Il cielo sarà di rame sopra il tuo capo e la terra sotto di te sarà di ferro. (28, 15)SiracideFa' lavorare il tuo servo, e potrai trovare riposo, lasciagli libere le mani e cercherà la libertà. Giogo e redini piegano il collo; per lo schiavo cattivo torture e castighi. Fallo lavorare perché non stia in ozio, poiché lozio insegna molte cattiverie. Obbligalo al lavoro come gli conviene, e se non obbedisce, stringi i suoi ceppi. (33, 26)
          • pjt scrive:
            Re: software libero
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: pjt

            Non devi essere andato molto al catechismo da

            piccolo...

            ;)

            Chi dice porgi l'altra guancia, perdona 70 volte

            7 e chi ha due tuniche ne dia una a chi non ne
            ha

            mi sembra quanto di più lontano ci sia

            dall'oscurantismo e dall'avidità.

            Certo non dalla sete di sangue:
            GenesiCiti il Vecchio Testamento.Nel Vangelo si fa un "upgrade" alla versione 2.0 ;)"Gesù gli disse: «"Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente". Questo è il grande e il primo comandamento. Il secondo, simile a questo, è: "Ama il tuo prossimo come te stesso". Da questi due comandamenti dipendono tutta la legge e i profeti»." (Matteo 22, 37-40)
          • krane scrive:
            Re: software libero
            - Scritto da: pjt
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: pjt


            Non devi essere andato molto al catechismo


            da piccolo...


            ;)


            Chi dice porgi l'altra guancia, perdona 70


            volte 7 e chi ha due tuniche ne dia una a


            chi non ne ha mi sembra quanto di più


            lontano ci sia dall'oscurantismo e


            dall'avidità.

            Certo non dalla sete di sangue:

            Genesi
            Citi il Vecchio Testamento.Cito quello indicato genericamente da te che parlavi di "religione cattolica" senza specificare.
            Nel Vangelo si fa un "upgrade" alla versione 2.0
            ;)Sarebbe quasi ora di fare la versione 3.0 senza divinita' forse... Anche se alla fine probabilmente si otterrebbe qualcosa a meta' tra il manuale delle giovani marmotte ed i libri di filosofia taoista (corrente filosofica non religione).
            "Gesù gli disse: «"Ama il Signore Dio tuo con
            tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con
            tutta la tua mente". Questo è il grande e il
            primo comandamento. Il secondo, simile a questo,
            è: "Ama il tuo prossimo come te stesso". Da
            questi due comandamenti dipendono tutta la legge
            e i profeti»." (Matteo 22, 37-40)Inoltre stiamo parlando di una religione specifica o di una tua personale ? Perche' mi sembra che il rappresentante ufficiale in terra del barbone dica cose diverse.
          • pjt scrive:
            Re: software libero
            - Scritto da: krane

            Citi il Vecchio Testamento.

            Cito quello indicato genericamente da te che
            parlavi di "religione cattolica" senza
            specificare.A parte che parlavo di religione Cristiana in generale (di cui la Cattolica Romana fa parte, ma non è la sola, e purtroppo molti confondono le cose), la religione Cristiana ha come testo fondante i Vangeli. Il Vecchio Testamento è la base, ma va riletto alla luce del messaggio di Gesù.

            Nel Vangelo si fa un "upgrade" alla versione
            2.0


            ;)

            Sarebbe quasi ora di fare la versione 3.0 senza
            divinita' forse... Anche se alla fine
            probabilmente si otterrebbe qualcosa a meta' tra
            il manuale delle giovani marmotte ed i libri di
            filosofia taoista (corrente filosofica non
            religione).Se levi la Divinità al messaggio cristiano lo svuoti completamente di significato. Del resto una religione che si basa sull'Amore (inteso come assoluto) porta inevitabilmente verso Dio.Tra l'altro questi discorsi mi fanno sempre venire in mente Benigni ne "Il Papocchio", quendo dipingendo il giudizio universale parla del giudizio di Dio verso Marx: "Questo l'ho detto anch'io. Quì si copia un po' troppo, caro il mio Carlo Marx!" ;)

            "Gesù gli disse: «"Ama il Signore Dio tuo con

            tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con

            tutta la tua mente". Questo è il grande e il

            primo comandamento. Il secondo, simile a questo,

            è: "Ama il tuo prossimo come te stesso". Da

            questi due comandamenti dipendono tutta la legge

            e i profeti»." (Matteo 22, 37-40)

            Inoltre stiamo parlando di una religione
            specifica o di una tua personale ? Perche' mi
            sembra che il rappresentante ufficiale in terra
            del barbone dica cose
            diverse.Se ti riferisci al Papa, non è che dice cose molto differenti. solo che abitualemnte si trova citato quello che dice in maniera parziale e forviante. Prova, per esempio, a leggere i due libri che ha pubblicato recentemente sulla figura di Gesù: potresti avere una (spero bella) sorpresa.P.S.: mi sembra che quì siamo andati O.T. Se vuoi continuare (e lo faccio volentieri) scrivimi all'indirizzo che trovi sul mio profilo.
          • krane scrive:
            Re: software libero
            - Scritto da: pjt
            - Scritto da: krane


            Citi il Vecchio Testamento.

            Cito quello indicato genericamente da te

            che parlavi di "religione cattolica" senza

            specificare.
            A parte che parlavo di religione Cristiana in
            generale (di cui la Cattolica Romana fa parte, ma
            non è la sola, e purtroppo molti confondono le
            cose), la religione Cristiana ha come testo
            fondante i Vangeli. Il Vecchio Testamento è la
            base, ma va riletto alla luce del messaggio di
            Gesù.Bhe, gia' nell'apocalisse direi che ce ne sono di citazioni divertenti :DE' tutto un: o stai dalla mia parte e fai quello che dico o t'ammazzo tra atroci sofferenze (rotfl)


            Nel Vangelo si fa un "upgrade" alla versione

            2.0


            ;)

            Sarebbe quasi ora di fare la versione 3.0 senza

            divinita' forse... Anche se alla fine

            probabilmente si otterrebbe qualcosa a meta' tra

            il manuale delle giovani marmotte ed i libri di

            filosofia taoista (corrente filosofica non

            religione).
            Se levi la Divinità al messaggio cristiano lo
            svuoti completamente di significato.Non capisco proprio la relazione tra le due cose... Se Dio avesse voluto essere venerato come tale sarebbe comparso come nei fumetti dei supereroi, al contrario invece si e' fatto uomo (sempre nell'ipotesi che un dio esista naturalemnte).
            Del resto una religione che si basa sull'Amore
            (inteso come assoluto) porta inevitabilmente
            verso Dio.Falsissimo, la falsita' di quest'affermazione e' evidente studiando le filosofie che contemplano l'amore per se' stesso, il prossimo e la soceta'; ma non la divinita'.
            Tra l'altro questi discorsi mi fanno sempre
            venire in mente Benigni ne "Il Papocchio", quendo
            dipingendo il giudizio universale parla del
            giudizio di Dio verso Marx: "Questo l'ho detto
            anch'io. Quì si copia un po' troppo, caro il mio
            Carlo Marx!"
            ;)Cerchero'...


            "Gesù gli disse: «"Ama il Signore Dio tuo con


            tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e


            con tutta la tua mente". Questo è il grande e


            il primo comandamento. Il secondo, simile a


            questo, è: "Ama il tuo prossimo come te


            stesso". Da


            questi due comandamenti dipendono tutta la


            legge e i profeti»." (Matteo 22, 37-40)

            Inoltre stiamo parlando di una religione

            specifica o di una tua personale ? Perche'

            mi sembra che il rappresentante ufficiale

            in terra del barbone dica cose diverse.
            Se ti riferisci al Papa, non è che dice cose
            molto differenti. Solo che abitualemnte si trova
            citato quello che dice in maniera parziale e
            forviante. Prova, per esempio, a leggere i due
            libri che ha pubblicato recentemente sulla figura
            di Gesù: potresti avere una (spero bella)
            sorpresa.Ho letto alcune cose e penso sia un politicante come un altro, interessato a tirare acqua al suo mulino e vittima di questo.
            P.S.: mi sembra che quì siamo andati O.T. Se vuoi
            continuare (e lo faccio volentieri) scrivimi
            all'indirizzo che trovi sul mio profilo.Perche' invece non aprire una discussione pubblica nell'apposito spazio dei forum a tema liberi per registrati ? Perche' impedire che altri partecipino alla discussione ?
          • pjt scrive:
            Re: software libero
            - Scritto da: krane

            P.S.: mi sembra che quì siamo andati O.T. Se
            vuoi

            continuare (e lo faccio volentieri) scrivimi

            all'indirizzo che trovi sul mio profilo.

            Perche' invece non aprire una discussione
            pubblica nell'apposito spazio dei forum a tema
            liberi per registrati ? Perche' impedire che
            altri partecipino alla discussione?Giustissimo, non ci avevo pensato. Facciamolo, ti aspetto li
          • Funz scrive:
            Re: software libero
            - Scritto da: pjt
            Citi il Vecchio Testamento.
            Nel Vangelo si fa un "upgrade" alla versione 2.0
            ;)C'è sempre il dogma della verità indiscutibile di tutto quello che c'è scritto nella bibbia, o forse la chiesa ha fatto l'upgrade pure di quello?Dogma che fa il paio con l'infallibilità del papa... un po' tanto ridicolo nel duemilaundici
      • Enzo scrive:
        Re: software libero
        - Scritto da: pjt
        D'accordo in pieno con te.
        Del resto, se si realizzasse veramente la visone
        cristiana della società si avrebbe una
        condivisione completa con gli altri, cosa che,
        nel campo della conoscenza, è uno dei fondamenti
        della filosofia
        hacker ;)
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: software libero
        - Scritto da: pjt
        D'accordo in pieno con te.
        Del resto, se si realizzasse veramente la visone
        cristiana della società Chiese, preti, baciapile e associazioni annesse sparirebbero essendo questi il tradimento delle parole di Cristo.
    • western scrive:
      Re: software libero
      si si , tutto bello, a patto che credi quello che voglio io, come lo voglio io e che tu sia totalmente succube di quello che dico... ricordiamo che l'hacker Giordano Bruno è stato bruciato vivo a campo de' fiori, e che tutt'oggi la lungimirantissima chiesa cattolica sostiene di aver fatto benissimo, che lo rifarebbe e che è sbagliato riunirsi intorno a quel dannato monumento bronzeo del povero frate domenicano, per sostenere l'importanza delle libertà di pensiero... Di contro, i papi assassini (vedi pio IX, pluriomicida) vengono fatti santi...
      • Enzo scrive:
        Re: software libero
        io infatti nn ho parlato di ciò che fa la chiesa in nome della religione, ma del fatto che molti principi della religione (svincolata da qualsiasi strumentalizzazione) sono "norme morali" che praticamente hanno anche poco di spiritualistico in se, ma che se osservati messi in pratica di certo fanno elevare il rapporto dell'uomo con tutto ciò che lo circonda; ergo ci sarebbe più rispetto, meno egoismi di sorta, e molta più tranquillità credimi ;)
    • ephestione scrive:
      Re: software libero
      tl;dr :)
Chiudi i commenti