Più muscoli per il T-Rex di IBM

Big Blue ha raddoppiato la potenza di calcolo del suo più grosso mainframe, lanciando un nuovo monster da 54 processori che fa della sicurezza e della virtualizzazione due punti cardine


Armonk (USA) – Il nuovo mastodonte dei mainframe di IBM si chiama System z9, e va a sostituirsi al precedente modello zSeries z990 che Big Blue aveva soprannominato, e non a caso, T-Rex.

Il colosso di Armonk afferma che il nuovo bestione di calcolo è frutto di tre anni di lavoro di sviluppo e di un investimento di 1,2 miliardi di dollari che ha coinvolto 5.000 ingegneri, sviluppatori software ed esperti di sicurezza. Il System z9 raddoppia la potenza di calcolo del suo predecessore ed è in grado di supportare, all’incirca nello stesso spazio di un frigorifero, fino a 54 processori.

Il nuovo T-Rex può elaborare fino a un miliardo di transazioni al giorno, gestire cinque diversi sistemi operativi, tra cui Linux e il nuovo z/OS versione 1.7, consentire il trasporto sicuro dei dati tra decine di piattaforme di calcolo, e virtualizzare migliaia di applicazioni contemporaneamente, incluse quelle Java-based.

Oltre che sulla potenza di calcolo, IBM si è focalizzata sulla sicurezza. Il gigante afferma infatti che System z9 faciliterà la gestione della sicurezza e delle risorse di sistema in tutta la rete IT aziendale e fornirà un punto di controllo centrale.

“System z9 offre virtualizzazione e capacità collaborative a un livello che non ha precedenti nell’industria informatica. Un unico System z9 è studiato per ottimizzare hardware, networking e software, in modo tale che le aziende possano gestire e proteggere carichi di lavoro equivalenti a migliaia di server distribuiti, in una frazione dello spazio e a un costo contenuto”, ha affermato Bill Zeitler, senior vice president e group executive di IBM Systems and Technology.

Il mainframe consente di creare migliaia di server virtuali su un unico sistema con fino a 60 partizioni logiche hardware, il doppio rispetto alle LPAR come z990. Combinato alle nuove versioni dei software Virtualization Engine e Director di IBM, System z9 può agire come hub del data center, gestendo blade, UNIX, x86 e altri server in un’unica interfaccia.

IBM farà in modo che la sua principale soluzione di virtualizzazione storage, TotalStorage SAN Volume Controller, possa presto essere connessa con Linux su ambienti zSeries.

“Questa capacità – ha spiegato IBM – offrirà ai clienti zSeries l’opportunità di utilizzare lo storage tradizionalmente collegato agli ambienti aperti, attraverso configurazioni gestite da IBM TotalStorage SAN Volume Controller, inclusa la possibilità di sfruttare l’ambiente di storage a più livelli creato da IBM TotalStorage SAN Volume Controller”.

Il cuore dello z9 è costituito da un modulo multichip (MCM) di IBM della dimensione di 95 x 95 x 8,5 mm, che sta nel palmo di una mano: questo contiene 16 chip montati su 102 strati di vetroceramica, collegati a oltre 5.184 pin I/O attraverso 540 metri di filo. Sebbene simile come aspetto all’MCM dello z990, il nuovo MCM consente a z9 di fornire circa il doppio di capacità di sistema totale, a parità di dimensioni fisiche. Il modulo si avvale della tecnologia al rame a 90 nm e Silicon-on-Insulator (SOI) e contiene oltre 3,5 miliardi di transistor.

Il System z9 è disponibile in cinque modelli con configurazioni da 1 a 54 processori: si prevede che i primi quattro modelli, con un numero di processori da 1 a 38, saranno disponibili a partire dal prossimo settembre, mentre per il modello ad alta capacità S54 l’uscita è prevista per novembre. I prezzi partiranno da 1 milione di dollari.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    OT Ecco da dove prende le info aranzulla
    http://forum.salvatore-aranzulla.attaccailpianeta.com/read.php?2,55in questi cai cosa si fa ?(win)
    • Anonimo scrive:
      Re: OT Ecco da dove prende le info aranz
      - Scritto da: Anonimo
      http://forum.salvatore-aranzulla.attaccailpianeta.


      in questi cai cosa si fa ?(win)Anrebbe postata nel forum delle segnalazioni, in quello PI: pro e contro, e mandata un email alla redazione di repubblica e di PI (e qualsiasi altro quotidiano abbia dato credito all'ackero).
      • Anonimo scrive:
        Re: OT Ecco da dove prende le info aranz
        quasi sicuramente quest post sarà cancellato,perche la verita fa molto male, sai non si puo campare senza notizie .....sinceramente non capisco con che facilità si pubblicano certe notizie ....
  • Anonimo scrive:
    L'inimmaginabile si avvererà!
    Aranzulla diventerà più ricco di Bill Gates?
  • Anonimo scrive:
    Aranzulla e' su Repubblica !!!!!!
    Forza Salvo !!!!!!!!!!!!!!!!!!http://www.repubblica.it/2005/g/sezioni/scienza_e_tecnologia/fallaggogle/fallaggogle/fallaggogle.html
  • Anonimo scrive:
    dovrebbero avere solo precedenza 20 gior
    dovrebbero avere un contratto che dice solo "a voi la passiamo subito, poi la pubblichiamo DOVE VOGLIAMO dopo 20 giorni"così sarebbe garantito tutto
  • Anonimo scrive:
    4 --
    Perchè tutte le notizie di PI cominciano con "Roma"? Cos'è, giornalmente tutta la ICT del mondo tiene conferenze stampa a Roma per dare le notizie a PI?
  • THe_ZiPMaN scrive:
    Così finiranno i bei tempi ...
    Oggi qualcuno trova il baco e decide cosa fare, se contattare il produttore, se pubblicarlo subito, se sfruttarlo come 0day.Domani che accadrà?Purtroppo sono convinto che accadrà il peggio, ovvero chi troverà il baco lo "venderà" alla società X, che contatterà la società produttrice del software che risponderà che correggerà la falla fra sei mesi, quando faremo la nuova release.Nel frattempo il povero utente fetente, che pensa di essere abbastanza furbo perché segue BugTraq e FullDisclosure, si ritroverà il PICCI andato a puttane perché in quei 6 mesi sarà uscito uno 0day, le due società che sapevano (e che potevano intervenire) si erano accordate per non fare trapelare nulla della falla e il povero Bug Hunter era costretto al silenzio da quei miseri 100$ ricevuti.Non so come sono le regole del gioco, ma "responsible disclosure" significa avvisare, ricevere una risposta con la soluzione e pubblicare.Tra la segnalazione e la prima risposta non deve passare più di una settimana, altrimenti si deve passare alla pubblicazione senza dettagli.Tra la risposta e la soluzione non deve passare più di un mese, altrimenti si passa comunque alla pubblicazione.Dopo 3 mesi dalla scoperta del bug dovrebbero sempre essere pubblicati tutti i dettagli completi di POC.Penso che con questo giochino del pagare per i bug tutta questa catena salti e chi ci rimette saremo sempre e solo noi utenti fetenti.
  • Anonimo scrive:
    No ho capito come pagano
    A forfait, a cottimo, a stipendio fisso, con partita IVA o assunti?Che lo dicano chiaro che cazzo vogliono; sono sempre fumosi questi qui, poi ti fregano.
    • Anonimo scrive:
      Re: No ho capito come pagano
      - Scritto da: Anonimo
      A forfait, a cottimo, a stipendio fisso, con
      partita IVA o assunti?
      Che lo dicano chiaro che cazzo vogliono; sono
      sempre fumosi questi qui, poi ti fregano.Dipende dal bug.Vai da 6 mesi per i bug piccoli ai 30 anni per quelli più grossi ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: No ho capito come pagano
        - Scritto da: Wakko Warner
        - Scritto da: Anonimo

        A forfait, a cottimo, a stipendio fisso, con

        partita IVA o assunti?

        Che lo dicano chiaro che cazzo vogliono; sono

        sempre fumosi questi qui, poi ti fregano.

        Dipende dal bug.
        Vai da 6 mesi per i bug piccoli ai 30 anni per
        quelli più grossi ;)LOL!
    • Anonimo scrive:
      Re: No ho capito come pagano

      Che lo dicano chiaro che cazzo vogliono; sono
      sempre fumosi questi qui, poi ti fregano.Sembra ad almeno un anno di distanza e se se lo ricordano:http://www.idefense.com/poi/teams/vcp_reward_programs.jsp?flashstatus=false
Chiudi i commenti