Pirateria, il cinema contro lo stato?

Il produttore Aurelio De Laurentiis vorrebbe lanciare una class action contro lo stato italiano per la mancata introduzione di regime legislativo anti-pirateria. Verrebbe chiesto un risarcimento da oltre 12 miliardi di euro

Roma – Una class action contro lo stato italiano per la mancata introduzione di un efficace strategia legislativa contro la pirateria audiovisiva , nelle bellicose intenzioni del produttore cinematografico Aurelio De Laurentiis. Intervenuto nel corso di un simposio organizzato dall’Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali (ANICA), l’imprenditore di origini romane ha puntato il dito contro lo scarso impegno finora mostrato dal legislatore tricolore nella lotta alla condivisione illecita su Internet.

“Il problema della pirateria è di quelli importanti – ha esordito De Laurentiis, invitato dal presidente di ANICA Riccardo Tozzi – Dico che dovremmo chiedere 12,5 miliardi di euro in modo da ottenerne almeno 2,5. È il totale che perdiamo ogni anno a causa della pirateria audiovisiva”. Erede di un impero di celluloide, De Laurentiis sta cercando il sostegno della stessa ANICA, insieme al ministero per i Beni Culturali, alla guida della class action contro lo stato tricolore .

Stando ai dati di mercato snocciolati nel corso del simposio di ANICA, il numero dei biglietti staccati nei cinema italiani è diminuito del 5 per cento dagli inizi del 2012 , in discesa costante negli ultimi due anni. Nella visione sbandierata da De Laurentiis, un problema causato principalmente dalle offerte illecite a disposizione degli utenti sulle reti di comunicazione elettronica.

Non è però chiaro come sia stato calcolato il totale delle perdite annue a causa della pirateria sul web.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Selex scrive:
    Viva l'Italia....
    Anche questa volta abbiamo avuto gli aggangi giusti e siamo ripartiti,alla faccia di svela la verità su di noi:http://it-it.facebook.com/pages/Lettera-aperta-per-il-Dott-Antonio-Catrical%C3%A0/213586672067754?sk=infoL'Italia non cambierà mai, gli onesti perderanno sempre...
  • Sisko212 scrive:
    Porcheria incredibile...
    Un sistema talmente macchinoso e assolutamente inutile in quanto non servirà a fermare gli affari della criminalità organizzata...Pensano di fermare i mafiosi con una chiavetta USB ?Si tratta solo dell'ennesima pratica burocratica per giustificare l'assunzione di altro personale nella pubblica amministrazione, che sicuramente sarà composta da altri amici degli amici di qualche amministratore pubblico o di qualche personaggio politico.
    • Francesco scrive:
      Re: Porcheria incredibile...
      Se il SISTRI funzionasse renderebbe impossibile trasportare un rifiuto pericoloso e poi distruggere i documenti, oppure trasformare scarti con cromo esavalente in biomasse con un colpo di cancellina.Il guaio è che invece di appaltare il tutto ad una aziendina di 20 persone con quattro palle (tecnicamente non c'è nulla di innovativo) hanno coinvolto la solita azienda di stato incapace a tutto tranne corrompere&pagare bonus ai propri dirigenti.
      • Alf scrive:
        Re: Porcheria incredibile...
        ma secondo te la mafia si mette a "falsificare" i documenti. NON li fa!questo è il solito metodo per COMPLICARE le cose agli onesti e non toccare i disonesti.Nessuno mette in dubbio un sistema informatizzato per la tracciabilità, ma il SISTRI è da psicotici!
        • gianni scrive:
          Re: Porcheria incredibile...
          - Scritto da: Alf
          NON l fa!esatto, nulla scritto , nulla registrato, e via...
        • Internetcrazia scrive:
          Re: Porcheria incredibile...
          - Scritto da: Alf
          questo è il solito metodo per COMPLICARE le cose
          agli onesti e non toccare i
          disonesti.il riassunto dell'interazione stato-cittadini..quanto hai ragione!
      • pippo scrive:
        Re: Porcheria incredibile...
        ma secondo te uno che trasporta un rifiuto pericolo da smaltire illecitamente utilizzerà un mezzo con dispositivo u.s.b. ?
Chiudi i commenti