Premiati i campio(nci)ni di informatica

Tra i 42 premiati alla manifestazione di Rimini il gruppo di studenti che rappresenterà l'Italia alle Olimpiadi Internazionali dell'Informatica che si terranno negli USA ad agosto


Roma – Si è tenuta a Bologna, all’Istituto Tecnico Commerciale Luxemburg, la premiazione dei 42 giovani che hanno primeggiato alle selezioni nazionali per le Olimpiadi Internazionali dell’Informatica (IOI) guadagnandosi così il titolo di “Olimpionici Italiani”: le selezioni nazionali per le IOI sono infatti da quest’anno denominate Olimpiadi Italiane dell’Informatica (OII).

Le IOI sono un’iniziativa UNESCO, cui aderiscono 85 paesi e promossa in Italia dall’Associazione Italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico (AICA) in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). Si rivolgono agli studenti della scuola media superiore con età fra i 15 e i 20 anni e si basano sulla capacità di risolvere problemi al computer.

“I 42 studenti premiati – si legge in una nota AICA – sono i migliori degli oltre 7500 (di circa 360 Istituti di tutta Italia) che hanno partecipato quest’anno alle prime selezioni, a conferma del successo che l’iniziativa ha nella scuola. I riconoscimenti – 8 medaglie d’oro, 14 d’argento, 20 di bronzo – sono stati assegnati da Alessandro Musumeci, Direttore Generale Innovazione Tecnologica del MIUR”.

Tra i migliori 22 premiati a Bologna vi saranno ulteriori selezioni per definire nelle prossime settimane la squadra (4 titolari e 2 riserve) che dovrà rappresentare l’Italia nel corso delle prossime Olimpiadi Internazionali di Informatica, che si terranno negli Stati Uniti ad agosto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il modificatore di notizie
    Questo articolo mi fa tornare in mente il protagonista di "1984" (Orwell), Smith, che di professione faceva proprio il "modificatore di notizie". Costui dunque poteva benissimo essere un hacker, asservito malvolentieri (*) al servizio del regime in cui viveva per contraffare a proprio vantaggio (del regime ovviamente) le notizie e, quindi, l'informazione in generale :)))(*) «Sostituire la parola "malvolentieri" con "psico-reato"»
  • Anonimo scrive:
    :-* GOOGLE!
    love! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: :-*   GOOGLE!

      love! :)Diciamo anche che nel giorno dell'aggiornamento il servizio era un po' inchiodato e che mi hanno segato un po' di roba nel template del blog, comunque mi associo: Google? :-*
Chiudi i commenti