Primo blog per un cardinale cattolico

A lanciarlo è un alto prelato statunitense in questi giorni in visita a Roma. Già molti i parroci e le suore in rete

Roma – Parrebbe essere il primo blog di un cardinale cattolico quello lanciato da Sean ÒMalley, a capo dell’arcidiocesi di Boston, negli Stati Uniti, che proprio in questi giorni si trova a Roma in visita.

“Questa è una nuova avventura per me e per l’Arcidiocesi – ha dichiarato – e spero di avvantaggiarmi delle ultime tecnologie e modalità di comunicazione per condividere con i cattolici dell’Arcidiocesi le mie esperienze ora che torno da Roma”. Secondo il portavoce dei vescovi cattolici negli Stati Uniti, Bill Ryan, sebbene altri prelati abbiano intrapreso la via del blog, ÒMalley è il primo cardinale a farlo.

Chi vuole curiosare tra un numero infinito di foto pubblicate sul blog, condite da frasi argute e descrizioni sagaci può recarsi a questo indirizzo .

Va detto che il mondo cattolico è da sempre pioniere della rete e oggi sono innumerevoli i siti e i blog di ispirazione cattolica, realizzati da parroci , suore , comunità cattoliche e fedeli .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • aJVMgNRNTdE x scrive:
    fnsehcPuSzEKIpeoSfQ
    Anyway, I think if I had another photos from this photo session I would have Kristin Novak naked capture because if she is stripping out on the first one already, I can imagine what is on the last one., http://naushniki-dlya-apple-ipod-classic-1-sennheiser-cx-175.iso-test-x.ru �������� ��� Apple iPod classic 1 Sennheiser CX 175 </url
    , <url
    http://star-called-sun-skachat.intazgbi.ru|star called sun ������� </url
    , <url
    http://kipelov-skachat-besplatno-vse-albomy.ioo-sokol.ru|������� ������� ��������� ��� ������� </url
    , <url
    http://dom-2-ebut-buzovu.inline-spb.ru|��� 2 ���� ������ </url
    , <url
    http://husqvarna-576xp-9651754-18.islen.ru|Husqvarna 576XP 9651754-18,
  • WsKDVgLbMfz wCNc scrive:
    wlTzldZNvQZIbkAN
    Surely we don't do that in front of everybody's as it is not allowed so we have got there some pretty well hidden basement and not everybody can go there., <url
    http://pesni-iz-filma-mama-skachat.intazgbi.ru|����� �� ������ ���� ������� </url
    , <url
    http://skachat-igru-star-wars-2011.intazgbi.ru|������� ���� star wars 2011 </url
    , <url
    http://e668ru-10-smesitel-kandel-jacob-delafon.iso-test-x.ru|E668RU-10 ��������� KANDEL Jacob Delafon </url
    , <url
    http://murakami-0-km-skachat-besplatno.intazgbi.ru|�������� 0 �� ������� ��������� </url
    , <url
    http://asabella-nabor-navolochek-ab572-2l.iso-test-x.ru|Asabella ����� ��������� AB_572-2L </url
    ,
  • yjpAfEfFTaG qbJkIM scrive:
    YHUtYyRAMoW
    Kim was trying to say that everybody thinks she is rich and there is nothing to worry about for her., http://sumatriptan-online-cheap.blogy.fr buy geodon online cheap, http://vitamin-b12-dietary-suppleme.elkablog.com vitamin b12 dietary supplement side-effects, http://voveran-gel-price.eclablog.com voveran plus price, http://does-levothyroxine-cause-acn.eklablog.net thyroxine levothyroxine side effects in dogs, http://doxycycline-hyclate-acne-sid12.jeblog.fr doxycycline hyclate used to treat acne,
  • iBJFwqgzaZD ahnox scrive:
    cxtAQfVXwfBDEZIj
    All I can think of is Kim Kardashian topless dancing on the table with a bottle of tequila in one hand and her bra in the other., http://danazol-mechanism-of-action.eclablog.com danazol mechanism of action in itp, http://fosamax-alternatives-men.fatalblog.com tamoxifen alternatives natural, http://side-effects-lipitor-wiki.blogy.fr side effects of lipitor and alcohol, http://where-can-i-buy-dramamine-fo.murties.com zofran for kids, http://disulfiram-price-canada.chti.fr cabergoline price canada,
  • fuNPmZyWyEi PNLEVOsR scrive:
    NWuSqrSJmwqdQKxwfVh
    Well, I can agree with those people because if Kourtney was that popular as her older sister, we would see her on Playboy and some other magazines., http://comparison-and-contrast-essa.murties.com contrast and comparison topics, http://cover-letter-examples-for-fi.eklablog.net business analyst cover letter, http://writing-creative.revolublog.com writing creative brief, http://how-to-start-a-college-essay.blogueuse.fr essay of college, http://write-writing-essay-samples.eklablog.com argumentative essay samples,
  • cSksdnyGOmv a scrive:
    OWIYThwbWABRJGos
    That's right, so as you can see her butt is pretty athletic and a bit curvy as well., http://real-examples-sample-academi.id.st academic essay writing, http://the-iliad-writing-the-person.elkablog.com writing a medical school personal statement, http://literature-review-writing.murties.com writing the literature review, http://personal-statement-for-schol.loadation.net personal statement for scholarship, http://creative-writing-mfa97.revolublog.com creative writing novel,
  • JNYwIKcAnsK PGaNNDzw scrive:
    ZaovooeQUH
    He is having her from behind doggy style so I believe you can get a picture, right? The other thing is that he is smoking a cigarette during this time and that is a bit an extraordinary but this is only a joke so I think it is possible to say that., http://critical-thinking-sample-que.shonenblog.com how to ask critical thinking questions, http://case-studies-consulting.loadation.net case studies consulting, http://topics-for-creative-writing.loadation.net topics for creative writing for kids, http://essay-apa-style.blogueuse.fr dissertation style, http://business-development-art-int.revolublog.com cover letter internship,
  • opFsCJvaGqI aH scrive:
    xriuHNVqeNYhHBnBjq
    Beauty fades! I just turned 29, so I probably don't have that many good years left in me., http://writing-my-research-paper.lo.gs buy essay no plagiarism, http://pay-someone-do-my-essay-uk.lo.gs pay someone do my essay uk, http://need-motivation-write-my-paper.lo.gs need motivation write my paper, http://need-help-do-my-essay.lo.gs need help do my essay, http://write-my-paper-apa.lo.gs buy law essay uk,
  • Anonimo scrive:
    inchiostro
    ma con quello che costano gli inchiostri quanti euri si spenderanno al secondo per stampare?
  • Anonimo scrive:
    200 sequoie al secondo
    Pensate che bello, accendiamo a manetta queste stampanti in tutto il mondo per 24 ore di fila ed eliminiamo per sempre il concetto di "albero" dal pianeta.Almeno queste piante la smetteranno una volta per tutte di rubarci ossigeno!
    • Anonimo scrive:
      Re: 200 sequoie al secondo
      DOVREBBERO INVENTARE UN RICICLATORE CASALINGO ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: 200 sequoie al secondo
      - Scritto da:
      Pensate che bello, accendiamo a manetta queste
      stampanti in tutto il mondo per 24 ore di fila ed
      eliminiamo per sempre il concetto di "albero" dal
      pianeta.
      Almeno queste piante la smetteranno una volta per
      tutte di rubarci
      ossigeno!Le piante PRODUCONO ossigeno
      • Anonimo scrive:
        Re: 200 sequoie al secondo

        Le piante PRODUCONO ossigenoNon e' del tutto esatto. Lo consumano anche, di giorno.Ne prodocuno pero' molto, molto di piu' la notte.Burp
        • Anonimo scrive:
          Re: 200 sequoie al secondo


          Le piante PRODUCONO ossigeno

          Non e' del tutto esatto.
          Lo consumano anche, di giorno.
          Ne prodocuno pero' molto, molto di piu' la notte.Boni tutti... le piante producono ossigeno di giorno tramite la fotosintesi clorofilliana.Di notte lo consumano, siccome luce per la fotosintesi non c'è, e devono pur sempre metabolizzare il glucosio prodotto durante il giorno.Tié.
    • Anonimo scrive:
      Re: 200 sequoie al secondo
      - Scritto da:
      Pensate che bello, accendiamo a manetta queste
      stampanti in tutto il mondo per 24 ore di fila ed
      eliminiamo per sempre il concetto di "albero" dal
      pianeta.
      Almeno queste piante la smetteranno una volta per
      tutte di rubarci
      ossigeno!La carta non la fai con le sequoie, ma da vivai di alberi (altrimenti ormai non conviene) tipo pino, abete, larice, pioppo, castagno, e spesso la betulla.
  • Larry scrive:
    comunque è un'idiozia.
    se il problema è il carrello che fa avanti e indietro lo si sostituisce con una testina di stampa basata su 4 o più file (una per colore) di ugelli distribuiti per tutta la larghezza del foglio (A4, A3, A2) e si fa avanzare la carta in rullo tagliandola a necessità (ormai molte stampanti hanno la taglierina incorporata)Molto più economico.
    • Anonimo scrive:
      Re: comunque è un'idiozia.
      - Scritto da: Larry
      se il problema è il carrello che fa avanti e
      indietro lo si sostituisce con una testina di
      stampa basata su 4 o più file (una per colore) di
      ugelli distribuiti per tutta la larghezza del
      foglio (A4, A3, A2) e si fa avanzare la carta in
      rullo tagliandola a necessità (ormai molte
      stampanti hanno la taglierina
      incorporata)
      Molto più economico.Se tu sei capace, perchè non vieni a dirci come si fa? In modo economico, intendo. Perchè le testine fisse a colori le ha già dimostrate Canon nel 2000. Solo produrrle non è economicamente conveniente (tu pagheresti una stampante 5000 euro?).Se tu sai fare come fare, brevetta la cosa e in due anni ti garantisco che potrai scegliere quale colore di ferrari usare per uscire la sera, abbinata al colore del vestito della tua modella (non vorrai uscire solo?) :)
  • Anonimo scrive:
    Interessante
    Mi riservo per un giudizio di conoscere più particolari.L'idea di una testina di stampa fissa, delle dimensioni del foglio di carta non è nuova, tuttavia non è mai stata implementata per i costi legati ad una simile testina e per le problematiche riguardo il corretto rifornimento di inchiostro degli ugelli.Il prototipo in effetti lavorava su una superficie molto ridotta, sarà interessante verificare cosa avverrà portandosi a dimensioni A4 o maggiori.Per quanto riguarda i libri sono dubbioso, non mi risulta che esistano sistemi di rilegatura eseguibili in pochi minuti equivalenti a quelli dei libri cartonati. Non credo che l'utenza eccetterebbe di buon grado un libro che assomigli a delle fotocopie rilegate con una spirale, a quel punto potrebbe preferire fotocopiarlo quel libro.... o scaricarselo in formato Pdf.
    • Anonimo scrive:
      Re: Interessante
      Per quanto concerne sistemi 'domestici' di rilegatura veloci che diano risultati simili a quelli usati per i libri che si comprano in libreria, conosco questa azienda:http://www.maping.com/tuttavia immagino che ne esistano anche altre.
  • Anonimo scrive:
    Hoops ho sbagliato
    e stampato 3000 pagine che non dovevo...Peccato !
  • Anonimo scrive:
    La matematica è un opinione?
    60 sec/1000 pag = 0,06 sec, cioè 6 centesimi di secondo per ogni paginatutto questo per prendere il foglio dal cassetto, stampare, evacuare il foglio stampato, e portare in posizione il successivo.wowwwwwwwForse si riferivano alla sola azione di stampa, il foglio non lo considerano?Francamente mi sembra un po' troppo.Tra l'altro questo sistema ha una "risoluzione nativa" e anche bassissima, sqrt(57600)/12*2.54 = 50.8 dpi, sono due punti per millimetro.Per non parlare poi del fatto che ci sono qualcosa come 57K ugelli, già le stampanti oderni si otturano facilmente, con 57K ugelli chissà cosa succederà.
    • Anonimo scrive:
      Re: La matematica è un opinione?
      - Scritto da:
      60 sec/1000 pag = 0,06 sec, cioè 6 centesimi di
      secondo per ogni
      pagina
      tutto questo per prendere il foglio dal cassetto,
      stampare, evacuare il foglio stampato, e portare
      in posizione il
      successivo.
      wowwwwwww
      Forse si riferivano alla sola azione di stampa,
      il foglio non lo
      considerano?potrebbe essere una media sulla stampa di piu` pagine, lo spostamento del foglio potrebbe avvenire in contemporanea alla stampa, e contare solo per il primo.
      • Anonimo scrive:
        Re: La matematica è un opinione?
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        60 sec/1000 pag = 0,06 sec, cioè 6 centesimi di

        secondo per ogni

        pagina

        tutto questo per prendere il foglio dal
        cassetto,

        stampare, evacuare il foglio stampato, e portare

        in posizione il

        successivo.

        wowwwwwww

        Forse si riferivano alla sola azione di stampa,

        il foglio non lo

        considerano?

        potrebbe essere una media sulla stampa di piu`
        pagine, lo spostamento del foglio potrebbe
        avvenire in contemporanea alla stampa, e contare
        solo per il
        primo.Allora le stampanti più veloci attualmente in commercio arivano alle 200 pagine al minuto e hanno dimensioni e pesi notevoli...Mi sa che come al solito chi scrive certe notizie non ha idea della realtà.Anche perché hai idea di che velocità di uscita abbia la carta per fare 2 risme al minuto?
    • Anonimo scrive:
      Re: La matematica è un opinione?
      - Scritto da:
      60 sec/1000 pag = 0,06 sec, cioè 6 centesimi di
      secondo per ogni
      pagina
      tutto questo per prendere il foglio dal cassetto,
      stampare, evacuare il foglio stampato, e portare
      in posizione il
      successivo.
      wowwwwwww
      Forse si riferivano alla sola azione di stampa,
      il foglio non lo
      considerano?Basta che sia un rotolo, e -supponendo che abbiamo misurato in pagine da 12 cm per ovvi motivi di marketing hype- significa una velocità di 120 m al minuto, cioè 2 m/s.Ben all'interno del range operativo di una rotativa, ad esempio.Certo dubito che a tali velocità si possa pensare al multicolore -l'allineamento sarebbe un incubo.
      Tra l'altro questo sistema ha una "risoluzione
      nativa" e anche bassissima, sqrt(57600)/12*2.54 =
      50.8 dpi, sono due punti per
      millimetro.Questa in effetti è davvero bassa.

      Per non parlare poi del fatto che ci sono
      qualcosa come 57K ugelli, già le stampanti oderni
      si otturano facilmente, con 57K ugelli chissà
      cosa
      succederà.Sempre di grandi macchine stiamo parlando, a mio parere. Roba industriale, dove il problema è facilmente risolvibile da un addetto alla pulizia.
  • Mijato scrive:
    Disse una volta...
    Disse una volta un tale: "con l'avvento del PC non sarà un problema per ognuno scrivere il proprio libro (e ora anche stamparlo, ndr)" ma poi proseguì "il problema sarà casomai trovare qualcuno che lo legga"
  • Donald111 scrive:
    Della serie: in *cuore* agli editori
    Quei po'po' di spocchiosi.Sai quanti scrittori eccelsi sono a spasso perchè non trovano chi vuole stampare e distribuire i loro manoscritti?E quelli che ivece devono pagare fior di quattrini per le stampe e la distribuzione?Tiè!Mille pagine al minuto.Uno si scrive il libro, ne stampa venti copie, se lo fa rilegare o se vuole se lo rilega da se, piglia la macchina o il bus e se lo distribuisce per conto suo e a prezzo infimo.BELLO BELLO BELLO BELLO BELLO!!!!!!!!Senza contare la bellezza della distribuzione di ebook che diventeranno stampabili in casa!!!Bye bye editori, bye bye librerie esose!!! @^ @^ @^Ma porc'!!! E' suonata la sveglia!:'( :$
    • Anonimo scrive:
      Re: Della serie: in *cuore* agli editori
      - Scritto da: Donald111
      Quei po'po' di spocchiosi.
      Sai quanti scrittori eccelsi sono a spasso perchè
      non trovano chi vuole stampare e distribuire i
      loro
      manoscritti?
      E quelli che ivece devono pagare fior di
      quattrini per le stampe e la
      distribuzione?chi paga soldi ad un editore per stampa e distribuzione si e` fatto semplicemente fregare.stampatori - e fornitori di stampa on-demand - ai quali un autore puo` rivolgersi direttamente esistono gia`.
      Tiè!
      Mille pagine al minuto.
      Uno si scrive il libro, ne stampa venti copie, se
      lo fa rilegare o se vuole se lo rilega da se,
      piglia la macchina o il bus e se lo distribuisce
      per conto suo e a prezzo
      infimo.se uno vuole stamparsi e rilegarsi 20 copie se le puo` pure fare con una laser casalinga normalissima: i tempi di stampa sono gia` quasi piu` veloci di quelli di rilegatura (a seconda dei metodi: a spirale no, rilegatura seria a mano decisamente si`)
      BELLO BELLO BELLO BELLO BELLO!!!!!!!!

      Senza contare la bellezza della distribuzione di
      ebook che diventeranno stampabili in
      casa!!!il che e` esattamente quello che permettono gia` oggi le stampanti laser
      • Donald111 scrive:
        Re: Della serie: in *cuore* agli editori

        il che e` esattamente quello che permettono gia`
        oggi le stampanti
        laser
        Si, ma una stampante laser, seppur casalinga, costa parecchio, e la manutenzione ha un costo assai rilevante.Senza contare le polveri del toner, che non sono tanto salutari da tenersi in casa.Le mie riflessioni giravano attorno al fatto che la stampante è a getto di inchiostro e che, se non per i primi tempi, verrà a costare molto molto meno di una laser, compresa manutenzione e inchiostro.Se poi non sarà così... come si suol dire, se son rose fioriranno, se son cachi ...
        • Hanyuu scrive:
          Re: Della serie: in *cuore* agli editori
          Nah, buone stampanti laser le trovi già per 160 euro. E il ricambio del toner a 50 euro circa. (OKI C3x00n e simili).
  • Anonimo scrive:
    Si, stanno suonando alla porta....
    Ho appena fatto submit su Amazon per il pagamnento ed il corriere che stava girando (ops... looppando) nel quartiere ha ricevuto la stampa in download e la stampante sul suo furgone stà stampando la mia copia.....Va bhe... di cosa discutiamo di chi prende i soldi del diritto d'autore?.....
  • TieFighter scrive:
    Era ora
    Finalmente addio a magazzini pieni di libri patinati che nessuno ha comprato. D'ora in poi si stampi solo quello che serve!
  • Anonimo scrive:
    Non più risme di carta ma..
    .. cosa pero'?Già adesso le risme di carta occupano un sacco di spazio, se si possono stampare 1000 fogli in un minuto serviranno dei silos appositi per la carta... mavvia.. se come, capita spesso, sbaglio il numero di copie e mi allontano dal pc al ritorno potrei trovare la stampante in cima ad un monte di carta inutile.. povera amazzonia.
    • avvelenato scrive:
      Re: Non più risme di carta ma..
      - Scritto da:
      .. cosa pero'?

      Già adesso le risme di carta occupano un sacco di
      spazio, se si possono stampare 1000 fogli in un
      minuto serviranno dei silos appositi per la
      carta... mavvia.. se come, capita spesso, sbaglio
      il numero di copie e mi allontano dal pc al
      ritorno potrei trovare la stampante in cima ad un
      monte di carta inutile..


      povera amazzonia.
      Secondo me questa tecnologia non diventerà mai consumer.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non più risme di carta ma..
      Povera Amazzonia se continuiamo a far stamparelibri che non è detto poi vengano venduti.Di per sè è ecologico il fatto di stamparesolo se acquisti e non a priori.Risparmi carta in definitiva. Non trovi?I costi di una simile stampante poi noncredo siano accessibili agli utenti standardper cui, non credo che ne io ne te avremo unastampante del genere in casa. Di conseguenzane deriva il fatto che l'errore di stampadi 500 fogli non venga ad attuarsi.Difficile sarà invece collegare la venditadi un libro (stampato da un commerciante) coni soldi che dovrà poi girare al suo fornitore.
  • devil64 scrive:
    E perché non stampare sulla pietra?
    Basta con la ricerca assurda della velocità, impariamo a sfornare macchine che rispettino il nostro pianeta.Buona giornata a tutti, anche se qui a Torino piove ed è un giornata di m.....
    • Athlon64 scrive:
      Re: E perché non stampare sulla pietra?

      Basta con la ricerca assurda della velocità,
      impariamo a sfornare macchine che rispettino il
      nostro
      pianeta.No comment
  • CoreDump scrive:
    Ma invece perchè non pensano...
    ...a fare delle cartuccie di stampa che nonsi otturano dopo un pò che non le utilizzi :@
    • Athlon64 scrive:
      Re: Ma invece perchè non pensano...

      ...a fare delle cartuccie di stampa che non
      si otturano dopo un pò che non le utilizzi :@Perché se no non ti obbligherebbero a stampare lo stesso ogni tanto per mantenere efficienti gli ugelli e a sprecare mezza tanica quando fai la pulizia testine...
  • Anonimo scrive:
    in caso di errore..
    quando mandi in stampa qualcosa con una stampante attuale, se devi interrompere la stampa sprechi un paio di fogli.. nel buffer di questa stampante invece quanti fogli ci sono? quanti se ne sprecheranno per errore? @^
    • Angelone scrive:
      Re: in caso di errore..
      Secondo me è stata ideata con la collaborazione di Pigna e Fabriano ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: in caso di errore..
      - Scritto da:
      quando mandi in stampa qualcosa con una stampante
      attuale, se devi interrompere la stampa sprechi
      un paio di fogli.. bestemmi, ma in che lingua? quella nativa oppure in inglese o in quella degli inventori?
      • Anonimo scrive:
        Re: in caso di errore..
        bestemmi, ma in che lingua? quella nativa oppure in inglese o in quella degli inventori?Uh per carità non lo dire neanche per scherzo se no ti vedi un aereo entrare dalla finestra
    • Anonimo scrive:
      caso di errore..ma che ragionamento è??
      Ma scusa in questo caso ristampi solo la pagina dove c'è l'errore mica tutto il libro!
      • HotEngine scrive:
        Re: caso di errore..ma che ragionamento
        - Scritto da:
        Ma scusa in questo caso ristampi solo la pagina
        dove c'è l'errore mica tutto il
        libro!No, non hai capito cosa intendesse. T'è mai capitato che partisse una stampa errata, con pochi caratteri assurdi per ogni pagina e che sforna fogli su fogli? Ecco, immaginati un problema del genere su una stampante da 16 fogli al secondo...
        • Donald111 scrive:
          Re: caso di errore..ma che ragionamento
          - Scritto da: HotEngine
          - Scritto da:


          Ma scusa in questo caso ristampi solo la pagina

          dove c'è l'errore mica tutto il

          libro!

          No, non hai capito cosa intendesse. T'è mai
          capitato che partisse una stampa errata, con
          pochi caratteri assurdi per ogni pagina e che
          sforna fogli su fogli? Ecco, immaginati un
          problema del genere su una stampante da 16 fogli
          al
          secondo...Mamma mia!Ma problemi delle note, asterischi, simboli delle carte e faccine risalgono ad almeno dieci anni fa!!! :sChissà che fine ha fatto la mia povera Fujitsu DL900 ad aghi...:'( :
          • HotEngine scrive:
            Re: caso di errore..ma che ragionamento
            - Scritto da: Donald111
            Mamma mia!
            Ma problemi delle note, asterischi, simboli delle
            carte e faccine risalgono ad almeno dieci anni
            fa!!! Anche adesso succede, eccome. Un esempio: il virus (bugbear se non ricordo male) che lanciava stampe casuali in modo random...
          • Anonimo scrive:
            Re: caso di errore..ma che ragionamento
            - Scritto da: Donald111
            Mamma mia!
            Ma problemi delle note, asterischi, simboli delle
            carte e faccine risalgono ad almeno dieci anni
            fa!!! Magari! Eppure conviviamo abitualmente con driver di stampa che non riproducono correttamente un file (anche .pdf, nonostante dovrebbe essere un formato abbastanza omogeneo tra varie piattaforme).Non mi interessano polemiche tra S.O., configuratori più o meno capaci, produttori di driver che non provano nemmeno a testare l'alfabeto di una lingua con le accentate, figurarsi con caratteri non latini...Resta il fatto che errori ve ne sono a bizzeffe anche nei libri stampati, e quando te ne accorgi alla fine della produzione di 5mila copie che fai? Le vendi, così sono problemi del cliente, oppure piangi per l'Amazzonia - che non c'entra, visto che viene disboscata per fare pascoli e coltivazioni, non per produrre carta - ma butti tutto al macero?
  • Anonimo scrive:
    Due pensieri...
    1) Confezionamento e plastificazione (quando c'è) della copertina e la rilegatura stessa (qualunque metodo usi, ad anelli, a spirale, brossurata o cucita) sono comunque tempi che vanno calcolati. In 60 secondi al massimo si hanno 1000 fotocopie sfuse con una macchina del genere.2) Domande varie. Il costo di questo mostro quant'è? Che formati stamperebbe, solo A4 o anche A3? Fronte/retro o solo fronte? E immagino che i tempi descritti siano per il bianco/nero, per il colore invece i tempi quali sono? E quanto costerà ricaricarla? Domande a cui serve una risposta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Due pensieri...

      2) Domande varie. Il costo di questo mostro
      quant'è?be i costi di ricerca non sono stati cosi poi mostruosi, non dovrebbe costare molto viste anche le ridotte dimensioni.
      • Davz scrive:
        Re: Due pensieri...
        non credo che le dimensioni siano proporzionali al prezzo...
        • painlord2k scrive:
          Re: Due pensieri...
          140 mila $ per il prototipo non sono poi molto.Dubito che la tecnologia sia terribilmente innovativa, solo un remix ed un uso innovativo di tecnologie già esistenti.In pratica fa, con una getto d'inchiostro, quello che fanno con una laser (stampano una pagina alla volta).Se il prototipo è in grado di stampare 100 pagine ogni 6 secondi, in bianco e nero suppongo, per ora, dubito che un modello commerciali non sia in grado di stampare in esacromia + nero + nero coprente con gli stessi tempi.Questo, sicuramente, avrà un impatto molto forte sulle aziende che fanno "print-on-demand", abbassando di molto i costi, principalmente da un punto di vista temporale (tempo è denaro) e di dimensioni (la macchina necessità di poco spazio e quindi si paga di meno per la superficie che occupa). In pratica, qualsiasi università o grossa libreria potrebbe avere una simile macchina, e le altre necessarie per rilegare i fogli e un servizio che lavori su internet potrebbe spedire il libro in minuti (tempo che la colla si asciughi).Date le dimensioni del prototipo, nulla vieta che una produzione di massa porti il costo a portata di un normale privato entro pochi anni. La questione del "fronte e retro" è interessante: nulla vieta, credo, di stampare il foglio contemporaneamente davanti e dietro (dipende quanto velocemente si asciuga l'inchiostro).Da notare che, se si elimina la necessità di spostare la testina, la meccanica della stampante diventamolto più semplice ed affidabile e quindi meno costosa.
          • Babbano riccardo scrive:
            Re: Due pensieri...

            Se il prototipo è in grado di stampare 100 pagine
            ogni 6 secondi, in bianco e nero suppongo, per
            ora, dubito che un modello commerciali non sia in
            grado di stampare in esacromia + nero + nero
            coprente con gli stessi
            tempi.


            Da notare che, se si elimina la necessità di
            spostare la testina, la meccanica della stampante
            diventamolto più semplice ed affidabile e quindi
            meno
            costosa.
            Si ma fare avanzare 100 A4 in 6 secondi... senza che si spiegazzino... vorrei proprio vederla... e poi se devi rilegarli sti fogli?
          • painlord2k scrive:
            Re: Due pensieri...
            Questa credo che sia facile:100 A4 significa 20 metri di carta (facendola scorrere lungo il lato più corto). Se invece di prendere i fogli singolarmente si usa un rotolo e una rotativa, si può far scorrere la carta e tagliarla dopo averla stampata.Un'altra idea è quella di usare più contenitori pieni di fogli e poi muovere quelli sotto la "testina" in rapida successione. Questo eviterebbe di dove applicare direttamente al foglio dello stress meccanico (tira e spingi). Una volta stampati i fogli in un vassoio, questo si sposta e il foglio viene prelevato.Se io, che ne so poco, mi posso immaginare in pochi secondi dei modi per farlo, direi che degli ingegneri professionisti, che vengono pagati per questo tipo di lavoro, possono inventarsene almeno un'altra dozzina che funzionano.Il punto più difficile è creare delle tecnologie semplici, affidabili e poco costose che magari possano essere utilizzate anche in piccoli spazi.Se nella Prima guerra mondiale riuscivano a sincronizzare le mitragliatrici con le pale dell'elica, per sparare attraverso l'elica senza colXXXXX. direi che un secolo dopo dovremmo riuscire anche in questo.Il problema della rilegatura è già risulto, almeno per "instant book" a basso costo. Si incolla e si mette una copertina di cartone più spesso e rigido. Altrimenti ci sono altri metodi, che comunque possono essere altrettanto automatizzati.Se, poi, intendi rilegare lungo la spina con fogli piegati (come riviste o giornali o le enciclopedie), semplicemente o pieghi gli A4 (per libri piccoli) oppure stampi A3 o altro) per libri grandi; eventualmenti tagli via la carta in ecXXXXX dopo. Tutto automatizzabile. Ci sono già macchine che lo fanno e sono già disponibili in alcune grosse biblioteche negli USA per il pubblico. L'unica differenza è che impiegano alcune decine di minuti per fare quello che una macchina che stampi 100 pagine in 6 secondi farebbe in un minuto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Due pensieri...

      colore invece i tempi quali sono? E quanto
      costerà ricaricarla? Domande a cui serve una
      risposta.un po' di pazienza e avrai tutte le risposte.quello che piacerebbe a me sarebbe, oltre a quest'idea, anche potermi fare l'inchiostro a casa, e, visto che ci siamo, anche la stampante, trovare lo schema su internet e costruirmela, o poter comprare i vari pezzi da diversi produttori.Ma questa e' un altra storia, altro che giudea e samaria, io aspetto le ricadute delle bombe intelligenti, si sa, prima le tecnologie sono militari, poi diventano civili, c'e' di che sperare? boh! la vasellina comincia a scarseggiare.
    • avvelenato scrive:
      Re: Due pensieri...
      - Scritto da:
      1) Confezionamento e plastificazione (quando c'è)
      della copertina e la rilegatura stessa (qualunque
      metodo usi, ad anelli, a spirale, brossurata o
      cucita) sono comunque tempi che vanno calcolati.
      In 60 secondi al massimo si hanno 1000 fotocopie
      sfuse con una macchina del
      genere.
      Sputaci sopra
      2) Domande varie. Il costo di questo mostro
      quant'è? 100.000 dollari.No questi sono stati gli investimenti per ottenere questo prototipo.Se ce ne saranno ancora, la tecnologia verrà sviluppata ulteriormente
      Che formati stamperebbe, solo A4 o anche
      A3?per adesso stampa su di un tovagliolo, mi pare di aver letto circa 12cm.
      Fronte/retro o solo fronte? E immagino che i
      tempi descritti siano per il bianco/nero, per il
      colore invece i tempi quali sono? E quanto
      costerà ricaricarla? Domande a cui serve una
      risposta.Ancora questa stampante è in stadio prototipale, è inutile porsi di questi problemi adesso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Due pensieri...
      Immagino che nei primi tempi non sarà una tecnologia consumer.La vedo più per libri con piccole tirature o stampe pubblicitarie in piccole serie, volantini,depliant. Ambito professionale/ semiprofessionale.
      • Anonimo scrive:
        Re: Due pensieri...
        - Scritto da:
        Immagino che nei primi tempi non sarà una
        tecnologia
        consumer.
        La vedo più per libri con piccole tirature o
        stampe pubblicitarie in piccole serie,
        volantini,depliant. Ambito professionale/
        semiprofessionale.E' l'ambito in cui lavoro, per questo chiedevo.Al momento abbiamo due (una b/n una colore) laser multifunzione (fotocopie/stampanti/scanner) della Canon che stampano fino all'A3+, ma non sono il massimo in velocità (certo sempre meglio di qualunque inkjet). Il massimo che ho visto con quelle macchine è una pagina al secondo sulla b/n (solo fronte, col fronte/retro poco meno della metà).
    • Anonimo scrive:
      Re: Due pensieri...
      Per ora si è ai prototipi, credo che per i costi industriali ci voglia tempo e maggiori informazioni.- Scritto da:
      1) Confezionamento e plastificazione sono comunque tempi che vanno calcolati.
      In 60 secondi al massimo si hanno 1000 fotocopie
      sfuse Vero, ma se stai entro i dieci minuti sei comunque tranquillamente nei tempi ragionevoli di attesa per un acquirente in libreria (salvo, forse, per gli acquisti istintivi da edicola o libreria di stazione ferroviaria / aeroporto).
      2) Domande varie. Il costo di questo mostro
      quant'è? Che formati stamperebbe, solo A4 o anche
      A3? Fronte/retro o solo fronte? E immagino che i
      tempi descritti siano per il bianco/nero, per il
      colore invece i tempi quali sono? E quanto
      costerà ricaricarla?Il costo copia è il parametro più critico per poterla confrontare con le stampe professionali (certo resta una tecnologia non da casa, ma pensarla in una libreria la mette in un business molto interessante, anche solo lavorando tra i formati A5/A4).Tieni conto che un sistema del genere taglierebbe i costi di magazzino e distribuzione delle opere librarie, che AFAIK sono un bel peso sul costo del volume, e renderebbe praticabile la ristampa a richiesta, evitando i fuori catalogo e miinimizzando una delle principali ragioni - oltre al prezzo esorbitante - per cercare di fotocopiare illegalmente interi manuali e volumi universitari.Poi se gli editori si metteranno di traverso e renderanno impraticabile questa strada per aggrapparsi al loro vecchio modello di business... saremo qua a litigare come ora con i CD vs. vinile vs MP3, DVD vs DivX/XVid ecc. (anonimo)
  • Anonimo scrive:
    chie ielodice che si possono otturare?
    tutti e 56000 quanti sono?davvero geniale ajahahah
    • Anonimo scrive:
      Re: chie ielodice che si possono otturar
      - Scritto da:
      tutti e 56000 quanti sono?
      davvero geniale ajahahahe tu sturali!
    • Anonimo scrive:
      Pulizie ogni cento copie?
      - Scritto da:
      tutti e 56000 quanti sono?
      davvero geniale ajahahahTrovi on line il catalogo che contiene l'apposito scovolino e il liquido per pulirle...Su, dai, che tanto quest'anno Zelig Circus non lo fanno e per il casting possiamo andarci l'anno prossimo. 8)
  • Guybrush scrive:
    Il libro fatto in casa...
    ...fortunatamente i libri non hanno lo stesso mercato di CD e DVD, altrimenti ci sarebbe stato il solito piagnisteo da parte delle major: "gli ebrei brutti e cattivi (e' ironia questa!!!!) vogliono privarci dei nostri miseri guadagni multimiliardari" ecc... ecc... ecc......e giu' a rimettere in auge i campi di concentramento, con buona pace di chi ha passato gli ultimi decenni a "ricordare affinche' non accada piu'".
    GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Il libro fatto in casa...
      - Scritto da: Guybrush
      ...fortunatamente i libri non hanno lo stesso
      mercato di CD e DVD, altrimenti ci sarebbe stato
      il solito piagnisteo da parte delle major: "gli
      ebrei brutti e cattivi (e' ironia questa!!!!)
      vogliono privarci dei nostri miseri guadagni
      multimiliardari" ecc... ecc...
      ecc...

      ...e giu' a rimettere in auge i campi di
      concentramento, con buona pace di chi ha passato
      gli ultimi decenni a "ricordare affinche' non
      accada
      piu'".


      GT
      • Anonimo scrive:
        Re: Il libro fatto in casa...
        - Scritto da:

        - Scritto da: Guybrush

        ...fortunatamente i libri non hanno lo stesso

        mercato di CD e DVD, altrimenti ci sarebbe stato

        il solito piagnisteo da parte delle major: "gli

        ebrei brutti e cattivi (e' ironia questa!!!!)

        vogliono privarci dei nostri miseri guadagni

        multimiliardari" ecc... ecc...

        ecc...



        ...e giu' a rimettere in auge i campi di

        concentramento, con buona pace di chi ha passato

        gli ultimi decenni a "ricordare affinche' non

        accada

        piu'".




        GT
        Fortunatamente i libri vengono letti poco dagli
        scrocconi che frequentano PI, e non solo PI. Loro
        sanno tutto, e ciò che non sanno lo trovano
        gratis in rete. A loro i libri non interessano.
        Per loro "cultura" significa solo poter scaricare
        gratis musica, film e
        software.Vai a cagare
      • Anonimo scrive:
        Re: Il libro fatto in casa...
        Leggi qualcosa che magari allarghi un po i tuoi orizzonti.http://www.ebookgratis.it/
      • Anonimo scrive:
        Re: Il libro fatto in casa...

        Fortunatamente i libri vengono letti poco dagli
        scrocconi che frequentano PI, e non solo PI. LoroE' vero, i libri non ci interessano, che ce ne facciamo quando abbiamo commentatori trollici come te che scrivono un qualunquismo cosi' gradevole e di stile squisito?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il libro fatto in casa...

        Fortunatamente i libri vengono letti poco dagli
        scrocconi che frequentano PI, e non solo PI. Loro
        sanno tutto, e ciò che non sanno lo trovano
        gratis in rete. A loro i libri non interessano.
        Per loro "cultura" significa solo poter scaricare
        gratis musica, film e
        software.Beh tu scrivendo qui ne fai parte (di questi frequentatori, dico), e quindi ti annovero di diritto nel club.
      • Guybrush scrive:
        Re: Il libro fatto in casa...
        - Scritto da:

        - Scritto da: Guybrush

        ...fortunatamente i libri non hanno lo stesso

        mercato di CD e DVD, altrimenti ci sarebbe stato

        il solito piagnisteo da parte delle major: "gli

        ebrei brutti e cattivi (e' ironia questa!!!!)

        vogliono privarci dei nostri miseri guadagni

        multimiliardari" ecc... ecc...

        ecc...



        ...e giu' a rimettere in auge i campi di

        concentramento, con buona pace di chi ha passato

        gli ultimi decenni a "ricordare affinche' non

        accada

        piu'".




        GT
        Fortunatamente i libri vengono letti poco dagli
        scrocconi che frequentano PI, e non solo PI. Loro
        sanno tutto, e ciò che non sanno lo trovano
        gratis in rete. A loro i libri non interessano.
        Per loro "cultura" significa solo poter scaricare
        gratis musica, film e
        software.Non mi riferivo agli scrocconi: quelli non pagano e basta. Mi riferivo alle possibilita' che uno strumento del genere puo' offrire.Cioe'... 1000 pagine al minuto e a getto d'inchiostro!, praticamente io editore posso tenere un paio di macchine in magazzino, collegarle ad una impaginatrice e fare i "libri on demand", quindi potrei (in teoria) tenere in catalogo TUTTI i libri prodotti e preparare le copie espresse (cioe' su richiesta).Visto che 'sta cosa rompera' parecchio l'animo a tutti quegli editori "old style" che fanno della "copia introvabile" il loro business, come al solito ci sara' qualcuno che si oppone.Un saluto.
        GT
        • Anonimo scrive:
          Re: Il libro fatto in casa...
          Vuoi mettere la qualità (attuale) di un libro stampato nel metodo tradizionale contro quello di una stampante normale?E i "tempi" di conservazione?I tipi di carta?Secondo me è un' ottima soluzione, ma non può ancora sostituire il metodo tradizionale.
          • Kyle scrive:
            Re: Il libro fatto in casa...
            io aspetterei di vederla in azione prima di sparare sentenze come questa... ;)
  • Anonimo scrive:
    video?
    non c'è modo di vedere all'opera questa belva?
Chiudi i commenti