Pronte le prime patenti USA con RFID

Nello Stato di Washington parte il progetto pilota che permetterà di usare le nuove patenti per vari scopi. Presto saranno distribuite in tutto il paese

Washington – La patente statunitense, grazie alla tecnologia RFID , dal 2008 potrà essere utilizzata come “passaporto”. Questo in sintesi il frutto dell’accordo fra lo Stato di Washington e lo U.S. Department of Homeland Security ( DHS ), che permetterà ai residenti di muoversi attraverso i confini terrestri e marini nazionali esibendo un nuovo tipo di patente automobilistica elettronica. Una card, insomma, che integrerà un chip con le informazioni sensibili del possessore, leggibile in modalità wireless da reader specifici.

Si tratta di un programma pilota fortemente sostenuto dal Governatore dello stato Chris Gregoire, ed espressione della legge sul Real ID . “Il nostro impegno per migliorare la mobilità al confine è piuttosto importante se pensiamo ai World Police and Fire Fighter Games del 2009 e le Winter Olympics and Paralympics del 2010 previste in British Columbia (lo stato canadese confinante a nord)”, ha sottolineato Gregoire.

L’iniziativa, di fatto, oltre a distinguersi per praticità – grazie al controllo wireless – è in linea con le raccomandazioni della 9/11 Commission , che poi sono state tradotte dal Congresso nell’ Intelligence Reform and Terrorism Prevention Act of 2004.

Insomma, lo U.S. Customs and Border Protection potrebbe così ridurre le tipologie di documento per l’identificazione e vantare un controllo digitale anche sui confini americani ad alto flusso. Non è escluso infatti che in futuro – forse il 2009 – l’utilizzo di questo documento possa permettere ai residenti statunitensi la libera circolazione in Canada, Messico, Centro e Sud America, Carabi e Bermuda.

“Le patenti elettroniche saranno fornite a volontari selezionati, e costeranno circa 40 dollari, contro i classici 97 dollari dei passaporti”, ha dichiarato Gregoire. “Comunque l’obiettivo rimane quello di migliorare la sicurezza senza danneggiare il commercio e il turismo”.

Michael Chertoff, Homeland Security Secretary, è convinto che la strategia possa essere applicata all’intero paese, armonizzando controlli ed efficienza. “L’elemento chiave delle attività terroristiche e criminali è l’abilità di muoversi inosservati. E noi stiamo proprio aggredendo questo aspetto. Dando la possibilità di utilizzare documentazione sicura che permetterà al personale di controllo di concentrarsi meglio su quelle persone o cose che possono provocare danni”, ha spiegato Chertoff.

La patente RFID ha affascinato anche il Giappone, che dallo scorso gennaio ne sta testando le potenzialità in alcune prefetture. Il Governo di Shinzo Abe ha promesso la sua introduzione nel 2008, ma non è ancora chiaro quali saranno tutti i possibili utilizzi.

In Gran Bretagna e Francia, invece, sono ormai in fase avanzata i progetti pilota di integrazione chip RFID nelle targhe dei veicoli.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Finalmente!!
    Finalmente adesso sapranno già quale suoneria mi piacerà scaricare per soli 6 euro cadauna (traffico wap escluso, tariffa non comprensiva di iva, cibo per i criceti che alimentano il server non compreso)!!Era ora!!! -.-''Che schifo -.-''Non so se conoscete il plugin "adblock" di firefox... in pratica consente di bloccare la stragrande maggioranza di spot, pubblicità ecc e nasconderla dalle pagine web.Dovrebbero farlo per il cellulare. Questo sì che venderebbe!Niente più messaggi del tipo "Abbandona gli sfigati! Diventa animatore anche tu con noi e conosci tante nuove persone!" (mi è arrivato sul serio dalla tim -.-'')BiGAlex
    • beka scrive:
      Re: Finalmente!!
      - Scritto da:
      Finalmente adesso sapranno già quale suoneria mi
      piacerà scaricare per soli 6 euro cadauna
      (traffico wap escluso, tariffa non comprensiva di
      iva, cibo per i criceti che alimentano il server
      non
      compreso)!!
      Era ora!!! -.-''
      Che schifo -.-''
      Non so se conoscete il plugin "adblock" di
      firefox... in pratica consente di bloccare la
      stragrande maggioranza di spot, pubblicità ecc e
      nasconderla dalle pagine
      web.
      Dovrebbero farlo per il cellulare. Questo sì che
      venderebbe!
      Niente più messaggi del tipo "Abbandona gli
      sfigati! Diventa animatore anche tu con noi e
      conosci tante nuove persone!" (mi è arrivato sul
      serio dalla tim
      -.-'')

      BiGAlexL'unica nostra speranza in Italia si chiama vodafone+ apple.Sembra infatti che apple abbia preso contatti con vodafne per distribuire l'iPhone in Europa, e quindi anche in Italia.ma siccome l'iPhone senza una connessione a Internet permanente (tipo flat per intenderci) è mezzo zoppo (anzi piuttosto mi prendo un nokia 3310 che costa anche meno) Vodafone sarà più o meno obbligata ad includere nel contratto di vendita iPhone + sim Vodafone anche una flat finalmente VERA senza limiti.Almeno questo è quello che spero, altrimenti, al massimo, saremo messi come prima, internet via cellulare = costi proibitivi.
    • Wolf01 scrive:
      Re: Finalmente!!
      se facessero adblock per la tv sarebbe la rivoluzione del secolo, altro che per il cellularecomunque non gli basta intasare di pubblicità la tv e internet, adesso pure i cellularisperiamo che non diventino sms-spam come le email, quella sarà la volta buona in cui mi comprerò definitivamente un pda e butterò via il cellularequelli prima fanno un "sondaggio" e poi lo piazzano a tuttima che fine ha fatto il "tu mi fornisci quello che ti chiedo e non 'eh ma lo attiviamo di default a tutti'"?
    • Funz scrive:
      Re: Finalmente!!
      Ho persino sposato una pubblicitaria, ma da qualche anno non posso piu' sopportare la colata soffocante di pubblicita' che ci soffoca la vita.Non si puo' guardare la TV, qualsiasi programma e' infarcito fino alla nausea. Soluzione: non la guardo.Internet e' pieno di banner animati lampeggianti e invasivi, siti spioni che tracciano ogni tuo passo e che ti rallentano pure la navigazione. Sempre siano lodati Adblock+ e noscriptNon puoi uscire di casa senza che la vista sia offesa da enormi cartelloni 5x7m (3 nei dintorni di casa mia)Non puoi viaggiare per le strade senza vedere continuamente gli stessi cartelloni, peraltro vietati sulle strade importanti, che cercano in ogni modo di distrarti dalla guida e deturpano il paesaggio (che puoi ammirare da passeggero ovviamente ;)) Al cinema sei costretto a sorbirti mezzore degli stessi spot -con aggiunti quelli degli alcoolici, magari prima di un film per ragazzi-, ed i film stessi sono infarciti di pubblicita' indiretta: product placement si chiama, ovvero infilare oggetti e marchi da pubblicizzare nelle scene senza reale necessita'. Unica soluzione: informarsi ed evitare accuratamente tutti i film (di solito quelli piu' beceramente commerciali) che fanno uso di questa pratica schifosa.Per di piu' le pubblicita' sono sempre piu' volgari, scurrili, violente, prive di fantasia, noiose nonostante la profuzione di effetti speciali. Niente che valga nemmeno la pena di andarsela a vedere su YT.
Chiudi i commenti