Proview, gli avvocati vogliono una fetta di iPad

La vita dura di un patent troll, che se la deve vedere anche con i suoi stessi legali

Roma – Proview pensava di essere uscita con il bottino dall’offensiva lanciata ad Apple nel nome di iPad, ma non aveva considerato quanto dovuto (e a quanto pare promesso) ai suoi avvocati.

La questione legale era stata archiviata con l’ accordo raggiunto tra le parti: Apple aveva riconosciuto alla cinese che rivendicata per sé il marchio e il nome iPad un compenso pari a 60 milioni di dollari.

Una cifra molto inferiore alla sua richiesta di 400 milioni di dollari, ma che poteva rappresentare un’ancora di salvezza per l’azienda cinese schiacciata dai debiti: tuttavia ora a rivolgervisi contro sono i suoi stessi avvocati, quelli dello studio Grandall, che l’ hanno denunciata per il mancato pagamento del compenso dovuto, una cifra che riferiscono essere del 4 per cento di quanto ottenuto da Apple , pari a 2,5 milioni di dollari, e in cui rientrerebbero anche i costi legali anticipati dallo studio legale. ( C.T. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Il Moralizzat ore scrive:
    Io l'avevo detto che..
    WINDOWS XP il miglior sistema operativodi sempre, quello è un OS non quella "mezza cosa" di LINUCS
    • EType scrive:
      Re: Io l'avevo detto che..
      - Scritto da: Il Moralizzat ore
      WINDOWS XP il miglior sistema operativo
      di sempre, quello è un OS non quella
      "mezza cosa" di LINUCSXp è il miglior sistema operativo che ha fatto la microsoft ....e qui ci fermiamo.Linucs non l'ho mai visto :D :D :D .....si vede che sei alle prime armi :D .....mai provato Linux ????
  • Luco Penerai scrive:
    Novità in Lynux
    Novità in Lynux, il sistema operativo della setta Open World (distribuito a prezzi stracciati per fare concorrenza a Windows 7).Hanno messo un firewall (muro di fuoco) per proteggere dagli attacchi hacker: immaginiamo che i nostri dati siano il cuore di una cipolla e i software antivirus installabili sul singolo pc il primo strato della cipolla: ebbene, tutto il resto e' vulnerabile. Come difendersi allora dall'aggressivita' degli hacker (alcuni offrono servizi su richiesta anche alle organizzazioni no global, o addirittura al terrorismo islamico)? Il primo sistema serio di difesa di una rete e' il Firewall (muro di fuoco) e consiste in un sistema di monitoraggio costante dei profili predefiniti di chi entra e chi esce dalla rete. Qualsiasi utente non registrato o non rispondente ai requisiti stabiliti dalla rete viene "bruciato", in termine tecnico, e lasciato incenerito fuori dalla rete. Qualsiasi file sospetto viene bloccato e controllato in una camera asettica di compensazione, che elimina qualsiasi virus o tentativo di sabotaggio della rete. I profili degli utenti sono soggetti a verifiche cicliche e continuamente aggiornati dall'interno.
    • EType scrive:
      Re: Novità in Lynux
      - Scritto da: Luco Penerai
      Novità in Lynux, il sistema operativo della setta
      Open World (distribuito a prezzi stracciati per
      fare concorrenza a Windows
      7).Nvidia ??? :D :D :D ... prezzi stracciati ???? cos'è un mercatino che svende tutto ora ?? :D :D :D ..... Linux è gratuito ...
      Hanno messo un firewall (muro di fuoco) per
      proteggere dagli attacchi hacker: immaginiamo che
      i nostri dati siano il cuore di una cipolla e i
      software antivirus installabili sul singolo pc il
      primo strato della cipolla: ebbene, tutto il
      resto e' vulnerabile. Come difendersi allora
      dall'aggressivita' degli hacker (alcuni offrono
      servizi su richiesta anche alle organizzazioni no
      global, o addirittura al terrorismo islamico)? Il
      primo sistema serio di difesa di una rete e' il
      Firewall (muro di fuoco) e consiste in un sistema
      di monitoraggio costante dei profili predefiniti
      di chi entra e chi esce dalla rete. Qualsiasi
      utente non registrato o non rispondente ai
      requisiti stabiliti dalla rete viene "bruciato",
      in termine tecnico, e lasciato incenerito fuori
      dalla rete. Qualsiasi file sospetto viene
      bloccato e controllato in una camera asettica di
      compensazione, che elimina qualsiasi virus o
      tentativo di sabotaggio della rete. I profili
      degli utenti sono soggetti a verifiche cicliche e
      continuamente aggiornati
      dall'interno.Cavolo almeno andare a leggere cos'è un firewall e cosa fa ...che diamine.
      • metro scrive:
        Re: Novità in Lynux
        Scritto da: EType
        - Scritto da: Luco Penerai

        Novità in Lynux, il sistema operativo della
        setta

        Open World (distribuito a prezzi stracciati per

        fare concorrenza a Windows

        7).
        Nvidia ??? :D :D :D ... prezzi stracciati ????
        cos'è un mercatino che svende tutto ora ?? :D :D
        :D ..... Linux è gratuito
        ...

        Hanno messo un firewall (muro di fuoco) per

        proteggere dagli attacchi hacker: immaginiamo
        che

        i nostri dati siano il cuore di una cipolla e i

        software antivirus installabili sul singolo pc
        il

        primo strato della cipolla: ebbene, tutto il

        resto e' vulnerabile. Come difendersi allora

        dall'aggressivita' degli hacker (alcuni offrono

        servizi su richiesta anche alle organizzazioni
        no

        global, o addirittura al terrorismo islamico)?
        Il

        primo sistema serio di difesa di una rete e' il

        Firewall (muro di fuoco) e consiste in un
        sistema

        di monitoraggio costante dei profili predefiniti

        di chi entra e chi esce dalla rete. Qualsiasi

        utente non registrato o non rispondente ai

        requisiti stabiliti dalla rete viene "bruciato",

        in termine tecnico, e lasciato incenerito fuori

        dalla rete. Qualsiasi file sospetto viene

        bloccato e controllato in una camera asettica di

        compensazione, che elimina qualsiasi virus o

        tentativo di sabotaggio della rete. I profili

        degli utenti sono soggetti a verifiche cicliche
        e

        continuamente aggiornati

        dall'interno.
        Cavolo almeno andare a leggere cos'è un firewall
        e cosa fa ...che
        diamine.avrà copiato e incollato da qulache giornale :D
    • sbrotfl scrive:
      Re: Novità in Lynux
      - Scritto da: Luco Penerai
      Novità in Lynux, il sistema operativo della setta
      Open World (distribuito a prezzi stracciati per
      fare concorrenza a Windows
      7).

      Hanno messo un firewall (muro di fuoco) per
      proteggere dagli attacchi hacker: immaginiamo che
      i nostri dati siano il cuore di una cipolla e i
      software antivirus installabili sul singolo pc il
      primo strato della cipolla: ebbene, tutto il
      resto e' vulnerabile. Come difendersi allora
      dall'aggressivita' degli hacker (alcuni offrono
      servizi su richiesta anche alle organizzazioni no
      global, o addirittura al terrorismo islamico)? Il
      primo sistema serio di difesa di una rete e' il
      Firewall (muro di fuoco) e consiste in un sistema
      di monitoraggio costante dei profili predefiniti
      di chi entra e chi esce dalla rete. Qualsiasi
      utente non registrato o non rispondente ai
      requisiti stabiliti dalla rete viene "bruciato",
      in termine tecnico, e lasciato incenerito fuori
      dalla rete. Qualsiasi file sospetto viene
      bloccato e controllato in una camera asettica di
      compensazione, che elimina qualsiasi virus o
      tentativo di sabotaggio della rete. I profili
      degli utenti sono soggetti a verifiche cicliche e
      continuamente aggiornati
      dall'interno.Salvo per i posteri :D
    • contrario scrive:
      Re: Novità in Lynux
      In ogni caso, sia che tu sia un mentecatto sia che l'abbia fatto di proposito: genio.
  • Gnagno scrive:
    Questo è l'anno di linux!
    Ehm... quasi.Linux al tappeto!
  • pippo75 scrive:
    stabile o instabile?
    Ma la versione 3.5 come è da considerarsi, con la 2.X, le pari erano stabili per dispari no.E' rimasto uguale?
    • nome e cognome scrive:
      Re: stabile o instabile?
      - Scritto da: pippo75
      Ma la versione 3.5 come è da considerarsi, con la
      2.X, le pari erano stabili per dispari
      no.

      E' rimasto uguale?non c'è più distinzione, sono tutte per definizione instabili e bacate.
      • EType scrive:
        Re: stabile o instabile?
        - Scritto da: nome e cognome
        non c'è più distinzione, sono tutte per
        definizione instabili e
        bacate.A differenza di altri OS ...la parola instalbie non significa affatto che si blocca o che manda in crash il sistema.Talmente instabili che basta vedere quanti server sono continuamente giù ..Google in primis .. :D :D :D
        • Rover scrive:
          Re: stabile o instabile?
          Ho preso una margherita e l'ho sfogliata tutta.Stabile!!!!
          • EType scrive:
            Re: stabile o instabile?
            - Scritto da: Rover
            Ho preso una margherita e l'ho sfogliata tutta.
            Stabile!!!!Bravo ora passa agli altri ...
    • Andreabont scrive:
      Re: stabile o instabile?
      Non dare ascolto ai soliti troll. Sono tutte stabili.
    • Carlo scrive:
      Re: stabile o instabile?
      - Scritto da: pippo75
      Ma la versione 3.5 come è da considerarsi, con la
      2.X, le pari erano stabili per dispari
      no.

      E' rimasto uguale?In realtà quella distinzione non c'era più nemmeno con la serie 2.6, se non erro.
  • Bancai4 scrive:
    Api break
    Hanno fatto fuori/rinominato delle api senza motivo che costringerà a riscrivere dei drivers?
    • mura scrive:
      Re: Api break
      - Scritto da: Bancai4
      Hanno fatto fuori/rinominato delle api senza
      motivo che costringerà a riscrivere dei
      drivers?Sicuramente :-(
    • maxsix scrive:
      Re: Api break
      - Scritto da: Bancai4
      Hanno fatto fuori/rinominato delle api senza
      motivo che costringerà a riscrivere dei
      drivers?Yes.Linux = fare e disfare è un bel lavorare.E poi i cantinari qua sopra si lamentano se le aziende non portano i loro software pro sotto questa follia di OS.Se mi chiedete vi spiego anche perchè.Ma esigo un "per piacere".
      • Shiba scrive:
        Re: Api break
        - Scritto da: maxsix
        - Scritto da: Bancai4

        Hanno fatto fuori/rinominato delle api senza

        motivo che costringerà a riscrivere dei

        drivers?

        Yes.

        Linux = fare e disfare è un bel lavorare.

        E poi i cantinari qua sopra si lamentano se le
        aziende non portano i loro software pro sotto
        questa follia di
        OS.

        Se mi chiedete vi spiego anche perchè.

        Ma esigo un "per piacere".Mi sa che il per piacere non te lo becchi, ma ti becchi del gran pistola, visto che la compatibilità binaria con le applicazioni rimane. Ora sentiamo, perché un'applicazione professionale non dovrebbe essere portata su Linux?
        • maxsix scrive:
          Re: Api break
          - Scritto da: Shiba
          - Scritto da: maxsix

          - Scritto da: Bancai4


          Hanno fatto fuori/rinominato delle api
          senza


          motivo che costringerà a riscrivere dei


          drivers?



          Yes.



          Linux = fare e disfare è un bel lavorare.



          E poi i cantinari qua sopra si lamentano se
          le

          aziende non portano i loro software pro sotto

          questa follia di

          OS.



          Se mi chiedete vi spiego anche perchè.



          Ma esigo un "per piacere".

          Mi sa che il per piacere non te lo becchi, ma ti
          becchi del gran pistola, visto che la
          compatibilità binaria con le applicazioni rimane.
          Ora sentiamo, perché un'applicazione
          professionale non dovrebbe essere portata su
          Linux?Punto 1: Non omogeneità nelle interfacce grafiche.Punto 2: Mancanza di una distribuzione unica di riferimento.Punto 3: Obbligo di dover blindare librerie per il funzionamento dell'applicazione stessa, che potrebbe portare a malfunzionamenti ad altre applicazioni.Punto 4: 1%Basta o continuo?
          • Carlo scrive:
            Re: Api break
            Primo: non è vero che non ci sono applicazioni professionali.Le prime che mi vengono in mente sono matlab,apache,maya,blender,ardour,esxi..- Scritto da: maxsix
            Punto 1: Non omogeneità nelle interfacce grafiche.Spiega perchè un' applicazione professionale avrebbe bisogno di un' interfaccia grafica omogenea.Forse pe integrare una equazione differenziale in Matlab è importante che la decorazione della finestra sia gialla o che proietti un'ombra?mah...
            Punto 2: Mancanza di una distribuzione unica di
            riferimento.Compito della distribuzione è proprio quello di impacchettare il software...Argomenta pure, perchè non si coglie il punto nemmeno qui.
            Punto 3: Obbligo di dover blindare librerie per
            il funzionamento dell'applicazione stessa, che
            potrebbe portare a malfunzionamenti ad altre
            applicazioni.Non mi sembra che in windows ciò abbia mai creato problemi.Mai sentito parlare di Dll hell?
            Punto 4: 1%Fammi capire se stiamo parlando del mercato desktop o di quello server, perchè il mercato dei supercomputer è abbondantemente dominato da sistemi basati sul kernel linux.E se non ci girano applicazioni professionali lì...
            Basta o continuo?Continua.
          • EType scrive:
            Re: Api break
            - Scritto da: maxsix
            Punto 1: Non omogeneità nelle interfacce grafiche.
            Punto 2: Mancanza di una distribuzione unica di
            riferimento.
            Punto 3: Obbligo di dover blindare librerie per
            il funzionamento dell'applicazione stessa, che
            potrebbe portare a malfunzionamenti ad altre
            applicazioni.
            Punto 4: 1%

            Basta o continuo?Ahahaha ..che pallottolate che vedo ...Sai com'è su Linux si da la priorità al funzionamento del programma vero e proprio e non alle interfacine belle anche se ce ne sono di fatte per bene.Di distribuzioni ce ne sono parecchie,ma questo non è affatto un male.La maggior parte delle distribuzioni non sono altro che derivate da quelle principali come Debian,Bsd,Slackware,ecc ...quindi non vedo dov'è il problema ...Ci sono sistemi con crash con librerie condivise e riutilizzate ...non mi sembra che vadano meglio.
          • Shiba scrive:
            Re: Api break
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: Shiba

            - Scritto da: maxsix


            - Scritto da: Bancai4



            Hanno fatto fuori/rinominato delle
            api

            senza



            motivo che costringerà a
            riscrivere
            dei



            drivers?





            Yes.





            Linux = fare e disfare è un bel
            lavorare.





            E poi i cantinari qua sopra si
            lamentano
            se

            le


            aziende non portano i loro software pro
            sotto


            questa follia di


            OS.





            Se mi chiedete vi spiego anche perchè.





            Ma esigo un "per piacere".



            Mi sa che il per piacere non te lo becchi,
            ma
            ti

            becchi del gran pistola, visto che la

            compatibilità binaria con le applicazioni
            rimane.

            Ora sentiamo, perché un'applicazione

            professionale non dovrebbe essere portata su

            Linux?

            Punto 1: Non omogeneità nelle interfacce grafiche.E il problema dove sta? Scegli un toolkit e usi quello.
            Punto 2: Mancanza di una distribuzione unica di
            riferimento.Non devi per forza scegliere una distro, crei il tuo programma e lo distribuisci con le librerie richieste (cosa che su quella XXXXXta di OSX succede con tutte le applicazioni). A questo punto funziona ovunque.Se no miri a Ubuntu in ambito desktop e a RHEL in ambito enterprise, come fanno tutti.
            Punto 3: Obbligo di dover blindare librerie per
            il funzionamento dell'applicazione stessa, che
            potrebbe portare a malfunzionamenti ad altre
            applicazioni.Cosa vuole dire "blindare librerie"? O parli chiaro, o non parli. Comunque, se punti ad una distro in particolare usi le sue librerie, se rilasci generico per Linux le includi nell'archivio rilasciato.
            Punto 4: 1%Che a quanto pare non sta bastando neppure a fermare il mercato videoludico che si sta espandendo pure su Linux.
            Basta o continuo?Se ti va di continuare a fare figure ridicole, continua pure. Come vedi nessun problema, solo tanta, tanta ignoranza.
          • jacopo scrive:
            Re: Api break
            il 90% dei pc casalinghi monta windows perchè ci si può giocare, mentre altri fanno dualboot (io uso normalmente ubuntu e winzoz per giocare), non appena il mercato videoludico si sposterà anche su linux penso che molte persone cominceranno a spostarsi completamente!
          • mau scrive:
            Re: Api break
            - Scritto da: maxsix
            Punto 1: Non omogeneità nelle interfacce grafiche.Tipo i problemi di image deployment di client MS 7 SENZA aero in un dominio AD 2008 R2?
            Punto 2: Mancanza di una distribuzione unica di
            riferimento.Tipo Ultimate, Home, Professional, Enterprise?
            Punto 3: Obbligo di dover blindare librerie per
            il funzionamento dell'applicazione stessa, che
            potrebbe portare a malfunzionamenti ad altre
            applicazioni.Tipo BSOD?
            Punto 4: 1%Corretto. Il numero di supercomputer con MS a bordo al mondo.

            Basta o continuo?Non vedo cosa c'entra con il kernel Linux, ma continua pure...
      • EType scrive:
        Re: Api break
        - Scritto da: maxsix
        Linux = fare e disfare è un bel lavorare.C'è gente che lo sceglie proprio per questo ;)
        E poi i cantinari qua sopra si lamentano se le
        aziende non portano i loro software pro sotto
        questa follia di
        OS.Basta gurare su Google poer vedere alternative dei programmi su Linux.Follia OS ??? tutto quello che posso fare con "altri" sistemi operativi lo posso vare con Linux ...ma...NON tutto quello che posso fare con Linux lo posso fare con altri sistemi operativi ;)
        Se mi chiedete vi spiego anche perchè.

        Ma esigo un "per piacere".:D :D :D :D
      • collione scrive:
        Re: Api break
        se ci spieghi quali e quante api sono state modificate, potremmo pure darti rettala compatibilità a livello di api è una priorità anche nel mondo linux e da vari annise si ha un'api break ad un certo punto, è perchè non si poteva proprio evitare, altrimenti fanno di tutto per evitarlo
    • krane scrive:
      Re: Api break
      - Scritto da: Bancai4
      Hanno fatto fuori/rinominato delle api
      senza motivo che costringerà a riscrivere
      dei drivers?No, perche' ?
      • maxsix scrive:
        Re: Api break
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: Bancai4

        Hanno fatto fuori/rinominato delle api

        senza motivo che costringerà a riscrivere

        dei drivers?

        No, perche' ?http://www.h-online.com/open/features/What-s-new-in-Linux-3-5-1637461.htmlLa parte grafica, per chi ha come target l'hardware Nvidia è un palo dove non batte il sole.
        • krane scrive:
          Re: Api break
          - Scritto da: maxsix
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: Bancai4


          Hanno fatto fuori/rinominato

          delle api senza motivo che costringerà

          a riscrivere dei drivers?

          No, perche' ?
          http://www.h-online.com/open/features/What-s-new-i
          La parte grafica, per chi ha come target
          l'hardware Nvidia è un palo dove non batte
          il sole.Ringraziare Nvidia per quello, visto che gli altri non hanno problemi no ?
          • maxsix scrive:
            Re: Api break
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: maxsix

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: Bancai4



            Hanno fatto fuori/rinominato


            delle api senza motivo che costringerà


            a riscrivere dei drivers?


            No, perche' ?



            http://www.h-online.com/open/features/What-s-new-i


            La parte grafica, per chi ha come target

            l'hardware Nvidia è un palo dove non batte

            il sole.

            Ringraziare Nvidia per quello, visto che gli
            altri non hanno problemi no
            ?Io non ringrazio nessuno, a domanda ho risposto.Poi non sono andato a leggere il resto perché francamente non mi interessa.
          • EType scrive:
            Re: Api break
            - Scritto da: maxsix
            Io non ringrazio nessuno, a domanda ho risposto.
            Poi non sono andato a leggere il resto perché
            francamente non mi
            interessa.Non ti interessa e posti a cavoli,vero ???? :D :D :D
          • collione scrive:
            Re: Api break
            vai, ringrazia apple che un service pack te lo fa pagare quasi 20 euro http://www.tomshw.it/cont/news/apple-os-x-10-8-mountain-lion-disponibile-ora-a-15-99-euro/38833/1.html
          • ... scrive:
            Re: Api break
            e infatti: http://www.youtube.com/watch?v=iYWzMvlj2RQ:D
        • Carlo scrive:
          Re: Api break
          - Scritto da: maxsix
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: Bancai4


          Hanno fatto fuori/rinominato delle api


          senza motivo che costringerà a
          riscrivere


          dei drivers?



          No, perche' ?

          http://www.h-online.com/open/features/What-s-new-i

          La parte grafica, per chi ha come target
          l'hardware Nvidia è un palo dove non batte il
          sole.Lì c'è scritto che ora linux offre l'infrastruttura necessaria a optimus per lavorare, non che perchè i driver nvidia funzionino debbano essere riscritti.C'è altro che non ti è chiaro di quell'articolo?
    • Carlo scrive:
      Re: Api break
      - Scritto da: Bancai4
      Hanno fatto fuori/rinominato delle api senza
      motivo che costringerà a riscrivere dei
      drivers?Probabile, ma tutti i driver opensource già inclusi nel kernel sono automaticamente funzionanti.Quelli da riscrivere si contano sulle dita di una mano.
  • analubez scrive:
    SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
    Sempre a parlare di kernel mai di applicazioni...Ditemi a cosa serve riscrivere continuamente da zero o quasi l'unica cosa che la maggiorparte degli utente non c-ga nemmeno di striscio: il kernel!!!A chi importa di sto kernel quando invece linux e' privo di tutti quegli applicativi professionali non-nerd che abbondano invece su altri OS?guarda..ho riscritto la funzione pincopallino del kernel usando "if" invece di "case:"...e intanto il mondo avanza
    • Flavio scrive:
      Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
      E che ci deve fare Torvals se gli sviluppatori di applicazioni non c--ano linux! Applicazioni ce ne sono ma sono poche. Lui si concentra sul cuore, quello che ci gira intorno dovrebbero farlo le softwarehouse! Spiegami perchè Adobe non rilascia le sue suite per linux visto che le rilascia già per mac! E perchè chi sviluppa software gestionale non lo fa anche per linux. Gli va di comodo così! Io dal mio lato sto usando linux, con un software gestionale per DDT e fatture che gira sia su windows, mac e linux. Uso Libre office al posto di office e thunderbird per la posta. Ma altro?? Software di contabilità non ce nè, ma Torvalds non ne può niente!!
      • Sgabbio scrive:
        Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
        - Scritto da: Flavio
        E che ci deve fare Torvals se gli sviluppatori di
        applicazioni non c--ano linux! Applicazioni ce ne
        sono ma sono poche. Lui si concentra sul cuore,
        quello che ci gira intorno dovrebbero farlo le
        softwarehouse! Spiegami perchè Adobe non rilascia
        le sue suite per linux visto che le rilascia già
        per mac! E perchè chi sviluppa software
        gestionale non lo fa anche per linux. Gli va di
        comodo così! Io dal mio lato sto usando linux,
        con un software gestionale per DDT e fatture che
        gira sia su windows, mac e linux. Uso Libre
        office al posto di office e thunderbird per la
        posta. Ma altro?? Software di contabilità non ce
        nè, ma Torvalds non ne può
        niente!!Che poi di software "non nerd" su linux ci stanno :D
      • GoG_ scrive:
        Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
        - Scritto da: Flavio
        E che ci deve fare Torvals se gli sviluppatori di
        applicazioni non c--ano linux! Applicazioni ce ne
        sono ma sono poche. Lui si concentra sul cuore,
        quello che ci gira intorno dovrebbero farlo le
        softwarehouse! Spiegami perchè Adobe non rilascia
        le sue suite per linux visto che le rilascia già
        per mac! E perchè chi sviluppa software
        gestionale non lo fa anche per linux. Gli va di
        comodo così! Io dal mio lato sto usando linux,
        con un software gestionale per DDT e fatture che
        gira sia su windows, mac e linux. Uso Libre
        office al posto di office e thunderbird per la
        posta. Ma altro?? Software di contabilità non ce
        nè, ma Torvalds non ne può
        niente!!Software di contabilità niente?? www.osra.it/ il bpoint gira sia su linux che su win , a lavoro lo abbiamo su win ma chi ci fa assistenza per questo software assicura che su linux è molto più performante.
        • Magutt scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          E' la solita storia, vogliono i programmi aggratisse.
        • P.Inquino scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          - Scritto da: GoG_
          - Scritto da: Flavio

          E che ci deve fare Torvals se gli sviluppatori
          di

          applicazioni non c--ano linux! Applicazioni ce
          ne

          sono ma sono poche. Lui si concentra sul cuore,

          quello che ci gira intorno dovrebbero farlo le

          softwarehouse! Spiegami perchè Adobe non
          rilascia

          le sue suite per linux visto che le rilascia già

          per mac! E perchè chi sviluppa software

          gestionale non lo fa anche per linux. Gli va di

          comodo così! Io dal mio lato sto usando linux,

          con un software gestionale per DDT e fatture che

          gira sia su windows, mac e linux. Uso Libre

          office al posto di office e thunderbird per la

          posta. Ma altro?? Software di contabilità non ce

          nè, ma Torvalds non ne può

          niente!!
          Software di contabilità niente?? www.osra.it/ il
          bpoint gira sia su linux che su win , a lavoro lo
          abbiamo su win ma chi ci fa assistenza per questo
          software assicura che su linux è molto più
          performante.ma che strano! (rotfl)
      • LaNberto scrive:
        Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
        - Scritto da: Flavio
        Spiegami perchè Adobe non rilascia
        le sue suite per linux visto che le rilascia già
        per mac!In breve: il fatturato di Adobe deriva per una buona metà dal Mac.Con Linux che non ha nemmeno l'1% del desktop, e nessuno di questi utenti grafico professionista, cosa lo fanno a fare lo sforzo?
        • P.Inquino scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          - Scritto da: LaNberto
          - Scritto da: Flavio

          Spiegami perchè Adobe non rilascia

          le sue suite per linux visto che le rilascia già

          per mac!

          In breve: il fatturato di Adobe deriva per una
          buona metà dal
          Mac.
          Con Linux che non ha nemmeno l'1% del desktop, e
          nessuno di questi utenti grafico professionista,
          cosa lo fanno a fare lo
          sforzo?ma certoooohttp://www.skimbu.it/2009/09/29/blender-software-di-animazione-3d-gratuito/http://linux.slashdot.org/story/05/07/27/1551250/disney-dreamworks-pixar-go-linuxpivellini sono , vero? (rotfl)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 luglio 2012 22.16-----------------------------------------------------------
          • LaNberto scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            No, sono le mosche bianchee Blender è un software 3D, che con la Adobe CS dell'argomento c'entra come le pere col banane, quindi sei OT
          • P.Inquino scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: LaNberto
            No, sono le mosche bianche

            e Blender è un software 3D, che con la Adobe CS
            dell'argomento c'entra come le pere col banane,
            quindi sei
            OTa nooo?recito...
            Con Linux - che non ha nemmeno l'1% del desktop -
            nessuno di questi utenti grafico professionista,
            cosa lo fanno a fare lo
            sforzo?
          • LaNberto scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            e secondo te la mia affermazione non è valida?e sempre secondo te 1 software di modeling 3D equivale a una suite di animazione, montaggio video, postproduzione, fotoritocco, illustrazione, impaginazione etc. etc. etc.?
          • P.Inquino scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: LaNberto
            e secondo te la mia affermazione non è valida?

            e sempre secondo te 1 software di modeling 3D
            equivale a una suite di animazione, montaggio
            video, postproduzione, fotoritocco,
            illustrazione, impaginazione etc. etc.
            etc.?pixar ha a disposizione sicuramente tutto il resto a corollario..
          • maxsix scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: P.Inquino
            - Scritto da: LaNberto

            e secondo te la mia affermazione non è
            valida?



            e sempre secondo te 1 software di modeling 3D

            equivale a una suite di animazione, montaggio

            video, postproduzione, fotoritocco,

            illustrazione, impaginazione etc. etc.

            etc.?

            pixar ha a disposizione sicuramente tutto il
            resto a
            corollario..Risposta random che denota il fatto che non sai minimamente di cosa stai parlando.Tranquillo, è normale.
          • P.Inquino scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: P.Inquino

            - Scritto da: LaNberto


            e secondo te la mia affermazione non è

            valida?





            e sempre secondo te 1 software di
            modeling
            3D


            equivale a una suite di animazione,
            montaggio


            video, postproduzione, fotoritocco,


            illustrazione, impaginazione etc. etc.


            etc.?



            pixar ha a disposizione sicuramente tutto il

            resto a

            corollario..

            Risposta random che denota il fatto che non sai
            minimamente di cosa stai
            parlando.

            Tranquillo, è normale.lavori alla pixar?
          • FDG scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: P.Inquino
            lavori alla pixar?A te quando ti hanno assunto?
          • P.Inquino scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            è mia (rotfl)
          • FDG scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: LaNberto
            e sempre secondo te 1 software di modeling 3D
            equivale a una suite di animazione, montaggio
            video, postproduzione, fotoritocco,
            illustrazione, impaginazione etc. etc. etc.?Ma poi bisogna vedere quanti di quelli che usano Blender lo fanno su Linux, invece che su Windows o OS X. Personalmente l'ho usato su OS X e Windows (in accoppiata con AC3D, che era quello richiesto per il MOD a cui ho lavorato).
          • Rover scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            Sai quanti sw come quelli ci sono sia sia win sia su osx?Una ditta che non vuole buttare soldi difficilmente sviluppa per un OS dalla diffusione così striminzita. Senza considerare che buona parte di quell'utenza è per il tuttogratis a qualsiasi costo.
          • P.Inquino scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: Rover
            Sai quanti sw come quelli ci sono sia sia win sia
            su
            osx?
            Una ditta che non vuole buttare soldi
            difficilmente sviluppa per un OS dalla diffusione
            così striminzita. Senza considerare che buona
            parte di quell'utenza è per il tuttogratis a
            qualsiasi
            costo.bene, parliamo allora di linux lato server...quindi?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 luglio 2012 08.46-----------------------------------------------------------
          • LaNberto scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            quindi le due cose non hanno nulla in comune. Ma hai 16 anni?
          • P.Inquino scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: LaNberto
            quindi le due cose non hanno nulla in comune. Ma
            hai 16
            anni?i miei primi 16 anni lì ho tutti...cmqsei proprio sicuro che sia così striminzita la sua diffusione?
          • Rover scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            Tenti di girare la frittata?Il mio monitor è collegato ad un desktop win7, in questo momento.Ma per postare qui va bene qualsiasi hw con qualsiasi os con qualsiasi browser.
          • P.Inquino scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: Rover
            Tenti di girare la frittata?
            Il mio monitor è collegato ad un desktop win7, in
            questo
            momento.
            Ma per postare qui va bene qualsiasi hw con
            qualsiasi os con qualsiasi
            browser.auguri! (rotfl)
          • FDG scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: P.Inquino
            ma certoooo

            http://www.skimbu.it/2009/09/29/blender-software-d

            http://linux.slashdot.org/story/05/07/27/1551250/d

            pivellini sono , vero? (rotfl)Ora calmati, respira e ragiona.Blender lo uso pure io. Mi piace tantissimo. E con questo?Il link relativo a Pixar parla di _server_
        • collione scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          non credo che quel discorso dell'1% posso reggere ancora a lungovalve è folle? croteam pure? e autodesk? e tutti questi sono pazzi http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_proprietary_software_for_Linux ?la verità è che adobe è una pallonara, tant'è che ormai nemmeno il player flash vuole più sviluppare per linux
          • LaNberto scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            Sulle percentuali non so dirti, ma sembrano stabili ormai da tempo, specie col mercato dei PC in calo da anni ormai.Per Adobe invece ci credo che per loro non valga lo sforzo. Hai una vaga idea di quanto sia grossa la loro suite?Acrobat Pro X da solo è un giga di roba.Fare il porting di questo colosso per un mercato inesistente non vale proprio la pena.Il Flash poi è moribondo e lo sanno: non lo sviluppano più nemmeno per Android-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 luglio 2012 08.30-----------------------------------------------------------
          • collione scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: LaNberto
            Sulle percentuali non so dirti, ma sembrano
            stabili ormai da tempo, specie col mercato dei PC
            in calo da anni
            ormai.
            considera che linux esiste soprattutto al di fuori del mondo pcriguardo l'1% è solo netapplications che continua a menzionarlo, gli altri lo danno tra il 3% e il 5%
            Per Adobe invece ci credo che per loro non valga
            lo sforzo. Hai una vaga idea di quanto sia grossa
            la loro
            suite?considerando che il 90% del codice non riguarda l'interazione col sistema operativo e che la gui di alcuni dei software della loro suite è realizzata in qt, direi che lo sforzo non è così grandeinteressante che per air non sentano lo sforzo :D
            Acrobat Pro X da solo è un giga di roba.bisogna vedere cosa c'è in quel giga, non penso proprio che sia tutta roba windows-only
      • Stefano L. scrive:
        Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
        E perchè chi sviluppa software
        gestionale non lo fa anche per linux. Noi sviluppiamo software gestionale da quasi 30 anni.Ormai abbiamo abbandonato gli altri OS e lavoriamo solo più su Linux lato server, il client è java e funziona quasi ovunque.
        • P.Inquino scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          - Scritto da: Stefano L.
          E perchè chi sviluppa software

          gestionale non lo fa anche per linux.

          Noi sviluppiamo software gestionale da quasi 30
          anni.

          Ormai abbiamo abbandonato gli altri OS e
          lavoriamo solo più su Linux lato server, il
          client è java e funziona quasi
          ovunque.:)
        • andro scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          - Scritto da: Stefano L.
          E perchè chi sviluppa software

          gestionale non lo fa anche per linux.

          Noi sviluppiamo software gestionale da quasi 30
          anni.

          Ormai abbiamo abbandonato gli altri OS e
          lavoriamo solo più su Linux lato server, il
          client è java e funziona quasi
          ovunque.quasi... (rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • FDG scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          - Scritto da: Stefano L.
          Noi sviluppiamo software gestionale da quasi 30
          anni.

          Ormai abbiamo abbandonato gli altri OS e
          lavoriamo solo più su Linux lato server, il
          client è java e funziona quasi
          ovunque.Configurazione abbastanza comune: linux server e client prevalentemente windows. È anche il vostro caso?
          • Stefano L. scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI

            Configurazione abbastanza comune: linux server e
            client prevalentemente windows. e' anche il
            vostro
            caso?Si.Client prevalentemente win ma non solo, anche linux, mac, thinclient e con un barbatrucco anche iPad e Android
    • mementomori scrive:
      Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
      la prossima volta che comprerai una macchina che al posto del motore ha un criceto che gira tu sarai felicissimo di usare l'autoradio con i comandi vocali...
    • P.Inquino scrive:
      Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
      - Scritto da: analubez
      Sempre a parlare di kernel mai di applicazioni...
      Ditemi a cosa serve riscrivere continuamente da
      zero o quasi l'unica cosa che la maggiorparte
      degli utente non c-ga nemmeno di striscio: il
      kernel!!!(rotfl) da quel che affermi si capisce tutta la tua misera esperienza in ambito linux
      A chi importa di sto kernel quando invece linux
      e' privo di tutti quegli applicativi
      professionali non-nerd che abbondano invece su
      altri
      OS?tipo?

      guarda..ho riscritto la funzione pincopallino del
      kernel usando "if" invece di
      "case:"...

      e intanto il mondo avanzacerto ....if/fi invece di case/esac..questi sono per te i miglioramenti che vengono effettuati sul kernel..il mondo avanza? si...di avanzi ce ne sono...winzoz in primis!
      • bho scrive:
        Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI

        il mondo avanza? si...di avanzi ce ne
        sono...winzoz in
        primis!E ti pareva... ma cosa c'entra Windows adesso?Si parla di Linux? BAAAAM!! "Windows fa schifo"Si parla di Apple? BAAAAM!! "Windows fa schifo"Si parla di Android? BAAAAM!! "Windows fa schifo"Si parla di Microsoft? BAAAAM!! "Windows fa schifo"E basta!(prima di ogni eventuale offesa vorrei chiarire che sono un Linux-User e un Windows-User e scrivo software per entrambi gli OS)
        • P.Inquino scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          - Scritto da: bho

          il mondo avanza? si...di avanzi ce ne

          sono...winzoz in

          primis!

          E ti pareva... ma cosa c'entra Windows adesso?
          Si parla di Linux? BAAAAM!! "Windows fa schifo"
          Si parla di Apple? BAAAAM!! "Windows fa schifo"
          Si parla di Android? BAAAAM!! "Windows fa schifo"
          Si parla di Microsoft? BAAAAM!! "Windows fa
          schifo"
          E basta!
          (prima di ogni eventuale offesa vorrei chiarire
          che sono un Linux-User e un Windows-User e scrivo
          software per entrambi gli
          OS)è un dato di fatto (rotfl)
          • nome e cognome scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI

            è un dato di fatto (rotfl)Più che altro invidia del pene ...
          • P.Inquino scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: nome e cognome

            è un dato di fatto (rotfl)

            Più che altro invidia del pene ...toh, mancavi solamente tu...
          • FDG scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: P.Inquino
            - Scritto da: nome e cognome


            è un dato di fatto (rotfl)



            Più che altro invidia del pene ...

            toh, mancavi solamente tu...Beh, con le tue risposte trollesche pretendi che non si senta chiamato in causa?
          • P.Inquino scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: P.Inquino


            - Scritto da: nome e cognome



            è un dato di fatto (rotfl)





            Più che altro invidia del pene ...



            toh, mancavi solamente tu...

            Beh, con le tue risposte trollesche pretendi che
            non si senta chiamato in
            causa?yaaaawn
          • FDG scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: P.Inquino

            Beh, con le tue risposte trollesche pretendi
            che

            non si senta chiamato in

            causa?

            yaaaawnDai, non dirmi che sei serio!
          • P.Inquino scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: P.Inquino



            Beh, con le tue risposte trollesche
            pretendi

            che


            non si senta chiamato in


            causa?



            yaaaawn

            Dai, non dirmi che sei serio!ero annoiato ieri (rotfl)
    • collione scrive:
      Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
      innanzitutto non si tratta di riscrivere da zero un bel niente nè di cambiare un if con un casequelle che vengono fatte sono: aggiunte, bugfix, nuovi driver e supporto periferichee poi quali sarebbero questi applicativi fantomatici che su linux non ci sono? siete stati anni a rompere con la storia di autocad e adesso che di cad ce ne sono a vagonate, parlate di generici applicativi professionali che mancano?
    • EType scrive:
      Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
      - Scritto da: analubez
      Sempre a parlare di kernel mai di applicazioni...
      Ditemi a cosa serve riscrivere continuamente da
      zero o quasi l'unica cosa che la maggiorparte
      degli utente non c-ga nemmeno di striscio: il
      kernel!!!
      A chi importa di sto kernel quando invece linux
      e' privo di tutti quegli applicativi
      professionali non-nerd che abbondano invece su
      altri
      OS?

      guarda..ho riscritto la funzione pincopallino del
      kernel usando "if" invece di
      "case:"...

      e intanto il mondo avanzaDebian : 29000 pacchetti.Sono pochi ??? :D :D :DPoi qui si parla di sviluppo di kernel,mica di programmi,Torvalds stesso si concentra sul suo kernel .Il kernel è il cuore del sistema operativo,se lo migliorano ci sarà un motivo no ! A me importa avere l'ultimo kernel,dato che spesso si risolvono piccoli bug e si aumenta la compatibilità delle periferiche che sono in commercio,tanto per citare qualche vantaggio.La mancanza di programmi di tipo professionale non è colpa di Linux ma della varie casate software che sono cieche,potrebbero avere un ulteriore mercato..invece ...stessa cosa per l'hardware.Il mondo avanza e Linux lo marca stretto :D
      • P.Inquino scrive:
        Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI

        Il kernel è il cuore del sistema operativo,se lo
        migliorano ci sarà un motivo no ! A me importa
        avere l'ultimo kernel,dato che spesso si
        risolvono piccoli bug e si aumenta la
        compatibilità delle periferiche che sono in
        commercio,tanto per citare qualche
        vantaggio.quotissimo... :)
        La mancanza di programmi di tipo professionale
        non è colpa di Linux ma della varie casate
        software che sono cieche,potrebbero avere un
        ulteriore mercato..invece ...stessa cosa per
        l'hardware.
        Il mondo avanza e Linux lo marca stretto :Dle cose pian piano stanno migliorando da questo punto di vista..pian piano :)
        • FDG scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          - Scritto da: P.Inquino
          le cose pian piano stanno migliorando da questo
          punto di vista..pian piano
          :)Come la deriva dei continenti ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 luglio 2012 15.44-----------------------------------------------------------
          • P.Inquino scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: P.Inquino


            le cose pian piano stanno migliorando da
            questo

            punto di vista..pian piano

            :)

            Come la deriva dei continenti ;)
            --------------------------------------------------
            Modificato dall' autore il 24 luglio 2012 15.44
            --------------------------------------------------aspetta aspetta
    • luca scrive:
      Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
      Linus e il suo team si occupa di scrivere il kernel, gli altri si possono occupare di scrivere il software applicativo, lo sviluppo sociale funziona così, io faccio una cosa e tu ne fai un altra, non che io faccio tutto e tu ti diverti. Le software house italiane non fanno software per Linux perché sono dei poveri inetti che non sanno usare altro che Visual Basic 6 e quindi non migrano su Linux perché su questa piattaforma non c'é questo IDE. Penso che se la Microsoft facesse Visual Basic 6 per Linux farebbe soldi a palate.
      • paprika scrive:
        Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
        - Scritto da: luca
        Linus e il suo team si occupa di scrivere il
        kernel, gli altri si possono occupare di scrivere
        il software applicativo, lo sviluppo sociale
        funziona così, io faccio una cosa e tu ne fai un
        altra, non che io faccio tutto e tu ti diverti.
        Le software house italiane non fanno software per
        Linux perché sono dei poveri inetti che non sanno
        usare altro che Visual Basic 6 e quindi non
        migrano su Linux perché su questa piattaforma non
        c'é questo IDE. Penso che se la Microsoft facesse
        Visual Basic 6 per Linux farebbe soldi a
        palate.C'è Gambas 3 che è 3000 volte meglio
        • krane scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          - Scritto da: paprika
          - Scritto da: luca

          Visual Basic 6 per Linux farebbe soldi a

          palate.
          C'è Gambas 3 che è 3000 volte meglioSiamo gia' al 3 ???Gia' il due era fichissimo, devo guardarmelo
        • luca scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          Lo conosco Gambas, la mia era una provocazione :)
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
      In realtà hai ragione, nel mondo linux che riguarda il desktop sono pochi i software open source che eccellono e tra molti di questi c'è una versione sia per Mac che per Windows. Ma se noti a questi gliene frega zero dell'open source. Se leggi i commenti si lamentano di Adobe che non rilascia photoshop per Linux. Photoshop? Il noto software open source qualcuno potrebbe immaginare. Ma proprio per niente, così come non lo è autodesk, non lo saranno i giochi distribuiti con Steam che avranno pure il DRM. Cioè c'è tanta ipocrisia.Per quanto riguarda le applicazioni per il desktop vengono curate solo quelle da ufficio perché poi Redhat e simili insieme ai server possono offrire il supporto. Ma software come Gimp o comunque programmi su cui è difficile che i clienti paghino per il supporto non c'è business e vengono mandati avanti da 2,5 sviluppatori, 8 sviluppatori per Blender (che comunque è un signor software, ma inferiore come feature rispetto ad altri) e via dicendo...Oppure ci sono questi progetti per Google Summer of Code che però muoiono appena finito questa specie di stage. Perché appunto gli studenti trovano lavoro. Così come accade per tanti altri progetti dove uno si sposa o trova lavoro e non può più pensare di andare avanti col progettino open source che diventa un fantasmino su sourceforge e simili.In parole povere: sul server si possono fare i dindini e quindi si riesce a finanziare lo sviluppo serio. Sul desktop nella maggior parte dei casi no e i risultati si vedono.Canonical investe per il packaging e per qualche intervento estetico su cose come Unity che però non ti fanno fare il passaggio completo a Linux. Sono i PROGRAMMI che lo fanno. E lo dice uno che usa Linux, ma almeno ho l'onestà intellettuale per vedere lo stato delle cose.
      • EType scrive:
        Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
        Nella maggior parte dei casi le sostituzioni sono possibili perchè ci sono alternative.Quante persone usano Photoshop solo per ridimensionare,ritagliare,copiare e clonare ?Almeno una buona parte viene usato per operazioni ormai standard a livello fotografico...Nelle ultime versioni di Adobe i vari programmi sono diventati sempre più pesanti e contengono molte funzioni inutili che useranno solo pochissime persone in ambito specifico.Si installi le ultime versioni della suite di Adobe ...si arriva facilmente ad installazioni vicine a 10 GB.Tranne qualche aggiornamento le persone continueranno ad usare gli stessi strumenti di 5 anni fà,tutti gli altri acrocchi non verranno mai usati.I programmi della Adobe per esempio, stanno ingrassando a dismisura ad ogni rilascio.Alcune volte tra una suite e la successiva le differenze sono minime tanto che per fare la differenza ci aggiungono qualche novità esotica che pochissimi useranno.D'alrtonde non si può pretendere molto dall'opensource,chi glielo fa fare tutto questo lavoro gratis ?? magari nel tempo libero ???Senza contare poi la pirateria che c'è dietro i grandi nomi .....immagino se la Gdf faccia un controllo in tutta italia ufficio per ufficio cosa ne uscirebbe.Il passaggio dall' "altro" sistema operativo a Linux è in primo luogo un diverso modo di vedere l'infomratica,nonchè la notevole flessibilità che il pinguino offre.La maggior parte degli uffici potrebbe passare a Linux in men che non si dica ..solo che si usano ancora programmi proprietari del 1990 a cui un azienda non vuole mettere mano per pigrizia.
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          - Scritto da: EType
          Nella maggior parte dei casi le sostituzioni sono
          possibili perchè ci sono
          alternative.
          Quante persone usano Photoshop solo per
          ridimensionare,ritagliare,copiare e clonare
          ?Io uso Linux. Ma il resto del mondo fa questo ragionamento:i programmi open source migliori li trovo anche su Win e Mac.Però i migliori che trovo su win e mac non li trovo su Linux...e sono tanti.Per il prezzo per loro è gratis, almeno per quanto riguarda il software casalingo, perché tanto lo crackano.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI

            D'alrtonde non si può pretendere molto dall'opensource,chi glielo fa fare tutto questo lavoro gratis ?? magari nel tempo libero ???E' proprio questo quello che dicevo. In quegli ambiti dove non c'è un'entrata, un finanziamento alle spalle, il risultato è molto spesso un prodotto poco professionale o incompleto o inferiore a quello che trovi su altri OS.
            La maggior parte degli uffici potrebbe passare a Linux in men che non si
            dica ..solo che si usano ancora programmi proprietari del 1990 a cui un
            azienda non vuole mettere mano per pigrizia.Il software per ufficio presente su Linux riceve finanziamenti da aziende come Redhat e un tempo Novell, ora credo di meno da parte di quest'ultima.Ma come ho detto prima solo perché si può vendere supporto fornendo una soluzione server e client insieme. Quello che non ne fa parte è ovviamente ignorato e tagliato fuori dai finanziamenti perché non è remunerativo.
          • EType scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            E' proprio questo quello che dicevo. In quegli
            ambiti dove non c'è un'entrata, un finanziamento
            alle spalle, il risultato è molto spesso un
            prodotto poco professionale o incompleto o
            inferiore a quello che trovi su altri
            OS.magari qualche volta incompleto si,ma bisogna vedere anche chi li utilizza certi programmi.Un utente potrebbe utilizzare le funzioni più standard per un programma perchè è quello che gli serve,un'altro invece potrebbe avere funzionalità più avanzate.Poi dove non si possono trovare alternative si può sempre usare Wine...
            Il software per ufficio presente su Linux riceve
            finanziamenti da aziende come Redhat e un tempo
            Novell, ora credo di meno da parte di
            quest'ultima.
            Ma come ho detto prima solo perché si può vendere
            supporto fornendo una soluzione server e client
            insieme. Quello che non ne fa parte è ovviamente
            ignorato e tagliato fuori dai finanziamenti
            perché non è
            remunerativo.Beh prendi libreoffice per esempio ....inizialmente era concepito da Sun che aveva un bel ammontare di denaro ...e non faceva di certo solo quello.Dopo l'acquisizione di Oracle,per divergenze di filosofia, si è creato un fork di openoffice,Libreoffice.Sebbene sia partito dallo stesso lavoro il codice sta cambiando parecchio nel tempo, pur essendo parente stretto con Openoffice e va abbastanza spedito nelle varie release.Poi certo ci saranno programmi che useranno in pochi portati avanti da appassionati del settore.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: EType
            magari qualche volta incompleto si,ma bisogna
            vedere anche chi li utilizza certi programmi.Un
            utente potrebbe utilizzare le funzioni più
            standard per un programma perchè è quello che gli
            serve,un'altro invece potrebbe avere funzionalità
            più
            avanzate.L'utente casalingo potendo avere tutto gratis sceglie quello più avanzato. Poi non si tratta solo di feature, ma anche di ergonomia, facilità di utilizzo.
            Poi dove non si possono trovare alternative si
            può sempre usare
            Wine...Tra usare un software con Wine e usarlo su Windows è meglio la seconda. Il costo delle licenze Windows per un'azienda è risibile oltre che deducibile. Fra l'altro la Microsoft per aziende di nuova costituzione fa offerte molto vantaggiose.
            ....inizialmente era concepito da Sun che aveva
            un bel ammontare di denaro ...e non faceva di
            certo solo
            quello.Inizialmente era di un'azienda tedesca che produceva un software proprietario chiamato Staroffice. Sun ha cambiato il nome e l'ha reso open source.
            Dopo l'acquisizione di Oracle,per divergenze di
            filosofia, si è creato un fork di
            openoffice,Libreoffice.Sebbene sia partito dallo
            stesso lavoro il codice sta cambiando parecchio
            nel tempo, pur essendo parente stretto con
            Openoffice e va abbastanza spedito nelle varie
            release.Poi certo ci saranno programmi che
            useranno in pochi portati avanti da appassionati
            del
            settore.Ma infatti quello è un programma da ufficio su cui aziende come Novell, SUN e anche IBM hanno offerto insieme ai loro pacchetti per il desktop.Oracle non credo ci investa molto, ma comunque della gente pagata per mantenerlo c'è. Io non uso molto i programmi di videoscrittura, ma un tempo sì e ho sempre trovato l'interfaccia di OpenOffice molto meno intuitiva, però se un'azienda vuole risparmiare e usarlo può metterlo su Windows.
          • EType scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            L'utente casalingo potendo avere tutto gratis
            sceglie quello più avanzato. Poi non si tratta
            solo di feature, ma anche di ergonomia, facilità
            di
            utilizzo.Si può avere quello più avanzato ...ma quanti comprano oggi suite professionali a casa con licenza ?? non credo siano moltissimi.Poi è vero anche il contrario ..se io uso Gimp su Windows mi ritrovo lo stesso programma ance su Linux ...dipende dai punti di vista.Dai per facilità di utilizzo non è che serva una laurea su un programma Linux.
            Tra usare un software con Wine e usarlo su
            Windows è meglio la seconda. Il costo delle
            licenze Windows per un'azienda è risibile oltre
            che deducibile. Fra l'altro la Microsoft per
            aziende di nuova costituzione fa offerte molto
            vantaggiose.Se vuoi cambiare sistema e non hai altre soluzioni valide per il tuo lavoro e NON puoi installare windows (magari semplicemente perchè un'azienda non gli va di ricomprare 200 licenze e vari upgrade hardware) Wine può essere una buona soluzion,così come lo è la virtualizzazione o pa la paravirtualizzazione.Poi mica tanto risibile la licenza di Windows ....considera tutti quegli uffici che tra un pò dovranno passare da XP a Seven o Win8 ...un'azienda che ha 200 postazioni o più deve sempre sganciare denaro,non solo per Windows ma anche per l'hardware che è richiesto,in alcuni casi deve anche ricomprare delle macchine.Senza contare che alcuni programmi non saranno più compatibili con il nuovo OS e che bisogna aggiugnere anche il costo dell'antivirus..alla fine una spesa per nulla indifferente.
            Ma infatti quello è un programma da ufficio su
            cui aziende come Novell, SUN e anche IBM hanno
            offerto insieme ai loro pacchetti per il
            desktop.
            Oracle non credo ci investa molto, ma comunque
            della gente pagata per mantenerlo c'è. Io non uso
            molto i programmi di videoscrittura, ma un tempo
            sì e ho sempre trovato l'interfaccia di
            OpenOffice molto meno intuitiva, però se
            un'azienda vuole risparmiare e usarlo può
            metterlo su
            Windows.Oracle voleva disfarsene rendendolo open source a tutti gli effetti dopo le polemiche ...poi non so se lo abbia fatto...credo di si.Se vogliamo parlare di intuitività ricordi il passaggio tra Office 2003 e 2007 ???Trovo l'interfaccia di Openoffice molto lineare e pulita....poi sono stati i primi a dare la possibilità di esportare un documento in Pdf quando persino Microsoft ancora non lo faceva.
          • EType scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Io uso Linux. Ma il resto del mondo fa questo
            ragionamento:
            i programmi open source migliori li trovo anche
            su Win e
            Mac.
            Però i migliori che trovo su win e mac non li
            trovo su Linux...e sono
            tanti.
            Per il prezzo per loro è gratis, almeno per
            quanto riguarda il software casalingo, perché
            tanto lo
            crackano.I programmi ci sono anche per win e mac ....la maggior parte però magari è nata sotto linux e poi l'hanno portata su altre piattaforme.Certo per gli "altri" è gratis perchè non ci sono controlli,di sicuro chi è in regola con le licenze non è in maggioranza.Ti posso assicurare che quello non avviene solo in ambito domestico.... anche in uffici ed amministrazioni publiche usano software piratato,certo non tutte..ma una buona fetta ha almeno un software senza licenza oppure una licenza singola su 20 macchine...
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: EType
            I programmi ci sono anche per win e mac ....la
            maggior parte però magari è nata sotto linux e
            poi l'hanno portata su altre
            piattaforme.
            Certo per gli "altri" è gratis perchè non ci sono
            controlli,di sicuro chi è in regola con le
            licenze non è in
            maggioranza.
            Ti posso assicurare che quello non avviene solo
            in ambito domestico.... anche in uffici ed
            amministrazioni publiche usano software
            piratato,certo non tutte..ma una buona fetta ha
            almeno un software senza licenza oppure una
            licenza singola su 20
            macchine...Sì lo so, però il punto che facevo è un altro. Cioè che sul desktop Linux ha pochi programmi validi e la maggior parte hanno anche la versione su Windows. Che poi sia nato prima da una parte o dall'altra all'utente non interessa. Prendi Krita, è da anni un software molto promettente, però rimane sempre lì lì per essere considerato professionale. Adesso c'è una versione alpha o beta per Windows. Quando sarà stabile al massimo la gente lo proverà su Windows.Io direi che se Linux volesse essere popolare sul desktop:1) Dovrebbe essere difficile poter usare software pirata su Windows2) Il software open source non dovrebbe essere reso disponibile anche per Windows e Mac3) I programmi dovrebbero essere creati da programmatori che ricevono uno stipendio per lavorarci sopra, accade per alcuni, ma per molti no e questo genera software amatoriale o semi abbandonatoIl primo punto non credo verrà mai risolto.Il secondo è impossibile da mettere in atto perché se uno vuole fare il porting per Windows non glielo puoi impedire e qualcuno a cui viene voglia salta fuori sempreIl terzo accade in alcuni casi dove c'è una fondazione dietro o c'è un interesse da qualche grande azienda. Ma in molti altri no.
          • EType scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Sì lo so, però il punto che facevo è un altro.
            Cioè che sul desktop Linux ha pochi programmi
            validi e la maggior parte hanno anche la versione
            su Windows. Che poi sia nato prima da una parte o
            dall'altra all'utente non interessa. Prendi
            Krita, è da anni un software molto promettente,
            però rimane sempre lì lì per essere considerato
            professionale. Adesso c'è una versione alpha o
            beta per Windows. Quando sarà stabile al massimo
            la gente lo proverà su
            Windows.Per pochi programmi dipende dalla professione che fai...se sei un grafico e hai bisogno di cose molto spinte,di funzionalità particolari li potresti trovare degli inghippi.Il software che hai citato ,Krita,è per il fotoritocco e come tutti i programmi per Linux tendono a coprire il più possibile,nel senso che non si specializzano in assoluto su funzioni particolari..sono per un uso ampio,non intese per sostiruire Photoshop in toto ..poi certo non ci lavorano interi team di programmatori come avviene per Adobe.
            Io direi che se Linux volesse essere popolare sul
            desktop:
            1) Dovrebbe essere difficile poter usare software
            pirata su
            Windows
            2) Il software open source non dovrebbe essere
            reso disponibile anche per Windows e
            Mac
            3) I programmi dovrebbero essere creati da
            programmatori che ricevono uno stipendio per
            lavorarci sopra, accade per alcuni, ma per molti
            no e questo genera software amatoriale o semi
            abbandonatoPer poter essere popolare Linux ..basta non preinstallarlo sui pc in vendita ...ovviamente "qualcuno" farebbe carte false per impedirlo a tutti i costi una cosa del genere.1) Sulla prima concordo con te ..per quanto si voglia fare, al limite si può arginare la pirateria non eliminarla del tutto,ma questo non è detto che faccai passare l'utente a Linux potrebbe scende come pretese e passare ad un programam gratuito sempre su Windows.2) concordo ....se è open source hai a disposizione i sorgenti,da li in poi ognuno può fare quello che vuole con qualsiasi sistema.3) ci sono molti programmi anche per Windows,gratis ..magari lo sviluppatore può fare un programma gratuito e ne può anche fare un'altro a pagamento così non prenderebbe lo 0%
          • pippo75 scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI

            1) Dovrebbe essere difficile poter usare software
            pirata su Windowsla gente vuole il diritto di copiare, leggi i commenti su PI quando si parla di condivisione, chi è contrario lo chiamano videotacchino o con nomi simili.Comunque se trovi un metodo per rendere la copia difficile, facci sapere.Koala Painter o Simon's Basic ti dicono qualcosa?
            2) Il software open source non dovrebbe essere
            reso disponibile anche per Windows e MacE quindi pochi lo conoscerebbero, comunque essendo open e magari libero.....
            3) I programmi dovrebbero essere creati da
            programmatori che ricevono uno stipendio per
            lavorarci sopra, accade per alcuni, ma per molti
            no e questo genera software amatoriale o semi
            abbandonatook, chi paga?
            Il secondo è impossibile da mettere in atto
            perché se uno vuole fare il porting per Windows
            non glielo puoi impedire e qualcuno a cui viene
            voglia salta fuori semprequello che intendevo.
          • pippo75 scrive:
            Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI

            1) Dovrebbe essere difficile poter usare software
            pirata su Windowsla gente vuole il diritto di copiare, leggi i commenti su PI quando si parla di condivisione, chi è contrario lo chiamano videotacchino o con nomi simili.Comunque se trovi un metodo per rendere la copia difficile, facci sapere.Koala Painter o Simon's Basic ti dicono qualcosa?
            2) Il software open source non dovrebbe essere
            reso disponibile anche per Windows e MacE quindi pochi lo conoscerebbero, comunque essendo open e magari libero.....
            3) I programmi dovrebbero essere creati da
            programmatori che ricevono uno stipendio per
            lavorarci sopra, accade per alcuni, ma per molti
            no e questo genera software amatoriale o semi
            abbandonatook, chi paga?
            Il secondo è impossibile da mettere in atto
            perché se uno vuole fare il porting per Windows
            non glielo puoi impedire e qualcuno a cui viene
            voglia salta fuori semprequello che intendevo.
    • Obvious scrive:
      Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
      - Scritto da: analubez
      bla bla bla kernel bla bla bla applicazioni...
      bla bla bla A chi importa di sto kernel
      bla bla bla linux e' privo di tutti quegli applicativi
      bla bla bla nerd bla bla bla altri OS
      bla bla bla kernel bla bla "if" bla bla "case"
      bla bla bla
      e intanto il mondo avanzaObvious troll is obvious
    • Andreabont scrive:
      Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
      Tutti sempre bravissimi a criticare vedo. Linus si occupa del kernel linux. Le applicazioni sono compito di altre persone. Ce ne sono piu' di quanto tu creda ma se credi che ne manchi qualcuna (cosa possibilissima) perche' non ti metti a scriverla tu invece che pretendere che la scriva torvalds?
    • mimmus scrive:
      Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
      Ma che stai dicendo?????????Qui dove lavoro io (e non è un'azienda piccola), Linux gira su tutti i database Oracle (parliamo di istanze superiori al TB), quasi tutti i server applicativi (JBoss/Tomcat/Apache), quasi tutti i server "di servizio" (fax, VoIP, fileserver). Sono centinaia di server su cui gira TUTTO il cuore di un business da svariate decine di milioni di euro.Del mercato desktop, a me, sinceramente, interessa meno di zero: per aprire un SSH verso Linux, Winzozz va più che bene :-)
      • maxsix scrive:
        Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
        - Scritto da: mimmus
        Ma che stai dicendo?????????
        Qui dove lavoro io (e non è un'azienda piccola),
        Linux gira su tutti i database Oracle (parliamo
        di istanze superiori al TB), quasi tutti i server
        applicativi (JBoss/Tomcat/Apache), quasi tutti i
        server "di servizio" (fax, VoIP, fileserver).
        Sono centinaia di server su cui gira TUTTO il
        cuore di un business da svariate decine di
        milioni di
        euro.
        Del mercato desktop, a me, sinceramente,
        interessa meno di zero: per aprire un SSH verso
        Linux, Winzozz va più che bene
        :-)Ah non ti interessa?Ma tu ti sei mai chiesto a cosa serve un "server" se dall'altra parte non c'è un "client"?Ma pane e volpe alla mattina, mai?
        • krane scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          - Scritto da: maxsix
          - Scritto da: mimmus

          Ma che stai dicendo?????????

          Qui dove lavoro io (e non è un'azienda
          piccola),

          Linux gira su tutti i database Oracle
          (parliamo

          di istanze superiori al TB), quasi tutti i
          server

          applicativi (JBoss/Tomcat/Apache), quasi
          tutti
          i

          server "di servizio" (fax, VoIP, fileserver).

          Sono centinaia di server su cui gira TUTTO il

          cuore di un business da svariate decine di

          milioni di

          euro.

          Del mercato desktop, a me, sinceramente,

          interessa meno di zero: per aprire un SSH
          verso

          Linux, Winzozz va più che bene

          :-)

          Ah non ti interessa?
          Ma tu ti sei mai chiesto a cosa serve un "server"
          se dall'altra parte non c'è un "client"?Guarda che come client va bene anche un Amiga 1200 o una play con linux eh.
          Ma pane e volpe alla mattina, mai?
        • Carlo scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          - Scritto da: maxsix
          Ah non ti interessa?
          Ma tu ti sei mai chiesto a cosa serve un "server"
          se dall'altra parte non c'è un
          "client"?

          Ma pane e volpe alla mattina, mai?Disse la volpe, non pensando a cosa serve un client se dall'altra parte non c'è un server...Spero per te che l'abbia fatto di proposito...
        • collione scrive:
          Re: SI PARLA DI KERNEL E MAI DI APPLICAZIONI
          non ti umiliare in questo modo
  • collione scrive:
    incredibile
    finalmente il supporto per optimusse nvidia avesse dato una mano sarebbe stato meglio, ma vabbè tutto è bene quel che finisce bene
    • P.Inquino scrive:
      Re: incredibile
      - Scritto da: collione
      finalmente il supporto per optimus

      se nvidia avesse dato una mano sarebbe stato
      meglio, ma vabbè tutto è bene quel che finisce
      benemotivo per cui a torvalds nvidia sta abbastanza sul c*lo :)
Chiudi i commenti