PS2 via Linux dagli USA all'Europa

Il kit di sviluppo open source per PS2, basato su Linux, varcherà presto i confini degli USA e, poco più in là, anche dell'Europa


Roma – Dopo il Giappone, il duo Linux/PS2 si prepara a fare il suo ingresso anche in USA e, secondo quanto è riuscito a carpire Punto Informatico, anche qui in Europa.

Il PS2 Linux Kit è fondamentalmente uno strumento di sviluppo con cui Sony spera di guadagnare l’interesse della comunità open source. Sul lato hardware, come si ricorderà, dispone di hard disk, scheda Ethernet, adattatore VGA, mouse USB e tastiera.

Al recente Rambus Developer Forum, il vice presidente di Sony Computer Entertainment, Shin’ichi Okamoto, ha dichiarato: “Ci stiamo preparando a portare a termine il Linux Kit per il mercato internazionale”, aggiungendo poi che il lancio americano “verrà annunciato a breve”.

Durante la presentazione, si è visto Linux e l’interfaccia grafica X-Windows girare sulla piattaforma PS2 insieme ad alcuni applicativi come un word processor, un foglio di calcolo ed un player MP3.

Per quanto riguarda un’eventuale uscita europea del kit, un portavoce di Sony Computer Entertainment Italia ha fatto sapere a Punto Informatico che il prodotto arriverà sicuramente anche sul nostro mercato, un’ipotesi rafforzata anche dalle parole di Okamoto quando ha parlato di “mercato internazionale”.

Qualche tempo fa Sony Computer Entertainment Europe ha lanciato un sondaggio on-line per tastare il polso agli utenti e conoscere quanti di essi sarebbero disposti ad acquistare il PS2 Linux Kit ad un “prezzo ragionevole”. Nel giro di circa tre mesi, il sondaggio ha raccolto circa 7.500 risposte totali, 6255 delle quali (pari all’83%) affermative.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Tiziano scrive:
    Veramente?
    Ma per connettersi in wi-fi serve qualcosa in più?
  • Anonimo scrive:
    Buffo!
    Davvero buffo che Microsoft si stia lanciando su due standard, FireWire (aka IEEE1394 o iLink) e AirPort (aka Wi-Fi o IEEE802) sviluppati (inventati nel caso di 1394) da Apple; riusciranno mai a combinare qualcosa senza attingere dai laboratori meluti? E che cazzo! Manco non avessero i soldi per fare ricerca...
    • Anonimo scrive:
      Re: Buffo!
      - Scritto da: Kenny
      Davvero buffo che Microsoft si stia
      lanciando su due standard, FireWire (aka
      IEEE1394 o iLink) e AirPort (aka Wi-Fi o
      IEEE802) sviluppati (inventati nel caso di
      1394) da Apple; riusciranno mai a combinare
      qualcosa senza attingere dai laboratori
      meluti? E che cazzo! Manco non avessero i
      soldi per fare ricerca...E direi. A parte l'avversione che provo per loro, comunque rimangono un'azienda di SW, non di HW.Tali protocolli sono il mezzo di comunicazione tra HW e SW, per cui, alcune specifiche riguardano cose SW, altre HW.Per es. il protocollo di rete Ethernet prevede sia una lunghezza massima della lunghezza di una LAN, sia l'intervallo minimo in ms che deve aspettare tra un tentativo e l'altro una scheda di rete in caso di conflitto. Tali restrizioni, una HW e uno SW, sono legati indissolubilmente al mezzo fisico di trasporto.Quindi, i protocolli di comunicazione, nonostante contengano una parte SoftWare, DEVONO essere sviluppati dai soggetti che sviluppano anche l'HardWare. In caso di Apple, essendo sia l'una sia l'altra, come di vede riesce molto tranquillamente a fare le 2 cose.
      • Anonimo scrive:
        Re: Buffo!

        E direi. A parte l'avversione che provo per
        loro, comunque rimangono un'azienda di SW,
        non di HW.Azienda storicamente culo e camicia con Intel pero', tanto da far nascere la definizione wintel, e anche li': USB, standard -di Intel- ha preso piede principalmente grazie ad Apple, MS ha deciso di supportarlo decentemente solo dopo che Apple ha aperto la strada
    • Anonimo scrive:
      Re: Buffo!
      Dai tempi di MS-DOS e' tutto una copia. Purtroppo MS non crea, prende quello che c'e' e lo fa diventare uno standard. Cosa per la quale anche Apple non puo' che ringraziare altrimenti tutte le sue invenzioni sarebbero, purtroppo, abbandonate a se stesse.Saluti.Stefano.
      • Anonimo scrive:
        Re: Buffo! Buffissimo!
        Ma credi proprio che rimmarebbero abbandonate a se stesse?Io noto invece che le quote di installato Mac sono in evidente crescita, con naturale utilizzo delle tecnologie che Apple inventa, da parte degli utenti Mac OS. E questo sempre in anticipo rispetto agli utenti di altre piattaforme.Peccato per loro che usano lo "standard", per noi invece "Think different" non è solo uno slogan pubblicitario, ma qualcosa di più!È sempre possibile comunque per tutti ravvedersi e determinare quindi anche le scelte di chi produce ed investe in ricerca.
        • Anonimo scrive:
          Re: Buffo! Buffissimo!
          - Scritto da: Nike
          Io noto invece che le quote di installato
          Mac sono in evidente crescita,Su quale rotolo di carta igienica l'hai letto?
          • Anonimo scrive:
            Re: Buffo! Buffissimo!
            Certo non su quelle promozionali dei prodotti Microsoft o Intel :-P
    • Anonimo scrive:
      Re: Buffo!
      - Scritto da: Kenny
      Davvero buffo che Microsoft si stia
      lanciando su due standard, FireWire (aka
      IEEE1394 o iLink) e AirPort (aka Wi-Fi o
      IEEE802) sviluppati (inventati nel caso di
      1394) da Apple; riusciranno mai a combinare
      qualcosa senza attingere dai laboratori
      meluti? E che cazzo! Manco non avessero i
      soldi per fare ricerca...E' ancora più buffo che ci siano ancora persone che, pur di dare addosso a MS, confondono hardware con software...ByeeZeross
Chiudi i commenti