Quasi risorto Italia.it

E' apparsa in Rete una versione beta del portalone. Per il Ministero sarà pronto a dicembre

Roma – Italia.it un anno e mezzo fa salutava la Rete, che forse non lo aveva nemmeno notato , se non per le polemiche generate dalla sua esistenza. Da ieri sera è invece nuovamente online , in versione rivista, corretta e, in molti si augurano, migliorata.

Il portale, attualmente in versione dimostrativa , è ancora in attesa della prima vera iniezione di contenuti, che dovrebbe arrivare entro fine anno, quando Italia.it entrerà in regime operativo: 58 milioni di euro e tre anni dopo l’ annuncio della sua venuta.

Il governo, per mano del ministro Brambilla, ha tracciato il cammino che il sito dovrà percorrere: ad ottobre verrà rilasciata la prima versione del portale con, una volta trascorsa l’alta stagione, le prime informazioni turistiche. Il mese successivo verrà lanciato un non meglio precisato social network , per poi dare il via alle operazioni di marketing volte ad aumentare il flusso turistico nel Belpaese. (G.P.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • UKA FORTE scrive:
    AZZZZZZZZZZZZ
    p) p) p) p) p) p) p) p) p) p) p) p) p) p) p) p) p) p) p)
  • Vitamin Z scrive:
    Ciò che (alla SIAE) NON conviene dire!
    Se nell'ambito delle riunioni in corso ai vertici, la SIAE piange miseria e rivendica che ogni download equivale ad un mancato acquisto, perchè non dichiara che è necessario fare 100 download per ottenere una tranquilla compilation composta da circa 15 brani di qualità?Perchè non impiegare quella marea di estorti fino ad oggi, per curare di + la qualità ?Cosa hanno fatto fino ad oggi OLTRE A FARSI COMMISSARIARE ?
  • rg74 scrive:
    legalbay=italia.it???
    Per me finisce come con il sito di italia.it, un mucchio di soldi pubblici spesi, ma ha favore di chi??...
  • Mariuolo scrive:
    SIAE: Sono avvelenato
    Scuasate non c'entra nulla ma ho il dente avvelenato con la SIAE. Li ho appena chiamati.Sto organizzando una festa privata in un locale, neanhce 100 persone (credo), ma potrebber anche essercene qualcuna in più.Mi vogliono estorcere 205 euro di SIAE + 26 euro di cauzione che mi restituiranno quando gli riporterò indietro il foglietto compilato con le canzoni suonate alla serata... ma è un furto.L'impiegato mi ha detto che al massimo può venirmi incontro chiudendo un occhio in caso ci saranno più di 100 persone... ma non molte di più.Ma se vengono a controllare che fanno? Ci fanno mettere in fila e ci contano ad uno ad uno? Ed io metto musica metal così cominciano anche a pogare e poi voglio vedere come ci contano... GRRRRRR sono nero.... non credevo mi sarebbe costato così tanto.
    • hibee72 scrive:
      Re: SIAE: Sono avvelenato
      quando dico che sono una associazione a delinquere legalizzata non mi crede mai nessuno....
    • Stein Franken scrive:
      Re: SIAE: Sono avvelenato
      Beh pero' quanto ci guadagni dalla serata?Eh....
    • gangnini scrive:
      Re: SIAE: Sono avvelenato
      - Scritto da: Mariuolo
      Scuasate non c'entra nulla ma ho il dente
      avvelenato con la SIAE. Li ho appena
      chiamati.

      Sto organizzando una festa privata in un locale,
      neanhce 100 persone (credo), ma potrebber anche
      essercene qualcuna in
      più.

      Mi vogliono estorcere 205 euro di SIAE + 26 euro
      di cauzione che mi restituiranno quando gli
      riporterò indietro il foglietto compilato con le
      canzoni suonate alla serata... ma è un
      furto.

      L'impiegato mi ha detto che al massimo può
      venirmi incontro chiudendo un occhio in caso ci
      saranno più di 100 persone... ma non molte di
      più.

      Ma se vengono a controllare che fanno? Ci fanno
      mettere in fila e ci contano ad uno ad uno? Ed io
      metto musica metal così cominciano anche a pogare
      e poi voglio vedere come ci contano... GRRRRRR
      sono nero.... non credevo mi sarebbe costato così
      tanto.e spaccialo come comizio politico!!! :)e' bellissima la rigorosita' di questa cosa...a contrattare con l'impiegato come al mercato...da qua si vede come in realta non sia altro che un'ennesima estorsione ai danni del cittadino...Mariuolo tieni duro hai la mia massima solidarieta
    • Galeon 78 scrive:
      Re: SIAE: Sono avvelenato
      Considera che quei soldi andranno quasi totalmente agli artisti autori dei brani musicali che farai ascoltare ai partecipanti della serata. Se tali artisti non avessero mai scritto quelle canzoni, cosa avresti fatto ascoltare ai partecipanti?
      • Paolo Nocco scrive:
        Re: SIAE: Sono avvelenato
        Ne siamo proprio così sicuri??? Io ricordavo l'esistenza della Loggia Casadei...
      • ioioio scrive:
        Re: SIAE: Sono avvelenato
        - Scritto da: Galeon 78
        Considera che quei soldi andranno quasi
        totalmente agli artisti autori dei brani musicali
        che farai ascoltare ai partecipanti della serata.lol si certo come no...
      • Armageddon scrive:
        Re: SIAE: Sono avvelenato
        Ha ha ha !Pure le marmotte incartano la cioccolata,nella migliore delle ipotesi delle 205sono i 5 finali che andranno suddivisi.100 in marche da bollo100 Evaporano.....
        • Armageddon scrive:
          Re: SIAE: Sono avvelenato
          Su 19.99 di un Album circa 1 scarso arrivaall'autore, e poi vengono a dire che i LARIsono chi fa P2P, che si aggiornino, siamo nel2009.
          • Galeon78 scrive:
            Re: SIAE: Sono avvelenato
            Gli album sono un'altra cosa, lì la maggior parte dei soldi và alla casa discografica.
  • Enok scrive:
    e che ci faccio?
    l'unico motivo per cui, ogni tanto, continuo a spendere soldi per la musica... è la custodia del CD.
  • Bool scrive:
    SIAE: ladri senza idee
    Il nome l'hanno rubato, il servizio è copiato da iTunes, la posizione dominante la stanno proteggendo con i denti e con le unghie rubando spazi ad altri potenziali soggetti.Nella loro rivista "Verdi" parlano solo e soltanto delle XXXXXXX tra di loro e dell'ormai morta e decomposta musica italiana.Sono solo dei ladri legalizzati, mi fanno e mi faranno schifo.
  • fred scrive:
    Vogliono frena i partiti pirata
    Semplicemente si sono accorti che per la prima volta i consumatori si stanno organizzando contro di loro e si sono ca**** addosso cosi' vogliono arginare offrendo un servizio di questo tipo; vediamo se si tratta solo di una sparata generata dalla paura del momento o che altro.
  • W.O.P.R. scrive:
    2 Miliardi l'anno di danni?
    Loro non sono di sicuro tanto idioti da credere che ad ogni "opera" scaricata corrisponda un mancato acquisto. Sono invece talmente astuti da far credere questa cosa all'opinione pubblica notoriamente composta pe lo più da bovini e ovini.E' necessario quindi gridare sempre ai quattro venti che questa è una stron2ata colossale e ribadirlo sempre e comunque. Questa bugia non deve passare.
    • francososo scrive:
      Re: 2 Miliardi l'anno di danni?
      - Scritto da: W.O.P.R.
      Loro non sono di sicuro tanto idioti da credere
      che ad ogni "opera" scaricata corrisponda un
      mancato acquisto. Sono invece talmente astuti da
      far credere questa cosa all'opinione pubblica
      notoriamente composta pe lo più da bovini e
      ovini.
      E' necessario quindi gridare sempre ai quattro
      venti che questa è una stron2ata colossale e
      ribadirlo sempre e comunque.

      Questa bugia non deve passare.2 miliardi di l'anno ?Bè forse credono che la gran popolazione italiana guadagni migliaia di euro al mese ...... poveri illusi !
  • YY scrive:
    Non sono in grado di pensare business
    Dinosauri che non essendo in grado di pensare nuovi business e come innovare il business attuale si spremono le meningi per 'drogare' quelli esistenti.Non hanno imparato nulla dalla crisi dell'economia drogata!Yhttp://www.sublogic.org
    • hibee72 scrive:
      Re: Non sono in grado di pensare business
      Veramente i veri idioti siamo noi che permettiamo ad una siffatta classe dirigente di rappresentarci (nel migliore dei casi) e di gestirci (nel peggiore dei casi).La vera crisi è la loro ignoranza, la loro inadeguatezza, la loro incapacità e la protervia di rimanere incollati alle poltrone nonostante questo.E noi che ce li teniamo invece di cacciarli a calci nel XXXX per come hanno messo in ginocchio questo paese, siamo ancora più stupidi di loro!
  • Andreabont scrive:
    Interessante ma imposto
    Interessante, servirebbe a dimuniuire la pirateria e a dare un nuovo servizio (indipendente dalle major) agli utenti che cercano musica legalmente.Ma è imposto! La natura stessa della SIAE è imposta! Un autore non può decidere come vendere il proprio lavoro! E' la SIAE che di testa sua lo decide e lo fa.....E' giusto questo?
  • vistabuntu.wordpress.com scrive:
    Ci andrò
    Sicuramente ci andrò, com'e' vero che mio nonno vola alla velocità di un jumbo. Questi ci prendono per il c.lo da anni, ed ora dopo aver trasformato la baia in una piattaforma spilla soldi vorrebbero anche che gli utenti ringraziassero, si piegassero a 90 ed andassero a comperare i loro brani? sicuramente ci andrò.
    • Wolf01 scrive:
      Re: Ci andrò
      Io invece appena vedrò andare in porto questa "legal bay" invierò una letterina a quelli di Pirate Bay con proprio quello che c'è scritto nell'articolo: denigrazione e abuso di nomi conosciuti per tentare di accaparrarsi clientela
  • Myzhar scrive:
    La SIAE alla fine serve...
    Quei diritti che vi sembrano tanto assurdi servono a "sfamare" (non so in quale percentuale) chi quella musica la scrive.La SIAE, per quanto odiosa possa essere, permette che il mercato musicale continui a vivere nonostante la pirateria.I musicisti in qualche modo devono andare avanti e se non guadagnano più dalla vendita dei CD, che almeno guadagnino quando qualcuno usa la loro musica.Poi ci sarà come al solito chi ci mangia sopra... ma questo è ovunque, non solo nella SIAE
    • Domokun scrive:
      Re: La SIAE alla fine serve...
      Dall'articolo:"Un sistema che appare fatto di pecette adesive da 11 milioni di euro l'anno, di schemi di ripartizione dei diritti forfettari che fanno sì che OLTRE IL 60 PER CENTO DEGLI ISCRITTI PERCEPISCA MENO DI QUANTO VERSATO ALL'ENTE e di un fatturato rappresentato in maniera significativa dalla raccolta di quell'equo compenso da copia privata che vale 70 milioni di euro l'anno"Serve? A me e al 60% degli artisti no!
    • Wolf01 scrive:
      Re: La SIAE alla fine serve...
      Si certo, leggiti l'altro articolo sui 118 milioni di equo compenso che non sono mai stati distribuiti... e che probabilmente sono finiti in auto, barche e ville dei dirigenti(e anche se non era proprio SIAE sempre stessa pasta è)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 luglio 2009 08.58-----------------------------------------------------------
    • Pao scrive:
      Re: La SIAE alla fine serve...
      - Scritto da: Myzhar
      Quei diritti che vi sembrano tanto assurdi
      servono a "sfamare" (non so in quale percentuale)
      chi quella musica la
      scrive.ROTFL....
      La SIAE, per quanto odiosa possa essere, permette
      che il mercato musicale continui a vivere
      nonostante la
      pirateria.Permette solo a se stessa di ingrassarsi.
      I musicisti in qualche modo devono andare avanti
      e se non guadagnano più dalla vendita dei CD, che
      almeno guadagnino quando qualcuno usa la loro
      musica.

      Poi ci sarà come al solito chi ci mangia sopra...
      ma questo è ovunque, non solo nella
      SIAEQuesta ultima frase e' la ciliegina sulla torta... Come dire "mangiano tutti, mangiano anche loro.. di che vi lamentate?"
    • z f k scrive:
      Re: La SIAE alla fine serve...
      - Scritto da: Myzhar
      La SIAE, per quanto odiosa possa essere, permette
      che il mercato musicale continui a vivere
      nonostante la
      pirateria.
      I musicisti in qualche modo devono andare avanti
      e se non guadagnano più dalla vendita dei CD, che
      almeno guadagnino quando qualcuno usa la loro
      musica.A-hem...Ti consiglio di informarti un po' meglio e non lasciarti condizionare dalle campagne disinformative.http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90082,00.htmloppure su youtube www.youtube.com/watch?v=QfFkFuqQyyw e segg.CYA
    • hibee72 scrive:
      Re: La SIAE alla fine serve...
      - Scritto da: Myzhar
      Quei diritti che vi sembrano tanto assurdi
      servono a "sfamare" (non so in quale percentuale)
      chi quella musica la
      scrive.-Quando incassi dalla SIAE meno di quello che la SIAE percepisce da te, sei TU che sfami la SIAE, NON la SIAE che sfama TE!(è matematica: ora non sappiamo fare nemmeno 1+1=2?andiamo bene...)
      La SIAE, per quanto odiosa possa essere, permette
      che il mercato musicale continui a vivere
      nonostante la pirateria.-Qui hai scritto bene. Parli di MERCATO MUSICALE, non di MUSICISTI. Sono due cose differenti, purtroppo. I musicisti sono quelli che creano e fanno musica. Il mercato musicale è il "magna magna" che c'è intorno al loro lavoro, che nella maggior parte dei casi sfrutta tale lavoro senza riconoscere al musicista un adeguato riconoscimento (sia economico che sociale).
      I musicisti in qualche modo devono andare avanti
      e se non guadagnano più dalla vendita dei CD, che
      almeno guadagnino quando qualcuno usa la loro
      musica.-No bello, i musicisti DEVONO - e sottolineo DEVONO - vivere SUONANDO la musica, perché è quello che sanno fare ed è per questo che la gente li paga. E la Musica non è la "loro", ma è di tutti! Quando tu scrivi musica, usi le sette note inventate da Guido d'Arezzo: paghi i diritti d'autore a Guido d'Arezzo e/o ai suoi discendenti? Se la risposta è no, allora dovresti scriverla in un altro modo, altrimenti violi il suo diritto d'autore (che, come dicasi e volevasi dimostrare, specialmente in casi come questi, è inesigibile)!Se vuoi avere fama di musicista, esci e SUONA!! Sono tutti buoni a fare i musicisti con un CD o qualsiasi altra diavoleria che suona la tua roba (magari in maniera impeccabile) al posto tuo!!
      Poi ci sarà come al solito chi ci mangia sopra...
      ma questo è ovunque, non solo nella SIAE-Eh sì...tipico costume italico quello di fare i XXXXX col XXXX degli altri!
    • xWolverinex scrive:
      Re: La SIAE alla fine serve...
      - Scritto da: Myzhar
      Quei diritti che vi sembrano tanto assurdi
      servono a "sfamare" (non so in quale percentuale)
      chi quella musica la
      scrive.
      La SIAE, per quanto odiosa possa essere, permette
      che il mercato musicale continui a vivere
      nonostante la
      pirateria.
      I musicisti in qualche modo devono andare avanti
      e se non guadagnano più dalla vendita dei CD, che
      almeno guadagnino quando qualcuno usa la loro
      musica.

      Poi ci sarà come al solito chi ci mangia sopra...
      ma questo è ovunque, non solo nella
      SIAEPoche idee e, in compenso, confuse. Guardati la puntata di Report sulla Siae va'. La siae serve... a Raul Casadei !
      • luisito scrive:
        Re: La SIAE alla fine serve...
        - Scritto da: xWolverinex
        La siae serve... a Raul Casadei !Ma come ti vengono in mente certe idee! :@La SIAE non è solo indispensabile, ma anche SUPER PARTES!!!!Basta guardare il sito:http://www.siae.it/edicola.asp?view=4&open_menu=yes&id_news=7654...ops :|, ho sbagliato link
    • Cose che funzionano scrive:
      Re: La SIAE alla fine serve...
      Conosco chi deposita alla siae, ed'è tutto tranne che "equo".
    • lol scrive:
      Re: La SIAE alla fine serve...
      Ma che andassero a lavorare un giorno nella loro vita quelli della SIAE !!!! ma che e' un lavoro quello che fanno ? mangiano i soldi degli altri e hanno anche la pretesa di voler continuare a farloMa che se ne vadano all'inferno
    • pillo scrive:
      Re: La SIAE alla fine serve...
      - Scritto da: Myzhar
      Quei diritti che vi sembrano tanto assurdi
      servono a "sfamare" (non so in quale percentuale)
      chi quella musica la
      scrive.
      La SIAE, per quanto odiosa possa essere, permette
      che il mercato musicale continui a vivere
      nonostante la
      pirateria.
      I musicisti in qualche modo devono andare avanti
      e se non guadagnano più dalla vendita dei CD, che
      almeno guadagnino quando qualcuno usa la loro
      musica.

      Poi ci sarà come al solito chi ci mangia sopra...
      ma questo è ovunque, non solo nella
      SIAE..vorrei solo aggiungere una cosa che tutti quanti non hanno detto (o almeno nn ho letto , dando un occhiata di sfuggita) :la siae NON (e ripeto) NON tutela gli artisti italiani all'estero :)se un gruppo messicano sta suonando gli stessi pezzi della mia band , la siae non puo' farci nulla :) e chiaramente nemmeno io.Apro un attimo una piccola parentesi per informarvi di una cosa , che la SIAE si vede bene di dire:la siae ha una particolare suddivisione dei diritti di un brano tra i compositori( non sto qui a specificare cosa e come, sarei prolisso :D ) che e' in 24esimi.Chiaramente ci si aspetterebbe che quei 24esimi siano suddivisi tra i compositori , ad esempio se sono 4 , 6/24 a testa.MA per legge , quei diritti sono in realta' 12/24 che possono andare all'artista , perche il restante deve perforza andare a un editore. (legge fatta per tutelare l'editore dopo che le case discografiche hanno ucciso il loro lavoro , in spiccioli)e se l'artista non ha un contratto editoriale? ... indovinate un po chi si prende i soldi?
    • gigigi scrive:
      Re: La SIAE alla fine serve...
      Vatti a vedere le percentuiali reali che finiscono nelle tasche degli artisti e quanto va ad ingrassare le case discografiche, la produzione e la SIAE stessa.Tanto per darti un'idea, se mettessi un brano su internet e il 90% degli scoltatori lo copiasse, quindi se te lo pagasse solo il 10%, tu ci guadagneresti comunque rispetto a qualunque soluzione tradizionale.Ma allora se fai un CD e vendi il 100% delle copie perchè guadagni di meno? Dove va a finire tutto quel denaro?Anche togliendo la stampa del media e la pubblicità, cioè dare mazzette a radio e TV per passare il tuo brano, l'artista con i metodi tradizionali porta a casa una parte infinitesima di quello che dovrebbe.Stanno facendo di tutto per far sopravvivere un ente obsoleto che sta lì solo a succhiare denaro. Per favore non aiutiamoli.
  • LockOne scrive:
    Ecco perche' fa un bel frescolino
    E' il primo d'aprile.
  • Enjoy with Us scrive:
    Scusate ma....
    Sono lievemente prevenuto, secondo me qualsiasi proposta che origini dalla SIAE è nella migliore delle ipotesi un danno ai consumatori, ergo in casi come questo l'apèprofondimento della notizia serve solo ad identificare l'ampiezza del danno, perchè che il danno ci sia quello è scontato!L'unica iniziativa che la SIAE potrebbe prendere per farmi ricredere è quella della richiesta di una sua immediata liquidazione!
    • Valeren scrive:
      Re: Scusate ma....
      Lievemente prevenuto?Io non mi fido di qualunque loro offerta a prescindere!
      • hibee72 scrive:
        Re: Scusate ma....
        La SIAE è una associazione a delinquere legalizzata: ce ne sono tante, ma sicuramente la SIAE è quella che fa e ha fatto più danni.Insieme alla lottizzazione delle piattaforme culturali direi che è la prima corresponsabile dello sfacelo culturale che attraversa il nostro paese (volutamente con la minuscola).Non conosco un artista che è uno che possa essere contento di come la SIAE gestisce, difende (sic!) e remunera i diritti d'autore, a parte i soliti noti che potrebbero tranquillamente vivere anche senza la SIAE.Per me anche concettualmente parlando il diritto d'autore è anacronistico e anticulturale. Provate ad immaginare cosa sarebbe sucXXXXX se fosse stato possibile esigere i diritti d'autore per cose come la ruota, il vaccino anti-polio, ecc.Sono un musicista e per me il musicista deve vivere di quello che suona, punto. Un brano, anche se composto da me, se viene interpretato da un altro musicista suona in maniera differente da come l'ho concepito io, e pertanto non posso pretenderne la paternità! E non è giusto che chi ha reinventato il "mio" brano, magari anche facendone una versione pubblicamente più apprezzata della mia, debba vedersi scippato il proprio lavoro in favore mio, solo perché io sono stato il primo a buttare quelle note su un pentagramma. Non è giusto che esistano sedicenti musicisti che campano di rendita con brani di sucXXXXX, mentre artisti veri si fanno il XXXX facendo pubblicità indiretta al loro lavoro e dando ad esso un lustro che loro non sono capaci di dare stando seduti su una poltrona.IL DIRITTO D'AUTORE OSTACOLA L'EVOLUZIONE CULTURALE UMANA.ABOLIAMO IL DIRITTO D'AUTORE.
        • Wolf01 scrive:
          Re: Scusate ma....
          toh, un musicista che dice le cose come dovrebbero essere, ben detto!La stessa cosa vale per me col codice, visto che sono un programmatore e non sono capace di fare altro.(anche se in informatica la questione è un po' diversa, c'è il copia-incolla e quindi il software suonerà sempre uguale :P)
          • hibee72 scrive:
            Re: Scusate ma....
            Ti dirò di più. Faccio il tecnico informatico, oltre ad essere un musicista, e sono anche un programmatore. E il discorso a maggior ragione vale per i programmatori che col loro lavoro costruiscono dei tools di pubblica utilità, molto più utili di quanto possa essere una canzone (anche se sarebbe brutto un mondo senza canzoni...).Ma i programmatori, che programmano - per esempio - in Visual Basic o PHP, pagano i diritti d'autore a chi ha inventato il VB o il PHP?Anche se scrivo il classico programma PRINT "Hello World!", il PRINT non l'ho inventato io. Non è un copia-incolla anche quello?Nel momento in cui qualcosa viene reso di pubblico dominio, entra a far parte della cultura di tutti e non è possibile (oltre ad essere stupido o folle) esigere diritti d'autore per questo! E' questo meccanismo che ha reso possibile l'evoluzione della Scienza e della Tecnica: quello di prendere altre "invenzioni" precedenti, riadattarle alle proprie esigenze ed ottenere qualcosa di nuovo. Vi immaginate se Franklin, per arrivare a concepire e costruire il parafulmine, avesse dovuto pagare il copyright a quello che aveva inventato l'aquilone?
  • Uqbar scrive:
    Ah ah ah ah!
    Ma lhanno capito che la gente usa il P2P per non pagare quelle mostruosità di prezzi o per "provare" prima di (non credo) comprare?
  • klez scrive:
    occhio!
    che vi beccate una denuncia per aver citato venditti senza autoriazzazione! :-P(e via alla sequela di interventi insulsi che mi dirà che si può o non si può citare per determinati fini, senza capire che la mia è solo una battuta :-P)(e via alla sequela di interventi di gente che mi dirà di spararmi in testa perché non ha capito che anche questa era solo una battuta)(e via dicendo... :-P)
  • hurticants scrive:
    cavolata
    é una cavolata. chi c'è dietro????
    • Nome e cognome scrive:
      Re: cavolata
      credo qualcuno che ha il cognome che finisce per ucci o lucci... con l'aiuto dello hiuppy rampante di turno molto bravo a scrivere con word e non si cura dei tag :DMa forse c'è anche un attore di cui fatico a ricordare il nome, uno che faceva filmetti per cinemini di periferia con culi, tette e camion. Gira gira, stessa broda(glia).
  • Alex Fonera scrive:
    bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
    bhe se si tratta di un' offerta "flat"..personalmente credo che potrebbe avere grandi consensi...una sorta di abbonamento mensile..con un limite eventuale di brani scaricati..!!@lex Fonera
    • CCd scrive:
      Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
      - Scritto da: Alex Fonera
      bhe se si tratta di un' offerta
      "flat"..personalmente credo che potrebbe avere
      grandi consensi...una sorta di abbonamento
      mensile..con un limite eventuale di brani
      scaricati..!!

      @lex Foneralimite? se è un limite di 5000 brani ancora si. per 10 euro in più. ci sto. XD.
    • logan scrive:
      Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
      - Scritto da: Alex Fonera
      bhe se si tratta di un' offerta
      "flat"..personalmente credo che potrebbe avere
      grandi consensi...una sorta di abbonamento
      mensile..con un limite eventuale di brani
      scaricati..!!

      @lex Foneradevo acnora capire il senso delle offerte flat con però impostati i limiti... ridicolo.
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
      - Scritto da: Alex Fonera
      bhe se si tratta di un' offerta
      "flat"..personalmente credo che potrebbe avere
      grandi consensi...una sorta di abbonamento
      mensile..con un limite eventuale di brani
      scaricati..!!

      @lex FoneraSvegliati è una operazione della SIAE e tu pensi che possa essere conveniente per l'utente? Allora proprio non hai capito nulla! Questi sono i signori dell'equo compenso e dei bollini da apporre anche su software open, quelli che pretendono i diritti anche ai matrimoni e alle feste parrochiali e che se ancora non li esigono quando canti sotto la doccia è perchè non sono ancora riusciti ad imporre una microspia di controllo in tutte le case!
      • 01234 scrive:
        Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
        non posso che essere tristemente d'accordo :-(
      • Bluedeath scrive:
        Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
        Adesso non è che la SIAE sia la fonte di ogni male (ci sono anche la RAI e i call centre). Trovo paradossale e scorretto che cio che dovrebbe (sulla carta) essere un ente che protegge gli artisti si arricchisca alle loro spalle e diventi un fornitore di contenuti a pagameto (ma siamo pazzi?)soprattutto che si permetta di operare in un regime di monopolio che non ha, visto anche che in italia esistono servizi alternativi e che fanno veramente ciò per cui la siae è stata creata.Sono parassiti e come tali vanno trattati, e senza rimorsi, quando schaicci un zanzara il sangue e che vedi non è il suo, è il tuo! (mi raccomando è un metafora anche se lo fanno tutti è sconsigliablie e antiigienico schiacciare un zanzara mentre vi morde)
        • Wolf01 scrive:
          Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
          - Scritto da: Bluedeath
          (mi raccomando è un metafora anche se lo fanno tutti
          è sconsigliablie e antiigienico schiacciare un
          zanzara mentre vi morde)E cosa fai? le chiedi di suicidarsi? :DCertamente alla SIAE tentano di fare *prima* i loro interessi e *poi* e *forse* gli interessi dei loro protetti... sicuramente *non* gli interessi del consumatore
      • Bool scrive:
        Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
        Aggiungo: quelli della tassa su ogni CD e DVD VERGINE come rimborso SIAE... che poi comunque NON POSSO USARE per copiare brani scaricati!!!PAGHIAMO UNA TARIFFA PER NON POTER AVERE IL SERVIZIO!!! VERGOGNA LADRI SCHIFOSI!!! E POI PARLANO DI PIRATERIA!!!SONO LORO I PRIMI LADRI!!!
    • xWolverinex scrive:
      Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
      - Scritto da: Alex Fonera
      bhe se si tratta di un' offerta
      "flat"..personalmente credo che potrebbe avere
      grandi consensi...una sorta di abbonamento
      mensile..con un limite eventuale di brani
      scaricati..!!

      @lex FoneraSe c'è un limite.. NON E' flat...
    • gerry scrive:
      Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
      - Scritto da: Valeren
      Desolato: no.
      Abboccheranno in migliaia, come per le suonerie
      dei
      cellulari.
      Non sottovalutare mai la stupidità della gente.Lo farebbero se la SIAE fosse capace di creare un sistema simile a quello delle suonerie, cioè molto vicino al phishing: mandi un mex e non ne esci più.Invece sarà il solito mastodonte farragginoso dove per iscriverti dovrai andare nella sede SIAE più vicina a farti fare delle foto segnaletiche. (rotfl)
      Mica c'è bisogno di passare dalla SIAE.
      Inoltre spesso sono in giro prima dell'uscita
      dell'album stesso, vedi casi recenti di Metallica
      e Guns N'
      Roses.Lo faranno giusto per spregio :D
      Starai mica alludendo ad italia.it, nevvero? :DIo? Noooo....Fra l'altro scopro che l'anno rilanciato in questi giorni.
      • Mastro Ciliegia scrive:
        Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
        Se riesci a mettere qualunque brano in esecuzione sul tuo computer, puoi sempre registrarlo (hardisk recording, anche con Audacity, ma ci sono molti altri software di registrazione gratuiti ancora più semplici da usare) e riesportarlo nel formato che più ti piace senza nessun DRM. Io lo faccio da anni, da qualunque stream e funziona benissimo (sempre che la sorgente dello stream trasmetta con un bitrate decente non inferiore ai famosi 128 kb per mp3, wma, ac3 e tutti gli altri codec compressi). C'è sempre un modo semplice di XXXXXXX il DRM nella musica...L'importante è che il tuo player portatile supporti anche musica priva di DRM, e qui il discorso si complica, soprattutto per chi utilizza l'Ipod...
        • Teo_ scrive:
          Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
          - Scritto da: Mastro Ciliegia
          L'importante è che il tuo player
          portatile supporti anche musica priva di DRM, e
          qui il discorso si complica, soprattutto per chi
          utilizza
          l'Ipod...Perché si complica per chi utilizza iPod? Luoghi comuni?
    • ILBaK scrive:
      Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
      Eh sì, sai che bello pagare la SIAE...Tu paghi 20 euro al mese e loro si assicurano di spenderli per far passare i guai ai ragazzini che scaricano, far chiudere siti Internet e comprare altre leggi...
    • Ast scrive:
      Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
      Ti quoto ma su deezer,dada etc. e' possibile ascoltare tutta la musica che si vuole gratuitamente..certo si ascolta, non si scarica..a me interessano gli audiovisivi e le serie tv..se mi chiedessero 10 euro al mese per questo accetterei di corsa, anche per film non di ultimissima uscita..ma il catalogo deve essere completo, non 4 serie scadent con episodi a 2 euro ciascuno come su rivideo..allora si possono risparmiare la fatica e i soldi perchè la gente continuera' a scaricare..l'unico modo di limitare o sconfiggere la pirateria è quello di proporre offerte legali che invoglino l'utente ad abbandonare i vari muli..vediamo cosa riuscira' a fare la siae..ho poche speranze, ma magari mi sorprenderanno.
    • Armageddon scrive:
      Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco
      .....Conoscendoli saranno...80/Mese con obbligodi contratto per un unità di diritto legale valentea 95 Anni, se poi li ascolti in cuffia, 205 selo ascolti in radio.
    • oronzo scrive:
      Re: bhe se si tratta di offerta "ftat"..seco

      - dopo un mese e cospicui investimenti (statali)
      chiuderanno tutto dicendo che è colpa della
      pirateriaBeh, questo potrebbe anche indicare che il progetto tecnico è stato un autentico sucXXXXXne all'italiana poichè ha permesso di creare una infrastruttura assolutamente inutile e costosa, ma in grado di attirare cospicui finanziamenti e contenente al suo interno il germe della propria osolescenza, della quale però si potrà incolpare qualcun altro.Alla fine poi si ripartirà con un altro sistema assolutamente inutile e destinato al fallimento, ma in gado di attirare finanziamenti.... eccetera.Esagero se dico che una bella fetta dei progetti nella PA funziona esattamente così?
Chiudi i commenti