Radicali: rete libera garante di libertà

Il PRT chiede all'ONU di considerare una internet libera e aperta al flusso delle idee e delle informazioni come arma capace di garantire sicurezza e democrazia. Si parla di diritti universali e di open source


Bruxelles – Il Partito Radicale Transnazionale (PRT), uno dei soggetti che partecipano alla preparazione del WSIS, vale a dire del “World Summit on the Information Society”, ha presentato un documento che verrà discusso a Ginevra a fine anno. Un documento che si appella ai rappresentanti delle Nazioni Unite affinché Internet rimanga un ambiente aperto e libero, capace in questo modo di garantire sicurezza e democrazia.

Il prossimo luglio si terrà a Parigi un incontro che porterà alla definizione di questo e altri documenti di lavoro per la preparazione della bozza di Dichiarazione di Principi e della bozza dell’Action Plan che il prossimo dicembre verrà sottoposto per approvazione al summit delle Nazioni Unite.

In una nota il PRT sottolinea di dare “grande importanza allo sviluppo di strumenti che possano offrire miglior accesso ai diritti fondamentali” e di vedere “grandi potenzialità nelle opportunità offerte dalla società dell’informazione e dalla rivoluzione tecnologica viste come mezzi potenti per il rispetto della legge e dunque per la pace e la sicurezza internazionali”.

Il PRT ritiene dunque che “costruire una Società dell’Informazione libera e sicura dovrebbe correre parallelo allo sviluppo di una Internet aperta e democratica”.

Tra i punti-chiave del documento del PRT:

– Considerare una violazione dell’articolo 18 della Carta internazionale dei diritti civili e politici la chiusura di siti web o il monitoraggio e il perseguimento di utenti internet e attivisti online;

– Basare le leggi nazionali e internazionali sul principio della “neutralità tecnologica”. Vale a dire che non solo non vi dovrebbero essere discriminazioni basate sull’uso di una tecnologia piuttosto che di un’altra ma neppure criminalizzazioni di determinate attività perché la propria infrastruttura tecnologica è basata su certi sistemi.

– Il considerare come reato criminale l’accesso “senza diritto” ai sistemi informativi non dovrebbe essere esteso ad attività che hanno poca o nessuna conseguenza o a quelle condotte in nome dell’auto-difesa o per l’affermazione dei diritti umani universali.

– L’ONU e gli stati membri dovrebbero spingere per misure che consentano a ogni cittadino di accedere con vari mezzi, internet compresa, alle attività delle istituzioni pubbliche, alle riunioni degli organismi elettivi e ad ottenere documenti pubblici.

– L’informazione fornita online dovrebbe essere presentata non solo in forma grafica ma anche testuale, in modo che si accessibile anche a persone con disabilità.

– Tutte le informazioni dovrebbero essere fornite su sistemi user-friendly non basati su tecnologie proprietarie e non governati da sistemi di licenza o di brevetto. Tutte le informazioni che riguardino i diritti dei cittadini dovrebbero essere fornite gratuitamente e nessuna informazione prodotta dal settore pubblico dovrebbe essere soggetta a copyright o ad altre misure che ne possano limitare il riutilizzo e la diffusione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    DIFESA ECONOMICA DELLA PRIVACY
    Secondo me, si devono almeno inserire delle normeeconomiche a tutela della privacy, del tipo:ogni utente di cui la RIAA richieda ed ottenga i dati identificativi deve essere avvisato.Nel caso la RIAA non dimostri la colpevolezza delmedesimo utente sia tenuta a corrispondergli un indennizzodi diciamo 10.000 $.Mi sembrerebbe equo, oppure i diritti valgono solo in unverso ?Per i casi in cui invece la RIAA non e' piu' tanto sicura dellacolpevolezza, che si rivolga al giudice che decidera' inmerito.
  • Elwood_ scrive:
    spero che ekecleptical abbia capito
    Che la Verizon è un Provider.Spero che ekecleptical abbia letto.Chiudeteeeeeeee interneteeeeeeeeeeeee P-r-o-v-i-d-e-r non I-S-O-C! Danno i nomi... questi per la legge federale, rischiano parecchio, approposito del new reganiansimo di tale governo.Qui se ti beccano di danno 154 euro di multa, e lì finisci in galera e in una galera federale.Poi per cosa?: Signori della giuria ho scaricato due canzoni di Sbreatney Sbears!Ah caro ekecleptical, che dici che se faccio vedere alla Siae che i cd che ho usato oggi erano pieni documenti e foto di zio peppino che si butta dai faraglioni, gli 0.23 cents me li ridanno in dietro?0,23centesimamente tuoElwood
  • Anonimo scrive:
    Non arrendiamoci!!!
    Lo so che questa è brutta! ma secondo me non arrendiamoci a questo Terrorismo psicologico!!!!!E comunque il motto BOICOTTA SIAE non lo possono fermare.
  • Anonimo scrive:
    Re: http://freenet.sourceforge.net/
    Scusa, non sono un esperto, però qualcosa di freenet credo di averla capita:Tu ospiti sul tuo PC del materiale senza sapere cosa sia, perchè è criptato e perchè non ce l'hai messo tu.Se qualcuno scarica qualcosa da te, in realtà non sta scaricando "da te", tu sei solo un tramite, un nodo della rete che mette a disposizione le sue risorse.L'unico modo per incriminare una persona dalla quale è stato scaricato del materiale illegale tramite freenet, è dichiarare illegale freenet stessa.Poi credo che ci siano anche dei modi per difendere l'anonimato..non so come funzionano in freenet, ma persino a me ne vengono in mente un paio che potrebbero essere implementati un giorno o l'altro...quindi credo che tecnicamente sia molto difficile controllare programmi di questo tipo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sentenza pericolose...
    Non è che ti sputtanano pubblicamente perché ti fai le pippe davanti ad un film porno, neanche ti diffamano. Ti denunciano perché fai qualcosa di illegale e sei così stupido da farlo con un mezzo che lascia più prove che se ammazzi uno la domenica mattina a san pietro mentre il papa fa l'angelus...Non vedo dove sta il problema della privacy.Mi sa tanto che sta privacy è il nuovo baluardo degli italioti...
  • Anonimo scrive:
    Re: http://freenet.sourceforge.net/
    Sharing si fa pure ma lento e senza criterio (perché dovrei hostare qualche GB - lo so che si può ridurre ma è pure vero che c'è comunque una sorta di limite - di roba che passa da me per altri sul mio PC?).Inoltre mi è capitato in un canale dedicato a star trek di avere tra le mani centinaia di foto pedofile (postate coi nomi degli episodi). E la cosa che mi fa ridere è che la gente è sicura che sia un sistema anonimo (forse per l'utente ma non certo per chi può tracciare il tuo traffico dal tuo (e dagli altrui) provider (cosa che ormai fanno per beccare chi smercia anche su P2P meno sicuri). Mi fanno ridere gli idioti che credono che un nuovo software di scambio faccia magicamente sparire IP e routing... Finché mi ci connetterò da accesso remoto le cose potranno cambiare poco...
  • Anonimo scrive:
    Re: :-O questa è la notizia peggiore!!!
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    ma ragazzi!

    questa notizia è assai peggiore della

    famigerata retata...

    questo è davvero MOLTO ma molto
    peggio!!!!!

    :-@

    Proprio vero. Con la scusa di proteggere i
    diritti intellettuali, si sta instaurando un
    vero regime nazista.chi era quel tale che diceva qualche giorno fa che se vogliamo la libertà bisogna evitare di far governare "chi è o E' STATO _COMUNISTA_" ? ... il piccolo principe ... come si chiama ... quello che ha detto che ... il premier HA TROPPO POCO POTERE ...
  • Anonimo scrive:
    Re: Per tutelare i propri presunti diritti
    - Scritto da: Anonimo
    calpestano i certi diritti altrui. Che
    schifo.

    E questo dal paese che si ritiene paladino
    della democrazia e della libertà. Vergogna.però quando i Francesi fanno i nazionalisti tutti a dire "ESAGERATIIIIIIIII"mentre invece fanno benissimo.a loro non sta bene di essere comandati da chi non ne ha il dirittonoi brontoliamo e poi GIU' A NOVANTA
  • Anonimo scrive:
    Re: http://freenet.sourceforge.net/
    - Scritto da: Anonimo
    La soluzione?

    http://freenet.sourceforge.net/non serve a nientenon funzionaal massimo si pubblica ma non si fa sharing
  • Anonimo scrive:
    Re: Sentenza pericolose...
    - Scritto da: Anonimo
    Non tanto perchè rivelano nomi di gente che
    condivide, quanto perchè così si da il via a
    un sistema di RIMOZIONE della privacy in
    generale, che promette di fare molti
    danni... e c'è chi non tarderà aa
    approfittarsene per farli davvero... :(:(:(I veri criminali, che dovrebbero andare in galera, sono questi signori della RIAA. Altro che permettere loro di calpestare i diritti e la privacy delle persone come se fossero degli scarafaggi. La gente dovrebbe ribellarsi a questi porci e a tutte le istituzioni piegate a 90 gradi davanti a loro.
    Max M
  • Anonimo scrive:
    Sentenza pericolose...
    Non tanto perchè rivelano nomi di gente che condivide, quanto perchè così si da il via a un sistema di RIMOZIONE della privacy in generale, che promette di fare molti danni... e c'è chi non tarderà aa approfittarsene per farli davvero... :(:(:(Max M
  • Anonimo scrive:
    Re: :-O questa è la notizia peggiore!!!
    - Scritto da: Anonimo

    ma ragazzi!
    questa notizia è assai peggiore della
    famigerata retata...
    questo è davvero MOLTO ma molto peggio!!!!!
    :-@Proprio vero. Con la scusa di proteggere i diritti intellettuali, si sta instaurando un vero regime nazista.
  • Anonimo scrive:
    Per tutelare i propri presunti diritti
    calpestano i certi diritti altrui. Che schifo.E questo dal paese che si ritiene paladino della democrazia e della libertà. Vergogna.
  • Anonimo scrive:
    http://freenet.sourceforge.net/
    La soluzione?http://freenet.sourceforge.net/se solo avesse un motore di ricerca....... altrimenti allo stato attuale è quasi inutilizzabile....
  • Anonimo scrive:
    Nuove ispirazioni x Hollywood.
    Ecco che arriva l'ispirazione che tanto cercavano i produttoridi Hollywood e dintorni. Accusati, da qualche tempo, dalla stampadi mezzo mondo di saper creare o dei ramake o dei sequencedi filoni gia' noti e sfruttati (Vedi x es. "I soliti ignoti" o "Matrix").Ma per fortuna di questi ultimi tempi materiale fanta-allucinante-cosmo-sociale di certo non manca, e questo di oggi non ne e' che solo uno deitanti esempi:" ottenendone i nominativi senza dover ricorrere necessariamente ad un mandato del magistrato ma semplicemente richiedendoli al loro provider."Hollywood Ringrazia RIAA ed amministrazione Bush...
  • Anonimo scrive:
    Paura!!
    Lo ammetto mi sto' propio cagando sotto! :D
  • Anonimo scrive:
    :-O questa è la notizia peggiore!!!
    ma ragazzi!questa notizia è assai peggiore della famigerata retata... questo è davvero MOLTO ma molto peggio!!!!! :-@
  • Anonimo scrive:
    La tomba del diritto e del rovescio
    "....dare battaglia ai singoli utenti del P2P, ottenendone i nominativi senza dover ricorrere necessariamente ad un mandato del magistrato ma semplicemente richiedendoli al loro provider".Evviva il Far West ! Self - Justice a gogò !A quando in Italia ?A Settembre come i film ?
Chiudi i commenti