Raid dei deserti, una Vespa fatta PC

Gli appassionati del mitico scooter Piaggio attraverseranno i deserti del west americano. Dotati del primo vespa-puter, una Vespa con computer, cam e wireless in più

Roma – Si concluderà il 17 ottobre il giro appena iniziato di 25 appassionati vespisti nel southwest americano, un tour definito “Raid dei Deserti” a cui hanno aderito gli associati dello storico gruppo web Vespaonline . Una corsa attraverso i deserti americani che si avvale di quello che viene definito “il primo vespa-puter al mondo”.

In 12 giorni gli infaticabili scooteristi, pernottando in tenda nel deserto, percorreranno 4440 chilometri in difficilissime condizioni di viaggio e una pagina dedicata consentirà di vedere le immagini trasmesse su web in tempo reale dai partecipanti (mentre scriviamo le immagini non sono ancora visualizzabili).

La presenza del vespa-puter (vedi foto) viene considerata essenziale perché supporterà il gruppo di vespisti sia nel tracciare la “rotta” sia nella documentazione del viaggio: è proprio il vespa-puter ad occuparsi di immagazzinare e “sparare” sul sito dell’associazione le immagini del viaggio.

Il vespa-puter Il singolare computer vespato è infatti munito della mainboard compatta Via EPIA MII 12000, due hard disk e di un monitor touch screen da otto pollici posizionato sul manubrio e pensato per poter essere azionato mentre si guida. Il vespa-puter è in grado di funzionare come navigatore satellitare, di collegarsi ad internet per ottenere aggiornamenti sulle strade da percorrere e individuare la presenza sulla via di aree di sosta, come distributori o motel.

“Per rendere l’unità assolutamente insensibile alle vibrazioni ed ai colpi – si legge sul sito dell’Associazione – sono stati utilizzati due hard disk allo stato solido (cioè senza parti meccaniche in movimento) di 800mb l’uno, il consumo di corrente di queste due unità è di 20 volte inferiore rispetto ad un Hard Disk tradizionale, un fatto che aumenta l’autonomia con il funzionamento a batteria e annulla il contributo di riscaldamento termico del supporto dati”.

Per catturare le immagini, la vespa computerizzata è dotata anche di una cam USB che può inviare immagini, sfortunatamente ancora non apparse sul sito, sia attraverso le tecnologie wireless tradizionali che via telefono satellitare. Una pagina racconta le varie fasi del montaggio della vespa informatica.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma se non hanno neanche la corrente!
    Al massimo avranno qualche computer a valvole anni 50 ereditato dall'Unione Sovietica!Non c'e' da preoccuparsi secondo me.
    • hoff scrive:
      Re: Ma se non hanno neanche la corrente!
      - Scritto da: Anonimo
      Al massimo avranno qualche computer a
      valvole anni 50 ereditato dall'Unione
      Sovietica!
      Non c'e' da preoccuparsi secondo me.Non hai mai sentito parlare della Corea prima d'ora, vero?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se non hanno neanche la corrente!

        Non hai mai sentito parlare della Corea
        prima d'ora, vero?bhe hanno computer cosi avanzati che non serve la corrente per funzionare
  • Anonimo scrive:
    Guerra informatica in Italia...
    Esperti informatici sud coreani "crakkeranno" il sito del governo italiano? madonna sai che impresa :DE per far cosa? metterci i banner? :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Guerra informatica in Italia...
      tu hai visto quante poliziotte fighe ci sonovuoi mettere avere il suo numero di telefono quindi
  • Anonimo scrive:
    Parliamo di cose serie
    E qua in Italia quand'è che verrà fatto altrettanto???Non sarebbe meglio prepararci al peggio? O come al solito ce ne stiamo a guardarli con le mani in mano e pronti a farci fare il "vasetto" dal primo fringuellino armato di mouse e tastiera???(linux)
  • sigsegv scrive:
    Corea del Sud?
    Sono stati attaccati dei server in Corea del Sud? Sul serio? Delle persone così attente alla configurazione dei loro sistemi, che non lascierebbero un proxy o un relay aperto neanche sotto tortura...
  • Anonimo scrive:
    Ma proprio in Corea del Nord?!?
    Forse sono io che non ho capito ancora niente del mondo, ma da quanto ne so, fino ad oggi, la Corea del Nord è sempre stata uno Stato estremamente chiuso.Recentemente ho persino letto che la uniche librerie del Paese si trovano nella capitale Pyongyang e che non esistono libri stranieri o tradotti. Addirittura è lo stesso Presidente (dittatore) che scrive libri su argomenti come l'ingegneria idraulica..non scherzo!Com'è possibile che in queste condizioni si sia formato un manipolo di super-esperti in grado di attaccare i server di grosse aziende?Mah..o i giornali danno informazioni molto distorte sulla Corea o questa notizia mi sembra un pò troppo allarmistica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma proprio in Corea del Nord?!?

      Mah..o i giornali danno informazioni molto
      distorte sulla Corea o questa notizia mi
      sembra un pò troppo allarmistica.Beh certosi e' anche liberi di credere che non abbiano l'atomica ovviamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma proprio in Corea del Nord?!?
      - Scritto da: Anonimo
      Com'è possibile che in queste
      condizioni si sia formato un manipolo di
      super-esperti in grado di attaccare i server
      di grosse aziende?
      Mah..o i giornali danno informazioni molto
      distorte sulla Corea o questa notizia mi
      sembra un pò troppo allarmistica.Semplice, vengono da noi e importano know-how, tanto da noi di imprenditori pronti ad assumere un coreano sottopagato ce n'è quanti ne vuoi
  • Anonimo scrive:
    la pubblicita' di sta pagina
  • Anonimo scrive:
    Codice aperto (open source)
    Ma i cybersoldati in accademia si saranno studiati il codice di Linux (o firefox o altro open source) o no?E se hanno trovato dei bug, li avranno segnalati al bugtrack?
  • Anonimo scrive:
    Il vero hacker koreano
  • Anonimo scrive:
    Basta staccar loro i cavi
    ...e la loro milizia se la ficcano dove non batte il sole, chi e' che vuole parlare coi coreani del cazzo, sono peggio dei nazisti. (ovviamente mi riferisco al governo non alla popolazione inerme)
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta staccar loro i cavi
      - Scritto da: Anonimo
      ...e la loro milizia se la ficcano dove non
      batte il sole, chi e' che vuole parlare coi
      coreani del cazzo, sono peggio dei nazisti.Che genio e' proprio tanto facile, tanto tanto facile.Immagina che all'epoca della Germania di Hitler qualcuno avesse detto: " Basta staccar loro i cavi...".La tua cazzata e' identica.
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta staccar loro i cavi

        Immagina che all'epoca della Germania di
        Hitler qualcuno avesse detto: " Basta
        staccar loro i cavi...".
        La tua cazzata e' identica.beh però non ha tutti i torti. Le leggi di tutti gli stati civilizzati puniscono più o meno duramente il cybercrime. Se questi cracker sono protetti dalle non-leggi del loro stato (cioè sono resi "intoccabili") potrebbero causare grossi danni alla rete, come i DDOS oppure lo SPAM..io sono a favore di staccargli la spina.
        • Anonimo scrive:
          Re: Basta staccar loro i cavi
          - Scritto da: Anonimo
          beh però non ha tutti i torti. Le
          leggi di tutti gli stati civilizzati
          puniscono più o meno duramente il
          cybercrime. Se questi cracker sono protetti
          dalle non-leggi del loro stato (cioè
          sono resi "intoccabili") potrebbero causare
          grossi danni alla rete, come i DDOS oppure
          lo SPAM..

          io sono a favore di staccargli la spina.Cazzata bis. Mi spieghi come fai? Vai in Nord Corea e dici "In base all'autorita' di me stesso sono qui per staccarvi la spina" e loro "Chi se ne frega, se non ci vuoi dare tu l'accesso alle linee di comunicazioni (e chi mai sei tu per veire in uno stato sovrano a dettare legge?) me lo dara' la Cina o una azienda privata occidentale con i suoi satelliti spaziali". E te ne torni a casa come uno fesso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta staccar loro i cavi
            Dai, toh le caramelle...ora vai a giocare coi modellini ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta staccar loro i cavi
            - Scritto da: Anonimo
            Dai, toh le caramelle...ora vai a giocare
            coi modellini ...Visto che non hai argomenti non rispondi...
      • Straha scrive:
        Re: Basta staccar loro i cavi
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...e la loro milizia se la ficcano dove
        non

        batte il sole, chi e' che vuole parlare
        coi

        coreani del cazzo, sono peggio dei
        nazisti.

        Che genio e' proprio tanto facile, tanto
        tanto facile.
        Immagina che all'epoca della Germania di
        Hitler qualcuno avesse detto: " Basta
        staccar loro i cavi...".hemmm..... potevano (e dovevano) farlo.se quel fesso di chamberlain, anzichè accontentarsi di un pezzo di carta (con la quale hitler si è pulito tu sai cosa), avesse mantenuto alta la pressione sul regime nazista forse la guerra si sarebbe evitata, e comunque se non avessero sottovalutato la minaccia, hitler avrebbe potuto essere sconfitto nei primi mesi di guerra....oltre tutto hitler aveva ben dichiarato i suoi obiettivi in Mein Kampf. bastava leggerlo con attenzione, come con attenzione dovrebbero essere considerate certe dichiarazioni di certi "governi".....
        La tua cazzata e' identica.imho la tua è peggiore, ma scusabile perchè non sai quel che dici :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Basta staccar loro i cavi
          - Scritto da: Straha
          hemmm..... potevanoMaterialmente come? Dai dimmi come avresti piegato la produzione bellica, i sistemi di comunicazione e i trasporti della Germania nel 1930-40.
          (e dovevano) farlo.

          se quel fesso di chamberlain, anzichè
          accontentarsi di un pezzo di carta (con la
          quale hitler si è pulito tu sai
          cosa), avesse mantenuto alta la pressione
          sul regime nazista forse la guerra si
          sarebbe evitata, e comunque se non avessero
          sottovalutato la minaccia, hitler avrebbe
          potuto essere sconfitto nei primi mesi di
          guerra....Ma sai quello di cui parli? Parliamo della Germania del 1940 che riusci' a produrre armamenti fino all'ultimo sotto le bombe. Che riusci' a raccogliere i materiali bellici e l'energia per produrli e risuci' a distribuirli, seppur con grande fatica. Hai mai letto Speer o vaneggi? Non si "stacca la spina" ad un paese, semplicemente perche' la capacita' di una nazione non dipende interamentre da un rotolo di cavi che pende comodamente al di la' di un confine, e la cosa e' ancor maggiormente complicata se parliamo di una nazione aggressiva, quindi non solo pronta e capace a difendere le proprie risorse, ma anche pronta ad un conflitto e quindi con riserve accantonate per lavorare in ogni condizione. Quindi dire "gli stacchiamo la spina" vale quanto dire " 'sti mongoli dipendono da noi (e non e' cosi') e la soluzione piu' facile e toglierli quanto gli abbiamo precedentemente concesso (nulla di piu' falso)". Se vogliamo continuare a vaneggiare dicendo cose simili, non mancheranno mai cazzate.
          oltre tutto hitler aveva ben dichiarato i
          suoi obiettivi in Mein Kampf. bastava
          leggerlo con attenzione,E' arrivato quello cha ha capito che nel Mein Kampf c'era scritto quando come e dove si sarebbe svolta la guerra. Ovviamente a cose fatte sono bravi tutti, anche gli stupidi.

          La tua cazzata e' identica.

          imho la tua è peggiore, ma scusabile
          perchè non sai quel che dici :)Sei solo un povero ignorante che non ha mai aperto un libro di storia. Che non conosce la storia e la situazione geopolitica asiatica contemporanea. Ma se ti piace continua pure, che questo mondo ha sempre bisogno di comici.
          • Straha scrive:
            Re: Basta staccar loro i cavi
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Straha


            hemmm..... potevano

            Materialmente come? Dai dimmi come avresti
            piegato la produzione bellica, i sistemi di
            comunicazione e i trasporti della Germania
            nel 1930-40.in quegli anni la produzione bellica era a livelli minimi, subivano ancora gli effetti dei trattati di Versailles.con un buon embargo risolvevi molte cose.invece tutti (usa in testa) investivano in germania.....


            (e dovevano) farlo.



            se quel fesso di chamberlain,
            anzichè

            accontentarsi di un pezzo di carta (con
            la

            quale hitler si è pulito tu sai

            cosa), avesse mantenuto alta la
            pressione

            sul regime nazista forse la guerra si

            sarebbe evitata, e comunque se non
            avessero

            sottovalutato la minaccia, hitler
            avrebbe

            potuto essere sconfitto nei primi mesi
            di

            guerra....


            Ma sai quello di cui parli? Parliamo della
            Germania del 1940 che riusci' a produrre
            armamenti fino all'ultimo sotto le bombe.la germania del '40 era molto diversa da quella del '45, era ancora molto debole, soprattutto a livello di produzione di armamenti, qualitativamente e quantitativamente.
            Che riusci' a raccogliere i materiali
            bellici e l'energia per produrli e risuci' a
            distribuirli, seppur con grande fatica.
            Hai mai letto Speer o vaneggi? certo che ho letto i diari di Speer, proprio per questo ti dico che dici sciocchezze.il merito di Speer è quello di aver migliorato la produttività delle industrie tedesche mediante un'attenta riorganizzazione delle stesse e delle risorse disponibili, tant'è che alla fine della guerra le industrie tedesche producevano 5 volte di più che all'inizio della stessa.la sua riorganizzazione avvenne ben addentro la seconda guerra mondiale, dopo la morte di Todt, quindi NON comprende il periodo iniziale della guerra.nei primi mesi di guerra se avessero voluto li fermavano eccome.Non si
            "stacca la spina" ad un paese, semplicemente
            perche' la capacita' di una nazione non
            dipende interamentre da un rotolo di cavi
            che pende comodamente al di la' di un
            confine, e la cosa e' ancor maggiormente
            complicata se parliamo di una nazione
            aggressiva, quindi non solo pronta e capace
            a difendere le proprie risorse, ma anche
            pronta ad un conflitto e quindi con riserve
            accantonate per lavorare in ogni condizione.nel 39/40 NON avevano riserve degne di tale nome.
            Quindi dire "gli stacchiamo la spina" vale
            quanto dire " 'sti mongoli dipendono da noi
            (e non e' cosi') e la soluzione piu' facile
            e toglierli quanto gli abbiamo
            precedentemente concesso (nulla di piu'
            falso)". Se vogliamo continuare a vaneggiare
            dicendo cose simili, non mancheranno mai
            cazzate.si, come no, gli embarghi (quelli seri, ovviamente) li hanno inventati oggi, vero??


            oltre tutto hitler aveva ben dichiarato
            i

            suoi obiettivi in Mein Kampf. bastava

            leggerlo con attenzione,

            E' arrivato quello cha ha capito che nel
            Mein Kampf c'era scritto quando come e dove
            si sarebbe svolta la guerra. Ovviamente a
            cose fatte sono bravi tutti, anche gli
            stupidi. hemmm..... no, c'era solo tutto il suo programma politico e non, ebrei compresi :)ma al tempo tutti lo credevano un grande statista, che usava la demagogia solo per acquisire consenso e che mai avrebbe realizzato realmente quel che propugnava nei suoi scritti.....



            La tua cazzata e' identica.



            imho la tua è peggiore, ma
            scusabile

            perchè non sai quel che dici :)

            Sei solo un povero ignorante che non ha mai
            aperto un libro di storia. Che non conosce
            la storia e la situazione geopolitica
            asiatica contemporanea. Ma se ti piace
            continua pure, che questo mondo ha sempre
            bisogno di comici.LOL professore.... mi aspettavo qualcosa di più da un esperto del tuo calibro ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta staccar loro i cavi
            - Scritto da: Straha
            in quegli anni la produzione bellica era a
            livelli minimi, subivano ancora gli effetti
            dei trattati di Versailles.

            con un buon embargo risolvevi molte cose.Beh, forse allora bisognava coinvolgere anche la Russia, uno dei piu' grandi patner commerciali della Germania, tra i primi a fornire petrolio. Hai detto poco. Per questo ritengo che un embargo del genere all'epoca sarebbe stato inefficace.
            invece tutti (usa in testa) investivano in
            germania.....Quindi mi dici che non c'erano le condizioni economiche per farlo.
            la germania del '40 era molto diversa da
            quella del '45, era ancora molto debole,
            soprattutto a livello di produzione di
            armamenti, qualitativamente e
            quantitativamente.Vero, ma aveva gia' statalizzato tutte le piu' importanti imprese private grazie all'estenuante lavoro di Goering in campo economico. Le premesse di una grande forza economica ed industriale c'era gia'. Speer ebbe l'indubbio merito e capacita' di rendere il tutto efficiente (ma a tuo parere Todt si era adagiato sugli allori prima o era rimasto ingolfato dalla burocrazia?), ma non di creare dal nulla materie prime, abilita' produttiva e conoscenze tecnologiche.
            certo che ho letto i diari di Speer,Ah mi fa piacere.
            proprio
            per questo ti dico che dici sciocchezze.Tu dici che un bell'embargo avrebbe risolto tutto e dici a me che vaneggio. Wow, che coraggio.
            il merito di Speer è quello di aver
            migliorato la produttività delle
            industrie tedesche mediante un'attenta
            riorganizzazione delle stesse e delle
            risorse disponibili, tant'è che alla
            fine della guerra le industrie tedesche
            producevano 5 volte di più che
            all'inizio della stessa.Non hai letto Speer! Producevano molto di piu'.
            la sua riorganizzazione avvenne ben addentro
            la seconda guerra mondiale, dopo la morte di
            Todt, quindi NON comprende il periodo
            iniziale della guerra.

            nei primi mesi di guerra se avessero voluto
            li fermavano eccome.Io penso di no, per il fatto che all'inizio della guerra la fornitura di materie prime da parte della Russia era tale da vanificare gli effetti di un embargo occidentale.Considera poi il canale commerciale costituito dall'Italia e dai suoi porti, e, come giustamente ti dici, gli investimenti esteri, che non arrivavano dal nulla ma per evidenti convenienze degli investitori. Insomma la Germania non era sola.Vaneggio vero?

            accantonate per lavorare in ogni

            condizione.
            nel 39/40 NON avevano riserve degne di tale
            nome.Riserve come nel '43, no. Ma c'erano. E le aveva perfino la misera Italia: petrolio, cromo, manganese, zinco.

            Quindi dire "gli stacchiamo la spina"
            vale

            quanto dire " 'sti mongoli dipendono da
            noi

            (e non e' cosi') e la soluzione piu'
            facile

            e toglierli quanto gli abbiamo

            precedentemente concesso (nulla di piu'

            falso)". Se vogliamo continuare a
            vaneggiare

            dicendo cose simili, non mancheranno mai

            cazzate.
            si, come no, gli embarghi (quelli seri,
            ovviamente) li hanno inventati oggi, vero??No e infatti non l'ho mai detto non mettermi parole in bocca altrimenti citami.Io ho detto che dire che staccare la spina alla Korea del nord e' 1) presuntuoso 2) irrealizzabile. Come allora per la Germania, un embargo "serio" dovrebbe coinvolgere tutti i patner commerciali di quel paese. Ovviamente di dettare legge alla Cina non se ne parla come allora fu per la Russia.Vaneggio? Dai seriamente, che ne pensi?

            si sarebbe svolta la guerra. Ovviamente
            a

            cose fatte sono bravi tutti, anche gli

            stupidi.

            hemmm..... no, c'era solo tutto il suo
            programma politico e non, ebrei compresi :)Certo, come ho detto a cose fatte le cose si leggono e si capiscono.
            ma al tempo tutti lo credevano un grande
            statista, che usava la demagogia solo per
            acquisire consenso e che mai avrebbe
            realizzato realmente quel che propugnava nei
            suoi scritti.....Appunto per cui a cose fatte possiamo capire che era veramente capace di cio' che annunciava, ma prima chi lo temeva poteva essere tacciato di allarmismo. Per cui, si' a "leggere bene", ma perche' questa condizione fosse possibile, doveva scorrere molto sangue prima.
            LOL professore.... mi aspettavo qualcosa di
            più da un esperto del tuo calibro ;)Non hai detto nulla della Korea del Nord. Eri assente?
          • Straha scrive:
            Re: Basta staccar loro i cavi 1
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Straha


            in quegli anni la produzione bellica
            era a

            livelli minimi, subivano ancora gli
            effetti

            dei trattati di Versailles.



            con un buon embargo risolvevi molte
            cose.

            Beh, forse allora bisognava coinvolgere
            anche la Russia, uno dei piu' grandi patner
            commerciali della Germania, tra i primi a
            fornire petrolio. Hai detto poco. Per questo
            ritengo che un embargo del genere all'epoca
            sarebbe stato inefficace.


            invece tutti (usa in testa) investivano
            in

            germania.....

            Quindi mi dici che non c'erano le condizioni
            economiche per farlo.no, non c'erano le condizioni politiche per farlo.


            la germania del '40 era molto diversa da

            quella del '45, era ancora molto debole,

            soprattutto a livello di produzione di

            armamenti, qualitativamente e

            quantitativamente.

            Vero, ma aveva gia' statalizzato tutte le
            piu' importanti imprese private grazie
            all'estenuante lavoro di Goering in campo
            economico. mmmm.... sicuro?non mi risulta che Krupp, Henschel o Messerschmitt fossero statali.....Le premesse di una grande forza
            economica ed industriale c'era gia'. Speer
            ebbe l'indubbio merito e capacita' di
            rendere il tutto efficiente (ma a tuo parere
            Todt si era adagiato sugli allori prima o
            era rimasto ingolfato dalla burocrazia?),come dice Speer nelle sue memorie, e come ho letto anche in altri libri (es. Calvocoressi-Wint : storia della seconda guerra mondiale), Todt è rimasto invischiato nella burocrazia. ma
            non di creare dal nulla materie prime,
            abilita' produttiva e conoscenze
            tecnologiche.infatti non potevano perchè non ne avevano, salvo quando hanno "inventato" la benzina "sintetica" ricavata dalla lavorazione del carbone.


            certo che ho letto i diari di Speer,

            Ah mi fa piacere.


            proprio

            per questo ti dico che dici sciocchezze.

            Tu dici che un bell'embargo avrebbe risolto
            tutto e dici a me che vaneggio. Wow, che
            coraggio.certo. un paese come la Germania isolato politicamente ed economicamente non avrebbe resistito a lungo.certo che se l'embargo fosse stato come quello applicato all'Italia...... tanto valeva che non lo avessero fatto, per come ha funzionato.


            il merito di Speer è quello di
            aver

            migliorato la produttività delle

            industrie tedesche mediante un'attenta

            riorganizzazione delle stesse e delle

            risorse disponibili, tant'è che
            alla

            fine della guerra le industrie tedesche

            producevano 5 volte di più che

            all'inizio della stessa.

            Non hai letto Speer! Producevano molto di
            piu'.lui parla di un rapporto di 5 a 1, nonostante i bombardamenti angloamericani.


            la sua riorganizzazione avvenne ben
            addentro

            la seconda guerra mondiale, dopo la
            morte di

            Todt, quindi NON comprende il periodo

            iniziale della guerra.



            nei primi mesi di guerra se avessero
            voluto

            li fermavano eccome.

            Io penso di no, per il fatto che all'inizio
            della guerra la fornitura di materie prime
            da parte della Russia era tale da vanificare
            gli effetti di un embargo occidentale.i russi hanno aiutato i tedeschi perchè ne avevano l'interesse, ma non avrebbe mai potuto esistere un'asse russo-tedesco.prima o poi sarebberi giunti allo scontro.
            Considera poi il canale commerciale
            costituito dall'Italia e dai suoi porti, considera pure che all'inizio i rapporti tra mussolini e hitler NON erano impostati all'amicizia, anzi, se ricordi il duce fece rinforzare le truppe sul confine austriaco ai tempi dell'Anschluss.forse l'Italia avrebbe avuto minor peso nello scenario di un embargo contro hitler.e,
            come giustamente ti dici, gli investimenti
            esteri, che non arrivavano dal nulla ma per
            evidenti convenienze degli investitori.
            Insomma la Germania non era sola.
            Vaneggio vero?certo che non era sola, il problema è che i politici del tempo si sono accorti tardi del pericolo che rappresentava, e non hanno fermato gli investimenti nelle industrie tedesche, proprio come gli americani che sono stati attaccati dalle portaerei giapponesi costruite con l'acciaio che loro stessi avevano venduto al Giappone.un tipico esempio di miopia politica (i soldi non hanno colore politico) che poi tutto il mondo ha scontato a caro prezzo.continua -
          • Straha scrive:
            Re: Basta staccar loro i cavi 2




            accantonate per lavorare in ogni


            condizione.


            nel 39/40 NON avevano riserve degne di
            tale

            nome.

            Riserve come nel '43, no. Ma c'erano. E le
            aveva perfino la misera Italia: petrolio,
            cromo, manganese, zinco.se riserve per un mese di produzione ai ritmi di guerra ti sembrano adeguate.....



            Quindi dire "gli stacchiamo la
            spina"

            vale


            quanto dire " 'sti mongoli
            dipendono da

            noi


            (e non e' cosi') e la soluzione
            piu'

            facile


            e toglierli quanto gli abbiamo


            precedentemente concesso (nulla di
            piu'


            falso)". Se vogliamo continuare a

            vaneggiare


            dicendo cose simili, non
            mancheranno mai


            cazzate.


            si, come no, gli embarghi (quelli seri,

            ovviamente) li hanno inventati oggi,
            vero??

            No e infatti non l'ho mai detto non mettermi
            parole in bocca altrimenti citami.ma non ho fatto che rispondere alla tua frase poco sopra....ah, ma forse per te il termine "staccare la spina" non vuol dire embargo.....
            Io ho detto che dire che staccare la spina
            alla Korea del nord e' 1) presuntuoso 2)
            irrealizzabile. probabilmente molto difficile, ma non irrealizzabile.il problema VERO è che la dirigenza di quello stato da operetta se la caverebbe mentre a scontarlo sarebbe solo la popolazione....Come allora per la Germania,
            un embargo "serio" dovrebbe coinvolgere
            tutti i patner commerciali di quel paese.
            Ovviamente di dettare legge alla Cina non se
            ne parla come allora fu per la Russia.
            Vaneggio? Dai seriamente, che ne pensi?ma i nord coreani non sono forse già ai ferri corti con la Cina?



            si sarebbe svolta la guerra.
            Ovviamente

            a


            cose fatte sono bravi tutti, anche
            gli


            stupidi.



            hemmm..... no, c'era solo tutto il suo

            programma politico e non, ebrei
            compresi :)

            Certo, come ho detto a cose fatte le cose si
            leggono e si capiscono.bastava rileggerlo attentamente dopo Monaco, quindi ben prima dello scoppio della guerra.il fatto che pochi se ne siano preoccupati, e che quelli che lo hanno fatto non siano stati ascoltati, NON vuol dire che non avrebbe potuto realisticamente essere fermato in tempo.


            ma al tempo tutti lo credevano un grande

            statista, che usava la demagogia solo
            per

            acquisire consenso e che mai avrebbe

            realizzato realmente quel che
            propugnava nei

            suoi scritti.....

            Appunto per cui a cose fatte possiamo capire
            che era veramente capace di cio' che
            annunciava, ma prima chi lo temeva poteva
            essere tacciato di allarmismo. Per cui, si'
            a "leggere bene", ma perche' questa
            condizione fosse possibile, doveva scorrere
            molto sangue prima.


            LOL professore.... mi aspettavo
            qualcosa di

            più da un esperto del tuo
            calibro ;)

            Non hai detto nulla della Korea del Nord.
            Eri assente?LOL.... il mio intervento era sulla Germania, te ne sei già dimenticato?
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta staccar loro i cavi 2
            - Scritto da: Straha
            no, non c'erano le condizioni
            politiche per farlo.Pero' da quelle politiche non sono mai slegate da quelle economiche e viceversa. In una parola non c'erano le condizioni, cioe' non era una soluzione realmente applicabile.
            mmmm.... sicuro?
            non mi risulta che Krupp, Henschel o
            Messerschmitt fossero statali...E aggiungerei a memoria anche Junkers. Ma quello che era stato conveniente inglobare era stato inglobato (penso alla creazione della Hermann Goering-Werke, la nazionalizzazione nei settori dell'estrazione del ferro e della metallurgia). Laddove invece l'industria aveva piegato la testa al regime o aveva buoni rapporti o semplicemente collaborava per convenienza, rimanevano private. Diciamo che l'industria era stata sottomessa, forse e' piu' appropriato.
            Le premesse di una grande forza

            economica ed industriale c'era gia'.
            Speer

            ebbe l'indubbio merito e capacita' di

            rendere il tutto efficiente

            infatti non potevano perchè non ne
            avevano, salvo quando hanno "inventato" la
            benzina "sintetica" ricavata dalla
            lavorazione del carbone.E quindi concordi che le premesse di una grande forza economica ed industriale c'erano gia' ?Non capisco.
            certo. un paese come la Germania isolato
            politicamente ed economicamente non avrebbe
            resistito a lungo.Ma anche i contatti commerciali e politici sono risorse di un paese. Che ha molte teste un po' come un un idra, e anche se riesci a mozzarne un paio, altre continuano a combattere. Fuor di metafora, sono d'accordo che la Germania non erano gli USA in quanto ad autonomia e risorse, ma continuo a ritenere assai scadente l'idea che potesse essere piegata da un embargo tanto da evitare cosi' la guerra. Non c'erano le condizioni, vuoi politiche, vuoi economiche, vuoi sociali, quello che vuoi ma di fatto non si sono create le condizioni per un embargo su larga scala.
            lui parla di un rapporto di 5 a 1,
            nonostante i bombardamenti angloamericani.Allora io ricordo una scala differente, perche' mi vengono alla mente suoi rapporti su una produzione duecento volte maggiore.
            i russi hanno aiutato i tedeschi
            perchè ne avevano l'interesse, ma non
            avrebbe mai potuto esistere un'asse
            russo-tedesco.
            prima o poi sarebberi giunti allo scontro.Si questo lo so bene, ma prima di fronteggiarsi era conveniente per entrambi commerciare. Benche' sarebbero arrivati comunque ad uno scontro, la convenienza dei loro rapporti commerciali era tale che avrebbero vanificato una coalizione per un embargo.
            i

            Considera poi il canale commerciale

            costituito dall'Italia e dai suoi
            porti,

            considera pure che all'inizio i rapporti tra
            mussolini e hitler NON erano impostati
            all'amicizia,Pero' questo non impedisce in toto i commerci, come con la Russia.
            anzi, se ricordi il duce fece
            rinforzare le truppe sul confine austriaco
            ai tempi dell'Anschluss.Certo, gli italiani ebbero davvero una brutta sopresa quando l'Austria che faceva da cuscinetto divenne parte del Reich, di colpo si trovarono l'ingombrante vicino al confine.
            forse l'Italia avrebbe avuto minor peso
            nello scenario di un embargo contro hitler.Per volume di traffici indubbiamente, ma se ci fosse stato un embargo vero e forte contro la Germania come tu ipotizzi, l'accesso al Mediterraneo attraverso l'Italia sarebbe divenuto improvvisamente molto piu' importante.

            Riserve come nel '43, no. Ma c'erano. E
            le

            aveva perfino la misera Italia:
            petrolio,

            cromo, manganese, zinco.

            se riserve per un mese di produzione ai
            ritmi di guerra ti sembrano adeguate.....Mi riferisco alle riserve segrete italiane scoperte dopo la guerra.
            ma non ho fatto che rispondere alla tua
            frase poco sopra....
            ah, ma forse per te il termine "staccare la
            spina" non vuol dire embargo.....Per te vuol dire questo? Per me no, vuol dire "ti tagliamo fuori" (inteso dalla rete, perche' da questo e' iniziato il discorso) "cosi' non fai piu' danni a nessuno".
            probabilmente molto difficile, ma non
            irrealizzabile.Argh ma e' la stesso discorso che stiamo facendo sull'embargo! Se l'equilibrio necessario per ottenerlo e' difficile (e mi sembra estremamente difficile perche' devono essere tutti d'accordo - e non lo sono), allora andrebbe piu' realisticamente considerato irrealizzabile.
            il problema VERO è che la dirigenza
            di quello stato da operetta se la caverebbeCertamente, in caso di un embargo o di un isolamento, quelli campano sempre come gatti. Ma chiamiamoli pure criminali, "da operetta" li fa apparire troppo simpatici.
            mentre a scontarlo sarebbe solo la
            popolazione....Una popolazione sta gia' scontando un grave peso, sono alla fame, mi chiedo cosa potrebbe capitagli ancora di peggio in caso di un embargo. Probabilmente una strage.
            ma i nord coreani non sono forse già
            ai ferri corti con la Cina?Ogni tanto la Corea del Nord ha mostrato i muscoli con la Cina e messo in funzione un po' di propaganda nazionalista anche anticinese, ma in realta' e' fumo negli occhi, i rapporti tra i due paesi sono sicuramente buoni e gli scambi intensi.
            bastava rileggerlo attentamente dopo Monaco,
            quindi ben prima dello scoppio della guerra.Ma dopo Monaco Hitler sembrava essersi accontentato, o cosi' era riuscito a far credere agli ottimisti, per cui anche chi aveva capito lo scenario che si stava prospettando, non avrebbe potuto portare dalla sua parte. Nelle sue prime attivita' diplomatiche, Hitler gioco' sicuramente d'azzardo. Per un po' gli ando' bene.
            il fatto che pochi se ne siano preoccupati,
            e che quelli che lo hanno fatto non siano
            stati ascoltati, NON vuol dire che non
            avrebbe potuto realisticamente essere
            fermato in tempo.E invece io questo ti contesto, visto che non fu fatto, ripeto, evidentemente le condizioni mancarono.

            Non hai detto nulla della Korea del
            Nord.

            Eri assente?

            LOL.... il mio intervento era sulla
            Germania, te ne sei già dimenticato?Come potrei mai dimenticarlo, non sia mai. Ma mi sarebbe piaciuto tornare sulla terra (in fondo di ipotesi di fantastoria ne possiamo fare all'infinto) e ritornare sulla questione del Nord Corea. "Staccargli la spina" e' cosi' facile?Ma alla fine ne abbiamo parlato. Per me, al di la' di facili e frequenti sottovalutazioni da parte degli italiani delle capacita' di paesi come il Nord Corea, il nodo della faccenda rimane il fatto che la Cina ha la forza di perseguire una sua politica personale intervenendo direttamente (ad esempio in Sudan mantiene un esercito di alcune migliaia di uomini che proteggono le estrazioni di petrolio per la National Petroleum Corporation, societa' cinese) o indirettamente (tanto tanto aiuto, anche bellico, ai paesi amici). Ma siccome io sono proprio nella lontana Asia orientale ed e' gia' notte, a domani.
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta staccar loro i cavi
      - Scritto da: AnonimoQuesta idea di "staccare i cavi preventivamente" mi pare provenire direttamente dagli USA :-/ ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta staccar loro i cavi

        Questa idea di "staccare i cavi
        preventivamente" mi pare provenire
        direttamente dagli USA :-/ ...Quando torni nel tuo centro sociale spiega a chi ti insegna 'ste cazzate che grazie all'embargo si sono ridotti alla ragione molti regimi quantomeno pittoreschi.Purtroppo quando la "fede" politica obbliga a chiudere gli occhi ed accettare per buoni regimi come quello della Corea del Nord, gli argomenti non vengono nemmeno valutati.Sei triste, molto triste.
        • Anonimo scrive:
          Re: Basta staccar loro i cavi
          - Scritto da: Anonimo

          Questa idea di "staccare i cavi

          preventivamente" mi pare provenire

          direttamente dagli USA :-/ ...

          Quando torni nel tuo centro sociale spiega a
          chi ti insegna 'ste cazzate che grazie
          all'embargo si sono ridotti alla ragione
          molti regimi quantomeno pittoreschi.
          Purtroppo quando la "fede" politica obbliga
          a chiudere gli occhi ed accettare per buoni
          regimi come quello della Corea del Nord, gli
          argomenti non vengono nemmeno valutati.

          Sei triste, molto triste.D'altronde Diliberto ha dichiarato che si sente più a suo agio nei palazzi della nomenklatura di Pyongkyang che non nel parlamento italiano.......l'atomica la tirerei su uno dei suoi cortei......
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta staccar loro i cavi
            Hai ragione! se si azzardano a fare danni li scolleghiamo! Ora scolleghiamo subito Echelon, non si sa mai.Paiaz...
        • Giambo scrive:
          Re: Basta staccar loro i cavi
          - Scritto da: Anonimo

          Questa idea di "staccare i cavi

          preventivamente" mi pare provenire

          direttamente dagli USA :-/ ...

          Quando torni nel tuo centro sociale spiega a
          chi ti insegna 'ste cazzate che grazie
          all'embargo si sono ridotti alla ragione
          molti regimi quantomeno pittoreschi.Purtroppo l'etichetta di "regime pittoresco" viene stampata solo a Washington.
          Purtroppo quando la "fede" politica obbliga
          a chiudere gli occhi ed accettare per buoni
          regimi come quello della Corea del Nord, gli
          argomenti non vengono nemmeno valutati.Quindi, preventivamente, gli USA avrebbero dovuto bombardare l'Italia durante gli anni di piombo (Terrorismo) oppure quando il PCI era al suo culmine.Preventivamente dovrebbero bombardare pure la Spagna e la Francia (ETA) e l'Irlanda (IRA).
          Sei triste, molto triste.Triste e' vedere che c'e' gente che crede che i bombardamenti preventivi siano cosa buona e giusta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta staccar loro i cavi
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta staccar loro i cavi
      Si e adesso facciamo come kurt russel in fuga da los angeles , spegniamo tutto il mondo .... cosi siamo a posto e nessuno spamma o ddossa + ....
  • Anonimo scrive:
    in parole povere...
    i governi occidentali metteranno filtri su internet. (come volevasi dimostrare)
  • Anonimo scrive:
    Solo la Korea del Nord ce li ha?
    Non credo proprio che sia solo la Korea del Nord a preparare certi "attacchi".I primi maestri in questo sport sono gli USA e i Russi.In ogni kampo, domenticato Echelon cos'è?!Quindi non si faccia finta di meravigliarsi se i Koreani fan di questo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?
      - Scritto da: RiKkArDo
      Perchè la democrazia deve essere
      l'unico strumento per fondare una nazione?
      Ma chi l'ha detto? La maggioranza di sfruttati negli altri tipi di governo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: RiKkArDo

        Perchè la democrazia deve essere

        l'unico strumento per fondare una
        nazione?

        Ma chi l'ha detto?

        La maggioranza di sfruttati negli altri tipi
        di governo?Basta andare a fruttare negli altri paesi, come fa la Russia o gli USA in Messico...Dovresti incominciare a pensare che non si tratta più di stati singoli, ma di un'unico mondo, dove la "democrazia" si ritaglia un angolino e fa ciò che vieta entro i suoi confini aldilà di detti confini.Altrimenti in Russia si stà bene perché Putin ha una bella casa e non centra che in Inguscezia e in Cecenia si muore perché sono aldilà del confine.Comunque i cyber terroristi li assoldano anche le aziende usa per combattere la concorrenza (notizia di qualche settimana fa riportata pure da punto informatico).
        • Anonimo scrive:
          Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?
          - Scritto da: Anonimo
          Basta andare a fruttare negli altri paesi,
          come fa la Russia o gli USA in Messico...
          Dovresti incominciare a pensare che non si
          tratta più di stati singoli, ma di
          un'unico mondo, dove la "democrazia" si
          ritaglia un angolino e fa ciò che
          vieta entro i suoi confini aldilà di
          detti confini.
          Altrimenti in Russia si stà bene
          perché Putin ha una bella casa e non
          centra che in Inguscezia e in Cecenia si
          muore perché sono aldilà del
          confine.

          Comunque i cyber terroristi li assoldano
          anche le aziende usa per combattere la
          concorrenza (notizia di qualche settimana fa
          riportata pure da punto informatico).Piccola differenza: se vuoi andartene dali USA o dalla Russia, se i loro sistemi non ti piacciono, prego, accomodati! Se non ti garba il sistema cinese o nordcoreano, ti sbattono dentro, e se non ticonvinci che quel sistema è quello giusto, ad un certo punto nessuno sa più nulla di te. Se tenti di scappare, ricordati il muro di Berlino: ti sparano; anche alle spalle, non importa, basta che muori.Questo basta e avanza.Io nella democrazia non ci credo nel senso che non credo che si possa mai realizzare, ma almeno in Italia se voglio andare a costruirmi una vita da un'altra parte del mondo, sono LIBERO di farlo senza che nessuno mi dica nulla. E posso anche tornare senza che nessuno mi arresti per essere andato a lavorare altrove. Anzi, ci sono anche degli italiani che si preoccupano di farmi mantenere una dignità civica anche se vivo all'estero. A fronte di tanti altri genii italiani che vogliono dare dei privilegi a dei balordi che vengono in Italia a fare dei crimini.Degli italiani che calpestano degli altri italiani in favore di chi è violento: che bell'esempio! E meno male che si dichiarano non-violenti (essì, perché altrimenti si accorgnon della loro vera faccia)! E se erano violenti che facevano, usavano i bazooka contro i propri connazionali?
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?

      forse Cuba si salvaDirei proprio di no, non tento epr i soldi, ma perché é una dittatura.
      • Anonimo scrive:
        Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?
        Mah, quando il più debole tenta di difendersi dal più forte (leggi NKorea vs Usa) ha il mio plauso.Non ce l'ha quando tratta male i suoi cittadini (vedi dittatura comunista in NKorea e Plutocrazia in Usa).
        • Anonimo scrive:
          Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?
          - Scritto da: Anonimo
          Mah, quando il più debole tenta di
          difendersi dal più forte (leggi
          NKorea vs Usa) ha il mio plauso.
          Non ce l'ha quando tratta male i suoi
          cittadini (vedi dittatura comunista in
          NKorea e Plutocrazia in Usa).Quindi da buon sinistro un colpo al cerchio, uno alla botte, uno al tappo, ...L'importante e' non decidere mai niente ne' spiegare come la si pensa o farlo con l'orizzonte temporale di qualche minuto.Bene, avanti cosi'
          • Anonimo scrive:
            Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?

            Quindi da buon sinistro un colpo al cerchio,
            uno alla botte, uno al tappo, ...
            L'importante e' non decidere mai niente ne'
            spiegare come la si pensa o farlo con
            l'orizzonte temporale di qualche minuto.
            Bene, avanti cosi'Che doveva dire? Bombardiamo con l'atomica sia la corea del Nord che gli usa?
          • Anonimo scrive:
            Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?
      chi ti ha messo voto 2 per tutte le cose inutili che hai detto .
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?
      - Scritto da: Anonimo
      Non credo proprio che sia solo la Korea del
      Nord a preparare certi "attacchi".
      I primi maestri in questo sport sono gli USA
      e i Russi.
      In ogni kampo, domenticato Echelon
      cos'è?!
      Quindi non si faccia finta di meravigliarsi
      se i Koreani fan di questo.Nessuno si meraviglia se i Koreani "fan di questo". Il problema e' di responsabilita'. Saresti piu' tranquillo di sapere che possiedono una pistola carica un bambino, un deficiente, un violento ultra' o uno con il porto d'armi?Poiche' Kim II Sung, dittatore della Korea del Nord e affamatore del suo popolo, da anni tiene un comportamento a dir poco criminale verso il suo paese e la comunita' internazionale (rapimenti di cittadini esteri per trasfomarli in proprie spie, aperte minacce di bombardamenti con missili convenzionali e tattici ai paesi non graditi) sapere che a tutto questo si aggiunge anche una potenziale minaccia nei confronti dei sistemi di comunicazione informatica, fa un po' pensare. E quindi fa piu' notizia di un altro paese, magari aggressivo ma non guidato da un dittatore folle.
      • Anonimo scrive:
        Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?
        Dannazione mi sono confuso col padre. Il dittaore odierno e' Kim Jong Il, figlio di Kim Il Sung. ScusateKim Jong Il, 63 anni, al potere dal 1994.Da trentuno anni consecutivi la Corea del Nord soffre di enormi problemi di liberta' e diritti civili. Kim Jong Il è degno erede del padre Kim Il Sung, nella loro Corea non esistono diritti, non c'è libertà di stampa né di parola, centocinquantamila dissidenti sono ai lavori forzati. Non esiste la privacy e gli oppositori sono giustiziati senza processo oppure confinati in campi di sterminio. Per non farsi mancare nulla, Kim Jong ha sviluppato anche un programma atomico con il quale minaccia la Corea del Sud, la Russia, la Cina e il Giappone.Se interessa maggiorni informazioni qui (inglese):http://jurist.law.pitt.edu/worldlaw/northkorea.php
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo la Korea del Nord ce li ha?
Chiudi i commenti