Rambus, patent litigation reloaded

Nuova puntata dell'eterna contesa giudiziaria tra Rambus, i suoi brevetti, e il resto del mondo. I motivi del contendere si allargano ora ai chipset, interfacce e memorie variamente assortite

Roma – Rambus è tornata alla carica, e anche stavolta si tratta di grane legali per una concorrenza accusata di uso non autorizzato di brevetti tecnologici . Sono anni che la società californiana persegue la strategia del patent trolling litigation in difesa delle sue proprietà intellettuali, e la nuova tornata di denunce chiama in causa sei diverse aziende hi-tech produttrici di memorie, interfacce di controllo e collegamento, chip e chipset informatici.

Non contenta di aver ribadito il suo punto nei confronti di Nvidia , Rambus accusa ora Broadcom, Freescale Semiconductor, LSI, MediaTek, STMicroelectronics e la succitata Nvidia di aver infranto una serie di brevetti connessi allo sviluppo e alla produzione di interfacce PCI Express, SATA, SAS, connessioni DisplayPort, controller integrati sui moduli di memoria DDR, DDR2, DDR3, mobile DDR, GDDR3 (usati sulle schede grafiche discrete) e altre tecnologie.

Rambus è ancora una volta alla ricerca di una compensazione monetaria per i presunti “danni” procurati al suo business di licenze , e al divieto di importazione dei prodotti incriminati negli Stati Uniti da parte della International Trade Commission .

“Abbiamo deciso di rivolgerci a un giudice perché siamo stati costretti”, dice il CEO di Rambus Harold Hughes. “In rispetto dei nostri azionisti e licenziatari paganti – continua Hughes – agiamo in questo modo per proteggere le nostre innovazioni brevettate e perseguire una giusta compensazione per il loro utilizzo”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Scrivo il codice antispam scrive:
    John McClain!?
    La ballata è stata scritta a quattro mani col cantante e co-produttore John McClain. Eh, tra uno sparo e l'altro trovava pure il tempo di scrivere canzoni.[img]http://www.losanjealous.com/wp-content/uploads/2006/10/bruce_willis_01.gif[/img]
    • KaysiX scrive:
      Re: John McClain!?
      Scusa, ma chi meglio di lui, per un business che cerca di rendere MJ quanto più "duro a morire" possibile? ;)
  • Paolo Nocco scrive:
    JACKO non esiste!
    Jacko non esiste, esiste Michael, esiste MJ, esiste Moonwalker...chiamatelo come volete, ma non col nome che ha sempre odiato! Io la trovo una tremenda mancanza di rispetto nei confronti di un defunto.
    • illegale scrive:
      Re: JACKO non esiste!
      - Scritto da: Paolo Nocco
      Jacko non esiste, esiste Michael, esiste MJ,
      esiste Moonwalker...chiamatelo come volete, ma
      non col nome che ha sempre odiato! Io la trovo
      una tremenda mancanza di rispetto nei confronti
      di un
      defuntoMa da dove arriva poi 'sto nome. Tra l'altro sembra un abbreviativo di jackoff (e chi non sa l'inglese basta che lo cerchi per capire cosa significhi)
      • Paolo Nocco scrive:
        Re: JACKO non esiste!
        Deriva dalla storpiatura di Gecko (Il Geco, animale viscido che, appunto, cambia la pelle :@ ) e dal modo di dire "Wacko Jacko", dove Wacko non è certo un complimento.
        • Ciro scrive:
          Re: JACKO non esiste!
          Inoltre è un modo maleducato per schernire la sua malattia della pelle.Che la smettano di chiamarlo così!
          • Funz scrive:
            Re: JACKO non esiste!
            - Scritto da: Ciro
            Inoltre è un modo maleducato per schernire la sua
            malattia della
            pelle.(rotfl)malattia della pelle(rotfl)(rotfl)La malattia, mi scusino se critico un defunto, stava nella testa... :(
    • Logan.III scrive:
      Re: JACKO non esiste!
      Concordo con chi odia il nome Jacko.Purtroppo è un modo irrispettoso di chiamare un grande artista come Michael Jackson ma qui in italia capiamo difficilmente il senso dispregiativo della parola per le poche analogie con i termini che conosciamo noi, e quindi viene usata spesso anche in articoli più seri di questo.Tornando al discorso principale... Se la piattaforma Ping non cambia direzione, MJ o non MJ, non andrà da nessuna parte. E' inutile!- Scritto da: Paolo Nocco
      Jacko non esiste, esiste Michael, esiste MJ,
      esiste Moonwalker...chiamatelo come volete, ma
      non col nome che ha sempre odiato! Io la trovo
      una tremenda mancanza di rispetto nei confronti
      di un
      defunto.
Chiudi i commenti