Rambus sconfitta in tribunale

La società californiana specializzata in memorie affonda in tribunale. Perso il processo contro Hynix e Micron. Le azioni in borsa crollano e si valutano le prossime mosse

Roma – Ha stretto accordi multi-milionari con Samsung , ha rischiato di essere multata dalla UE per pratiche anti-competitive, e ora Rambus perde il processo in tribunale intentato contro le concorrenti Hynix Semiconductor e Micron per lo stesso motivo.

Stando a quanto sosteneva la litigiosa società statunitense – inventrice del fallimentare standard di memorie RDRAM e detentrice di svariati brevetti riconducibili alle DDR-RAM – Micron e Hynix avrebbero fissato un prezzo sul mercato delle memorie tale da tenere fuori Rambus.

Il presunto crimine valeva 4 miliardi di dollari in danni diretti, sosteneva Rambus, ma la Corte di San Francisco e i 12 membri della giuria hanno deciso che le accuse sono infondate. Una decisione che Rambus considera naturalmente “deludente”, mentre si valuta l’eventuale ricorso in appello.

Che Rambus faccia appello o meno il risultato della sconfitta in tribunale sui mercati azionari è stato immediato: alla chiusura delle contrattazioni giornaliere il valore delle azioni Rambus era sceso del 60 per cento, mentre quelle Micron si erano apprezzate di un abbondante 25.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti