Rapetto: i crackers chiedono il pizzo

Il comandante dei cybercops della Guardia di Finanza annuncia l'emergere di un nuovo fenomeno, quello dei cracker che entrano nei server e bloccano tutto fino a quando il proprietario non consegna un pizzo. Siamo al cyber-racket?


Roma – Sorpresa: questa la reazione nelle scorse ore alla notizia che sulla Rete si va diffondendo il “cyber-pizzo”. Lo ha annunciato Umberto Rapetto, capo dei cybercops della Guardia di Finanza (GAT – Gruppo anticriminalità tecnologica), secondo cui “è un fatto del tutto nuovo che si verifica da una ventina di giorni”.

In pratica, ha spiegato Rapetto, vi sarebbero crackers che entrano nei sistemi che supportano siti legati ad attività economiche e li tengono “down”, cioè non funzionanti, fino a quando l’impresa non paga un “riscatto”.

“Gli italiani – ha spiegato Rapetto riferendosi ai crackers nostrani – non lo fanno ancora perché sono più goliardici, attaccano la Rete per divertirsi e non hanno l’estorsione tra i propri obiettivi”. “Il fenomeno – ha precisato Rapetto – ha interessato anche aziende italiane, ma per ora è una novità non paragonabile al normale “pizzo” come volume. Ma nel solo periodo da aprile 2000 ad oggi, in Italia, sono stati registrati 113 attacchi seri a siti.it e una decina circa a siti italiani.com”.

Quanto sta emergendo, secondo Rapetto, presenta anche delle forti analogie con quanto avviene con il racket nel mondo fisico. In entrambi i casi, infatti, “chi tira fuori soldi non parla”… Da qui anche le difficoltà nello stabilire l’effettiva consistenza del fenomeno. Altre similitudini sarebbero nel fatto che gli estorsori si presenterebbero spesso come società in grado di garantire che ai server non succederà alcunché se “il cliente” accetta “il contratto”…

Altri problemi evidenziati da Rapetto sono quelli causati da crackers che entrano in siti istituzionali alterandone il contenuto: “Pensate cosa succederebbe modificando le informazioni sulla Mucca Pazza nel sito del Ministero della Sanità”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re.RE.ma la politica....
    Fra i parlamentari di AN che hanno proposto questalegge c'è uno cosi anziano che dovrebbe ricordarsiuna delle prime leggi del fascimo:CENSURA dellastampa e della radio.Se non ci credete chiedeteloai nonni.I deputati in questione sono i nipotinidei fascisti di allora,si preparano a prendere ilpotere.Vedrete che questa volta non si farannofregare da nessuno:vi leveranno perfino la noia diandare a votare,altro che casa delle libertà.Chiedete ai vecchi quante volte sono andati a votare nel "ventennio".Ogni tanto bisognerebbeaprire un libro di storia e leggere quello che c'èscritto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Re.RE.ma la politica....
      - Scritto da: Pensionauta Pacifico
      ...
      Ogni tanto
      bisognerebbe
      aprire un libro di storia e leggere quello
      che c'è
      scritto.Certamente. Sarebbe comunque altrettanto utile dare un'occhiata a:http://www.interlex.itNella sezione "Norme e documenti" troverà una raccolta di leggi, decreti e regolamenti, riguardanti l'internet.Ne prenda nota e passi a:http://www.camera.itCon pazienza, imposti nel motore di ricerca i dati relativi a ciascuno dei provvedimenti precedentemente annotati e potrà sapere, per ognuno di essi, chi ha votato a favore e chi contro.Poi, rifletta.
  • Anonimo scrive:
    Ora basta
    Ora basta. L' Italia (purtroppo) si è sempre distinta dagli altri paesi per essere indietro coi tempi e tropo burocraticizzata per permettere una progrsso tecnologico degno di questo nome. Ora questa legge può essere davvero un colpo decisivo alla libera informazione del net. Fermiamoli in ogni modo
  • Anonimo scrive:
    UN IDEA...Proposta di Legge...
    Non so chi è l'autore di questa legge del menga...Di contro comunque vi invito a sottoscrivere ed inviare al GOVERNOITALIANO governo@governo.it, una proposta di Legge...L'Autore della "Legge Bavaglio" per i siti internet, con decorrenza immediata, è obbligato a:Art1) Visitare tutti i siti mondialiArt2)Segnalare all'autorità tutti i siti gestiti da una persona/ente con cittadinanza ItalianaArt3) Inviare un premio in denaro, stabilito in 1000 lire a pagina, al gestore, ideatore del sito in questione, per aver contribuito alla crescita del fenomeno Internet in Italia (che senza di noi avrebbero fatto un kaiser sti politici da 4 denari)Art4) Multare tutti i siti che:Sono registrati come testate giornalistiche, emittenti TV o organismi di governo (comuni, regioni etc...etc...) e che risultano statisticamente (fonte agis), essere gli unici organi di stampa, ad effettuare CAMPAGNE DIFFAMATORIE, contro:a) Il cittadino onesto lavoratoreb) Il cittadino che paga le tassec) Vip e Sportivi vari.d) Politici di destrae) disoccupatif) meno abbientietc...etc...Con questa Legge, a tutela della LIBERTA' DI ESPRESSIONE e del cittadino, si obbliga altresì lo stato Italiano, ivi rappresentato dal Presidente della Repubblica (dov'è??? forse a zonzo in qualche caffè...) a punire con la reclusione ad libitum... Tutti quei politici, ministri e occupanti posti di potere, negli organi di stato che esprimono in leggi tipo (LEGGE BAVAGLIO INTERNET), tutta la loro poca Intelligenza, Umanità!!!
  • Anonimo scrive:
    Ma la politica?
    Sono apolitico!!!E non ne capisco niente di politica!!!Ma questo mi sembra COMUNISMO!!!Ma ci rendiamo conto?Mi sembra di leggere la costituzione dell'unione sovietica o della Cina o peggio di Cuba...Ma allora dove potremo scrivere, sfogarci, esprimere i nostri sentimenti SUI MURI DEL PARLAMENTO ITALIANO o direttamente a CASA dei COMUNISTI?Bho...Forse mi sbaglio...Ma non penso...Questa è una politica del menga...Che serve solo a distruggere quelli come BERLUSCONI, che ha LOTTATO per la LIBERTA' DI STAMPA!!! E veramente!!!RAGAZZI ALLE PROSSIME ELEZIONI...SAPETE COSA FARE...A sinistra, quelli che VIETANO la libertà di espressione e di pensiero...A destra quello che ha lottato per la libertà di pensiero...Bho....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la politica?
      - Scritto da: APOLITICO
      Sono apolitico!!!
      E non ne capisco niente di politica!!!
      Ma questo mi sembra COMUNISMO!!!o fascismo? è la stessa cosa se voti a destra o a sinistra, sempre quella è......Guarda chi ha firmato per la legge.....sono stati quelli di AN
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma la politica?
        Si ma l'autore ki è???La destra ultimamente se non te ne sei accorto, sta facendo degli scherzetti mica male al governo...Mi piacerebbe sapere chi è l'autore,mi sai dire chi è?CiaoE...W NOI!!!- Scritto da: zazzera


        - Scritto da: APOLITICO

        Sono apolitico!!!

        E non ne capisco niente di politica!!!

        Ma questo mi sembra COMUNISMO!!!

        o fascismo? è la stessa cosa se voti a
        destra o a sinistra, sempre quella è......

        Guarda chi ha firmato per la legge.....sono
        stati quelli di AN
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma la politica?
          ECCOLI QUA...ANEDDA, SELVA, ARMAROLI, LEMBO, FRAGALA', MIGLIORI,MAZZOCCHI, MARINO, LANDI, MALGIERI, TRANTINO, COLA- Scritto da: Nauseato dalla Politica
          Si ma l'autore ki è???
          La destra ultimamente se non te ne sei
          accorto, sta facendo degli scherzetti mica
          male al governo...
          Mi piacerebbe sapere chi è l'autore,
          mi sai dire chi è?
          Ciao

          E...W NOI!!!

          - Scritto da: zazzera





          - Scritto da: APOLITICO


          Sono apolitico!!!


          E non ne capisco niente di politica!!!


          Ma questo mi sembra COMUNISMO!!!



          o fascismo? è la stessa cosa se voti a

          destra o a sinistra, sempre quella è......



          Guarda chi ha firmato per la
          legge.....sono

          stati quelli di AN
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la politica?
      - Scritto da: APOLITICO
      Sono apolitico!!!
      E non ne capisco niente di politica!!!
      Ma questo mi sembra COMUNISMO!!!
      Ma ci rendiamo conto?
      Mi sembra di leggere la costituzione
      dell'unione sovietica o della Cina o peggio
      di Cuba...

      Ma allora dove potremo scrivere, sfogarci,
      esprimere i nostri sentimenti SUI MURI DEL
      PARLAMENTO ITALIANO o direttamente a CASA
      dei COMUNISTI?

      Bho...Forse mi sbaglio...
      Ma non penso...
      Questa è una politica del menga...
      Che serve solo a distruggere quelli come
      BERLUSCONI, che ha LOTTATO per la LIBERTA'
      DI STAMPA!!! E veramente!!!

      RAGAZZI ALLE PROSSIME ELEZIONI...SAPETE COSA
      FARE...
      A sinistra, quelli che VIETANO la libertà di
      espressione e di pensiero...
      A destra quello che ha lottato per la
      libertà di pensiero...

      Bho....anch'io non so molto di politica, a volte ne discuto con qualcuno, e mi sforzo di dire meno ca77ate possibile ah, e non provoco inutilmente, troll!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la politica?
      - Scritto da: APOLITICO
      Sono apolitico!!!
      E non ne capisco niente di politica!!!
      Ma questo mi sembra COMUNISMO!!!
      Ma ci rendiamo conto?
      Mi sembra di leggere la costituzione
      dell'unione sovietica o della Cina o peggio
      di Cuba...

      Ma allora dove potremo scrivere, sfogarci,
      esprimere i nostri sentimenti SUI MURI DEL
      PARLAMENTO ITALIANO o direttamente a CASA
      dei COMUNISTI?

      Bho...Forse mi sbaglio...
      Ma non penso...
      Questa è una politica del menga...
      Che serve solo a distruggere quelli come
      BERLUSCONI, che ha LOTTATO per la LIBERTA'
      DI STAMPA!!! E veramente!!!

      RAGAZZI ALLE PROSSIME ELEZIONI...SAPETE COSA
      FARE...
      A sinistra, quelli che VIETANO la libertà di
      espressione e di pensiero...
      A destra quello che ha lottato per la
      libertà di pensiero...

      Bho....ma cosa ti fumi?
  • Anonimo scrive:
    SI', GIU' LE MANI DALLE RETE.
    AI SOLITI PANZONI ITALIOTI, GIU' LE MANI DALLE RETE.BUFFONI.
  • Anonimo scrive:
    Motivazioni
    Se andate a leggervi il testo, (lo trovate sul dito della camera, l'indirizzo è postato negli altri post) c'è scritto perchè prpongono 'sta norma.Dalle parole del disegno (di legge o modifica o nonsocomesichiama), ammesso che siano le vere motivazioni, mi sembra che l'unico motivo che ha portato tali parlamentari a fare un disegno di legge così è per poter perseguire i casi di diffamazione anche su internet.Dicono che le cause per diffamazione sono troppo lunghe, vogliono che venga semmai subito una smentita, e dato che ci sono i nuovi mezzi, propongono che anche Internet sia equiparata agli organi di informazione tradizionali.Mah... se pensassero alle cose serie...
  • Anonimo scrive:
    100% ingiusto, i giornalisti prepotenti
    credo che la norma sia insulsa anche per le aziende e non solo per le associazioni/privati.Nel senso che chi costruisce un portale di fatto crea informazioni. Ad esempio se io mi faccio un sito sulla mia città oppure su informazioni di tipo tecnico ( webmaster ecc...) mi devo , secondo la nuova norma, creare la testata giornalistica....stiamo impazzendo? Internet crea valore per le aziende in virtù del fatto che è snella, veloce e libera.I giornalisti invece forse non vogliono creare valore, vogliono mantenere in maniera prepotente il loro, coltivando l'orticello.Vi ricordate quando il baffuto della tv privata voleva chiudere internet (tre anni fa) adesso ha una società di consulenza che si occupa di web.Capito come funziona?I giornalisti ci stanno rubando il lavoro cari webmasters! noi abbiamo fatto nascere il business con lo sforzo, ora loro vogliono i soldi senza fatica......
  • Anonimo scrive:
    Toscana "terra rossa" rules!
    Come sempre noi toscani siamo i socialmente più evoluti... chiamateci pure comunisti (per noi è un complimento) ma qui c'è la vera Cultura.Berlusconi qualche tempo fa parlava di "pericolo di toscanizzazione dell'Italia". Ma quale pericolo?L'unico pericolo è la "nordizzazione"... mica vogliamo diventare come i milanesi!E un siamo mica bischeri noialtri! :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Toscana
      - Scritto da: Carlo
      Come sempre noi toscani siamo i socialmente
      più evoluti... chiamateci pure comunisti
      (per noi è un complimento) ma qui c'è la
      vera Cultura.
      Berlusconi qualche tempo fa parlava di
      "pericolo di toscanizzazione dell'Italia".
      Ma quale pericolo?
      L'unico pericolo è la "nordizzazione"...
      mica vogliamo diventare come i milanesi!
      E un siamo mica bischeri noialtri! :-)Sottoscrivo.......FraternamenteCosmo (Forlì-romagna-universo mondo)
      • Anonimo scrive:
        Re: Toscana
        gia..peccato che tale legge liberticida sia proposta e sostenuta dalla maggioranza COMUNISTA che governa questo paese (ancora per poco per fortuna)- Scritto da: Cosmo


        - Scritto da: Carlo

        Come sempre noi toscani siamo i
        socialmente

        più evoluti... chiamateci pure comunisti

        (per noi è un complimento) ma qui c'è la

        vera Cultura.

        Berlusconi qualche tempo fa parlava di

        "pericolo di toscanizzazione dell'Italia".

        Ma quale pericolo?

        L'unico pericolo è la "nordizzazione"...

        mica vogliamo diventare come i milanesi!

        E un siamo mica bischeri noialtri! :-)

        Sottoscrivo.......
        Fraternamente
        Cosmo (Forlì-romagna-universo mondo)
  • Anonimo scrive:
    Prepariamoci ... se vogliono la guerra l'avranno
    Non hanno capito ..... che internet e' Anarchia...dove la gente fa quello che vuole...non e' controllabile e non e' arginabile..Solo che la mentalità comunista è troppo ristrettaper capirlo ... Peccato.. si faranno male... (loro)
    • Anonimo scrive:
      Re: Prepariamoci ... se vogliono la guerra l'avranno
      - Scritto da: HakerInside
      Non hanno capito .....
      che internet e' Anarchia...
      dove la gente fa quello che vuole...
      non e' controllabile e non e' arginabile..
      Solo che la mentalità comunista è troppo
      ristretta
      per capirlo ...

      Peccato.. si faranno male... (loro)Inanzitutto sei un ignorante. Il solito che mette tutto sulla politica. Chi ha proposto la legge, sono appena adnato a controllare, sono di AN (ne ho controllati 3/4 vedere su http://www.camera.it/index.asp?content=deputati/composizione/). Per i nomi controlla il post sotto.Dici che quindi sono dei comunisti quelli di AN?La verità è che in rete non ci sono solo anarchici. Ci sono tante persone. In rete ci DEVE essere libertà. E quella non è ne di destra, ne di sinistra, ma dovrebbe essere per tutti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci ... se vogliono la guerra l'avranno

        Inanzitutto sei un ignorante. Il solito che
        mette tutto sulla politica. Chi ha proposto
        la legge, sono appena adnato a controllare,
        sono di AN (ne ho controllati 3/4 vedere suAN può proporre quello che vuole, ma se la legge passa la colpa è del governo. Non c'è santo che tenga!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Prepariamoci ... se vogliono la guerra l'avranno
          - Scritto da: Ludovico
          AN può proporre quello che vuole, ma se la
          legge passa la colpa è del governo. Non c'è
          santo che tenga!!"Colpa del governo"?? Questa è buona! Scusa ma lo sai come funziona l'iter legislativo in Italia?Sai cos'è il Parlamento? Camera dei Deputati... Senato della Repubblica... ti dicono nulla?Studia prima di dire bischerate!Ti ricordo che Rifondazione Comunista non fa parte del governo. Se poi per te i DS sono "comunisti", vabbé allora è inutile ragionare con te.
        • Anonimo scrive:
          Re: Prepariamoci ... se vogliono la guerra l'avranno
          - Scritto da: Ludovico


          Inanzitutto sei un ignorante. Il solito
          che

          mette tutto sulla politica. Chi ha
          proposto

          la legge, sono appena adnato a
          controllare,

          sono di AN (ne ho controllati 3/4 vedere
          su

          AN può proporre quello che vuole, ma se la
          legge passa la colpa è del governo. Non c'è
          santo che tenga!!Ma ci sei o ci fai?Guarda che si parla di PARLAMENTO ( la camera dei deputati ) il governo è un'altra cosa.Nondimeno, se l'opposizione che dice di chiamarsi polo delle libertà facesse opposizione allora la legge non passerebbe.Il fatto è che la liberta da' fastidio a tutti i politici, sia di destra che di sinistra. A sinistra perchè la libertà di informazione impedisce di fare i loro magheggi, a destra perchè vinceranno le elezioni e quindi i magheggi li vorranno fare anche loro
      • Anonimo scrive:
        Re: Prepariamoci ... se vogliono la guerra l'avranno
        Ma per conquistare la libertà la storia ci insegna, che l'unica arma è la RIVOLUZIONE, pacifica o violenta che sia...Ragazzi qui stiamo parlando di NON POTER APRIRE UN SITO INTERNET, per dire, fare e disfare quello che vogliamo!Dire che è questione di LIBERTA' è vero...Ma è pericoloso!Perchè la libertà la conquisti ragionando!!! E da quanto mi risulta chi ci governa a noi non ci caga nemmeno!!! (Vedi Mucca pazza, Vedi Ribaltone, Vedi Di Pietro...)Scusa se ho scritto qualcosa che non ti garba...Ma anche io la politica la butterei al cesso... Qui invece di pensare a tutti quelli che usano internet, cercando anche di crearsi un proprio spazio o addirittura un lavoro, questi pensano a VIETARCELO...omissis.... Chi ha proposto
        la legge, sono appena adnato a controllare,
        sono di AN (ne ho controllati 3/4 vedere su
        http://www.camera.it/index.asp?content=deputa
        Dici che quindi sono dei comunisti quelli di
        AN?
        La verità è che in rete non ci sono solo
        anarchici. Ci sono tante persone. In rete ci
        DEVE essere libertà.
        E quella non è ne di destra, ne di sinistra,
        ma dovrebbe essere per tutti.
  • Anonimo scrive:
    TUTTA QUELLA MASSA DI TESTE DI CAZZO....
    FRA POCO SPARIRA' E ANDRANNO TUTTI A FARE IN CULO CON LE LORO LEGGI DEL CAZZO ( CON TANTE SCUSE AL CAZZO) !.
  • Anonimo scrive:
    I deputati responsabili (da ricordare in futuro).
    dal sito della camerahttp://www.camera.it/_dati/leg13/lavori/stampati/sk7500/frontesp/7292.htm---------------------------------------PROPOSTA DI LEGGEd'iniziativa dei deputatiANEDDA, SELVA, ARMAROLI, LEMBO, FRAGALA', MIGLIORI,MAZZOCCHI, MARINO, LANDI, MALGIERI, TRANTINO, COLAModifiche al codice penale e al codice civile, in materia didiffamazione col mezzo della stampa o con altro mezzo didiffusionePresentata il 13 settembre 2000--------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: I deputati responsabili (da ricordare in futuro).
      Non capisco che ci sia di sbagliato in questa proposta di legge. Cazzo mica si deve poter diffamare le persone come cazzo ci pare
      • Anonimo scrive:
        Re: I deputati responsabili (da ricordare in futuro).
        - Scritto da: Pippo
        Non capisco che ci sia di sbagliato in
        questa proposta di legge. Cazzo mica si deve
        poter diffamare le persone come cazzo ci
        pareNon so se ho ben capito, ma se voglio crearmi unsito web, amatoriale, e pubblico notizie su quello che mi interessa (mettiamo la produzione di marmellata nel mondo o altro), devo per forza essere iscritto all'albo dei giornalisti.Ti sembra normale?E' come dire che leggo un giornale ma non posso dire ai miei amici cosa ho letto.Qua il problema sta nelle lobbie giornalistiche, che influenzano i parlamentari, e quest'ultimi che sul tema dell'informatica sono dei veri ignoranti, nel senso che ignorano completamente le conseguenze delle loro azioni.Il bollino SIAE è un'altra furbata bocciata anche dal parlamento europeo.
      • Anonimo scrive:
        Re: I deputati responsabili (da ricordare in futuro).
        - Scritto da: Pippo
        Non capisco che ci sia di sbagliato in
        questa proposta di legge. Cazzo mica si deve
        poter diffamare le persone come cazzo ci
        pareScrivere i nomi di chi ha fatto la proposta sarebbe "diffamazione"?Boh... se ora non si può nemmeno dire chi fa le proposte di legge mi sembra che siamo ridotti male...
    • Anonimo scrive:
      Re: I deputati responsabili (da ricordare in futuro).
      Giusto per la cronaca:ANEDDA: Alleanza NazionaleSELVA: Alleanza NazionaleARMAROLI: Alleanza NazionaleLEMBO: Alleanza NazionaleFRAGALA': Alleanza NazionaleMIGLIORI: Alleanza NazionaleMAZZOCCHI: Alleanza NazionaleMARINO: Alleanza NazionaleLANDI: Alleanza NazionaleMALGIERI: Alleanza NazionaleTRANTINO: Alleanza NazionaleCOLA: Alleanza Nazionale(da http://www.camera.it/deputati/composizione/01.camera/01.Deputati.asp)Viva la Casa delle LIBERTA'...
      • Anonimo scrive:
        Re: I deputati responsabili (da ricordare in futuro).

        Giusto per la cronaca:

        ANEDDA: Alleanza Nazionale
        SELVA: Alleanza Nazionale
        ARMAROLI: Alleanza Nazionale
        LEMBO: Alleanza Nazionale
        FRAGALA': Alleanza Nazionale
        MIGLIORI: Alleanza Nazionale
        MAZZOCCHI: Alleanza Nazionale
        MARINO: Alleanza Nazionale
        LANDI: Alleanza Nazionale
        MALGIERI: Alleanza Nazionale
        TRANTINO: Alleanza Nazionale
        COLA: Alleanza Nazionalemi vengono i brividi! penso che dovremmo fare in sito e rendere pubbliche le concrete mosse dei deputati. In fondo questo post di oggi con i nomi dei deputati è forse una delle azioni di infromazione civile più concreta che trovo da tempo!Almeno sappiamo chi fa cosa e siamo in grado di scegliereconoscere=essere liberirastacor3
  • Anonimo scrive:
    Mandate una mail alla Camera!
    Questa è la mail della camera, allegate anche il banner, mi raccomando, dite loro cosa ne pensate di una legge così.dlwebmast@camera.it
  • Anonimo scrive:
    Da che pulpito viene......
    Ma avete visto chi sono le persone che hanno proposto questa legge bavaglio ? Gli alleati del polo delle libertà !!!! (Quali libertà ??)Ho controllato e sono di Alleanza Nazionale !!!
  • Anonimo scrive:
    Qualcuno si ricorda le radio libere?
    C'è stato un tempo in cui chiunque con 2 lire poteva farsi una radio, pensate a quale utilità poteva avere per chi come me vive in provincia. Poi le hanno strangolate.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno si ricorda le radio libere?
      - Scritto da: max
      C'è stato un tempo in cui chiunque con 2
      lire poteva farsi una radio, pensate a quale
      utilità poteva avere per chi come me vive in
      provincia.
      Poi le hanno strangolate.....ebbeH! Logico! perchè erano libere ( e questo non piace in genere )
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno si ricorda le radio libere?
      - Scritto da: max
      C'è stato un tempo in cui chiunque con 2
      lire poteva farsi una radio, pensate a quale
      utilità poteva avere per chi come me vive in
      provincia.
      Poi le hanno strangolate.....Ora vogliono seppellirle! C'è un progetto di legge che vuole obbligare chi ha una radio ad assumere almeno un dipendente, pensate a quelle radio a conduzione familiare, come faranno?
      • Anonimo scrive:
        Re: Qualcuno si ricorda le radio libere?
        Temo sempre di più che il web, ed in generale i protocolli di rete, finiranno strangolati per davvero dalla istituzionalizzazione progressiva degli spazi (già in fase avanzata peraltro)Ahimè, che triste visione.. godiamoci questo gap di libertà che abbiamo oggi, concessoci dal ritardo tecnoculturale delle forze istituzionali e di mercato rispetto alle possibilità qperte dalle nuove tecnologie..certo, lottiamo per preservarlo.ma domani chissà (del resto l'http è diventato uin mercatone, ed i mercati èportano con sè gli interessi e le regole stabilite dai più forti)ciao a tuttirastacor3
  • Anonimo scrive:
    Per aggirare fatti un dominio non .it
    Boicottate i domini .it!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Per aggirare fatti un dominio non .it
      - Scritto da: Death to italian politics
      Boicottate i domini .it!!!!!!Non credo che basti, le leggi sono per i cittadini italiani e non per le estensioni dei nomi a dominio
      • Anonimo scrive:
        Re: Per aggirare fatti un dominio non .it
        Il problema non è ne' il dominio italiano ne' essere cittadini italiani : è il server, se si trova in un paese straniero ai voglia a farlo chiudere o dichiararlo stampa clandestina.Ancora una volta nel legiferare non si tengono in buon conto le semplici e banali capacità della Rete.
        • Anonimo scrive:
          Re: Per aggirare fatti un dominio non .it
          - Scritto da: wamba
          Il problema non è ne' il dominio italiano
          ne' essere cittadini italiani : è il server,
          se si trova in un paese straniero ai voglia
          a farlo chiudere o dichiararlo stampa
          clandestina.
          Non è così semplice: se l'autore del sito è italiano e vive in Italia ed essere chiuso sarebbe lui! Perché se sua sponte non chiude il sito clandestino può anche essere arrestato...
          Ancora una volta nel legiferare non si
          tengono in buon conto le semplici e banali
          capacità della Rete.Vero, però a quel punto serve davvero una stampa clandestina, nel senso che chi cura le pagine deve essere protetto da un alias.Ci pensate? Punto informatico protetto e nascosto come un sito warez!
          • Anonimo scrive:
            Re: Per aggirare fatti un dominio non .it
            perchè se io da italiano residente in italia non posso telelavorare-collaborare con un giornale ad esempio americano che scrive in italiano????Perchè dovrei essere "chiuso in galera"? in america non esiste l'ordine dei giornalisti e non bisogna essere iscritti.... quindi il problema potrebbe essere se io pubblico e stampo in italia....ma se il server è in america .....io posso pubblicare ciò che mi pare ....(almeno spero).......secondo quest'assurda legge dovremmo far chiudere anche il times..visto che si può leggere attreverso la rete anche in italia..e dubito ci siano giornalisti assunti che appartengano alla nostra ridicola corporazione .......Se proprio vogliamo parlare di legge i nostri cari politici dovrebbero leggere la costituzione ...che sancisce la libertà di chiunque nel manifestare le proprie idee..in qualunque modo!!!Oppure adesso per andare a far due chiacchere al bar sport il bisogna essere "giornalisti professionisti"- Scritto da: Il Panca


            - Scritto da: wamba

            Il problema non è ne' il dominio italiano

            ne' essere cittadini italiani : è il
            server,

            se si trova in un paese straniero ai
            voglia

            a farlo chiudere o dichiararlo stampa

            clandestina.


            Non è così semplice: se l'autore del sito è
            italiano e vive in Italia ed essere chiuso
            sarebbe lui! Perché se sua sponte non chiude
            il sito clandestino può anche essere
            arrestato...


            Ancora una volta nel legiferare non si

            tengono in buon conto le semplici e banali

            capacità della Rete.

            Vero, però a quel punto serve davvero una
            stampa clandestina, nel senso che chi cura
            le pagine deve essere protetto da un alias.
            Ci pensate? Punto informatico protetto e
            nascosto come un sito warez!
    • Anonimo scrive:
      Re: Per aggirare fatti un dominio non .it
      - Scritto da: Death to italian politics
      Boicottate i domini .it!!!!!!Con la legge sui domini si chiude il cerchio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per aggirare fatti un dominio non .it
        - Scritto da: Francesco D'Ambrosio
        Con la legge sui domini si chiude il cerchio.E' in corso la "modificazione genetica" dell'internet. Il processo è, a mio avviso, irreversibile.Consiglio di dare un'occhiata a:http://freenet.sourceforge.net
  • Anonimo scrive:
    I soliti confini nazionali
    Come pensano di imporre delle leggi che cessano di avere validità fuori dai confini nazionali su una cosa (internet) su cui non puoi tracciare confini?Vorrei proprio vedere poi, in nome dell'unione Europea, se tale legge vale per tutta Europa o solo per l'Italia.Se io, italiano voglio pubblicare un giornale informatico in Francia o Germania ho bisogno di essere iscritto all'albo?E se invece lo fà un Francese che volesse pubblicare un tale giornale in Italia che si fa?Più che liberticidi(mmmm scusate, ma mi è venuta, sapete... troppa TV), direi che i nostri politici sono disinformati, o stolti.Perchè devono perdere tempo per una legge che tanto verrà tranquillamente aggirata?Certo, l'informazione libera non può che dare notizie libere, se sai chi stà scrivendo puoi controllarlo.Mi sembra che l'Italia ultimamente vada un pò di qui, un pò di la.Si sono aperte le frontiere. Ma perchè si continuano a fare leggi che tanto verranno bocciate dal consiglio Europeo perchè contro gli interessi comunitari?A meno che anche negli altri stati non sia così, nel qual caso..... basta "pubblicare" in Burundi, come si diceva in un post. E poi, se non metto il nome dell'editore, del capo e del vice, chi cacchio vanno a cercare?
    • Anonimo scrive:
      Re: I soliti confini nazionali

      A meno che anche negli altri stati non sia
      così, nel qual caso..... basta "pubblicare"
      in Burundi, come si diceva in un post. ESe io volessi tenere on line un sito anti- U.S.A.probabilmente cercherei qualche appoggio in iraq.ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: I soliti confini nazionali
        bah, io temo che prima o poi faranno una convenzione internazionale in materiail problema non è tra stati , a mio avviso,ma tra governanti e governati.i primi più o meno si troveranno daccordo nel limitare gli spazi di azione concessi agli ultimi tramite una bella convenzione internazionale!questo bisogna combattererastacor3
    • Anonimo scrive:
      Re: I soliti confini nazionali
      - Scritto da: l
      Come pensano di imporre delle leggi che
      cessano di avere validità fuori dai confini
      nazionali su una cosa (internet) su cui non
      puoi tracciare confini?il problema è che quasi tutte le normative italiane emanate in temi come qteusto sono davvero allucinanti! una per tutte quella sul copyright!!! sembra quasi che i politici non siano consapevoli di ciò che siginifichi europa unita...libera circolazione di persone e merci...moneta unica!!!!forse sono loro che vivono in un mondo davvero parallelo..che ne dite?!buona giornatalela
  • Anonimo scrive:
    Come si puo' supportare la protesta?
    come da topic.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come si puo' supportare la protesta?
      - Scritto da: Jockerz
      come da topic.io direi di mettere il banner di peacelink su ogni sito a tua disposizione....togliere hyperbanner, linkexchange & c e inserire al loro posto il banner. io lo sto già facendo
    • Anonimo scrive:
      Re: Come si puo' supportare la protesta?
      - Scritto da: Jockerz
      come da topic.poi tra l'altro puoi scrivere ai tuoi amici di questa legge ( senza disturbarli senno' commetti spam) e anche ricordarti che quando vai a Votare, stai facendo la più grande cazzata del mondo, in quanto NON SERVE A NULLA Berlusconi (jumpy,mediaset) = rutelli (kataweb, ciaoweb ecc...)
    • Anonimo scrive:
      Come si puo' supportare la protesta? dimanticavo
      - Scritto da: Jockerz
      come da topic.puoi anche boicottare la stampa tradizionale e i siti allineati...ma allora sei proprio underground ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Come si puo' supportare la protesta?
      - Scritto da: Jockerz
      come da topic.credo che le strade siano tante...la prima quella di far emergere questa notizia..che guarda caso..la stampa sta davvero boicottanto!!! si parla di mibtel ...di borsa..di napster (che dire di napster?!) e su quello che sta accadendo in parlamento tutti tacciono!!!! facciamo sentire...la rete credo abbia enormi potenzialità se riesce a rimanere libera! da parte mia sto gia postando la notizia a tutti i miei amici.....e non credo proprio che mi denunceranno per spamming!!buona giornata a tutto
  • Anonimo scrive:
    Politici di merda
    Scusate,sono stato volgare, quando ci vuole ci vuole
    • Anonimo scrive:
      Re: Politici di merda
      Si, ma qui i più colpevoli sono i giornalisti e la loro corporazione. "I giornalisti non sono certo brave persone e dove cogli, cogli sempre bene".
    • Anonimo scrive:
      Re: Politici di merda
      Salve a tutti,nonostante l'espressione forte di chi mi ha preceduto sono perfettamente d'accordo con lui.Il problema quasi "secolare" è che in Italia esistono ancora le corporazioni: i giornalisti, i medici, gli avvocati e così via. E' ovvio che queste corporazioni difendano la loro esistenza in ogni modo contro chi minaccia il loro potere, e poichè sono molto influenti in termini politici ed elettorali riescono a fare approvare leggi a proprio favore. Non dimentichiamo poi che molti politici fanno parte a pieno titolo di questi gruppi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Politici Mediocri
        - Scritto da: Carlo Gentile
        Salve a tutti,
        nonostante l'espressione forte di chi mi ha
        preceduto sono perfettamente d'accordo con
        lui.Forse questa versione è più comprensibile ai politici stessi (la parolaccia è inflazionata!!!)
Chiudi i commenti