Raspberry Pi, la terza generazione

La fondazione britannica annuncia l'avvento di un nuovo modello nella linea Raspberry Pi, una board di sviluppo che si fa sempre più versatile e potente ma continua a costare come un pranzo in un ristorante economico

Roma – A quattro anni esatti dal debutto del modello originale, Raspberry Pi ha annunciato l’arrivo della nuova generazione della board di sviluppo per studenti, amatori del codice fatto in casa e sviluppatori in bolletta. Raspberry Pi 3 Model B è significativamente più potente delle board di passata generazione, aggiunge opzioni di connettività nativa e costa esattamente lo stesso del modello precedente.

Raspberry Pi 3 Model B

La nuova Raspberry Pi porta in dote il supporto alle connessioni Bluetooth e WiFi, un’aggiunta significativa che non richiede più di “sacrificare” una o più porte USB e di spendere ulteriore denaro su un dongle con cui aggiungere le suddette connettività a posteri.

Il SoC Broadcom BCM2387 include una CPU ARM quad-core Cortex-A53 (64-bit) da 1,2GHz, caratteristica che rende Raspberry Pi 3 Model B 10 volte più potente rispetto alla board originaria; ulteriori specifiche tecniche comprendono 1 GB di RAM, 4 porte USB, porta HDMI, connettività Ethernet 10/100, Micro SD per il caricamento del sistema operativo e Micro USB con alimentazione.

La nuova Raspberry Pi è molto più potente e versatile rispetto al (recente) passato, e gli acquirenti interessati potranno contare sul fatto che la scheda ha esattamente lo stesso prezzo di sempre (35 dollari). Raspberry Pi 3 Model B è già disponibile per l’acquisto presso i rivenditori Raspberry come element14, RS Components e altri, e anche i modelli precedenti continueranno a essere in vendita.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • zupermario scrive:
    C'era una volta CCLEANER
    Da quando hanno inserito quella stupidaggine del "MONITOR REALTIME" si e' avvicinato pericolosamente alla folta schiera di crapware che infestano l'autopartenza dei computer....
Chiudi i commenti