Red Hat Linux 8.0 frulla Gnome con KDE

Fra le novità più importanti della nuova distribuzione di Red Hat c'è una nuova interfaccia grafica che unifica il look and feel di Gnome e KDE fondendoli insieme. Piacerà lo zabaione di Red Hat?


Releigh (USA) – Con il rilascio della sua nuova versione di Red Hat Linux , la società dal cappello rosso tenta di far leva sulla sua posizione di leadership per mettere l’ultima parola sul look and feel di un sistema operativo che, ormai da diversi anni, è rappresentato sostanzialmente dai due ambienti desktop KDE e Gnome.

Red Hat, che in passato è stata fra i pochi distributori di Linux ad aver scelto Gnome come interfaccia standard per i suoi sistemi operativi, sembra ora decisa ad appianare le differenze fra i due desktop environment e mettere d’accordo una volta per tutte i fan di entrambi i software.

La “ricetta” di Red Hat si chiama Bluecurve, un’interfaccia grafica utente (GUI) che combina diversi elementi di Gnome e KDE amalgamandoli in un nuovo look unificato per entrambi gli ambienti desktop. Questo significa che indipendentemente dal fatto che l’utente scelga di lavorare con Gnome o KDE, la nuova Red Hat 9.0 proporrà – se non altrimenti specificato – lo stesso look and feel (colori, icone, controlli, menù, toolbar, file manager) di Bluecurve.

“Non stiamo tentando di creare una terza interfaccia utente”, ha commentato Erik Troan, direttore del product marketing di Red Hat. “Semplicemente non vogliamo scontentare né gli utenti di Gnome né quelli di KDE: per far questo, abbiamo scelto di combinare le due interfacce e far contenti tutti”.

Meno contento sembra però essere Bernhard Rosenkraenzer, uno sviluppatore del KDE che ha lasciato recentemente il suo posto in Red Hat proprio in seguito alle politiche dell’azienda riguardanti KDE. Rosenkraenzer sostiene che la scelta di unificare le due interfacce grafiche non deve assolutamente compromettere l’integrità funzionale delle stesse.

“Non voglio lavorare con un KDE mutilato”, ha commentato Rosenkraenzer.

Red Hat si difende sostenendo che i cambiamenti apportati sono in larga parte di carattere estetico e che il software originale non è stato rimosso: in soldoni, gli utenti che scelgono KDE avranno ancora a disposizione tutti gli strumenti e le applicazioni che accompagnano una classica distribuzione di KDE.

L’azienda dal cappello rosso sostiene che oggi è di fondamentale importanza, per Linux, poter contare su di un look and feel omogeneo, come quelli che caratterizzano Windows e Mac OS: questo potrebbe facilitare la sua penetrazione sul mercato desktop, specie in quello aziendale.

La parola passa ora agli utenti, coloro che potranno realmente determinare il successo o il fiasco di Bluecurve.

Come tradizione, oltre alla versione “ISO” scaricabile dal sito, Red Hat 8.0 può essere acquistata su CD o DVD in edizione Personal, dal costo di 39,95$, o in versione Professional, dal costo di 149,95 dollari.

Entrambe le edizioni sono basate sul kernel 2.4.18 ed integrano una lunga sfilza di pacchetti aggiornati, fra cui Apache 2.0, Ximian Evolution 1.0.8, Gnome 2.0, KDE 3.0.3, Mozilla 1.0.1, XFree86 4.2.0 CUPS 1.1.15 e gcc 3.2.

Come la nuova Mandrake 9.0 Professional, uscita pochi giorni fa , anche Red Hat Linux 8.0 ha ottenuto la certificazione LSB 1.2 della Linux Standard Base.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    C'HAI UN CHIP
    Complimenti per la gif.... :) e' opera di Luca Schiavoni?M'ha vatto ride
    • Anonimo scrive:
      Re: C'HAI UN CHIP
      - Scritto da: divertito
      Complimenti per la gif.... :)
      e' opera di Luca Schiavoni?
      M'ha vatto ride;) opera mia come sempreme fa ride pure a mmmme ! ;)thankss!LucaS
      • Anonimo scrive:
        Re: C'HAI UN CHIP

        ;) opera mia come sempre
        me fa ride pure a mmmme ! ;)
        thankss!

        LucaSgrande ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: C'HAI UN CHIP
        - Scritto da: LucaSchiavoni
        - Scritto da: divertito

        Complimenti per la gif.... :)

        e' opera di Luca Schiavoni?

        M'ha vatto ride

        ;) opera mia come sempre
        me fa ride pure a mmmme ! ;)
        thankss!

        LucaSDavvero! sei un grande!!!!Luca Schiavoni! un nome da scrivere nei muri di tutte le città! Non scherzo, veramente! Vorrei sapere come fai a trovare tutte le volte certe idee SPETTACOLARI per non dire geniali!!!Sto ancora ridendo per ques'ultima perla che ci hai donato :-)))))))))))C'hai un cip!!! ahahahahahveramente LOL!!!!Grazie ancora e continua così che prima o poi metto su un "Luca Schiavoni fun club", giuro!!!!Ciao alla prox
  • Anonimo scrive:
    un paio di domande e di risposte...
    1) perche non viene prodotto un chip alternativoR: perche la concorrenza non serve a nessunomeglio produrre a 10 e vendere a 100 che produrre sempre a 10 e vendere a 30...poi il mercato e globale, un mercato un solo produttore basta no ????? leggi per la competizione nel mercato ????? si fa finta di compettere e si cambia qualche lettera in qualche legge cosi tutto a posto...2) dettagli technici del chipR: da quello che ho letto in giro si inspira alla vecchia e promettente archittetura alpha (e simile nel modo di concepire il chip, non sara una copia dell'alpha)3) sara un chip coperto da brevetti, ecc ?????R: visti tutti i brevetti nel mondo sara abbastanza impossibile (non dico copiare, ma ormai brevettano anche le idee su come fare una cosa quindi...vedere brevetto su link per esempio), pero credo che sara abbastanza brevetti free...4) sara un chipetto ???? (basse prestazioni)inizialmente si, ma anche intel ha cominciato dai vecchi 8088...e solo questione di tempo...5) sara commercializzata fuori cina ?????in asia probabilmente si, nel resto del mondo e abbastanza improbabile...roba del tipo tu ti fai i fatti tuoi a casa tua e io me li faccio a casa mia...si chiama spartizione del mercato tutto qua...sentitevi liberi di complettare...
    • Anonimo scrive:
      Re: un paio di domande e di risposte...

      4) sara un chipetto ???? (basse prestazioni)
      inizialmente si, ma anche intel ha
      cominciato dai vecchi 8088...e solo
      questione di tempo...E dal 8088 quanto ci ha impiegato la intel adarrivare a quelle che c'è oggi?
      • Anonimo scrive:
        Re: un paio di domande e di risposte...

        E dal 8088 quanto ci ha impiegato la intel ad
        arrivare a quelle che c'è oggi?la technologia e diversa rispetto a dieci anni fa...
        • Anonimo scrive:
          Re: un paio di domande e di risposte...
          - Scritto da:

          E dal 8088 quanto ci ha impiegato la intel ad

          arrivare a quelle che c'è oggi?
          la technologia e diversa rispetto a dieci anni
          fa...basta che riesca a far girare Vista e non c'è problema
  • Anonimo scrive:
    Cina ?
    Ma intendete proprio la cina ? quel paese che ha ristretto le possibilità di navigazione internet per i propri cittadini ? YUM ! Un paese così libertario sarà sicuramente capace di contrastere lo STRAPOTERE DEL GIGANTE CATTIVO USA !!! LOL^__^ Andate a vivere in Cina
  • Anonimo scrive:
    CPU del dragone
    E'interessante che un paese sviluppi (o tenti di farlo) tecnologia alternativa a quella yanquinoi europei...che abbiamo piu mezzi se non fossimo sudditi l'avremmo gia fatto da un pezzo ma siamo sudditi.. e quindi non vi e' un iniziativa neokenesiana di sviluppare una tecnologia laternativa magari con intervento statale,comunitario darebbe lavoro a molte persone se si mantenesse basso il prezzo potrebbe diventare un alternativa (insieme all'open source)dello stradominio usa..comunque tornando alla cina spero che il progettosi sviluppi e vada a vanti bene d'altronde...come dubitarne...come dicevano i Maoisti italianinegli anni 70 come fanno a sbagliarsi un miliardo di cinesi... :))))saluti OpenMao(versione orientale di OpenCurcio):))
    • Anonimo scrive:
      Re: CPU del dragone

      negli anni 70 come fanno a sbagliarsi un
      miliardo di cinesi... :))))ovvio, votando comunista :oP
    • Anonimo scrive:
      Re: CPU del dragone

      dello stradominio usa..intanto, chissa' che ci metteranno dentro quella cpu, già fanno censura su internet, altro che palladium.
      si sviluppi e vada a vanti bene d'altronde...
      come dubitarne...come dicevano i Maoisti
      italiani
      negli anni 70 come fanno a sbagliarsi un
      miliardo di cinesi... :))))e come dicono molti al giorno d'oggi: "mangiate merda! miliardi di mosche non possonon sbagliare!"
      • Anonimo scrive:
        Re: CPU del dragone
        - Scritto da: Vertigo

        dello stradominio usa..

        intanto, chissa' che ci metteranno dentro
        quella cpu, già fanno censura su internet,
        altro che palladium.in realta se leggessi qlc in piu di "stradominio usa" capiresti che parlavo di europae di iniziativa statale/comunitariami cito :"noi europei...che abbiamo piu mezzi se non fossimo sudditi l'avremmo gia fatto da un pezzo ma siamo sudditi.. e quindi non vi e' un iniziativa neokenesiana di sviluppare una tecnologia laternativa magari con intervento statale,comunitario darebbe lavoro a molte persone e se si mantenesse basso il prezzo potrebbe diventare un alternativa (insieme all'open source)dello stradominio usa.."


        si sviluppi e vada a vanti bene
        d'altronde...

        come dubitarne...come dicevano i Maoisti

        italiani

        negli anni 70 come fanno a sbagliarsi un

        miliardo di cinesi... :))))

        e come dicono molti al giorno d'oggi:
        "mangiate merda! miliardi di mosche non
        possonon sbagliare!"infatti esistono i fast food e i surgelati :)))OpenMao (versione orientale di OpenCurcio)PS No alla Rivoluzione Culturale, Si ai Centofiori e a Yenin
        • Anonimo scrive:
          [OT] Re: CPU del dragone


          e come dicono molti al giorno d'oggi:

          "mangiate merda! miliardi di mosche non

          possonon sbagliare!"

          infatti esistono i fast food e i surgelati :)))
          se non ti coltivi da solo le cose che mangi è difficile che non incappi nella "merda", e anche se te le coltivi da solo per farle crescere stai usando la "merda".
  • Anonimo scrive:
    il chip fatto a posta per i linari comunisti
    come da titolo
  • Anonimo scrive:
    Bene, bene, molto bene....
    Non aspettavo altro, dopo il sistema operativo nazionale, non avrete mica pensato che un miliardo e mezzo di cinesi non si facessero il loro processore? Per ora sarà anche poco performante, ma date tempo al tempo, e non si faranno problemi a pestare i piedi a quei tre babbei (win,intel e amd) e al loro Palladium, spero solo che lo venderanno anche a noi poveri sfigati europei che non siamo capaci a fare una cosa simile....Bene,bene, molto bene :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene, bene, molto bene....
      Non credo che lo potranno vendere a noi europei, perche' sicuramente il loro chip integra tecnologie che nel mondo occidentale sono protette con brevetti (in pratica copiano, bella forza).Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Bene, bene, molto bene....

        Non credo che lo potranno vendere a noi
        europei, perche' sicuramente il loro chip
        integra tecnologie che nel mondo occidentale
        sono protette con brevetti (in pratica
        copiano, bella forza).e certo le capacita mentali e l'originalita (e tutto il resto) sono caratteristiche che solo le persone nate in paesi "sviluppati" possiedono...lo sai che meta (anche piu) dei ricercatori americani (cio che da competitivita all'america) sono STRANIERI ????? e un'altro bel po sono di cittadinanza americana ma di varie etnie...i cervelli esistono ovunque, gli stati uniti fanno solo girare i soldi i cervelli li mette il resto del mondo...l'america produce solo una cosa...SOLDI...ah, anche sogni (ricordi the american dream ????)...e lasciamo stare i brevetti che fra poco brevettano anche l'alfabeto...
        • Anonimo scrive:
          Re: Bene, bene, molto bene....
          - Scritto da: blah
          e lasciamo stare i brevetti che fra poco
          brevettano anche l'alfabeto...Wow, ideona!Adesso mi collego al sito dell'Uff. Brevetti americano e chiedo il brevetto per la "codifica grafica dei fonemi":-)
  • Anonimo scrive:
    caos usa
    Leggetelo... è meglio di Nostradamus!!!Cina = 1.300.000.000 cinesi = consumatoriNon dico di averne paura ma non sottovalutiamoli, sono anche più "vecchi" di noi!
    • Anonimo scrive:
      Re: caos usa
      - Scritto da: ghost
      Leggetelo... è meglio di Nostradamus!!!

      Cina = 1.300.000.000 cinesi = consumatori

      Non dico di averne paura ma non
      sottovalutiamoli, sono anche più "vecchi" di
      noi!Coincidenza! L'ho preso a prestito proprio ieri in biblio! :)
      • Anonimo scrive:
        Re: caos usa


        Cina = 1.300.000.000 cinesi = consumatorioppure Cina = 1.300.000.000 cinesi = compagni ghghghse saltassero tutti insieme sai che terremoto ?Aiuto !!
  • Anonimo scrive:
    E l'europa?
    ma possibile che l'europa non e' in grado di finanziare lo sviluppo di un chip e di memorie? insomma c'e' riuscita un'industria privata (AMD) a dare un'alternativa ad intel e l'europa non e' in grado di avere un chip valido sul mercato e indipendente dalla produzione americana? mah
    • Anonimo scrive:
      Re: E l'europa?
      E pensare che il primo elaboratore completamente a transistor è stato prodotto da una certa Olivetti: si chiamava ELEA e correva l'anno 1959...
    • Anonimo scrive:
      Re: E l'europa?
      - Scritto da: elfabio
      ma possibile che l'europa non e' in grado di
      finanziare lo sviluppo di un chip e di
      memorie? insomma c'e' riuscita un'industria
      privata (AMD) a dare un'alternativa ad intel
      e l'europa non e' in grado di avere un chip
      valido sul mercato e indipendente dalla
      produzione americana? mahmai sentito parlare di ST Microelettronics ?non sempre i GHz servono ....se vedi la TV via satellite ...e' probabile che il tuo decocoder abbia chip ST
      • Anonimo scrive:
        Re: E l'europa?
        E i telefonini Nokia ? tutti con chip ST ! E molte motherboard hanno componentistica STM!e li fanno a CATANIA !!!!!!!!!! forza italia !!!!!!!!!! (non il partito :oP)
        • Anonimo scrive:
          Re: E l'europa?
          - Scritto da: Francis
          E i telefonini Nokia ? tutti con chip ST !
          OK, ma lo posso mettere in un computer?PS, X Elfabio: sei QUELL'Elfabio che penso?
  • Anonimo scrive:
    Chip rosso
    Finalmente!!!Tutti i no-global-antiamericani-pacifisti-comunisti-girotondini-piazziaioli-centrisociali-blackblock-castristi hanno finalmente un chip tutto loro!!!!!!!!!!!Così potranno abbandonare per sempre i prodotti del demonio capitalista americano e bearsi del loro Mao-Chip a 0.0001 Mhz (oppure il prossimo chip, il PolPot a 4 Mhz), ideale per far girare il CD-ROM con la traduzione in vietnamita (del Nord, ovviamente) dell'ultimo libro sulla vita di Che Guevara e Fidel Castro....Hasta el chip siempre!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: bravo, bravo
      pat pat
    • Anonimo scrive:
      Re: Chip rosso
      ROTFL
    • Anonimo scrive:
      Re: Chip rosso
      - Scritto da: no_communism
      Finalmente!!!
      Tutti i
      no-global-antiamericani-pacifisti-comunisti-g
      Così potranno abbandonare per sempre i
      prodotti del demonio capitalista americano e
      bearsi del loro Mao-Chip a 0.0001 Mhz
      (oppure il prossimo chip, il PolPot a 4
      Mhz), ideale per far girare il CD-ROM con la
      traduzione in vietnamita (del Nord,
      ovviamente) dell'ultimo libro sulla vita di
      Che Guevara e Fidel Castro....
      Hasta el chip siempre!!!!!!Sfotti finchè sei in tempo, quando ci sarà il dragon chip a 10 Ghz, non avrai il tempo per sfottere. :9
      • Anonimo scrive:
        Re: Chip rosso

        Sfotti finchè sei in tempo, quando ci sarà
        il dragon chip a 10 Ghz, non avrai il tempo
        per sfottere. :9con la qualita' che ha la roba fatta in cina, non riusciresti a lavorare 10 minuti senza crash.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chip rosso
          - Scritto da: Vertigo

          Sfotti finchè sei in tempo, quando ci sarà

          il dragon chip a 10 Ghz, non avrai il
          tempo

          per sfottere. :9

          con la qualita' che ha la roba fatta in
          cina, non riusciresti a lavorare 10 minuti
          senza crash.E` vero che ormai la maggior parte dell'hardware lo fanno in estremo oriente ma affidandomi al top del software occidentale io sono statoin grado di lavorare continuativamente, in alcuni casi, perfino per diverse ore.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip rosso

            E` vero che ormai la maggior parte
            dell'hardware
            lo fanno in estremo oriente ma affidandomi
            al
            top del software occidentale io sono stato
            in grado di lavorare continuativamente, in
            alcuni casi, perfino per diverse ore.si certo, perchè le produzioni orientali, eccetto giapponesi, sono migliori delle nostre occidentali.ok, continua a girare con le tata e hyundai, che noi europei intanto usiamo le volkswagen, mercedes, peugeot e, per chi puo', le porsche, ferrari, lamborghini. come vedi tutte aziende senza tecnologia...idem per l'informatica. intel, amd, motorola... confrontale con... ah, già, con chi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip rosso
            - Scritto da: Vertigo

            E` vero che ormai la maggior parte

            dell'hardware

            lo fanno in estremo oriente ma affidandomi

            al

            top del software occidentale io sono
            stato

            in grado di lavorare continuativamente,
            in

            alcuni casi, perfino per diverse ore.

            si certo, perchè le produzioni orientali,
            eccetto giapponesi, sono migliori delle
            nostre occidentali.no, non mi sono spiegato, intendevo dire che molte delle multinazionali che citihanno stabilimenti di produzione in estremo oriente.
            ok, continua a girare con le tata e hyundai,magari!comunque giro con una ford, prodotta in germania,e non mi lamento.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip rosso

            no, non mi sono spiegato,ok, scusa....
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip rosso
            Se solo avessi un pò di sale in zucca capiresti che la prossima potenza mondiale è la Cina. Qui non stiamo parlando di parteggire per una nazione o per l'altra, perciò smettila di dire cazzate perché della potenza della Cina tu e tutti noi ce ne accorgeremo presto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip rosso
            L'unica potenza della cina è che ha piu' di un miliardo di abitante, caro il mio sale in zucca, e mettiti bene in testa che se non fosse per quelle cazzo di multinazionali che hanno esportato tecnologia in quei paesi, a quest'ora non avrebbero NULLA.adesso ancora la maggior parte dei cinesi SOGNA L'AUTO, non se la puo' permettere, e la maggior parte dei cinesi viaggia in bici.Il comunismo e' una gran brutta cosa, quella gente e' stata illusa per anni di essere all'avanguardia tecnologicamente e socialmente, e adesso si ritrovano, nel 2002, a non avere nemmeno l'auto, e ad avere censura pesante su internet.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip rosso
            Vedo che non hai capito. Qui non si tratta di stabilire se la Cina è una democrazia o meno, qui stiamo dicendo che se le cose continuano di questo passo, entro al massimo 15 anni (massimo) la Cina sarà la prima potenza mondiale.Vorrei ricordarti che la Cina, che ha oltre un miliardo e trecento milioni di abitanti, ha una crescita economica quasi del dieci per cento annuo. Ti ricordo che l'Italia ha 0,6 per cento, un pò come tutti i paesi occidentali.La Cina, secondo un documento degli Stati Uniti sarà pari a questi ultimi nel 2017. Questo documento però è stato redatto quando la crescita economica degli Stati Uniti ruotava intorno al 5 per cento annuo. Qundi se la crisi attuale dovesse continuare la data del 2017 si avvicinerebbe di molto. Continua a mettere il prosciutto negli occhi e se ti fa piacere continua a sbandierare la superiorità della nostra presunta civiltà occidentale (che ha le automobili! sigh!), quando sarà il momento te ne accorgerai, stai sicuro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chip rosso
      Hai dimenticato l'mp3 dell'internazionale !!
      • Anonimo scrive:
        Re: Chip rosso
        - Scritto da: Francis
        Hai dimenticato l'mp3 dell'internazionale !!
        http://www.inventati.org/mp38qui trovi l'ogg :))))OpenIntern (versione ortodossa di OpenCurcio)
  • Anonimo scrive:
    Chip Cinese
    Il Governo Cinese già non tollera la liberacircolazione delle idee.Il loro chip saràsicuramente MOLTO peggio della peggioreincarnazione immaginabile di Palladium.
  • Anonimo scrive:
    bisogna vedere se palladium prenderà !!
    si se te lo comperi e sborsi tutti i soldi che gli altri vogliono.. no se non li comperi
  • Anonimo scrive:
    troppo poco potente...
    a chi andrebe ancora bene un 486 al giorno d'oggi?e poi, intel e amd sono chipmaker affidabili, che producono roba di qualita', il made in china invece non ce lo vedo niente bene...
    • Anonimo scrive:
      Re: troppo poco potente...
      Negli USA non la pensano come te. Sanno benissino che è vero che tra pochi anni saranno raggiunti. è una delle ragioni per cui stanno preparandosi ad una guerra (umanitaria? antiterrorismo? anti-influenza?) contro la Cina già da qualche anno, anche per non perdere la supremazia nel più grande mercato mondiale dopo il petrolio.
  • Anonimo scrive:
    Chip anti-palladium???
    Come da titolo "...chip anti palladium..."??? ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Chip anti-palladium???
      IMHO, quasi sicuramente non implementera' il sistema Palladium/TCPA anche perche' (secondo la fonte di programmazione.it) sarebbe stato progettato per Linux. :-))Questo e' il link:http://www.programmazione.it/index.php?entity=enews&idNews=4738&idArea=1Aggiungo che, al di la della politica e del resto, trovo giusto che un paese che non sia gli USA non voglia avere la possibilita' di essere vittima di alcune "features" molto preoccupanti che sarebbero presenti in Palladium/TCPA.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chip anti-palladium???
        Però, aggiungo io, lo dovrebbe fare senza studiare ed emulare tecnologie made in USA. Cosa che questo chip non fà; daltronde per arrivare al chip, gli scienziati e i tecnici dell'ist. accademico in questione, oltre a studiare gli articoli e i book delle arch. occidentali made in USA, avranno preso più di un chip made in USA e sezionato per studiarlo.Non mi sembra onesto come comportamento rispetto a chi, come gli USA, sono partiti negli anni 50 da zero.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chip anti-palladium???

          Non mi sembra onesto come comportamento
          rispetto a chi, come gli USA, sono partiti
          negli anni 50 da zero.se deve essere mips compatibile e ci deve girare linux deve essere simile a quelli occidentali, altrimenti avrebbe un`altra architettura e sarebbe una cosa di nicchia su cui girano solo programmi fatti ad hoc comunque anche AMD, Via e Transmeta hanno fatto lo stesso
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip anti-palladium???
            Va bene, ma quelle sono soc. USA (a parte VIA, la quale anche lei non è partita da 0).
        • Anonimo scrive:
          Re: Chip anti-palladium???
          Ma per piacere ! TUTTI imparano dagli studi degli altri. Il sapere non conosce gli artificiali confini degli stati (censura a parte).
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip anti-palladium???
            Il che è vero.Ma non è solo la pura conoscenza teorica in ballo; ma anche quella tecnologica.L'URSS degli anni 50 non disponeva ancora della bomba atomica, 2 studenti del gruppo di Fermi divenuti professori poi, hanno provveduto a passargli i piani della stessa, convinti che solo l'equilibrio atomico avrebbe impedito lo scoppio di una 3° guerra mondiale, con probabile vincitore USA, la quale sarebbe costata molto agli USA e alleati e soprattutto molto all'URSS che non disponeva dell'atomica in termini di vite umane.Non mi è sembrata un'azione corretta, tant'è vero che è punita dal codice penale.I chip non sono pericolosi (?) quanto l'atomica, però partire da un buon punto, senza aver speso nulla non è corretto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chip anti-palladium???

          ....avranno preso più
          di un chip made in USA e sezionato per
          studiarlo.
          Non mi sembra onesto come comportamento
          rispetto a chi, come gli USA, sono partiti
          negli anni 50 da zero.ma perchè i chimici ripartono dall'alchimia?!i matematici, fisici, ecc. sono degli autodidatti e si devono reinventare tutto?!ma perchè negli usa 50 anni fa nn avranno riusato le spiate provenienti dalla germania nazista o dall'unione sovietica di stalin?!francamente nn vedo cosa ci sia di così improponibile... capisco il valore della propietà intellettuale ma il sapere dovrebbe essere alla portata di tutti... secondo il tuo discorso invece dovrebbe esistere un monopolio (o oligopolio) degli USA per quanto riguarda la progettazione dei chip.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip anti-palladium???
            Potrebbe la Cina partire da 0, come gli USA degli anni 50, a crearsi il suo chip.Certo non potrebbe avere nel 2003/04 un chip a livello del PIII, ma impiegherebbe più tempo, diciamo lo avrebbe nel 2008 circa, ma sarebbe cmq frutto per intero dei suoi soli sforzi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chip anti-palladium???
          - Scritto da: BSD_like
          Però, aggiungo io, lo dovrebbe fare senza
          studiare ed emulare tecnologie made in USA.[cut]
          Non mi sembra onesto come comportamento
          rispetto a chi, come gli USA, sono partiti
          negli anni 50 da zero.Non e` vero!! Gli americani in realta` non si sono fatti scrupoli nel servirsi dei principi costati tanta fatica al poveroGeorge Boole.Solo gli Inglesi hanno il sacro diritto di costruire processori!
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip anti-palladium???
            Bè, un limite c'è.La conoscenza teorica è un bene di tutti!Altrimenti gli unici a poter disporre della scienza nel suo complesso dovrebbero essere i popoli di cultura europea/occidentale, visto che la scienza è nata in Europa (Galileo e Newton sono nati e morti in Europa).Ma la tecnologia applicata costa soldi, e nel caso dei chip, i primi a farlo sono stati gli USA.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip anti-palladium???
            - Scritto da: BSD_like
            Bè, un limite c'è.
            La conoscenza teorica è un bene di tutti!
            Altrimenti gli unici a poter disporre della
            scienza nel suo complesso dovrebbero essere
            i popoli di cultura europea/occidentale,
            visto che la scienza è nata in Europa
            (Galileo e Newton sono nati e morti in
            Europa).Frena, frena... a noi "civili occidentali" i numeri li hanno insegnati gli Arabi, o saremmo ancoraqui a parlare di MMCCLLVI (Non so se abbia senso,ho premuto a caso alcune lettere che so appartenere a quella notazione); e senza notazione posizionale e, soprattutto, senza il concetto di "ZERO", Galileo e compagnia cantante avrebbero fatto ildoppio della fatica.La polvere pirica è arrivata dalla Cina, con tuttigli usi che ne conseguono.La cultura si diffonde in tutto il mondo e NON haun luogo d'origine (forse l'Africa, per ovvii motivi).
            Ma la tecnologia applicata costa soldi, e
            nel caso dei chip, i primi a farlo sono
            stati gli USA.Non vuol dire che debbano essere gli unici... poverino Ford che ha fatto tutta sta fatica a inventare la catena di montaggio e tutta sta gente che si mette a costruire automobili... come vedi basta estendere il ragionamento per smontarlo.BTW, allora noi in Italia dovremmo avere il monopolio dell'energia nucleare, visto che Fermi e Majorana non mi sembra fossero nativi di Boston.Saluti. Ryo Takatsuki
          • Anonimo scrive:
            Re: Chip anti-palladium???
            La scienza come metodo, come cultura, è nata in Europa con Galileo ("La teoria deve confermare l'esperimento").Ciò che porti sono solo esperienze empiriche, non tecnologie nate con metodo scientifico.Gli Arabi non hanno introdotto i numeri, solo una loro notazione più comoda e su base decimale; la grande innovazione che hanno introdotto è lo 0.Ma la matematica nasce ben prima e forma i suoi postulati nell'antica Grecia.Quello che è in discussione, morale, non è la possibilità della Cina di creare chip perchè non sono stati i primi a farlo: ma di farlo basandosi su conoscenze tecnologiche applicate made in USA, non partendo dallo 0 zero attuale nel campo. E cioè dalle sole conopscenze teoriche maturate nel periodo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chip anti-palladium???
      conoscendo i comunisti non credo proprio
  • Anonimo scrive:
    Se sarà un'alternativa a Palladium, ben venga!
    Senza colori politici, sosteniamo le alternative!
    • Anonimo scrive:
      Re: Se sarà un'alternativa a Palladium, ben venga!
      Vedo che abbiamo avuto la stessa idea, d'accordo al 1000% di sostenere le alternative senza colori politici. :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Se sarà un'alternativa a Palladium, ben venga!
      - Scritto da: slackb0y
      Senza colori politici, sosteniamo le
      alternative!Si, si come no!Vai Te in Cina in piazza Tien An Men a sostenerele alternative...Ti conviene fare un biglietto di sola andatasenti 'a mie'!
      • Anonimo scrive:
        Re: Se sarà un'alternativa a Palladium, ben venga!
        Non mi pare che qualcuno abbia sostenuto che i Cinesi siano i migliori del mondo o che abbiano la politica migliore del mondo. Si sta parlando solamente di informatica.
        • Anonimo scrive:
          Re: Se sarà un'alternativa a Palladium, ben venga!
          di fatto è vero che la cina sarà sempre di più il più vasto mercato mondiale..quindi agiscono in puro capitalistic style...e non credo faranno i calcoli per vendere un chippetto solo all'interno..( è la globalisasiun baby) mi pare che non si riesca ben a figurarsi cosa vuol dire più di un miliardo di persone in un mercato bloccato...(mica per niente le dittature piacciono agli industriali) mi si consenta infine(come a quel personaggio che piace a certuni che qui scrivono) di rispondere ad una sbroffata decisamente fuori thread: pur condannando l'episodio di tien an men in toto non ero presente ma a genova si, e preso mazzate mica male anche lì...(pure una suora che avevo di fianco..sarà il fascino della divisa?)
Chiudi i commenti