RIAA: e ora addosso alle web-radio

I discografici, forti di una decisione dell'ufficio per il copyright americano, si rivolgono ora alle radio online che diffondono musica sulla Rete. Dovranno tutte pagare royalties


Los Angeles (USA) – E ora è la volta delle web-radio, le emittenti via Internet che diffondono musica ed altri contenuti radiofonici sulla Rete. La RIAA, l’associazione dei discografici americani che sta da tempo perseguendo il sistema di scambio-file Napster, intende imporre a tutte le web-radio il pagamento di royalties per la musica da loro trasmessa.

L’associazione nella sua nuova crociata può contare sull’appoggio dell’Ufficio americano del copyright che lo scorso venerdì ha emesso un parere formale secondo cui le emittenti web non sono esenti dal pagamento dei diritti d’autore quando trasmettono musica via Internet.

Altri preziosi alleati per la RIAA in questa battaglia sono le net-companies che aspettano di poter far decollare i propri business su Internet non appena cesserà la distribuzione o lo scambio di musica online che oggi avviene in modo perlopiù illegale o incontrollato. Si tratta delle imprese della DiMA (Digital Media Association), organizzazione a cui appartiene anche Amazon.

Che la decisione dell’Ufficio del copyright sia decisiva lo ha ammesso la presidentessa della RIAA, Hilary Rosen, che si è detta “gratificata” dal fatto che la posizione assunta sia coincidente con quella dei discografici, sostenendo che si tratta di “un problema di legge e di sensibilità. Si tratta di diritti importanti per gli artisti e per i produttori. Non vediamo l’ora di lavorare assieme alle emittenti per consentire una trasformazione soft di questo mercato”.

Per le radio online, che speravano in una decisione opposta che escludesse le royalty quando la musica viene trasmessa via Internet, ora si apre una fase in cui molte potrebbero essere costrette a chiudere. Le “tariffe” da versare alla RIAA saranno decise nel corso di quest’anno e non è ancora chiaro quanto potranno impattare sul budget delle singole webradio.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Un link? eccotelo!
    un po tardi, ma ..Un "forum" da me molto apprezzato è su bianca, qui sotto trovi il link.mi raccomando, solo per maggiorenni. http://bbs.bianca.com/mforums/p/powerslavehttp://bbs.bianca.com/mforums/e/eciao!
  • Anonimo scrive:
    ma ndo stanno sti gruppi erotici?
    mandate link please
    • Anonimo scrive:
      Re: ma ndo stanno sti gruppi erotici?
      - Scritto da: gnam gnam
      mandate link pleaseLink ?Non riesci ad arrivare ai contenuti hard di un portale come yahoo ??Scherzi ovviamente! :-))
      • Anonimo scrive:
        Re: ma ndo stanno sti gruppi erotici?

        portale? yahoo? dove'?? mi dai il link??? Cerca su Altavista!
        • Anonimo scrive:
          Re: ma ndo stanno sti gruppi erotici?
          - Scritto da: vector



          portale? yahoo? dove'?? mi dai il link???


          Cerca su Altavista!Altavista e che cos'è?e poi link, ma che parole utilizzate?;-))
        • Anonimo scrive:
          Re: ma ndo stanno sti gruppi erotici?
          - Scritto da: vector



          portale? yahoo? dove'?? mi dai il link???


          Cerca su Altavista!Allora organizzati il pomeriggio, e rimanda gli impegni.ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: ma ndo stanno sti gruppi erotici?
          li trovavi su clubs.yahoo.com e groups.yahoo.qui potevi creareuna Ml su qualsiasi argomento, dove altri utenti potevanotrasmettere le lo pic, text ecc sull'argomento, yahooha eliminato la categoria adult
Chiudi i commenti