RIAA, numeri stonati

Il modello di business dell'organizzazione delle etichette discografiche statunitensi? I numeri parlano di un fallimento dalle dimensioni imbarazzanti. Nel mentre le major continuano a sottopagare gli artisti

Roma – Quello che emerge dai numeri recentemente pubblicati sull’attività legale di RIAA ha il sapore della beffa: in un arco temporale della durata di tre anni, l’organizzazione di rappresentanza delle etichette discografiche è stata lesta nel corrispondere parcelle legali ai suoi avvocati ma ne ha ricavato pochi spiccioli. La fortuna non sorride a RIAA, e altrettanto sfortunati sono gli artisti a cui viene corrisposta – dicono ancora i numeri – una frazione infinitesimale del “bottino” commerciale incassato dalle major.

Si parla naturalmente della famigerata campagna di contrasto giudiziario al file sharing, un’iniziativa in cui RIAA si è imbarcata per anni prima di abbandonare l’idea delle denunce di singoli condivisori e passare direttamente alla cassa dei provider Internet. Molti sono stati gli studi legali coinvolti dalle major nella campagna anti-P2P, e molto buoni si sono rivelati essere i guadagni corrispondenti.

Tra il 2006 e il 2008, RIAA ha speso qualcosa come 64 milioni di dollari per foraggiare l’anti-pirateria di massa che avrebbe dovuto bloccare la proliferazione incontrollata del file sharing e la perdita del controllo sui contenuti da parte dell’industria discografica. Quanto ha incassato RIAA in raffronto ai 64 milioni di spesa? Circa 1,3 milioni di dollari , vale a dire il 2% della cifra investita in avvocati e “operazioni investigative” sul genere di quelle condotte dalla defunta MediaSentry .

Non solo RIAA non ha sconfitto il file sharing come fenomeno di massa e la pirateria dei contenuti a esso connessa, dicono i numeri, ma avrebbe anche fallito clamorosamente l’ azzardata scommessa di riuscire a recuperare introiti da quella gran massa di file musicali scambiati quotidianamente a miliardi sulle più popolari reti di condivisione (BitTorrent, eMule, DC, WinMX e via elencando).

Una rappresentazione “a torta” messa insieme da The Root serve poi da prezioso promemoria su come vanno realmente le cose nel mondo apparentemente dorato del business musicale internazionale. Le major incassano la stragrande maggioranza dei ricavi provenienti dalle vendite – su supporto fisico o digitali – mentre agli artisti e i professionisti (produttori, legali e manager assortiti) resta da spartirsi il 13%. Nessuna sorpresa che tali condizioni portino alla lunga al fallimento – sistematico e voluto – degli artisti che RIAA così veementemente dice di voler difendere con le sue azioni legali anti-P2P.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • snizzo scrive:
    secondo me...
    era là per conto di ReactOS.Un giorno conquisterà il mondo! u.u
  • Lybra1983 scrive:
    Una spia?
    Che si fa sgamare dalla pagina di facebook?Dio santo ma andate a zappare la terra!!!
    • ninjaverde scrive:
      Re: Una spia?
      - Scritto da: Lybra1983
      Che si fa sgamare dalla pagina di facebook?
      Dio santo ma andate a zappare la terra!!!(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Irina scrive:
    mamma mia li russi!
    Cacciate tutti russi via in romania russi cattivi uccide picchia ruba. noi venire italia fare stesso ma non volere russi noi.
  • Formalmente Errato scrive:
    Secondo me Steeve Jobs
    è una spia russa... anche Wozniac lo era ma lui si è pentito e ha deciso di abbandonare la mela per farla fallire ma purtroppo negli anni la cosa è riuscita a rianimarsi da sola.
    • Steve Jobs scrive:
      Re: Secondo me Steeve Jobs
      Cosa te dire miseria XXXXX! Non vero essere assolutamente!иди (пошёл) в пизду
  • panda rossa scrive:
    nove mesi di test e nessuna info?
    E noi ce la beviamo tutta che un addetto ai test per nove mesi, che sta li' apposta per spiare e raccogliere informazioni, non ha raccolto nulla di significativo.A me e' sucXXXXX piu' di una volta, lavorando presso clienti, di acquisire inconsapevolmente, fior di informazioni riservate, dopo poche settimane che stavo presso di loro, figuriamoci una spia in 9 mesi!Solo che noi abbiamo l'anello al naso e se ci dicono che niente e' caduto in mano alla spia, ce la beviamo di gusto!
    • Maestro Miyagi scrive:
      Re: nove mesi di test e nessuna info?
      Tra un po' verrà fuori che MS stessa è al soldo dei post-sovietici ... (del resto un esemplare tutto da studiare resta il buon vecchio "compagno" Ballmerosky).Non mi stupisco, data la "grande" qualità dei loro prodotti colabrodo e attaccati da tutti, che siano pieni di infiltrati dell'impero del male :-PPPPPP;-) ROTFLP.S. che disastro questi emuli da KGB, una volta erano più seri ...
      • KaysiX scrive:
        Re: nove mesi di test e nessuna info?
        Se continuano così, la prossima segnalazione riguarderà un certo Barackij Obamov, infiltrato un po' più su di MS... :|
    • collione scrive:
      Re: nove mesi di test e nessuna info?
      ma infatti è una balla colossaleil tipo ha rubato talmente tanti segreti che ms ha deciso di dare direttamente i sorgenti al kgb :D
    • jex scrive:
      Re: nove mesi di test e nessuna info?
      - Scritto da: panda rossa
      E noi ce la beviamo tutta che un addetto ai test
      per nove mesi, che sta li' apposta per spiare e
      raccogliere informazioni, non ha raccolto nulla
      di
      significativo.

      A me e' sucXXXXX piu' di una volta, lavorando
      presso clienti, di acquisire inconsapevolmente,
      fior di informazioni riservate, dopo poche
      settimane che stavo presso di loro, figuriamoci
      una spia in 9
      mesi!

      Solo che noi abbiamo l'anello al naso e se ci
      dicono che niente e' caduto in mano alla spia, ce
      la beviamo di
      gusto!Lo dici tu!Dopo 9 mesi di test e informazioni, in Russia hanno deciso di comprarsi Mandriva, piuttosto che continuare ad usare Winshit...
      • lol scrive:
        Re: nove mesi di test e nessuna info?

        Lo dici tu!
        Dopo 9 mesi di test e informazioni, in Russia
        hanno deciso di comprarsi Mandriva, piuttosto che
        continuare ad usare
        Winshit...beh non ci voleva una spia gli potevo consigliare anche una distro migliore :D
    • ninjaverde scrive:
      Re: nove mesi di test e nessuna info?

      Solo che noi abbiamo l'anello al naso e se ci
      dicono che niente e' caduto in mano alla spia, ce
      la beviamo di
      gusto!La spia se la sono fatta da soli....(rotfl)
  • ullala scrive:
    come mai ?
    questa notizia mi fa venire in mente la mozzarella?http://www.cimanet.it/bufale/files/page22_1.jpg
  • sentinel scrive:
    visti i risultati dei test...
    ...L'avrei fatto continuare a lavorare per la microzozz... ;-)
Chiudi i commenti