Riconoscimenti per l'anonimato online

di Adele Chiodi - Per la prima volta in Europa un organismo sovranazionale inserisce tra i principi ispiratori che gli stati europei dovrebbero seguire nell'era digitale anche il diritto all'anonimato. Novità importanti anche per gli ISP


Roma – Tra tutte le eclatanti e davvero poco scontate novità della Dichiarazione adottata in questi giorni dal Consiglio dei ministri europei a sorprendere piacevolmente più di tutto è l’ultimo principio della Dichiarazione stessa: quello riferito al diritto all’anonimato.

Si afferma infatti che “al fine di assicurare la protezione contro strumenti di sorveglianza online e difendere l’espressione libera di informazioni e idee, gli stati membri si impegnano a rispettare la volontà degli utenti internet di non rivelare la propria identità”.

Questa dichiarazione naturalmente non è destinata a proteggere chi commette illeciti online ma dovrebbe rendere più facile la libera circolazione delle informazioni, uno degli elementi centrali della cosiddetta “rivoluzione digitale”. Ed uno degli elementi più frequentemente trascurati in nome della sicurezza, del copyright o di altre ragioni che si ritengono “più importanti”.

Ma la Dichiarazione, che per il momento altro non è che un’affermazione di principio, è rilevante anche per altri elementi che contiene, primo tra tutti quello sulla responsabilità dei provider per le comunicazioni elettroniche trasportate sulle proprie reti.

Uno degli aspetti più controversi dell’approccio alla legalità in rete è da sempre quello legato alla possibilità che chi fornisce le infrastrutture di rete possa essere ritenuto responsabile per i contenuti che su quelle reti circolano. Sebbene il buon senso suggerisca che questa responsabilità vada ascritta esclusivamente a chi quei contenuti produce, non sono state rare le occasioni, anche sul piano normativo, in cui la “irresponsabilità” del provider è stata messa in discussione.

La Dichiarazione ora afferma con chiarezza che gli ISP non devono essere considerati responsabili per i dati che transitano sulla loro rete e che, nel caso in cui ospitino un sito web, possano essere considerati responsabili solo qualora siano consapevoli che quel sito è illegale e non abbiano provveduto a rimuoverlo.

Anche qui, naturalmente, si parla di principi perché, come sottolineavano ieri quelli di EDRI-gram , non si sono raggiunti accordi infraeuropei per gestire i casi di violazioni in un modo coerente di nei diversi paesi. E in loro assenza c’è sempre il rischio che un provider si senta Sceriffo o agisca come tale solo per paura di mettersi nei guai. A scapito, evidentemente, della libertà di espressione su web.

La “Dichiarazione sulla libertà di informazione su internet” è disponibile qui . È breve e vale la pena leggerla.

Adele Chiodi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    CONTRO LO SPAM? E SEMPLICE!!!
    Gentili Colleghi di sventura, io uso Linux, Domino.... ci sono diversi mezzi:spamassassin, script vari... basta inserire l'indirizzo in una "Black List"... non solo solo l'indirizzo? Allora inseriamo pure tutto il dominio !!!Manipolare gli indirizzi (anche se fosse una prerogativa solo dei responsabili C.E.D. o Amministratori di Sitema) NON E' IMPOSSIBILE !!! (ci vuole solo lavoro).NB: a volte capita che un solo indirizzo possa portare decine e decine di E-Mail al giorno (io ho avuto una media tra 50-80 al giorno). Chiedete al Vostro Sistemista o Provider di cambiare indirizzi, alias, ecc... Comunicate ai Vostri interessati la modifica... avete mai cambiato numero di telefono? Certo! Un pò più difficile per chi è intestatario di un dominio (come me, sigh!) ... il vostro indirizzo di postmaster, webmaster, hostmaster è alla mercè di tutti... in questo caso consiglio di configurare i propri server affinchè utilizzino tutti i mezzi antispam che il sistema possa impiegare (spamcop, dsbl, ecc.).mandatemi pure uno SPAM ! scrive: fmr16@netground.comPS: ricordate che gli interlocutori devono essere conosciuti !!!(che differenza tra la vita reale e quella cyber?)
  • Anonimo scrive:
    Re: SpamCop.net e Despammed.com?
    l'importante e' che non nascano servizi che bannino le "email" usate dagli spammer, che nella maggior parte dei casi sono del tutto vere esistenti e soprattutto di ignari utenti. Gli organismi antispam buoni infatti si impegnano a sensibilizzare gli utenti colpiti da spam nel segnalare non l'indirizzo email del mittente di spam, bensi' l'IP da cui e' stato generato il messaggio. E' inoltre veramente improbabile bannare un singolo IP, dato che molti IP utilizzati sono puramente dinamici. La soluzione e' che chi detiene gli IP prenda provvedimenti con chi ha utilizzato effetticamente quel dato IP in quel dato momento. Un esempio: se "tizio" possiede un account free su "pallinonet" e viene utilizzato il suo account per inviare spam perche' ha inserito una password troppo facile, e' necessario che la segnalazione di quell'IP che arriva ad abuse@pallinonet venga utilizzata a dovere. In quel caso va contattato l'utente "vero" di quell'account direttamente e nel caso cambiato o sospeso il servizio. Diverso caso e di piu' ampia diffusione e' il fenomeno degli "open relay" che permettono di inviare email a profusione mascherandosi per chiunque si voglia. Anche in questo caso viene comunque evidenziato l'IP di partenza del messaggio e percio' segnalabile sempre tramite il servizio "abuse". Il problema pero' forse si pone con gli "open relay" consenzienti, ossia server dislocati chissaddove che, probabilmente dietro favori o addirittura soldi, lasciano la possibilita' a terzi di poter spedire email a profusione. La dislocazione di tali server (magari in qualche isola strana o in qualche locazione non raggiungibile facilmente) e' essenziale affinche' possano continuare indisturbati. Soluzioni? Poche, solo la possibilita' che i fornitori di accesso si attivino per far cessare questi indebiti e sconsiderati invii di massa.
  • Anonimo scrive:
    Re: AHRG.. NON CE LA FACCIO PIU' - Proposta
    Purtroppo ogni volta che si parla di spam viene si sente sempre parlare di tracciare le mail ed individuare chi le ha spedite, per punirlo e perseguirlo. Secondo la mia modesta opinione non è il modo giusto di vedere la cosa: chi ha materialmente spedito la mail potrebbe anche non essere responsabile, in tutto o in parte, del danno arrecato.Se invece si perseguisse non chi spedisce, ma chi commissiona le mail, il fenomeno si ridurrebbe drasticamente. Si, perchè uno non si sveglia alla mattina e spedisce qualche milione di mail, c'è sempre dietro una ditta, che vende qualcosa, che le commissiona a qualcuno, che magari per mestiere manda e-mail, senza curarsi del contenuto. Chi è questa ditta, e cosa vende, si fa in fretta a scoprirlo: è scritto nella mail, altrimenti che pubblicità sarebbe se non ti mettesse in grado di trovare il fornitore ?Se si impedisse AI FORNITORI di usare lo spam, definendo tale l'invio MASSIVO di pubblicità del proprio prodotto a utenti CHE NON HANNO SOTTOSCRITTO E APPROVATO una qualche clausola con la società stessa (opt-in), il fenomeno si ridurrebbe tantissimo... rimarrebbero solo qualche irriducibile che fonda la sua società su una piattaforma petrolifera, penalmente imperseguibile...Lasciamo alla magistratura il compito di DIMOSTRARE che l'azione è stata svolta proprio dal fornitore oggetto della pubblicità stessa, in modo da evitare spam doloso ai danni di terzi, e il gioco è fatto...Secondo me è l'uovo di colombo... una cosa come le rotonde stradali: non ci vuole un ingeniere per capire che migliorano la circolazione, eppure siamo andati avanti 50 anni a fare dei semafori agli incroci....
  • Anonimo scrive:
    Re: !!! Virus W32/Bugbear.b@MM
    asd.... ha fatto disastri sto nuovo BB...un altro postmaster :(
  • Anonimo scrive:
    Re: Senza contare i virus....
    Siete fortunati io sono arrivato a 60/80 al giorno è l'indirizzo è qello della mia azienda!
  • Anonimo scrive:
    Re: Senza contare i virus....
    A me, solo su hotmail, oggi 21... :(Per non parlare di Libero e InWind... :(Stranamente su virgilio nemmeno una... in tanto tempo di abbonamento ADSL... nulla... strano, eh ? ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: antispam: puliscono prima o dopo

    Se leggi l'articolo di pcworld di questo
    mese,hanno analizzato vari programmi
    antispam,e alcuni hanno anche il 30-40% di
    email eliminate che NON erano spam!
    Bisogna settarli bene con le whitelist e
    blacklist.Io uso spamassassin (free, per linux) e ho avuto un solo falso positivo (un msg che non era spam) in dieci mesi a fronte di circa 10 veri positivi *al giorno*. Non ho utilizzato configurazioni particolari, lasciato tutto settato come da default.
  • magobone scrive:
    Re: antispam: puliscono prima o dopo
    Una soluzione validissima è www.n-dream.comGratuito, e funziona molto bene. Basta perderci un pochino di tempo ma non si perdono mai mail importanti perchè ti dice sempre cosa ha cancellato e ti permette di recuperarle...dateci un'occhiata, io lo uso da un paio di mesi, e direi che circa il 90% delle email di spam me le cancella, sono passato da 80 al giorno a circa 5/6 di adesso
  • Anonimo scrive:
    Re: Non per rompere i cosiddetti...

    Quindi e' possibile per i provider bloccare
    lo spam. Quello che mi rompe e' che questo
    viene fatto solo per gli utenti paganti
    evidentemente.Vero. Ho TIN a pagamento, cassella da anni iperpubblica ma spam bloccato al 90% direttamente da TIN (immagino blacklist o simili)
  • Anonimo scrive:
    Registratevi il vostro dominio!
    Ci sono fior fiore di servizi gratuiti che vi tengono la mail conservata finchè il VOSTRO mail server non passa a scaricarla.A quel punto il VOSTRO mail server ve lo configurate come vi pare!18 euro / anno circa per il dominio e vi slegate da qualsiasi provider senza contare che potete attivare tutte le caselle che volete grandi quanto volete.Se poi avete anche ADSL o comunque contratti always-on e un PC sempre acceso il mailserver ve lo tenete in casa come il sottoscritto che è ancora meglio.Attualmente il mio mail server risponde che l'utente (io) non esiste a certi mittenti configurati come spammer (sia per indirizzo IP che per email del mittente) ...Lo facessero almeno tutti quelli che sanno 4 cose in più della media IMHO lo spam ne risulterebbe gravemente colpito.
  • Anonimo scrive:
    Re: spamassassin
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    ma dove lo trovo per Windowsx XP?
    (apple)



    non e` un software per i client ma per i

    server per cui

    dovresti chiederlo al tuo provider.



    ciao.

    Ma cosa dici ?
    Il mio spamassassin gira tranquillamente sul
    mio desktop...:)
    Comunque, per qualcosa di usabile su win32
    guarda sul sito di spamassassin, ci sono
    indicate alcune alternative, sia commerciali
    che open, alcune basate priprio su
    spamassassin.cosi devi scaricarti anche lo spam, se il provider hala possibilita` di marcarti i msg con un header del tipo SA(X-Spam-Flag: Yes) potresti con i filtri sul server mettere le poste in una cartella spam e consultarla di tanto in tanto via imap no?ciao.
  • Anonimo scrive:
    SpamCop.net e Despammed.com?
    Salve,ultimamente sto utilizzando il servizio gratuito di SpamCop.net per segnalare le emails di spam che ricevo ai contatti abuse dei vari providers.Voi dite che ne vale la pena?I spammers saranno bloccati?Inoltre, volevo chiedervi se qualcuno ha utilizzato il servizio gratuito di mailbox di Despammed.com: a quanto pare dovrebbero bloccare quasi tutte le emails di spam.Avete qualche esperienza a proposito?Grazie.
  • Anonimo scrive:
    Re: spamassassin
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    ma dove lo trovo per Windowsx XP? (apple)

    non e` un software per i client ma per i
    server per cui
    dovresti chiederlo al tuo provider.

    ciao.Ma cosa dici ?Il mio spamassassin gira tranquillamente sul mio desktop...Certo dipende dal SO che è installato sul desktop.....Comunque, per qualcosa di usabile su win32 guarda sul sito di spamassassin, ci sono indicate alcune alternative, sia commerciali che open, alcune basate priprio su spamassassin.
  • Anonimo scrive:
    Re: antispam: puliscono prima o dopo

    Lo spam è una rottura di balle perchè devo
    scaricare le mail indesiderate. Ok, usiamo
    un antispam. La domanda è: puliscono la
    casella PRIMA di scaricare oppure lo fanno
    dopo? Cioè devo comunque perdere del tempo
    per filtrare?
    L'antispam COMODO è quello che filtra la
    casella SUL SERVER, non quello che filtra in
    ricezioneI client di posta seri ti permettono di visualizzare i messaggi sul server ed eventualmente cancellarli senza scaricarli. Purtroppo il client piu' diffuso sul pianeta non offre questa possibilita'...
  • Anonimo scrive:
    UNA SOLUZIONE...
    sarebbe *semplice* (...) certificare l' identità dei possessori di email.. andrebbe contro il diritto di anonimato, contro il diritto di qua, contro il diritto di la.. ma potrebbe essere una cosa facoltaviva.. da rinnovare ogni TOT mesi.. se io potessi, farei di sicuro una registrazione totale dei miei dati personali per ottenere lo status di *trusted email* dei miei indirizzi di posta elettronica.. ora sembra una pazzata, e di sicuro un impossibile lavoro mastodontico, ma lo spam sta diventando una sofferenza insostenibile.. sta rovinando il concetto di email.. era bello un tempo poter pubblicare la propria email di qua e di la e ricevere consigli, insulti, quesiti.. non ENLARGE YOUR PENIS! :| fatta, adesso telefono al parlamento europeo, mi faccio mandare 10,000,000 di euro, butto su un server e sistemo io il problema! LOL-sigh- che doloremeK
  • Anonimo scrive:
    Re: Non per rompere i cosiddetti...
    - Scritto da: Anonimo
    ... col solito discorso del cavolo un
    pochino trolloso, ma com'è che sul mio
    indirizzo yahoo lo spam è il 30% e su quello
    hotmail il 98%?????Ne ho attivato uno di recente per poter utilizzare il MSN Messenger con Trillian.Ho disabilitato tutte le sottoscrizioni che propone, non ho compilato alcun profilo personale.Boh, non arriva nulla per fortuna :)
  • Anonimo scrive:
    Re: spamassassin
    - Scritto da: Anonimo
    ma dove lo trovo per Windowsx XP? (apple)non e` un software per i client ma per i server per cuidovresti chiederlo al tuo provider. ciao.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non per rompere i cosiddetti...
    Io ho due caselle su tiscali e di SPAM non me ne è mai arrivato. Con hotmail è diverso, un po' perchè ho dato l'indirizzo in giro.
  • SiN scrive:
    Re: antispam: puliscono prima o dopo
    - Scritto da: Anonimo
    L'antispam COMODO è quello che filtra la
    casella SUL SERVER, non quello che filtra in
    ricezioneInfatti, direi che se lo fa DOPO rasenta l'inutilità
  • Anonimo scrive:
    Re: antispam: puliscono prima o dopo
    Puliscono tutti DOPO la ricezione, per forza di cose.Non essendo precisi al 100%,potrebbero eliminarti qualche mail di fondamentale importanza per te, quindi è rischiosissimo far si che ti cancellino file alla cieca.Se leggi l'articolo di pcworld di questo mese,hanno analizzato vari programmi antispam,e alcuni hanno anche il 30-40% di email eliminate che NON erano spam!Bisogna settarli bene con le whitelist e blacklist.Forse,dopo averli settati per qualche settimana , si potrebbe quasi quasi rischiare di metterli in automatico a monte del server.Cmq il problema dello spam che intasa i mailserver rimane.ByezLuck
  • Anonimo scrive:
    antispam: puliscono prima o dopo
    Lo spam è una rottura di balle perchè devo scaricare le mail indesiderate. Ok, usiamo un antispam. La domanda è: puliscono la casella PRIMA di scaricare oppure lo fanno dopo? Cioè devo comunque perdere del tempo per filtrare?L'antispam COMODO è quello che filtra la casella SUL SERVER, non quello che filtra in ricezione
  • Anonimo scrive:
    Spamnet di cloudmark
    non mi stancherò mai di dirlo, www.cloudmark.comora non è più gratis, con un piccolo abbonamento vi garantite il 100% della "protezione" da spam americano e una buona protezione sul resto
  • Anonimo scrive:
    Voglio le taglie
    Se mi pagate un tanto al chilo do' la caccia agli spamer
  • Anonimo scrive:
    AHRG.. NON CE LA FACCIO PIU' - Proposta
    Mail porno tutti i giorni... due tre quattro.. ogni giorno...tempo fa, avendo tempo mi sono messo in caccia e ho scoperto una cosa intessante. Andando a vedere tutti i siti che mi si proponevano ho scoperto che i domini (alla fine delle catene di redir...) erano *tutti* intestati alla stessa società.. che offriva anche corsi di formazione per i clienti in housing.. (corsi di spamming?). Ho mandato una mail eloquente al loro indirizzo info@... e dopo alcuni giorni.. misteriosamente non ho più ricevuto nulla. Adesso vorrei tentare la stessa cosa ma.. il proxy.. il tempo... i dialer maledetti... Cosa ne pensate di fare qualcosa di concreto? Mettiamoci insieme in caccia e con i DB del NIC alla mano proviamo a pizzicarne qualcuno...
  • Anonimo scrive:
    Senza contare i virus....
    Me ne arrivano almeno 5 al giorno
  • Anonimo scrive:
    Re: Non per rompere i cosiddetti...
    - Scritto da: Anonimo
    io non ho mai e dico MAI usato una casella
    di tin.it... è sempre piena di spam!
    mistero della fede....Io ho l'ADSL con tin. Nonostante abbia impunemente utilizzato il mio indirizzo tin.it un po' ovunque (newsgroup compresi), non ho mai (MAI) ricevuto alcunche' di SPAM. Quindi e' possibile per i provider bloccare lo spam. Quello che mi rompe e' che questo viene fatto solo per gli utenti paganti evidentemente.M.
  • Anonimo scrive:
    Re: spamassassin
    - Scritto da: Anonimo
    Il mio topic non era questo: negli ultimi
    anni i prezzi/GB dei dischi fissi sono
    crollati e parallelamente si sono sviluppate
    macchine più veloci ed anche le tecnologie
    di connessione hanno avuto una certa
    evoluzione, tutti questi fattori sia a
    livello di dorsali, server ecc... (quindi di
    offerta) che di utenti finali (quindi di
    domanda.
    Però le offerte di servizio non sono
    aumentate di conseguenza... la banda viene
    occupata dal transito di mail inutili di
    spamming, lo stesso dicasi per i dischi dei
    mailserver e per il tempo processore, è
    chiaro che ogni byte che viene inviato,
    elaborato ed archiviato ha un costo, e il
    rapporto tra byte utili ed inutili è molto
    peggiorato, quindi il costo non è diminuito
    come avrebbe dovuto e potuto, grazie anche
    allo spamming.
    Grazie anche a legioni di utonti che inviano
    BMP da mega anzichè jpg da qualche decina di
    k et similia, cmq quello che mi rode di più
    è lo spamming!mmm... non sono ancora arrivato al punto con il mio ultimo post... sarà l'età...cosa c'entra questo con spamassassin?c'entra che è inutile proteggere gli ultimi anelli della catena del transito delle mail evitando di scaricarsi dal mailserver mail di spamming, o nel migliore dei casi con filtri in entrata respingerle a livello di casella di posta...prima di quei passi, i byte inutili hanno viaggiato per un bel po di nodi di rete, occupando risorse e di conseguenza alzando i costi per la comunità, anche le spamlist non bloccano il transito delle mail identificate come spamming alla partenza lasciandogli la possibilità di fare qualche rimbalzo in rete... IMHO bisogna intervenire con leggi che colpiscano con dure sanzioni (es chiedere almeno che corrispondano una cifra proporzionata alle risorse che si stima abbiano fatto sprecare alla rete) e scoraggino il fenomeno dello spamming alla radice, tanto commercialmente nessuna azienda seria prende in considerazione le offerte che riceve in quel modo, e privatamente la maggior parte dei cittadini le cestina immediatamente.Dovrebbe passare il principio che il contatto possa avvenire solo dopo un consenso dell'utente esplicito, attivo e con l'utente chiaramente identificabile.
  • Anonimo scrive:
    Re: spamassassin
    Il mio topic non era questo: negli ultimi anni i prezzi/GB dei dischi fissi sono crollati e parallelamente si sono sviluppate macchine più veloci ed anche le tecnologie di connessione hanno avuto una certa evoluzione, tutti questi fattori sia a livello di dorsali, server ecc... (quindi di offerta) che di utenti finali (quindi di domanda.Però le offerte di servizio non sono aumentate di conseguenza... la banda viene occupata dal transito di mail inutili di spamming, lo stesso dicasi per i dischi dei mailserver e per il tempo processore, è chiaro che ogni byte che viene inviato, elaborato ed archiviato ha un costo, e il rapporto tra byte utili ed inutili è molto peggiorato, quindi il costo non è diminuito come avrebbe dovuto e potuto, grazie anche allo spamming.Grazie anche a legioni di utonti che inviano BMP da mega anzichè jpg da qualche decina di k et similia, cmq quello che mi rode di più è lo spamming!
  • Anonimo scrive:
    Re: Non per rompere i cosiddetti...

    - Scritto da: Anonimo

    ... col solito discorso del cavolo un

    pochino trolloso, ma com'è che sul mio

    indirizzo yahoo lo spam è il 30% e su
    quello

    hotmail il 98%?????
    Elementare. Perchè Yahoo è di Linux e
    hotmail di M$.Hai provato a rileggere cio' che scrivi? Che senso ha? Non mi risulta che esista una "Linux SPA"...(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: spamassassin
    beh... sicuramente lo spazio medio disponibile per una casella non dipende solo dallo prezzo dei dischi fissi. Bisogna considerare in prima vista i costi da banda per il provider. Poi non c'è da dimenticare che alcuni utenti "rimasti" a connessioni dialup con una velocità meno di 64k possono avere dei problemi a scaricare degli messaggi grandissimi spediti da certi utenti xDSL che non hanno capito un c...o!
  • Anonimo scrive:
    Re: spamassassin
    - Scritto da: Anonimo
    ..toglie via tutto lo spam, personalmente
    sono passato da 100
    mail di spam a 0.Lo spam comunque gira in rete fino a raggiungere la tua casella di posta, questo significa più costi per mantenere il servizio (più banda, più spazio...), quindi lo spamming è un fenomeno che danneggia tutti. E'significativo vedere che mentre la capienza degli hd decuplicava a pari prezzo lo spazio offerto mediamente dai servizi di posta sia sostanzialmente rimasto invariato...
  • Anonimo scrive:
    Adesso ho capito...
    ...perchè quasi tutti i nuovi utenti del mio forum sono su Yahoo!, nonostante non offra gratis la POPMAIL. In effetti la baduser list della spam creata sulla segnalazione degli utenti è efficacissima, ed evita di fare vittime innocenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non per rompere i cosiddetti...

    Pretendi indirizzi gratuiti e vorresti che
    non li vendessero? Prova a pagarlo il tuo
    indirizzo, vedrai che lo spam finisce.1 lo spam arriva pesante anche sugli indirizzi a pagamento2 se danno indirizzi gratuiti in cambio di iscrizioni a newsletter (come il mio) lo devono dire nel contratto3 la vendita di un indirizzo, se non dichiarata, è un REATO PENALE in molti paesi per violazione della privacy4 per tenere in piedi un server di posta il costo per casella è irrisorio, cmq nessuno li obbliga a farlo, se non ci stanno dentro la maggior parte dei contratti prevede che possano cessare il servizio senza o con minimo preavviso5 lo spamming spesso è a tappeto o con basi di indirizzi raccolti chissà come e spesso i gestori non c'entrano nulla (però su alcuni domini succede più di frequente...)
  • Anonimo scrive:
    Re: Non per rompere i cosiddetti...
    - Scritto da: Anonimo
    ... col solito discorso del cavolo un
    pochino trolloso, ma com'è che sul mio
    indirizzo yahoo lo spam è il 30% e su quello
    hotmail il 98%?????Forse per lo stesso motivo per il quale io ho iniziato a ricevere spam su una casella hotmail circa 30 secondi (sic) dopo averla creata..... veloci 'sti spammer.....
  • Anonimo scrive:
    spamassassin
    ..toglie via tutto lo spam, personalmente sono passato da 100mail di spam a 0.
    • Anonimo scrive:
      Re: spamassassin

      ..toglie via tutto lo spam, personalmente
      sono passato da 100
      mail di spam a 0.Cosi' risolvi (per modo di dire, visto che non e' un metodo perfetto) il problema a valle; a monte tutto resta uguale.
    • Anonimo scrive:
      Re: spamassassin
      ma dove lo trovo per Windowsx XP? (apple)
  • Anonimo scrive:
    Re: Non per rompere i cosiddetti...
    - Scritto da: Anonimo
    ... col solito discorso del cavolo un
    pochino trolloso, ma com'è che sul mio
    indirizzo yahoo lo spam è il 30% e su quello
    hotmail il 98%?????Elementare. Perchè Yahoo è di Linux e hotmail di M$.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non per rompere i cosiddetti...
    - Scritto da: Anonimo
    ... col solito discorso del cavolo un
    pochino trolloso, ma com'è che sul mio
    indirizzo yahoo lo spam è il 30% e su quello
    hotmail il 98%?????Pretendi indirizzi gratuiti e vorresti che non li vendessero? Prova a pagarlo il tuo indirizzo, vedrai che lo spam finisce.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non per rompere i cosiddetti...
    io non ho mai e dico MAI usato una casella di tin.it... è sempre piena di spam! mistero della fede....
  • Anonimo scrive:
    Re: Non per rompere i cosiddetti...
    - Scritto da: Anonimo
    ... col solito discorso del cavolo un
    pochino trolloso, ma com'è che sul mio
    indirizzo yahoo lo spam è il 30% e su quello
    hotmail il 98%?????vai su lycos, lì si che c'e da ridere!
  • Anonimo scrive:
    Non per rompere i cosiddetti...
    ... col solito discorso del cavolo un pochino trolloso, ma com'è che sul mio indirizzo yahoo lo spam è il 30% e su quello hotmail il 98%?????
Chiudi i commenti