Rilasciate le DirectX 9.0b

Correggono alcuni bug


Redmond (USA) – Microsoft ha rilasciato la versione 9.0b delle DirectX. L’aggiornamento include diversi bug fix ma non introduce nessuna nuova API nè alcuna modifica alle funzionalità del noto insieme di librerie grafiche e multimediali di Windows.

Al momento le DirectX 9.0b sono disponibili unicamente in lingua inglese qui . La versione italiana dovrebbe arrivare a breve.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    non sono gli unici
    Come detto da alcuni, le ragioni sono i contratti. Oltre a Telecom e Wind ci sono anche Atlanet e altri operatori che fanno la stessa cosa, ti disdicono il contratto e te ne attivano un altro. Il bello è che devi pagare per disdire (c'è scritto nel contratto) ed aspettare un mese o più perché tutto torni alla normalità. Secondo me è fatto apposta per mantenere le cose come stanno perché non hanno voglia di spendere.
    • Anonimo scrive:
      Re: non sono gli unici
      - Scritto da: Anonimo
      Come detto da alcuni, le ragioni sono i
      contratti. Oltre a Telecom e Wind ci sono
      anche Atlanet e altri operatori che fanno la
      stessa cosa, ti disdicono il contratto e te
      ne attivano un altro. Il bello è che devi
      pagare per disdire (c'è scritto nel
      contratto) ed aspettare un mese o più perché
      tutto torni alla normalità. Secondo me è
      fatto apposta per mantenere le cose come
      stanno perché non hanno voglia di spendere.Si ma perche' hanno simili contratti?Perche' si puliscono i piedi con i clienti?Perche' non esiste il customer care?Perche' il cliente ha sempre torto?Perche' i clienti accettano tutte le condizioni senza discutere o spesso sconsolati non le leggono nemmeno?Perche' c'e' cosi' poca scelta?Perche' il cliente, ovverosia colui che paga e rende l'azienda forte, non ha forza contrattuale?
  • Anonimo scrive:
    Colgo l'occasione per chiedere un consig
    consiglio.Ho appena fatto un abbonamento con fastweb che ha provveduto automaticamente a disdire il contratto con telecom.Da più di un anno avevo comunque un contratto con infostrada sia per il servizio "Pronto 1055" che per "Libero ADSL Light" con modem in comodato d'uso.Ora, ho mandato la disdetta a Infostrada (ora wind) per i 2 contratti.Del modem che ne faccio ?Aspetto una loro comunicazione o lo rispedisco indietro subito ?Grazie e scusate l'OT.Mico
    • Anonimo scrive:
      Re: Colgo l'occasione per chiedere un consig

      Del modem che ne faccio ?
      Aspetto una loro comunicazione o lo
      rispedisco indietro subito ?Aspetta che te lo richiedano indietro, e quando lo faranno, rifiutati di farlo a tue spese: se lo rivogliono, mandino un loro corriere, non sei assolutamente obbligato a spendere ulteriori soldi per loro.Tieni presente che il modem, per la quota inclusa nel contratto, l'hai strapagato.Saluti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Colgo l'occasione per chiedere un consig
        Grazie e 1000 per la risposta.Non è che poi mi continuano a far pagare l'abbonamento finchè non glie lo ridò indietro ?Sono sempre 45 eruo al mese !
  • Anonimo scrive:
    Ma ci siete o ci fate?
    Basta leggere il contratto, e' tutto scritto!Non ci vuole molto.E' ben specificato che con tin it non si puo' fare l'upgrade con lo stesso contratto.Non vedo cosa ci sia tanto da discutere.Altrimenti secondo voi che differenza ci sarebbe da alice???La differenza e' proprio questa,che con alice puoi fare l'upgrade, con tin it NO.Informatevi prima di parlare!E leggete va....ByezLuk
  • Anonimo scrive:
    Ecco perche' avviene tutto questo
    I motivi dei problemi descritti nella lettera sono sintetizzabili in tre punti:1) il passato di Telecom e' di ente statale e non ha mai brillato in snellezza. Tutt'ora, benche' abbia fatto passi avanti, risente enormemente di un elefantiasi burocratica derivante anche dalla sua struttua indubbiamente complicata.Cio' si riflette nelle condizioni ai clienti che sono rigide e scritte da burocrati.2) l'alternativa a Telecom con un offerta competitiva anche nel prezzo, dove sta? Telecom mantiene contratti rigidi e procedure tortuose per l'utente perche' gode comunque di un parco clienti vastissimo e consistente, la concorrenza e' scarsa, il suo potere contrattuale e' piu' forte di quello dei singoli clienti.3) il customer care in Italia e' una bella parola, di cui i dirigenti si riempiono la bocca ma che e' lasciata in mano alla buona volonta' degli operatori che hanno il contatto diretto con i clienti.E' noto a tutti che per far valere i propri diritti di consumatore si deve sempre spendere tempo denaro, scrivere lettere, sperare di trovare un responsabile che abbia competenza e autorita' per intervenire.Insomma i clienti, che in altri paesi sono Dio in terra, fonte di ricchezza e patrimonio da vezzeggiare ogni giorno, qui da noi per molte aziende sono solo un problema, vanno munti il piu' possibile, peccato che rompano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco perche' avviene tutto questo
      - Scritto da: Anonimo
      I motivi dei problemi descritti nella
      lettera sono sintetizzabili in tre punti:

      1) il passato di Telecom e' di ente statale
      e non ha mai brillato in snellezza.
      Tutt'ora, benche' abbia fatto passi avanti,
      risente enormemente di un elefantiasi
      burocratica derivante anche dalla sua
      struttua indubbiamente complicata.
      Cio' si riflette nelle condizioni ai clienti
      che sono rigide e scritte da burocrati.

      2) l'alternativa a Telecom con un offerta
      competitiva anche nel prezzo, dove sta?
      Telecom mantiene contratti rigidi e
      procedure tortuose per l'utente perche' gode
      comunque di un parco clienti vastissimo e
      consistente, la concorrenza e' scarsa, il
      suo potere contrattuale e' piu' forte di
      quello dei singoli clienti.

      3) il customer care in Italia e' una bella
      parola, di cui i dirigenti si riempiono la
      bocca ma che e' lasciata in mano alla buona
      volonta' degli operatori che hanno il
      contatto diretto con i clienti.
      E' noto a tutti che per far valere i propri
      diritti di consumatore si deve sempre
      spendere tempo denaro, scrivere lettere,
      sperare di trovare un responsabile che abbia
      competenza e autorita' per intervenire.
      Insomma i clienti, che in altri paesi sono
      Dio in terra, fonte di ricchezza e
      patrimonio da vezzeggiare ogni giorno, qui
      da noi per molte aziende sono solo un
      problema, vanno munti il piu' possibile,
      peccato che rompano.guarda che è tin. it che non lo faalice di telecom lo fa
  • Anonimo scrive:
    e' cosi da quando esiste l'adsl
    io ho dovuto far tirare un'altra linea e ora ho 2 borchie ....se cambio isp me ne installeranno una terza ...faro' la collezzione di borchie.che sfigati che siamo.....
  • Anonimo scrive:
    Confermo e aggiungo...
    A me al call center avevano chiesto, un anno fa, di disdire e rifare il contratto solo per il cambio del protocollo da PPPoATM a PPPoE in modo da poter usare un modem Ethernet al posto di quello USB.Fortuna che poi ho trovato un tecnico competente che mi ha fatto tutto online...Joe
    • Anonimo scrive:
      Re: Confermo e aggiungo...
      Il problema è che hanno troppi clienti e quindi o ti bevi la loro minestra standart o ti arrangi, tanto anche se perdono qualche cliente gli sta sempre il gioco. Beh se per ridurre spese e inconvenienti mettete degli standart abbastanza rigidi, allora ridistribuite questo risparmio sugl'utenti..altrimenti aspettate che la gente si scanti un pò e trovi un offerta migliore...seee ma quando!? ;)
  • Anonimo scrive:
    Investimenti Tin.it
    Il sig. Alberto Marvisi dovrebbe sapere che il modem che sta usando costa(va) circa 400.000lire. Se Tin.it gli ha dato quel modem lo ha fatto per investimento, calcolando che dopo un anno si sarebbe rifatta delle spese del modem Ericsson.Non credo proprio che vadano a rubare modem e i router per darli ai clienti.Quindi aspetta che scadano i 12 mesi di contratto e dai disdetta per aprire quello kit dopo 5 giorni.Non ci vuole poi molto. Basta ragionarci.
  • Anonimo scrive:
    Con Alice e' la stessa cosa
    Stessi problemi di cambio pacchetto con Alice. Sono 15 gg che sono senza ADSL perche dicono che non e' possibile passare da Alice a Smart ma bisogna cessare la prima completamente e poi attendere l'uscita dei tecnici per l'attivazione della seconda
  • Anonimo scrive:
    Alcune info
    In questi giorni e' arrivata l'adsl nella mia zona e ho fatto l'ordine con tin.it .. spero che i tempi saranno brevi :-Pin ogni caso.."...In pratica è impossibile. Per variare un qualunque contratto Tin.it Adsl mi è stato detto dall'Assistenza che bisogna dare la disdetta del vecchio contratto, attendere una loro..."..io ho chiesto informazioni prima all'operatore per quanto riguarda il passaggio da 256 a 640 o viceversa e mi e' stato detto chiaramente che in questi casi bisogna disdire il contratto perche' per ora non hanno un sistema che gli permette di fare modifiche.."...Il tutto poi sembra ancora più assurdo se si considera che i clienti di Adsl Alice, offerta dalla stessa struttura tecnica di Telecom Italia, possono invece variare il piano senza traumi e senza dover subire distacchi e attese."eheh certo.. un mio amico e' 7 mesi che aspetta che gli trasformino l'adsl da 1.2 a 640 ...per cui forse niente distacchi ma per le attese... mi sa che alla fine aspetti meno con tin.it!! Poi da parte mia e' piu' trasparente con tin.it .. almeno non ti promettono cose che poi non riescono a mantenere... se un domani voglio passare a 640 so come devo fare anche se non sara' bello restare 20-30 giorni senza linea, ma almeno mi organizzo prima.ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Alcune info
      Concordo pienamente con te.Qui son tutti scemi!Basta leggere il contratto per capire che con tin it non si puo' fare l'upgrade con lo stesso contratto.Evidentemente qui alcune persone non sanno leggere.Se voi siete imbranati non date la colpa a tin it.Saluti.
  • Anonimo scrive:
    ..a meno di soluzioni migratorie? No!
    soluzioni migratorie un corno;senza la disdetta e il distacco che e' di 30 giorni MINIMI(attenti alle definizioni, il distacco tecnico da un provider a volte ha richiesto mesi)non si puo' nemmeno fare l'upgrade ad un contratto superiore, non sono stato infatti in grado di upgradare il mio contratto adsl con Tin ad un pacchetto superiore a piu' alta velocita' e ovviamente piu' costoso.Per evitare un indeterminato periodo di down tecnico mi trovero' costretto ad richiedere una nuova linea telefonica con i costi che comporta ed un nuovo contratto adsl che ovviamente non sara' con Tin;La vecchia linea la chiudero' assieme al contratto con Tin e anche stavolta mi tocchera' sborsare.
  • Anonimo scrive:
    Disdetta contratti
    Amio modesto avviso una cosa sbagliata nei contratti e che uno dopo il primo hanno abbia il rinnovo per un anno intero.A me sta bene che ti dicano a noi l'attivazione costa, te la do gratis e mi stai abbonato almeno un anno. Mai poi basta.Si dovrebbe poter disdire in qualsiasi momento e basta sta storia dei due mesi di anticipo.
    • BlackPope scrive:
      :DDDDD
      - Scritto da: Anonimo
      Amio modesto avviso una cosa sbagliata nei
      contratti e che uno dopo il primo hanno
      abbia il rinnovo per un anno intero.

      A me sta bene che ti dicano a noi
      l'attivazione costa, te la do gratis e mi
      stai abbonato almeno un anno. Mai poi basta.

      Si dovrebbe poter disdire in qualsiasi
      momento e basta sta storia dei due mesi di
      anticipo.rido per la grammatica usata
    • Anonimo scrive:
      Re: Disdetta contratti
      fammi capire, per dare la disdetta ad alice adsl devo dare un preavviso di 2 mesi ?Già una volta me l'hanno messa in quel posto perchè quando ho accettato (telefonicamente) l'adsl , nessuno mi ha detto che avrei dovuto pagare per un anno intero comunque; adesso non vorrei prendermela nello stesso posto ancora perchè non ho dato un preavviso di 2 mesi...puoi spiegarmi ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Disdetta contratti
        Devi disdire 2 mesi prima della scadenza per il primo anno, mentre quando sei al secondo anno di abbonamento puoi disdire in qualsiasi momento tu voglia, la linea verrà cessata entro "qualche" giorno.... se telecom ha voglia.
  • Anonimo scrive:
    Non è così semplice
    Per alcuni servizi è possibile cambiare da uno all'altro senza eccessivi problemi. Si cambia qualche parametro sull'apparato di rete opportuno e i dati sul DB di fatturazione.In molti casi invece non è sufficiente riconfigurare gli apparati coinvolti è si rende necessario riconfigurare per intero il circuito sulla rete trasmissiva. Quindi diventa necessario fare un nuovo abbonamento.
  • Anonimo scrive:
    Beh, libero è uguale...
    Anche con libero se vuo semplicemente fare un upgrade dalla connessione a libero fast (raddoppi la banda con solo 5 euro mensili in più) devi disdire e rifare il contratto (con tutte le conseguenze citate nell'articolo). Deve esserci un epidemia di demenza precoce nel management delle compagnie ...OPPURE (nota molto maligna): perchè permettere a chi già paga di più di pagare di meno in modo semplice e rapido?
    • Anonimo scrive:
      Re: Beh, libero è uguale...

      OPPURE (nota molto maligna): perchè
      permettere a chi già paga di più di pagare
      di meno in modo semplice e rapido?A me la cosa non convince, in caso di downgrade, avere tutti questi problemi tecnici potrebbe spingere molti clienti a restare fermi (a meno di non poterne proprio fare a meno). Ma sull' upgrade è un autogoal, voglio darti più soldi (ovviamente per avere di più) e tu mi dici che è un problema? Ma dovresti solo dirmi "si signore grazie" e poi rimboccarti le maniche e far funzionare tutto. Quindi sulla base di queste considerazioni mi vengono in mente solo due possibilità, o fisicamente il sistema è veramente poco flessibile o sono le loro teste ad esserlo ;) ciao war
  • Anonimo scrive:
    Tin, per passare da 640 a 1200...
    ...sono rimasto 1 mese senza ADSL proprio per lo stesso motivo, e' stato necessario disdire il vecchio contratto e stipularne uno nuovo.Da quel che ho capito la cosa dipende dal fatto che TIN è considerato al pari di qualsiasi altro operatore che compera lotti di ADSL da Telecom, quindi se cambi tipo di contratto cambi lotto, quello che mi pare assurdo e' che 'sta cosa la facciano anche per cambi di contratto che non modificano per nulla la configurazione dell'ADSL, proprio come il passaggio da kit a base.... mah si vede che hanno "standardizzato" la procedura.... disdetta e riabbonamento per tutti...:-)
  • Anonimo scrive:
    aggiungo inoltre....
    aggiungo la mia esperienza: ho preso una adsl tiscali su linea Telecom.voglio passare i 2 contratti di locazione (linea ed adsl) alla società appena costituita.la tiscali ha immediatamente cambiato l'intestatario, la Telecom pretende invece che io disdica l'ADSL che ho sulla linea telefonica per poter effettuare il cambiamento.secondo loro dovrei rimanere offline o col 56Kb per un mese, in attesa del nuovo riallaccio dell'adsl??!?!?
    • Anonimo scrive:
      Re: aggiungo inoltre....
      ti fai attivare un numero di sola ricezione chiamate, fai attivare il nuovo contratto su quello e poi disdici il vecchio contratto adsl.Et voila' :)
      • Anonimo scrive:
        Re: aggiungo inoltre....
        Ho trovato anche io le stesse difficoltà..solo che a me è andata peggio..devo pagare, se voglio disdire e rifare il canone ancora un anno di contratto, per la modica cifra di 660 euro...Non c'è che dire, mi sono già puntato l'allarme ai canonici 60 giorni antecedenti, dopodichè saluto tin e i suoi servizi (dei quali,contrariamente a lei non sono molto soddisfatto), ossia da un callcenter che per ottenere un informazione ti tiene in ballo 40 minuti con tre operatori diversi (se ti va bene), al fatto che ora comincia anche ad arrivare dello spam sulla mail di virgilio, mai utilizzata, tenendo conto che tin/virgilio, ti dicono che nel contratto adsl ci sia il filtro antispam incluso...Auguri
  • Psike scrive:
    confermo e mi unisco alla protesta
    Anche io sono un abbonato Tin.it, e devo dire che qualitativamente sono molto soddisfatto del servizio... solo che quando sono voluto passare da "giornaliero" a "forfait" mi sono state dette le stesse cose, e cioe' che dovevo disdire il contratto ecc ecc...A me sembra incredibile che nel 2003 siamo ancora a questo punto... non esistono impedimenti tecnici, e questo lo sappiamo tutti, possibile che la burocrazia riesca a prevalere anche sulla rete?
    • Anonimo scrive:
      Re: confermo e mi unisco alla protesta
      protestare, protestare, ma voi non vi rendete conto della complicazione dei sistemi informativi delle aziende TLC, è già tanto che abbiate un buon servizio. Se comperate una macchina vi viene in mente di chiedere l'upgrade che so del motore? Non so chiedete l'antifurto solo nei mesi estivi quando lasciate l'auto perchè siete in vacanza e poi volete che venga smontato?Cambiare contratto può essere un'esigenza legittima, però l'onere organizzativo per accontentare tutti non è compatibile con la guerra di prezzi che c'è nel mercato dell'adsl. Bisogna scegliere o economico e blindato o costoso e flessibile.a ciascuno la sceltakkk
      • Anonimo scrive:
        Re: confermo e mi unisco alla protesta
        - Scritto da: Anonimo
        protestare, protestare, ma voi non vi
        rendete conto della complicazione dei
        sistemi informativi delle aziende TLCNon e' compito del cliente curarsi di queste cose.Sarei d'accordo su quello che dici in linea di massima, ma a sono io a pagare il servizio, non mi e' stato regalato.Se pago, ovvero onoro una ditta dei miei soldi e della mia preferenza, allora pretendo.Sono io la fonte di vita della azienda.Se sono sciocco e/o accetto contratti capestro o insidiosi, vabbe' alla prossima mi faro' furbo.Mi dirai che anche le aziende devono tutelarsi dai clienti che possono avanzare pretese assurde. Giusto.Ma al momento la situazione e' sbilanciatissima, e' sempre molto sfavorevole al cliente, colui che arricchisce l'azienda ha garantito pochissimo e le aziende hanno sempre il coltello dalla parte del manico.
        è già
        tanto che abbiate un buon servizio.Come sarebbe a dire "e' gia' tanto". E solamente il minimo, null'altro che il minimo.Con questo modo di vedere le cose, il cliente non avra' mai il suo giusto peso nel mercato.Qual'e' questo giusto peso? il peso che ha la principale fonte di reddito di una azienda, enorme. I clienti in una azienda non sono un problema, i clienti sono tutto.Si vive e si lavora per i clienti.Purtroppo in Italia i clienti per tante aziende sono solo scocciatori.
    • Anonimo scrive:
      Re: confermo e mi unisco alla protesta
      sono anch'io d'accordo sulla qualità, abbastanza indubbia, del servizio, ma mi aggiungo alla protesta.. è una vergogna dover aspettare un mese per una cosa del genere, manco dovessero venirti a fare dei lavori in casa.ciao
  • Anonimo scrive:
    con alice paghi di +
    come da titolo sono circa 5 euro in + al mese inoltre ti faccio notare che alice è un accessorio al canone voce e non è stipulabile senza quest' ultimo cosa invece possibile con adsl tin.it
    • Anonimo scrive:
      Re: con alice paghi di +
      L'articolo dice una grossa cazzata, cioe' che con Alice si puo' variare da modem in comodato a senza modem. Falso: come per ogni dispositivo noleggiato il contratto per il noleggio del modem *dura 3 anni*, prima dei quali non si puo' passare all'abbonamento "liscio".
      • Anonimo scrive:
        Re: con alice paghi di +
        no io lo ho restituito dopo meno di un anno che lo avevo ed ho preso un mio router che non c'è paragone ti ripeto con alice lo puoi fare perchè è un accessorio al canone voce
        • Anonimo scrive:
          Re: con alice paghi di +
          E' vero, anche io l'ho restituito e ora ne sto usando uno mio. E' bastata una telefonata al 187 con cui mi hanno anche cambiato al volo profilo (da flat a 20 ore).N.B. ho Alice (ex BBB) da un annetto...
          • Anonimo scrive:
            Re: con alice paghi di +
            Confermo. Passaggio da modem in comodato a SOLA linea + cambio da PPPOA a PPPOE tutto effettuato tramite 187.Il punto in questione è che devi trovare l'operatore che abbia voglia e sia capace.Quando dicono che non è possibile è xchè vogliono nascondere il fatto che non sono capaci.Tenete presente poi che molte volte quando si fa il 187 non si parla direttamente con Telecom. I call center non sono tutti suoi, e per garantire attese minori e copertura di 24 ore usano call center in appalto. Il personale in oggetto ve lo raccomando
Chiudi i commenti