Robot per farsi del male

Per convivere bisogna conoscere i rispettivi limiti: un team di ricercatori si sta scontrando con i robot, per evitare possibili incidenti futuri

Roma – La prima delle tre leggi della robotica di Asimov è chiara: un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno. Eppure alcuni ricercatori stanno sperimentando fino a quanto forte un robot può colpire un umano senza procurargli danno : infrangono la legge per farla rispettare.

In considerazione del fatto che la convivenza umani-robot diventerà nel prossimo futuro sempre più frequente e necessaria, un team di ricercatori dell’Università slovena di Ljubljana, con in mente evidentemente le tre leggi di Asimov ma anche la semplice ipotesi che incidenti e altri tipi di interazione vi saranno, ha iniziato a testare l’interazione tra robot e umani. Per scoprire quanto si debbano muovere veloci e quanto i robot possono spingere, premere o tirare in caso di contatto con un essere vivente.

Per far questo gli scienziati stanno facendo colpire i volontari (sei colleghi) con diversa forza, velocità e oggetti da un robot da catena di montaggio prestato da Epson. A loro, poi, spetta catalogare il dolore provato in una scala soggettiva, che va da nessun dolore a insopportabile. E che statisticamente è rimasta in gran parte in moderato .

Lo studio spera così di definire i limiti di velocità e accelerazione dei robot futuri , nonché la misura ideale e la forma degli strumenti che saranno deputati a utilizzare, in modo da interagire in sicurezza con gli umani.

Borut Pov?e, il professore che conduce la ricerca, ha citato espressamente l’autore di fantascienza: “Anche i robot così come pensati da Asimov possono scontrarsi con gli umani. Noi stiamo cercando di fare in modo che quando succeda l’impatto non sia troppo forte”. Definendo quindi i limiti entro cui dovranno muoversi i robot in caso di vicinanza con un essere umano.

I prossimi passi della ricerca prevedono l’utilizzo di un prototipo che riproduce le fattezze (e la resistenza) del braccio umano per prove più ardite.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Silvan scrive:
    Tiramolla
    Come sempre sicurezza e privacy sono come due elastici che ognuno tira dalla parte che fa loro piu comodo a seconda delle proprie convinzioni ideologiche, sociali e politiche. La cosa preoccupante è che molti credono di avere la verità assoluta e non si domandano se le loro idee si adattano o meno ad una società complessa come la nostra, e se possono o meno migliorarla.
  • ninjaverde scrive:
    PerRicordare
    "Any society that would give up a little liberty to gain a little securitywill deserve neither and lose both."-Benjamin Franklin
    • Pietro scrive:
      Re: PerRicordare
      - Scritto da: ninjaverde
      "Any society that would give up a little liberty to gain a little
      security will deserve neither and lose both."
      -Benjamin FranklinChi limita di più la tua libertà?Il politico che dice che se vuoi andare in internet devi dire chi sei e da che ora a che ora ci sei stato (in modo che se se qualcuno commette un reato da quella connessione internet possono andare a beccarlo, o meglio così nessuno commette reati per evitare di essere beccato), o il terrorista che ti mette un bomba sull'autobus?
      • krane scrive:
        Re: PerRicordare
        - Scritto da: Pietro
        - Scritto da: ninjaverde

        "Any society that would give up a

        little liberty to gain a little security

        will deserve neither and lose both."

        -Benjamin Franklin
        Chi limita di più la tua libertà?
        Il politico che dice che se vuoi andare in
        internet devi dire chi sei e da che ora a che ora
        ci sei stato (in modo che se se qualcuno commette
        un reato da quella connessione internet possono
        andare a beccarlo, o meglio così nessuno commette
        reati per evitare di essere beccato), o il
        terrorista che ti mette un bomba sull'autobus?Entrambi.
  • frenk6354 scrive:
    Olanda, quello spione del WiFi
    Beh, ce la stanno mettendo tutta per imitarci. Evidentemente siamo il massimo su questioni del genere. Che tristezza
  • elio scrive:
    sicurezza
    per la sicurezza, necessariamente la privacy si riduce . . . non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca allo stesso tempo.
Chiudi i commenti