S3 risorge con il SuperSavage

Dopo un lungo silenzio, S3 si rifà viva con l'erede dei chip Savage per il mercato dei notebook, una nuova sfida al fertile mercato mobile dove già impazza la lotta fra Nvidia e ATI


Taipei (Taiwan) – Deposte le armi, almeno temporaneamente, per quanto riguarda il mercato desktop, S3 Graphics (joint venture fra l’ex S3 SonicBlue e Via) dà nuovamente fiato alle trombe per annunciare una nuova serie di processori grafici per notebook.

S3 rilancia la sua sfida sul mobile con il SuperSavage, un processore grafico a basso consumo da 128 bit e 143 MHz di clock, in grado di supportare fino a 64 MB di memoria SRAM/DDR e compatibile con l’AGP 4X. Il chip riesce a elaborare 12,5 milioni di triangoli al secondo ed è in grado di avvalersi della compressione delle texture S3TC.

La nuova GPU supporta sia le memorie SDRAM sia le memorie DDR, raggiunge una risoluzione massima di 1.600×1.200 punti in modalità UXGA (Quad Ultra Extended Graphics Array) a 16 milioni di colori, possiede le principali accelerazioni per la riproduzione dei DVD e il supporto per due display LCD e l’uscita TV.

Il SuperSavage rappresenta l’erede naturale dei chip Savage IX/MX che tanto successo hanno riscontrato sul mercato dei notebook. La produzione in volumi inizierà il prossimo mese.

La battaglia che S3 dovrà affrontare su questo mercato, fattosi ormai non meno incandescente di quello desktop, la vedrà scontrarsi con due calibri come Nvidia, con il suo GeForce2 Go , e ATI, con il Radeon Mobility .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    TRACCE AL MICROSCOPIO
    PROVATE A FARE UN CONFRONTO AL MICROSCOPIO DI UNA TRACCIA SCRITTA A 1X E UNA SCRITTA A 10X
    • Anonimo scrive:
      Re: TRACCE AL MICROSCOPIO
      - Scritto da: anonimo
      PROVATE A FARE UN CONFRONTO AL MICROSCOPIO
      DI UNA TRACCIA SCRITTA A 1X E UNA SCRITTA A
      10Xgrazie, ma quante volte è necessaria accuratezza in fase di masterizzazione?pur avendo un (guarda caso) yamaha 8x scasi se devo masterizzare un file immagine del sistema operativo lo mastero a 1xma i cd audio e il resto a 8x sparato e in 7 mesi non ho mai riscontrato grossi problemi anche lasciando aperte le sessioni e usando altre applicazioni contemporaneamente alla masterizzazione e vorrei chiosare dicendo che uso winzoz come SO e easy cd creator come SW ergo peggio di così si muore.CMQ convengo con te che se vuoi fare un buon lavoro non devi avere problemi di tempo. bye bye LUKE
  • Anonimo scrive:
    8 MB di buffer?
    Scusate l'ignoranza, ma se c'e' una tecnologia che, se non ho capito male, e' simile alla "burn proof", che se ne fa' uno di 8 Mb di buffer?
    • Anonimo scrive:
      Re: 8 MB di buffer?
      Il Burn Proof consente di riprendere la masterizzazione dal punto in cui è stata interrotta, ma ciò provoca una breve sovrapposizione tra la traccia interrotta e quella ripresa che viene corretto dalla gestione degli errori in fase di successiva lettura, oltre a rallentare il processo di masterizzazione per riallineare il laser. Quindi: piu' buffer = piu' veloce la masterizzazione = piu' qualità del cd masterizzato.
  • Anonimo scrive:
    si ma i CD
    non ho ancora trovato un solo disco che riesca a supportare 12x registzrando tracce audio eppure i masterizzatori ci sono
    • Anonimo scrive:
      Re: si ma i CD
      - Scritto da: psy
      non ho ancora trovato un solo disco che
      riesca a supportare 12x registzrando tracce
      audio eppure i masterizzatori ci sono ...tutti i cd (pochissimi non lo sono) possono essere registrati a 12x...anche per l'audio...la "certificazione" è in + !
  • Anonimo scrive:
    Come sempre
    Ovviamente, da sempre , il meglio. Yamaha.
  • Anonimo scrive:
    buffer...
    è Buffer Underrun il problema in questione non il buffer overrun!!! =)
Chiudi i commenti