Samsung, il mobile non è più quello di una volta

Risultati trimestrali ancora negativi per la corporation sudcoreana, con i dispositivi "premium" che non vendono più come un tempo e la conseguente necessità di aggiustare i prezzi. Anche i tablet piangono

Roma – Samsung ha annunciato i risultati finanziari per il secondo trimestre dell’anno fiscale 2015, numeri che confermano le previsioni pubblicate all’inizio del mese e ribadiscono la transizione del mercato dei gadget mobile. Un mercato sempre più maturo e avaro di profitti per chi, come Samsung, in questi anni ha espanso a dismisura il proprio business.

L’era post-PC, per Samsung, ha il segno meno: i ricavi totali del secondo trimestre ammontano a 48,58 trilioni (migliaia di miliardi) di Won, vale a dire qualcosa come 37,7 miliardi di euro e -8 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso; i profitti netti ammontano a 5,75 trilioni di Won (4,4 miliardi di euro), -8 per cento rispetto ai 6,25 trilioni di Won del 2014.

La divisione di Samsung che ha fatto peggio nel trimestre è quella degli smartphone, con i profitti operativi crollati del -37,6 per cento anno su anno: Galaxy S6 ed S6 Edge avrebbero dovuto “salvare” la corporation ma non hanno ottenuto l’effetto sperato, complice a quanto pare anche la difficoltà di rifornire i canali distributivi di un numero di terminali sufficiente a soddisfare la domanda.

Per questo Samsung dice di voler correre ai ripari , con i problemi di approvvigionamento che dovrebbero essere finiti e una riduzione di prezzo sui gadget high-end come i succitati Galaxy S6 ed S6 Edge; verranno poi introdotti nuovi modelli sia nella fascia alta che in quella di medio profilo.

Ma l’era post-PC riserva ancora brutte sorprese per il colosso asiatico, visto che se gli smartphone non volano dagli scaffali i tablet non sono più richiesti dagli utenti: secondo le previsioni di IDC , la crescita delle tavolette commercializzate rallenterà di un -7 per cento durante il secondo trimestre del 2015. A farne le spese saranno soprattutto le teste di ponte Apple (-17,9 per cento) e appunto Samsung (-12 per cento)

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    e ricordiamo...
    e ricordiamo che qui alcuni professoroni, gente dal parere illuminato, hanno giurato che " a casa sua ognuno fa quel che vuole " o anche " nessuno ti obbliga a registrarti, quindi segui le regole di FACEBOOK o non iscriverti proprio "...E INFATTI:http://www.theverge.com/2015/7/30/9072257/facebook-real-name-policy-germanyMA COME? NON SI ERA DETTO CHE LE REGOLE DI FACEBOOK LE PUO' DECIDERE SOLO FACEBOOK, VISTO CHE NESSUNO TI OBBLIGA A REGISTRARTI???DOVE SONO I PROFESSORONI?EH?????EHHHHHH????
    • ... scrive:
      Re: e ricordiamo...
      - Scritto da: ...
      e ricordiamo che qui alcuni professoroni, gente
      dal parere illuminato, hanno giurato che " a
      casa sua ognuno fa quel che vuole " o anche
      " nessuno ti obbliga a registrarti, quindi
      segui le regole di FACEBOOK o non iscriverti
      proprio "...

      E INFATTI:
      http://www.theverge.com/2015/7/30/9072257/facebook

      MA COME? NON SI ERA DETTO CHE LE REGOLE DI
      FACEBOOK LE PUO' DECIDERE SOLO FACEBOOK, VISTO
      CHE NESSUNO TI OBBLIGA A
      REGISTRARTI???
      DOVE SONO I PROFESSORONI?
      EH?????
      EHHHHHH????Ma che stai ad ascoltare quello che dicono quelli che commentano su PI? :|
    • Qualcuno scrive:
      Re: e ricordiamo...
      - Scritto da: ...
      e ricordiamo che qui alcuni professoroni, gente
      dal parere illuminato, hanno giurato che " <i
      a
      casa sua ognuno fa quel che vuole </i
      " o anche
      " <i
      nessuno ti obbliga a registrarti, quindi
      segui le regole di FACEBOOK o non iscriverti
      proprio </i
      "...

      E INFATTI:
      http://www.theverge.com/2015/7/30/9072257/facebookquindi a casa dei tedeschi fai come dicono i tedeschi ;)
      • Hop scrive:
        Re: e ricordiamo...
        - Scritto da: Qualcuno
        - Scritto da: ...

        e ricordiamo che qui alcuni professoroni,
        gente

        dal parere illuminato, hanno giurato che "
        <i

        a

        casa sua ognuno fa quel che vuole </i

        " o
        anche

        " <i
        nessuno ti obbliga a
        registrarti,
        quindi

        segui le regole di FACEBOOK o non iscriverti

        proprio </i
        "...



        E INFATTI:


        http://www.theverge.com/2015/7/30/9072257/facebook

        quindi a casa dei tedeschi fai come dicono i
        tedeschi
        ;)E quindi non giochi :D
        • Catullo scrive:
          Re: e ricordiamo...
          - Scritto da: Hop
          - Scritto da: Qualcuno

          - Scritto da: ...


          e ricordiamo che qui alcuni


          professoroni, gente dal parere


          illuminato, hanno giurato che"

          <i


          a


          casa sua ognuno fa quel che vuole
          </i


          " o

          anche


          " <i
          nessuno ti obbliga a

          registrarti,

          quindi


          segui le regole di FACEBOOK o non
          iscriverti


          proprio </i
          "...





          E INFATTI:





          http://www.theverge.com/2015/7/30/9072257/facebook



          quindi a casa dei tedeschi fai come dicono i

          tedeschi

          ;)
          E quindi non giochi :DE invece gioca lo stesso, cicca cicca cicca...
      • ... scrive:
        Re: e ricordiamo...
        - Scritto da: Qualcuno
        - Scritto da: ...
        quindi a casa dei tedeschi fai come dicono i
        tedeschi
        ;)Io ho sempre sostenuto che Facebook è regolamentabile anche se è un servizio con sede all'estero e anche se " <i
        nessuno ti obbliga ad iscriverti </i
        "L'articolo dimostra che ho ragione, mentre i grandi pensatori del forum, il signor Hop " <i
        nessuno ti obbliga </i
        " 2014, in particolare, erano in torto marcio.
Chiudi i commenti