Schmidt: Larry e Sergey sono adulti

Sono guide mature di un'azienda che uscirà indenne dalla recessione. Il CEO di Google racconta: sono stato un padre ma ora sono un semplice timoniere

Roma – Hanno entrambi 34 anni ma sono in grado di stringere le redini di un’azienda che non teme nemmeno le nubi della recessione che si stanno addensando sugli States. Larry Page e Sergey Brin, cofondatori di Google, sono ormai leader maturi e carismatici: Eric Schmidt, CEO del colosso di Mountain View, rifiuta il ruolo di tutore dell’azienda che dirige e si dichiara un orgoglioso nocchiere di una nave armata dai due giovani talenti.

Schmidt: Larry e Sergey sono adulti Google recessione advertising Non si ritiene una figura paterna, ma agisce come un semplice dirigente capace di far fruttare l’impulsività giovanile di un’azienda che ha vissuto un’ascesa tumultuosa. Eric Schmidt ha investito in Google la propria esperienza come CTO di Sun Microsystems e come chairman e CEO di Novell, ha ricoperto il ruolo di saggio consigliere solo nei primi anni della propria carriera in Google, cominciata nel 2001. “L’azienda a quei tempi era davvero piccola”, ha ricordato Schmidt nel corso di una conferenza stampa tenuta a Sydney: solo in quel momento il CEO ricorda di aver agito come una figura paterna , ma ora è tutto cambiato .

“Credo che non sia giusto oggi parlare di me o dei cofondatori di Google in questi termini – ha spiegato Schmidt – Larry e Sergey sono ora dei leader maturi”, hanno accumulato un’esperienza che consente loro di essere pienamente responsabili di un’azienda che hanno saputo gestire per anni, un’azienda che “dio solo sa quanti dollari possa valere”.

Lo spettro della recessione ? Checché ne dicano gli analisti, l’azienda fondata da Larry e Sergey ne uscirà vincente : merito del sistema di advertising che gli armatori dell’azienda hanno architettato, merito delle strategie che il timoniere ha saputo perseguire. “Anche se ci fosse la recessione negli Stati Uniti, noi saremo in una posizione di vantaggio” ha annunciato ottimista Schmidt.

Schmidt: Larry e Sergey sono adulti Google recessione advertising Il sistema di advertising di Google offre agli inserzionisti pubblicità di qualità, motivazione per cui Schmidt non teme la crisi. Ma è anche la dimensione internazionale dell’azienda, sospinta dalla crescita costante della propria attività sul mercato asiatico , che rende Google immune dalle paure: “Non dipendiamo da un solo mercato e i flussi pubblicitari non si travasano da un mercato all’altro”: è questa una condizione che permette a Google di trarre vantaggio anche dalla debolezza del dollaro.

Le esitazioni sul mercato ? Schmidt minimizza: tutte le aziende della Silicon Valley vivono una storia di rapidissima ascesa per poi rallentare, procedono con un andamento a S . Il modello di business di Google continuerà a pagare, promette il CEO: Schmidt continuerà ad occuparsi della pianificazione strategica su scala internazionale, Brin e Page continueranno ad impegnarsi perché l’azienda continui a sfornare prodotti innovativi, perché la curva di crescita di Google si increspi in nuove S.

Gaia Bottà

fonti delle immagini: qui e qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Tonino scrive:
    Un paraorecchie no??
    Io non uso il cellulare in macchina/motorino se non con gli auricolari.. e quando vedo quelli che guidano sbandando perchè parlano o mandano adirrittura sms mi arrabbio..Questa storiella mi sa tanto da presa per il culo... io se fossi stato il giudice lo avrei sanzionato e detto "la prossima volta comprati un paraorecchie"
  • calunnioso o diffamante scrive:
    Chi può dirlo?
    E se i tabulati appartengono ad un altra scheda?Magari ha fatto la furbata e gli è andata bene...
  • Fede scrive:
    Mani libere
    Il pericolo del telefonare sta anche nel non avere le mani libere....Poi magari si dicono cose pericolose, ma quello è un altro discorso...F
    • Anonimox scrive:
      Re: Mani libere
      Il pericolo non sta nel non avere le mani libere, altrimenti ti dovrebbero multare quando stai guidando con una mano sul volante e l'altra sul cambio.Il pericolo sta nel fatto che la tua attenzione è rivolta altrove, e infatti da molte parti si sollevano voci di protesta sul fatto che anche guidare con l'auricolare è pericoloso, e che il codice in questo senso è lacunoso o persino in contraddizione con il buon senso.
  • Anonimo scrive:
    Offesa all'intelligenza umana
    Provate ad immaginarvi un attimo nei panni di uno che ha un dolorino all'orecchio, magari con sensazione di eccessivo freddo. Cosa fareste? Mi sembra elementare: si porta la mano all'orecchio e ve la si tiene sopra: cosa ci può essere di più caldo e immediato della mano? Chi di voi penserebbe mai di prendere il cellulare? Che c'entra il cellulare?Se la notizia è vera, deve trattarsi di un giudice incapace di ragionare.
    • MarcoF scrive:
      Re: Offesa all'intelligenza umana
      Eppure dai tabulati risulta che il telefonino non era in uso...
    • Ranmamez scrive:
      Re: Offesa all'intelligenza umana
      Ma per favore, se aveva freddo magari aveva anche le mani gelate, mica tutti hanno sempre le mani calde o a temperatura normale!Se l'unica cosa calda che aveva a portata di mano era il telefono che si stava caricando, cosa nota specialmente per alcuni tipi di batterie, per lo stato di usura di queste e anche per la modalità di carica, che solitamente è di tipo superrapido quando attaccati alla presa accendisigari di auto o camion, non vedo cosa ci sia di male o sbagliato.E se dai tabulati non risultavano chiamate in entrata o in uscita, significa che HA ragione, punto. Non significa però che la polizia abbia sbagliato, perché non possono certo controllare se quel che dice era giusto o sbagliato sul momento, non potendo accedere ai tabulati nell'immediato.
    • gdhdfgujhyj d scrive:
      Re: Offesa all'intelligenza umana
      dal dettaglio delle chiamate risultava che non stava telefonando al momento in cui la polizia lo ha fermato
    • Overture scrive:
      Re: Offesa all'intelligenza umana
      Ma se l'intelligenza NON C'È (ed a quanto pare con questi giudici è proprio così) come fai ad offenderla ?
    • Fabrizio scrive:
      Re: Offesa all'intelligenza umana
      "intelligenza umana"???Mai sentito nominare nulla del genere :P
  • Cobra Reale scrive:
    I tabulati
    Se dai tabulati non figura alcuna chiamata fatta o ricevuta, potrebbe anche aver ragione il camionista, a proposito: l'hanno visitato all'orecchio per verificare se soffrisse di qualcosa?
    • macco scrive:
      Re: I tabulati
      mmm... tocca vedere se il cellulare glie lo hanno sequestrato seduta stante oppure ha dovuto consegnare cell + SIM un giorno successivo. Nel secondo caso non mi stupirei che abbia inserito una SIM diversa e consegnato questa assieme al cell e.. TA-DA! Il tabulato mostrerebbe inequivocabilmente che la SIM era spenta e.. nessuna telefonata è stata fatta!..Ma per piacere! Tutto il mondo è paese.. :(
    • Simone scrive:
      Re: I tabulati
      guarda che sull'articolo c'è scritto "bolletta" (ovvero fattura) e non tabulati. Perchè se fosse così ci sarebbero riportate solo le chiamate effettuate e non quelle ricevute.
Chiudi i commenti