SCO, addio al CEO anti-Linux

Uno dei principali artefici della discussa mega-causa contro il pinguino viene fatto accomodare fuori dalla porta. I rimanenti papaveri professano perseveranza: ma il futuro di SCO non è mai sembrato tanto incerto

Roma – C’è ancora vita sul pianeta SCO? A giudicare dalla recente dismissione di Darl McBride, CEO e presidente che ha avuto un ruolo chiave nella pluriennale guerra fratricida combattuta contro IBM, Novell e tutto il mondo Linux al gran completo, la società che pretendeva una royalty per ogni singola copia di sistema operativo basato sul pinguino si avvicina mestamente alla impietosa terminazione delle sue tante tribolazioni , e per giunta a opera dei corresponsabili della guerra di cui sopra.

Il licenziamento in tronco di McBride si apprende da un documento pubblicato dalla SEC statunitense (non presente tra le press release di SCO) che comunica la dismissione delle posizioni dirigenziali di presidente e CEO della società, fatto che viene appunto indicato come motivazione del licenziamento.

SCO perde per strada il CEO che appena lo scorso agosto spronava i suoi ad “affrontare le prossime battaglie” della causa contro IBM e l’intero movimento FOSS, “con la consapevolezza di avere la vittoria in mano” dopo che il tribunale dell’appello aveva spedito la questione direttamente davanti a una giuria dopo la batosta iniziale della condanna del 2008.

Ex-manager dell’attuale “nemico” Novell, McBride ha vissuto l’intera trafila di acquisizioni e ridenominazioni attraverso cui sono passati SCO e i diritti di Unix originariamente in mano al suo precedente datore di lavoro, e la sua scomparsa dal gruppo che aveva contribuito a fondare viene ora descritta come un’ operazione necessaria per la sopravvivenza, una scelta che lascia in sella il COO Jeff Hunsaker, il CFO Ken Nielsen e il Consulente Legale capo Ryan Tibbitts pronti a spartirsi la corona del comando oltre che a gestire le problematiche dell’amministrazione controllata sotto cui SCO si trova a operare.

Almeno per il momento l’eliminazione di McBride non servirà comunque a chiudere i conti con un passato di cause, debiti accumulati e insolvenze ingestibili , perché il management ha detto chiaro e tondo che la crociata anti-Linux di Novell continua anche senza il suo CEO assieme alla ricerca di acquirenti per gli asset non fondamentali della società, con una ristrutturazione di cui si dovrebbero conoscere i dettagli entro il mese prossimo. Prime di finire nelle file dei trombati, infatti, McBride aveva fatto presente alla corte incaricata della bancarotta di SCO di essere in contatto con quattro potenziali acquirenti interessati al gruppo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nome cogniome scrive:
    Athlon II X3 = Phenom II X4
    Il sample di Athlon II X3 435 preso in esame da Hardware Upgrade era basato su die deneb. Semplicemente spuntando un'opzione nel BIOS della scheda madre (ASUS), si è "trasformato" in un Phenom II X4, ovvero si è attivato il quarto core e la cache L3 da 6 MB. In overclock ha superato i 3,5 GHz.In altre parole, una comune berlina è diventata una macchina da corsa, fermo restando il prezzo.Aggiungo che questa non è la regola, ma piuttosto un colpo di fortuna.
  • guast scrive:
    e sff
    E' un po' di tempo che non seguo le evoluzioni.Ma i modelli più efficienti, quelli con la sigla sff li rilasciano ancora ?
  • attonito scrive:
    che confusione!
    e questo e' consuma meno e quell'altro ha 3 core, questo ne ha 4 consuma di piu' ma ha il doppio di cache.... insomma, che confusione! Da utente che ha smesso di seguire l'evoluzione delle CPU (e quendi sono degratato ad untonto) non mi ci raccapezzo piu'.Ma ha senso tutta questa frammentazione? eviventemente si, visto che la vanno, ma dal lato cliente, mi sento parecchio confuso.Ogni 3 mesi escono nuove cpu... l'impressione e' che sia solo la stessa cpu imbellettata diversamente (piu' o meno cache, piu' o meno core, con il bus veloce o lento etc) ma sempre la stessa minestra riscaldata, giusto per tenere sulla corda gli utenti e pungolare la concorrenza.....
    • vac scrive:
      Re: che confusione!
      La corza ai GHz è andata a cozzare con certi limiti fisici e da allora si cercano altre vie per migliorare... Ovvero si aumenta il parallelismo.-Poi se mi vuoi dire che per chattare e scaricare qualche virus da internet un core sia sufficiente... Hai ragione!-Io ho 2 core e spesso mi accorgo che il secondo è poco utilizzato... Figuriamoci 3 o 4 core...
      • il signor rossi scrive:
        Re: che confusione!
        - Scritto da: vac
        La corza ai GHz è andata a cozzare con certi
        limiti fisici e da allora si cercano altre vie
        per migliorare... Ovvero si aumenta il
        parallelismo.il multicore è una cosa eccezionale, un proXXXXX che va al 100% di cpu non ti blocca più il computer, specialmente per i server non è malaccio, i quad core... vale lo stesso discorso, è un salto di prestazioni notevole, e poi ora che i server si virtualizzano... insomma, il multicore è stata oggettivamente la migliore innovazione nei proXXXXXri consumer degli ultimi anni!
        Io ho 2 core e spesso mi accorgo che il secondo è
        poco utilizzato... Figuriamoci 3 o 4
        core...prova a mettere windows vista su una roba a core singolo e ne riparliamo! :)
        • vac scrive:
          Re: che confusione!
          Si parla di hatlon, non di Opteron=
          Non stiamo parlando di server.E comunque non ho detto che siano 1 chioda, volevo solo fare intendere che in un pc casalingo talvolta si esagera.-Certo che se hai Vinsoz (S)Vista la storia cambia!!1 Core per il Kernel, un'altro per l'antivirus, un'altro per i servizi in background, e quello che resta per l'utente.(a patto che una buona scheda grafica si occupi di gestire gli effetti 3D)
    • topolinik scrive:
      Re: che confusione!
      - Scritto da: attonito
      giusto per tenere sulla corda gli utentiLe aziende comprano a stock e valutano bene ciò che serve davvero, anche (e soprattutto) considerando la base dell'installato, e quindi del software che dovrà girarci ("se la mia suite gira benissimo su due core, che me ne faccio di un quad-core?")Fra gli utenti finali, questi giochetti hanno un corposo seguito nel pubblico dei gamers, dei bimbiminkia che si fanno comprare l'ultima cpu da papi così Quake7 può sfornare 6000 fps.Io non ci casco, sarebbe inutile. Ben inteso che AMD fa bene a proporre cpu nuove cambiando però lo zoccolo raramente, so già che se entro in un negozio e compro la cpu più economica, sarà di certo stellare rispetto al mio athlonXP barton.
      e pungolare la concorrenza.....Questa è la parte che fa bene al mercato e anche a noi, se intel fosse rimasta da sola come ai tempi del PPro (ricordi? chi se lo filava il K5 di AMD?) adesso un quad-code costerebbe 1000 dollari.
    • guast scrive:
      Re: che confusione!
      Il proXXXXX di produzione è molto meno preciso di quello che si possa pensare.Appena completati i proXXXXXri vengono testati. Qualcuno ha un core che non funziona bene qualcun'altro ne ha due di cores che non funzionano bene, che si fa si buttano ? No si vendono a prezzo più basso come x2 o x3.Non sono solo i cores sballati a determinarne la sigla, qualcuno tollera voltaggi più bassi e viene marcato con la e, gli altri vengono venduti come proXXXXXri normali.Tutto questo spiega anche perchè vengono rilasciate nuove versioni poco a poco. I primi ad essere rilasciati sono quelli che escono in grandi numeri dagli impianti. Gli altri vengono rilasciati quando ce n'è una scorta sufficiente
      • Gattazzo scrive:
        Re: che confusione!
        Tutto verissimo quel che spiega quast sui processi di produzione e sulla classificazione dei prodotti finiti in funzione del livello di risposta ai test di controllo. Se qualche figlio di papà (alias bimbominkia) vuole "il meglio" per fare il fighetto, si accomodi, gli lascio il posto mio, ma sappia che sta strapagando un qualcosa che poi sfrutta davvero solo per giocare... E chi si vanta delle possibilità di O.C. superiore del suo "marchio" del cuore, si sta in realtà vantando di una prodotto generato da un proXXXXX di produzione "meno preciso" ovvero meno controllato...: le case produttrici non sono fesse, ed il margine di overcloccabilità nasce proprio dal livello di imprecisione della catena di produzione, che garantisce un certo livello qualitativo, e tutto il di più, che a questo punto per motivi di risparmio manco viene più controllato, è tutto un eventuale regalo a favore degli overclockers del caso...
  • vac scrive:
    "energy efficient" ....Ma quanto?
    "energy efficient" sono solo parole.Quanto efficient?E' pensabile un raffreddamento passivo (=senza ventola)per questo proXXXXXre?
    • The Bishop scrive:
      Re: "energy efficient" ....Ma quanto?
      - Scritto da: vac
      "energy efficient" sono solo parole.
      Quanto efficient?Se leggi, TDP da 45W (che per una CPU del genere e' decisamente efficiente)

      E' pensabile un raffreddamento passivo (=senza
      ventola)per questo
      proXXXXXre?Assolutamente NO, ma a differenza degli i7 e dei Phenom non necessita di una ventola della XXXXXXX...
      • Cryon scrive:
        Re: "energy efficient" ....Ma quanto?
        - Scritto da: The Bishop
        - Scritto da: vac

        "energy efficient" sono solo parole.

        Quanto efficient?

        Se leggi, TDP da 45W (che per una CPU del genere
        e' decisamente
        efficiente)




        E' pensabile un raffreddamento passivo (=senza

        ventola)per questo

        proXXXXXre?

        Assolutamente NO, ma a differenza degli i7 e dei
        Phenom non necessita di una ventola della
        XXXXXXX...perchè no? O_oio ho usato su un q9550 il gemini II e decisamente andava bene.. poi l'ho portato a 3,8 in oc e per abbassare le temp ho aggiunto le ventole altrimenti non sarebbe stato necessario(a dire il vero non era necessario nemmeno in oc ma non volevo avere temp alte)
      • vac scrive:
        Re: "energy efficient" ....Ma quanto?
        Quello che dici non è corretto.Il TDP non indica il consumo ma il consumo massimo ammissibile.Il mio PC (fisso), misurato dalla presa 230V consuma tra 42-48WIl proXXXXXre ha un TDP di 45W=
        Come per gli HD occorre un indicazione dei consumi in varie condizioni di lavoro.
    • XFILE scrive:
      Re: "energy efficient" ....Ma quanto?
      La mia esperienza sui notebook AMD è più che positiva, la ventola si sente appena e scaldano pochissimo rispetto agli intel
Chiudi i commenti