Scriveva virus. Arrestato per violazione di copyright

Il quadro normativo giapponese è lacunoso. Dove non arrivano accuse per aver diffuso codici malevoli, arriva la legge sul diritto d'autore

Roma – Una donna che cammina fra i petali di fiore di ciliegio: questa l’immagine visualizzata dagli utenti giapponesi caduti in una nuova singolare trappola informatica. Sul loro PC un messaggio : “Sei già morto. Vieni qui. E scusati con me. In caso contrario il tuo PC si autodistruggerà”. E in un attimo video e musica presenti sul computer vengono sostituiti dalla immagini di un giovane che si firma Harada.

Per questo motivo quel pezzo di codice è stato soprannominato Harada dai media locali. La security firm Sophos lo definisce una mutazione del Trojan Pirlames : si mimetizzava in un’animazione tratta dall’anime Clannad , estremamente popolare e apprezzato nel Sol Levante, scambiato dai netizen su Winny , servizio giapponese dedicato al file sharing. Ma il presunto autore del trojan è stato arrestato.

Rintracciato l’autore del codice malevolo, di fronte alle forze dell’ordine si è parato un baratro legislativo , una contingenza che si era verificata anni fa nelle Filippine e a Taiwan : nessuna norma che punisca i virus writer, nessuna pena prevista per gli autori di malware. Ma le leggi che tutelano il diritto d’autore sono apparse calzanti . Più calzanti delle accuse di danneggiamento di attività economiche o di proprietà altrui, accuse con le quali spesso sono stati puniti altri virus writer: il fatto che il codice fosse stato veicolato da un’immagine coperta da copyright ha offerto l’opportunità di arrestare Masato Nakatsuji, 24enne, studente universitario e untore informatico.

Qualcosa da dire a sua discolpa? Masato confessa che non voleva violare il diritto d’autore, voleva soltanto infettare il più alto numero possibile di computer: “Ritenevo che il virus si sarebbe diffuso con più facilità se nascosto all’interno di un file dal nome così popolare”, Clannad appunto.
Sulle stesse posizioni gli altri due arrestati, sospettati di aver distribuito sulle reti P2P virus e immagini incriminate. Rischiano un massimo di 10 anni di carcere e una multa di 10 milioni di yen, circa 64mila euro, per aver distribuito illegalmente immagini protette da copyright.

Tutto questo mentre imperversa una campagna governativa che invita gli utenti a proteggere i propri PC, mentre una proposta di legge per istituire nuovi “reati informatici” è arenata nelle secche della politica.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gunny35 scrive:
    bah
    Il problema sono i costi. Fino ad ora VIA non è riuscita a fornire le piattaforme CN a prezzi competitivi.I consumi di queste nuove CPU non sono poi strabilianti confrontati a quelle delle piattaforme UMPC e portatili di Intel.
    • Pinco scrive:
      Re: bah
      per non dire che fra poco arrivano i 45 nm con altro taglio di energia consumata e con le prestazioni della intel/AMD.
      • iRoby scrive:
        Re: bah
        Iole auguro comunque buona fortuna e che riesca a fare ottimi prodotti ed in linea coi concorrenti.Avere ancora un altro vendor con buoni prodotti crea concorrenza ed un'altra possibilità di scelta per noi.
        • vabhe scrive:
          Re: bah

          Iole auguro comunque buona fortunaanche io, soprattutto se documenterà meglio i suoi prodotti (a vantaggio di tutti, in particolare della comunità floss...)
          • Controlli a Campione scrive:
            Re: bah
            - Scritto da: vabhe

            Iole auguro comunque buona fortuna
            anche io, soprattutto se documenterà meglio i
            suoi prodotti (a vantaggio di tutti, in
            particolare della comunità
            floss...)le solite frasi fatte ...
          • iRoby scrive:
            Re: bah
            Io vorrei solo capire cosa è il tuo...Un gesto di stizza?Sottintende invidia o odio nei confronti dell'opensource?
          • iRoby scrive:
            Re: bah
            Ma mi pare che VIA stia facendo un ottimo lavoro con la comunità floss, i driver per i chip grafici del progetto OpenChrome funzionano perfettamente e supportano tutti i chipset integrati di VIA.Tutte le sue motherboard ITX sono supportatissime, anche perché appliance con Linux sono il target principale di quelle schede, non ci vorrai mica far girare Vista? ;)
      • DeMilitariz ed_Zone scrive:
        Re: bah
        - Scritto da: Pinco
        per non dire che fra poco arrivano i 45 nm con
        altro taglio di energia consumata e con le
        prestazioni della
        intel/AMD.oltetutto và meglio un A64 downcloccato; sia in termini di perfomance che di consumi.la cosa molto bella della piattaforam via sono le pico-itx, lì hanno davvero fatto un bel lavoro per cui ti ritrovi il PC che consuma meno e non solo il processore e sta in un quadratino.a me i prodotti via recenti piacciono molto, non sono più la terza/quarta seclta come erano un tempo i loro chipset, sono laprima scelta se quello che conta sono le dimensionie si sà....le dimensioni contano!
        • Attanasio Attanasi scrive:
          Re: bah
          - Scritto da: DeMilitariz ed_Zone
          e si sà....le dimensioni contano!Sì, però più ce l'hai grosso! Non come via che ce l'ha piccolo (il PC).
Chiudi i commenti