Scuola digitale come motore di ricerca

Convegno

Roma – In occasione del Forum P.A., Microsoft, in collaborazione con il MIUR , organizza un convegno dedicato alla diffusione delle tecnologie informatiche nel mondo scolastico italiano dal titolo “La scuola digitale come motore di ricerca – Opinioni a confronto su tecnologie, competenze e didattiche” .

L’incontro, che inizierà alle 9,30, studierà, si legge in una nota, “le esigenze che stanno emergendo nel mondo della scuola in ambito informatico, i livelli di competenza raggiunti e quelli necessari per favorire un reale processo di cambiamento, i risultati positivi di esperienze e progetti realizzati e le nuove iniziative a sostegno di un corretto utilizzo delle tecnologie informatiche per la didattica”.

Al convegno interverranno, tra gli altri, Alessandro Musumeci, Direttore Generale Sistemi Informativi MIUR, e Giovanni Stifano, Direttore Public Sector di Microsoft Italia.

Il sito di riferimento del Forum P.A. è qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Collaborazione ????
    "Il tema centrale di Java Conference 2006 - si legge in una nota - è la rivoluzione del Web 2.0: da un lato la trasformazione di Internet, che si configura sempre più come Social Network ; dall'altro il cambiamento del mondo del software, dove la collaborazione si sta rivelando il fattore chiave per l'innovazione e lo sviluppo". ...Loro parlano di collaborazione (geek)....perchè prima non cacciano il codice sorgente della JVM e non la passano a GPL ?!?......VIVA PYTHON....www.python.org ;) ;) ;) ;) ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Collaborazione ????

      ...Loro parlano di collaborazione (geek)
      ....perchè prima non cacciano il codice sorgente
      della JVM e non la passano a GPL
      ?!?......allora, tu saprai meglio di me, se ti sei documentato, che i sorgenti della Sun sono disponibili ma hanno delle limitazioni di redistribuzione del sorgente ma soprattutto dei cicli di testing.in ogni caso il sorgente della JVM è irrilevante (anche IBM o Novell potrebbero rilasciare il sorgente della loro JVM, ma non lo fanno)esistono molte JVM, tutte possono eseguire lo stesso bytecode, anche quelle open source (SableVM, Kaffé, Cacao, JamVM, GNU GIJ, Kissme).La differenza sono le librerie, e fino ad oggi non esistevano librerie al pari di quelle proprietarie.Lasciando perdere Apache Harmony che ad oggi è solo hype, GNU Classpath invece è un sistema pienamente compatibile con le specifiche 1.4 e con buona parte delle 5.0 (mancano le annotation e javax.management)http://www.kaffe.org/~stuart/japi/htmlout/h-jdk14-classpath.htmlhttp://www.kaffe.org/~stuart/japi/htmlout/h-jdk15-classpath.htmllo GNU Classpath 0.90 è quasi completamente compatibile con Java 1.4 e permette l'esecuzione di bytecode compilato con qualunque JDK (commerciale o opensource) e anche di ricompilare in codice nativo da sorgente e bytecode tramite il GCJ.che vuoi di più? :)
      VIVA PYTHON....www.python.org

      ;) ;) ;) ;) ;)ecco il solito "tifosismo" italiano...certo, python fa molto *fashion*, ultimamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Collaborazione ????

      ....perchè prima non cacciano il codice sorgente
      della JVM e non la passano a GPL
      ?!?......L'ignoranza, abbinata alla supponenza, non l'ho mai supportate.La JVM è una macchina virtuale, null'altro, di cui sono note specifiche e architettura. Chiunque (se ne è capace, se vuole e se ne trae vantaggio) può realizzare un JVM.
  • Anonimo scrive:
    Colosso del software?
    (rotfl)(rotfl)(rotfl)Da quando? Se la maggior parte del loro fatturato deriva dai SERVER!!!
Chiudi i commenti