Se il privato intercetta il P2P

di Giovanni Pagliarulo - Tra le conseguenze della clamorosa decisione del Garante anche il fatto che monitorare il P2P significa eseguire una intercettazione. E questo produce ulteriori effetti

Roma – Il provvedimento del Garante per la privacy sul caso Peppermint dà l’occasione per alcune riflessioni ulteriori sulle modalità di accertamento del reato di illecita immissione in rete di opere dell’ingegno protette.
In particolare, merita di essere approfondita l’ipotesi in cui la registrazione e documentazione del file-sharing altrui sia effettuata da privati, anziché dalla polizia giudiziaria. Come il caso Peppermint dimostra (sebbene tale vicenda riguardi un procedimento civile, non penale) si tratta di un’eventualità tutt’altro che remota, anche in ragione della probabile bassa priorità attribuita all’accertamento di tale reato dagli inquirenti, per i motivi già illustrati nel precedente articolo.

Occorre prima di tutto premettere che le “indagini” (nel senso più ampio del termine) svolte da privati, generalmente precedono il procedimento penale ed in tal caso sono (anzi, possono essere unicamente) finalizzate alla apprensione della notizia di reato. A prescindere da considerazioni di carattere tecnico-giuridico, appare quantomeno poco probabile, infatti, che una volta iscritto il procedimento penale chi ha denunciato il fatto svolga investigazioni “parallele” a quelle della polizia giudiziaria. Insomma, la situazione tipica è che il privato raccolga elementi che documentino che probabilmente è stato commesso un reato, e li prospetti alla Autorità giudiziaria perché vengano avviate delle indagini che accertino se l’illecito sia effettivamente stato commesso e da chi. Tale attività viene definita “preprocedimentale” ed il principio generale è che possa essere utilizzata unicamente per finalità investigative (vale a dire per dare impulso alle indagini) e mai come prova.

Una deroga a tale regola la si ha quando i risultati della attività svolta dal privato possano essere considerati come “documenti” ex art. 234 c.p.p., i quali possono essere direttamente introdotti nel dibattimento (cioè essere utilizzati dal giudice per la decisione)

Per “documento” (o, più correttamente, prova documentale nel processo penale) si intende la rappresentazione/memorizzazione (in qualsiasi forma: manoscritto, registrazione visiva, digitale etc.) di un fatto, che sia formata “al di fuori” del procedimento penale, nel senso cioè che non trovi la sua causa genetica nella necessità di accertare il reato.

Venendo al caso in questione, riesce francamente difficile pensare che il sistematico monitoraggio del traffico telematico di terzi non sia finalizzato a dimostrare la illecita immissione in rete di opere protette da parte degli stessi, e dunque, strumentale al procedimento, ancorchè non avviato, diretto a provare l’illecito medesimo. Soprattutto se chi registra lo scambio dei file assume di essere persona offesa dal delitto, dunque soggetto del (futuro) processo.

Conseguentemente, siffatta attività dovrebbe essere considerata, al limite, quale mezzo di investigazione atipico, soggetto ai limiti già rappresentati in relazione al download ad opera della p.g. (ammissibilità del mezzo di prova, al dibattimento, subordinata alla assenza di violazione della libertà morale individuale, alla pertinenza col fatto da provare ed, in ogni caso, ad una valutazione discrezionale del giudice).

Una volta rappresentato il fatto alla autorità giudiziaria, le indagini dovrebbero svolgersi secondo lo schema già delineato in Il fallimento della Legge Urbani . Ad ogni buon conto, consumandosi, come si è visto, il reato di cui all’art. 171, comma 1, lettera a bis) della L. 633/1941, con la immissione in rete delle opere protette, sarebbe preferibile, per il privato, produrre agli inquirenti tanto la documentazione del traffico di rete rilevato (i “tabulati” degli indirizzi IP coinvolti nello scambio dei file) che l’hard disk sul quale le opere protette sono state scaricate, perché sia sottoposto agli accertamenti tecnici del caso (copia fisica del disco fisso e quant’altro) che comprovino che l’upload sia effettivamente avvenuto.

Fino ad ora abbiamo dato per scontato che le “investigazioni” del privato consistano nella ricezione dei file sul proprio hard disk, attività che non può essere definita quale intercettazione, dato che chi riceve “partecipa” alla comunicazione illecita.
Il provvedimento del Garante per la privacy sembra però connotare diversamente il monitoraggio effettuato dalla Logistep.
Secondo la ricostruzione operata da tale Autorità, potremmo essere in presenza di una vera e propria intercettazione.

Va chiarito, innanzi tutto, che si può correttamente parlare di intercettazione processuale in presenza di tre condizioni: 1) che oggetto della captazione sia una comunicazione riservata 2) che chi percepisce la comunicazione altrui sia terzo rispetto agli (ignari) interlocutori 3) che per “registrare” la comunicazione siano impiegati strumenti tecnici (nel senso cioè che origliare un dialogo tra terzi non viene considerato intercettazione in senso tecnico)
Sul terzo requisito non sono necessarie considerazioni.
Quanto al primo, la Corte di Cassazione ha escluso che la condivisione di file possa essere ritenuta quale comunicazione riservata, meritevole pertanto della tutela accordata dall’art. 15 Cost., in quanto “immettendo nei files immagini che chiunque può liberamente scaricare nel suo computer…. l’utente pone in essere una sorta di gratuita offerta al pubblico… e la stessa, peculiare, metodologia di utilizzo della rete sembrerebbe escludere che siano prospettabili ragioni ostative di segretezza o riservatezza alla cui tutela è predisposto l’art. 15 della Costituzione, proprio perchè l’opzione in favore di un sistema di diffusione a tutti accessibile pare inconciliabile, in nuce, con qualsivoglia esigenza di tutela della riservatezza” (Cass. Sez. II Pen., 13 giugno 2003, n. 37103).

Il provvedimento del Garante pare invece arrivare a conclusioni diverse, laddove ritiene che lo scambio di file via Internet debba essere considerato quale comunicazione privata, (contrapposta a quella al pubblico) poiché “la circostanza che il sistema peer-to-peer consenta l’accesso ad un numero potenzialmente elevato di utenti non rende infinito, o del tutto indeterminabile, il numero dei soggetti della comunicazione. Quest’ultima è infatti rivolta non a una platea indistinta di utenti ma a soggetti delimitati che possono essere identificati. Manca, tra l’altro, la simultaneità e l’unicità della trasmissione che sono caratteristiche qualificanti di una comunicazione al pubblico”.

Sarà interessante vedere se, in futuro, il Giudice di legittimità terrà in considerazione le valutazioni espresse dalla Autorità amministrativa titolare del potere di vigilanza sul rispetto del diritto alla riservatezza.
In ordine alla terza condizione, il punto è comprendere l’esatto funzionamento del software fsm.

In base alla ricostruzione operata dal Garante, tale programma “accerta da chi e quando viene offerto quale file per il downloading e da chi, quando e per quanto tempo, viene effettivamente copiato tale file” .
Ora, se il software capta (e conserva) il flusso dei dati tra terzi, non vi è dubbio che siamo in presenza di un’intercettazione; per quanto pochi possano essere i bit registrati, infatti, essi costituiscono pur sempre un’informazione, giuridicamente rilevante (tant’è che consentono di dimostrare che sia avvenuto lo scambio di un file, e di identificare quest’ultimo).

Se, invece, il programma si limita a “seguire” un file, in base all’algoritmo di hash che lo contraddistingue e alle richieste o agli avvi di download del file stesso, con relativa memorizzazione degli IP interessati, è dubbio se si possa parlare di intercettazione ma lo è anche l’efficacia probatoria dei risultati offerti dal software, che, a questo punto, dovrà essere oggetto di attenta valutazione in giudizio (ferma restando la violazione del diritto alla riservatezza di chi ha partecipato allo scambio dei file, scaturente dalla annotazione -e successiva utilizzazione- dei dati di traffico, e la conseguente inutilizzabilità del mezzo di prova).

Non è questa la sede (data la complessità dell’argomento, la indisponibilità degli atti processuali e la pendenza della vicenda giudiziaria) per affermare se il monitoraggio effettuato dalla Logistep possa essere considerato un’intercettazione e se in tal caso ci si trovi in presenza di una condotta penalmente rilevante ex art. 617 quater c.p..
Si può però certamente concludere che se è difficile per Autorità e polizia giudiziaria accertare l’avvenuta immissione in rete di opere protette, lo è ancor più per i privati, talvolta costretti a ricorrere a strumenti investigativi non consentiti dalla legge (dunque inutilizzabili nel processo penale) se non addirittura penalmente illeciti.

Avv. Giovanni Pagliarulo
AvvocatoGP

dell’avv. Pagliarulo vedi anche:
Il fallimento della Legge Urbani

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andrea Botteghelz scrive:
    Quando il rimedio è la causa del male...
    Finché non saranno aboliti l'ordine dei giornalisti e i contributi pubblici alla stampa non se ne parla nemmeno.
  • ZardoTagore scrive:
    Dunque non posso dichiarare un parere?
    Dopo aver letto l'articolo e alcuni interventi ho potuto costatare che molti navigatori sono dell'avviso che non posso dichiarare un parere pubblicamente anche offensivo. Non credo che a nessuno piaccia essere offeso, specialmodo pubblicamente; ma esistano risorse legali per intervenire. Credo che il problema non sia Wiki puo', deve o no; e' un fatto di cultura, di elevazione sociale. Personalmente, per il rispetto che ho degli altri, dunque di me stesso; non ricorrerei mai alla calunnia e l'offesa per commentare un mio disappunto su una persona. Daltronde ad un offesa posso scegliere di ascoltarne le motivazioni, oppure; se incongruente, ignorarle. Se mi sentissi offeso probabilmente ci sarebbe del vero, nelle offese. Vogliamo chiudere il P2P, vogliamo chiudere i blog che dichiarano pareri, variamo delle leggi su tutto cio' che non piace. Abbiamo bisogno di cultura , di evoluzione e liberta' mentale, non di leggi che fanno altro che rendere il mondo piu' piccolo.
    • FinalCut scrive:
      Re: Dunque non posso dichiarare un parere?
      - Scritto da: ZardoTagore
      Dopo aver letto l'articolo e alcuni interventi ho
      potuto costatare che molti navigatori sono
      dell'avviso che non posso dichiarare un parere
      pubblicamente anche offensivo.il problema è che se lo scrivi sul tuo blog è "un parere", se lo scrivi su una enciclopedia non è più "un parere" diventa "la verità enciclopedica" o almeno sotto questa forma molti la vedranno.Ergo bisogna stare bene attenti a quello che si scrive consapevoli di doverlo difendere a spada tratta, eventualmente, anche davanti ad un giudice.questo IMHO(linux)(apple)
    • Emmanuel scrive:
      Re: Dunque non posso dichiarare un parere?
      Una enciclopedia online non ha bisogno di pareri...
  • Gigi scrive:
    Solo questione di soldi?
    Su ebay si vendono cose rubate, reperti trafugati, si truffa la gente non si pagano le tasse e chi piu' ne ha piu' ne metta.Non sto dicendo che il modello di ebay sia corretto voglio solo sottolineare che il comportamento e' incoerente.Questo giochino di chiamarsi fuori da ogni responsabilita' deve finire per tutti!
    • MircoM scrive:
      Re: Solo questione di soldi?
      mah... dal mio punto di vista, quello che deve finire è l'utilizzo inconsapevole da parte delle persone di mezzi che non comprendono.chi darebbe dei soldi *in anticipo* a qualcuno che vende scarpe tarocche dalla cina dopo aver letto un annuncio su un volantino? immagino nessuno, sarebbe stupudo. eppure tramite ebay c'è un sacco di gente che lo fa. e vallo a pescare il cinese che ti ha tirato il pacco... (ovviamente nulla verso i cinesi :) era solo un esempio). anche appellarsi a chi ha stampato il volantino (che magari è una tipografia svedese, giusto per complicare un po il quadro internazionale) mi pare abbastabza puerile. chi si fiderebbe ciecamente di una notizia letta in una bacheca pubblica in cui tutti possono aggiungere|romuovere|modificare informazioni? ovviamente nessuno. e allora perché prendere wikipedia per oro colato?occorre sempre ragionare.
  • strantini oronzo scrive:
    alessandro a chi conviene?
    Quello che ha detto alessandro e' sacrosanto. Difendere i diritti anche da chi si sente diffamato di prendere le sue difese anche in termini legali.Perche' allora secondo te questo provvedimento non e' stato preso? Perche' un provvedimento cosi banale wikipedia italia non lo ha fatto?Saro' un paranoico, ma poi alla fine agli admin che gestiscono alla fine potrebbe convenire per mantenere lo status di Deus ex Machina, dove se il discorso non piace viene cancellato se piace ma da fastidio a qualcuno lo si lascia e ci si fa scudo del: "io non c'entro nulla"eh no troppo comodo.Ma questa idiosincrasia e' tutta italiana. Perche' non si sono viste querele su altri siti?Per me e' dovuta da una gestione del sito italiano oligarchica e che non accetta alcun confronto all'esterno dei non "eletti".Alla fine questo e' il risultato.
  • Michele scrive:
    Te stai fuori...
    come da oggetto
    • se lo dici tu scrive:
      Re: Te stai fuori...
      - Scritto da: Michele
      come da oggettolui secondo te stara' fuori ma su quello che ha detto non ci fa una piega
  • dont feed the troll scrive:
    Ognuno può avere le idee che vuole
    La Legge in Italia, e l'applicazione della stessa, sono fattori aleatori che dipendono da molte variabili, parecchie delle quali poco hanno a che fare con la giustizia.Detto questo, quello che traspare è che c'è + di qualcuno che sembra godere dei guai che possa passare wikipedia, come se wikipedia abbia fatto loro dei torti.Mi aiutate a capire questo malcelato odio nei confronti di wikipedia?
    • cinico scrive:
      Re: Ognuno può avere le idee che vuole
      - Scritto da: dont feed the troll
      La Legge in Italia, e l'applicazione della
      stessa, sono fattori aleatori che dipendono da
      molte variabili, parecchie delle quali poco hanno
      a che fare con la
      giustizia.

      Detto questo, quello che traspare è che c'è + di
      qualcuno che sembra godere dei guai che possa
      passare wikipedia, come se wikipedia abbia fatto
      loro dei
      torti.

      Mi aiutate a capire questo malcelato odio nei
      confronti di
      wikipedia?gia' chiediti perche'... forse perche' tanta gente come nell'ultimo articolo sul blocco della pagina di BDB pensa che ci sia qualcosa che non vada?
      • dont feed the troll scrive:
        Re: Ognuno può avere le idee che vuole
        - Scritto da: cinico
        - Scritto da: dont feed the troll

        La Legge in Italia, e l'applicazione della

        stessa, sono fattori aleatori che dipendono da

        molte variabili, parecchie delle quali poco
        hanno

        a che fare con la

        giustizia.



        Detto questo, quello che traspare è che c'è + di

        qualcuno che sembra godere dei guai che possa

        passare wikipedia, come se wikipedia abbia fatto

        loro dei

        torti.



        Mi aiutate a capire questo malcelato odio nei

        confronti di

        wikipedia?

        gia' chiediti perche'... forse perche' tanta
        gente come nell'ultimo articolo sul blocco della
        pagina di BDB pensa che ci sia qualcosa che non
        vada?scusa ma non sono molto informato che è BDB?Ad ogni modo, tutto è discutibile e nessuno qui vuole dire che wikipedia e wikipedia italia sia perfetta, pero' al di là del singolo caso che puo' essere discutibile, mi sembvra che ci sia dell'odio sulla modalità e sulla filosofia di condivisione dell'informazione che francamente mi sconcerta.Mi sbaglio?
        • cinico scrive:
          Re: Ognuno può avere le idee che vuole
          - Scritto da: dont feed the troll
          - Scritto da: cinico

          - Scritto da: dont feed the troll


          La Legge in Italia, e l'applicazione della


          stessa, sono fattori aleatori che dipendono da


          molte variabili, parecchie delle quali poco

          hanno


          a che fare con la


          giustizia.





          Detto questo, quello che traspare è che c'è +
          di


          qualcuno che sembra godere dei guai che possa


          passare wikipedia, come se wikipedia abbia
          fatto


          loro dei


          torti.





          Mi aiutate a capire questo malcelato odio nei


          confronti di


          wikipedia?



          gia' chiediti perche'... forse perche' tanta

          gente come nell'ultimo articolo sul blocco della

          pagina di BDB pensa che ci sia qualcosa che non

          vada?

          scusa ma non sono molto informato che è BDB?
          Ad ogni modo, tutto è discutibile e nessuno qui
          vuole dire che wikipedia e wikipedia italia sia
          perfetta, pero' al di là del singolo caso che
          puo' essere discutibile, mi sembvra che ci sia
          dell'odio sulla modalità e sulla filosofia di
          condivisione dell'informazione che francamente mi
          sconcerta.
          Mi sbaglio?sbagli se cerchi su punto informatico BDB vedi il numero sconcertante di testimonianze non troppo positive a riguardo della sola wikipedia italia.Se tutti si lamentano un motivo ci sara' non credi?
          • dont feed the troll scrive:
            Re: Ognuno può avere le idee che vuole
            - Scritto da: cinico
            - Scritto da: dont feed the troll

            - Scritto da: cinico


            - Scritto da: dont feed the troll



            La Legge in Italia, e l'applicazione della



            stessa, sono fattori aleatori che dipendono
            da



            molte variabili, parecchie delle quali poco


            hanno



            a che fare con la



            giustizia.







            Detto questo, quello che traspare è che c'è
            +

            di



            qualcuno che sembra godere dei guai che
            possa



            passare wikipedia, come se wikipedia abbia

            fatto



            loro dei



            torti.







            Mi aiutate a capire questo malcelato odio
            nei



            confronti di



            wikipedia?





            gia' chiediti perche'... forse perche' tanta


            gente come nell'ultimo articolo sul blocco
            della


            pagina di BDB pensa che ci sia qualcosa che
            non


            vada?



            scusa ma non sono molto informato che è BDB?

            Ad ogni modo, tutto è discutibile e nessuno qui

            vuole dire che wikipedia e wikipedia italia sia

            perfetta, pero' al di là del singolo caso che

            puo' essere discutibile, mi sembvra che ci sia

            dell'odio sulla modalità e sulla filosofia di

            condivisione dell'informazione che francamente
            mi

            sconcerta.

            Mi sbaglio?

            sbagli se cerchi su punto informatico BDB vedi il
            numero sconcertante di testimonianze non troppo
            positive a riguardo della sola wikipedia
            italia.
            Se tutti si lamentano un motivo ci sara' non
            credi?Come argomentazione il "tutti si lamentano un motivo ci sarà" lascia parecchio a desiderare, o conosci i termini della questione e ne parli con me o ciccia e questo sia perchè NON E' VERO che "TUTTI si lamentano" semmai si lamenta qualcuno o + di qualcuno, sia perchè bisogna vedere perchè si lamentano, non è la prima volta che le masse prendono delle gran cantonate.
          • cinico scrive:
            Re: Ognuno può avere le idee che vuole
            - Scritto da: dont feed the troll
            - Scritto da: cinico

            - Scritto da: dont feed the troll


            - Scritto da: cinico



            - Scritto da: dont feed the troll




            La Legge in Italia, e l'applicazione della




            stessa, sono fattori aleatori che
            dipendono

            da




            molte variabili, parecchie delle quali
            poco



            hanno




            a che fare con la




            giustizia.









            Detto questo, quello che traspare è che
            c'è

            +


            di




            qualcuno che sembra godere dei guai che

            possa




            passare wikipedia, come se wikipedia abbia


            fatto




            loro dei




            torti.









            Mi aiutate a capire questo malcelato odio

            nei




            confronti di




            wikipedia?







            gia' chiediti perche'... forse perche' tanta



            gente come nell'ultimo articolo sul blocco

            della



            pagina di BDB pensa che ci sia qualcosa che

            non



            vada?





            scusa ma non sono molto informato che è BDB?


            Ad ogni modo, tutto è discutibile e nessuno
            qui


            vuole dire che wikipedia e wikipedia italia
            sia


            perfetta, pero' al di là del singolo caso che


            puo' essere discutibile, mi sembvra che ci sia


            dell'odio sulla modalità e sulla filosofia di


            condivisione dell'informazione che francamente

            mi


            sconcerta.


            Mi sbaglio?



            sbagli se cerchi su punto informatico BDB vedi
            il

            numero sconcertante di testimonianze non troppo

            positive a riguardo della sola wikipedia

            italia.

            Se tutti si lamentano un motivo ci sara' non

            credi?

            Come argomentazione il "tutti si lamentano un
            motivo ci sarà" lascia parecchio a desiderare, o
            conosci i termini della questione e ne parli con
            me o ciccia e questo sia perchè NON E' VERO che
            "TUTTI si lamentano" semmai si lamenta qualcuno o
            + di qualcuno, sia perchè bisogna vedere perchè
            si lamentano, non è la prima volta che le masse
            prendono delle gran
            cantonate.eh gia' come era la frase di maria antonietta? Il popolo ha fame dategli le brioches... hai visto che fine ha fatto?Il popolo difficilmente prende le cantonate.Ma quasi sempre chi incolpa il popolo alla fine finisce male.
          • dont feed the troll scrive:
            Re: Ognuno può avere le idee che vuole
            - Scritto da: cinico
            - Scritto da: dont feed the troll

            - Scritto da: cinico


            - Scritto da: dont feed the troll



            - Scritto da: cinico




            - Scritto da: dont feed the troll





            La Legge in Italia, e l'applicazione
            della





            stessa, sono fattori aleatori che

            dipendono


            da





            molte variabili, parecchie delle quali

            poco




            hanno





            a che fare con la





            giustizia.











            Detto questo, quello che traspare è che

            c'è


            +



            di





            qualcuno che sembra godere dei guai che


            possa





            passare wikipedia, come se wikipedia
            abbia



            fatto





            loro dei





            torti.











            Mi aiutate a capire questo malcelato
            odio


            nei





            confronti di





            wikipedia?









            gia' chiediti perche'... forse perche'
            tanta




            gente come nell'ultimo articolo sul blocco


            della




            pagina di BDB pensa che ci sia qualcosa
            che


            non




            vada?







            scusa ma non sono molto informato che è BDB?



            Ad ogni modo, tutto è discutibile e nessuno

            qui



            vuole dire che wikipedia e wikipedia italia

            sia



            perfetta, pero' al di là del singolo caso
            che



            puo' essere discutibile, mi sembvra che ci
            sia



            dell'odio sulla modalità e sulla filosofia
            di



            condivisione dell'informazione che
            francamente


            mi



            sconcerta.



            Mi sbaglio?





            sbagli se cerchi su punto informatico BDB vedi

            il


            numero sconcertante di testimonianze non
            troppo


            positive a riguardo della sola wikipedia


            italia.


            Se tutti si lamentano un motivo ci sara' non


            credi?



            Come argomentazione il "tutti si lamentano un

            motivo ci sarà" lascia parecchio a desiderare, o

            conosci i termini della questione e ne parli con

            me o ciccia e questo sia perchè NON E' VERO che

            "TUTTI si lamentano" semmai si lamenta qualcuno
            o

            + di qualcuno, sia perchè bisogna vedere perchè

            si lamentano, non è la prima volta che le masse

            prendono delle gran

            cantonate.

            eh gia' come era la frase di maria antonietta? Il
            popolo ha fame dategli le brioches... hai visto
            che fine ha
            fatto?
            Il popolo difficilmente prende le cantonate.Ora non per menarla in politica ma in milioni votano a Berlusconi, questo non vuol dire che sia un buon politico.Tra l'altro la tua investitura di tribuno del popolo me la devo essere persa.
            Ma quasi sempre chi incolpa il popolo alla fine
            finisce
            male.Quasi sempre chi si nasconde dietro il "tutti dicono" non ha molto da dire.
          • cinico scrive:
            Re: Ognuno può avere le idee che vuole
            - Scritto da: dont feed the troll
            - Scritto da: cinico

            - Scritto da: dont feed the troll


            - Scritto da: cinico



            - Scritto da: dont feed the troll




            - Scritto da: cinico





            - Scritto da: dont feed the troll






            La Legge in Italia, e l'applicazione

            della






            stessa, sono fattori aleatori che


            dipendono



            da






            molte variabili, parecchie delle quali


            poco





            hanno






            a che fare con la






            giustizia.













            Detto questo, quello che traspare è
            che


            c'è



            +




            di






            qualcuno che sembra godere dei guai
            che



            possa






            passare wikipedia, come se wikipedia

            abbia




            fatto






            loro dei






            torti.













            Mi aiutate a capire questo malcelato

            odio



            nei






            confronti di






            wikipedia?











            gia' chiediti perche'... forse perche'

            tanta





            gente come nell'ultimo articolo sul
            blocco



            della





            pagina di BDB pensa che ci sia qualcosa

            che



            non





            vada?









            scusa ma non sono molto informato che è
            BDB?




            Ad ogni modo, tutto è discutibile e
            nessuno


            qui




            vuole dire che wikipedia e wikipedia
            italia


            sia




            perfetta, pero' al di là del singolo caso

            che




            puo' essere discutibile, mi sembvra che ci

            sia




            dell'odio sulla modalità e sulla filosofia

            di




            condivisione dell'informazione che

            francamente



            mi




            sconcerta.




            Mi sbaglio?







            sbagli se cerchi su punto informatico BDB
            vedi


            il



            numero sconcertante di testimonianze non

            troppo



            positive a riguardo della sola wikipedia



            italia.



            Se tutti si lamentano un motivo ci sara' non



            credi?





            Come argomentazione il "tutti si lamentano un


            motivo ci sarà" lascia parecchio a
            desiderare,
            o


            conosci i termini della questione e ne parli
            con


            me o ciccia e questo sia perchè NON E' VERO
            che


            "TUTTI si lamentano" semmai si lamenta
            qualcuno

            o


            + di qualcuno, sia perchè bisogna vedere
            perchè


            si lamentano, non è la prima volta che le
            masse


            prendono delle gran


            cantonate.



            eh gia' come era la frase di maria antonietta?
            Il

            popolo ha fame dategli le brioches... hai visto

            che fine ha

            fatto?

            Il popolo difficilmente prende le cantonate.

            Ora non per menarla in politica ma in milioni
            votano a Berlusconi, questo non vuol dire che sia
            un buon
            politico.

            Tra l'altro la tua investitura di tribuno del
            popolo me la devo essere
            persa.

            Ma quasi sempre chi incolpa il popolo alla fine

            finisce

            male.

            Quasi sempre chi si nasconde dietro il "tutti
            dicono" non ha molto da
            dire.a me pare che le dichiarazioni fatte erano assai circostanziate, da parte delle persone che hanno partecipato al forum sull'articolo.Poi se puoi uno vuole fare orecchie da mercante faccia pure, ma il risultato di tutto questo ambaradam e' avvenuto a mio modestissimo parere proprio perche' non si sono volute ascoltare le critiche degli altri.Che vi devo dire? Vuoi aver ragione bravo.Tanto alla fine chi deve andare a spiegare le cose gira gira saranno proprio loro.
          • dont feed the troll scrive:
            Re: Ognuno può avere le idee che vuole
            - Scritto da: cinico
            - Scritto da: dont feed the troll

            - Scritto da: cinico


            - Scritto da: dont feed the troll



            - Scritto da: cinico




            - Scritto da: dont feed the troll





            - Scritto da: cinico






            - Scritto da: dont feed the troll







            La Legge in Italia, e l'applicazione


            della







            stessa, sono fattori aleatori che



            dipendono




            da







            molte variabili, parecchie delle
            quali



            poco






            hanno







            a che fare con la







            giustizia.















            Detto questo, quello che traspare è

            che



            c'è




            +





            di







            qualcuno che sembra godere dei guai

            che




            possa







            passare wikipedia, come se wikipedia


            abbia





            fatto







            loro dei







            torti.















            Mi aiutate a capire questo malcelato


            odio




            nei







            confronti di







            wikipedia?













            gia' chiediti perche'... forse perche'


            tanta






            gente come nell'ultimo articolo sul

            blocco




            della






            pagina di BDB pensa che ci sia
            qualcosa


            che




            non






            vada?











            scusa ma non sono molto informato che è

            BDB?





            Ad ogni modo, tutto è discutibile e

            nessuno



            qui





            vuole dire che wikipedia e wikipedia

            italia



            sia





            perfetta, pero' al di là del singolo
            caso


            che





            puo' essere discutibile, mi sembvra che
            ci


            sia





            dell'odio sulla modalità e sulla
            filosofia


            di





            condivisione dell'informazione che


            francamente




            mi





            sconcerta.





            Mi sbaglio?









            sbagli se cerchi su punto informatico BDB

            vedi



            il




            numero sconcertante di testimonianze non


            troppo




            positive a riguardo della sola wikipedia




            italia.




            Se tutti si lamentano un motivo ci sara'
            non




            credi?







            Come argomentazione il "tutti si lamentano
            un



            motivo ci sarà" lascia parecchio a

            desiderare,

            o



            conosci i termini della questione e ne parli

            con



            me o ciccia e questo sia perchè NON E' VERO

            che



            "TUTTI si lamentano" semmai si lamenta

            qualcuno


            o



            + di qualcuno, sia perchè bisogna vedere

            perchè



            si lamentano, non è la prima volta che le

            masse



            prendono delle gran



            cantonate.





            eh gia' come era la frase di maria antonietta?

            Il


            popolo ha fame dategli le brioches... hai
            visto


            che fine ha


            fatto?


            Il popolo difficilmente prende le cantonate.



            Ora non per menarla in politica ma in milioni

            votano a Berlusconi, questo non vuol dire che
            sia

            un buon

            politico.



            Tra l'altro la tua investitura di tribuno del

            popolo me la devo essere

            persa.


            Ma quasi sempre chi incolpa il popolo alla
            fine


            finisce


            male.



            Quasi sempre chi si nasconde dietro il "tutti

            dicono" non ha molto da


            dire.

            a me pare che le dichiarazioni fatte erano assai
            circostanziate, da parte delle persone che hanno
            partecipato al forum
            sull'articolo.
            Poi se puoi uno vuole fare orecchie da mercante
            faccia pure, ma il risultato di tutto questo
            ambaradam e' avvenuto a mio modestissimo parere
            proprio perche' non si sono volute ascoltare le
            critiche degli
            altri.
            Che vi devo dire? Vuoi aver ragione bravo.
            Tanto alla fine chi deve andare a spiegare le
            cose gira gira saranno proprio
            loro.Sei intuilmente aggressivo ho solo chiesto dei chiarimenti che tu non hai saputo o voluto darmi, o che io no nho compreso.Grazie lo stesso.
          • cinico scrive:
            Re: Ognuno può avere le idee che vuole
            - Scritto da: dont feed the troll
            - Scritto da: cinico

            - Scritto da: dont feed the troll


            - Scritto da: cinico



            - Scritto da: dont feed the troll




            - Scritto da: cinico





            - Scritto da: dont feed the troll






            - Scritto da: cinico







            - Scritto da: dont feed the troll








            La Legge in Italia, e
            l'applicazione



            della








            stessa, sono fattori aleatori che




            dipendono





            da








            molte variabili, parecchie delle

            quali




            poco







            hanno








            a che fare con la








            giustizia.

















            Detto questo, quello che traspare
            è


            che




            c'è





            +






            di








            qualcuno che sembra godere dei
            guai


            che





            possa








            passare wikipedia, come se
            wikipedia



            abbia






            fatto








            loro dei








            torti.

















            Mi aiutate a capire questo
            malcelato



            odio





            nei








            confronti di








            wikipedia?















            gia' chiediti perche'... forse
            perche'



            tanta







            gente come nell'ultimo articolo sul


            blocco





            della







            pagina di BDB pensa che ci sia

            qualcosa



            che





            non







            vada?













            scusa ma non sono molto informato che
            è


            BDB?






            Ad ogni modo, tutto è discutibile e


            nessuno




            qui






            vuole dire che wikipedia e wikipedia


            italia




            sia






            perfetta, pero' al di là del singolo

            caso



            che






            puo' essere discutibile, mi sembvra
            che

            ci



            sia






            dell'odio sulla modalità e sulla

            filosofia



            di






            condivisione dell'informazione che



            francamente





            mi






            sconcerta.






            Mi sbaglio?











            sbagli se cerchi su punto informatico
            BDB


            vedi




            il





            numero sconcertante di testimonianze non



            troppo





            positive a riguardo della sola wikipedia





            italia.





            Se tutti si lamentano un motivo ci sara'

            non





            credi?









            Come argomentazione il "tutti si lamentano

            un




            motivo ci sarà" lascia parecchio a


            desiderare,


            o




            conosci i termini della questione e ne
            parli


            con




            me o ciccia e questo sia perchè NON E'
            VERO


            che




            "TUTTI si lamentano" semmai si lamenta


            qualcuno



            o




            + di qualcuno, sia perchè bisogna vedere


            perchè




            si lamentano, non è la prima volta che le


            masse




            prendono delle gran




            cantonate.







            eh gia' come era la frase di maria
            antonietta?


            Il



            popolo ha fame dategli le brioches... hai

            visto



            che fine ha



            fatto?



            Il popolo difficilmente prende le cantonate.





            Ora non per menarla in politica ma in milioni


            votano a Berlusconi, questo non vuol dire che

            sia


            un buon


            politico.





            Tra l'altro la tua investitura di tribuno del


            popolo me la devo essere


            persa.



            Ma quasi sempre chi incolpa il popolo alla

            fine



            finisce



            male.





            Quasi sempre chi si nasconde dietro il "tutti


            dicono" non ha molto da




            dire.



            a me pare che le dichiarazioni fatte erano assai

            circostanziate, da parte delle persone che hanno

            partecipato al forum

            sull'articolo.

            Poi se puoi uno vuole fare orecchie da mercante

            faccia pure, ma il risultato di tutto questo

            ambaradam e' avvenuto a mio modestissimo parere

            proprio perche' non si sono volute ascoltare le

            critiche degli

            altri.

            Che vi devo dire? Vuoi aver ragione bravo.

            Tanto alla fine chi deve andare a spiegare le

            cose gira gira saranno proprio

            loro.

            Sei intuilmente aggressivo ho solo chiesto dei
            chiarimenti che tu non hai saputo o voluto darmi,
            o che io no nho
            compreso.
            Grazie lo stesso.ti ho dato i chiarimenti, c'e' secondo me e secondo molti una gestione erronea del sito che poi porta a queste sviste.Non lo so piu' chiaro di cosi
          • krx scrive:
            Re: Ognuno può avere le idee che vuole
            ma che noia. ripeti sempre le stesse cose. che due bolle.dai facciamo così: ti sfido. Se riesci a calunniare Renzo Arbore, farti querelare e non farti beccare (beh per te è semplice, conosci i modi per essere anonimo in internet!), ti regalo 100 euro. così avrai provato che hai ragione. ci stai?
  • MircoM scrive:
    Re: Non concordo
    1- puoi star sicuro che non sono gli "admin" di wikipedia a inserire eventuali contenuti diffamanti, ma utenti non registrati2- tutti i contenuti diffamanti sono sempre stati rimossi appena se ne è avuto notizia3- se il comportamento viene reiterati, le pagine sottoposte a vandalismo vengono bloccate4- qualora richiesto dalle autorità, wikipedia può consegnare l'indirizzo IP dell'autore di informazioni diffamanti (ovviamente, la responsabilità è dell'autore)
    • spectator scrive:
      Re: Non concordo
      - Scritto da: MircoM
      1- puoi star sicuro che non sono gli "admin" di
      wikipedia a inserire eventuali contenuti
      diffamanti, ma utenti non
      registratiintanto l'admin va dal giudice e spiega PERCHE' NON HA CANCELLATO LA PAGINA, non si scappa la citazione davanti al giudice c'e' l'ha comunque come persona informata dei fatti.e poi vediamo cosa dira il difensore del sindaco.
      2- tutti i contenuti diffamanti sono sempre stati
      rimossi appena se ne è avuto
      notiziagia' allora il giudice ha querelato per diffamazione perche' quella mattina non aveva niente da fare...Ma fatemi il piacere.
      3- se il comportamento viene reiterati, le pagine
      sottoposte a vandalismo vengono
      bloccateSpiegatelo bene al giudice che vi conviene.
      4- qualora richiesto dalle autorità, wikipedia
      può consegnare l'indirizzo IP dell'autore di
      informazioni diffamanti (ovviamente, la
      responsabilità è
      dell'autore)metti caso che l'autore non sia rintracciabile perche' si trovava in un sito secondo te la denuncia per diffamazione decade?Non credo proprio, come minimo ci saranno danni morali e materiali da pagare. E non li paghera' certo l'anonimo.Perche' se non trovano la persona che ha pubblicato la parte ingiuriosa, indovina un po'... qualcuno dira' non si puo' prendere, chi ha pubblicato la notizia di un anonimo senza controllare le fonti?Ci arrivi?
      • krx scrive:
        Re: Non concordo

        metti caso che l'autore non sia rintracciabile
        perche' si trovava in un sito secondo te la
        denuncia per diffamazione decade?sveglia dormiglione! internet non è anonima.
        • cinico scrive:
          Re: Non concordo
          - Scritto da: krx

          metti caso che l'autore non sia rintracciabile

          perche' si trovava in un sito secondo te la

          denuncia per diffamazione decade?

          sveglia dormiglione! internet non è anonima.vedo di farti un esempio piu' chiaro.il tizio entra in un internet point o in un posto pubblico dove non e' rintracciabile: che succede secondo te?pensi che il giudice manda tutti a casa?sono rogne.Non ci piove comunque vada.
          • MircoM scrive:
            Re: Non concordo
            vero, perchè attualmente i punti di accesso in cui non sia possibile rintracciare gli utenti sono fuori legge (in italia).
      • MircoM scrive:
        Re: Non concordo

        intanto l'admin va dal giudice e spiega PERCHE'
        NON HA CANCELLATO LA PAGINA, non si scappa la
        citazione davanti al giudice c'e' l'ha comunque
        come persona informata dei
        fatti.
        e poi vediamo cosa dira il difensore del sindaco.se si riesce a dimostrare che era a conoscenza di materiale diffamatorio e che volutamente non l'ha cancellato, allora giustamente ne risponde. in tutti gli altri casi, no
        gia' allora il giudice ha querelato per
        diffamazione perche' quella mattina non aveva
        niente da
        fare...
        Ma fatemi il piacere.il giudice ha querelato? mi sembri confuso. il sindaco ha letto la notizia e ha querelato. appena la notizia è arrivata a wikipedia la pagina è stata rimossa.
        Spiegatelo bene al giudice che vi conviene. immagino che lo spiegheranno, come spiegheranno il funzionamento di wikipedia in genere
        metti caso che l'autore non sia rintracciabile
        perche' si trovava in un sito secondo te la
        denuncia per diffamazione
        decade?
        Non credo proprio, come minimo ci saranno danni
        morali e materiali da pagare. E non li paghera'
        certo
        l'anonimo.
        Perche' se non trovano la persona che ha
        pubblicato la parte ingiuriosa, indovina un
        po'... qualcuno dira' non si puo' prendere, chi
        ha pubblicato la notizia di un anonimo senza
        controllare le
        fonti?

        Ci arrivi?io arrivo al fatto che in uno stato di diritto la responsabilità è personale. soprattutto in ambito penale. tu ci arrivi?
  • joachin malaussein scrive:
    wikipedia italia e' l'inizio della fine.
    Penso che ci sia ormai una ignoranza diffusa su quali siano le leggi in vigore in italia, e qualcuno fa finta o non se le ricorda.Il problema credo che sia data da una profonda ignoranza delle nuove generazioni, che come orrorificamente e' accaduto piu' volte mettono su youtube le loro malefatte,e quando arrivano i carabinieri ad arrestarli dicono "ma perche' era reato?"Frutto di una generazione di genitori allo sbando, con famiglie allo sbando, dove invece di inculcargli la cultura, gli comprano la ps e la felpa di gas e gli occhialoni, pensando che cosi' possano bilanciare il deficit mentale di alcuni dei loro figli prediletti.Per quanto riguarda wikipedia italia mi e' parso che piu' e piu' volte qualcuno qua ha affermato: "wikipedia italia non ha nessuna responsabilita' sulle pagine scritte"Eh no! Pianino. Voi wikipedia italia, quando pubblicate una notizia dovete controllare e ricontrollare prima della pubblicazione della stessa. In special modo quando tale informazione puo' essere ingiuriosa e calunniosa.Le cose ormai stanno andando per il verso che sfortunantamente dovevano prendere"noi non abbiamo responsabilita'.... bla bla bla"" facessero causa a wikimedia.org... bla bla bla"come se queste persone vivessero su marte, dove le regole della legge italiana per loro non valesse, perche' scrivono ospitati da un sito estero"Scrivete in italiano, parlate in italiano, siete italiani, e INDI SIETE SOGGETTI ALLE LEGGI ITALIANE.Eh il nostro paese funziona male perche' e' fatto cosi, tutti pensano di essere in impunita' permanente finche qualcuno finisce male, e allora tutti a correre ai ripari.Credo che dopo la sentenza il sito wikipedia italia non lo vedremo piu'.
    • krx scrive:
      Re: wikipedia italia e' l'inizio della fine.
      Semplicemente: no.
      Voi wikipedia italia, quando pubblicate
      una notizia dovete controllare e ricontrollare prima
      della pubblicazione della stessa.1. non esiste "wikipedia italia"2. "wikimedia italia" non pubblica nulla: si occupa di gestire un marchio3. se qualcuno, in italia, pubblica una calunnia, viene rintracciato e punito secondo le leggi italiane;3.1 "publlica" significa "si collega a it.wikipedia.org, inserisce informazioni"3.2 se l'ha fatto da scuola, e se la scuola non ha modo di sapere "chi era a quale computer alla tale ora", tanto peggio per il preside4. se poi quel qualcuno fa anche parte di "wikimedia italia", non cambia nulla.
      • spectator scrive:
        Re: wikipedia italia e' l'inizio della fine.
        - Scritto da: krx
        Semplicemente: no.


        Voi wikipedia italia, quando pubblicate

        una notizia dovete controllare e ricontrollare
        prima


        della pubblicazione della stessa.

        1. non esiste "wikipedia italia"
        2. "wikimedia italia" non pubblica nulla: si
        occupa di gestire un
        marchioma qua non e che uno produce le bibite.ve l'ho detto a voi vi sfuggono dei concetti basilari su come funziona il diritto civile e penale in italia. Chiedi ad un avvocato e vedi che ti dice.
        3. se qualcuno, in italia, pubblica una calunnia,
        viene rintracciato e punito secondo le leggi
        italiane;secondo te se questo anonimo non viene preso secondo su chi ricade la responsabilita'?
        3.1 "publlica" significa "si collega a
        it.wikipedia.org, inserisce
        informazioni"
        3.2 se l'ha fatto da scuola, e se la scuola non
        ha modo di sapere "chi era a quale computer alla
        tale ora", tanto peggio per il
        presideno no tanto peggio per chi ha pubblicato la notizia senza prima bloccarla
        4. se poi quel qualcuno fa anche parte di
        "wikimedia italia", non cambia
        nulla.io ve l'ho detto a me importa assai poco, o spiegato cose che vi puo' spiegare qualsiasi avvocato in merito.se voi pensate di essere nel giusto, senza porvi il problema problemi vostri.Vuoi che ti dico hai ragione? Qui non si tratta di modificare una paginetta di wikipedia questa e' LA LEGGE.Poi se semplicemente voi avere ragione a me non cambia niente intanto davanti al giudice qualcuno ci andra' e lo vedrai.
        • emmeesse scrive:
          Re: wikipedia italia e' l'inizio della fine.
          - Scritto da: spectator
          Qui non si tratta di modificare una paginetta di
          wikipedia questa e' LA
          LEGGE.No, la legge non e' cosi'. Non vi e' equiparazione in Italia tra wiki, blog, siti e prodotti editoriali quali tv, radio e giornali. Figurati che le TV online (es. Riflettotv.it) non sono nemmeno tenute ad indicare la partita iva, come avviene per ogni tipo di sito aziendale...Ci hanno provato ad introdurre questa equiparazione, ma non e' cosi...
          • spectator scrive:
            Re: wikipedia italia e' l'inizio della fine.
            - Scritto da: emmeesse
            - Scritto da: spectator


            Qui non si tratta di modificare una paginetta di

            wikipedia questa e' LA

            LEGGE.

            No, la legge non e' cosi'. Non vi e'
            equiparazione in Italia tra wiki, blog, siti e
            prodotti editoriali quali tv, radio e giornali.
            Figurati che le TV online (es. Riflettotv.it) non
            sono nemmeno tenute ad indicare la partita iva,
            come avviene per ogni tipo di sito
            aziendale...

            Ci hanno provato ad introdurre questa
            equiparazione, ma non e'
            cosi...si ma riflettotv non diffama i sindaci, perche' se lo facesse fidati che scatterebbe la denuncia pure per lorodici che non e' cosi?allora questo blog devono averlo chiuso per "SBAGLIO"http://video.punto-informatico.it/b.aspx?v=NuMFr6vGkhs=
        • krx scrive:
          Re: wikipedia italia e' l'inizio della fine.

          secondo te se questo anonimo non viene preso
          secondo su chi ricade la
          responsabilita'?In generale sull'intestatario della linea telefonica, che ne è responsabile.
          Poi se semplicemente voi avere ragione a me non
          cambia niente intanto davanti al giudice qualcuno
          ci andra' e lo vedrai.Non aspetto altro. Sii preciso: in che anno? 2012?
          • spectator scrive:
            Re: wikipedia italia e' l'inizio della fine.
            - Scritto da: krx

            secondo te se questo anonimo non viene preso

            secondo su chi ricade la

            responsabilita'?

            In generale sull'intestatario della linea
            telefonica, che ne è responsabile.



            Poi se semplicemente voi avere ragione a me non

            cambia niente intanto davanti al giudice
            qualcuno

            ci andra' e lo vedrai.

            Non aspetto altro.
            Sii preciso: in che anno? 2012?il penale non e' il civile.intanto 2012 o 2008 sono rogne, ed era meglio che usando un po' di lungimiranza qualcuno le avesse evitate, facendo le scuse ufficiali e togliendo la pagina incriminata.Ma se puoi uno pensa di vivere in una torre d'avorio faccia pure.
        • MircoM scrive:
          Re: wikipedia italia e' l'inizio della fine.
          oh... io (come immagino tu abbia già capito :) ) la penso molto diversamente.comunque ormai la conversazione sull'argomento è abbastanza sterile, non si fanno altro che ripetere le medesime posizioni da una parte e dall'altra. come si dice, chi vivrà, vedrà.
    • Sbisolo scrive:
      Re: wikipedia italia e' l'inizio della fine.
      Effettivamente occorrono un po' di precisazioni:1) Wikipedia Italia non esiste, esiste una versione di Wikipedia scritta in lingua italiana sulla quale intervengono moltissimi italiani ma anche, per esempio, svizzeri, australiani, ecc... basta che scrivano in italiano2) Wikipedia in italiano è sugli stessi server di Wikipedia in inglese, francese, olandese, giapponese, ecc...3) esiste una associazione che si chiama "Wikimedia Italia" che non ha alcuna possibilità di controllo dei contenuti di Wikipedia in italiano, gli scopi dell'associazione sono di promuovere il progetto Wikipedia e la diffusione del sapere libero
    • Cruccone scrive:
      Re: wikipedia italia e' l'inizio della fine.
      Innanzitutto chi pubblica è chi scrive, non la Wikimedia Foundation che fornisce i server né una fantomatica Wikipedia Italia che non esiste. La Wikimedia Foundation ha sede negli Stati Uniti, i server sono negli Stati Uniti, è solo chi scrive che è in Italia ed è soggetto alle leggi italiane. Wikimedia Italia è un'associazione che promuove i progetti di Wikimedia, ma non ha niente a che fare con i contenuti (se non per il fatto che i suoi membri partecipano ai progetti). Gli amministratori di Wikipedia non hanno responsabilità sui contenuti, perché non sono un comitato editoriale e non filtrano i contributi a priori.
    • theDRaKKaR scrive:
      Re: wikipedia italia e' l'inizio della fine.
      mi spiace ma sei stato superficialecon questo ragionamento secondo te il diritto punisce il proprietario di un muro su cui qualcuno ha scritto Domenici ladro..- Scritto da: joachin malaussein
      Penso [..]
  • emmeesse scrive:
    Re: Non concordo
    Non mi far dire quello che non ho detto.Io sostengo che, esattamente come nelle enciclopedie, il recensore di una voce dovrebbe essere responsabile di quanto scrive, solo che, mentre nelle enciclopedie il recensore della voce e' rintracciabile (il suo nome e' scritto nell'indice o nel piano dell'opera) ma la voce non e' editabile in tempo reale, in wikipedia il recensore della voce e' piu' difficlmente rintracciabile (piu' difficilmente, non "impossibile") ma la voce e' editabile in tempo reale.Due sistemi con vantaggi e svantaggi.Applicare gli stessi modelli di coòportamento a due sistemi diversi e' poco pratico.
    • spectator scrive:
      Re: Non concordo
      - Scritto da: emmeesse
      Non mi far dire quello che non ho detto.

      Io sostengo che, esattamente come nelle
      enciclopedie, il recensore di una voce dovrebbe
      essere responsabile di quanto scrive, solo che,
      mentre nelle enciclopedie il recensore della voce
      e' rintracciabile (il suo nome e' scritto
      nell'indice o nel piano dell'opera) ma la voce
      non e' editabile in tempo reale, in wikipedia il
      recensore della voce e' piu' difficlmente
      rintracciabile (piu' difficilmente, non
      "impossibile") ma la voce e' editabile in tempo
      reale.e allora? con cio? se una persona calunnia infamando una persona, difficilmente o non difficilmente verra' rintracciato dalle autorita' competenti.Per quanto riguarda la legge italiana, vanno a prendere il tizio e intanto il giudice chiama i responsabili della pagina che non hanno modificato in tempo la citazione calunniosa.Non scappa ne' il primo ne' il secondo.E chi pensa che wikipedia non ne' sara coinvolto o non capisce o fa finta di non capire. Perche' la colpa ricade inevitabilmente anche su chi generalmente ha visto, gestiva e non ha fatto nulla per cancellare la voce calunniosa.

      Due sistemi con vantaggi e svantaggi.

      Applicare gli stessi modelli di coòportamento a
      due sistemi diversi e' poco
      pratico.La legge e' Legge, praticita' o meno, che tu scriva sulla treccani o su wikipedia una calunnia finisci davanti ad un giudice, praticita' o meno.
      • emmeesse scrive:
        Re: Non concordo
        - Scritto da: spectator
        e allora? con cio? se una persona calunnia
        infamando una persona, difficilmente o non
        difficilmente verra' rintracciato dalle autorita'
        competenti.Esatto. Ma parliamo del/dei recensori. Nel caso di una enciclopedia cartacea, esiste un editore, nel caso di wiki, di fatto no...
        Per quanto riguarda la legge italiana, vanno a
        prendere il tizio e intanto il giudice chiama i
        responsabili della pagina che non hanno
        modificato in tempo la citazione
        calunniosa.Vedi il caso craiglist: Non c'e'e responsabilita' editoriale per il fatto che non c'e' un editore.
        Perche' la colpa ricade inevitabilmente anche su
        chi generalmente ha visto, gestiva e non ha fatto
        nulla per cancellare la voce
        calunniosa.Impossibile sapere se una voce e' calunniosa a priori.
        La legge e' Legge, praticita' o meno, che tu
        scriva sulla treccani o su wikipedia una calunnia
        finisci davanti ad un giudice, praticita' o
        meno.Si, se sono il recensore, no se non ne sono l'editore...
        • spectator scrive:
          Re: Non concordo
          - Scritto da: emmeesse
          - Scritto da: spectator


          e allora? con cio? se una persona calunnia

          infamando una persona, difficilmente o non

          difficilmente verra' rintracciato dalle
          autorita'

          competenti.

          Esatto. Ma parliamo del/dei recensori. Nel caso
          di una enciclopedia cartacea, esiste un editore,
          nel caso di wiki, di fatto
          no...purtroppo non basta non dire che non c'e' un editore, come e' gia' successo per alcuni blog in quel caso l'editore e' il responsabile ufficiale del sito della pubblicazione.C'e' poco da fare e' LA LEGGE!tempo la citazione

          calunniosa.
          Vedi il caso craiglist: Non c'e'e responsabilita'
          editoriale per il fatto che non c'e' un
          editore.Ma guarda se la pensi cosi' non e' mio interesse stare a disquisire sul sesso degli angeli, qui non si parla di cosa puo' sembrare a te, qui si parla di codice di procedura penale.C'e' poco da filosofeggiare si tratta dell'applicazione dei termini di legge.
          Impossibile sapere se una voce e' calunniosa a
          priori.se ti querelano ammesso che non ci sia una controquerela la voce intanto e' messa agli atti poi un giudice decidera' se e' calunniosa o meno.
          Si, se sono il recensore, no se non ne sono
          l'editore...quindi se io pubblico un sito e non c'e' editore e comincio a diffamare e infangare tutti non rischio denuncie?Ma stai scherzando o cosa?comunque pensa quello che vuoi quando qualcuno davanti al gip dovra' spiegare le cose (perche' la diffamazione e' un reato penale)vedrai che ci sara' poco da disquisire.
          • emmeesse scrive:
            Re: Non concordo
            - Scritto da: spectator
            quindi se io pubblico un sito e non c'e' editore
            e comincio a diffamare e infangare tutti non
            rischio
            denuncie?Le rischi in quanto relatore, in quanto autore, non in quanto editore. Ti e' chiara la differenza?
          • spectator scrive:
            Re: Non concordo
            - Scritto da: emmeesse
            - Scritto da: spectator


            quindi se io pubblico un sito e non c'e' editore

            e comincio a diffamare e infangare tutti non

            rischio

            denuncie?

            Le rischi in quanto relatore, in quanto autore,
            non in quanto editore. Ti e' chiara la
            differenza?a me la differenza e chiarissima forse a te non e' proprio chiarissima la differenza tra responsabilita' dirette e indirette, te l'ho detto chiedi ad un avvocato se non credi a cio' che dico
  • Homo Liber scrive:
    Basterebbe poco
    Sarebbe suffciente registrare l'impronta digitale insiseme a qualunque contributo, correzione e modifica.La libertà non può esistere senza responsabilità.;-)
    • free_citzen scrive:
      Re: Basterebbe poco
      - Scritto da: Homo Liber
      Sarebbe suffciente registrare l'impronta digitale
      insiseme a qualunque contributo, correzione e
      modifica.

      La libertà non può esistere senza responsabilità.

      ;-)La libertà non esiste, non è mai esistita, e mai esisterà. (anonimo)
  • spectator scrive:
    come dicevano in molti: era inevitabile!
    Davvero, e' palese che qualcosa su wikipedia italia non funzioni per il verso giusto.Tempo fa si e' scatenato il caso BDB, molti sono intervenuti, compreso admin di wikipedia o sembrava che lo fossero.Ci fosse stato un commento positivo su come venissero pubblicate le pagine su wikedia... e gli admin stavano solo a difendere le posizioni senza mettersi in discussione. piu' volte mi e' sembrato che qualcuno facesse orecchie da mercante e come diceva l'autore dell'articolo: e' inevitabile che si andasse a finire cosi': Non so se davvero gli autori di wikipedia italia pensavano, che ci fosse l'ala protettrice anche per questi gravi casi di calunnia e/o diffamazione.A me da quanto letto (mia modestissima opnione) Mi pareva che queste persone ripetessero come un grammofono rotto: "ma wikipedia e resposabile wikmedia.org) Non capendo che le leggi, in vigore in italia valgono per i siti italiani. Non so, qualcuno pensava che ci fosse impunita': adesso ovviamente qualcuno ne paghera' le conseguenze, quasi sicuramente perche' le rogne ci saranno.Forse se quelli di wikipedia italia avessero ascoltato le molte voci che si lamentavano, forse non saremmo arrivati a questo punto.Mi dispiace ma era davvero inevitabile, che prima o poi qualcuno finisse davanti un giudice:P.s ma davvero quelli di wikipedia italia pensavano che ci fosse inpunita' solo perche' erano ospitati?Ridicolo.
  • ma come godo scrive:
    ma vieniiiiiiiiiiii
    Aspetto con fervore ed impazienza la prima chiamata del giudice...e godo...........
    • Francesco scrive:
      Re: ma vieniiiiiiiiiiii
      - Scritto da: ma come godo
      Aspetto con fervore ed impazienza la prima
      chiamata del
      giudice...

      e godo...........Perché?F
  • krx scrive:
    troll dell'avvocato? ci sei?
    dov'è la minaccia legale che doveva piovere su it.wiki oggi?dov'è il tipo buffo che venerdì scorso nei commenti faceva cagnara su questo e quell'avvocato che avrebbe scatenato contro la mafia degli amministratori di wikipedia in italiano?
    • ma come godo scrive:
      Re: troll dell'avvocato? ci sei?
      - Scritto da: krx
      dov'è la minaccia legale che doveva piovere su
      it.wiki
      oggi?

      dov'è il tipo buffo che venerdì scorso nei
      commenti faceva cagnara su questo e
      quell'avvocato che avrebbe scatenato contro la
      mafia degli amministratori di wikipedia in
      italiano?pensa a trovarne uno tu buono perche' ora come diceva banfi: "sono voletili per diebetici..."
      • dont feed the troll scrive:
        Re: troll dell'avvocato? ci sei?
        - Scritto da: ma come godo
        - Scritto da: krx

        dov'è la minaccia legale che doveva piovere su

        it.wiki

        oggi?



        dov'è il tipo buffo che venerdì scorso nei

        commenti faceva cagnara su questo e

        quell'avvocato che avrebbe scatenato contro la

        mafia degli amministratori di wikipedia in

        italiano?

        pensa a trovarne uno tu buono perche' ora come
        diceva banfi: "sono voletili per
        diebetici..."questa chiamasi minaccia
        • cinico scrive:
          Re: troll dell'avvocato? ci sei?
          - Scritto da: dont feed the troll
          - Scritto da: ma come godo

          - Scritto da: krx


          dov'è la minaccia legale che doveva piovere su


          it.wiki


          oggi?





          dov'è il tipo buffo che venerdì scorso nei


          commenti faceva cagnara su questo e


          quell'avvocato che avrebbe scatenato contro la


          mafia degli amministratori di wikipedia in


          italiano?



          pensa a trovarne uno tu buono perche' ora come

          diceva banfi: "sono voletili per

          diebetici..."

          questa chiamasi minacciala minaccia non e' inerente ad un dato acquisito ovvero che se qualcuno ti denuncia per diffamazione la querela arriva.non e' minaccia e' dato di fatto.
          • dont feed the troll scrive:
            Re: troll dell'avvocato? ci sei?
            - Scritto da: cinico
            - Scritto da: dont feed the troll

            - Scritto da: ma come godo


            - Scritto da: krx



            dov'è la minaccia legale che doveva piovere
            su



            it.wiki



            oggi?







            dov'è il tipo buffo che venerdì scorso nei



            commenti faceva cagnara su questo e



            quell'avvocato che avrebbe scatenato contro
            la



            mafia degli amministratori di wikipedia in



            italiano?





            pensa a trovarne uno tu buono perche' ora come


            diceva banfi: "sono voletili per


            diebetici..."



            questa chiamasi minaccia

            la minaccia non e' inerente ad un dato acquisito
            ovvero che se qualcuno ti denuncia per
            diffamazione la querela
            arriva.
            non e' minaccia e' dato di fatto.si ma stare a dire "aspetta avrai presto mie notizie" oltre ad esser eun po' ridicolo ha il chiaro intento di intimidire il tuo interlocutore.Se tu pensi che l'utente x ti abbia diffamato e tu decidi di querelarlo lo quereli e amen non stai a ricordarglielo ogni 3 minuti, mi sembra un atteggiamento un po' infantile.
          • cinico scrive:
            Re: troll dell'avvocato? ci sei?
            - Scritto da: dont feed the troll
            - Scritto da: cinico

            - Scritto da: dont feed the troll


            - Scritto da: ma come godo



            - Scritto da: krx




            dov'è la minaccia legale che doveva
            piovere

            su




            it.wiki




            oggi?









            dov'è il tipo buffo che venerdì scorso nei




            commenti faceva cagnara su questo e




            quell'avvocato che avrebbe scatenato
            contro

            la




            mafia degli amministratori di wikipedia in




            italiano?







            pensa a trovarne uno tu buono perche' ora
            come



            diceva banfi: "sono voletili per



            diebetici..."





            questa chiamasi minaccia



            la minaccia non e' inerente ad un dato acquisito

            ovvero che se qualcuno ti denuncia per

            diffamazione la querela

            arriva.

            non e' minaccia e' dato di fatto.

            si ma stare a dire "aspetta avrai presto mie
            notizie" oltre ad esser eun po' ridicolo ha il
            chiaro intento di intimidire il tuo
            interlocutore.
            Se tu pensi che l'utente x ti abbia diffamato e
            tu decidi di querelarlo lo quereli e amen non
            stai a ricordarglielo ogni 3 minuti, mi sembra un
            atteggiamento un po'
            infantile.ma sara' infantile pero' ti ripeto se qualcuno invece di chiudersi a riccio (e ti prego di leggere le discussioni su wikipedia italia bar /discussioni a riguardo della querela) avesse pubblicato una pagina di scuse e avesse cancellato il post, tutto questo baccano non sarebbe successo.Suvvia' un po di lungimiranza please
          • dont feed the troll scrive:
            Re: troll dell'avvocato? ci sei?
            - Scritto da: cinico
            - Scritto da: dont feed the troll

            - Scritto da: cinico


            - Scritto da: dont feed the troll



            - Scritto da: ma come godo




            - Scritto da: krx





            dov'è la minaccia legale che doveva

            piovere


            su





            it.wiki





            oggi?











            dov'è il tipo buffo che venerdì scorso
            nei





            commenti faceva cagnara su questo e





            quell'avvocato che avrebbe scatenato

            contro


            la





            mafia degli amministratori di wikipedia
            in





            italiano?









            pensa a trovarne uno tu buono perche' ora

            come




            diceva banfi: "sono voletili per




            diebetici..."







            questa chiamasi minaccia





            la minaccia non e' inerente ad un dato
            acquisito


            ovvero che se qualcuno ti denuncia per


            diffamazione la querela


            arriva.


            non e' minaccia e' dato di fatto.



            si ma stare a dire "aspetta avrai presto mie

            notizie" oltre ad esser eun po' ridicolo ha il

            chiaro intento di intimidire il tuo

            interlocutore.

            Se tu pensi che l'utente x ti abbia diffamato e

            tu decidi di querelarlo lo quereli e amen non

            stai a ricordarglielo ogni 3 minuti, mi sembra
            un

            atteggiamento un po'

            infantile.

            ma sara' infantile pero' ti ripeto se qualcuno
            invece di chiudersi a riccio (e ti prego di
            leggere le discussioni su wikipedia italia bar
            /discussioni a riguardo della querela) avesse
            pubblicato una pagina di scuse e avesse
            cancellato il post, tutto questo baccano non
            sarebbe
            successo.
            Suvvia' un po di lungimiranza pleaseSu questo sono d'accordo, tante volte le questioni hanno soluzioni semplici che per orgoglio, stupidità o ottusità no nsi vogliono seguire con il risultato che spesso si finisce in tribunale.I tribunali italiani traboccano di stupide questioni di oroglio e principio con il risultato che poi difficilmente si riesce a fare Giustizia.
          • cinico scrive:
            Re: troll dell'avvocato? ci sei?
            - Scritto da: dont feed the troll
            - Scritto da: cinico

            - Scritto da: dont feed the troll


            - Scritto da: cinico



            - Scritto da: dont feed the troll




            - Scritto da: ma come godo





            - Scritto da: krx






            dov'è la minaccia legale che doveva


            piovere



            su






            it.wiki






            oggi?













            dov'è il tipo buffo che venerdì scorso

            nei






            commenti faceva cagnara su questo e






            quell'avvocato che avrebbe scatenato


            contro



            la






            mafia degli amministratori di
            wikipedia

            in






            italiano?











            pensa a trovarne uno tu buono perche'
            ora


            come





            diceva banfi: "sono voletili per





            diebetici..."









            questa chiamasi minaccia







            la minaccia non e' inerente ad un dato

            acquisito



            ovvero che se qualcuno ti denuncia per



            diffamazione la querela



            arriva.



            non e' minaccia e' dato di fatto.





            si ma stare a dire "aspetta avrai presto mie


            notizie" oltre ad esser eun po' ridicolo ha il


            chiaro intento di intimidire il tuo


            interlocutore.


            Se tu pensi che l'utente x ti abbia diffamato
            e


            tu decidi di querelarlo lo quereli e amen non


            stai a ricordarglielo ogni 3 minuti, mi sembra

            un


            atteggiamento un po'


            infantile.



            ma sara' infantile pero' ti ripeto se qualcuno

            invece di chiudersi a riccio (e ti prego di

            leggere le discussioni su wikipedia italia bar

            /discussioni a riguardo della querela) avesse

            pubblicato una pagina di scuse e avesse

            cancellato il post, tutto questo baccano non

            sarebbe

            successo.

            Suvvia' un po di lungimiranza please

            Su questo sono d'accordo, tante volte le
            questioni hanno soluzioni semplici che per
            orgoglio, stupidità o ottusità no nsi vogliono
            seguire con il risultato che spesso si finisce in
            tribunale.
            I tribunali italiani traboccano di stupide
            questioni di oroglio e principio con il risultato
            che poi difficilmente si riesce a fare
            Giustizia.scusa ma non era meglio che quelli di wikipedia italia ammettessero che c'e' stata una svista, avessero mandato le scuse ufficiali, una pagina di scuse sul sito principale?Che gli costava?No? Il problema si sarebbe risolto con un paio di telefonate di scuse e una lettera ufficiale.
          • dont feed the troll scrive:
            Re: troll dell'avvocato? ci sei?
            - Scritto da: cinico
            scusa ma non era meglio che quelli di wikipedia
            italia ammettessero che c'e' stata una svista,
            avessero mandato le scuse ufficiali, una pagina
            di scuse sul sito
            principale?
            Che gli costava?
            No? Il problema si sarebbe risolto con un paio di
            telefonate di scuse e una lettera
            ufficiale.Su questo sono assolutamente d'accordo.
          • krx scrive:
            Re: troll dell'avvocato? ci sei?

            scusa ma non era meglio che quelli di wikipedia
            italia ammettessero che c'e' stata una svista,
            avessero mandato le scuse ufficiali, una pagina
            di scuse sul sito principale?no, non era meglio.fai pure i capricci, la legge è questahttp://punto-informatico.it/servizi/ps.asp?i=2106373
  • Alessio Papini scrive:
    Questione di libertà e di funzionamento
    A oggi l'identificazione di una persona su internet viene fatta (es. registrazione di un sito) inviando da un fax una pagina con firma della persona. Conosco personalmente almeno una decina di fax anonimi da cui inviare una richiesta a nome di Bonaparte Napoleone.Detto questo: wikipedia funziona perchè ci lavorano milioni di persone costantemente tutti i giorni quando gli va. Se a tutti venisse richiesto di inviare un fax per dimostrare chi sono (spero tu non ti accontenti di nome e cognome autocertificati) è facile immaginare che wikipedia cesserebbe di essere funzionante.Quindi: metodo inefficace, burocratizzante ed immobilizzante in perfetto stile italiota.Continua così che ti fanno ministro....SalutiAlessio Papini (giuro sono io...)P. S. Altro discorso un buon servizio di correzione degli errori, ma mi pare ci sia già.
  • cinico_ scrive:
    il problema e chi gestisce wikipedia-ita
    Concordo con l'autore al 110% Qui in punto come hanno fatto notare piu' e piu' volte e che chi gestisce si sente una sorta di impunita', perche' tanto e gestita da wikimedia.Quello che forse gli autori di questo coso chiamato "wikipedia italia" (che poi alla fine non ha nulla a che vedere con quello inglese per fortuna)E che scrivendo la' dentro vivono una sorta di impunita', quello che non hanno capito e che al primo fioccare di querele, wikipedia girera' la patata bollente a quelli italiani, e il risultato sara' che FINALMENTE QUALCUNO SI FARA' MALE. Con i risultato che una volta per tutte le cose le cominceremo a gestire bene, non all'italiana.Di lamentele da parte di centinaia di utenti di wikipedia italia e' apparso piu' e piu' volte in queste pagine.Molti hanno cercato di confrontarsi con gli amministratori, ma il risultato e' stato un muro di gomma.E allora benvenga qualche bella letterina AR da qualche avvocato, visto che queste persone in wikipedia italia capiscono solo la voce grossa, forse alla prima comparizione, qualcuno abbassera' la cresta e si faranno meno arroganti.Quando vedranno che non esiste nessuna impunita' e che la legge non ammette ne' ignoranza ne' impunita' perche' il server e' da qualche parte, la decisione sara' secondo me di due tipi:1) il giudice se ne freghera' chi gestisce e dara' la responsabilita' a chi legalmente la rappresenta 2) dira' la legge italiana non ammette questo tipo di cose e semplicemente fara un emendamento per la chiusura definitiva del sito italiano.comunque vadano le cose, non sara' piu' come prima ringraziando il cielo.
    • Tizio Incognito scrive:
      Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
      Chiudere il sito italiano? cioé chiudere il dominio wikipedia.org? perché il sito IN italiano (perché wikipedia italia non esiste esiste solo wikipedia IN LINGUA ITALIANA) è solamente uno dei tanti sottodomini di wikipedia.org.
      • cinico_ scrive:
        Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
        - Scritto da: Tizio Incognito
        Chiudere il sito italiano? cioé chiudere il
        dominio wikipedia.org? perché il sito IN italiano
        (perché wikipedia italia non esiste esiste solo
        wikipedia IN LINGUA ITALIANA) è solamente uno dei
        tanti sottodomini di
        wikipedia.org.appunto chiuderanno il sottodominio
        • free_citzen scrive:
          Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
          - Scritto da: cinico_
          - Scritto da: Tizio Incognito

          Chiudere il sito italiano? cioé chiudere il

          dominio wikipedia.org? perché il sito IN
          italiano

          (perché wikipedia italia non esiste esiste solo

          wikipedia IN LINGUA ITALIANA) è solamente uno
          dei

          tanti sottodomini di

          wikipedia.org.


          appunto chiuderanno il sottodominio(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Neanche io avevo questo potere!
          • cinico scrive:
            Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
            - Scritto da: free_citzen
            - Scritto da: cinico_

            - Scritto da: Tizio Incognito


            Chiudere il sito italiano? cioé chiudere il


            dominio wikipedia.org? perché il sito IN

            italiano


            (perché wikipedia italia non esiste esiste
            solo


            wikipedia IN LINGUA ITALIANA) è solamente uno

            dei


            tanti sottodomini di


            wikipedia.org.





            appunto chiuderanno il sottodominio

            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
            Neanche io avevo questo potere!ma hai capito o devo ripetere con i sottotitoli?Il magistrato puo' nei termini di legge fare quello che piu' gli aggrada... tu sei un magistrato?No.Forse non hai capito la differenza tra il potere legislativo di un giudice e uno che fa l'admin di wikipedia.se sei uno di wikipedia, poveri noi
          • Krdan scrive:
            Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
            - Scritto da: cinico
            ma hai capito o devo ripetere con i sottotitoli?
            Il magistrato puo' nei termini di legge fare
            quello che piu' gli aggrada... tu sei un
            magistrato?
            No.
            Forse non hai capito la differenza tra il potere
            legislativo di un giudice e uno che fa l'admin di
            wikipedia.
            se sei uno di wikipedia, poveri noiE forse te non hai capito che il magistrato ha potere in Italia non negli USA dove sta il sito e tutti i server.
      • spectator scrive:
        Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
        - Scritto da: Tizio Incognito
        Chiudere il sito italiano? cioé chiudere il
        dominio wikipedia.org? perché il sito IN italiano
        (perché wikipedia italia non esiste esiste solo
        wikipedia IN LINGUA ITALIANA) è solamente uno dei
        tanti sottodomini di
        wikipedia.org.scusa ma quanti anni hai? giusto per capire:Se hai meno di 20 anni, ma non lo sai che non e' che uno non puo' mica scrivere tutto quello che gli pare pensando: "chissene frega se non e' confermato".O pensi che nella liberta' di espressione e di parola, ci sia anche il concetto di impunita' per quello che si dice?Cioe' spero che tu stia scherzando.Guarda che non lo so se i tuoi genitori ti hanno mai spiegato che calunniare in pubblico una persona non e' mica giocare come halo sulla xbox.Te ne rendi conto?
        • MircoM scrive:
          Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
          indipendentemente dalla sua età, e dal fatto che si renda o meno conto di cosa significhi calunniare qualcuno, l'autore del post ha cui hai risposto ha semplicemente detto che chiudere wikipedia in linqua italiana implica il dover sopprimere un sottodominio di wikipedia.org.questo è semplicemente *vero*.
          • spectator scrive:
            Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
            - Scritto da: MircoM
            indipendentemente dalla sua età, e dal fatto che
            si renda o meno conto di cosa significhi
            calunniare qualcuno, l'autore del post ha cui hai
            risposto ha semplicemente detto che chiudere
            wikipedia in linqua italiana implica il dover
            sopprimere un sottodominio di
            wikipedia.org.

            questo è semplicemente *vero*.come e' semplicemente *vero* che accadra' che tale sottdominio verra' chiuso se davanti al giudice tutti asseriranno di non avere responsabilita' sulle pagine pubblicate.
          • MircoM scrive:
            Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
            ammesso che un giudice riconosca il reato di diffamazione, potrà chiedere a wikipedia l'IP. a questo punto se la vedranno con i possessori di tali indirizzi (come se volessero veramente dire qualcosa...)per allora, la notizia diffamatoria sarà certamente stata già rimossa. eventualmente la pagina relativa sarà stata bloccata. qundi non ci sarà nemmeno la richiesta di chiudere il sottodominio o di censurare il sito (con la solita censura all'italiana).
          • Overture scrive:
            Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
            Già ma gli ip finiranno per non essere rintracciati (hanno solo diffamato un sindaco qualunque mica un pezzo veramente grosso) e quindi l'ultimo anello della catena se lo prenderà tutto in quel posto.
          • MircoM scrive:
            Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
            visto che ho risposto a spectator sullo stesso argomento, non rispondere anche a te mi sembra sgarbato :)la responsabilità è personale. se non trovi il responsabile, incolpare qualcuno a caso non funziona.
          • spectator scrive:
            Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
            - Scritto da: MircoM
            ammesso che un giudice riconosca il reato di
            diffamazione, potrà chiedere a wikipedia l'IP.


            a questo punto se la vedranno con i possessori di
            tali indirizzi (come se volessero veramente dire
            qualcosa...)

            per allora, la notizia diffamatoria sarà
            certamente stata già rimossa. eventualmente la
            pagina relativa sarà stata bloccata. qundi non ci
            sarà nemmeno la richiesta di chiudere il
            sottodominio o di censurare il sito (con la
            solita censura
            all'italiana).uhm e ti sei chiesto cosa succede se il proprietario dell'ip non e' ritracciabile?Pensi davvero che il giudice vi dara' una pacca sulla spalla?Sei proprio sicuro?Quando si mette in moto l'enorme macchina della legge alla fine va sempre male.ma nessuno conosce il detto "cu lo giudice e cu lo conte e meglio sempre nun averci a che fare (detto ciociaro)"
          • MircoM scrive:
            Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
            fortunatamente, in uno stato di diritto la responsabilità è personale. non è che visto che non si trova il colpevole allora ci si sfoga su quello seduto vicino...cmq, per precisare, io non ho mai diffamato nessuno, quindi il "vi" è fuori luogo
        • Michele scrive:
          Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
          Mammia mia quanti moralisti che ci sono... in questo caso ha sbagliato Wiki a non intervenire immediatamente ed agire contro gli IP che si erano macchiati di tale colpa. Ma la stessa cosa vale per la massa di beoti che vanno in piazza ad urlare slogan (calunnie ed offese) contro ecclesiastici, politici e chiunque non la pensi come loro. Ma no certo, quando questa gente viene difesa dagli allegri comunisti e sindacalisti italiani tutto va bene. Wiki è libera e tale deve rimanere, certo però che un maggiore controllo dei contenuti andrebbe garantito per evitare queste spiacevoli conseguenze...
          • webwizard scrive:
            Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
            - Scritto da: Michele
            Mammia mia quanti moralisti che ci sono... in
            questo caso ha sbagliato Wiki a non intervenire
            immediatamente ed agire contro gli IP che si
            erano macchiati di tale colpa. Ma la stessa cosa
            vale per la massa di beoti che vanno in piazza ad
            urlare slogan (calunnie ed offese) contro
            ecclesiastici, politici e chiunque non la pensi
            come loro. Ma no certo, quando questa gente viene
            difesa dagli allegri comunisti e sindacalisti
            italiani tutto va bene. Così, giusto per capire.... che cavolo stai dicendo ?(troll1)
    • krx scrive:
      Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita

      quello che non hanno capito e che al
      primo fioccare di querele, wikipedia girera'la
      patata bollente a quelli italiani, e il risultato
      sara' che FINALMENTE QUALCUNO SI FARA' MALE1. s/wikipedia/wikimedia/2. continua a sognare, stellina, nel tuo mondo fatato ogni cosa è possibile.
      • cinico_ scrive:
        Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
        - Scritto da: krx

        quello che non hanno capito e che al

        primo fioccare di querele, wikipedia girera'la

        patata bollente a quelli italiani, e il
        risultato

        sara' che FINALMENTE QUALCUNO SI FARA' MALE

        1. s/wikipedia/wikimedia/
        2. continua a sognare, stellina, nel tuo mondo
        fatato ogni cosa è
        possibile.1) i paduli sono paduli e te ne accorgerai tra un po'2) tesoruccio, tra un po' sono cavolacci amari e te ne accorgerai.Quando qualcuno si trovera' davanti al giudice, avogliati a dire ma i responsabili sono in america.Vedrai vedrai... tu puoi pensare che io sogno, ma per voi comincera' un bell'incubo e te ne accorgerai.e' gia' arrivata la letterina AR? :D :D :D :D
        • krx scrive:
          Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita

          e' gia' arrivata la letterina AR?No, a che indirizzo l'hai mandata? Sai, mi son trasferito da poco.
          • cinico scrive:
            Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
            - Scritto da: krx

            e' gia' arrivata la letterina AR?

            No, a che indirizzo l'hai mandata? Sai, mi son
            trasferito da
            poco.a ma quella diretta al responsabile arriva arriva...
          • krx scrive:
            Re: il problema e chi gestisce wikipedia-ita
            ah, giusto. beh allora a chi l'hai spedita?
  • Eugenio scrive:
    Da una scuola, da un museo? No
    L'IP di una scuola sarà pure usato da molti utenti, ma non è *pubblico*. Nella mia università per collegarmi a internet ho un mio account e ho dovuto consegnare, nel rispetto delle leggi vigenti, una fotocopia del documento di identità.Se poi ci sono scuole o musei che ancora permettono "libera navigazione" da chiunque, senza un minimo di tracciabilità, e violando la legge, sono problemi loro. Ma registrare l'IP e l'ora, da un punto di vista legale e tecnico, dovrebbe consentire di rintracciare una persona, e non un istituto.Allora scuole e musei potrebbero essere un riparo per tutti quei criminali informatici (e per tutti quei lamer) che intendono delinquere senza essere rintracciati? Non credo proprio. Sia il buon senso che la legge ci dicono che non può essere così.Quindi mi schiererei dalla parte di Wikipedia nel dire: no, non è responsabile. Responsabili sono coloro i quali permettono di usare un indirizzo IP senza uno straccio di tracciabilità.
    • canesciolto scrive:
      Re: Da una scuola, da un museo? No
      - Scritto da: Eugenio
      L'IP di una scuola sarà pure usato da molti
      utenti, ma non è *pubblico*. Nella mia università
      per collegarmi a internet ho un mio account e ho
      dovuto consegnare, nel rispetto delle leggi
      vigenti, una fotocopia del documento di
      identità.

      Se poi ci sono scuole o musei che ancora
      permettono "libera navigazione" da chiunque,
      senza un minimo di tracciabilità, e violando la
      legge, sono problemi loro. Ma registrare l'IP e
      l'ora, da un punto di vista legale e tecnico,
      dovrebbe consentire di rintracciare una persona,
      e non un
      istituto.

      Allora scuole e musei potrebbero essere un riparo
      per tutti quei criminali informatici (e per tutti
      quei lamer) che intendono delinquere senza essere
      rintracciati? Non credo proprio. Sia il buon
      senso che la legge ci dicono che non può essere
      così.

      Quindi mi schiererei dalla parte di Wikipedia nel
      dire: no, non è responsabile. Responsabili sono
      coloro i quali permettono di usare un indirizzo
      IP senza uno straccio di
      tracciabilità.Gia' ma chi e' che ha lasciato che venisse pubblicato?
  • Joliet Jake scrive:
    Correzione errori
    Spesso correggo refusi o typo (sia su Wikipedia Italia che non). A volte ho aggiunto i link incrociati fra le varie lingue di una voce che mancavano. Etc.Sono cose che richiedono un minuto del mio tempo e le faccio volentieri.Certo, non è in questo modo sto contribuendo molto, ma è sempre meglio di niente.Se dovessi registrarmi col mio nome vero (che non uso MAI su internet) e loggarmi ogni volta, è ovvio che non lo farei più. E come me penso molti. Quindi si tradurrebbe in una perdita per Wikipedia stessa.Su temi "scottanti" (fondamentalmente politica e religione, sempre loro maledette!) non c'è già il blocco degli anonimi?Basta metterlo per alcune voci, non certo per tutte. E per quelle, basterebbe che le correzioni non fossero in tempo reale ma sottoposte a controllo.IMHOJ.J.
  • non so scrive:
    veridicità
    AB
    Quando Wikipedia riporta una notizia, questa viene solitamente accettata come veritiera.È una tua opinione, potresti pubblicarla su wikipedia e tutti ti crederebbero se fosse vero quello che dici.Potresti pubblicare anche tutte le teorie strampalate sul TCP. Se fosse vero quello che dici tutti ti avrebbero creduto e il TCP sarebbe morto al tuo primo articolo.Ovviamente le cose non stanno così e l'utente che legge su wikipedia sa che i contenuti sono scritti dagli utenti stessi. Sa trovare velocemente molte informazioni, ma se non è stupido e sa come wikipedia funziona non spegne il cervello mentre legge.
  • Inopportuno il commento di Bottoni scrive:
    Errore di Punto Informatico
    Sinceramente non capisco perche' dare cosi' tanto spazio a qualcuno che definisce Wikipedia una 'spada di Damocle' che pende sulle spalle di noi tutti.Il parere di Bottoni al riguardo era inopportuno oltre che irrilevante e non andava pubblicato.
    • se lo dici tu scrive:
      Re: Errore di Punto Informatico
      - Scritto da: Inopportuno il commento di Bottoni
      Sinceramente non capisco perche' dare cosi' tanto
      spazio a qualcuno che definisce Wikipedia una
      'spada di Damocle' che pende sulle spalle di noi
      tutti.

      Il parere di Bottoni al riguardo era inopportuno
      oltre che irrilevante e non andava
      pubblicato.perche' irrilevante? se te ne esci cosi senza spiegare il perche' uno puo' dire il tuo commento e assolutamente inutile
  • Nilok scrive:
    Chiacchiere al vento
    Ave.wikkiwikki deve smetterla di fare DISINFORMAZIONE perchè, come si dimostra da questo articolo, poi finisce per fare diffamazione e magari anche calunnia o altro di peggio.SE si vuole davvero una Enciclopedia LIBERA e disponibile per tutti, su Internet, bisogna far cessare questo tipo di "sabotaggi" che potrebbero essere orchestrati ad arte.Non dimentichiamo gli interessi economici che stanno alle spalle delle Enciclopedie su carta, ma non facciamo finta di non sapere che gli INTERSSI CULTURALI e di DISINFORMAZIONE che stanno alle spalle di "qualunque" Enciclopedia sono ENORMI!!!Baste spargere parole al vento. Meglio fare di wikkiwikki davvero WIKIPEDIA.A prestoNilok
    • Paolino scrive:
      Re: Chiacchiere al vento
      - Scritto da: Nilok
      Ave.

      wikkiwikki deve smetterla di fare DISINFORMAZIONE
      perchè, come si dimostra da questo articolo, poi
      finisce per fare diffamazione e magari anche
      calunnia o altro di
      peggio.Come per tutti i mezzi di informazione, non e' perfetta.

      SE si vuole davvero una Enciclopedia LIBERA e
      disponibile per tutti, su Internet, bisogna far
      cessare questo tipo di "sabotaggi" che potrebbero
      essere orchestrati ad
      arte.Purtroppo i sabotaggi fanno parte della liberta'.

      Non dimentichiamo gli interessi economici che
      stanno alle spalle delle Enciclopedie su carta,
      ma non facciamo finta di non sapere che gli
      INTERSSI CULTURALI e di DISINFORMAZIONE che
      stanno alle spalle di "qualunque" Enciclopedia
      sono
      ENORMI!!!Prova a guardare TV e a leggere giornali...Quella e' la vera disinformazione (o non-informazione) trainata da interessi enormi.

      Baste spargere parole al vento. Meglio fare di
      wikkiwikki davvero
      WIKIPEDIA.Sei tu che spargi parole al vento.Critichi, ma non proponi mai alternative per migliorare.
      • Nilok scrive:
        Re: Chiacchiere al vento
        L'unica proposta funzionale è: togliere da wikkiwikki TUTTE le "opinioni" i "preconcetti" e "pregiudizi" che esistono e lasciare SOLO i DATI OGGETTIVI.A prestoNilok
        • Paolino scrive:
          Re: Chiacchiere al vento
          - Scritto da: Nilok
          L'unica proposta funzionale è: togliere da
          wikkiwikki TUTTE le "opinioni" i "preconcetti" e
          "pregiudizi" che esistono e lasciare SOLO i DATI
          OGGETTIVI.Qualcosa di meno utopistico e un po' piu' realizzabile no??? :D
          • Peppino scrive:
            Re: Chiacchiere al vento
            Utopistico sarà tuo nonno; è realizzabilissimo.
          • MircoM scrive:
            Re: Chiacchiere al vento
            la tua è una opinione, un preconcetto, un pregiudizio, o un dato oggettivo? e puoi dimostrarmelo in modo inoppugnabile?
          • sbadato scrive:
            Re: Chiacchiere al vento

            Qualcosa di meno utopistico e un po' piu'
            realizzabile no???
            :Dla pace nel mondo, prima che i dc9 di xenu arrivino e ci portino via tutti (anonimo)
          • MircoM scrive:
            Re: Chiacchiere al vento
            non saprei... forse pubblicità gratuita :D
    • MircoM scrive:
      Re: Chiacchiere al vento
      appena trovi questo Wikkiwikki digli di smetterla anche da parte mia...wikipedia è aperta a tutti, ed è giusto che lo rimanga. gli atti di vandalismo sulle pagine di wikipedia sono insopportabili, ma vengono combattuti. se sono ripetuti, le pagine in oggetto sono bloccate.l'unica cosa che serve veramente è un minimo di intelligenza da parte di chi le notizie le legge.
      • MarcoP scrive:
        Re: Chiacchiere al vento
        Servirebbe l'intelligenza di quelli che gli articoli li scrivono ma purtroppo è carente.Wikipedia è aperta solo ai deficienti come te
  • Filippo Castagna scrive:
    sono pienamente d'accordo
    e non ho nulla da aggiungere
  • necosi scrive:
    non esageriamo
    prender per culo qualcuno è la cosa piu' vecchia del mondo, è una cosa da ragazzini e non ci vedo nulla di male. soprattutto se lo strumento usato è wikipedia, che dal mio modesto punto di vista assomiglia ad un muro nella tua citta', su cui tutti possono scrivere e nessuno puo' essere identificato!detto questo, le responsabilita' sono personali, e wikipedia deve restare al di fuori di tutto.inoltre non credo che se ho una fama da generare centinaia di letture su wikipedia, le persone gia mi conoscono, e quindi dubito che bastino due parolacce nei miei confronti per screditarmi!se domani scrivessi sul muro della metropolitana (migliaia di lettori) che alessandro bottoni suca, la metropolitana dovrebbe risponderne? e se la metropolitana è gestita dal comune, ne risponde la moratti? :)
    • marco schiavone scrive:
      Re: non esageriamo
      No no, il discorso e' diverso dal muro della propria citta' semplicemente perche' nessuno pretende che su quel muro ci siano scritte cose serie e se uno ci fa affidamento sono interamente fatti suoi.Wikipedia invece ambisce a fornire definizioni e nozioni che siano di riferimento per gli utenti. Se ti poni come un posto dove gli utenti possono trovare cose attendibili e sei uno dei punti di riferimento mondiali per questo, spiacente ma non puoi permetterti un meccanismo di controlli all'acqua di rose come quello sul muretto della scuola di Finale LigureFrancamente non ho un'opinione netta sul fatto che la gente che scrive su wikipedia debba essere o no rintracciabile, ci sono vantaggi e svantaggi in entrambi i casi.Ma non si puo' pretendere contemporaneamente che le notizie siano attendibili e che gli autori siano completamente anonimi. E se qualcuno corregge i refusi lo faccia da casa e non dall'azienda dove lavora se questa non glielo permette.
      • Skywalker scrive:
        Re: non esageriamo
        Invece è proprio ESATTAMENTE come il muro in centro alla via. L'Attendibilità di Wikipedia NON la stabilisce Wikipedia, come l'attendibilità dell'Enciclopedia Britannica non la stabilisce chi gestisce la E.B.La "Attendbilità" è un processo personale e collettivo, in cui l'uso continuo di quella fonte raffrontato alla propria esperienza personale e collettiva porta a "dare credito" al futuro sulla base delle esperienze passate.Per me Wikipedia è attendibile perché nel 99,9% dei casi in cui presenta cose di cui sono competente, dice cose che io avrei scritto nello stesso modo. Per un processo di "proiezione", tendo a ritenere statisticamente plausibile che la percentuale si mantenga anche sugli argomenti di cui non ho la stessa approfondita competenza. Ergo per me è ATTENDIBILE. Ma questo non ha nulla a che fare con le "dichiarazioni" di Wikipedia.Anche Wanna Marchi diceva di essere "attendibile"...Se sul muro della mia città ci trovo sempre scritte cose sensate, la volta che ci vedo una scritta di cui non so nulla, probabilmente mi prenderò la briga di approfondire perché tenderò a ritenere sensata anche quella...Tu confondi ATTENDIBILITA' con UFFICIALITA': un bollettino pubblicato dalla sua fonte primaria è UFFICIALE, riportato in Wikipedia non è detto lo sia. Infatti ci si mette il link alla fonte ufficiale.Per me la Sacra Bibbia può essere una fonte morale attendibile, per te una boiata pazzesca. Ma nessuno dei due può contestare che sia una fonte UFFICIALE per il Vaticano...
        • Vide scrive:
          Re: non esageriamo
          Gioco, set, partita.Aspetto ora una replica del Bottoni che controbatta punto per punto questo tuo post. Davvero complimenti.
      • MircoM scrive:
        Re: non esageriamo
        wikipedia non *si pone* come un posto in cui utenti possono trovare informazioni attendibili. wikipedia *è* un posto dove chiunque può scrivere e chiunque può leggere. nessuno ti garantirà mai una sola parola di quello che puoi leggere su wikipedia.
    • Skywalker scrive:
      Re: non esageriamo
      ...finalmente qualcuno che vive anche nel mondo degli "atomi" e non solo in quello dei bit!Giusto per ricordare:- le lettere ed i pacchi si inviano senza autenticazione (ed un pacco bomba od una lettera all'antrace sono decisamente più pericolose)- le cabine pubbliche esistono: ci si può fare una telefonata senza carta di indentità- i pannelli pubblicitari ed i muri esistono: si può appendere tanti bei manifesti- sui treni e sugli autobus non vengono rilevate le impronte: eppure c'è chi dimentica pacchetti e zaini esplosivi (l'anniversario dell'11-M era sei giorni fa)- quando entri in cabina elettorale è PRETESO l'anonimato: per definizione un paese in cui non si sia anonimi nel voto non è Democratico!Quando si passa al mondo dei bit invece parte la "sindrome del log"...
  • anonimo scrive:
    anonet
    Non colgo come si possa sostenere una teoria del genere e contemporaneamente sostenere anonet...
  • leonardo scrive:
    I reati dello scaricare
    Scaricare immagini pedopornografiche è un reato anche peggiore di una calunnia, perchè alimenta un mercato di violenze. Chi subisce la violenza deve potersi rifare sugli autori e sui fruitori delle foto.E' giusto allora tracciare anche tutti i dowload di tutti gli utenti per identificarli?
    • Anonimo scrive:
      Re: I reati dello scaricare
      - Scritto da: leonardo
      Scaricare immagini pedopornografiche è un reato
      anche peggiore di una calunnia, perchè alimenta
      un mercato di violenze.Ma che caxxo dici?Scaricare A PAGAMENTO immagini pedopornografiche alimenta un mercato di violenza, ma io non ho mai sentito di nessuno che si sia arricchito mettendo del materiale sul mulo.
  • figaroleo scrive:
    assolutamente d'accordo
    Non c'è infatti un solo motivo al mondo per sostenere che l'autore di una enciclopedia debba agire in modo anonimo ed irrintracciabile.Frase che sintetizza giustamente la questione.Wikipedia e' da tempo diventata da prendere "con le pinze" anche su argomenti storici e scientifici assodati, visto che e' un po' come un'acquasantiera, dove tutti mettono le mani prima o poi... Se poi si tocca l'attualita', e' meglio lasciar perdere, spesso.Purtoppo con il crescere dell'inattendibilita' cresce anche la sua autorevolezza.Se uno vuol scrivere bischerate, si faccia il suo Blog.
    • MircoM scrive:
      Re: assolutamente d'accordo
      - Scritto da: figaroleo
      Non c'è infatti un solo motivo al mondo per
      sostenere che l'autore di una enciclopedia debba
      agire in modo anonimo ed
      irrintracciabile.

      Frase che sintetizza giustamente la questione.la penso molto diversamente. l'editing anonimo è utilissimo per chi compila articoli su temi inerenti a quelli sviluppati nell'azienda in cui lavora (il dipendente che fa una analisi pro/contro di una tecnologia all'insaputa del suo capo, ad esempio). inoltre è indispensabile in tuttii paesi non esattamente democratici.
      Wikipedia e' da tempo diventata da prendere "con
      le pinze" anche su argomenti storici e
      scientifici assodati, visto che e' un po' come
      un'acquasantiera, dove tutti mettono le mani
      prima o poi... in ambito scientifico è affidabile quanto la britannica (questo è stato pubblicato su nature, non inventato da me) [si parlava della versione inglese, in quello studio]
      Se poi si tocca l'attualita', e' meglio lasciar
      perdere,
      spesso.
      Purtoppo con il crescere dell'inattendibilita'
      cresce anche la sua
      autorevolezza.
      Se uno vuol scrivere bischerate, si faccia il suo
      Blog.su questo concordo in pieno
      • figaroleo scrive:
        Re: assolutamente d'accordo
        - Scritto da: MircoM
        - Scritto da: figaroleo

        Wikipedia e' da tempo diventata da prendere "con

        le pinze" anche su argomenti storici e

        scientifici assodati, visto che e' un po' come

        un'acquasantiera, dove tutti mettono le mani

        prima o poi...

        in ambito scientifico è affidabile quanto la
        britannica (questo è stato pubblicato su nature,
        non inventato da me) [si parlava della versione
        inglese, in quello
        studio]
        Ricordo anch'io tale notizia (che metteva in realta' in risalto piu' qualche falla nella Britannica che la bonta' di Wikipedia) ma ricordo anche molti articoli su vere e proprie bischerate scritte su Wikipedia.Ritengo che la diffusione della cultura debba passare per un mezzo accessibile a tutti, ma chi produce tale cultura deve avere un minimo sindacale di competenze per garantire una base di veridicita' (su cui e', dalla notte dei tempi e dalla informazione tramandata oralmente, impossibile evitare che ricada l'imprecisione data dal punto di vista del redattore).E questo Wikipedia NON lo potra' MAI garantire con lo stato ATTUALE dell'organizzazione.Ci si dimentica inoltre del fatto che tutto quello che si dice sui controlli di Wikipedia andava bene fino a che questa non e' diventata di una vastita' tale da renderne impossibile una verifica che vada oltre le procedure automatiche, che mirano piu' a fare un controllo incrociato tramite i motori di ricerca per verificare che il testo inserito non sia derivante da copia e incolla di siti web, piuttosto che a verificare un minimo di attendibilita' delle notizie inserite.Adesso come adesso uso sempre meno di frequente i risultati di Wikipedia. Troppo di frequente presentano inesattezze che mi mettono il dubbio che cio' che non posso verificare celi anch'esso errori.In senso piu' esteso questo lo si dovrebbe applicare in generale a gran parte dei contenuti presenti su internet, visto che anche gli organi di stampa ufficiali (testate on-line etc.) cadono con sempre maggior frequenza nel tranello di notizie bufala et similia.
        • MircoM scrive:
          Re: assolutamente d'accordo
          concordo con molto di quello che hai scritto, solo che la vedo da un punto di vista diverso (ovviamente :) ).per me wikipedia è un ottimo strumento, una ottima raccolta di informazioni. le informazioni che si leggono possono essere:1- dati supportati da references2- opinioniio semplicemente diffido delle opinioni.spesso uso wikipedia come punto di partenza per avere una infarinatura generale di un argomento, per poi spulciarmi le reference per avere informazioni più dettagliate e approfondite.tutti i lettori dovrebbero sapere che un articolo enciclopedico senza reference è fuffa, indipendentemente da dove lo si legge. i disclaimer di wikipedia sull'assenza di citazioni danno una mano a distinguere i buoni articoli da quelli meno buoni (o meno affidabili)la grande maggioranza dei problemi legati a wikipedia deriva dagli articoli in ambito politico e di attualità (soprattutto eventuali (auto)biografie ). In quel campo la forza di wikipedia può diventare una debolezza, a causa di utenti che scambiano wikipedia per un bel posto in cui fare propaganda politica e/o pubblicità. e date le circostanze, e considerando che in italia i furbi abbondano, ritengo che il lavoro di moderazione attualmente svolto, per quanto sempre migliorabile, non sia affatto male.in ambito matematico | scientifico | informatico, wikipedia [almeno nella versione inglese, che consulto di più] rimane un ottimo strumento, con livelli di accuratezza paragonabili alle enciclopedie tradizionali, e livelli di aggiornamento decisamente superiori.
  • fsfsf scrive:
    punto informatico
    PI non fa la stessa identica cosa con i commenti?non vedo il problema..In caso di reato si prende l'IP e poi si fanno le indagini dovute. Come normale prassi.
    • Italiano scrive:
      Re: punto informatico
      - Scritto da: fsfsf
      PI non fa la stessa identica cosa con i commenti?
      non vedo il problema..
      In caso di reato si prende l'IP e poi si fanno le
      indagini dovute. Come normale
      prassi.Un conto è un commento, che vale appunto come tale (io/tu/chi vuoi che esprime una sua opinione, anonima o meno), e un conto è una voce "encliclopedica", che per definizione dovrebbe esprimere dei fatti e non delle personali opinioni.Questa differenza è spiegata molto bene nell'articolo.
  • masaniello scrive:
    Bassolino
    se non sbaglio riguardo a Bassolino, Presidente della Regione Campania, sono state chiuse le modifiche libere perché vi era un alternanza eccessiva di persone che scrivevano frasi critiche seguite subito da altrettante persone che scrivevano frasi a favore dopo aver cancellato le critiche.
  • Mauro Pili scrive:
    rintracciabili anche i dissidenti
    anche i dissidenti dei regimi dovrebbero essere resi rintracciabili, soprattutto da quelle autorita' che li perseguitano.altrimenti la rete rischia di fare piu' danni ai governi di quanto non ne facciano gli altri media
    • google is your friend scrive:
      Re: rintracciabili anche i dissidenti
      - Scritto da: Mauro Pili
      anche i dissidenti dei regimi dovrebbero essere
      resi rintracciabili, soprattutto da quelle
      autorita' che li
      perseguitano.
      altrimenti la rete rischia di fare piu' danni ai
      governi di quanto non ne facciano gli altri
      mediami sa che sei andato un po' offtopic, cosa c'entra garantire una legalità etica (non dire menzogne sulle persone) col garantire la libertà di espressione?
      • BlueSky scrive:
        Re: rintracciabili anche i dissidenti
        - Scritto da: google is your friend
        mi sa che sei andato un po' offtopic, cosa
        c'entra garantire una legalità etica (non dire
        menzogne sulle persone) col garantire la libertà
        di
        espressione?Sono strettamente legate direi. La possibilità di reprimere chi rende pubbliche certe informazioni scomode, come di eventuali giudizi negativi, limita fortemente la libertà di espressione.
        • canesciolto scrive:
          Re: rintracciabili anche i dissidenti
          - Scritto da: BlueSky
          - Scritto da: google is your friend


          mi sa che sei andato un po' offtopic, cosa

          c'entra garantire una legalità etica (non dire

          menzogne sulle persone) col garantire la libertà

          di

          espressione?

          Sono strettamente legate direi. La possibilità di
          reprimere chi rende pubbliche certe informazioni
          scomode, come di eventuali giudizi negativi,
          limita fortemente la libertà di
          espressione.la liberta' di espressione non si esprime pubblicando frasi o contenuti diffamatori, te lo hanno mai detto?
      • MircoM scrive:
        Re: rintracciabili anche i dissidenti
        non è OTrisponde a numerosi post secondo cui "non esiste ragione per cui l'autore di una voce di wikipedia dovrebbe essere anonimo".
  • Il Detrattore scrive:
    concordo al 100% !
    concordo al 100%.wikipedia e' una manna per delatori anonimi e diffamatori professionisti e o la si modera o la si chiude.
    • Italiano scrive:
      Re: concordo al 100% !
      Anche io concordo pienamente con l'ottimo articolo.
    • MircoM scrive:
      Re: concordo al 100% !
      considerando la natura di wikipedia, la moderazione è ovviamente impossibile (chi li paga i moderatori?). rimarrebbe quindi l'ipotesi di chiuderla. questo significa eliminare dalla rete una fonte di informazione libera che in campo scientifico si è dimostrata tanto affidabile quanto l'enciclopedia britannica.sicuro che sia proprio una buona idea? ci sono tante altre persone che vorrebbero chiudere wikipedia. un esempio notevole è il governo cinese.ancora dicuro che si tratti di una buona idea?dal mio punto di vista wikipedia è una ottima iniziativa. tutte le informazioni diffamanti immesse da *vandali* (se un vandalo mi scrive una ingiuria sul muro di casa bisogna abbattere il muro per evitare che si ripeta?) vengono rimosse prontamente. se atti di vandalismo sono ripetuti, le pagine vengono bloccate.
  • montalbanos ono scrive:
    lettera anonima
    buona, cara, bella vecchia amica , lettera anonima. ci diffamavi l'ex amico, ci ingiuriavi il professore, magari pure ci denunciavi preventivamente il giudice o maggistrato prima di un udienza in modo che un suo rivale gli si fottesse il posto... cara vecchia lettera aonnima, ndove mminchia finisti ?
  • campanellin o scrive:
    Alessandro, ma parli sul serio ?
    Suppongo che uno scivolone possa capitare a tutti, ma qui c'e' da spezzarsi ambedue le gambe.Allora anche gli ISP sono responsabili dei contenuti che transitano e al diavolo la neutralita' della rete, ed ovviamente dobbiano vivere in case di vetro, perche' se io parlassi male di un aspirante Presidente del Consiglio e magari facessi un gestaccio lui non mi potrebbe fare causa e lo potrei diffamare con la mia vecchia nonna che sta sonnecchiando nell'angolo del soggiorno.Un suggerimento; concentrati piuttosto su come cambiare il nume al Partito Pirata, visto che state facendo mediaticamente piu' danni della grandine.
    • google is your friend scrive:
      Re: Alessandro, ma parli sul serio ?
      - Scritto da: campanellin o
      Allora anche gli ISP sono responsabili dei
      contenuti che transitanoio la penso così
      e al diavolo la
      neutralita' della retee questo che c'entra?di solito si cambia discorso quando non si ha nulla da dire...
      , ed ovviamente dobbiano
      vivere in case di vetro, perche' se io parlassi
      male di un aspirante Presidente del Consiglio e
      magari facessi un gestaccio lui non mi potrebbe
      fare causa e lo potrei diffamare con la mia
      vecchia nonna che sta sonnecchiando nell'angolo
      del
      soggiorno.beh, tua nonna sa benissimo che razza di ragazzaccio sei, quindi sei un autore "tracciato" ;-)GIYF
      • Paolino scrive:
        Re: Alessandro, ma parli sul serio ?
        - Scritto da: google is your friend
        - Scritto da: campanellin o

        Allora anche gli ISP sono responsabili dei

        contenuti che transitano

        io la penso cosìVuoi gli ISP responsabili dei contenuti??


        e al diavolo la

        neutralita' della rete


        e questo che c'entra?
        di solito si cambia discorso quando non si ha
        nulla da
        dire...Se vuoi gli ISP responsabili dei contenuti, la neutralita' della rete c'entra eccome.[cut]
      • MircoM scrive:
        Re: Alessandro, ma parli sul serio ?
        - Scritto da: google is your friend
        - Scritto da: campanellin o

        Allora anche gli ISP sono responsabili dei

        contenuti che transitano

        io la penso cosìseriamente, o solo per amore di polemica? perchè se tutto funzionasse come la pensi tu, non solo Internet non esisterebbe, ma non sarebbe nemmeno mai nato... ci sarebbelo accrocchi di reti private non comunicanti tra loro, e basta.
    • Alessandro Bottoni scrive:
      Re: Alessandro, ma parli sul serio ?
      Gli ISP o gli Host?Gli ISP sono quelli che vi forniscono la connessione ad Internet come utenti (Telecom, Infostrada, etc.) e, come tali, a mio avviso NON dovrebbero essere interessati a questo specifico problema. Che la legge preveda invece, in Italia ed altrove, il tracciamento degli utenti (navigatori) da parte degli ISP è dovuto ad altre ragioni e, IMHO, è profondamente sbagliato.Gli Host sono quelli che vi noleggiano il server (DreamHost, HostGator, Aruba, etc.) e, come tali, vi devono identificare per forza (perchè devono chiedervi dei soldi). Dato che il server viene noleggiato e gestito da una persona o da una società, mi sembra ovvio che la responsabilità editoriale deve ricadere su questi ultimi "attori", non sull'ISP. Questo è anche ciò che prevede la legge, un po' dovunque nel mondo.Quindi, cosa c'entrano gli ISP? Io non li ho mai nominati (e non per una dimenticanza).Alessandro Bottoni
      • webwizard scrive:
        Re: Alessandro, ma parli sul serio ?
        - Scritto da: Alessandro Bottoni
        Gli ISP o gli Host?

        Gli ISP sono quelli che vi forniscono la
        connessione ad Internet come utenti (Telecom,
        Infostrada, etc.) e, come tali, a mio avviso NON
        dovrebbero essere interessati a questo specifico
        problema. Che la legge preveda invece, in Italia
        ed altrove, il tracciamento degli utenti
        (navigatori) da parte degli ISP è dovuto ad altre
        ragioni e, IMHO, è profondamente
        sbagliato.

        Gli Host sono quelli che vi noleggiano il server
        (DreamHost, HostGator, Aruba, etc.) e, come tali,
        vi devono identificare per forza (perchè devono
        chiedervi dei soldi). Dato che il server viene
        noleggiato e gestito da una persona o da una
        società, mi sembra ovvio che la responsabilità
        editoriale deve ricadere su questi ultimi
        "attori", non sull'ISP. Questo è anche ciò che
        prevede la legge, un po' dovunque nel
        mondo.Che la responsabilità editoriale ricada su questi ultimi non è proprio detto, men che meno è vero che lo prevede la legge un po' dovunque, ed il caso Craiglist ne è la prova. Inoltre, pubblicare su blog e forum in modo anonimo è cosa possibilissima e frequente, oltre al fatto che tanti server blog sono fuori giurisdizione e quindi intoccabili dalla legge italiana. Il fatto è che non puoi considerare le poste responsabili per le lettere minatorie, né puoi obbligarle ad aprire tutte le buste per cercare la minaccia anonima. Se ci fai caso, non c'è nulla di nuovo rispetto alla posta cartacea o alle scritte sui muri: cambia il media, ma le brutte abitudini restano. Esiste però un vantaggio: in Wikipedia, almeno, fanno scouting antivandalismo, bene o male ma lo fanno. Lasciamo stare le responsabilità sparse a pioggia in maniera quantomeno dubbia, tantopiù da uno che dovrebbe sapere bene come funziona la rete e cosa implica un'affermazione del genere: segare alle ginocchia l'ottanta per cento dei contributi in Internet (lo ricordo, fatti da blog, forum, youtube e compagnia cantante). Se vuoi ammazzare la Rete dillo chiaramente, fai più bella figura.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 marzo 2008 09.06-----------------------------------------------------------
        • anonim scrive:
          Re: Alessandro, ma parli sul serio ?
          assolutamente in accordo
        • Luigi scrive:
          Re: Alessandro, ma parli sul serio ?

          Che la responsabilità editoriale ricada su questi
          ultimi non è proprio detto, men che meno è vero
          che lo prevede la legge un po' dovunque, ed il
          caso Craiglist ne è la prova. Inoltre, pubblicare
          su blog e forum in modo anonimo è cosa
          possibilissima e frequente, oltre al fatto che
          tanti server blog sono fuori giurisdizione e
          quindi intoccabili dalla legge italiana.E questo è un problema, infatti servirebbero più accordi internazionali per evitare che basti mettere il server in qualche paese con una strana concezione della libertà per farla franca.
          Il fatto
          è che non puoi considerare le poste responsabili
          per le lettere minatorie, né puoi obbligarle ad
          aprire tutte le buste per cercare la minaccia
          anonima. Se ci fai caso, non c'è nulla di nuovo
          rispetto alla posta cartacea o alle scritte sui
          muri: cambia il media, ma le brutte abitudini
          restano.Veramente i giornali possono tranquillamente essere citati per diffamazione e in quel caso l'autore viene perseguito eccome. Inoltre una minaccia per posta non ha niente a che vedere con la diffamazione...
          Esiste però un vantaggio: in Wikipedia,
          almeno, fanno scouting antivandalismo, bene o
          male ma lo fanno. Lasciamo stare le
          responsabilità sparse a pioggia in maniera
          quantomeno dubbia, tantopiù da uno che dovrebbe
          sapere bene come funziona la rete e cosa implica
          un'affermazione del genere: segare alle ginocchia
          l'ottanta per cento dei contributi in Internet
          (lo ricordo, fatti da blog, forum, youtube e
          compagnia cantante). Se vuoi ammazzare la Rete
          dillo chiaramente, fai più bella
          figura.Come era scritto anche nell'articolo, la maggior parte dei contenuti non hanno niente a che vedere con soggetti "diffamabili". Si tratta di tutelare persone e società da attacchi pubblici e anonimi. Certo che se confondi la diffamazione su un sito letto da non so quanti lettori al giorno con quella di una scritta sui muri (che ugualmente non è legale, solo che non si può tracciare, al contrario di quanto avviene con Wikipedia) allora c'è poco da fare...
        • MircoM scrive:
          Re: Alessandro, ma parli sul serio ?
          quoto in pieno
        • il freddo scrive:
          Re: Alessandro, ma parli sul serio ?
          - Scritto da: webwizard
          - Scritto da: Alessandro Bottoni

          Gli ISP o gli Host?



          Gli ISP sono quelli che vi forniscono la

          connessione ad Internet come utenti (Telecom,

          Infostrada, etc.) e, come tali, a mio avviso NON

          dovrebbero essere interessati a questo specifico

          problema. Che la legge preveda invece, in Italia

          ed altrove, il tracciamento degli utenti

          (navigatori) da parte degli ISP è dovuto ad
          altre

          ragioni e, IMHO, è profondamente

          sbagliato.



          Gli Host sono quelli che vi noleggiano il server

          (DreamHost, HostGator, Aruba, etc.) e, come
          tali,

          vi devono identificare per forza (perchè devono

          chiedervi dei soldi). Dato che il server viene

          noleggiato e gestito da una persona o da una

          società, mi sembra ovvio che la responsabilità

          editoriale deve ricadere su questi ultimi

          "attori", non sull'ISP. Questo è anche ciò che

          prevede la legge, un po' dovunque nel

          mondo.

          Che la responsabilità editoriale ricada su questi
          ultimi non è proprio detto, men che meno è vero
          che lo prevede la legge un po' dovunque, ed il
          caso Craiglist ne è la prova. Inoltre, pubblicare
          su blog e forum in modo anonimo è cosa
          possibilissima e frequente, oltre al fatto che
          tanti server blog sono fuori giurisdizione e
          quindi intoccabili dalla legge italiana. Il fatto
          è che non puoi considerare le poste responsabili
          per le lettere minatorie, né puoi obbligarle ad
          aprire tutte le buste per cercare la minaccia
          anonima. Se ci fai caso, non c'è nulla di nuovo
          rispetto alla posta cartacea o alle scritte sui
          muri: cambia il media, ma le brutte abitudini
          restano. Esiste però un vantaggio: in Wikipedia,
          almeno, fanno scouting antivandalismo, bene o
          male ma lo fanno. Lasciamo stare le
          responsabilità sparse a pioggia in maniera
          quantomeno dubbia, tantopiù da uno che dovrebbe
          sapere bene come funziona la rete e cosa implica
          un'affermazione del genere: segare alle ginocchia
          l'ottanta per cento dei contributi in Internet
          (lo ricordo, fatti da blog, forum, youtube e
          compagnia cantante). Se vuoi ammazzare la Rete
          dillo chiaramente, fai più bella
          figura.ma sei sicuro che se qualcuno decidera' per motivi legali la chiusura del sottodominio di wikipedia italia, ci saranno gente che si strappera' i capelli, e con i forconi si presenteranno davanti alla corte?Non credo proprio.Wikipedia italia, un modo fatto di una piccola elite che morira' con essa.Punto.
      • Skywalker scrive:
        Re: Alessandro, ma parli sul serio ?
        - Scritto da: Alessandro Bottoni
        Gli Host sono quelli che vi noleggiano il server
        (DreamHost, HostGator, Aruba, etc.) e, come tali,
        vi devono identificare per forza (perchè devono
        chiedervi dei soldi).Ipotesi errata, e quindi di conseguenza, Tesi non dimostrata: Gli Host DEVONO identificare perché è stato IMPOSTO DA DELLE LEGGI. Vedi il famoso "Affaire Altern" in Francia, dopo il quale la legge ha IMPOSTO agli Host l'indentificazione obbligatoria, visto che Altern.org, offrendo spazio web gratuito e senza pubblicità, non doveva "identificare per forza per chiedere soldi", anzi identificare era un supplemento di costo. E di fatti Altern.org poco dopo il cambio della legge ha chiuso tutto.
        Questo è anche ciò che
        prevede la legge, un po' dovunque nel
        mondo.Quindi non è "perché deve chiedere soldi", ma perché SONO STATE IMPOSTE RESTRIZIONI LEGALI IN QUESTO SENSO!Con conseguente chiusura di chi offriva spazio web gratuito senza pubblicità, così come la Pisanu ha portato alla chiusura degli Access Point aperti dei bar, di chi lasciava aperta quello di casa sua (tanto che all'estero, dove non è così, con un bel cellulare VoIP in molte città sei quasi come con un cellulare GSM ai costi di una rete fissa...!)Da una massima di Wiston Churchill: se 1 persona fuma sotto il cartello di Vietato Fumare, lo si multa. Se 1000 persone fumano sotto il cartello di Vietato Fumare, si toglie il cartello.In soldoni, in Democrazia, non serve tracciare i movimenti di tutti per trovare chi viola una legge, se questa legge è condivisa dalla MAGGIORANZA delle persone: ogni cittadino sarà sempre anche il primo Custode della Legge.Certo, se invece fai leggi che sono condivise solo da una piccola minoranza, hai bisogno di tracciare tutti per permettere a pochi di trovare chi osa ribellarsi... ma non si chiama più Democrazia.Cosa vogliamo per noi? La Svezia o la Birmania?
        • Luigi scrive:
          Re: Alessandro, ma parli sul serio ?

          Quindi non è "perché deve chiedere soldi", ma
          perché SONO STATE IMPOSTE RESTRIZIONI LEGALI IN
          QUESTO
          SENSO!
          Con conseguente chiusura di chi offriva spazio
          web gratuito senza pubblicità, così come la
          Pisanu ha portato alla chiusura degli Access
          Point aperti dei bar, di chi lasciava aperta
          quello di casa sua (tanto che all'estero, dove
          non è così, con un bel cellulare VoIP in molte
          città sei quasi come con un cellulare GSM ai
          costi di una rete
          fissa...!)Chi scrive dei contenuti in rete è responsabile di quello che scrive, così come lo è in tutti i casi in cui una notizia, vera o presunta, viene pubblicata. Francamente non riesco a capire perchè delle leggi normalmente condivise nel mondo "reale" vengono invece trovate ridicole quando le si appicano a Internet. Se tu mandi una lettera a Repubblica e viene pubblicata, ti prendi la responsabilità di eventuali calunnie che hai scritto. E' normale e credo che nessuno voglia metterlo in discussione. Invece se la stessa cosa la scrivi su Internet, su un sito a cui accedono un numero consistente di utenti, allora tutto va bene. Ma a te piacerebbe se si mettessero a diffamarti senza che tu ci possa fare nulla?Ah una cosa, in Italia gli access point liberi sono legali e se ne trovano in diverse città.
          • MircoM scrive:
            Re: Alessandro, ma parli sul serio ?
            guarda che molte delle persone che sostengono wikipedia non hanno nulla da eccepire sulla responsabilità degli *autori* degli articoli diffamanti.la questione è se wikipedia sia o meno responsabile per quello che gli utenti (eventualmente anonimi) scrivono.
  • MircoM scrive:
    craiglist
    un'altra notizia pubblicata oggi su PI afferma che Craiglist è stato riconosciuto non legalmente responsabile degli annunci che vengono pubblicati in quanto non ne è autore.lo stesso ragionamento si applica perfettamente a wikipedia.se passasse l'argomento opposto, bisognerebbe chiudere preventivamente tutti i forum, i guestbook, e in generale tutti i siti in cui un utente può aggiungere un contenuto immediatamente visibile ad altri.se uno scrivesse che il sindaco di *isa è un cornuto all'interno del mio guestbook, dovrei essere citato in giudizio io? e se qualcuno scrive la stessa cosa sul muro di casa di Mario Rossi deve essere citato in causa Mario Rossi? si arriva alla logica conclusione che se un vandalo scrive una ingiuria contro il sindaco sul muro della casa del sindaco allora il sindaco è responsabile... potrebbe citarsi in causa per avere un risarcimento danni da se stesso.
    • Il Detrattore scrive:
      Re: craiglist
      ma infatti i forums SONO responsabili dei contenuti :il forum di POL (politicaonline) e' stato denunciato varie volte e costretto a censurare o chiudere baracca.cosa credi esistano a fare admins e moderatori ?
      • MircoM scrive:
        Re: craiglist
        ...wait... mica così semplice...dipende da vari fattori: il forum è pubblico, protetto o privato? esiste moderazione? se esiste, è moderazione preventiva?il sito su cui il forum è ospitato appartiene ad una testata giornalistica registrata?
    • Homo Liber scrive:
      Re: craiglist
      - Scritto da: MircoM
      un'altra notizia pubblicata oggi su PI afferma
      che Craiglist è stato riconosciuto non legalmente
      responsabile degli annunci che vengono pubblicati
      in quanto non ne è
      autore.

      lo stesso ragionamento si applica perfettamente a
      wikipedia.

      se passasse l'argomento opposto, bisognerebbe
      chiudere preventivamente tutti i forum, i
      guestbook, e in generale tutti i siti in cui un
      utente può aggiungere un contenuto immediatamente
      visibile ad
      altri.

      se uno scrivesse che il sindaco di *isa è un
      cornuto all'interno del mio guestbook, dovrei
      essere citato in giudizio io?

      e se qualcuno scrive la stessa cosa sul muro di
      casa di Mario Rossi deve essere citato in causa
      Mario Rossi?

      si arriva alla logica conclusione che se un
      vandalo scrive una ingiuria contro il sindaco sul
      muro della casa del sindaco allora il sindaco è
      responsabile... potrebbe citarsi in causa per
      avere un risarcimento danni da se
      stesso.Non fare di tutta l'erba un fascio.Il piccolo blogger è responsabile di quello che i suoi utenti scrivono, la grande azienda-portale no.Il gestore del piccolo forum-mercatino dell'usato è responsabile delle eventuali truffe per perpetratevi, ebay no.L'insulto scritto sul muro di Mario Rossi deve essere pagato da Mario Rossi, quello sul muro della casa del sindaco deve essere pagato da Mario Rossi.;-)Welcome in the Western World
  • Fabio A. scrive:
    Wikipedia è un muro...
    ... sul quale ognuno è libero di scrivere. E chiunque altro è libero di modificare quello che da qualcun altro era stato scritto.'nuff said.
    • doctord scrive:
      Re: Wikipedia è un muro...
      Sui muri non si scrive. E poi Wikipedia è un'enciclopedia non è un muro sul quale puoi scrivere cavolate a piacimento.
      • MircoM scrive:
        Re: Wikipedia è un muro...
        wikipedia è una enciclopedia sul quale ognuno è libero di scrivere. E chiunque altro è libero di modificare quello che da qualcun altro era stato scritto.inoltre sui muri non si dovrebbe scrivere. ma alcuni vandali se ne sbattono e scrivono ugualmente.purtroppo alcuni vandali scrivono cavolate anche su wikipedia, ma fortunatamente vengono corrette velocemente.possiamo essere daccordo su questo?
        • doctord scrive:
          Re: Wikipedia è un muro...
          D'accordissimo con te. Ma forse volevi rispondere a Fabio?
          • MircoM scrive:
            Re: Wikipedia è un muro...
            :) volevo rispondere ad entrambi... ma non si può :)aspetto il forum di punto informatico v2.0, con ereditarietà multipla :)
  • dachepulpit ovienelapr edica scrive:
    in totale disaccordo
    non sono affatto d'accordo.feccio un esempio: spesso io correggo solo refusi, errori di formattazione, italiano scadente, roba che non si capisce, roba scritta male.Ma non entro nel merito del CONTENUTO. Perché dovrei essere identificato? magari lo faccio dalla ditta dove lavoro. Usare un nick mi difende (ma in poco tempo in caso di problemi penali potrei essere rintracciato, ma solo se necessario!) dal rendere evidente che per 5 minuti al giorno non ho lavorato e ho "sfruttato la rete aziendale".Se diffamo qualcuno l'IP si trova, e si chiederà al mio sysadmin di fare qualcosa; cosa che farà per non perdere il posto, ovviamente.Molti non collaborerebbero più, dovendo metterci nome e cognome. Alcuni contributors di wikipedia (en) spesso scrivono di paesi nei quali è illegale scrivere quel che scrivono: illegale li, ma non falso. Illegale perchè in quei paesi non esiste la libertà.Chiedere quel che chiede Bottoni, che tra l'altro mi pare una persona tutt'altro che qualificata e quindi non autorevole per parlare di etica e moralità - vista l'appartenenza, non mi pare faccia bene a Wikipedia. Per quanto riguarda le edit wars, sapete tutti bene che non finiscono diffamando la gente. Finiscono perché gli admin le stoppano e la parte in questione sparisce, invece di venire chiarita.Per quanto riguarda Madre Teresa, meno male che esiste wikipedia. Altrimenti non avremmo saputo TUTTO, non con facilità.
    • Nome e Cognome scrive:
      Re: in totale disaccordo
      Sono d'accordo con "dachepulpito"Non capisco quanto Alessandro Bottoni afferma :"Non posso essere accusato di avere in antipatia il meccanismo di pseudonimia di Wikipedia,una delle cose che vanno cambiate al più presto..."Poi, evidenziato in corsivo, in contrasto alla sua eventuale appartenenza:"Non c'è infatti un solo motivo al mondo per sostenere che l'autore di una enciclopedia debba agire in modo anonimo ed irrintracciabile."Forse per lo stesso spirito delle reti anonime, quando usate per diritto alla privacy e alla libertà di espressione ( non quando usate per atti illeciti e/o pirateria ); quindi per collaborare "liberamente" ad un progetto collaborativo ( e non per diffamare inpunemente qualcuno )."Wikipedia dovrebbe nettere in atto un controllo preventivo sui contenuti" impiegando qualche migliaio di editori... Infine:"Quando Wikipedia riporta una notizia, questa viene solitamente accettata come veritiera"E' vero: anche mio nonno diceva "l'ha detto la tv !".
    • www.aleksfalcone.org scrive:
      Re: in totale disaccordo
      - Scritto da: dachepulpit ovienelapr edica
      feccio un esempio: spesso io correggo solo
      refusi, errori di formattazione, italiano
      scadente, roba che non si capisce, roba scritta male.

      Ma non entro nel merito del CONTENUTO. Perché
      dovrei essere identificato? Il sistema wikipedia conserva lo storico delle modifiche. Non saresti identificato come unico autore.
      magari lo faccio dalla ditta dove lavoro.
      Usare un nick mi difende
      dal rendere evidente che per 5 minuti al giorno non
      ho lavorato e ho "sfruttato la rete aziendale".Quindi vuoi essere anonimo per coprire le tue mancanze?
      Se diffamo qualcuno l'IP si trova, e si chiederà
      al mio sysadmin di fare qualcosa; cosa che farà
      per non perdere il posto, ovviamente.Ammesso che serva a qualcosa. L'IP non può essere utilizzato come identificazione, per molti motivi.
      Molti non collaborerebbero più, dovendo metterci
      nome e cognome. Perché?
      Alcuni contributors di wikipedia
      spesso scrivono di paesi nei quali è
      illegale scrivere quel che scrivonoE allora? L'archivio dei 'contributori' non è necessario che sia pubblico, ma basta che resti in mano agli amministratori.
      mi pare una persona tutt'altro che qualificata e
      quindi non autorevole per parlare di etica e
      moralità - vista l'appartenenzaCioè? Cos'ha di immorale o non etico?
      • Duck & Pulp Ito scrive:
        Re: in totale disaccordo
        - Scritto da: www.aleksfalcone.org
        - Scritto da: dachepulpit ovienelapr edica

        feccio un esempio: spesso io correggo solo

        refusi, errori di formattazione, italiano

        scadente, roba che non si capisce, roba scritta
        male.



        Ma non entro nel merito del CONTENUTO. Perché

        dovrei essere identificato?

        Il sistema wikipedia conserva lo storico delle
        modifiche. Non saresti identificato come unico
        autore.questa risposta non ha alcuna attinenza (ma zero!) con la domanda.Si diceva, se correggo "a con l'acca" ma non entro nel merito del contenuto (ad esempio un fatto politico, una regola matematica, un fatto storico non verificato documentalmente) ... a chi interessa identificarmi come correttore ortografico zelante? Io non voglio, prima di tutto, secondo: non serve.


        magari lo faccio dalla ditta dove lavoro.

        Usare un nick mi difende

        dal rendere evidente che per 5 minuti al giorno
        non


        ho lavorato e ho "sfruttato la rete aziendale".

        Quindi vuoi essere anonimo per coprire le tue
        mancanze?se vuoi metterla così, fai pure: anonimo per poterlo usare tranquillamente dal lavoro senza rotture; la uso comunque come fonte, se mi imbatto in un errore lo correggo velocemente, contribuisco volentieri.Se vengo identificato non lo faccio; non ha importanza se fai una cosa buona o se hai punteggiato di un secondo qui e uno là il tempo... statisticamente "sei sempre su wikipedia", per uno in mala fede (come quelli che pongono domande come te, qui sopra)

        Se diffamo qualcuno l'IP si trova, e si chiederà

        al mio sysadmin di fare qualcosa; cosa che farà

        per non perdere il posto, ovviamente.

        Ammesso che serva a qualcosa. L'IP non può essere
        utilizzato come identificazione, per molti
        motivi.e invece guardacaso fanno così, per molti motivi.sempre ammesso che la tua risposta significhi qualcosa

        Molti non collaborerebbero più, dovendo metterci

        nome e cognome.

        Perché?te l'ho scritto sopra, rileggilo se non hai capito.

        Alcuni contributors di wikipedia

        spesso scrivono di paesi nei quali è

        illegale scrivere quel che scrivono

        E allora? L'archivio dei 'contributori' non è
        necessario che sia pubblico, ma basta che resti
        in mano agli
        amministratori.ecco, una buona idea.però si sa come va a finire con gli elenchi "segreti".succede sempre qualcosa.succede alle massime agenzie governative, alle banche... a tutti.una informazione non fornita non può essere smarrita, rivelata.

        mi pare una persona tutt'altro che qualificata e

        quindi non autorevole per parlare di etica e

        moralità - vista l'appartenenza

        Cioè? Cos'ha di immorale o non etico?"Partito Pirata" mi pare sufficiente e non ho altro da dire.
  • gianluca scrive:
    ...permalosi
    I politici sono molto permalosi... meglio la buona, sincera e cara lettera anonima via posta!
    • axaxa scrive:
      Re: ...permalosi
      - Scritto da: gianluca
      I politici sono molto permalosi... meglio la
      buona, sincera e cara lettera anonima via
      posta!Anche i wikipediani sono molto permalosi, soprattutto i più attivi. Guai a toccargli il loro scarrafone!
      • Paolino scrive:
        Re: ...permalosi
        - Scritto da: axaxa
        - Scritto da: gianluca

        I politici sono molto permalosi... meglio la

        buona, sincera e cara lettera anonima via

        posta!

        Anche i wikipediani sono molto permalosi,
        soprattutto i più attivi. Guai a toccargli il
        loro
        scarrafone!Veramente i permalosi sono i detrattori. :DGrazie per averne dato la dimostrazione! :D
        • axaxa scrive:
          Re: ...permalosi
          - Scritto da: Paolino
          Veramente i permalosi sono i detrattori. :D
          Grazie per averne dato la dimostrazione! :DTu scherzi, io apprezzo wikipedia, contribuisco spesso e la consulto ancora di più (l'edizione inglese, sopratttutto). Alcuni wikipediani incalliti sono davvero delle madri ansiose, tu per esempio.
          • Paolino scrive:
            Re: ...permalosi
            - Scritto da: axaxa
            - Scritto da: Paolino

            Veramente i permalosi sono i detrattori. :D

            Grazie per averne dato la dimostrazione! :D

            Tu scherzi, io apprezzo wikipedia, contribuiscoAprezzi gli scarrafoni(cit.)?
            spesso e la consulto ancora di più (l'edizione
            inglese, sopratttutto). Alcuni wikipediani
            incalliti sono davvero delle madri ansiose, tu
            per
            esempio.E per una battuta uno diventa una madre ansiosa??? :DE sopratutto dove dimostri che io sia un wikipediano incallito? Sempre dalla suddetta battuta?Forse devi cambiare la sfera di cristallo...
          • cinico_ scrive:
            Re: ...permalosi
            - Scritto da: Paolino
            - Scritto da: axaxa

            - Scritto da: Paolino


            Veramente i permalosi sono i detrattori. :D


            Grazie per averne dato la dimostrazione! :D



            Tu scherzi, io apprezzo wikipedia, contribuisco

            Aprezzi gli scarrafoni(cit.)?


            spesso e la consulto ancora di più (l'edizione

            inglese, sopratttutto). Alcuni wikipediani

            incalliti sono davvero delle madri ansiose, tu

            per

            esempio.

            E per una battuta uno diventa una madre
            ansiosa???
            :D
            E sopratutto dove dimostri che io sia un
            wikipediano incallito? Sempre dalla suddetta
            battuta?

            Forse devi cambiare la sfera di cristallo...io fossi in te avrei poco da ridere e ora con la letterina dell'avvocato vedrai che saranno volatili per diabetici.
          • Paolino scrive:
            Re: ...permalosi
            [cut]
            io fossi in te avrei poco da ridere e ora con la
            letterina dell'avvocato vedrai che saranno
            volatili per
            diabetici.????Cosa vuoi dire? E cosa c'entra con le domande che ho posto?
          • cinico_ scrive:
            Re: ...permalosi
            - Scritto da: Paolino
            [cut]

            io fossi in te avrei poco da ridere e ora con la

            letterina dell'avvocato vedrai che saranno

            volatili per

            diabetici.

            ????
            Cosa vuoi dire? E cosa c'entra con le domande che
            ho
            posto?ci sono poche domande ormai da fare le domande era meglio che ve le foste fatte prima
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: ...permalosi
            - Scritto da: cinico_
            volatili per diabetici.Lino Banfi?
          • axaxa scrive:
            Re: ...permalosi
            - Scritto da: Paolino
            Aprezzi gli scarrafoni(cit.)? È un modo di dire napoletano...
      • rover scrive:
        Re: ...permalosi
        C'è un detto che funziona sempre: botte al portafogli del diffamatore e dell'ospite per concorso.Concordo pienamente con l'articolista. Se qualcuno invece che fatti vuole riportare opinioni Wikipedia non è il posto giusto.
  • Overture scrive:
    Il canto del cigno dell'irresponsabilità
    ...quindi secondo molti dell'impunità.Capisco che viviamo in una realtà dove sempre più spesso enti e Stati gestiti da emeriti incompetenti pretendono di imporre un controllo ad una rete che è nata libera. e che oramai è troppo ramificata per essere riconvertita in un sistema "controllabile".Capisco che proprio in risposta a questi geni, si sviluppano progetti che fanno dell'anonimato del singolo (per mezzo si sistemi di offuscamento o di "responsabilità condivisa" vedi tor) il loro punto di forza, MA CAXXO UN MINIMO DI INTELLIGENZA E RESPONSABILITÀ CI VUOLE !Più si agisce con questo metodo da emeriti coglioni, esagerando, quando invece ci si deve arrivare da soli che si deve stare bboni e più gli emeriti incompetenti che comandano faranno di tutto per imbrigliare il sistema. Oggi non ci riusciranno, domani neppure, ma errore dopo errore anche loro otterranno dei risultati e da questo lato, inutile prendersi in giro, non esiste la capacità organizzativa per mandarli a casa, al massimo la solita "denuncia" anonima su wikipedia.
Chiudi i commenti