Sei milioni di canzoni all'asta su Ebay

È definita la collezione di musica più grande del mondo. Se la aggiudicherà il migliore offerente

Roma – Tre milioni di dischi, oltre sei milioni di canzoni; almeno 300mila CD . E la buona metà di tutto questo bendidio è ancora incellofanata. Tutto finito su eBay, in quella che probabilmente passerà alla storia come la più grande asta musicale della storia di Internet.

Una parte della collezione “Da Thomas Edison ad American Idol”, recita l’ inserzione : nella vastissima collezione di Paul Mawhinney c’è spazio per tutto o quasi tutto. La raccolta è conservata in un magazzino appositamente studiato per ospitare al meglio i vinili e i supporti plastici e per preservarli, in atmosfera modificata e a temperatura controllata.

Dopo aver tentato di piazzare l’incredibile archivio ad un amatore (dalle casse piuttosto pingui) o a un museo, Paul si è visto costretto a scegliere la via dell’asta pubblica. Il prezzo di partenza è di quelli che fa girare la testa: 3 milioni di dollari e ci si porta a casa tutto – ma se si paga con carta di credito si ottiene un rimborso di 10 dollari.

Al compratore verrà chiesto un anticipo pari al 10 per cento del valore fissato dall’offerta entro 5 giorni dalla chiusura dell’asta, e il resto entro 30 giorni dal primo pagamento. Le spese di trasporto sono a carico dell’acquirente . ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • kozzok scrive:
    Bastava una perizia grafologica
    odio la grafologia, come la psicologia, ma solo a causa degli uomini che spesso le rappresentano. in questo caso bastava una semplice perizia grafologica per rendere evidenti le turbe psichiche del tipo e costruire la difesa su quella base per smantellare la sua tesi e forse aiutarlo a darsi "una custodita".
  • Norman scrive:
    Pazzi scatenati...
    ...ormai i pecoroni che ragionano con il cervello "collettivo" vedono congiure pure in topolino! Wanna Marchi docet, cosa è in grado di fare la suggestione a gente senza i piedi per terra!
    • krane scrive:
      Re: Pazzi scatenati...
      - Scritto da: Norman
      ...ormai i pecoroni che ragionano con il cervello
      "collettivo" vedono congiure pure in topolino!
      Wanna Marchi docet, cosa è in grado di fare la
      suggestione a gente senza i piedi per terra!Disney italia e le tavole nascoste :http://www.wikio.it/article=42626660Film Disney e fotogrammi nascosti.http://www.focus.it/Speciali/Messaggi_nascosti/Messaggi_nascosti_-_3.aspxE' la Disney a far aumentare i tempi dei brevetti:non ho voglia di cercare il link
      • Sgabbio scrive:
        Re: Pazzi scatenati...
        quella dei messaggi subbliminali della Disney non ha ne capo ne coda sinceramente.
        • Renji Abarai scrive:
          Re: Pazzi scatenati...
          ringrazia che non ha scritto che la MS compra la disney!
          • Sgabbio scrive:
            Re: Pazzi scatenati...
            Perchè la microsoft non interessano i fumetti :DComunque c'era pure un sito che raccoglieva queste cose della Disney è alcuni erano palesi fotomontaggi....
          • krane scrive:
            Re: Pazzi scatenati...
            - Scritto da: Renji Abarai
            ringrazia che non ha scritto che la MS compra la
            disney!Bhe dagli tempo di digerire Yahooo almeno (rotfl)
        • Risposta al commento scrive:
          Re: Pazzi scatenati...
          Come no? E' noto che alla Disney siano presenti fondi neri petroliferi che fanno capo niente meno che a Bin Laden.Vuole distruggerci dall'interno, partendo dai nostri figli
  • Justice scrive:
    Tempi della giustizia americana
    Al di là del delirio di quest'uomo, che me lo immagino come quelli che vanno in giro con un cappello di alluminio per timore che gli alieni possano leggergli il cervello, anche se la colpa è anche della "politica del terrorismo" adottata in America per far passare leggi invasive la privacy e i diritti dei cittadini nel nome dell'antiterrorismo.Quello che mi ha colpito sono stati i tempi della giustizia americana: se le date sono corrette la denuncia è stata depositata il 18 settembre 2007 e il 27 settembre un giudice aveva già esaminato il caso (archiviandolo). In 9 (NOVE) giorni si è conclusa una causa civile.In Italia anche se una causa fosse delirante come questa avrebbe impiegato tra i 9 MESI e 9 ANNI per giungere al termine, impegnando la società/soggetto accusata anche se con tesi deliranti a seguire la vicenda con i propri avvocati.
    • ndr scrive:
      Re: Tempi della giustizia americana

      In Italia anche se una causa fosse delirante come
      questa avrebbe impiegato tra i 9 MESI e 9 ANNI
      per giungere al termine, impegnando la
      società/soggetto accusata anche se con tesi
      deliranti a seguire la vicenda con i propri
      avvocati.Per questo bisogna dare l'esempio ed evitare che qualcuno lo imiti. Punizione esemplare ed inequivocabile, che impedisca a lui ma soprattutto a tutti gli altri come lui di nuocere.Anche se ognuno di essi togliesse un singolo giorno alla giustizia, in qualsiasi paese, saremmo nei guai.
      • Norman scrive:
        Re: Tempi della giustizia americana
        Quoto, gli farei pagare il danno subito dall'amministrazione nell'aver portato in aula una cosa del genere! Va bhè che ormai tutti si sentono in diritto di citare per le cause più assurde le multinazionali giusto per cercare il colpo della vita
    • Risposta al commento scrive:
      Re: Tempi della giustizia americana
      Certo, hai perfettamente ragione. E sai perchè? C'e' la volontà politica di mantenere infiniti questi tempi, così se hai un falso in bilancio puoi sempre sperare che cada in prescrizione. E' dai tempi di tangentopoli che si tolgono sempre più fondi alla magistratura, e poi se si condanna qualcuno si può sempre dire che i magistrati sono comunisti venduti al soldo di potenze straniere...Grazie PsicoNano
    • ... scrive:
      Re: Tempi della giustizia americana
      - Scritto da: Justice
      Quello che mi ha colpito sono stati i tempi della
      giustizia americana: se le date sono corrette la
      denuncia è stata depositata il 18 settembre 2007
      e il 27 settembre un giudice aveva già esaminato
      il caso (archiviandolo). In 9 (NOVE) giorni si è
      conclusa una causa
      civile.
      In Italia anche se una causa fosse delirante come
      questa avrebbe impiegato tra i 9 MESI e 9 ANNI9 mesi? Ma scherzi? Ma quando mai in Italia un procedimento giudiziario si conclude entro 9 mesi.
  • barbagagghi o scrive:
    attendo di vedere il film
    è fuori! :)potrebbe anche vendersi la storia di sé stesso impazzito... con del buon personale (autori, sceneggiatori, luci, regia... ) può uscirne una cosa davvero interessante :)come estrarre arte dalla follianiente di nuovo nella tecnica, ma ecco una nuova trama! :)
  • kattle87 scrive:
    Non credo di aver capito bene
    "Aveva scoperto con indignazione e con orrore che il proprio Social Security Number, ribaltato e rimescolato, restituiva il marchio Google." Cioè io prendo che so il mio codice fiscale, invento un procedimento assurdo, ottengo la parola google e faccio una causa milionaria?Spero di non aver capito le intenzioni di quest'uomo
    • Antonio Mela scrive:
      Re: Non credo di aver capito bene
      Mi sembra uno assai malato (sicuramente qualche grafologo/psicologo potrà divertirsi a stilare una diagnosi del suo problema guardando la scansione delle denuncie che ha scritto a mano), tipo quelli che prendono i codici ascii delle lettere del nome di qualcuno (tipo Bill Gates), li sommano/sottraggono/dividono/moltiplicano, ottengono così il numero 666 e alla fine son convinti che la persona in oggetto è l'anticristo.Mi meraviglio che qualche giudice americano (ben due, per ogni grado di giudizio) sia stato lì a indagare invece di ordinare una perizia psichiatrica per il querelante...
      • ... scrive:
        Re: Non credo di aver capito bene
        considerando le leggi americane, il tizio in questione potrebbe vincere la causa (magari non per 5 miliardi di dollari,ma per 5 milioni si) e vivere ricco per tutta la vitain america puoi comprare un forno a microonde, metterci dentro un gatto e poi chiedere un risarcimento milionario perché sulle istruzioni non c'era scritto di non metterci gatti
        • ndr scrive:
          Re: Non credo di aver capito bene
          Figata. Un grande. Fossi in Google farei una controdenuncia e gli porterei via pure le mutande. A lui ed alla sua famiglia che non ha vigilato su un elemento evidentemente dannoso per la società. Ovviamente non succederà perchè di certo G ha di meglio di cui occuparsi, però sarebbe divertente...
        • Alberto Omonimo scrive:
          Re: Non credo di aver capito bene

          in america puoi comprare un forno a microonde,
          metterci dentro un gatto e poi chiedere un
          risarcimento milionario perché sulle istruzioni
          non c'era scritto di non metterci
          gattiinfatti nei libretti di istruzione c'e' scrittodi non metterci dentro animali domestici.
          • Renji Abarai scrive:
            Re: Non credo di aver capito bene
            vado in usa allora e ci metto un coccodrillo nel microonde ;)chi viene con me e smezziamo i soldi?Dovrebbero esserci limiti nella dignità delle persone...
        • vrooom scrive:
          Re: Non credo di aver capito bene
          Una delle più famose cause è quella della vecchietta che si è scottata bevendo un caffè in una catena di bar o ristorazione. Ha ottenuto un risarcimento milionario e da allora sono iniziate a comparire le scritte sui bicchieri di plastica che avvertono del pericolo di scottarsi.Ma non diamo la colpa ai giudici. In questi grandi processi non è il giudice che stabilisce la colpa ma la giuria popolare, cioè composta da persone comuni scelte a sorte. Basta avere un giuria favorevole e un bravo avvocato che si possono ottenere risultati sorprendenti. Se non sbaglio poi le giurie non devono neanche fornire motivazioni sulla scelta ma semplicemente stabilire l'eventuale colpevolezza per ogni capo di imputazione.Ma io non sono un esperto di giurisprudenza statunitense, posso benissimo aver detto delle cavolate immani.
          • Lollodj scrive:
            Re: Non credo di aver capito bene
            E' verissimo, negli USA si fanno causa per qualsiasi cosa, tanto gli avvocati lavorano a percentuale. Spesso sono loro a istigare i clienti in cause assurde che sfiornao il ridicolo. E le giurie popolari, composte da normali cittadini, gli danno sempre ragione per opportunismo: quel precedente potrebbe essere comodo anche a loro prima o poi! E' un circolo vizioso difficilmente arrestabile, quella degli avvocati è una lobby potentissima negli USA...
          • Stargazer scrive:
            Re: Non credo di aver capito bene
            - Scritto da: vrooomCUT
            Ma io non sono un esperto di giurisprudenza
            statunitense, posso benissimo aver detto delle
            cavolate
            immani.No no è pure più astrusoprendi ad esempio l'avvocato di amanda nox che è nientepopodimeno uno dei più noti avvocati usa http://en.wikipedia.org/wiki/Joseph_Tacopinache ha tirato fuori dalle peste tanti vip, non a caso viene pagato centinaia di $ all'oradi quella via si occuperà anche del povero raffaele che è il suo ragazzoe quindi come in tutte le favole risulteranno assolutamente innocenti e chi si lamenta poiberlusconi è risultato assolto dopo 5 minuti di processo tanto per dire
        • www.aleksfalcone.org scrive:
          Re: Non credo di aver capito bene
          - Scritto da: ...
          in america puoi comprare un forno a microonde,
          metterci dentro un gatto e poi chiedere un
          risarcimento milionario perché sulle istruzioni
          non c'era scritto di non metterci gattiPer questo nelle istruzioni scrivono in modo chiaro di non metterci i gatti.Così come sugli spazzoloni per WC c'è scritto 'da non usare per l'igiene orale'. Esiste anche un concorso annuale per queste raccomandazioni sui prodotti in commercio.
Chiudi i commenti